Fibrosi epatica

La fibrosi epatica è la proliferazione del tessuto connettivo nel fegato che si verifica quando gli epatociti (cellule epatiche) sono danneggiati da virus dell'epatite B, C e D, alcol, sostanze tossiche e altri fattori. La progressione della fibrosi epatica porta a cirrosi epatica, insufficienza epatica e ipertensione portale.

Segni e sintomi di fibrosi epatica

La fase iniziale della fibrosi è difficile da diagnosticare, poiché spesso è asintomatica. Secondo l'analisi del sangue - il livello di enzimi epatici ALT e AST nel sangue - si può giudicare la gravità della fibrosi. Si ritiene che i livelli di AST siano associati più fortemente alla fibrosi rispetto ai livelli di ALT. Il rapporto AST / ALT> 1 è un indicatore affidabile dello stadio pronunciato della fibrosi epatica (inclusa la cirrosi).

Lo stadio iniziale del danno epatico nella fibrosi è caratterizzato da un aumento delle dimensioni del fegato. In futuro, vi è una diminuzione del livello di leucociti, piastrine e globuli rossi. Di conseguenza, il paziente ha anemia e trombocitopenia. Un segno che la malattia arriva allo stadio della cirrosi è una milza ingrossata, vene varicose nell'esofago e loro emorragie.

Diagnosi di fibrosi epatica

L'elastometria (elastografia, fibroscanning) sostituisce una biopsia ed è un moderno metodo di esame non traumatico e più accurato. Viene eseguito su un apparecchio ad ultrasuoni FibroScan, che consente di misurare la densità del tessuto epatico (durezza, elasticità). La procedura richiede circa 15 minuti, poiché il paziente ricorda una diagnosi ecografica e non ha restrizioni. Il risultato della misurazione è presentato come grado di fibrosi epatica sulla scala METAVIR da 0 a 4, dove 4 è cirrosi.

L'ecografia degli organi addominali consente di valutare non solo le dimensioni del fegato, che aumenta in presenza di un processo infiammatorio, ma anche la struttura del tessuto epatico, la circolazione sanguigna interna (velocità e pressione nella vena porta, la larghezza del lume dei vasi, le dimensioni della milza). Questi sono indicatori diretti dello stato del fegato: quanto lontano o vicino è alla cirrosi.

La determinazione del grado esatto di obesità epatica (epatosi grassa) sul dispositivo fibroscan è prescritta se i segni di epatosi grassa sono rilevati dagli ultrasuoni o dai risultati degli esami del sangue biochimici che indicano segni di epatosi grassa.

Elastometria epatica - Prezzi dell'esame:

Il grado di epatosi grassa

Consultazione dei risultati

sullo STOCK! (Mosca, metro Park Kultury)

Gradi di fibrosi epatica

La gravità della fibrosi nella malattia epatica cronica riflette la prognosi a lungo termine e, quindi, la necessità e l'urgenza del trattamento.

La fibrosi del fegato ha 5 gradi (stadi): F0, F1, F2, F3, F4 (cirrosi). Nell'epatite virale, ad esempio, una media di circa 5 anni passa da uno stadio all'altro. Tuttavia, nelle fasi successive, il tasso di progressione della fibrosi è più elevato. Il tasso di sviluppo della fibrosi dipende dall'attività del processo infiammatorio nel fegato.

Esistono vari metodi per determinare la gravità della fibrosi: una biopsia, un esame del sangue, che misura i marcatori biochimici della formazione della fibrosi (FibroTest, FibroMax). Attualmente, l'elastometria è considerata il metodo migliore per determinare lo stadio della fibrosi epatica: determinazione diretta degli ultrasuoni della densità del tessuto epatico sull'apparato Fibroscan. Le misurazioni della densità risultanti in diversi punti (10-20) in chilogrammi Pascal corrispondono ai gradi di fibrosi sulla scala METAVIR da F0 - fegato sano, a F4 - cirrosi.

Secondo questo metodo, è stata ottenuta una quantità sufficiente di dati scientifici ed è stato dimostrato che con un aumento dello stadio della fibrosi, aumenta l'elasticità del fegato in kPa.

Leggenda:

  • F 0-3 stadi della fibrosi secondo la scala METAVIR per l'epatite cronica,
  • F 4 - cirrosi,
  • F 4+ VRVP - cirrosi epatica con presenza di vene varicose dell'esofago,
  • F 4 + VRVP * - cirrosi epatica, ipertensione portale complicata da sanguinamento dalle vene varicose dell'esofago,
  • HCC - carcinoma epatocellulare

Significato delle differenze p 50 anni,

  • sovrappeso,
  • la presenza di steatosi secondo studi morfologici del tessuto epatico.
  • Progressione della fibrosi

    Il tasso di progressione della fibrosi differisce notevolmente in diversi pazienti. Tra i fattori noti che influenzano il tasso di sviluppo della fibrosi, si possono distinguere i principali: infezione in età avanzata, genere maschile, abuso di alcol. Allo stesso tempo, non è stata stabilita la connessione tra la carica virale e il genotipo del virus con il tasso di progressione. Il tasso di fibrosi è più elevato nei pazienti immunocompromessi. Anche le malattie del fegato grasso, l'obesità e il diabete possono contribuire a un più rapido sviluppo della fibrosi..
    Per una valutazione più accurata della progressione della fibrosi, la rivalutazione dovrebbe essere effettuata ogni anno. In questi casi, è consigliabile utilizzare metodi di valutazione non invasiva della fibrosi epatica - informativi e accessibili (FibroTest, FibroMax, elastomero). L'esperienza di utilizzo dei test di valutazione della fibrosi sierica e delle tecniche ecografiche indica la necessità della loro combinazione per una maggiore precisione diagnostica.

    Trattamento della fibrosi epatica

    La reversibilità della fibrosi epatica nei pazienti è stata recentemente dimostrata in modo convincente. Ciò ha causato una ricerca attiva di farmaci antifibrotici. La terapia antifibrotica sopprime l'accumulo di cellule fibrogeniche. È stato dimostrato che i farmaci con effetto antifibrotico mirano a combattere la causa della malattia..

    Con l'epatite virale, il trattamento della fibrosi epatica è finalizzato all'eliminazione delle cause che l'hanno causata. La terapia antivirale può portare a una diminuzione del grado di fibrosi quando si ottiene una risposta virologica stabile in un paziente.

    Sviluppo inverso della fibrosi epatica a seguito di terapia eziologica:

    • Epatite C - interferone-a + ribavirina.
    • Epatite B - lamivudina, tenofovir, adefovir, interferone-a / g, entecavir.
    • Epatite D - interferone-a.
    • Epatite alcolica - Smettere di bere alcolici.
    • Steatoepatite non alcolica - perdita di peso, trattamento della sindrome metabolica.

    Per migliorare la prognosi a lungo termine, è necessaria la diagnosi e il monitoraggio regolare dello stadio della fibrosi epatica nelle condizioni del decorso naturale della malattia o durante la terapia.

    Cos'è la fibrosi epatica e come trattare una malattia?

    La fibrosi epatica è un processo patologico in cui vi è una graduale sostituzione delle cellule d'organo con tessuto connettivo cicatriziale. Questa condizione è associata a molte malattie epatiche croniche (epatite, lesioni alcoliche e tossiche). La fibrosi epatica si sviluppa lentamente e nelle fasi iniziali è asintomatica, il che complica la diagnosi. Nella maggior parte dei casi, la malattia è già rilevata nella fase in cui compaiono segni di gravi complicanze..

    Il meccanismo della fibrosi

    Il fegato è la ghiandola più grande e spaiata del corpo umano, che svolge molte funzioni diverse. Questo organo neutralizza veleni, tossine, prodotti di decomposizione formati durante i processi metabolici. Nel fegato avviene la sintesi degli acidi biliari necessari per la normale digestione, si accumulano sostanze utili: vengono sintetizzate vitamine, minerali, carboidrati e albumina e globuline. Questo organo è coinvolto nei processi di formazione del sangue, regola il metabolismo di grassi, proteine ​​e carboidrati. La salute umana dipende in gran parte dal normale funzionamento del fegato e dalle sue capacità compensative.

    Il fegato è l'unico organo con la capacità di autorigenerarsi, ovvero le sue cellule possono recuperare anche in caso di gravi lesioni tossiche. Tuttavia, con la fibrosi, il processo patologico diventa spesso irreversibile, poiché le cellule epatiche danneggiate vengono gradualmente sostituite da tessuti fibrosi che non svolgono alcuna funzione utile e perdono completamente la loro efficienza.

    Il tessuto fibroso è costituito da un gran numero di fibre di tessuto connettivo, rappresentate da collagene e sostanza intercellulare amorfa. Il processo patologico inizia con vari effetti tossici sul parenchima epatico. Con un danno parziale alle cellule, vengono attivati ​​i processi di formazione e accumulo di tessuto fibroso. Nel tempo, con la morte di epatociti sani, il tessuto fibroso cresce e il fegato perde la sua funzione. Cioè, la fibrosi epatica non è una malattia separata - questa condizione è osservata con molte lesioni croniche dell'organo, accompagnate da una progressiva distruzione delle sue strutture.

    Cause di fibrosi

    La fibrosi epatica si sviluppa come una complicazione di molte patologie croniche, che possono essere suddivise condizionatamente in ereditarie e acquisite. Tra le cause più comuni dello sviluppo della fibrosi epatica, i medici chiamano:

    • epatite virale cronica (B, C e D);
    • epatite tossica (medicinale, alcolica);
    • avvelenamento da veleni, sostanze chimiche o tossine;
    • epatite autoimmune;
    • epatite da toxoplasmosi;
    • echinococcosi del fegato;
    • cirrosi biliare (primaria e secondaria);
    • epatosi (malattia del fegato grasso);
    • malattie accompagnatorie.

    Le ragioni ereditarie che contribuiscono alla formazione di tessuti fibrosi includono:

    • emocromatosi: una malattia associata alla deposizione di ferro nei tessuti;
    • galattosemia - una patologia congenita causata da una violazione del metabolismo del galattosio;
    • Malattia di Wilson-Konovalov - si sviluppa sullo sfondo di un metabolismo del rame improprio;
    • Fibrosi congenita - una malattia ereditaria associata a sviluppo anormale del tessuto epatico.

    La fibrosi congenita del fegato viene spesso diagnosticata nei bambini in età precoce e prescolare. Questa malattia ereditaria viene trasmessa in modo autosomico recessivo. Cioè, se uno dei genitori è malato, la probabilità di sviluppare una patologia in un bambino è del 50%.

