La reazione alla vaccinazione DTP combinata nei bambini

La medicina moderna ha fatto molti passi avanti, ma nonostante ciò, le persone sono ancora in agguato con malattie terribili come poliomielite, tetano, pertosse, difterite ed epatite A e B. Anche prima della nascita del bambino, i genitori pensano alla vaccinazione, si oppongono a tutti i pro e contro "Prendere una decisione difficile sul futuro del bambino. Tali dubbi sono causati da una serie di complicazioni dopo la vaccinazione..

Solo una chiara aderenza alle raccomandazioni mediche nella fase di preparazione alla vaccinazione e dopo ridurrà al minimo le possibili conseguenze negative.

Come prepararsi alla vaccinazione?

Una preparazione responsabile e adeguata dei genitori per la vaccinazione di un bambino è una lanka molto importante della catena. Per capire se le condizioni del bambino gli permettono di essere vaccinato, è necessario un esame da parte di un pediatra e, per maggiore tranquillità, i genitori dovrebbero consultare un immunologo e un neurologo. Il medico deve esaminare completamente il bambino esternamente e quindi prescrivere una serie di test, tra cui un esame del sangue dettagliato, l'analisi delle urine, è consigliabile eseguire un'ecografia. Regole di preparazione:

  • Una settimana prima della data stabilita della vaccinazione, i medici consigliano di aderire al regime del giorno, monitorare la nutrizione del bambino, in nessun caso introdurre nuovi prodotti nella dieta.
  • È meglio isolare il bambino dagli estranei per un po ', in modo da non raccogliere batteri inutili.
  • Se qualcuno della famiglia non si sente bene, è necessario informare il medico e rimandare la data designata a una data successiva.
Torna al sommario

È possibile combinare diverse vaccinazioni insieme?

Il vaccino DTP crea immunità ai virus della pertosse, della difterite e del tetano. La pertosse è una tosse persistente e può portare all'arresto respiratorio. La difterite procede molto rapidamente, manifestandosi inizialmente come un'infezione virale respiratoria acuta acuta. Ecco perché è insidioso, poiché si perde tempo durante il quale le tossine vengono rilasciate nel corpo che colpiscono i sistemi nervoso e cardiovascolare. Queste due infezioni sono trasmesse da goccioline trasportate dall'aria. Per quanto riguarda il tetano, questa infezione penetra nel corpo attraverso i minimi graffi, i patogeni vivono nel terreno e nella sabbia. I microrganismi colpiscono il sistema nervoso, che nella maggior parte dei casi porta alla morte, quindi non è possibile rifiutare la vaccinazione contro il tetano.

Per creare una forte immunità a queste terribili malattie, la sola vaccinazione non è sufficiente. Secondo il calendario delle vaccinazioni, "DTP" è introdotto in 4 fasi:

  1. La prima dose in 3 mesi.
  2. Rivaccinazione a 4-5 mesi, a 6 mesi e un anno e mezzo.
  3. Rivaccinazione a 6, 14 anni.
  4. Successivamente, ogni 10 anni.
Il programma dipende dalla risposta del corpo alla prima procedura..

La maggior parte dei medici raccomanda la vaccinazione con DTP e poliomielite allo stesso tempo. E in alcuni ospedali, tre vaccini vengono miscelati in una siringa: "DTP", poliomielite ed epatite. Tali opzioni sono considerate del tutto possibili e non comportano alcun pericolo, anche se ciascun vaccino viene somministrato separatamente. La rivaccinazione viene eseguita se il bambino è completamente sano e non vi sono state reazioni dopo precedenti vaccinazioni. Nella maggior parte dei casi, una tale combinazione viene percepita dal corpo del bambino in modo abbastanza adeguato. Dopo l'introduzione dei vaccini, si osservano aumento della sonnolenza, mancanza di appetito e temperatura insignificante (possibilmente diversi giorni). Se la temperatura dura più a lungo o aumenta, quindi è urgente chiamare un medico.

DTP, poliomielite ed epatite in un vaccino

Le polivaccine sono farmaci che forniscono l'immunità da diverse malattie contemporaneamente:

  • "DTP" - un vaccino di un produttore nazionale è considerato il più pericoloso, poiché la composizione comprende cellule di pertosse intere inattivate. Il rischio di complicanze è molto elevato. Pertanto, è meglio usare analoghi importati.
  • Infanrix è un DTP di fabbricazione belga che non contiene intere cellule di agenti patogeni.
  • Infanrix Hexa. È considerato uno dei migliori vaccini, poiché le complicanze vengono eliminate al minimo e procedono in una forma che non è pericolosa per il bambino. Il grande vantaggio di questo farmaco è che crea una protezione immunitaria contro 6 infezioni pericolose: pertosse, difterite, tetano ed epatite, infezione emofila, poliomielite.
  • Pentaxim è una medicina prodotta in Francia. La stessa qualità della precedente. Questo vaccino protegge da pertosse, difterite, tetano, infezione emofila e poliomielite. Pentaxim non ha vaccini contro l'epatite, quindi il bambino dovrà fare un'altra iniezione: un mono-vaccino contro l'epatite B. Ma è severamente vietato mescolare Pentaxim nella stessa siringa con altri farmaci.
  • Tetraxim. Droga francese. La differenza tra Pentaxim e questo, solo che in quest'ultimo non vi è alcun componente dell'infezione emofila.

Quando a un bambino è vietato somministrare multivaccini per motivi di salute, i medici decidono di prendere ogni vaccino contro ogni infezione separatamente - questo si chiama monovaccinazione.

