ALT e AST nella cirrosi

Cambiamenti nel colore delle urine, pelle grigio pallida, nausea persistente, debolezza e mal di testa possono essere segni di una malattia cronica grave e mortale - cirrosi epatica. Un esame del sangue per la cirrosi epatica è uno degli strumenti diagnostici, i suoi indicatori consentono di giudicare lo stadio e il tasso di sviluppo del processo distruttivo e regolare la terapia.

Leggi l'articolo

Tipi di esami del sangue per la diagnosi di cirrosi

La distruzione del tessuto epatico a causa della patologia è irreversibile, accompagnata da numerose complicazioni e nelle fasi successive porta alla completa perdita da parte del corpo delle sue funzioni. L'emocromo per la cirrosi epatica, insieme agli ultrasuoni, alla biopsia e ad altri tipi di esame degli organi, servono come parametri per valutare le sue condizioni e sviluppare metodi di trattamento che supportano la qualità della vita e ne prolungano il più possibile la vita..

La medicina non ha alcun esame del sangue specifico per la presenza o l'assenza di cirrosi. Si possono giudicare i cambiamenti patologici nella struttura dei suoi tessuti da diversi indicatori, che sono determinati usando analisi generali e biochimiche.

Gli esami del sangue non richiedono una preparazione lunga e complessa del paziente e aiutano a identificare il prima possibile i segni della malattia in base ai suoi indicatori caratteristici.

Indicatori di studio generali

Un'analisi clinica generale consente di rilevare la presenza di un'infiammazione latente, uno dei segni di danno epatico. I valori chiave sono il contenuto dei leucociti. Il loro aumento indica patologia. La cirrosi può essere accompagnata da:

  • diminuzione dell'emoglobina;
  • accelerazione della sedimentazione eritrocitaria - VES fino a 15 mm / h o più;
  • diminuzione della quantità di albumina a 30 g / le meno.

Il sangue per un'analisi generale viene prelevato dal dito, lo studio viene eseguito al mattino, sempre a stomaco vuoto.

Ottenere tali risultati allarmanti in sé non indica la cirrosi, ma è una ragione per ulteriori ricerche..

Analisi biochimiche

Più informativi sono gli indicatori di un esame del sangue biochimico. La sua attuazione è giustificata per qualsiasi sospetto di compromissione della salute del fegato. In totale, ci sono circa 40 parametri clinici di tale studio, ma con la cirrosi, i principali sono importanti:

  • indicatore quantitativo di alanina aminotransferasi (ALT);
  • indicatore quantitativo di gamma-glutammina transpeptidasi (GGTP);
  • livello di aspartato aminotransferasi (AST);
  • fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina);
  • quantità di bilirubina diretta e legata.

Inoltre, lo stato di coagulazione è importante: l'indice del sangue della protrombina.

Per lo studio, viene prelevato un campione dal flusso sanguigno venoso, l'analisi viene eseguita al mattino. 12 ore prima di prendere il sangue, non mangiare forti bevande alcoliche. Per diversi giorni, devi rifiutare di assumere ormonali e altri farmaci.

Alanina aminotransferasi

ALT, o ALAT, si riferisce agli enzimi epatici. Normalmente, il suo contenuto di sangue è consentito nella quantità di 5-36 UI / l. Un forte aumento dell'indicatore è caratteristico di epatite, grave intossicazione, danno al pancreas, sviluppo di insufficienza cardiaca. Nelle donne in gravidanza, questo enzima aumenta anche. Con la cirrosi, la quantità di ALT aumenta di diversi ordini di grandezza - la sua quantità può arrivare fino a 500 o 2000 UI / l, il che è spiegato dalla distruzione attiva degli epatociti e dal rilascio dell'enzima nel sangue.

Aspartato aminotransferasi

L'AST fa parte non solo del tessuto epatico, ma anche del muscolo cardiaco, delle cellule nervose e delle strutture renali. Normalmente, il suo indicatore varia da 35 a 45 UI / l. Il numero è leggermente più alto negli uomini e nei bambini. Il suo forte aumento può indicare la presenza di malattie di molti organi.

ALT e AST in caso di cirrosi epatica devono essere studiati insieme, poiché solo un eccesso significativo del livello di entrambi gli enzimi indica una patologia epatica. Esiste un coefficiente de Ritis specifico che caratterizza la quantità totale di ALT e AST nel sangue.

Gammaglutamintranspeptidase

L'enzima gammaglutamintranspeptidase (GGTP) fa parte del tessuto parenchimale del fegato e del pancreas. Il suo contenuto normale è di 5–45 U / L nelle donne e di 10–70 U / L negli uomini. Le patologie che causano la sua forte crescita includono avvelenamento acuto, sovradosaggio di farmaci, distruzione degli organi interni. GGTP elevato a lungo termine con un eccesso di altri enzimi epatici può segnalare l'inizio della necrosi epatica.

Fosfatasi alcalina

La fosfatasi alcalina (ALP) viene prodotta durante la sintesi di tessuti ossei, mucose. In un corpo sano, il suo indicatore è nell'intervallo 250–280 U / L. Nei bambini e nelle donne in gravidanza, è consentito un leggero eccesso a causa delle caratteristiche fisiologiche e della divisione attiva delle cellule dei tessuti. Un esame del sangue per la cirrosi epatica può rivelare una deviazione significativa della fosfatasi alcalina verso l'alto a causa della citolisi cellulare. Il suo indicatore deve essere preso in considerazione insieme ad altri test epatici, poiché la fosfatasi alcalina può crescere con danni meccanici al fegato e alcune malattie autoimmuni.

La bilirubina

Gli indicatori della bilirubina nella cirrosi sono considerati chiave, in quanto indicano direttamente un danno agli epatociti.

La bilirubina viene rilasciata durante l'elaborazione dei globuli rossi nelle cellule del fegato. In questo caso, le frazioni di bilirubina diretta e indiretta (legata dagli acidi biliari) vengono valutate separatamente. Per sangue sano, è caratteristico un contenuto di 4,3 μmol / L per la frazione diretta, 17,1 μmol / L per la frazione legata. Il contenuto totale di due frazioni nell'aggregato è normalmente compreso tra 8 e 20 μmol / L. Una bilirubina alta nella cirrosi è inevitabile, poiché indica il fallimento della bile e del tessuto epatico.

Coagulazione del sangue

L'indice protrombinico (PTI) nell'analisi biochimica del sangue per la cirrosi non viene sempre preso in considerazione, ma indica indirettamente i cambiamenti patologici che si stanno verificando. L'indicatore riflette il rapporto tra tempo di coagulazione del plasma sanguigno e campione di controllo, espresso in percentuale. Il 94–100% è la norma. È probabile un leggero aumento della contraccezione ormonale. Nel caso della cirrosi, sono probabili anche forti deviazioni nel sistema ematopoietico. Un aumento dell'IPT viene preso in considerazione quando vengono modificati altri parametri biochimici del sangue, poiché è considerato leggermente informativo, considerato separatamente.

AST e ALT per la cirrosi

La cirrosi epatica è una delle malattie più gravi. È caratterizzato da un'infiammazione prolungata, dalla morte delle cellule del fegato e dalla graduale sostituzione del loro tessuto connettivo. Di conseguenza, tutte le funzioni epatiche sono ridotte, in particolare la disintossicazione, e si sviluppa l'insufficienza epatica, che porta alla morte..

Cause di sviluppo e stadi della cirrosi

La cirrosi epatica viene diagnosticata principalmente negli uomini di età superiore ai 45 anni. Le principali cause della formazione della malattia:

  • Epatite cronica posposta (virale, autoimmune, tossica);
  • Alcune malattie autoimmuni e cirrosi biliare;
  • Patologia del tratto biliare;
  • Malattia del calcoli biliari, blocco dei dotti biliari, colangite sclerosante primaria;
  • Avvelenamento con sostanze tossiche per il fegato, compresi i veleni vegetali;
  • Abuso di alcol per almeno 10 anni;
  • Disturbi metabolici genetici;
  • Congestione venosa nel fegato sullo sfondo di malattie cardiovascolari;
  • Uso a lungo termine di droghe;
  • Epatosi epatica grassa nei disturbi metabolici, tipica delle malattie come diabete e obesità;
  • Malattie epatiche parassitarie - ascariasi, echinococcosi, toxoplasmosi, opistorchiasi, ecc..

La cirrosi epatica ha diverse fasi di sviluppo

  • Fase 1 - compensata. Procede senza manifestazioni cliniche. In questa fase, è possibile interrompere lo sviluppo della malattia, ma se non trattato, il processo procede molto rapidamente.
  • Fase 2: subcompensata. Il numero di cellule epatiche morte sta aumentando, il che riduce significativamente la capacità dell'organo di svolgere le sue funzioni. Se il trattamento viene avviato in tempo, è possibile raggiungere lo stadio di compensazione..
  • Fase 3 - senza compensazione. Il numero di cellule epatiche normali è molto piccolo, l'insufficienza epatica progredisce e i sintomi della malattia aumentano. In questa fase, il trattamento è inefficace. Unisce il pericolo di complicanze: cancro al fegato e polmonite.
  • Fase 4 - terminale. Il fegato non può più far fronte alle sue funzioni. Vengono aggiunti dolori molto forti, che sono molto difficili da fermare. In questa fase, è impossibile interrompere i progressi. Prognosi sfavorevole.