    Forme di fibrosi

    Considerando le cause e la localizzazione del processo patologico, la fibrosi epatica è divisa in diverse forme:

    Fibrosi portale o periportale - solitamente associata a diversi tipi di epatite cronica (alcolica, tossica, virale). Con questa forma di malattia, si formano tessuti fibrosi nella regione dei tratti portale (ad esempio, si accumulano nei dotti intraepatici, nei rami della zona portale e nei vasi linfatici). Questo tipo di fibrosi può svilupparsi con avvelenamento da tossine o sullo sfondo di infezione da parassiti (trematodi).

    Fibrosi pericellulare: in questo caso, le formazioni fibrotiche si trovano intorno alle cellule del fegato (epatociti). La patologia si sviluppa sullo sfondo dell'abuso di alcol o dell'epatite virale cronica.

    Fibrosi perivenulare (venolare) - il tessuto connettivo si forma al centro dei lobi epatici e nella regione della vena centrale. Questa forma di fibrosi accompagna il danno alcolico al fegato o si sviluppa in presenza di insufficienza cardiaca cronica.

    Fibrosi periodica: si verificano cambiamenti caratteristici dovuti a una violazione del normale deflusso della bile dal fegato. La causa sottostante del processo patologico sono le malattie associate: cirrosi biliare (primaria), difetti nello sviluppo dei dotti biliari, infiammazione dei dotti biliari (colangite).

    Fibrosi settale (ponte) - con questa forma di malattia, setti (setti da tessuto connettivo) di diversi spessori e dimensioni compaiono nei siti di morte in massa degli epatociti. Possono collegare tratti del portale adiacenti o penetrare nell'intero spessore dei lobuli epatici, il che porta a un cambiamento nella normale struttura del fegato. La patologia si sviluppa su uno sfondo di epatite cronica.

    Fibrosi mista: con questa forma di malattia, si possono trovare varie combinazioni di tutti i tipi di fibrosi nei tessuti del fegato. La forma mista è considerata la più comune e si sviluppa in varie patologie epatiche..

    Fasi della malattia

    Gli stadi della fibrosi sono valutati dai medici su varie scale: Ishak, Knodell, METAVIR. I principali criteri di valutazione sono: la presenza di fibrosi portale, il numero di setti, il grado di espansione dei tratti del portale. La descrizione delle fasi in tutte le scale presentate ha molto in comune. Pertanto, diamo una valutazione delle fasi della fibrosi su scala Metavir:

    F0 - non ci sono manifestazioni di fibrosi;

    F1 - il metabolismo intercellulare viene interrotto, portando a un malfunzionamento del fegato;

    F2 - il processo patologico progredisce, l'area della lesione aumenta, sempre più epatociti vengono sostituiti dal tessuto connettivo;

    F3 - le foche si formano nel parenchima epatico, si sviluppano cambiamenti irreversibili, la fibrosi passa allo stadio terminale;

    F4 - si sviluppa la cirrosi, il fegato perde le sue funzioni.

    Nell'ultima fase della malattia, l'unico modo per evitare la morte è il trapianto di organi. La corretta determinazione dello stadio della fibrosi consente al medico di scegliere il regime di trattamento più efficace in grado di interrompere o rallentare l'ulteriore progressione del processo patologico.

    Segni di fibrosi epatica

    Il principale pericolo di fibrosi è che non presenta sintomi specifici. Tutti i disturbi caratteristici che il paziente lamenta possono essere segni di altre malattie del fegato (epatite, insufficienza epatica, epatosi, ecc.). Da manifestazioni come nausea, dolore nell'ipocondrio destro o prurito cutaneo, è impossibile determinare se ci sono cambiamenti fibrotici nel fegato.

    Pertanto, è così importante, quando compaiono segni allarmanti, sottoporsi a un esame completo con l'uso di metodi di laboratorio e strumentali al fine di determinare tempestivamente la natura e la gravità del processo patologico. La fibrosi epatica nelle fasi iniziali è asintomatica e solo pochi anni dopo si dichiara segni soggettivi e oggettivi.

    Sintomi soggettivi:
    • debolezza, malessere, aumento della fatica;
    • mancanza di appetito, nausea, a volte ci sono attacchi di vomito;
    • mal di testa;
    • gonfiore, sensazione di pesantezza;
    • dolori che si alzano periodicamente di diversa intensità nell'ipocondrio destro;
    • aumento prolungato della temperatura a valori subfebrilici;
    • prurito della pelle;
    • gengive sanguinanti;
    • epistassi.

    La comparsa di tali sintomi è associata a un graduale deterioramento del fegato, all'accumulo di sostanze neurotossiche, allo sviluppo del processo infiammatorio, alla compromissione della produzione di bile, disturbi digestivi ed ematopoietici, un aumento della concentrazione di acidi biliari nel sangue.

    Segni oggettivi:

    Durante l'esame del paziente, il medico scopre una serie di segni oggettivi che indicano direttamente un processo patologico nel fegato:

    Ingrossamento del fegato

    È determinato dalla palpazione e dalle percussioni durante l'esame del paziente. Con un aumento significativo dell'organo, si osserva l'asimmetria del lato destro dell'addome, il gonfiore del bordo del fegato da sotto l'arco costale. Se sullo sfondo della fibrosi c'è una difficoltà nel deflusso del sangue venoso, si nota un aumento della milza.

    Espansione delle vene sulla parete addominale

    Questo è un sintomo comune che si verifica nelle fasi finali della fibrosi. Allo stesso tempo, un modello venoso appare attraverso la pelle attraverso la pelle. L'espansione delle vene è causata dall'ipertensione portale (un aumento della pressione venosa portale).

    Asterischi vascolari: sembrano fasci vascolari rosso-violetti che appaiono sul viso, sul collo, sul torace, sull'addome. Si formano a causa dell'espansione di piccoli vasi sottocutanei (capillari).

    itterizia

    Il giallo della pelle e della sclera si osserva nelle fasi avanzate della fibrosi. La ragione del colore caratteristico è l'accumulo nel sangue di un pigmento giallo - la bilirubina, che in condizioni normali è completamente scomposta dal fegato. Man mano che si sviluppa il processo patologico, il fegato perde le sue funzioni e perde la sua capacità di espellere la bilirubina tossica, che si accumula gradualmente nei tessuti e nelle mucose.

    Rigonfiamento

    Con danni al fegato, l'edema è localizzato nella regione delle gambe e dei piedi, meno spesso nell'area dei fianchi e delle mani. La gravità di questo sintomo di solito aumenta la sera, specialmente nei casi in cui il paziente è costretto a rimanere in una posizione statica per lungo tempo.

    Scolorimento delle urine

    Con la fibrosi si nota un oscuramento dell'urina, acquisisce il colore della birra, che è associato ad un aumento della concentrazione di bilirubina e uno dei prodotti intermedi del suo metabolismo - urobilinogeno.

    La comparsa di xantelasma e xantoma

    Queste sono formazioni sottocutanee morbide, di piccole dimensioni, sporgenti sopra la superficie della pelle. Piccoli noduli ovali o arrotondati sono solitamente localizzati nelle palpebre, nelle suole o nei palmi, ma possono anche apparire in altre parti del corpo. Formazioni simili si verificano sullo sfondo di disturbi del metabolismo lipidico, aumento dei livelli di acidi grassi e colesterolo nel sangue e loro deposizione nel derma.

    ascite

    Una condizione patologica accompagnata da accumulo di liquido nella cavità addominale. La causa dell'ascite è l'ipertensione portale e una diminuzione del livello di albumina nel plasma sanguigno. A causa dell'accumulo di liquidi, lo stomaco aumenta e può raggiungere dimensioni significative.

    Disordini mentali

    In violazione delle funzioni di disintossicazione del fegato, i prodotti di decadimento neurotossico entrano nel flusso sanguigno, che influisce negativamente sulle funzioni del cervello, del sistema nervoso e della salute mentale del paziente. Con la fibrosi epatica, si nota una diminuzione dell'umore, una sensazione di depressione, un umore pessimistico, aumento dell'ansia e dell'affaticamento, la comparsa di paure irragionevoli. I pazienti lamentano una debole concentrazione di attenzione, letargia, insonnia, nei casi più gravi, una tendenza al suicidio.

    Diagnostica

    Se si sospettano alterazioni fibrotiche nel fegato, il paziente dovrà sottoporsi a numerose procedure diagnostiche. Oltre all'esame visivo e all'anamnesi, il medico deve valutare lo stato mentale del paziente per determinare i segni di encefalopatia epatica risultante da un danno alle cellule cerebrali causato dalle tossine accumulate.

    I test di laboratorio includono:

    • analisi del sangue cliniche e biochimiche;
    • analisi delle urine;
    • esami del sangue immunologico.

    Un esame del sangue generale per la fibrosi mostrerà un aumento di VES, leucocitosi e una diminuzione del livello di emoglobina (anemia). Uno studio biochimico determina un aumento del livello di bilirubina, colesterolo, acidi biliari, un aumento di AST e ALT, fosfatasi alcalina. Un esame del sangue immunologico consente di scoprire le cause della fibrosi (ad esempio, per rilevare l'invasione parassitaria) e valutare lo stato immunitario del corpo.

    I metodi strumentali di ricerca epatica includono ultrasuoni, TC o risonanza magnetica, con i quali è possibile diagnosticare una vasta gamma di patologie. Inoltre, per determinare il grado di fibrosi, il medico può prescrivere i seguenti studi:

    • biopsia epatica;
    • il fibroscan è un tipo di ultrasuono che determina l'elasticità del parenchima epatico;
    • fibrotest, fibrospect, fibromax, fibrometer - varietà di analisi biochimiche del sangue, che consentono di giudicare il grado di lesioni fibrotiche del fegato.

    La forma della fibrosi epatica può essere stabilita in modo affidabile solo mediante esame al microscopio dei tessuti ottenuti mediante biopsia.

    Trattamento della fibrosi epatica

    Il trattamento della fibrosi è un compito complesso e responsabile. Non è stato creato un singolo farmaco in grado di sopprimere efficacemente i cambiamenti fibrotici. Pertanto, il trattamento della malattia include una serie di misure terapeutiche volte ad eliminare la causa principale della patologia e l'uso di vari farmaci che fermano le reazioni infiammatorie e inibiscono la formazione di tessuto fibroso.

    Per combattere le cause che contribuiscono allo sviluppo del processo patologico, vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

    • con epatite virale, vengono utilizzati agenti antivirali (Sofosbuvir, Ribavirin, Daclatasvir, ecc.);
    • con lesioni associate a infestazioni parassitarie e toxoplasmosi, vengono prescritti farmaci antielmintici e antiprotozoari, nonché antibiotici (azitromicina, spiromicina);
    • per le malattie cardiache che portano alla fibrosi cardiaca, vengono prescritti anticoagulanti e trombolitici per prevenire la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni;
    • i farmaci con un effetto disintossicante aiutano a rimuovere i prodotti di decomposizione che si accumulano nel sangue;
    • i farmaci coleretici eliminano il ristagno della bile, migliorano la sua escrezione dal fegato e aiutano a migliorare le condizioni di colecistite, colangite e altre malattie concomitanti;
    • enzimi (Mezim, Creon, Festal) migliorano il processo digestivo.