Controindicazioni alla vaccinazione e reazioni avverse

Indipendentemente dalla qualità del vaccino DTP, contro la poliomielite e l'epatite B, ci sono una serie di circostanze in cui la vaccinazione è strettamente controindicata:

  • Se il bambino poco prima della data della vaccinazione aveva un'ARI o un'influenza con febbre alta. È meglio posporre la vaccinazione per 2-5 mesi.
  • Con esacerbazione di malattie croniche.
  • Se è presente la malignità, il cancro.
  • Nel caso in cui siano state osservate complicanze dopo la prima vaccinazione, disturbi neurologici.
  • In condizioni di immunodeficienza.
  • Quando vengono diagnosticate reazioni allergiche. Se si è verificata una reazione negativa ai prodotti a base di lievito, è assolutamente impossibile vaccinare contro l'epatite.
  • Disturbi del sistema nervoso.
È necessario controllare la risposta dell'organismo al vaccino.

Dopo la vaccinazione, il bambino può avere conseguenze che passano molto rapidamente. Ma è importante monitorare costantemente il bambino e informare il medico se il bambino peggiora. Sintomi che dovrebbero avvisare:

  • naso che cola, tosse;
  • mancanza di appetito, vomito e diarrea;
  • gonfiore e arrossamento nel sito di iniezione;
  • la temperatura dopo la vaccinazione è superiore a 38 gradi;
  • febbre e crampi;
  • reazioni allergiche - orticaria, edema di Quincke, shock anafilattico.

Per escludere complicazioni, il bambino dopo la vaccinazione dovrebbe essere sotto la supervisione dei medici per diverse ore. Oltre alle reazioni di cui sopra, sono possibili tali complicazioni: ritardo mentale, paralisi e morte. In ogni caso, la decisione sulla vaccinazione spetta ai genitori. Solo loro sono responsabili della salute e della vita del bambino. La cosa principale è ricordare che le conseguenze delle infezioni infantili sono molto più pericolose delle possibili complicanze dopo la vaccinazione..

Risposta a AKDS e poliomielite nei bambini, possibili cause

La formazione dell'immunità naturale di un bambino da molte malattie virali e batteriche aiuta la vaccinazione. Le malattie mutano ogni anno e sta diventando sempre più difficile per i medici fare una diagnosi corretta. Dopo la vaccinazione, le briciole hanno meno probabilità di ammalarsi e i sostenitori del vaccino raccomandano di includere tutte le iniezioni nel calendario delle vaccinazioni obbligatorie. Ma gli oppositori dicono di ogni sorta di conseguenze che possono danneggiare il bambino e, in alcuni casi, finire in rovina. Ma se prepari correttamente il tuo bambino per la vaccinazione e sai quali conseguenze aspettarti, allora i problemi non accadranno. Le controversie sulla vaccinazione di DTP e poliomielite sono particolarmente accese. Quali conseguenze possono causare DTP e poliomielite, parleremo in questo articolo.

Caratteristiche della vaccinazione dei bambini

Le vaccinazioni contro la poliomielite e la DTP vengono somministrate contemporaneamente a 3 mesi, 4,5 e 6. Sintomi spiacevoli possono causare sia un singolo farmaco per la poliomielite sia in combinazione con la DTP. Per i bambini a 3 mesi, la polio viene somministrata per via orale, in goccioline. Lo svantaggio della somministrazione orale è che dopo la vaccinazione, ai bambini è vietato mangiare e bere per 2,5-3 ore. Se il bambino è malato durante questo periodo, il vaccino deve essere ripetuto. Il fatto è che i bambini a 3 mesi gocciolano il farmaco sulla radice della lingua e questa zona non ha un alto assorbimento e ci sono molte papille gustative lì. Il bambino, sentendo un sapore amaro, può ruttare spontaneamente.

I bambini dopo 12 mesi di vaccinazione contro la poliomielite vengono gocciolati sulla tonsilla o sottoposti a iniezione. Non ci sono papille gustative sulle tonsille. Sensazioni meno spiacevoli e nausea raramente.

I vaccini orali contro la poliomielite hanno un'altra proprietà positiva, provocano immunità e viene creata un'ulteriore protezione contro i virus gastrointestinali. Questo è il terreno ottimale per la vaccinazione contro la DTP, quindi sono combinati.

La vaccinazione DTP viene eseguita con vari farmaci. Dalla loro scelta dipende se hai bisogno di un'iniezione aggiuntiva o di gocce di poliomielite. Per la somministrazione congiunta, ci sono due farmaci:

  1. Pentaxim: difterite, pertosse, tetano, infezione emofila e poliomielite vengono simultaneamente introdotti nel corpo del bambino;
  2. Tetracock - DTP e Polio.

Con l'introduzione di qualsiasi altro farmaco DTP, le vaccinazioni contro la poliomielite vengono somministrate in parallelo (in goccioline o mediante iniezione). La somministrazione completa con Pentaxim o Tetracock ha meno effetti.

Controindicazioni per la vaccinazione con DTP e poliomielite

Prima dell'iniezione di poliomielite e DTP, è necessario sottoporsi a un esame. Esistono numerose malattie e anomalie nelle quali le vaccinazioni per bambini sono controindicate:

  • Disturbi neurologici, anche dopo la prima vaccinazione;
  • Immunodeficienza;
  • La formazione di tumori maligni;
  • Qualsiasi esacerbazione di una malattia cronica;
  • Terapia immunosoppressiva (prima e dopo la terapia per 6 mesi non è possibile vaccinare);
  • ARI o ARVI.

Il pediatra, dopo aver esaminato il bambino, deciderà di vaccinare o presentare una sfida medica. La durata del ritiro medico dalla vaccinazione dipende dalle condizioni del bambino. Il medico è obbligato ad avvertire i genitori cosa aspettarsi dopo la vaccinazione in modo che siano pronti.

Quali sono le possibili conseguenze dopo una vaccinazione complessa?