Sintomi e diagnosi della malattia

Le prime fasi della cirrosi si verificano senza sintomi pronunciati, specialmente quando la malattia si sviluppa senza alcuna connessione con un'altra malattia. Ma alcuni sintomi sono presenti e devi prestare attenzione ad esso..

In primo luogo, è la sindrome astenica - debolezza generale, aumento della stanchezza, scarso appetito, perdita di peso, aumento occasionalmente irragionevole della temperatura corporea, insonnia durante la notte e sonnolenza durante il giorno, irritabilità, lacrimazione, collera, ecc..

In secondo luogo, sindrome dispeptica - amarezza in bocca (specialmente la mattina), nausea, eruttazione, vomito, pesantezza nell'addome superiore e nell'ipocondrio destro quando si assumono cibi oleosi, piccanti e alcolici con conseguente insorgenza di dolore, flatulenza.

Ulteriori sintomi aumentano. Compaiono dolori articolari, l'elevata temperatura corporea diminuisce male, la pelle e la sclera diventano gialle, il prurito quasi ininterrotto della pelle si unisce, lo stomaco aumenta di dimensioni, perché forme fluide libere nella cavità addominale. Quando la malattia progredisce ulteriormente, i sintomi peggiorano.

La diagnosi di cirrosi comprende metodi di ricerca sia strumentali che di laboratorio. Da studi di laboratorio, un ruolo importante è svolto dai parametri ematici biochimici, di cui ALT e AST sono quasi i principali. Questi sono enzimi epatici - aminotransferasi. Grazie a questi enzimi, il fegato sintetizza il glicogeno. Il luogo della loro localizzazione sono le cellule di vari organi, incluso il fegato. Una persona sana dovrebbe avere pochissime persone nel sangue. Ma con lo sviluppo di malattie del fegato, gli enzimi escono dalle cellule ed entrano nel flusso sanguigno. La loro quantità nel sangue aumenta, sulla base della quale possiamo assumere lo sviluppo di patologie epatiche, come epatite, cirrosi, epatopatia non alcolica, ecc., Anche nelle prime fasi.

ALT (alanina aminotransferasi) e AST (aspartato aminotransferasi) sono proteine ​​che si formano nelle cellule e sono coinvolte nel metabolismo degli aminoacidi. ALT e AST possono entrare nel sangue solo se le cellule dell'organo iniziano a rompersi..

L'enzima ALT si trova maggiormente nelle cellule del fegato - epatociti, così come nei reni, nel muscolo cardiaco, nel pancreas. L'enzima AST si trova sia nel fegato che in altri organi: polmoni, cuore, cervello e fibre muscolari. I livelli di ALT e AST sono misurati in unità internazionali per litro (UI / L).

Aminotransferasi ematiche normali

La norma di ALT in ME / l per le donne è da 20 a 40, per gli uomini - non più di 45. La norma di AST in ME / l per le donne è 34-35, per gli uomini - non più di 48.

Per diagnosticare in modo affidabile la cirrosi epatica, è necessario conoscere non solo gli indicatori, ma anche il rapporto tra ALT e AST. Se il rapporto del loro rapporto nell'intervallo da 0,9 a 1,7 è la norma. Se sopra 2 - questo indica una malattia cardiaca. Se inferiore a 0,8, si tratta di insufficienza epatica. Più basso è questo indicatore, peggiore è la condizione del fegato.

Un medico esperto potrebbe aver bisogno di una sola analisi: i parametri biochimici del sangue. Sulla base di esso, il medico può suggerire quale malattia epatica inizia a svilupparsi: epatite, pancreatite, infarto del miocardio, ecc..

Un aumento dell'ALT è caratteristico di epatite, cirrosi, infarto del miocardio, miocardite, insufficienza cardiaca, pancreatite acuta, con gravi ustioni e gravi lesioni. Aumento dei livelli di AST - con infarto del miocardio (ALT è leggermente aumentato), con cirrosi epatica, epatite, il contenuto di entrambi gli enzimi è aumentato. Se nei parametri biochimici c'è una diminuzione solo di ALT, ciò può indicare un'epatite alcolica, che può inevitabilmente portare alla cirrosi epatica. Con una diminuzione simultanea e marcata degli indici di entrambe le aminotransferasi, si assumono solitamente lesioni epatiche multiple o uno stadio terminale della cirrosi epatica.

Come prevenire lo sviluppo della cirrosi

Considerando che l'insorgenza della cirrosi è asintomatica, è necessario contattare immediatamente uno specialista e donare immediatamente sangue per biochimica se si verificano sintomi non specifici come manifestazioni di sindromi asteniche o dispeptiche. Ciò è necessario per iniziare il trattamento in tempo. Il trattamento è complesso e include necessariamente l'uso di epatoprotettori.

Il fegato svolge molte funzioni diverse, senza le quali il normale funzionamento del corpo umano è impossibile. Monitorare il fegato è il compito di ogni persona che vuole essere in buona salute.!

ALT, AST e altri test per la cirrosi epatica

Bilirubina, GGT, albumina, ALT e AST nella cirrosi sono una sorta di indicatore della malattia. La cirrosi è una diagnosi comune, il cui nome è stato ufficialmente suonato per la prima volta nelle opere di R.T. Laenneca nel 1819.

Nel mondo moderno, si trova più spesso negli adulti dai 30 ai 65 anni. Nei paesi della CSI, viene diagnosticato ogni centesimo. Tre quarti dei pazienti sono uomini. La malattia e le sue successive complicanze causano la morte di circa 40 milioni di persone all'anno.

La durata e la qualità della vita dei pazienti dipende in modo significativo dallo stadio di rilevazione. La diagnosi si basa su vari metodi: ultrasuoni, biopsia tissutale, esame del sangue per cirrosi epatica. Sulla base dei dati ottenuti, viene prescritta una terapia di mantenimento che consente al paziente di convivere con la malattia per molti anni.

Spesso, nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, i sintomi non sono affatto espressi. Per evitare il rilevamento nelle fasi successive, si consiglia di sottoporsi a esami preventivi una volta ogni sei mesi..

Cos'è la cirrosi epatica

La cirrosi è una malattia espressa in cambiamenti strutturali nei tessuti dell'organo, che porta nel tempo all'insufficienza epatica e all'aumento della pressione nella vena porta e nei suoi affluenti. La condizione inevitabilmente progredisce ed è cronica. La malattia può verificarsi per vari motivi, tra cui:

  • abuso di alcol, alcolismo cronico;
  • il corso dell'epatite virale;
  • processo autoimmune nel corpo;
  • fattori meccanici (calcoli biliari, restringimento o ostruzione dei dotti);
  • avvelenamento tossico;
  • esposizione prolungata agli elminti e ai loro prodotti metabolici;
  • insufficienza cardiaca.

Di norma, si manifesta come sintomi secondari, a cui il paziente non presta sempre attenzione. Per esempio:

  • prurito della pelle;
  • debolezza e affaticamento;
  • disturbi del sonno, irritabilità, apatia, lieve eccitabilità (encefalopatia epatica);
  • disturbo della digestione;
  • improvvisa perdita di peso;
  • scolorimento delle urine;
  • febbre.

In futuro, il paziente mostra ingiallimento della pelle e della sclera oculare, dolore nella parte destra, espansione della rete vascolare, nausea e vomito.

Il decorso prolungato della malattia è complicato. Possono svilupparsi idropisia addominale, ipertensione portale, atrofia parziale o completa delle funzioni degli organi.

In caso di malattia, lo specialista determina quali test devono essere eseguiti per confermare la diagnosi. Non è possibile curare la malattia. Viene prescritta una terapia di supporto finalizzata al controllo dei sintomi. La prognosi per il paziente è nella maggior parte dei casi sfavorevole.

Quali test (test epatici) vengono dati per la cirrosi

La diagnosi di una malattia comporta la conduzione di vari studi (analisi). Le moderne capacità di laboratorio consentono di ottenere il quadro più completo della malattia, in base ai risultati. In questo caso, vengono presi come base gli indicatori dei principali enzimi che riflettono lo stato dell'organo.

La ricerca e la diagnosi vengono eseguite studiando i seguenti emocromi per la cirrosi:

  • studi quantitativi di alanina aminotransferasi (ALT);
  • ricerca quantitativa di aspartato aminotransferasi (AST);
  • uno studio quantitativo della gammaglutamina transpeptidasi (GGTP);
  • test per la cirrosi epatica mediante uno studio quantitativo sulla fosfatasi alcalina (ALP);
  • considerazione delle proteine ​​ematiche totali;
  • studi qualitativi e quantitativi della bilirubina;
  • valutazione del sistema di coagulazione (tempo di protrombina);
  • studio quantitativo di albumina.

La valutazione dei processi sintetici nel corpo, il suo grado di saturazione con le tossine, l'escrezione mediante circolazione sanguigna si basa sull'interpretazione dei dati di ricerca. Un esame del sangue fornisce indicatori precisi in breve tempo, consentendo di iniziare il trattamento per la malattia il più rapidamente possibile.