    Per eliminare le reazioni infiammatorie che si verificano nel fegato, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

    • i glucocorticoidi (prednisone, desametasone), che sono prescritti per molte patologie epatiche, hanno un potente effetto antinfiammatorio;
    • gli epatoprotettori (Carsil, Essential Forte, Hepabene, Silymarin) proteggono le cellule del fegato e contribuiscono al loro ripristino nelle prime fasi della fibrosi;
    • gli antiossidanti sono più efficaci in combinazione con gli epatoprotettori, bloccano attivamente l'effetto tossico dei radicali liberi;
    • citostatici - prescritti per processi autoimmuni e tumorali, bloccano la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali;
    • immunosoppressori: inibiscono l'attività del sistema immunitario nelle patologie epatiche autoimmuni, riducendo così la gravità del processo infiammatorio.

    Al fine di sopprimere l'attività delle cellule stellate che contribuiscono alla formazione del tessuto fibroso, vengono utilizzati vari tipi di antagonisti, agenti antiproliferativi, antiossidanti, ACE-inibitori e interferoni..

    Nelle ultime fasi del processo patologico che non è suscettibile di cure mediche, si deve ricorrere all'intervento chirurgico - trapianto di organi.

    Dieta per fibrosi epatica

    L'adeguamento dietetico è una parte importante di un trattamento completo. Con la fibrosi epatica, al paziente viene raccomandata un'alimentazione frazionata, per prevenire il ristagno della bile, è necessario mangiare spesso, in piccole porzioni. L'uso del sale è limitato, i piatti devono essere cotti a vapore, bolliti o in umido.

    Piatti fritti, al forno, marinate, sottaceti, carni affumicate sono esclusi dalla dieta, la passivazione non viene aggiunta alle zuppe. I grassi animali refrattari sono vietati per l'uso; l'accento dovrebbe essere posto sugli oli vegetali. Utili sono zuppe di verdure, cereali e latte, insalate e contorni di verdure, cereali viscosi, latticini, varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce.

    Quando la fibrosi epatica è esclusa dalla dieta:

    • pasticceria, cottura al forno;
    • caffè, cacao;
    • cioccolato;
    • gelato;
    • funghi;
    • cibo in scatola;
    • prodotti semi-finiti.

    Le bevande gassate e qualsiasi alcool sono completamente vietati..

    Prognosi di vita per fibrosi epatica

    Con questa patologia, la prognosi non è troppo favorevole. Se vengono rilevati cambiamenti fibrotici in una fase precoce, quindi con un trattamento tempestivo, circa il 70% dei pazienti torna alla vita normale. Nei casi avanzati, negli ultimi stadi della fibrosi, il rischio di morte è molto elevato.

    Quanti vivono con la fibrosi epatica? La risposta a questa domanda dipende da molti fattori: la causa principale della malattia, l'età del paziente, la presenza di malattie concomitanti e complicanze. L'ultimo stadio della fibrosi (cirrosi) è considerato irreversibile, ma con un trattamento di mantenimento il paziente vive da 3 a 7 anni.

    Se la malattia viene diagnosticata in modo tempestivo e trattata correttamente, la fibrosi può subire uno sviluppo inverso, il che significa che il paziente può vivere per molti anni seguendo le raccomandazioni mediche.

    Recensioni

    A suo marito è stata diagnosticata la colecistite, la colangite e il primo grado di fibrosi epatica. Si era lamentato del dolore alla mia parte destra per molto tempo, ma sono andato all'esame solo ora. Allo stesso tempo, non rifiuta la birra, i piatti fritti, le varie prelibatezze, le carni affumicate. Quindi si lamenta del deterioramento della salute. Il medico ha prescritto molti farmaci, ha affermato che se si avvia il processo, la cirrosi è inevitabile. E devi seguire una dieta rigorosa. Come mio marito rinuncerà a tutti i piaceri di questa vita, non lo so nemmeno. Ma mentre è un po 'sintonizzato per un trattamento serio.

    Ho l'epatite C genotipo 1, che è considerato il più grave. E ora hanno diagnosticato la fibrosi epatica del secondo stadio (F2). Esiste un trattamento lungo e costoso a base di interferone e ribaverina, farmaci + livello + alfa. Il medico spera che la terapia farmacologica aiuti a sconfiggere il virus dell'epatite e rallenti la degenerazione delle cellule del fegato.

    Metodi di trattamento e prevenzione della fibrosi epatica di 2 ° grado

    La fibrosi si chiama degenerazione diffusa del fegato. Invece delle cellule parenchimali, cresce il tessuto connettivo grossolano. In caso di malattia, il corpo non pulisce completamente il sangue, produce bile e ormoni coinvolti nel metabolismo.

    Hai mai avuto un'ecografia del fegato?

    La malattia si verifica sullo sfondo di un'infiammazione prolungata di una forma cronica ed è asintomatica. Quando viene diagnosticata la fibrosi di grado 2, il fegato richiede cure mediche intensive. La sconfitta dell'organo in questa fase è reversibile. Con le forme avanzate della malattia, sono possibili gravi complicazioni fatali.

    Panoramica sulla fibrosi

    La fibrosi in medicina si riferisce a una condizione in cui il tessuto epatico rinasce. Si trasforma in un connettivo, portando alla necrosi. All'inizio, la malattia non si manifesta e questa situazione può durare da diversi mesi a 10 anni. Successivamente, la patologia passa al secondo grado, che inizia ad essere accompagnato da sintomi di un generale deterioramento del benessere. Il quarto e il quinto stadio della malattia portano alla cirrosi epatica.

    Metavir.

    Il sistema di punteggio del metavir è stato specificamente progettato per i pazienti con epatite C. Questo sistema prevede l'uso della stadiazione e della gradazione.

    Grado di

    caratterizzare l'attività dell'infezione o il livello di infiammazione e
    palcoscenico
    (
    fase
    ) dà un'idea della quantità di tessuto fibroso o cicatrici.

    Al grado viene assegnato un punteggio basato sulla gravità dell'infiammazione, di solito da 0 a 4 punti (0 indica nessuna infiammazione e 3 o 4 indicano un'infiammazione grave). La quantificazione dell'infiammazione è importante perché l'infiammazione del fegato è un precursore della fibrosi.

    Indice di attività istologica:

    componentiGamma di valutazione digitale
    1. Necrosi periportale con o senza necrosi a ponte0-10
    2. Degenerazione intralobulare e necrosi focale0-4
    3. Infiammazione del portale0-4
    4. Fibrosi0-4

    Scala METAVIR. Fasi di attività istologica

    Necrosi a gradiniInfiammazione lobulareIGA
    0 (no)0 (no o soft)A0
    1 (moderato)A1
    2 (espresso)A2
    1 (morbido)0, 1A1
    2A2
    2 (moderato)0, 1
    2A3
    3 (espresso)0, 1, 2

    Allo stadio della fibrosi viene anche assegnato un punteggio da 0 a 4:

    • 0 = nessuna cicatrice
    • 1 = cicatrici minime
    • 2 = si verificano cicatrici che si estendono oltre le aree del fegato contenenti vasi sanguigni.
    • 3 = colmare la fibrosi diffusa, aree fibrose interconnesse
    • 4 = cirrosi o cicatrici profonde del fegato.

    Knodel

    Questo metodo, a volte chiamato il metodo dell'attività istologica (MHA), è anche ampiamente usato per determinare la fase della malattia epatica. È un po 'più complicato di Metavir, tuttavia alcuni esperti lo considerano uno strumento più accurato per determinare la gravità dell'infiammazione e del danno epatico. Il metodo consiste nell'assegnare quattro punti separati, che insieme formano un singolo indice.

    Il primo componente dell'indice (necrosi periportale e / o ponte) varia tra 0-10. I seguenti due componenti (necrosi dei lobi del fegato e infiammazione portale) variano da 0 a 4. La combinazione di questi tre marcatori indica il grado di infiammazione del fegato.

    • 0 = nessuna infiammazione
    • 1-4 = infiammazione minima
    • 5-8 = leggera infiammazione
    • 9-12 = infiammazione moderata
    • 13-18 = infiammazione significativa

    Il quarto componente indica il grado di cicatrici del fegato e varia da 0 (senza cicatrici) a 4 (cicatrici estese o cirrosi).

    Caratteristiche del decorso della malattia 2 gradi

    La fibrosi epatica di secondo grado è caratterizzata dalla comparsa di cicatrici sui tessuti, che successivamente porta alla sostituzione di cellule normali con cellule atipiche. Il tessuto fibroso o adiposo risultante è la prova di un processo patologico che si verifica nell'organo associato alla morte degli epatociti. A causa dello sviluppo della malattia, il ferro non può svolgere le sue funzioni. Inoltre, nella fase 2 della fibrosi, il fegato perde la capacità di guarire.

    Esistono diversi tipi di fibrosi epatica. Sono divisi per i motivi dello sviluppo della malattia e della localizzazione del focus del tessuto sostituito:

    1. Perductal. Questo tipo viene diagnosticato in caso di guasti durante il deflusso della bile. La fibrosi è localizzata in luoghi in cui corrono i dotti escretori.
    2. Setto. Questa forma è caratterizzata dalla presenza di una grande quantità di tessuto di organi morti..
    3. Misto. Combina eventuali manifestazioni e varie localizzazioni di altri tipi di fibrosi.
    4. Pericellulare. Il processo è solitamente associato alle cellule del fegato e si trova intorno a esse..
    5. venulare In questo caso, la malattia è localizzata al centro dell'organo.

    Sintomi

    Il tessuto epatico non ha terminazioni nervose, quindi per lungo tempo il processo infiammatorio è invisibile al paziente. Dall'apparizione dei primi focolai di fibrosi allo sviluppo del secondo stadio, dovrebbero passare almeno cinque anni. A questo punto, la milza aumenta, la funzione secretoria del fegato è compromessa, questo porta a un fallimento metabolico.

    È interessante: fibrosi epatica periportale: cause, sintomi e trattamento

    Possono verificarsi segni di fibrosi epatica:

    • generale deterioramento del benessere;
    • debolezza
    • sonnolenza
    • fatica;
    • improvvisi salti di peso in direzione di diminuzione o aumento;
    • perdita di appetito;
    • disturbi circolatori, insorgenza di vene del ragno.

    Il dolore sordo nella proiezione del fegato non appare in tutti. I medici vengono spesso consultati con sospetti di altre malattie, si manifestano i sintomi della fibrosi:

    • anemia (a causa di danni al tessuto epatico, calo dei livelli di emoglobina);
    • indigestione (nausea, vomito, diarrea o difficoltà a defecare);
    • disturbo del sonno (l'insonnia è accompagnata da una maggiore irritabilità caratteristica delle interruzioni ormonali);
    • mal di testa persistente (a causa di intossicazione generale del corpo a causa di disturbi metabolici).