Le conseguenze della vaccinazione in ciascun caso sono individuali. Sono associati alle caratteristiche del corpo del bambino e al tipo di farmaco. Più pulito e migliore è il farmaco, minori saranno le conseguenze che causerà. Un bambino sano ha meno conseguenze rispetto ai bambini con ridotta immunità e malattie nascoste.

Principalmente gli effetti collaterali si verificano nei bambini dopo l'introduzione della forma vivente del virus. Dopo il vaccino morto, le conseguenze sono minori, ma l'immunità è solo del 65-75%.

Tra le conseguenze, la reazione più comune è nelle seguenti manifestazioni:

  • La temperatura sale a 38,5 gradi. Molto spesso, il sintomo è causato dalla somministrazione di DTP. In un bambino sano, scompare per 2-3 giorni ed è facilmente randagio con farmaci antipiretici;
  • Eruzioni cutanee allergiche. Vengono rimossi con l'aiuto di antistaminici e unguenti. Un piccolo arrossamento nel sito di iniezione di DTP è considerato normale e scompare il 6-7 ° giorno;
  • Disturbi del tratto digestivo, nausea singola. Causato da goccioline di polio e passa da solo il giorno 2-3.

Questa è la solita reazione di un bambino alla vaccinazione contro la poliomielite e la DTP. Puoi risolvere i problemi a casa con una leggera medicazione nel sito di iniezione e unguento Fenistil. Lubrificare non il sito di iniezione, ma il rossore intorno.

Piccole reazioni nel corpo del bambino causano preparazioni virali, che temporaneamente rendono il sistema immunitario più debole. I patogeni indeboliti provocano i linfociti e tutte le forze del corpo del bambino mirano a combatterli.

È possibile prevenire reazioni indesiderate esaminando attentamente il bambino prima dell'iniezione. Ma il quadro non è sempre roseo come i genitori vorrebbero.

Complicanze acute

Nei bambini con una forma indebolita di immunità o con immunodeficienza latente, è raro, ma si verifica una reazione acuta. Fondamentalmente, la causa delle complicazioni sta nella supervisione del pediatra o dei genitori che erano in silenzio alla reception su uno dei segni:

  • il bambino aveva la febbre alla vigilia della vaccinazione;
  • letargia;
  • il bambino ha rifiutato il solito cibo;
  • diarrea;
  • nausea.

Qualsiasi reazione può segnalare che il bambino è infetto da un virus e un indebolimento dell'immunità provocherà complicazioni.

Il secondo motivo della complicazione è la malattia del virus del bambino contro la quale è stato somministrato il vaccino. Questo fenomeno si verifica dopo che la vaccinazione contro la poliomielite è estremamente rara ed è provocata da una bassa immunità. La malattia dopo l'introduzione del virus in una forma vivace, ma indebolita si chiama VAP (polio associata al vaccino). Per prevenire l'infezione, si raccomanda di eseguire test di immunodeficienza per il bambino. Se vengono rilevate lievi deviazioni, si consiglia di utilizzare una forma non vivente del farmaco per la vaccinazione..

Vengono evidenziati alcuni sintomi che dovrebbero essere un segnale per i genitori. Con la loro manifestazione, la reazione dei genitori dovrebbe essere velocissima - dovresti chiamare immediatamente gli esperti:

  • il bambino mostrava pigrizia insolita e adynamia;
  • la respirazione divenne frequente o intermittente, c'erano attacchi di respiro corto;
  • crampi o improvvisa perdita di coscienza;
  • una forte forma di orticaria o prurito, che non scompare entro 5-7 giorni;
  • gonfiore degli arti, del viso, del rinofaringe;
  • la temperatura sale sopra i 38,5 e non scende con i farmaci antipiretici;
  • si è formato un nodulo nel sito di iniezione, che è caldo al tatto e pulsa;
  • un ascesso apparve nel sito di iniezione, da cui scorre il pus.

Se si manifesta una reazione, vale la pena cancellare le passeggiate, nuotare e ascoltare le raccomandazioni di un pediatra, ad esempio il dott. Komarovsky nel video:

Una reazione con temperatura elevata o ipertermia in un bambino dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite è considerata normale. Ma se la colonna di mercurio non supera i 38,5 gradi. La temperatura al di sopra del normale indica l'inizio del processo infiammatorio. Molto probabilmente, il bambino è stato infettato prima della vaccinazione e il vaccino ha causato complicazioni.

In ogni caso, la reazione dopo la vaccinazione è migliore delle complicanze dopo la malattia. E VAP si trova solo in 1 su 3 mil. casi. Ciò suggerisce che la probabilità di entrare in un gruppo a rischio è molto piccola, ma se si viene infettati dalla poliomielite e si rimane non vaccinati, nel 50% dei casi il bambino non vaccinato può.

Non dimenticare che un bambino vaccinato con la poliomielite diventa portatore e può infettare altri bambini. Naturalmente, se adulti e bambini vengono vaccinati, non hanno paura della malattia. Ma i bambini con immunodeficienza dovrebbero astenersi dal comunicare con i vaccinati. Altrimenti, il bambino non vaccinato mostrerà segni di VAP. Pertanto, il bambino vaccinato deve essere tenuto per 2-3 giorni in quarantena a casa.

A proposito dei fatti che le vaccinazioni di poliomielite o DTP possono provocare paralisi, idropisia o altre malattie, la scienza non sa nulla. La reazione è più probabilmente associata a una malattia precedentemente esistente nel bambino. L'esame adeguato e approfondito e gli specialisti competenti aiuteranno i genitori e i loro figli ad evitare spiacevoli conseguenze dopo la vaccinazione..

Vaccinazioni DTP e poliomielite: è possibile fare contemporaneamente e per quanti giorni viene mantenuta la temperatura del bambino?