ALT per la cirrosi

L'alanina aminotransferasi (ALT o ALAT) è un'aminotransferasi sintetizzata negli epatociti. Tipicamente, un enzima entra nel flusso sanguigno in piccole quantità. Quando le cellule del fegato vengono distrutte, l'ALT viene rilasciato e inviato attraverso il flusso sanguigno ai vasi. Una condizione simile può essere causata da:

  • avvelenamento da veleni;
  • insufficienza cardiaca e renale;
  • patologie del pancreas;
  • epatite,
  • cirrosi ecc.

Sulla base della deviazione dell'alanina aminotransferasi dalla norma stabilita (6-37 UI / l), si possono trarre conclusioni sul grado di danno al tessuto degli organi. Spesso durante un corso prolungato, la quantità di ALT nell'analisi aumenta di 10 o più volte (500-3000 UI / l).

Il livello di ALT nel sangue aumenta bruscamente in alcuni casi nelle donne in gravidanza. Ciò è dovuto al decorso della tossicosi e alla mancanza di vitamine del corpo B. Una condizione caratteristica è simile nei primi 3 mesi di gravidanza, in futuro la quantità dell'enzima si stabilizza. Per uno studio più dettagliato, vengono considerati due enzimi contemporaneamente: ALT e AST, il cui numero aumenta significativamente durante l'analisi.

AST per la cirrosi

L'enzima AST è un componente dei tessuti del fegato, nervoso, renale e cardiaco. Un aumento del livello di aspartato aminotransferasi nell'analisi si trova quando:

  • infarto miocardico (mentre ALT è quasi normale);
  • con tumori maligni;
  • effetti traumatici;
  • gravi ustioni;
  • cirrosi.

Un indicatore aumentato segnala fibrosi, avvelenamento tossico. Un forte eccesso nell'analisi (normale negli uomini fino a 41 UI / L, nelle donne fino a 35 UI / L, nei bambini fino a 50 UI / L) si verifica con una distruzione simultanea di epatociti.

Quando un esame del sangue rileva gli indicatori fuori scala, possiamo parlare della necrosi degli organi (morte del suo tessuto).

GGT con cirrosi

La biochimica per la cirrosi include necessariamente lo studio della GGT (GGTP). La gamma-glutamiltranspeptidasi è sintetizzata negli epatociti e nelle cellule pancreatiche, partecipa attivamente al metabolismo degli aminoacidi.

In una persona sana, i valori normali per gli uomini sono 10-71 unità / L, per le donne - 6-42 unità / L. Un aumento dell'enzima nel sangue si verifica sotto l'influenza di:

  • tossine;
  • veleni;
  • abuso di alcool;
  • Prendere droghe;
  • overdose di droga.

Anche i livelli di GGT nel sangue aumentano con la cirrosi. Se la concentrazione dell'enzima rimane a un livello elevato stabile per lungo tempo, ciò indica una condizione grave dell'organo.

Fosfatasi alcalina nella cirrosi epatica

Vengono eseguiti esami del sangue per lo studio di indicatori di fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina). In un uomo sano, la quantità è di 270 unità / litro, nelle donne - 250 unità / litro. L'ALP è attivamente coinvolta nella formazione del tessuto osseo, quindi, nei bambini in un corpo in crescita, la quantità di sostanza è leggermente superiore. Inoltre, è coinvolto nella costruzione delle mucose del tratto gastrointestinale, dei dotti biliari, della membrana placentare del feto, delle ghiandole mammarie durante l'alimentazione.

L'indicatore aumenta anche con necrosi, malattie autoimmuni dell'organo, epatite virale e danni meccanici. L'attività della fosfatasi alcalina non cambia, a differenza di ALT e AST, poiché la cirrosi non aumenta la sua produzione.

Cos'è la bilirubina per la cirrosi epatica?

La bilirubina - uno degli indicatori chiave di un esame del sangue biochimico per la cirrosi, è un componente della bile. L'enzima viene sintetizzato nei tessuti della milza e degli epatociti a causa della rottura dell'emoglobina. La sostanza ha due stati frazionari:

  • diretto (gratuito);
  • indiretto (connesso).

I test per la cirrosi epatica mostreranno un aumento della norma (fino a 4,3 μmol / L) della bilirubina legata a causa di danni agli organi dovuti al processo patologico. Ciò è spiegato dalla distruzione simultanea di un gran numero di epatociti.

Inoltre, si verificherà un legame incompleto delle molecole di enzimi. Una grande quantità di esso nel sangue provoca ingiallimento della pelle e della sclera, prurito della pelle, scolorimento delle feci. La diagnosi include necessariamente test per la bilirubina.

Alti indici di bilirubina indiretta nell'analisi (più di 17 μmol / L) sono osservati con ostruzione dei dotti biliari. Una condizione simile può essere causata dalla cirrosi biliare o verificarsi a causa della fibrosi del tessuto epatico. Gli indicatori della bilirubina con cirrosi epatica nell'insieme di due frazioni non devono superare 20,5 μmol / l.

Indice protrombinico

Con la cirrosi epatica, il medico determina quali test passare al paziente. Uno studio sull'indice di protrombina (PTI) è spesso raccomandato. È un rapporto percentuale tra il periodo di coagulazione del componente plasmatico del sangue e il periodo di coagulazione del materiale di controllo. Normale è considerato un indicatore nell'intervallo dal 94 al 100 percento.

Un aumento dell'indice segnala difetti congeniti della coagulazione del sangue, una carenza di alcune vitamine, formazioni maligne e contraccettivi orali. Un aumento dell'IPT è anche caratteristico dei pazienti con cirrosi. L'analisi non include sempre la decodifica di IPT.

Albume

Un esame del sangue per la cirrosi epatica comprende uno studio quantitativo dell'albumina, la cui decodifica consente di comprendere il ritmo della produzione di enzimi. Con una diminuzione dell'indicatore (normalmente da 35 a 50 g / l), vengono rilevate gravi lesioni epatocitarie.

Video utile

Circa i tre test principali utilizzati per diagnosticare la malattia del fegato, ulteriori informazioni sono disponibili nel seguente video:

Fegato e test

Cosa mostra ALT nel sangue?

L'alanina aminotransferasi o ALT abbreviato è un enzima endogeno speciale. È incluso nel gruppo di transferasi e un sottogruppo di aminotransferasi. La sintesi di questo enzima avviene intracellulare. Una quantità limitata di esso entra nel flusso sanguigno. Pertanto, quando l'analisi biochimica mostra un aumento del contenuto di ALT, ciò indica la presenza di una serie di deviazioni nel corpo e lo sviluppo di gravi malattie. Spesso sono associati alla distruzione di organi, che porta a un forte rilascio dell'enzima nel sangue. Di conseguenza, viene potenziata anche l'attività dell'alanina aminotransferasi. È difficile stabilire l'estensione della necrosi o il grado di danno alle malattie dei tessuti in base a questo, poiché la specificità dell'organo non è caratteristica.

L'alanina aminotransferasi si trova in molti organi umani: reni, muscolo cardiaco, fegato e persino muscolo scheletrico. La funzione principale dell'enzima è lo scambio di aminoacidi. Agisce come catalizzatore per il trasferimento reversibile di alanina da un amminoacido ad alfa-chetoglutarato. Come risultato del trasferimento del gruppo amminico, si ottengono acidi glutammici e piruvici. L'alanina nei tessuti del corpo umano è necessaria, in quanto è un aminoacido che può rapidamente trasformarsi in glucosio. Pertanto, è possibile ottenere energia per il cervello e il sistema nervoso centrale. Inoltre, tra le importanti funzioni dell'alanina vi è il rafforzamento del sistema immunitario, la produzione di linfociti, la regolazione del metabolismo degli acidi e degli zuccheri.

La più alta attività di alanina aminotransferasi è stata rilevata nel siero di sangue negli uomini. Nelle donne, i processi che coinvolgono l'enzima procedono più lentamente. La massima concentrazione si osserva nei reni e nel fegato, seguita da muscoli scheletrici, milza, pancreas, globuli rossi, polmoni, cuore.

A cosa serve l'analisi??

La più grande quantità di transferasi si trova nel fegato. Questa osservazione viene utilizzata per rilevare malattie di questo organo che non presentano sintomi esterni. L'ALT, a differenza di molti altri componenti considerati nell'analisi biochimica del sangue, è stato studiato in modo più completo. Pertanto, con il suo aiuto è possibile identificare anche problemi minori nel corpo. In alcuni casi, la quantità di ALT viene confrontata con il volume di altri elementi nel sangue. Questo ci consente di trarre conclusioni sulla presenza di patologie..

Ad esempio, viene spesso utilizzato un enzima come aspartato aminotransferasi o AST. Viene anche sintetizzato a livello intracellulare e una quantità limitata entra nel flusso sanguigno. La deviazione dal contenuto di aspartato aminotransferasi stabilito in medicina, come nel caso dell'alanina aminotransferasi, è una manifestazione di deviazioni nel funzionamento di alcuni organi. Il quadro più completo della natura della patologia consente di ottenere una correlazione delle quantità contenute di entrambi gli enzimi. Se c'è un eccesso della quantità di alanina aminotransferasi rispetto all'aspartato aminotransferasi, ciò indica la distruzione delle cellule del fegato. I livelli di AST aumentano nettamente negli stadi successivi della malattia di questo organo, come la cirrosi. Quando il livello di aspartato aminotransferasi supera il contenuto di alanina aminotransferasi, si osservano problemi ai muscoli cardiaci.