    La malattia viene rilevata sulla base di:

    • esami del sangue e delle urine;
    • diagnostica delle radiazioni (ultrasuoni, TC, raggi X rivelano cambiamenti strutturali nei tessuti);
    • biopsie epatiche.

    Cause e fattori di rischio

    Esistono diversi punti principali che formano un gruppo a rischio. Secondo lei, ci sono alcune malattie e fattori che possono provocare lo sviluppo della fibrosi. Tra loro:

    • bere alcolici a lungo;
    • predisposizione ereditaria;
    • malattie croniche del fegato e del sistema endocrino;
    • diabete;
    • peso in eccesso;
    • suscettibilità congenita alla malattia.

    Certo, non solo le persone a rischio sono malate. Le ragioni per lo sviluppo della patologia epatica possono essere:

    • epatite B, C, D;
    • hepatosis;
    • malattie di natura virale (forme acute e croniche);
    • immunità ridotta;
    • ristagno di sangue venoso nei vasi del fegato;
    • malattia del tratto biliare;
    • epatite autoimmune e tossica;
    • uso di droghe antitumorali.

    A volte la malattia si sviluppa a causa della presenza di altre malattie nel paziente che impediscono al fegato di svolgere le sue funzioni dirette. In questo caso, il tessuto può anche iniziare a morire e si svilupperà la fibrosi..

    Le forme

    In base al grado di prevalenza e localizzazione del processo patologico, si possono distinguere diverse forme principali del decorso della malattia:

    • venular: il focus si trova nella parte centrale dell'organo;
    • pericellulare: l'infiammazione si concentra principalmente attorno agli epatociti;
    • settale: presenza di ampie aree necrotiche, formazione di un gran numero di setti fibrosi;
    • periduttale - caratterizzato da tessuto connettivo in costante crescita situato intorno ai canali biliari;
    • forma mista - la variante più comune di fibrosi, che include tutti i sintomi sopra descritti.

    Il tasso di sviluppo della fibrosi dalla fase iniziale all'ultima fase è determinato principalmente dal tipo di patologia.

    • Una forma non cirrotica può svilupparsi con varie gravi malattie infettive. In questo caso, può svilupparsi un cambiamento sclerotico, trombosi nei vasi epatici. Questa patologia è spesso il risultato di un consumo eccessivo di alcol, della presenza di epatite di varia natura, esposizione a sostanze tossiche, uso incontrollato di farmaci.
    • La forma periportale è integrata dall'ipertensione congestizia ed è caratterizzata da una maggiore gravità del decorso. La malattia inizia con danni da parassiti, che si verificano attraverso l'acqua contaminata. Questa forma è pericolosa con gravi complicazioni quando l'elminto entra nel corpo umano..

    Sintomatologia

    Al primo stadio, la fibrosi è quasi asintomatica, ma la seconda persona può notare cambiamenti patologici nel suo benessere generale. La malattia si manifesta come segue:

    • debolezza, sonnolenza;
    • disturbi emotivi: irritabilità, depressione;
    • frequenti epistassi;
    • manifestazioni di ematomi anche con lievi lesioni;
    • frequenti malattie infettive;
    • anemia.

    Spesso, la fibrosi epatica di 2 ° grado, le persone non prendono per una malattia, ma per uno stato di affaticamento, sonnolenza o impatto di una cattiva ecologia. Se trovi due o tre sintomi nell'elenco, devi immediatamente andare in ospedale per un esame completo e dettagliato. Ciò contribuirà a prevenire l'aggravamento della malattia e l'insorgenza di processi irreversibili nel corpo..

    Fase (grado) di sviluppo

    Le tattiche del trattamento dipendono dalla forma attuale e dallo stadio di sviluppo della fibrosi epatica. L'ultimo indicatore è determinato dalla biopsia, dopo di che i tessuti degli organi vengono inviati per l'esame istologico.

    Nella medicina moderna, vengono utilizzate varie gradazioni per determinare l'attuale stadio di sviluppo della fibrosi. Secondo la scala Metavir (METAVIR), si distinguono i seguenti gradi:

    1. Condizioni normali. Tessuto fibroso assente nel fegato.
    2. Una leggera deviazione dalla norma. Una piccola quantità di tessuto fibroso viene rilevata nel fegato, ma non ci sono setti. Inoltre, vi è un'espansione della bile e altri condotti, che assumono la forma di stelle.
    3. Sviluppo moderato di fibrosi. Nei lobuli del fegato vengono rilevati setti, i vasi e i dotti sono dilatati.
    4. Proliferazione significativa del tessuto fibroso.
    5. Cirrosi epatica.

    Nonostante un approccio leggermente diverso alla gradazione delle fasi di sviluppo della fibrosi, gli stessi segni si distinguono in ogni scala.

    Procedure diagnostiche

    All'inizio, la patologia epatica è asintomatica non solo per il paziente, ma anche per il medico diagnostico. Tuttavia, il secondo stadio è già in grado di manifestarsi in alcuni tipi di ricerca.

    Prima, le malattie del fegato di qualsiasi natura erano rilevate solo mediante ultrasuoni e biopsia. Ora esiste un nuovo tipo di diagnosi: la fibroscopia. Utilizzando la procedura, grazie agli impulsi emessi di tipo elettromagnetico, vengono visualizzate le aree dell'organo sottoposte a cicatrici. Oltre alla fibroscopia, viene utilizzato un esame del sangue biochimico per rilevare la malattia..

    previsione

    È impossibile fare una prognosi accurata per la fibrosi epatica. Ciò è in parte dovuto al fatto che è impossibile determinare il tasso di sostituzione di un tessuto con un altro. Inoltre, i medici non possono stabilire la data esatta in cui questo processo diventa irreversibile. È inoltre necessario considerare molti fattori concomitanti: l'età del paziente, la presenza di una malattia autoimmune, il corso di altre patologie e altro.

    A questo proposito, i medici fanno una previsione solo per l'ultimo stadio della fibrosi.

    Con una forma congenita della condizione patologica, nell'85% dei casi si osserva una sopravvivenza a 5 anni. Con l'epatite, questo indicatore scende al 38-46%. A causa della cirrosi biliare primaria, la morte si verifica nei primi 5 anni nel 44% dei casi.

    La più pericolosa è la combinazione di alcol e fibrosi epatica. Nei primi 5 anni, circa il 77% dei pazienti muore. E la sopravvivenza a 10 anni viene diagnosticata solo nel 7% dei casi.

    Trattamento

    I medici spesso discutono su come trattare la fibrosi epatica di grado 2. Il fatto è che la terapia farmacologica non aiuta sempre, ma è troppo presto per un trapianto di organi (come nelle fasi 4 e 5). In ogni caso, quando compaiono i primi sospetti di fibrosi, il medico prescrive una serie di test e studi. Aiuta a fare una diagnosi corretta..

    Se la presenza di fibrosi è confermata, la causa della sua formazione viene identificata per eliminare. Successivamente, cercano di sbarazzarsi dei processi patologici derivanti provocati dalla malattia e ridurre la gravità dei sintomi.

    Attenzione! La fibrosi può essere curata solo se la terapia è controllata da un medico e il paziente soddisfa tutti i requisiti e ha il desiderio di essere curato.

    Eliminazione della causa

    Quando viene identificata la causa della malattia, prescrivere la terapia. Ciò è necessario affinché il trattamento della fibrosi epatica di grado 2 sia efficace. A seconda del motivo dello sviluppo della malattia, il paziente viene trattato in modo diverso:

    1. Abuso di alcool. Il paziente deve essere alleviato dalla dipendenza. Altrimenti, il trattamento sarà insignificante..
    2. Epatite. Per eliminare la necessità di un numero di farmaci antivirali che combattono le infezioni e stimolano l'immunità umana.
    3. Avvelenamento da tossine. È importante purificare il corpo dalla tossina intrappolata. Per fare questo, vengono prescritti preparati epatici.
    4. Malattia autoimmune. Il trattamento richiede farmaci che alleviano il processo infiammatorio e bloccano l'attacco di cellule sane.

    Consigli! Solo un medico può consultare individualmente un elenco completo delle cause dello sviluppo della malattia e dei modi per mantenere il fegato.

    Supporto farmacologico

    Nel trattamento della fibrosi epatica di 2 ° grado, vengono sempre utilizzati farmaci. Possono essere utilizzati non solo per eliminare la causa della malattia, ma anche per alleviare i sintomi concomitanti:

    1. Antistaminici. Utilizzato per alleviare il prurito e il rossore della pelle.
    2. Antidepressivi e sedativi. Sono prescritti se il paziente sviluppa disturbi psicologici, ad esempio depressione, ansia e irritabilità.
    3. Analgesici. L'uso di questi agenti è necessario in caso di emicrania frequente e dolore muscolare.
    4. Vitamine Con una diminuzione dell'immunità, devono essere presi per migliorare la salute generale del paziente e aumentare la resistenza del corpo alle malattie.

    Il medico può anche prescrivere altri farmaci per eliminare i sintomi associati alla fibrosi. Dipende dal benessere generale del paziente e dal decorso della malattia..

    Quali sono questi cambiamenti nel fegato??

    Il fegato ha strutture cellulari passive responsabili della sintesi delle proteine ​​del collagene. Sotto l'influenza di fattori patogeni, le cellule diventano attive e inizia la formazione di fibre del tessuto connettivo.

    La produzione di fibre di collagene è un meccanismo protettivo. Il tessuto connettivo è necessario per proteggere gli epatociti affetti da parti sane del fegato. In questo caso, all'interno del corpo compaiono formazioni cicatrici. Quindi inizia la fibrosi.

    La produzione avviata di collagene non può essere fermata. La proliferazione diffusa del tessuto connettivo interrompe l'afflusso di sangue al parenchima e accelera la morte delle cellule del fegato.

    L'insidiosità della fibrosi è che i primi cambiamenti nel parenchima sono asintomatici. Segni di deterioramento del benessere compaiono quando un gran numero di epatociti è morto e le cellule epatiche rimanenti non sono in grado di eseguire completamente la disintossicazione del sangue.

    Dieta

    Con la fibrosi, è necessario aderire all'alimentazione dietetica n. 5 secondo Pevzner. Con questa malattia, vale la pena escludere e ridurre al minimo l'assunzione di determinati alimenti:

    Inoltre, non dovresti mangiare cibi che causano diarrea, gas e gonfiore. La loro assunzione influisce negativamente sul decorso del processo patologico nel fegato. È meglio stufare o cucinare il cibo. I cibi fritti, piccanti e grassi influenzano negativamente il corpo ed esacerbano il decorso della malattia..