Il dibattito sui benefici o i pericoli della vaccinazione è in corso. L'argomento principale degli oppositori di eventuali vaccinazioni non è di danneggiare il bambino. Ma quelli che considerano necessaria l'immunizzazione sono di più e capiscono che questa è l'unica misura oggi in grado di proteggere il bambino dalle infezioni fatali.

L'unica domanda è come vaccinarsi correttamente e se è possibile fare subito una serie di iniezioni. Soprattutto spesso i genitori sono interessati alla possibilità di vaccinare con DTP e poliomielite allo stesso tempo..

Puoi inserire DTP e poliomielite contemporaneamente o no?

Se guardi il calendario delle vaccinazioni, noterai che la maggior parte delle vaccinazioni vengono somministrate al bambino nei primi mesi di vita. Ciò è dovuto al fatto che in questo momento il corpo del bambino perde la protezione ricevuta dalla madre, la cosiddetta "immunità innata".

Quindi, deve essere rafforzato dall'esterno. Per questo, sono stati creati i vaccini. Ad esempio, l'obiettivo del DTP è quello di fornire una difesa immunitaria contro la difterite, il tetano e la pertosse. Questo è un farmaco complesso immediatamente contro 3 infezioni.

Un vaccino contro la poliomielite proteggerà il bambino da un pericoloso enterovirus. Le vaccinazioni sono obbligatorie e sono programmate secondo il calendario delle vaccinazioni..

La pratica a lungo termine della vaccinazione ha dimostrato che i vaccini contro la polio e il DTP possono essere impostati contemporaneamente. Se la procedura è stata eseguita in conformità con tutte le regole, le reazioni indesiderate e anche più complicazioni sono ridotte al minimo e la probabilità del loro sviluppo non è altro che una vaccinazione separata.

Durata della vaccinazione e rivaccinazione

È anche possibile un'unica formulazione di DTP e poliomielite perché le date regolate per la loro attuazione sono generalmente le stesse.

Il programma di vaccinazione con vaccino DTP è il seguente:

  • 1a iniezione - 3 mesi;
  • 2a vaccinazione - 4,5 mesi. È meglio usare lo stesso vaccino la prima volta. Ma questo è facoltativo. Se ciò non è possibile, puoi vaccinare il bambino con analoghi del DTP, sono tutti compatibili;
  • 3a vaccinazione - 6 mesi;
  • 4a iniezione - 1,5 anni.

Una simile inoculazione di 4 volte è sufficiente per sviluppare l'immunità protettiva nel corpo del bambino. Per consolidare il risultato, viene effettuata una vaccinazione aggiuntiva con dosi di richiamo, ma con farmaci che escludono la componente della pertosse (ADSM o ADS).

  • 1a rivaccinazione - dopo un anno (rispetto all'inizio del corso);
  • 2a dose di richiamo - a 7 anni;
  • 3a rivaccinazione - a 14 anni.

La rivaccinazione viene eseguita solo da OPV secondo un programma di 3 volte: a 1,5 anni, 1 anno e 8 mesi. e l'ultima volta in 14 anni. La popolazione adulta può anche essere ulteriormente vaccinata con ADDS ogni 10 anni.

Controindicazioni all'introduzione di vaccini insieme

Tutti i bambini possono ottenere DTP + polio? Ci sono limitazioni alla somministrazione di questi farmaci..

L'immunizzazione è ritardata se il bambino al momento della procedura ha:

  • esacerbazione dell'ARI;
  • riabilitazione dopo una precedente malattia.

In questi casi, il vaccino verrà comunque somministrato, ma solo quando il bambino sarà completamente guarito.

Tra le patologie in cui la vaccinazione è severamente vietata, va notato:

Il pediatra deve essere informato di qualsiasi possibile controindicazione. Prerequisito: prima dell'immunizzazione, il bambino viene accuratamente esaminato da un medico.

Il terapista conduce:

  • esame della gola e della pelle del bambino;
  • ascoltando i polmoni;
  • misurazione della temperatura (T);
  • esame dei linfonodi;
  • conoscenza dell'anamnesi;
  • studio dei risultati dei test;
  • familiarizzazione con la conclusione di un neurologo.

La decisione di vaccinare il bambino, o no, viene presa dal medico in ogni singolo caso. I bambini fino a un anno vengono vaccinati solo in assenza di controindicazioni da specialisti ristretti, ad esempio un neurologo.

Reazione normale ed effetti avversi

Un vaccino, come qualsiasi medicinale, non può essere completamente innocuo. Inoltre, il suo compito è rafforzare l'immunità, che è accompagnata dal dispendio di tutte le forze del corpo. Pertanto, quasi sempre i bambini reagiscono alla vaccinazione..

Ma qui dovresti capire la differenza tra i sintomi attesi e sicuri per un'iniezione e gravi complicazioni, che, a proposito, praticamente non accadono. La reazione a DTP + poliomielite è locale (appare nel sito della puntura) e generale (influenza le condizioni generali).

La reazione locale è arrossamento o gonfiore (3-5 cm di diametro) e indolenzimento nel sito di iniezione. Tali sintomi di solito durano diversi giorni e scompaiono da soli (senza un trattamento speciale). Si verifica anche una reazione più pronunciata: arrossamento (nodulo). Può aumentare a 8-10 cm, il gonfiore dura 3-4 giorni.

La reazione generale è espressa in:

  • ansia e irritabilità;
  • pianto o apatia;
  • diminuzione dell'appetito;
  • aumento di T a 38 ° C.

Vomito e diarrea sono osservati raramente. Se il bambino inizia un'allergia, allora Suprastin o Tavegil devono essere bevuti. Molto raramente è possibile sviluppare l'infezione da cui è stato vaccinato il bambino.