Confermare la presenza della malattia e il grado di danno d'organo consentire ulteriori metodi diagnostici. Tuttavia, ALT è un indicatore accurato, in alcuni casi può anche essere usato per determinare lo stadio della malattia e suggerire possibili varianti del suo sviluppo.

Quando viene assegnata un'assegnazione ALT?

La quantità di alanina aminotransferasi è determinata come parte di un esame del sangue biochimico generale. Spesso viene prescritto un solo tipo di esame, quando non è necessario utilizzare metodi aggiuntivi. Sono testati per ALT. Ciò è dovuto alla specializzazione selettiva dei tessuti dell'enzima..

La quantità di alanina aminotransferasi per problemi al fegato aiuta a identificarli anche prima della comparsa del sintomo più caratteristico - ittero. Pertanto, il medico prescrive un test ALT molto spesso al fine di verificare la presenza di danni a questo importante organo a seguito dell'assunzione di farmaci o altre sostanze tossiche per il corpo. Viene anche condotto uno studio per sospetta epatite. È necessario un test ALT se si hanno sintomi come affaticamento e debolezza. Perde l'appetito, spesso si sente nausea, trasformandosi in vomito. Macchie gialle sulla pelle, dolore e disagio nell'addome, ingiallimento delle proteine ​​oculari, feci chiare e urine scure - tutto ciò può essere un segno di malattia epatica. In tali casi, è necessaria questa analisi..

L'ALT può essere confrontato con l'AST per ulteriori informazioni sulle cause del danno epatico. Questo viene fatto se il numero di enzimi è significativamente più alto del normale. Il rapporto tra AST e ALT è noto in medicina come coefficiente de Ritis. Il suo valore normale è compreso tra 0,91 e 1,75. Se questo indicatore diventa più di 2, viene diagnosticata una lesione del muscolo cardiaco, procedendo alla distruzione dei cardiomiociti. L'infarto miocardico è anche possibile. Il coefficiente de Ritis, non superiore a 1, indica malattie epatiche. Inoltre, più basso è il valore dell'indicatore, maggiore è il rischio di un risultato avverso.

L'analisi ALT può essere utilizzata non solo come metodo diagnostico, ma anche durante il trattamento. Ciò consente di determinare la dinamica della malattia e identificare i miglioramenti o il peggioramento del paziente. È necessario un test ALT se sono presenti fattori che contribuiscono alla malattia del fegato. Questi includono l'abuso di bevande alcoliche o droghe che distruggono le cellule d'organo. Se viene superata la normale quantità di alanina aminotransferasi nel sangue, vengono prescritti altri farmaci. Assicurati di controllare la quantità di ALT se il paziente è stato in contatto con pazienti con epatite o ne ha avuto di recente, ha il diabete ed è in sovrappeso. Alcune persone hanno una predisposizione alle malattie del fegato. Mostra anche l'analisi ALT.

Quando viene utilizzato, viene utilizzato il sangue venoso o capillare. Per ottenere risultati affidabili, è necessario seguire alcuni requisiti. Innanzitutto, non mangiare 12 ore prima della consegna e non bere alcolici in una settimana. Anche una piccola quantità di cibo può influenzare significativamente il risultato. In secondo luogo, entro mezz'ora prima dell'analisi, smetti di fumare, non preoccuparti, evita lo stress morale e fisico. I risultati sono generalmente pronti un giorno dopo la consegna.

La norma di ALT nel sangue di uomini e donne

Alanina aminotransferasi (ALT o ALAT) - enzimi marcatori per il fegato.

Aspartato aminotransferasi (AST o AsAT) - enzimi marcatori per il miocardio.

La quantità di enzima alanina aminotransferasi nel sangue viene misurata in unità per litro.

ALT (ALAT) nei bambini

L'ALT nei bambini varia a seconda dell'età:

Nei neonati fino a 5 giorni: ALT non deve superare 49 U / L. (AST fino a 149 unità / litro.)

Per i bambini fino a sei mesi, questa cifra è più alta - 56 unità / l.

All'età di sei mesi a un anno, la quantità di ALT nel sangue può raggiungere 54 unità / l

Da un anno a tre - 33 U / l, ma gradualmente diminuisce la quantità normale dell'enzima nel sangue

Nei bambini da 3 a 6 anni, il limite massimo è di 29 unità / l.

A 12 anni, il contenuto di alanina aminotransferasi dovrebbe essere inferiore a 39 U / L

Nei bambini sono consentite lievi deviazioni dalla norma. Ciò è dovuto a una crescita irregolare. Nel tempo, la quantità di enzima nel sangue dovrebbe stabilizzarsi e avvicinarsi alla normalità.

Epatite da dottore

trattamento del fegato

Indicatori ast e alt per la cirrosi

Un esame del sangue biochimico è uno studio informativo, i cui risultati possono determinare lo stato funzionale degli organi interni. Un cambiamento nel contenuto di ALT e AST durante la cirrosi segnala un danno alle cellule (epatociti) nel tessuto epatico. La concentrazione di enzimi endogeni nel sangue può determinare lo stadio e la causa dei processi cirrotici.

ALT e AST sono enzimi proteici del sottogruppo transaminasi (aminotransferasi), che sono sintetizzati intracellularmente.

In assenza di gravi malattie, la loro concentrazione nel sangue è minima. Lo sviluppo di malattie intraepatiche porta a un cambiamento nei parametri delle aminotransferasi nel flusso sanguigno. Se la concentrazione di ALT è superiore all'AST, ciò indica un danno al parenchima e, viceversa, il muscolo cardiaco (miocardio).

L'aspartato aminotransferasi (AST) e l'alanina aminotransferasi (ALT) sono sostanze proteiche che sono coinvolte nei processi metabolici, in particolare gli aminoacidi. Gli enzimi endogeni vengono prodotti all'interno delle cellule, quindi la loro penetrazione nel sangue segnala la distruzione delle strutture cellulari. Un aumento della concentrazione di transaminasi indica l'insorgenza di processi infiammatori negli organi interni.

Un aumento di ALT è un segno di danno al pancreas, al fegato e ai reni e un aumento della concentrazione di AST indica la distruzione di cellule del miocardio, polmoni e tessuti nervosi..

Le aminotransferasi sono coinvolte nella sintesi del glicogeno, che rappresenta una riserva di energia per il corpo. È immagazzinato principalmente negli epatociti sotto forma di granuli e, se necessario, viene convertito in glucosio per la nutrizione endogena di cellule e tessuti. Se durante l'analisi i livelli di ALT e AST differiscono dai valori normali, spesso indica la distruzione del fegato o delle cellule del miocardio.

Un cambiamento nel livello di alanina aminotransferasi (AlAt, ALT) può essere chiamato un marker di patologie del sistema epatobiliare. L'attività di ALT aumenta con la cirrosi, quindi un aumento della concentrazione dell'enzima nel sangue è una buona ragione per un ulteriore esame strumentale (biopsia, TC, ecografia). Le principali cause di cambiamenti nei parametri delle sostanze proteiche nel corpo includono:

  • disturbo da induzione di farmaci;
  • cirrosi biliare primaria;
  • patologia del sistema epatobiliare;
  • formazione di tumori nel fegato.

In base al grado di attività ALT, è possibile determinare non solo il tipo di malattia, ma anche la causa della sua insorgenza. Una diminuzione dell'attività dell'alanina aminotransferasi è caratteristica dello sviluppo dell'insufficienza epatica e un aumento più spesso indica un danno tossico al fegato, in particolare la cirrosi da farmaco.

L'aspartato aminotransferasi (AsAt, AST) è un enzima coinvolto nella produzione di acido aspartico (aspartato). È coinvolta nello scambio di composti azotati e nella conversione dell'urea in composti pirimidonici. Se le letture AST superano la norma, i pazienti più spesso diagnosticati con malattie cardiovascolari.

Per provocare un aumento della concentrazione di aspartato aminotransferasi nel sangue può:

  • ittero ostruttivo;
  • intossicazione da alcol;
  • distrofia muscolare;
  • necrosi (morte) del muscolo cardiaco;
  • mancanza di tessuto adiposo nel fegato;
  • danno alla capsula epatica;
  • epatite acuta;
  • mononucleosi.

Il contenuto di ALT e AST nella cirrosi aumenta in modo anomalo a causa della distruzione delle strutture cellulari e della successiva penetrazione degli enzimi nella circolazione sistemica. Un cambiamento nella concentrazione di aminotransferasi nel sangue influisce negativamente sul lavoro degli organi interni, specialmente nervoso ed endocrino.

Quando si effettua una diagnosi, non si può fare affidamento esclusivamente sui dati degli indicatori degli enzimi endogeni nel sangue, perché si trovano non solo nel fegato, ma anche in altri organi: reni, polmoni, muscoli scheletrici, ecc..

Durante la diagnosi di cirrosi epatica, viene preso in considerazione il rapporto tra ALT e AST, che viene chiamato coefficiente de Ritis nei circoli medici. Un calcolo numerico del coefficiente viene eseguito solo se gli indicatori degli enzimi endogeni non rientrano nell'intervallo normale. La determinazione dell'attività delle aminotransferasi ha un importante valore diagnostico, poiché gli enzimi endogeni sono localizzati solo in alcuni tipi di cellule.