    Mangia 4-5 volte al giorno, in piccole porzioni. Devi bere circa 2 litri di acqua al giorno in modo che il fegato possa purificarsi.

    È trattato?

    I pazienti, dopo aver rivelato le cicatrici del tessuto connettivo nel fegato e aver preso conoscenza del tipo di patologia che sono, ritengono che lo sviluppo di nodi fibrosi nel fegato sia irreversibile.

    Alcuni, alla ricerca di modi per curare la fibrosi, rifiutano la terapia farmacologica, ricorrono o usano rimedi popolari. Tali misure aggravano solo le condizioni del fegato. Valuta se la fibrosi è in trattamento.

    Una persona sana aggiorna costantemente le cellule del fegato. I vecchi epatociti muoiono e vengono sostituiti da nuovi. Con la fibrosi, l'equilibrio tra cellule morte e nuove viene disturbato: vengono distrutte più strutture cellulari di quelle formate.

    Se la causa del processo patologico viene eliminata e il decadimento cellulare viene rallentato, è possibile fornire una rigenerazione parziale degli organi a causa della sintesi di nuove cellule epatiche.

    Rimedi popolari

    Con la fibrosi, i rimedi popolari vengono solitamente utilizzati come metodo di trattamento aggiuntivo. La medicina alternativa è in grado di mantenere lo stato dell'organo durante la terapia di base, ha un effetto positivo sui tessuti durante la remissione e per la prevenzione delle esacerbazioni.

    Molto spesso vengono utilizzate le seguenti ricette:

    1. Semi di cardo mariano. Sono posti in un thermos o una tazza, versati con acqua bollente (in proporzioni 1/3) e lasciati insistere per 3-4 ore. Per una corretta preparazione dell'infusione, i piatti devono essere chiusi con un coperchio. Lo strumento promuove il deflusso della bile e migliora l'immunità.
    2. Cinquefoil bianco. Le radici delle piante tritate finemente (50 g) devono essere versate con vodka (0,5 l). La composizione è insistita per circa un mese. Prendi una medicina di 20 gocce, lavata con abbondante acqua. Nota: il farmaco è controindicato nelle persone che hanno una malattia a causa della brama di alcol..
    3. Olio d'oliva. Deve essere miscelato con miele in proporzioni da 1 a 1. La miscela è in grado di pulire i dotti biliari.

    L'uso della medicina tradizionale deve essere consultato con il medico. Non è solo una possibile reazione allergica ai componenti del farmaco, ma anche alcune controindicazioni per fibrosi o altre malattie esistenti.

    Scala del metavir, gradi

    Per valutare la gravità della fibrosi, viene utilizzata la scala Metavir, che comprende 5 fasi:

    1. Zero Il fegato è sano Non ci sono segni di fibrosi..
    2. Il primo. A causa delle cicatrici fibrose, l'afflusso di sangue al parenchima è compromesso. Conservato oltre l'85% dei tessuti sani.
    3. Il secondo. Le cicatrici fibrose occupano fino al 50% del volume totale degli organi. C'è un'espansione del tratto biliare. Si notano i primi segni di disfunzione epatica.
    4. Il terzo. Gli elementi del tessuto connettivo sono sostituiti da oltre il 70% di epatociti. L'organo è notevolmente ingrandito, tutte le funzioni sono compromesse.
    5. Il quarto. Circa il 10% delle cellule del fegato viene trattenuto. I processi irreversibili si sviluppano nel corpo. Le condizioni di una persona sono serie.

    Possibili complicazioni

    La fibrosi, che si trova in qualsiasi fase dello sviluppo, diventa una causa di funzioni compromesse svolte dal fegato. In futuro, questo porta a molte malattie diverse. Prima di tutto, la morte dei tessuti provoca insufficienza epatica e ipertensione portale.

    Un'altra complicazione della fibrosi di secondo grado può essere l'espansione delle vene nella cavità addominale, che provoca numerosi sanguinamenti e infiammazioni interne. Inoltre, la cirrosi epatica, che si sviluppa nella quinta fase della fibrosi, diventa la conseguenza più comune. Spesso si riscontrano anche grave fallimento e sviluppo del tumore..

    Prognosi per epatite C e altre patologie

    Con una forma lenta di fibrosi, è del tutto possibile curare una malattia di 2 gradi. Gli studi hanno dimostrato che con una terapia adeguata, le cicatrici si dissolvono, le cellule funzionali vengono gradualmente ripristinate. La riabilitazione richiede dieta, esercizio fisico moderato.

    Se il processo di degenerazione dei tessuti non si interrompe, la fibrosi di grado 2 diventa la causa di cirrosi (decomposizione necrotica del fegato), carcinoma (lesioni tumorali), ascite (idropisia sullo sfondo dell'infiammazione peritoneale), espansione venosa, causando sanguinamento.

    Con lo sviluppo attivo della fibrosi nelle fasi 3 e 4, viene inibito il lavoro di altri organi, si verificano insufficienza renale, infiammazione della milza, disfunzione dello stomaco, dell'intestino, dell'area genitale.

    Cause di fibrosi epatica

    Come sapete, il fegato è uno degli organi principali di una persona, che è coinvolto nel metabolismo e purifica il corpo dalle sostanze nocive dal cibo, dalle bevande, dal tratto respiratorio e dalla pelle. Consideriamo più in dettaglio le possibili cause dell'insorgenza del processo infiammatorio e della proliferazione del tessuto epatico:

    1. Epatite C. La malattia virale è la principale causa di danno epatico, ma anche altri organi possono essere devastanti. L'epatite innesca il meccanismo di distruzione dell'integrità del nostro "filtro" e lo rende rapidamente inutilizzabile. Le conseguenze sono: cirrosi, insufficienza epatica acuta, carcinoma epatocellulare, cancro.
    2. Alcol. Se abusi di una cattiva abitudine contro l'epatite C per più di 8 anni, alla maggior parte delle persone verrà diagnosticata la fibrosi. Le sostanze velenose contenute nell'etanolo influenzano negativamente tutti i sistemi del corpo, riducendo l'immunità - questo porta a malattie.
    3. Fattore ereditario. La predisposizione genetica del bambino alla malattia implica un'eccessiva produzione di collagene, la sostanza non ha il tempo di essere processata nel corpo e inizia la distruzione dell'organo.

  • Fallimenti nel sistema genito-urinario. Con il blocco del tratto biliare, inizia l'intossicazione del corpo.
  • Lavoro errato del sistema cardiovascolare. Una cattiva circolazione sanguigna provoca stagnazione e carenza di ossigeno nell'organo.
  • Terapia antibiotica a lungo termine. Con una terapia farmacologica selezionata in modo improprio per qualsiasi malattia, l'intero onere ricade sul "filtro" principale del corpo.
  • Nella fase iniziale, la fibrosi epatica è curabile, quindi è così importante consultare un medico in modo tempestivo e sottoporsi a un esame completo.

    Trattamento della fibrosi epatica di 2 ° grado

    Ci vogliono circa quattro anni affinché la fibrosi del primo stadio diventi fibrosi epatica di 2 ° grado. Già nelle fasi iniziali della malattia, muore un gran numero di epatociti, che influenza negativamente il funzionamento del fegato e l'implementazione delle funzioni di base dell'organo.

    Oggi, gli esperti identificano molte diverse cause di fibrosi. Spesso, la malattia si verifica a causa della scarsa eredità o della presenza di patologie congenite, nonché dopo assunzione prolungata o incontrollata di determinati farmaci, alcol o a seguito di avvelenamento con sostanze tossiche.

    Le principali cause della comparsa di fibrosi del secondo stadio:

    • epatite virale (B, C, D), accompagnata dal verificarsi di infiammazione acuta;
    • varie infezioni virali in forme acute e croniche (mononucleosi infettiva);
    • infezione da citomegalovirus (un tipo di herpes);
    • consumo di alcol a lungo termine (oltre otto anni);
    • un forte indebolimento del sistema immunitario;
    • epatite autoimmune, quando il corpo distrugge in modo indipendente cellule epatiche sane;
    • deviazione nel funzionamento del tratto biliare;
    • la presenza della malattia del calcoli biliari;
    • sviluppo di epatite tossica, accompagnata da danno epatico da vari veleni, sostanze, ecc.;
    • l'uso di determinati farmaci (usati nel trattamento di tumori, reumatismi, ecc.);
    • congestione venosa nei vasi epatici.

    Importante! Peso eccessivo, diabete, mancanza di nutrienti essenziali possono causare fibrosi.

    Sintomi e prognosi

    Segni di fibrosi epatica possono verificarsi cinque anni dopo l'inizio del processo patologico. Spesso la malattia è già accompagnata da 2 fasi della malattia:

    • un aumento delle dimensioni dell'organo;
    • trombocitopenia;
    • sanguinamento dall'esofago;
    • milza ingrossata.

    La fibrosi, che limita il normale funzionamento del fegato, spesso causa cirrosi, nonché l'insorgenza di insufficienza epatica, ipertensione portale. Questa fase non è curabile e richiede un trapianto di fegato. Il primo e il secondo stadio spesso procedono senza sintomi pronunciati. Pertanto, in questa fase, la malattia è difficile da diagnosticare. Il secondo stadio può essere accompagnato da infiammazione e ingrossamento della milza. Allo stesso tempo, il numero di cellule del sangue (leucociti, piastrine) diminuisce, causando anemia, anemia. Il tessuto epatico cambia in modo significativo.

    Importante! Con l'inizio tempestivo della terapia nella seconda fase, la prognosi per il recupero è favorevole.

    Il tasso di progressione dipende direttamente dalla gravità dei processi infiammatori nel fegato. L'ulteriore sviluppo della malattia (stadio 3 e 4) può causare cirrosi, insorgenza di vene varicose di questo organo, emorragia, cicatrici.

    La prognosi per la fibrosi di secondo grado dipende non solo dalla suscettibilità individuale del corpo al trattamento farmacologico, ma anche dalla normalizzazione dello stile di vita e della dieta.

    In base al grado di prevalenza e localizzazione del processo patologico, si possono distinguere diverse forme principali del decorso della malattia:

    • venular: il focus si trova nella parte centrale dell'organo;
    • pericellulare: l'infiammazione si concentra principalmente attorno agli epatociti;
    • settale: presenza di ampie aree necrotiche, formazione di un gran numero di setti fibrosi;
    • periduttale - caratterizzato da tessuto connettivo in costante crescita situato intorno ai canali biliari;
    • forma mista - la variante più comune di fibrosi, che include tutti i sintomi sopra descritti.

    Il tasso di sviluppo della fibrosi dalla fase iniziale all'ultima fase è determinato principalmente dal tipo di patologia.