Il motivo è un'immunità molto debole del bambino o un problema al tratto gastrointestinale. Ad esempio, se una malattia si sviluppa dopo un'iniezione di vaccino contro la poliomielite, viene chiamata poliomielite associata al vaccino. Per evitare che ciò accada, prima di vaccinare il bambino, esaminano attentamente il loro stato immunitario. Qualsiasi violazione di ciò è il motivo del rifiuto di OPV.

Il ricovero immediato è necessario se:

  • il bambino sta soffocando;
  • iniziarono le convulsioni;
  • apparve un forte gonfiore;
  • temperatura 40 ° C e oltre.

DTP e IPV sono farmaci inattivati, il che significa che danno un minimo di complicazioni. Le reazioni negative a questi vaccini sono normali..

La cosa principale è che i sintomi spiacevoli scompaiono dopo 2-3 giorni. Questa è una caratteristica dei vaccini non viventi..

Quanti giorni dura la temperatura dopo la vaccinazione con DTP e poliomielite?

Entrambi i vaccini possono causare la febbre a un bambino. Questo succede spesso. L'ipertermia può svilupparsi nelle prime ore successive alla vaccinazione o per 2-3 giorni.

Alcuni bambini non hanno affatto la febbre. Succede che il bambino si senta fino a due settimane. I medici ritengono che gli indicatori di 38-38,5 gradi non siano pericolosi se non sono accompagnati da altre forti reazioni che disturbano il bambino.

L'assunzione di farmaci antipiretici in questa situazione è consentita.

Cosa fare se la febbre aumenta dopo la vaccinazione?

Si verifica ipertermia dopo DTP e poliomielite, sebbene rara. La temperatura sale a 40 gradi e oltre. I medici "incolpano" la componente di pertosse nel DTP come la più reattiva. In genere, la temperatura scende in un giorno e si normalizza. In questo caso, non è richiesto un trattamento aggiuntivo..

È importante osservare il bambino e non surriscaldarlo in modo che non suda. In questo contesto, il bambino è spesso cattivo e eccessivamente ansioso. Il paracetamolo o il panadolo contribuiranno a ridurre la temperatura.

Insieme a questo, il bambino ha bisogno di reintegrare il fluido nel corpo. Dagli Regidron o Gastrolit. Queste polveri si dissolvono in acqua. Lascia che il bambino beva più tè, bevanda alla frutta o composta. Quindi dovresti mostrare il bambino al pediatra.

È possibile camminare e fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione

Immediatamente dopo la vaccinazione, non vale la pena farlo. Arrivare a casa, osservare il bambino: misurare la temperatura, esaminare la pelle alla ricerca di eruzioni cutanee, valutare il suo benessere generale.

Se tutto va bene, il giorno dopo puoi fare una passeggiata. Ma evita i campi da gioco. Scegli un percorso tranquillo e meno affollato, ad esempio un parco. Fai una passeggiata ogni giorno. Non fare il bagno al bambino immediatamente dopo la vaccinazione. C'è il rischio di infezione..

Se il bambino ha tollerato bene l'immunizzazione, puoi nuotare il giorno successivo. Cerca di non usare un panno per lavare, basta pulire la ferita con un panno umido.

Nomi dei vaccini contro la polio importati e domestici

Nel nostro paese, i seguenti vaccini contro la polio sono autorizzati per l'uso:

  • Sviluppi francesi: Tetracock e Pentaxim. Questi farmaci sono complessi, incluso il componente della poliomielite. Imovax Polio - monovaccino;
  • Infanrix (Belgio);

Fondi domestici:

L'ultimo farmaco (a differenza di quanto sopra) contiene virus indeboliti. Il bambino vaccinato da lei non dovrebbe essere in contatto con coetanei non vaccinati per 2 settimane. Tutti i preparati inattivati ​​vengono somministrati per iniezione. Un vaccino vivo (OPV) viene instillato in un bambino per via orale sulla radice della lingua con una pipetta speciale. Bambini più grandi - su tonsille.

Poiché i tempi dell'immunizzazione della polio coincidono con la vaccinazione DTP, entrambe le procedure sono combinate. A seconda del farmaco che svolge il ruolo di DTP, la necessità di un'iniezione aggiuntiva o di un'altra dose di OPV può scomparire.

Oggi vengono attivamente utilizzati fondi che combinano entrambe le vaccinazioni: Tetracock (DTP + polio) e Pentaxim. Quest'ultimo protegge anche dall'infezione da HIB. Se DTP è combinato con altri farmaci, è necessaria un'iniezione aggiuntiva o OPV.

Video collegati

Posso ottenere più scatti nello stesso giorno? Dr. Komarovsky risponde:

Instillare un bambino o no è la scelta dei genitori. Ma non affrettarti a rifiutare l'immunizzazione. Ricorda che la difterite e il tetano, la poliomielite e la pertosse sono infezioni pericolose. Leggi articoli e guarda un video sulle gravi conseguenze che accadono ai bambini non vaccinati dopo la malattia.

La reazione ai vaccini, anche se ti sembra spaventosa, è la piccola cosa necessaria per proteggere il bambino da possibili infezioni, particolarmente pericolose in tenera età.

Reazione a DTP e poliomielite nei bambini a 3 mesi, a 1,5 anni. La reazione al DTP si manifesta dopo quanto tempo, quanto tempo?

Attualmente, tutti i genitori del mondo sono divisi in due campi. La ragione di ciò è una domanda importante: un bambino dovrebbe essere vaccinato? Tra questi due gruppi di persone c'è un enorme abisso di incomprensioni. Coloro che sono contrari alla vaccinazione, contrariamente al buon senso, temono gli effetti negativi del vaccino. Avendo letto gli orrori nelle recensioni di alcuni genitori, mamme e papà diventano ardenti oppositori del vaccino in quanto tale.

Non dimenticare che la peggior reazione al vaccino può verificarsi una volta in diversi milioni di casi..