L'enzima proteico ALT predomina nel tessuto parenchimale e AST nel muscolo cardiaco. Da ciò ne consegue che con la cirrosi e l'infarto, viene rilevato un aumento dell'attività di un particolare enzima nel sangue. Ad esempio, con l'infarto del miocardio, la concentrazione di AST nella circolazione sistemica aumenta almeno 8 volte e ALT solo 2 volte.

In una persona sana, il coefficiente de Ritis è compreso tra 0,9 e 1,75. Se il valore numerico non supera 1, questo indica lo sviluppo di malattie del fegato, se più di due - la distruzione dei cardiomiociti (cellule del muscolo cardiaco). Secondo i risultati degli studi di laboratorio, un alto livello di enzima (fluttuazioni della concentrazione dei componenti del sangue biochimici) è prognosticamente considerato un segno sfavorevole della patologia.

Un esame del sangue biochimico è uno dei metodi più informativi di esame, con il quale è possibile valutare le prestazioni del fegato e il tasso di processi metabolici in esso. Prima dell'analisi, i pazienti devono sottoporsi a formazione, a causa della quale è esclusa la possibilità di modificare i parametri biochimici del sangue sotto l'influenza di fattori esogeni:

  1. un giorno prima della donazione di sangue, è auspicabile escludere l'attività fisica;
  2. 48 ore prima dell'analisi, è necessario abbandonare l'uso di cibi piccanti e grassi;
  3. il giorno prima dell'esame, non è consigliabile fare colazione e bere bevande gassate;
  4. pochi giorni prima di visitare un istituto medico è necessario rifiutare di assumere farmaci.

I risultati dell'analisi biochimica dipendono non solo dal fatto che il paziente abbia aderito o meno a una dieta speciale, ma anche dalla qualità dell'attrezzatura diagnostica.

Anche se un esame del sangue biochimico indica la presenza di processi infiammatori nel parenchima, il paziente viene inviato per un ulteriore esame. Quando si effettua una diagnosi, viene presa in considerazione la concentrazione di bilirubina, albumina e altri componenti nel sangue. Gli esperti studiano anche i risultati di una biopsia di puntura del fegato, laparoscopia e tomografia computerizzata..

Secondo gli standard internazionali, il contenuto di aminotransferasi nel sangue viene misurato in unità per 1 litro di sangue. Nei bambini, il contenuto di enzimi endogeni nel flusso sanguigno dipende dall'età. Ad esempio, nei neonati, ALT non deve superare 48-50 U / L e AST - 150 U / L. Nei pazienti di età inferiore ai 12 anni sono consentite lievi deviazioni dai valori normali. Dopo la pubertà, la quantità di aminotransferasi nel corpo si stabilizza e si avvicina alla normalità.

In età adulta, la concentrazione di enzimi proteici nel sangue è determinata dal sesso:

I risultati di un esame del sangue per il contenuto di ALT spesso non corrispondono ai valori normali. La deviazione dalla norma può essere associata non solo a cambiamenti degenerativi nel parenchima, ma anche ad altre cause. Un aumento della concentrazione di aminotransferasi è spesso innescato dall'uso di droghe: contraccettivi orali, antipiretici e analgesici. Ecco perché pochi giorni prima della consegna dei test di laboratorio, i medici raccomandano di abbandonare l'uso di medicinali.

Gli indicatori di ALT e AST nella cirrosi epatica possono superare la norma di decine o addirittura centinaia di volte. In questo caso, il valore numerico del coefficiente de Ritis cambia sia verso l'alto che verso il basso. Quando si effettua una diagnosi, vengono determinate le vere cause del cambiamento nel numero di enzimi nel corpo. Va notato che un cambiamento nei livelli di ALT può essere associato non solo ai processi infiammatori negli organi interni, ma anche a una carenza nel corpo della piridossina (vitamina B6).

ALT per cirrosi: un'analisi di laboratorio, che è uno degli esami del fegato obbligatori. L'emivita dell'enzima è di 48 e l'ASL è di 12 ore. Pertanto, in una fase precoce della cirrosi epatica, la concentrazione di AST è spesso più alta, ma dopo un paio di giorni gli indicatori ALT li superano. Un aumento dei livelli ematici di alanina aminotransferasi può essere associato allo sviluppo delle seguenti malattie:

  • cirrosi tossica causata da danni al parenchima da pesticidi, fumi di metalli pesanti, farmaci;
  • cirrosi biliare secondaria, provocata dal ristagno della bile nei dotti intraepatici;
  • cirrosi alcolica causata da bere eccessivo nel corso degli anni.

Il valore normale di ALT non esclude lo sviluppo della cirrosi epatica..

In circa il 50% dei pazienti con cirrosi alcolica, la concentrazione di aminotransferasi nel sangue non cambia. Molto spesso ciò è dovuto allo sviluppo concomitante di disturbi endocrini.

Gli indicatori AST possono cambiare non solo con danni al tessuto parenchimale. Tutto dipende dal rapporto tra AST e ALT, nonché dal tasso di variazione della concentrazione di questi enzimi nella circolazione sistemica:

  • si osserva un forte aumento dell'aspartato aminotransferasi con danno chimico al tessuto epatico;
  • superare il livello dell'enzima nel sangue di oltre 10 volte indica lo sviluppo di carcinoma epatocellulare nel fegato;
  • un rapido aumento di AST a 600-700 unità, e quindi un forte calo durante il giorno indica ostruzione (blocco) del tratto biliare con calcoli biliari.

Se l'aumento della concentrazione di AST è molte volte superiore a ALT, ciò indica una lesione metastatica del parenchima epatico.

Secondo i risultati di ripetute analisi di laboratorio, è possibile valutare il tasso di progressione della cirrosi, nonché il grado di danno al tessuto parenchimale. Maggiore è la concentrazione di enzimi endogeni nel flusso sanguigno, maggiore è il numero di epatociti viene distrutto dai processi infiammatori.

AST e ALT sono enzimi endogeni la cui sintesi avviene solo per via intracellulare. Un aumento del livello del sangue indica la presenza di processi infiammatori nel fegato, nei polmoni, nel miocardio o nel pancreas. La più alta quantità di ALT è nel tessuto parenchimale, ad es. il fegato. Se, secondo i risultati dell'analisi biochimica, risulta che la concentrazione dell'enzima nel flusso sanguigno supera la norma di decine o centinaia di volte, molto spesso ciò indica lo sviluppo di gravi malattie del fegato.

Con la cirrosi sottocompensata e scompensata, la concentrazione di enzimi può raggiungere 600 o più U / L. Con la progressione della malattia, il numero di epatociti viventi nel fegato diminuisce. A questo proposito, nell'ultimo stadio (terminale) della cirrosi, il contenuto di aminotransferasi nel sangue diminuisce drasticamente.

La cirrosi epatica e l'insufficienza epatica sono patologie comuni. La medicina moderna ha nel suo arsenale metodi diagnostici abbastanza affidabili. Gli indicatori ALT (alanina aminotransferasi) e AST (aspartato aminotransferasi) svolgono un ruolo importante nella diagnosi.

Il meccanismo di produzione di questi enzimi non è del tutto chiaro, tuttavia è chiaro che sono sintetizzati intracellulari, quindi, in una persona sana, il loro contenuto nel sangue è minimo. Possono entrare nel sangue solo a causa della citolisi, cioè della distruzione delle cellule. Pertanto, se i risultati delle analisi biochimiche mostrano un eccesso nel livello di ALT e / o AST, possiamo concludere che il processo patologico nel corpo.

Per determinare la malattia, è importante anche il rapporto tra la quantità di questi due enzimi. Questo rapporto ha ricevuto nella pratica medica il nome di "coefficiente de Ritis", dopo il nome del medico Fernand de Ritis, che per primo ha determinato il valore di questo rapporto per la diagnosi di laboratorio. L'essenza di questa tecnica è che gli enzimi ALT e AST in diversi organi sono contenuti in diverse concentrazioni. Ad esempio, normalmente, in una persona sana, ALT si trova principalmente nel fegato e AST nel miocardio. Da qui possiamo diagnosticare, ad esempio, la cirrosi epatica e l'insufficienza epatica, in caso di superamento della norma dell'enzima ALT. Normalmente, il coefficiente de Ritis è compreso tra 0,91 e 1,75. Con valori di questo coefficiente 2 e superiori, si può parlare con sicurezza di gravi malattie cardiache, con un coefficiente inferiore a 1 - di epatite, cirrosi, ecc..

Un eccesso significativo dei livelli di AST con un aumento relativamente piccolo dei livelli di ALT indica un'etimologia analcolica della cirrosi epatica. Tuttavia, è possibile determinare quale tipo di cirrosi sarà in un caso particolare e quali dovrebbero essere testati solo a seguito di un esame completo. Nella maggior parte dei casi, con la cirrosi, il livello di AST è superiore al livello di ALT.

Importante: il coefficiente de Ritis ha valore diagnostico solo in caso di superamento della norma di ALT e AST nel sangue.