    • Una forma non cirrotica può svilupparsi con varie gravi malattie infettive. In questo caso, può svilupparsi un cambiamento sclerotico, trombosi nei vasi epatici. Questa patologia è spesso il risultato di un consumo eccessivo di alcol, della presenza di epatite di varia natura, esposizione a sostanze tossiche, uso incontrollato di farmaci.
    • La forma periportale è integrata dall'ipertensione congestizia ed è caratterizzata da una maggiore gravità del decorso. La malattia inizia con danni da parassiti, che si verificano attraverso l'acqua contaminata. Questa forma è pericolosa con gravi complicazioni quando l'elminto entra nel corpo umano..

    Diagnostica

    Come notato sopra, la malattia nella fase 2 è abbastanza difficile da diagnosticare, poiché il più delle volte la fibrosi in questa fase non è accompagnata da problemi significativi nel funzionamento dell'intero organismo. I primi segni compaiono solo dopo alcuni anni nel processo di lento sviluppo della patologia. Per determinare il grado di fibrosi, gli specialisti hanno sviluppato vari metodi:

    • condurre un esame del sangue speciale per determinare il numero di marcatori specifici;
    • Analisi delle urine;
    • esame ecografico degli organi addominali;
    • metodo di radionuclide per lo studio del fegato (scansione mediante indicatori radioattivi);
    • biopsia.

    Una biopsia è il modo più efficace e informativo per diagnosticare la fibrosi: consente di stabilire non solo il fatto della presenza della malattia, ma anche di determinarne lo stadio. Una particella di tessuto dell'organo interessato viene rimossa con un ago speciale, a cui viene aggiunto un colorante speciale. Dopo di che il campione viene esaminato al microscopio. Questo metodo diagnostico consente di tenere traccia del grado di sviluppo delle anomalie fibrotiche..

    Importante! Gli esperti raccomandano una biopsia almeno una volta ogni tre anni. Ciò ti consentirà di tenere traccia delle dinamiche della malattia e di adeguare tempestivamente la terapia.

    Ai primi sintomi e sospetti della presenza di fibrosi, è necessario raccogliere una storia medica completa, per chiarire la presenza di malattie epatiche ereditarie. In precedenza, si presumeva che il processo di sostituzione del tessuto fibroso sano fosse irreversibile, ma gli studi degli ultimi anni dimostrano la possibilità del contrario con una terapia adeguata.

    Il trattamento della fibrosi di secondo grado dovrebbe essere basato su un approccio integrato, che influenza le conseguenze della malattia e la causa del processo patologico. È impossibile dire inequivocabilmente come trattare il secondo stadio. Tuttavia, esiste un principio generale di trattamento, costituito da tre fasi: eliminazione della causa, trattamento dei cambiamenti patologici, riduzione della gravità dei sintomi concomitanti.

    Eliminazione della causa

    Se gli specialisti sono riusciti a scoprire la causa della malattia, è necessario iniziare il trattamento della fibrosi di grado 2 con terapia eziotropica.

    • Se abusi di alcol, dovresti salvare il paziente dalla dipendenza da alcol. L'uso di altri metodi di terapia è inutile se la causa non viene eliminata..
    • Per l'epatite causata dal virus, vengono utilizzati preparati di interferone (Viferon), che eliminano l'infezione e hanno un effetto immunomodulante.
    • Se la causa era l'uso di droghe o avvelenamento tossico, allora smetti di avvelenare e disintossicare.
    • Quando si verifica un disturbo autoimmune, il trattamento inizia con l'uso di farmaci corticosteroidi (Prednisolone), che aiutano a ridurre l'infiammazione, nonché gli immunosoppressori che riducono l'attività delle immunoglobuline che attaccano le cellule sane (Azatioprina).

    Terapia dei cambiamenti patologici

    Quando altre malattie croniche o acute di vari organi e sistemi sono diventate la causa della fibrosi di secondo grado, in questo caso la terapia dovrebbe essere mirata ad eliminare i cambiamenti patologici nel corpo.

    • Terapia dei processi congestivi nei dotti biliari. Per questo, vengono utilizzati farmaci coleretici (Allohol, Oxafenamide), antispasmodici, se non ci sono calcoli (No-shpa, Drotaverin).
    • Trattamento dell'ipertensione portale. A tale scopo, i diuretici (Furosemide) vengono utilizzati per aiutare a rimuovere il liquido in eccesso dalla cavità addominale..
    • Purifica il corpo da sostanze tossiche, rimuovendo l'eccesso di rame che può accumularsi nei disturbi del metabolismo epatico.
    • Al fine di ripristinare le cellule epatiche (epatociti) danneggiate e protette, vengono utilizzati epatoprotettori (Ursokhol, Essentiale).

    Ridurre la gravità dei sintomi concomitanti

    Le deviazioni nel fegato anche nel secondo stadio sono spesso accompagnate da vari sintomi.

    • Gli antistaminici (Loratadin, Suprastin) vengono utilizzati per eliminare le eruzioni cutanee..
    • Inoltre, la fibrosi epatica è spesso accompagnata da depressione. In questo caso, si consiglia l'uso di antidepressivi (Newwell, Paxil).
    • In presenza di sintomi dolorosi concomitanti, ad esempio mal di testa, vengono utilizzati analgesici (paracetamolo, analgin, nurofen).
    • In presenza di affaticamento, riposo e riposo, sono indicati una dieta equilibrata, l'assunzione di complessi vitaminici (Duovit, Vitrum).

    Studi recenti hanno dimostrato che l'infiammazione nei tessuti connettivi del fegato è reversibile, soprattutto se il trattamento è iniziato non oltre il secondo stadio della malattia e può essere curato terapeuticamente. Il moderno mercato farmaceutico offre speciali farmaci antifibrotici che possono fermare l'accumulo di cellule fibrose e la formazione di tessuto fibroso. Tuttavia, l'efficacia e la sicurezza di questi farmaci non sono ancora dimostrate..

    Medicina tradizionale

    Se la fibrosi epatica viene trattata in modo completo, in questo caso, insieme al trattamento farmacologico, viene indicata la terapia con la medicina tradizionale. Inoltre, durante il periodo di remissione è indicato un trattamento non farmacologico per ridurre la probabilità di recidiva. Vengono utilizzati i seguenti metodi di trattamento:

    Per migliorare il deflusso della bile e rafforzare l'immunità, viene utilizzata la tintura preparata da semi di cardo mariano macinato. Questo strumento ha un effetto epatoprotettivo. Per inibire la crescita del tessuto fibroso, viene utilizzata la tintura di cinquefoil bianco. Per fare questo, dieci grammi di radici di erba secca vengono mescolati con cento millilitri di vodka, lasciati in infusione per trenta giorni. Dopo questo, il farmaco viene utilizzato due volte al giorno per venti o trenta gocce, lavato con acqua.

    Importante! Non è raccomandato l'uso di tinture contenenti alcol nel trattamento della fibrosi epatica quando la malattia è causata da epatite alcolica.

    Il colagogo e l'effetto immunomodulante possono essere raggiunti usando un decotto di rosa canina.

    Per preparare il brodo, il frutto viene versato con acqua calda e insistito in un thermos durante la notte. Applicare un paio di cucchiai tre volte al giorno. Per ottenere un effetto coleretico, usa un decotto di stimmi di mais. Tale agente ha un effetto antinfiammatorio, è indicato per il ristagno patologico della bile. Un decotto aiuta a dissolvere i calcoli. L'olio d'oliva ha anche un effetto coleretico. È particolarmente efficace usare l'olio in combinazione con il miele, mescolando i componenti in parti uguali. Dovrebbe essere chiaro che questo tipo di pulizia non influenza il processo di cicatrici nel fegato, ma aiuta piuttosto ad eliminare i sintomi associati..

    complicazioni

    In assenza di un trattamento tempestivo, la fibrosi di secondo grado può portare allo sviluppo di gravi complicanze e conseguenze negative.

    • La complicazione della fibrosi e il passaggio dalle prime fasi della malattia a quella successiva, lo sviluppo della cirrosi.
    • L'accumulo di grandi quantità di liquido e lo sviluppo dell'infiammazione nella cavità addominale.
    • Espansione significativa delle vene dell'esofago, sanguinamento venoso.
    • Disturbi della coscienza, accompagnati da funzionalità muscolare compromessa.
    • Lo sviluppo di un tumore al fegato (carcinoma).
    • Grave insufficienza renale.
    • Lo sviluppo di malattie degli organi colpite da disturbi al fegato (anomalie nello stomaco, nell'intestino, nell'anemia, nella sterilità).

    Conclusione

    La malattia può essere sconfitta solo in collaborazione con specialisti qualificati che aiuteranno a stabilire la causa della fibrosi e prescrivere un trattamento efficace, prevenendo lo sviluppo della malattia nelle fasi successive. Il verificarsi di fibrosi epatica di secondo grado è un incentivo per una persona a riconsiderare il suo stile di vita. Il paziente deve rinunciare a cattive abitudini, bere alcolici, fumare, cibi fritti e affumicati.

    • esercizio regolare;
    • minimizzazione di situazioni stressanti;
    • buon riposo;
    • mangiare sano; esclusione dell'alcool.

    La fibrosi è un processo patologico nel fegato, in cui, sullo sfondo dell'infiammazione, il tessuto connettivo diventa più denso e cresce.

    L'inizio della malattia viene diagnosticato se esposto a una varietà di fattori avversi.

    Il trattamento della fibrosi epatica di secondo grado viene effettuato con l'uso della terapia farmacologica.

    Cause, sintomi della malattia

    Esistono varie cause di fibrosi epatica di secondo grado. Molto spesso, il processo patologico si sviluppa sullo sfondo di:

    • Malattie virali
    • Infezione da citomegalovirus
    • Epatite virale
    • Monoculosi infettiva
    • Consumo di alcool
    • Malattie del tratto biliare

    Inoltre, la patologia può svilupparsi con il blocco dei dotti biliari. Abbastanza spesso, la causa della malattia è l'uso costante di droghe. In caso di funzionalità del sistema immunitario compromessa, è anche possibile diagnosticare una malattia..

    Durante il processo patologico, i pazienti hanno sintomi pronunciati, il cui sviluppo è osservato per cinque anni.

    Quando si esamina il paziente, si osserva un aumento dell'organo. Abbastanza spesso, ai pazienti viene diagnosticato un sanguinamento dall'esofago. Nel corso del processo patologico, si può osservare la trombocitopenia. In alcuni casi, il processo patologico è accompagnato da un allargamento della milza. La patologia può anche essere accompagnata da anemia..

    Questa malattia è caratterizzata da sintomi lievi. Ecco perché si raccomanda a una persona di condurre un esame tempestivo dell'organo, che consentirà la determinazione tempestiva del processo patologico.

    Trattamento immunomodulatore

    Per il trattamento del processo patologico, vengono spesso utilizzati immunomodulatori.