Cos'è il DTP?

Uno dei vaccini più comuni al mondo è il DTP. Come viene decifrata questa abbreviazione? Questa combinazione di caratteri non è altro che le prime lettere del nome del vaccino: adsorbito pertosse-difterite-tetano. Questo vaccino protegge il corpo umano dalle tre infezioni più pericolose. Per i bambini piccoli, il cui corpo non ha ancora imparato a difendersi completamente da gravi malattie, questi disturbi possono diventare fatali. Ecco perché il vaccino DTP è prescritto a un bambino in 2-3 mesi.

Nonostante l'evidente necessità di vaccinare i bambini contro malattie formidabili, alcuni genitori non vogliono farlo, motivando il rifiuto con la loro preoccupazione per la salute e la vita del loro bambino. Il fatto è che la reazione al DTP nei bambini è abbastanza evidente. Per quanto riguarda il vaccino stesso, è abbastanza difficile da tollerare. Tra le altre vaccinazioni che il bambino viene somministrato secondo il calendario, la DTP è sicuramente la più difficile. Ciò è dovuto alla componente anti-pertosse, che è più difficile da percepire per il corpo. E molti genitori temono che, a causa delle complicanze post-vaccinazione, il bambino diventerà disabile o non sopravviverà affatto. Ma vale la pena rassicurare la cura delle mamme e dei papà che la probabilità di tali casi è trascurabile. Per educare i genitori sull'importanza di questo vaccino, vale la pena dire quali potrebbero essere le conseguenze delle loro paure irragionevoli..

Perché è necessaria la vaccinazione?

Tosse convulsa, tetano e difterite sono malattie molto pericolose per i bambini piccoli. La pertosse è terribile per le sue complicanze, tra cui la polmonite e l'encefalopatia. Con una tosse convulsa, caratteristica di questa malattia, può verificarsi un arresto respiratorio. Dopo la somministrazione del vaccino, vengono prodotti anticorpi nel corpo e si forma la memoria immunitaria. Più tardi, se il bambino incontra l'agente causale di pertosse, difterite o tetano, le sue forze protettive saranno in grado di dare un degno rifiuto a queste infezioni. L'immunità del bambino vaccinato funzionerà come un orologio.

Il tetano e la difterite sono pericolosi perché le loro complicanze non sono associate ai microrganismi, ma alle loro tossine. Sono in grave pericolo. Il vaccino DTP è progettato per sviluppare un'immunità anti-tossica in un corpo in crescita.

Tali terribili complicazioni hanno maggiori probabilità di svilupparsi nei bambini che hanno sofferto di queste malattie. Pertanto, la reazione al DTP non può essere paragonata a ciò che un bambino non vaccinato può sopportare al contatto con tre terribili infezioni.

Programma di vaccinazione

Questo farmaco viene somministrato per iniezione intramuscolare. Questo metodo non fornisce il vaccino immediatamente assorbito nel sangue e fornisce una produzione a lungo termine di anticorpi durante l'infanzia e l'età adulta..

La particolarità di AKDS è che viene eseguito secondo un determinato schema, nel rispetto degli intervalli.

  • per la prima volta - in 2-3 mesi;
  • ripetutamente - in 4-5 mesi;
  • terza volta - in 6 mesi.

Tre di queste vaccinazioni devono essere eseguite con un intervallo obbligatorio di 30 giorni tra ciascuna di esse. Poiché i programmi di immunizzazione con questo farmaco coincidono con il vaccino contro la polio, di solito vengono somministrati insieme. Esiste persino un farmaco speciale che combina tutti e quattro i componenti. Ma molto spesso il vaccino contro la polio sembra gocce. Sono gocciolati nella bocca del bambino. In tutta onestà, vale la pena notare che la risposta a DTP e poliomielite è diversa l'una dall'altra. Quest'ultimo vaccino è facile da tollerare e di solito non produce effetti collaterali..

La volta successiva, quando il bambino raggiunge l'età di 1,5 anni, la vaccinazione DTP viene ripetuta. Questa vaccinazione in quattro fasi offre al bambino la completa immunità da tetano, difterite e pertosse. Ulteriori vaccinazioni vengono somministrate con la forma acellulare o acellulare del componente pertosse. Questo vaccino si chiama ADS ed è molto più facile da tollerare. La vaccinazione viene effettuata:

  • a 6-7 anni;
  • a 14 anni e poi ogni 10 anni: a 24, 34, 44, ecc..

Secondo le statistiche, il 75% della popolazione adulta della Federazione Russa non riceve ADV e non sospetta nemmeno che ciò sia necessario. Tuttavia, questo è molto importante. Il tetano è una malattia formidabile ai nostri giorni. Ciò è particolarmente vero per gli amanti dei lunghi viaggi..

Ma cosa succede se il programma di rivaccinazione va storto? L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che iniziare in questo caso l'intero ciclo non ha senso. La cosa principale è ripristinare la fase persa e non diventare più realtà dal programma.

Tipi di vaccini DTP

Oggi esistono diversi vaccini DTP certificati. Tutti sono autorizzati dall'OMS. Molto spesso capita che il primo vaccino sia prodotto da un farmaco di un produttore, il secondo da un altro. Secondo l'OMS, non c'è nulla di cui preoccuparsi, poiché tutti questi vaccini si sostituiscono con successo.

Due tipi di vaccini DTP si distinguono per qualità:

  • Il più comune ed economico. Si chiama classica ed è più popolare nei paesi sottosviluppati con bassi standard di vita. La composizione di tale vaccino include un componente della pertosse non digerito e non trattato. È a causa sua che i bambini hanno una reazione al DTP.
  • Un'altra varietà si chiama AADS. Rappresenta l'analogo più moderno e, ovviamente, costoso del vaccino DTP nella versione classica. In esso, il componente della pertosse viene purificato e suddiviso nelle sue parti costituenti. Il grande vantaggio di questo vaccino è che è tollerato molto più facilmente e praticamente non provoca reazioni indesiderate..