Secondo le specifiche internazionali, è consuetudine misurare il livello di enzimi ALT e AST in unità per litro (sangue). Negli uomini, le letture del livello di enzimi differiscono notevolmente. La norma per le donne è il tasso di enzimi a livello di 31 unità / litro, per gli uomini - non più di 45 unità / litro. La concentrazione di enzimi nei bambini in età prescolare non deve superare 50 unità / l.

Per ridurre o minimizzare i possibili errori nella diagnosi, prima di donare il sangue per l'analisi degli enzimi epatici, è necessario:

  • non mangiare il giorno del test;
  • bere solo acqua naturale, non gassata;
  • escludere l'uso di eventuali farmaci;
  • 2-3 giorni prima dell'analisi, escludere dalla dieta grassi, affumicati, salati, saturi di carboidrati e proteine;
  • ridurre l'intensità dell'attività fisica.

Per identificare l'insufficienza epatica, la cirrosi epatica o l'epatite applicano metodi di ricerca complessi. Il sangue venoso viene prelevato per analisi. Come materiale studiato, si usa il siero del sangue. Secondo i risultati degli studi biochimici, è possibile determinare:

  • Il livello proteico totale nel corpo. Il superamento della norma indica un processo infiammatorio in corso;
  • Il contenuto di albumina nel sangue. Il superamento della norma è generalmente associato a insufficienza epatica;
  • Contenuto di creatinina Il superamento della norma indica la patologia dei reni, della vescica;
  • Superamento del livello di concentrazione di fosfatasi alcalina (ALP). Indica la presenza di ittero ostruttivo, epatite, tireotossicosi;
  • Livello di glutammato deidrogenasi. Un aumento dei livelli ematici di GldG indica gravi danni al fegato tossici, cirrosi alcolica ed epatite grave.

La cirrosi (dal greco kirrhos - giallo) è una grave malattia del fegato, che è caratterizzata da un processo infiammatorio prolungato e dalla morte graduale di speciali cellule epatiche - epatociti, con la loro graduale trasformazione in tessuto connettivo. Allo stesso tempo, la capacità di disintossicazione del fegato diminuisce e si sviluppa l'insufficienza epatica..

L'insufficienza epatica è caratterizzata da una compromissione della funzionalità epatica a causa del danno al suo parenchima. Il quadro clinico con insufficienza epatica è simile alle manifestazioni della cirrosi. La patogenesi dipende dai dettagli della malattia precedente. Circa 40 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di questa malattia ogni anno..

Diagnosi di laboratorio per cirrosi epatica, comprende gli attuali studi biochimici, analisi coprologiche, ultrasuoni, biopsia epatica, analisi del sangue per marcatori virali. Quali ulteriori strumenti diagnostici sono necessari è deciso dal medico curante.

Un'ombra itterica della pelle e un aumento delle dimensioni del fegato sono segni esterni attraverso i quali è possibile diagnosticare la cirrosi epatica. Nel caso della cirrosi alcolica, sulla pelle appare una caratteristica ragnatela vascolare.

Quali manifestazioni specifiche della cirrosi saranno presenti dipende dal paziente e dal suo stile di vita. Nei casi più gravi, l'edema addominale può essere uno dei sintomi..

Un esame del sangue generale per la cirrosi mostra quanto segue:

  • il livello totale di emoglobina scende a 110 g;
  • diminuzione dei globuli rossi;
  • diminuzione della conta piastrinica;
  • aumento della conta dei globuli bianchi;
  • La SOE (velocità di eritrosedimentazione) aumenta a 15 mm / ora.

Un esame del sangue biochimico rivelerà tali violazioni:

  • riduzione dei livelli di albumina e proteine ​​ematiche totali;
  • aumento del contenuto di enzimi ALT e AST;
  • aumento dei livelli di bilirubina sintetizzata nel fegato;
  • aumento del glucosio
  • una diminuzione della concentrazione di fibrinogeno (associata a insufficienza epatica);
  • livello di protrombina insufficiente;
  • aumento della fosfatasi alcalina;
  • diminuzione di sodio e calcio.

Importante: un livello insufficiente di protrombina può causare un deterioramento della coagulazione del sangue, che influirà negativamente sull'operabilità del paziente. Altri processi patologici possono abbassare il livello di protrombina e fibrinogeno. Quali sono determinati dalla diagnostica di laboratorio complessa.

Se la cirrosi è stata causata da epatite, i seguenti marcatori saranno positivi: Anti-HBs, HCV-RNA, Anti-HBc, HBsAg. Normale: la risposta è no. Il meccanismo di sviluppo della malattia dipende dal tipo di epatite precedente.

Come risultato di un'analisi coprologica, i grassi (alterato metabolismo dei grassi) e le proteine ​​si trovano nelle feci. Le feci sono scolorite (a causa di una diminuzione dei livelli di bilirubina). Un campionamento corretto aiuterà a ridurre gli errori nell'analisi coprologica..

L'ecografia del fegato aiuta a diagnosticare il suo aumento di dimensioni, la ridotta ecogenicità, la presenza di aree di infiammazione. La superficie del fegato nella malattia è generalmente allentata e irregolare. I diametri della vena cava inferiore e della vena porta vengono ingranditi. Anche la cistifellea viene ingrandita e deformata..

La tomografia computerizzata consente di valutare i parametri fisiologici generali dell'organo, identificare i fuochi della cirrosi.

L'assunzione di materiale bioptico viene solitamente prescritta per diagnosticare lo stato del tessuto epatico stesso, per determinare la percentuale di cellule sane in relazione alle cellule del tessuto connettivo.

La cirrosi è una malattia molto pericolosa. Tutti possono sapere quali potrebbero essere le conseguenze. Il corpo umano è un meccanismo preciso, quindi ogni violazione del suo funzionamento minaccia di complicazioni. Le forme gravi della malattia possono essere fatali. La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo aiuteranno ad evitare lo sviluppo di insufficienza epatica e cirrosi.

L'alanina aminotransferasi e l'aspartato aminotransferasi sono enzimi che sono prodotti nelle cellule e praticamente non entrano nel flusso sanguigno in una persona sana. Gli indicatori di ALT e AST nella cirrosi stanno crescendo rapidamente, il che indica la rottura delle cellule e il processo patologico che si verifica nel corpo.

ALT e AST per qualsiasi cirrosi epatica iniziano ad entrare nel flusso sanguigno per una semplice ragione: la malattia provoca la rottura delle cellule viventi. Nelle prime fasi della malattia, questo processo inizia solo, quindi il fegato ha ancora abbastanza cellule nel suo arsenale per continuare il normale funzionamento. Tuttavia, nelle analisi è già possibile notare un leggero aumento di AST e ALT.

Se i fattori negativi dall'esterno continuano a influenzare attivamente il corpo, il processo di decadimento cellulare viene accelerato e il fegato cresce di dimensioni a causa dell'abbondanza di tessuto connettivo. Sanguinamenti allarmanti dal naso e dalle gengive, debolezza e sonnolenza, febbre e ascite si aggiungono all'allarmante emocromo biochimico..

Nelle fasi finali della malattia, il valore di ALT e AST nella cirrosi a volte aumenta di 3-4 volte. Ciò indica un grave processo patologico, che nella maggior parte dei casi porta alla morte entro 1-3 anni.

Nella medicina moderna, uno speciale coefficiente de Ritis viene spesso utilizzato per la diagnosi. A tempo debito, studiando gli enzimi del corpo, il medico Fernando de Ritis arrivò alle seguenti conclusioni:

  • l'enzima ALT si trova nella massima misura nel fegato e AST nel miocardio;
  • normalmente il rapporto di questi due enzimi è compreso tra 0,91 e 1,75;
  • con un valore superiore a 2, stiamo parlando di gravi patologie del cuore e con un valore inferiore a 1 - di cirrosi e altri problemi al fegato;
  • se il valore di AST aumenta in modo significativo, mentre ALT aumenta leggermente, stiamo quasi certamente parlando di cirrosi e non del tipo di alcol.

Per valutare tutti questi indicatori, i medici eseguono un esame del sangue biochimico. Lungo la strada, possono prestare attenzione al colesterolo caduto o ad un aumento della conta piastrinica, che indica anche l'avanzamento della cirrosi. Tuttavia, la base principale per fare la diagnosi è precisamente la quantità di ALT e AST.

I livelli di AST e ALT sono determinati attraverso un esame del sangue. I medici hanno scoperto da tempo il normale contenuto di questi enzimi nel sangue umano. È necessario tenere conto del sesso e dell'età del paziente, poiché negli uomini l'indicatore è più alto e nei bambini è ancora maggiore.

  • Per le donne, il normale livello di enzimi nel corpo è considerato 31 unità / l.
  • Per gli uomini - non più di 45 unità / l.
  • Nei bambini in età prescolare, il numero di enzimi non supera le 50 unità / l..

Affinché l'analisi dia i risultati corretti, deve essere eseguita secondo tutte le regole. Altrimenti, esiste il rischio di una diagnosi errata.

I medici di solito incoraggiano i loro pazienti a seguire queste regole di base:

  • il giorno prima della donazione di sangue per l'analisi, è necessario ridurre l'attività fisica, è meglio ricorrere temporaneamente al riposo a letto;
  • per due giorni si consiglia di rimuovere dalla dieta cibi grassi, piccanti e affumicati;
  • è necessario escludere completamente l'assunzione di eventuali farmaci;
  • il cibo non è consentito il giorno della prova;
  • prima dell'esame, puoi bere solo acqua normale, ma è meglio rifiutare la soda.