    I pazienti sono principalmente assegnati:

    • Nucleinato di sodio
    • levamisolo
    • Taktivina
    • Potassio oroato

    Con l'aiuto del farmaco Nucleinato di sodio, viene stimolata la biosintesi proteica. Il farmaco è caratterizzato dalla presenza di un pronunciato effetto lipotropico. Durante il periodo di utilizzo del farmaco, si osserva un aumento della funzione antitossica del fegato. Una singola dose del farmaco è di 0,5 grammi. La durata del trattamento è di due settimane.

    Grazie al farmaco Levamisole, viene fornito un aumento dell'attività dell'immunità cellulare. Se il paziente ha una gravità significativa del componente autoimmune, è severamente vietato assumere questo farmaco. Un paziente deve assumere 150 milligrammi di farmaci al giorno. Il farmaco viene assunto per tre giorni. Successivamente, è necessario interrompere il trattamento per lo stesso periodo di tempo e ripeterlo di nuovo.

    Fibrosi epatica - una patologia abbastanza grave

    Il farmaco Taktivin è caratterizzato dalla presenza di un pronunciato effetto immunostimolante. Il farmaco viene somministrato sotto la pelle una volta al giorno. Gli esperti raccomandano di eseguire la procedura la sera. Il corso del trattamento con il farmaco dura da 5 a 14 giorni, a seconda della gravità della malattia.

    Il potassio oroato stimola la biosintesi delle proteine. Inoltre, il farmaco ha un pronunciato effetto anabolico. La prescrizione del farmaco viene eseguita nel decorso acuto della malattia. Il farmaco viene assunto per via orale tre volte al giorno. Una volta, si raccomanda al paziente di non assumere più di 0,5 grammi di farmaco. Il corso del trattamento dovrebbe essere di due settimane.

    Gli immunomodulatori sono altamente efficaci nel trattamento della fibrosi epatica.

    La selezione di un farmaco specifico viene effettuata dal medico in base alle caratteristiche individuali del paziente.

    Trattamento dell'ortica come componente di allochol

    Con la fibrosi epatica, Allochol è spesso prescritto. Questo è un farmaco sviluppato sulla base di componenti naturali, che garantisce la sua sicurezza e consente di utilizzarlo per il trattamento di varie categorie di pazienti.

    Il componente principale del farmaco è l'ortica, che aiuta a migliorare la funzione secretoria. Il farmaco ha un moderato effetto coleretico..

    L'uso del farmaco non è raccomandato per l'ipersensibilità ai suoi componenti. Nell'epatite acuta, l'uso del farmaco è severamente vietato. Se a un paziente viene diagnosticata una distrofia subacuta del fegato, anche il farmaco non è raccomandato a lui. Non è necessario effettuare il trattamento con allochol con ittero ostruttivo.

    Una controindicazione all'uso del farmaco è l'enterocolite acuta. Con un trattamento improprio del farmaco, si possono osservare effetti indesiderati. Molto spesso si manifestano come reazioni allergiche. Ad alcuni pazienti è stata diagnosticata la diarrea dopo l'assunzione del farmaco..

    Il farmaco viene assunto 3-4 volte al giorno. Una volta, si raccomanda al paziente di bere da 1 a 2 compresse. Il corso del trattamento dovrebbe essere di tre settimane. Se necessario, può essere esteso solo previa consultazione con un medico.

    A causa della presenza di ortica nella composizione di Allochol, è assicurato il suo massimo effetto di esposizione durante il trattamento della fibrosi.

    Trattamento nutrizionale speciale

    Dopo aver diagnosticato la fibrosi epatica, si raccomanda al paziente di seguire una dieta speciale.

    Durante questo periodo, l'uso di grassi di origine animale è severamente vietato.

    È consentito consumare non più di 80 grammi di proteine ​​e 350 grammi di carboidrati al giorno..

    La dieta del paziente dovrebbe consistere in cibi in umido e bolliti.

    Devi mangiare il cibo in una forma calda o calda. Ai pazienti è severamente vietato consumare alimenti che contengono grandi quantità di acido. Non mangiare sale. Gli esperti vietano il consumo di cavoli bianchi, legumi e altri prodotti che portano ad un aumento della formazione di gas.

    La terapia della patologia è determinata da uno specialista dopo l'esame

    Il paziente ha bisogno di mangiare spesso, mentre le porzioni dovrebbero essere minime. Mangiare dovrebbe essere da 4 a 6 volte al giorno. Si consiglia anche di bere. Il paziente deve bere almeno due litri di acqua al giorno.

    L'alimentazione dietetica è un prerequisito per il successo del trattamento della fibrosi epatica. La dieta deve essere sviluppata dal medico secondo le indicazioni.

    Prevenzione delle malattie

    Il miglior trattamento per la fibrosi epatica è la sua prevenzione. A tal fine, si raccomanda di limitare la quantità di alcol assunta. Il trattamento di varie malattie con l'uso della terapia farmacologica deve essere effettuato solo sotto la supervisione di un medico. Un uomo deve fare tutto il possibile in modo che il suo corpo non sia influenzato da sostanze tossiche.

    La prevenzione di una condizione patologica è garantire una corretta alimentazione. Per la diagnosi tempestiva della fibrosi epatica di grado 2, si consiglia a una persona di sottoporsi regolarmente a esami medici di routine. Se si osservano malattie dell'apparato digerente, devono essere trattate in modo tempestivo.

    La prevenzione della patologia sta anche nel trattamento tempestivo di malattie di natura infettiva. Per evitare la comparsa della malattia, si raccomanda di escludere cattive abitudini. Se il paziente non ha un'ovvia necessità, si consiglia di assumere farmaci.

    La fibrosi epatica di grado 2 è una malattia abbastanza grave che può portare a complicazioni pericolose..

    La patologia richiede un trattamento con l'uso di farmaci, che dovrebbero essere prescritti solo da un medico, il che elimina la possibilità di sviluppare conseguenze indesiderabili. Per garantire il trattamento più efficace, si raccomanda al paziente di aderire a una dieta.

    Nel video - suggerimenti per il trattamento di un disturbo:

    La fibrosi epatica allo stadio 3 è una grave forma di patologia, scarsamente curabile e peggiora in modo significativo la qualità della vita del paziente. Nelle fasi iniziali, questo disturbo viene trattato con successo con i farmaci. Ma l'insidiosità della fibrosi è che nelle prime fasi dello sviluppo è asintomatico, il che causa difficoltà nella diagnosi.

    Come si sviluppa la fibrosi?

    La fibrosi è una malattia caratterizzata dalla graduale sostituzione degli epatociti (cellule epatiche) con tessuto fibroso. In realtà, questo è un processo naturale che è il risultato di reazioni infiammatorie che si verificano nel fegato con varie patologie. Formazioni fibrose si formano a seguito dell'attivazione di cellule stellate (lipociti), che in un fegato sano si trovano in uno stato "addormentato". Poiché il parenchima epatico viene danneggiato e distrutto, i lipociti iniziano a produrre cellule fibrogeniche costituite da collagene e fibre del tessuto connettivo..

    Con la progressione della malattia, i tessuti fibrosi crescono, interferiscono con i processi del metabolismo e della circolazione sanguigna nell'organo interessato, il numero di epatociti attivi diminuisce, il fegato perde gradualmente le sue funzioni. Nelle fasi iniziali, queste modifiche possono essere interrotte e invertite. Ma con la fibrosi epatica allo stadio 3, è quasi impossibile farlo, poiché la maggior parte delle cellule della ghiandola sono già sostituite dal tessuto cicatriziale. In questa fase, la terapia complessa competente è molto importante, che fermerà l'ulteriore progressione del processo patologico e impedirà la transizione della malattia al 4 ° stadio in cui si sviluppa la cirrosi..

    Cause di fibrosi

    Ci sono molte ragioni per innescare il meccanismo di formazione del tessuto fibroso. I più comuni sono:

    • uso regolare di alcol;
    • avvelenare il corpo con sostanze chimiche tossiche, velenose;
    • epatite di varie eziologie (virale, tossica, medicinale);
    • malformazioni congenite del fegato;
    • la presenza di malattie concomitanti del sistema cardiovascolare, endocrino, biliare;
    • predisposizione genetica;
    • Malattie autoimmuni.

    L'epatite C è necessariamente accompagnata da cambiamenti fibrotici nei tessuti del fegato. Ma si stanno sviluppando lentamente. Possono essere necessari 5-6 anni dall'esordio della malattia al momento in cui compaiono i primi sintomi gravi di fibrosi. Il decorso della patologia è significativamente accelerato solo alla fine, a 3 fasi, quando la funzionalità del fegato diminuisce e l'organo non può più funzionare completamente.

    Le fasi iniziali della malattia non hanno sintomi specifici. Il paziente può lamentare debolezza, affaticamento cronico, aumento dell'irritabilità, perdita della capacità lavorativa, ma non avvertire alcun segno che indichi un danno d'organo. Molti considerano il peggioramento del benessere un disturbo temporaneo associato a un intenso processo lavorativo, ma col passare del tempo notano che anche un lungo riposo non porta sollievo.

    Man mano che la malattia progredisce, i sintomi diventano più pronunciati e costringono il paziente a cercare aiuto medico. Al 3 ° stadio della fibrosi epatica si verificano le seguenti manifestazioni:

    • Diminuzione dell'appetito, nausea o attacchi di vomito che si verificano quando si verificano errori alimentari - mangiare cibi grassi e piccanti, carni affumicate, marinate, alcool.
    • Sintomi dispeptici: gonfiore, flatulenza, brontolio, bruciore di stomaco, eruttazione, disturbi delle feci.
    • Una sensazione di pesantezza e dolore costante nell'ipocondrio destro di varia intensità - da tirare, dolere, acuto e insopportabile.
    • Prurito cutaneo lancinante, mal di testa e altri segni di intossicazione del corpo con prodotti tossici che si accumulano nel sangue a causa della perdita di funzioni di filtraggio da parte del fegato.
    • Gonfiore delle estremità, che è più evidente entro la fine della giornata.
    • La comparsa di epistassi, gengive sanguinanti.
    • La temperatura corporea per lungo tempo si è mantenuta intorno ai 37-37,5 ° C.
    Laurea severa

    Un grave grado di danno è indicato dall'oscuramento dell'urina, che assume il colore della birra scura a causa di un eccesso di bilirubina e dei suoi prodotti di decomposizione. Quando il metabolismo lipidico è disturbato, il colesterolo in eccesso e gli acidi grassi iniziano a depositarsi nei tessuti, il che porta alla formazione di xantomi: piccoli noduli ovali sotto la pelle delle palpebre, dei palmi delle mani, delle piante dei piedi. Il liquido si accumula nella cavità addominale, di conseguenza, lo stomaco sporge e può aumentare significativamente di dimensioni. Questa condizione si chiama ascite..