Dovrebbe essere chiaro che la reazione al DTP è temporanea e si svolge senza conseguenze dannose per l'organismo. Una malattia trasferita può minacciare terrificanti complicazioni dello stato di salute di un bambino, che può disturbarlo per tutta la vita..

Come vaccinare correttamente?

Questo vaccino viene somministrato per via intramuscolare. Ma non tutte le parti del corpo possono essere adatte alla vaccinazione. L'OMS raccomanda di somministrare il vaccino DTP ai bambini piccoli solo nella coscia. Ciò è giustificato dal fatto che un bambino all'età di due mesi ha il miglior sviluppo di muscoli in questa parte del corpo. Ci sono meno vasi sanguigni e grasso sottocutaneo, che non si può dire sui glutei. Questa norma ha una base legislativa ed è stata introdotta nel 2008 in un documento ufficiale intitolato "Norme sanitarie ed epidemiologiche. Garantire la sicurezza dell'immunizzazione. " Si afferma chiaramente: "Le iniezioni intramuscolari nei bambini dei primi anni di vita vengono eseguite solo nella parte superiore della coscia esterna". A partire dai 6 anni, i bambini possono essere vaccinati nell'area della spalla.

Come si presenta la reazione alla vaccinazione DTP?

La reazione al DTP nei bambini può apparire diversa. Nel caso più favorevole, il bambino non mostrerà alcun sintomo allarmante. Ciò significa che dopo l'iniezione, nulla è cambiato nel comportamento e nelle condizioni del bambino.

Ma tutt'altro che sempre, tutto è così senza nuvole, e spesso dopo la vaccinazione, i bambini hanno le seguenti manifestazioni:

  • Perdita di appetito. Disturbo digestivo sotto forma di vomito e diarrea.
  • Il sito di iniezione diventa rosso, si osserva più denso e gonfiore. Il bambino tocca spesso un punto dolente, facendo capire ai genitori che lo preoccupa.
  • Anche l'umore mutevole e il comportamento insolito del bambino sono una sorta di reazione al DTP. La temperatura che è aumentata sullo sfondo della vaccinazione può trasformare un bambino calmo in un capriccioso e irritabile.
  • Si può anche osservare il quadro opposto: un bambino allegro e agile diventa letargico e assonnato.

Il noto pediatra Komarovsky E. O. alla domanda: "Dopo quanto tempo si verifica la reazione al DTP nel bambino?" le seguenti risposte: “Tutti i fenomeni negativi post-vaccinazione nel bambino compaiono nel primo giorno dopo l'iniezione. Se il tuo bambino si è oscurato, aveva il naso che colava, la diarrea o la sonnolenza, e tutto ciò è successo 2-4 giorni dopo l'iniezione, quindi non puoi incolpare la DTP. Tutte queste sono, piuttosto, le conseguenze di un'infezione respiratoria acuta o del rotavirus rilevate in clinica ”.

Molti medici concordano con questa affermazione. Per quanto tempo dura la reazione al DTP, i medici dicono: tutti gli effetti collaterali si manifestano nel primo giorno dopo la vaccinazione. I prossimi 2-3 giorni c'è un miglioramento. In questo caso, non è richiesto alcun farmaco serio.

Tuttavia, se la reazione al DTP in un bambino diventa allarmante, dovresti cercare immediatamente un aiuto medico. Mostra preoccupazione se:

  • la temperatura corporea del bambino attraversa la linea a 39 ˚С;
  • il sito di iniezione è significativamente gonfio (più di 8-10 cm di circonferenza);
  • il bambino ha un grido forte e continuo che dura più di 3 ore.

In questa situazione, esiste il rischio di disidratazione del corpo del bambino.

Cosa fare quando si risponde a DTP?

Spesso la reazione a DTP a 3 mesi si manifesta con un aumento della temperatura. In genere, i pediatri sconsigliano di somministrare farmaci antipiretici con un indicatore inferiore a 38,5 ° C. Tuttavia, questa regola non si applica al periodo post-vaccinazione. Se noti un leggero aumento della temperatura nel bambino, allora dagli immediatamente un antipiretico. È impossibile ritardare e attendere un punto critico. Il suddetto medico Komarovsky afferma che i migliori medicinali per un bambino a temperature elevate sono il paracetamolo e l'ibufen sotto forma di sciroppo e supposte. Se questi farmaci sono inefficaci, è necessario consultare un medico.

La compattazione del sito di iniezione, il suo gonfiore ed edema è anche una reazione molto comune al DTP. Le foto di tali conseguenze spaventano maggiormente i genitori.

Non fatevi prendere dal panico con un leggero gonfiore nella zona di iniezione. Quando vaccinati, vengono introdotte cellule indebolite dell'agente patogeno e si verifica un regolare processo fisiologico di infiammazione locale. Questa è una reazione locale al DTP. Di solito passa senza lasciare traccia senza intervento medico dopo 1-2 settimane.

Spesso dopo l'iniezione, si osservano arrossamenti della pelle e prurito nel sito di iniezione. Se il raggio della pelle con un colore cambiato non supera i 2-4 cm, questo è normale. Ciò è spiegato da una leggera infiammazione a causa della risposta immunitaria del corpo. Se altri aspetti sono normali, non preoccuparti. Il rossore scompare senza lasciare traccia in 8-10 giorni.

Va notato che di solito la reazione al DTP è di 1,5 anni più debole rispetto a dopo le prime vaccinazioni. Il bambino è già diventato più forte e la sua immunità fa fronte facilmente al vaccino. Tuttavia, non perdere la vigilanza e monitorare attentamente le condizioni del bambino in un periodo critico.