Gli enzimi intracellulari o transaminasi non devono apparire nel sangue in grandi quantità. Se ciò accade, probabilmente stiamo parlando dello sviluppo di malattie gravi.

L'accuratezza della diagnosi misurando questi indicatori da parte di alcuni medici è in grande dubbio. Il fatto è che il risultato dipende non solo dal rispetto delle regole nutrizionali e dell'attività fisica, ma anche dalla qualità delle attrezzature e dalle qualifiche del medico. Tale studio dovrebbe essere condotto solo da un medico altamente qualificato, in grado di notare anche un leggero aumento degli indicatori.

ALT e AST nella cirrosi epatica appaiono davvero nel sangue in grandi quantità, ma questo è ben lungi dall'essere l'unica malattia che porta allo sviluppo di tale patologia. Nei seguenti casi, questo indicatore può anche diminuire o aumentare:

  1. La quantità di enzima ALT aumenta nelle malattie cardiache gravi come l'infarto del miocardio e l'insufficienza cardiaca..
  2. Ciò accade sullo sfondo dello sviluppo di epatite, pancreatite acuta.
  3. Il contenuto di proteine ​​AST aumenta nel sangue con cancro al fegato.
  4. Lesioni e ustioni portano anche ad un aumento di questo indicatore..
  5. Con una mancanza di vitamina B6, si osserva una significativa riduzione di entrambi gli indicatori..
  6. Nella fase terminale della cirrosi, anche i livelli di AST e ALT diminuiscono rapidamente, il che indica la diffusione della necrosi e dei processi patologici nel corpo.

Nel primo trimestre di gravidanza, molte donne aumentano i livelli di ALT. Ciò si verifica sullo sfondo della mancanza di vitamina B6 e dello sviluppo di tossicosi. Se viene rilevato un aumento di entrambi gli indicatori, è necessario superare immediatamente un esame, poiché possiamo parlare di patologie molto gravi.

È abbastanza difficile diagnosticare la cirrosi epatica e quindi, quando si esamina un sangue, i medici prestano attenzione a una dozzina di indicatori. Ad esempio, sono interessati al livello di bilirubina. Un aumento del suo numero indica i processi patologici nel fegato.

L'accumulo di bilirubina nel sangue in grandi quantità è pericoloso, poiché questo pigmento biliare è tossico, influisce negativamente sul cervello e sul sistema nervoso. La crescita di questo indicatore indica direttamente l'avanzamento della cirrosi epatica.

Molto spesso, i medici conducono una diagnosi differenziale utilizzando una serie di test. Questo aiuta non solo a diagnosticare la cirrosi, ma anche a identificare lo stadio di sviluppo della malattia, la causa della sua insorgenza.

La malattia deve essere trattata immediatamente, poiché può progredire rapidamente, interessando non solo le cellule del fegato, ma anche i reni vicini, la milza.

Nelle fasi finali della malattia, le lesioni sono così gravi che nel 60% dei casi si trasformano in fatali.

Cosa significano i dati ALT e AST per la cirrosi epatica diagnosticata? Qual è la norma e quali sono le deviazioni? La cirrosi epatica è una delle malattie più comuni, con molte cause alla radice. Per identificare alcune anomalie, viene eseguita un'analisi della fermentazione del fegato nel sangue. Ognuno ha il suo ruolo e le sue funzioni, ma il più utile per identificare le malattie - aminotransferasi AST e ALT.

Questi sono enzimi che sintetizzano l'eccesso di glucosio (o glicogeno) per il fegato, in altre parole, le molecole in cui è immagazzinata l'energia.

È diviso in due categorie principali:

  1. Aspartate aminotransferase (AST). Si trova anche nel muscolo cardiaco, nei reni, nei muscoli scheletrici e nel cervello..
  2. Alanina aminotransferasi (ALT) - si concentra direttamente nel fegato.

Si trovano negli epatociti (cellule del fegato), mentre interagiscono direttamente con il sangue. Se vengono distrutti, gli enzimi vengono assorbiti nel flusso. Durante l'analisi, verrà rivelato il loro livello, in caso di inosservanza della norma, sarà richiesto il trattamento. All'aumentare del livello di attività enzimatica, aumenta anche la necrosi tissutale e la loro morte.

Se l'attività è 1,5-5 volte superiore al limite superiore della norma, allora si chiama iperfermentemia moderata, 6-10 volte - gravità moderata, da 10 e sopra - alta. Con questa attività, inizia il processo di necrosi, ma le funzioni dell'organo non vengono violate. Ad esempio, nella cirrosi, il livello di attività AST supera ALT.

Motivi per un aumento del cambiamento:

  • Malattia epatobiliare ostruttiva;
  • Malattia infiltrativa (che colpisce il tumore);
  • Disturbo epatico indotto da farmaci;
  • Malattia autoimmune - cirrosi biliare;
  • Primi tre mesi di gravidanza;
  • Sviluppo osseo.

Un tipo di enzima che trasporta acido aspartico dalle molecole. In altre parole, l'AST è un analogo non proteico della vitamina B6..

  1. Distruzione delle pareti del fegato;
  2. Ittero ostruttivo;
  3. Epatite acuta, che scorre dolcemente in cronica;
  4. Necrosi dei tessuti dei muscoli cardiaci e scheletrici;
  5. Intossicazione da alcol;
  6. Carenza dello strato grasso del fegato;
  7. dermatomiosite;
  8. Infarto mesenterico;
  9. mononucleosi;
  10. Distrofia muscolare;
  11. Pancreatite.

È molto importante ricordare che se la norma viene superata solo 2 volte, si raccomanda solo di osservare il paziente, escluso il fatto di una malattia cronica.

Se gli indicatori sono anormalmente elevati, questo parla solo di una cosa: la necrosi cellulare, un danno epatico significativo.

Allo stesso tempo, è impossibile fare affidamento solo su questi indicatori, poiché sono anche contenuti in altri organi, quindi è impossibile parlare specificamente di malattie associate al fegato.

Nozioni di base per determinare la malattia in base all'attività ottenuta degli enzimi:

  1. AST corrisponde ad ALT e forse supera di 1 punto: epatite infettiva acuta o narcotico;
  2. AST è il doppio di ALT - una malattia che si è manifestata sotto l'influenza dell'alcol;
  3. AST supera ALT di più di 1 posizione - cirrosi.

Vale la pena considerare che il confronto degli indicatori non fornirà un quadro completo, quindi, forse questa è qualsiasi altra malattia associata a questi enzimi.

Indubbiamente, è impossibile identificare l'indicatore ideale della norma di attività, poiché tutto è strettamente individuale e dipende dall'indice di massa corporea. Ma allo stesso tempo, una maggiore concentrazione di enzimi indica la presenza di problemi. Pertanto, è importante identificare quanti enzimi dovrebbero essere contenuti nel sangue in base agli standard..

La norma è misurata in unità internazionali per litro, risulta che la norma per AST è 2-45 UI / l, ALT è 2-40 UI / l. Per confronto: il livello di enzimi nell'epatite - 1000 UI / l.

Naturalmente, non puoi fare affidamento esclusivamente su questi indicatori, dovresti analizzare il livello di albumina e bilirubina. Vale anche la pena considerare che il sesso maschile è caratterizzato da un alto livello di ALT e AST, mentre le donne hanno un massimo di 31 UI / L, ma per i bambini in età prescolare non dovrebbero raggiungere 50 UI / L.

Il valore dell'indicatore è influenzato da molti fattori, quindi è necessario seguire alcune semplici regole prima di passare l'analisi:

  • È vietato mangiare il giorno della donazione di sangue;
  • Soda, bevande zuccherate, alcool ed energia sono severamente vietati;
  • Non assumere alcun medicinale;
  • Pochi giorni prima dell'analisi, non mangiare cibi grassi, salati, affumicati;
  • Non sovraccaricarti di allenamento fisico.

Per identificare il quadro completo, dovrà essere effettuato un esame completo. Devi donare il sangue da una vena, ma sarà il siero che verrà analizzato.

I dati biochimici ottenuti mostreranno:

  1. Il contenuto e il livello di proteine ​​nel sangue, se è elevato, è possibile il corso del processo infiammatorio nel corpo;
  2. La concentrazione di albumina, il suo eccesso indica insufficienza epatica;
  3. Livello di creatinina, deviazione dalla norma verso l'alto significa patologia dei reni o della vescica;
  4. Il contenuto di fosfatasi alcalina, il suo eccesso suggerisce ittero ostruttivo, epatite;
  5. Il contenuto di glutammato deidrogenasi, con il suo aumento, si osserva un danno tossico ai reni, indica cirrosi alcolica ed epatite grave.

Questa malattia con un decorso grave è causata da un processo infiammatorio prolungato e dalla morte prolungata di molecole - epatociti, che si trasformano in tessuto connettivo. La funzione di barriera non può più essere eseguita completamente, a seguito della quale si sviluppa l'insufficienza epatica.

L'insufficienza epatica è un malfunzionamento del fegato, la cui causa è la distruzione del parenchima. È simile alla cirrosi, ma la sua insorgenza dipende da malattie precedenti..