    Il fegato praticamente perde le sue funzioni, perde la sua capacità di neutralizzare le sostanze tossiche che vengono trasportate in tutto il corpo con il flusso sanguigno e hanno un effetto estremamente negativo sul sistema nervoso e sulle cellule cerebrali. Di conseguenza, nelle fasi successive della fibrosi, si verificano disturbi mentali. Il paziente ha instabilità emotiva, tendenza alla depressione, letargia, depressione, aumento dell'ansia, paure irragionevoli, problemi di memoria, concentrazione dell'attenzione, capacità di assorbire nuove informazioni.

    Il decorso della fibrosi allo stadio 3 è spesso complicato dall'anemia, poiché la quantità di emoglobina ed eritrociti nel sangue diminuisce drasticamente. Il rischio di sanguinamento da vasi dilatati aumenta, le difese del corpo diminuiscono drasticamente e il paziente diventa particolarmente vulnerabile all'insorgenza di varie infezioni.

    Diagnostica

    Puoi scegliere il trattamento più efficace per la fibrosi epatica allo stadio 3 solo dopo un esame completo, inclusa una serie di procedure diagnostiche. Quando si riscontra un'anamnesi, il medico ascolterà i reclami del paziente, chiederà i sintomi caratteristici, scoprirà la presenza di una predisposizione genetica.

    Nel processo di palpazione, vengono determinati la natura del dolore, le dimensioni del fegato, le condizioni della pelle, la presenza di segni concomitanti (vene del ragno, modello venoso, xantelio). Lo stato psicoemotivo del paziente viene necessariamente valutato, poiché con l'avvelenamento del corpo con sostanze nocive si sviluppa l'encefalopatia epatica, in cui il tessuto cerebrale soffre.

    I metodi diagnostici di laboratorio includono le seguenti procedure:

    • esame del sangue (generale) - determina la presenza di un processo infiammatorio, il livello di emoglobina e altri importanti indicatori;
    • esame del sangue per biochimica - con fibrosi mostra un aumento di colesterolo, bilirubina, fosfatasi alcalina, un aumento di AST e ALT;
    • coagulogramma: consente di valutare i disturbi emorragici;
    • fibrotest: un esame del sangue specifico che consente di determinare con precisione il grado di fibrosi;
    • ricerca immunologica: aiuta a determinare la causa della patologia e lo stato immunitario del corpo.

    Tra i metodi di ricerca strumentale utilizzati:

    • Ultrasuoni: una procedura di esame ecografico consente di valutare le condizioni del fegato e identificare le aree che hanno subito cambiamenti fibrotici;
    • CT - con l'aiuto della tomografia computerizzata è possibile ottenere più proiezioni dell'organo, costruire il suo modello tridimensionale, determinare la presenza di un processo tumorale.
    • La risonanza magnetica è il metodo diagnostico più moderno e informativo che consente di determinare i minimi cambiamenti nelle cellule, chiarire il grado di danno e la forma della fibrosi.
    • Fibroscan (elastografia) - una procedura che utilizza attrezzature moderne, che determina lo stadio di sviluppo della fibrosi, valutando l'elasticità del parenchima epatico.
    • Bipsia epatica: la procedura viene eseguita sotto la supervisione di un'ecografia.Il materiale biologico per l'esame viene prelevato con un ago speciale, che viene utilizzato per perforare la cavità addominale. Materiale biologico inviato per esame istologico.

    Sulla base dei risultati, il medico effettua la diagnosi finale e seleziona un regime terapeutico efficace.

    Trattamento della fibrosi di 3 ° grado

    All'appuntamento del medico, i pazienti sono interessati alla possibilità di curare la fibrosi di grado 3. In questa fase, i cambiamenti patologici nel tessuto epatico sono già irreversibili. Nel parenchima epatico si osserva la formazione di più setti portocentrici (setti dal tessuto connettivo). Penetrano nello spessore del parenchima epatico, interrompono la struttura dell'organo e interferiscono con il normale funzionamento del fegato. Ma anche in questa fase, un trattamento correttamente selezionato può sospendere il processo patologico e impedirne il passaggio alla fase successiva, minacciando lo sviluppo della cirrosi.

    La terapia delle fasi tardive della fibrosi è lunga e complessa, che richiede la pazienza del paziente e l'attuazione esatta di tutte le raccomandazioni mediche. Il trattamento completo è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

    1. eliminazione delle cause dei cambiamenti fibrotici;
    2. soppressione del processo infiammatorio nei tessuti del fegato;
    3. assunzione di farmaci che rallentano l'ulteriore formazione di tessuto fibroso.

    Se il processo patologico si sviluppa su uno sfondo di epatite di natura virale, viene prescritta una terapia antivirale. In presenza di malattie concomitanti del sistema biliare, il regime di trattamento include farmaci che eliminano il ristagno della bile, sopprimono il processo infiammatorio nella cistifellea. Inoltre, vengono prescritti enzimi digestivi che migliorano il funzionamento del tratto digestivo. Con le malattie concomitanti del cuore e dei vasi sanguigni, vengono prescritti anticoagulanti che diluiscono il sangue e trombolitici che impediscono la formazione di coaguli di sangue. Se l'infezione da parassiti contribuisce allo sviluppo della patologia, vengono prescritti agenti antielmintici e antiprotozoari.

    Assicurati di usare farmaci - condroprotettori (Essential Forte, Hepabene, Heptral) che proteggono le cellule del fegato e promuovono la loro rigenerazione. Con la natura autoimmune della malattia, i citostatici e i glucocorticosteroidi vengono utilizzati per sopprimere il processo infiammatorio. Per ridurre l'intossicazione del corpo, vengono prescritti farmaci con un effetto disintossicante e antiossidanti che neutralizzano l'effetto distruttivo dei radicali liberi. Al fine di rafforzare il sistema immunitario, ricorrono a immunomodulatori e complessi multivitaminici. La composizione della terapia include necessariamente farmaci che bloccano la formazione di tessuto fibroso (ACE-inibitori, interferoni, diverse varianti di antagonisti).

    Il trattamento chirurgico nella fase avanzata della fibrosi viene effettuato solo quando la terapia tradizionale non dà un risultato. Dato il grado di danno, vengono utilizzati diversi tipi di intervento chirurgico:

    • splenectomia;
    • scleroterapia endoscopica delle vene dilatate;
    • gastrotomia con cucitura delle vene interessate.

    In casi particolarmente gravi, accompagnati dallo sviluppo della cirrosi, ricorrono al trapianto (trapianto) di un fegato donatore. Questa è un'operazione complessa associata a molti rischi per il paziente, che viene eseguita solo in grandi centri medici specializzati.

    Funzionalità di potenza

    Una dieta per la fibrosi epatica è una parte importante di un trattamento completo. Si raccomanda al paziente di ridurre la quantità di sale consumata, di rifiutare piatti fritti, grassi e piccanti. Gli alimenti illegali includono sottaceti, marinate, carni affumicate, cibi in scatola e cibi pronti. Si consiglia di rifiutare pasticceria fresca, pasticceria, dolci, cioccolato. Invece di caffè forte, cacao, tè nero, bibite zuccherate, si consiglia di bere tè alle erbe e tè verdi, succhi di frutta, bevande alla frutta, brodo di rosa selvatica, acqua minerale senza gas. La cucina dovrebbe essere senza l'uso di spezie e condimenti, abbandonare le salse grasse, i grassi animali refrattari. Burro - sostituire con verdure (oliva, girasole).

    Si consiglia di bollire, cuocere a vapore, stufare i piatti. I metodi di trattamento termico come la tostatura o la cottura devono essere scartati. Il cibo dovrebbe essere frazionario, è necessario mangiare spesso, ogni 3 ore, in piccole porzioni. La dieta dovrebbe includere carne dietetica bollita (pollo, carne di coniglio), prodotti a base di carne tritata (cotolette di vapore, polpette, polpette), varietà di pesce magre, frutti di mare. Cuocere verdure, cereali, zuppe di latte, fare insalate di verdure fresche con olio vegetale. Su un contorno puoi cucinare cereali viscosi (grano saraceno, riso, farina d'avena), cucinare verdure in umido o purea di verdure. Bevande al latte, frutta fresca, come fonti di fibre e vitamine sono utili..

    Se la fibrosi si sviluppa contro l'epatite C, risparmiare nutrizione è di particolare importanza. I secondi piatti sono serviti sotto forma di soufflé di carne o pesce, polpette di carne, polpette di carne, il primo è preparato con zuppe schiacciate, il contorno è schiacciato, porridge viscoso. Non è possibile somministrare al paziente verdure fresche con fibre grossolane o contenuto di sostanze irritanti (cavolo bianco, cipolle, aglio, ravanello, rape, ravanelli, rafano, peperoni, ecc.).

    Nel trattamento della fibrosi è vietato l'uso di bevande alcoliche. Si raccomanda di abbandonare le cattive abitudini, smettere di fumare, condurre uno stile di vita sano e attivo.

    Previsione di vita

    La prognosi per la fibrosi allo stadio 3 non è molto favorevole, poiché la maggior parte della ghiandola è già sostituita dal tessuto connettivo, che non svolge alcuna funzione utile. Cioè, il fegato non è più in grado di soddisfare pienamente il suo scopo. Ma la fibrosi non si sviluppa all'istante, ma progredisce gradualmente nel corso di diversi anni. Pertanto, il paziente ha la possibilità, con un trattamento tempestivo, di tornare a una vita piena.

    Quanti vivono con la fibrosi di grado 3? È difficile rispondere a questa domanda in modo inequivocabile e determinare un periodo di tempo specifico. Tutto dipende dalla causa principale che ha provocato lo sviluppo del processo patologico, la presenza di malattie concomitanti, la gravità della condizione, l'età del paziente, l'efficacia del trattamento prescritto e altre sfumature.

    In media, con fibrosi portale, accompagnata dalla formazione di setti, i pazienti vivono 15 anni. Se il decorso della malattia è complicato dallo sviluppo della cirrosi, la prognosi peggiora. Il paziente viene rilasciato non più di 7-10 anni di vita.

    Profilassi della fibrosi

    Per escludere lo sviluppo della fibrosi epatica, i medici raccomandano:

    • condurre uno stile di vita attivo e sano;
    • rinunciare a cattive abitudini (alcol, fumo);
    • non automedicare, non assumere farmaci incontrollati con effetti epatotossici;
    • aderire a una corretta alimentazione, mangiare cibi sani, rifiutare piatti grassi, fritti e ipercalorici;
    • controlla il tuo peso;
    • cura tempestiva delle malattie concomitanti;
    • sottoporsi periodicamente a una visita medica per rilevare tempestivamente patologie epatiche;
    • rafforzare le difese del corpo, temperare, assumere complessi multivitaminici.