Reazioni pericolose al vaccino DTP

Le statistiche mediche hanno dati che per 100000 vaccinati con iniezione DTP, uno o due bambini soffrono di gravi conseguenze che possono causare cattive condizioni di salute. Questa probabilità è estremamente ridotta, ma vale la pena sottolineare tali complicazioni. Questi includono:

  • Una grave allergia a uno dei componenti del vaccino o a tutti e tre i suoi componenti. Manifestazioni estreme: shock anafilattico ed edema di Quincke.
  • La temperatura non aumenta, ma il bambino ha i crampi.
  • La temperatura è aumentata e il bambino ha disturbi neurologici. Ciò è dovuto all'influenza della componente della pertosse sulle membrane del cervello.

Vale la pena ricordare ancora una volta che questa è una reazione molto rara al DTP.

Tuttavia, vale la pena rassicurare i genitori con i numeri. Esistono statistiche sull'occorrenza nei bambini di una reazione al DTP di gravità variabile:

  • aumento della temperatura corporea, arrossamento e gonfiore del sito di iniezione - nel 25% dei bambini;
  • perdita di appetito, sonnolenza e letargia, mal di stomaco e intestino - nel 10% dei bambini.

Reazioni di gravità moderata:

  • convulsioni - 1 bambino su 14.500;
  • forte pianto per 3 o più ore - 1 bambino su 1000;
  • temperatura corporea superiore a 39,5 ˚С - 1 bambino su 15000.
  • gravi reazioni allergiche - 1 bambino su un milione;
  • i disturbi neurologici sono così rari che la medicina moderna non li lega al vaccino DTP.

La reazione più grave alla DTP si verifica entro i primi 20 minuti dopo la vaccinazione. Ecco perché il medico raccomanda di attendere questo periodo di tempo e mostrare il sito di iniezione per l'esame e la valutazione della reazione.

L'incidenza di gravi complicanze nei bambini aumenta di 3.000 volte se si abbandona completamente il vaccino e si ottiene una delle tre malattie gravi.

Come accennato in precedenza, spesso, insieme al vaccino DTP, il bambino riceve contemporaneamente un vaccino contro la poliomielite. I programmi di queste due immunizzazioni coincidono e i medici sono abituati a combinarle. I genitori confusi a volte non sanno come la reazione al DTP e alla poliomielite differisca se vengono eseguite contemporaneamente. Di solito l'ultimo vaccino è molto ben tollerato e, in casi estremi, può causare un lieve disturbo digestivo. Vale anche la pena notare che le sostanze contenute nel preparato per l'immunizzazione contro la poliomielite contribuiscono anche ad aumentare la resistenza del corpo alle infezioni intestinali. Se un bambino ha un piccolo disturbo digestivo durante la vaccinazione articolare, quindi dopo quel tempo, dopo quanto la reazione al DTP si attenua, cioè dopo alcuni giorni, il tratto gastrointestinale si riprenderà.

Controindicazioni per DTP

Vi sono alcune circostanze che rendono impossibile la vaccinazione contro la pertosse, la difterite e il tetano. In questi casi, il vaccino non viene eseguito affatto o viene ritardato di un certo tempo..

  • esacerbazione di qualsiasi malattia;
  • la presenza di allergie ad almeno uno dei componenti del vaccino;
  • reattività immunologica o immunodeficienza.

Come ridurre la probabilità di una reazione negativa al DTP?

Nonostante il fatto che il vaccino DTP sia uno dei più difficili da percepire per il corpo del bambino, è impossibile rifiutarlo. Ciò minaccia il bambino con infezioni pericolose e le sue conseguenze. I genitori possono preparare il corpo del bambino in modo che possa essere vaccinato nel modo più indolore possibile. Per fare ciò, procedi come segue:

  • 2 giorni prima dell'imminente vaccinazione, se un bambino sviluppa diatesi o allergie, è necessario somministrargli un antistaminico nel normale dosaggio. In questo caso, la reazione al DTP a 3 mesi e a qualsiasi altra età sarà minima.
  • Immediatamente il giorno della vaccinazione, la misura più importante è la prevenzione dell'iperemia. Per questo, il bambino immediatamente dopo la vaccinazione dovrà mettere una candela con un antipiretico, anche se la sua temperatura non è aumentata. Un bambino di età superiore a sei mesi può ricevere un farmaco sotto forma di sciroppo. Durante il giorno, è necessario monitorare attentamente la temperatura e assicurarsi di dare un antipiretico per la notte. Negoziare il dosaggio dei farmaci con il pediatra prima della vaccinazione.
  • Il giorno successivo alla vaccinazione, è necessario continuare a monitorare la temperatura. Con la tendenza ad aumentarlo dovrebbe dare un antipiretico. È necessario fornire al bambino un'alimentazione leggera e molta bevanda calda. Nella stanza dei bambini, è necessario mantenere la temperatura ottimale a 21˚С e l'umidità al 60-75%.

Vieni vaccinato o ammalato? Cosa c'è di meglio per l'immunità?

Alcuni adulti ritengono che l'immunità acquisita a seguito di una malattia sia più efficace di un vaccino. Questa opinione non è corretta Non è assolutamente applicabile a malattie infettive come la pertosse, la difterite e il tetano. Le ultime due malattie non danno l'immunizzazione corporea. La pertosse trasferita fornisce protezione naturale al corpo per 6-10 anni. Tuttavia, a quale prezzo costerà questa triste esperienza! La vaccinazione DTP fornisce un'immunità completa da tutte e tre le infezioni per un periodo da 6 a 10 anni senza effetti nocivi sulla salute. Quindi la vaccinazione è l'unico modo sicuro per proteggere il corpo da malattie pericolose.