Quindi, per diagnosticare la malattia, vengono eseguite le diagnosi di laboratorio:

  1. Ricerca biochimica;
  2. Studio coprologico;
  3. ultrasuono
  4. Biopsia;
  5. Analisi dei virus;
  6. Esami individuali prescritti dal medico, in relazione alle caratteristiche delle condizioni del paziente.

I sintomi esterni della cirrosi epatica includono:

  • Tono della pelle giallastra;
  • Il fegato è ingrossato;
  • Gonfiore dell'addome;
  • Vene di ragno o ragnatela.

Segni clinici della malattia:

  • Livello di emoglobina inferiore a 110 g;
  • Ridurre la posizione dei globuli rossi;
  • Abbassamento piastrinico;
  • Aumento della concentrazione di globuli bianchi;
  • Il tasso di sedimentazione degli eritrociti è aumentato a 15 mm all'ora;
  • Diminuzione dei livelli di albumina, proteine;
  • ALT e AST aumentati;
  • Aumento della bilirubina e del glucosio;
  • Riduzione della concentrazione di fibrinogeno;
  • Il contenuto di protrombina è diminuito;
  • La concentrazione di fosfatasi alcalina è aumentata;
  • Il contenuto di sodio e calcio è diminuito.

È molto importante monitorare il livello di protrombina, che è responsabile della coagulazione del sangue, se non è sufficiente, al paziente è vietato un intervento chirurgico.

In una situazione in cui l'epatite ha causato la cirrosi, questi marker saranno presenti nell'analisi:

Indubbiamente, idealmente non dovrebbero esserlo. La patogenesi dipende dall'epatite che l'ha preceduta.

Uno studio coprologico mostrerà la presenza di proteine ​​e grassi nelle feci. Se la bilirubina diminuisce con la cirrosi, perde colore.

Ultrasuoni: questo esame rivela un cambiamento nelle dimensioni degli organi e la presenza di processi infiammatori. Con l'inizio della malattia, i tessuti del fegato cambiano le loro proprietà, diventano allentati e nervati. Aumenta, con la cirrosi, la dimensione della vena cava e delle vene portale sul lato inferiore. C'è anche un allargamento della cistifellea e la sua deformazione. E con l'aiuto della tomografia computerizzata, puoi identificare gli indicatori generali del fegato e determinare da dove proviene la cirrosi.

Viene prescritta una biopsia per determinare lo stato del tessuto epatico nella cirrosi, per determinare il rapporto tra cellule sane e tessuto connettivo.

Questa malattia è pericolosa e molto spesso fatale. Le conseguenze, i sintomi e le cause della malattia devono essere conosciuti da tutti e consultare uno specialista in tempo. Non dimenticare che il corpo funziona come un orologio e tutti i problemi interni influenzano la condizione umana, con la cirrosi, ad esempio, la carnagione cambia.

Segui tutti i segnali del tuo corpo, ascoltalo e poi puoi affrontare il problema. Con la cirrosi, lo screening precoce e il giusto trattamento ti salveranno la vita e, eventualmente, ti aiuteranno a evitare ulteriori difficoltà..

La cirrosi epatica è una delle malattie più gravi. È caratterizzato da un'infiammazione prolungata, dalla morte delle cellule del fegato e dalla graduale sostituzione del loro tessuto connettivo. Di conseguenza, tutte le funzioni epatiche sono ridotte, in particolare la disintossicazione, e si sviluppa l'insufficienza epatica, che porta alla morte..

La cirrosi epatica viene diagnosticata principalmente negli uomini di età superiore ai 45 anni. Le principali cause della formazione della malattia:

  • Epatite cronica posposta (virale, autoimmune, tossica);
  • Alcune malattie autoimmuni e cirrosi biliare;
  • Patologia del tratto biliare;
  • Malattia del calcoli biliari, blocco dei dotti biliari, colangite sclerosante primaria;
  • Avvelenamento con sostanze tossiche per il fegato, compresi i veleni vegetali;
  • Abuso di alcol per almeno 10 anni;
  • Disturbi metabolici genetici;
  • Congestione venosa nel fegato sullo sfondo di malattie cardiovascolari;
  • Uso a lungo termine di droghe;
  • Epatosi epatica grassa nei disturbi metabolici, tipica delle malattie come diabete e obesità;
  • Malattie epatiche parassitarie - ascariasi, echinococcosi, toxoplasmosi, opistorchiasi, ecc..

Sintomi e diagnosi della malattia

Le prime fasi della cirrosi si verificano senza sintomi pronunciati, specialmente quando la malattia si sviluppa senza alcuna connessione con un'altra malattia. Ma alcuni sintomi sono presenti e devi prestare attenzione ad esso..

In primo luogo, è la sindrome astenica - debolezza generale, aumento della stanchezza, scarso appetito, perdita di peso, aumento occasionalmente irragionevole della temperatura corporea, insonnia durante la notte e sonnolenza durante il giorno, irritabilità, lacrimazione, collera, ecc..

In secondo luogo, sindrome dispeptica - amarezza in bocca (specialmente la mattina), nausea, eruttazione, vomito, pesantezza nell'addome superiore e nell'ipocondrio destro quando si assumono cibi oleosi, piccanti e alcolici con conseguente insorgenza di dolore, flatulenza.

Ulteriori sintomi aumentano. Compaiono dolori articolari, l'elevata temperatura corporea diminuisce male, la pelle e la sclera diventano gialle, il prurito quasi ininterrotto della pelle si unisce, lo stomaco aumenta di dimensioni, perché forme fluide libere nella cavità addominale. Quando la malattia progredisce ulteriormente, i sintomi peggiorano.

La diagnosi di cirrosi comprende metodi di ricerca sia strumentali che di laboratorio. Da studi di laboratorio, un ruolo importante è svolto dai parametri ematici biochimici, di cui ALT e AST sono quasi i principali. Questi sono enzimi epatici - aminotransferasi. Grazie a questi enzimi, il fegato sintetizza il glicogeno. Il luogo della loro localizzazione sono le cellule di vari organi, incluso il fegato. Una persona sana dovrebbe avere pochissime persone nel sangue. Ma con lo sviluppo di malattie del fegato, gli enzimi escono dalle cellule ed entrano nel flusso sanguigno. La loro quantità nel sangue aumenta, sulla base della quale possiamo assumere lo sviluppo di patologie epatiche, come epatite, cirrosi, epatopatia non alcolica, ecc., Anche nelle prime fasi.

ALT (alanina aminotransferasi) e AST (aspartato aminotransferasi) sono proteine ​​che si formano nelle cellule e sono coinvolte nel metabolismo degli aminoacidi. ALT e AST possono entrare nel sangue solo se le cellule dell'organo iniziano a rompersi..

L'enzima ALT si trova maggiormente nelle cellule del fegato - epatociti, così come nei reni, nel muscolo cardiaco, nel pancreas. L'enzima AST si trova sia nel fegato che in altri organi: polmoni, cuore, cervello e fibre muscolari. I livelli di ALT e AST sono misurati in unità internazionali per litro (UI / L).

La norma di ALT in ME / l per le donne è da 20 a 40, per gli uomini - non più di 45. La norma di AST in ME / l per le donne è 34-35, per gli uomini - non più di 48.

Per diagnosticare in modo affidabile la cirrosi epatica, è necessario conoscere non solo gli indicatori, ma anche il rapporto tra ALT e AST. Se il rapporto del loro rapporto nell'intervallo da 0,9 a 1,7 è la norma. Se sopra 2 - questo indica una malattia cardiaca. Se inferiore a 0,8, si tratta di insufficienza epatica. Più basso è questo indicatore, peggiore è la condizione del fegato.

Un medico esperto potrebbe aver bisogno di una sola analisi: i parametri biochimici del sangue. Sulla base di esso, il medico può suggerire quale malattia epatica inizia a svilupparsi: epatite, pancreatite, infarto del miocardio, ecc..

Un aumento dell'ALT è caratteristico di epatite, cirrosi, infarto del miocardio, miocardite, insufficienza cardiaca, pancreatite acuta, con gravi ustioni e gravi lesioni. Aumento dei livelli di AST - con infarto del miocardio (ALT è leggermente aumentato), con cirrosi epatica, epatite, il contenuto di entrambi gli enzimi è aumentato. Se nei parametri biochimici c'è una diminuzione solo di ALT, ciò può indicare un'epatite alcolica, che può inevitabilmente portare alla cirrosi epatica. Con una diminuzione simultanea e marcata degli indici di entrambe le aminotransferasi, si assumono solitamente lesioni epatiche multiple o uno stadio terminale della cirrosi epatica.

Considerando che l'insorgenza della cirrosi è asintomatica, è necessario contattare immediatamente uno specialista e donare immediatamente sangue per biochimica se si verificano sintomi non specifici come manifestazioni di sindromi asteniche o dispeptiche. Ciò è necessario per iniziare il trattamento in tempo. Il trattamento è complesso e include necessariamente l'uso di epatoprotettori.

Il fegato svolge molte funzioni diverse, senza le quali il normale funzionamento del corpo umano è impossibile. Monitorare il fegato è il compito di ogni persona che vuole essere in buona salute.!

Chirurgo di prima categoria. Ricercatore presso l'Istituto di Chirurgia Generale e di Emergenza. Capo redattore del sito Cirrhosis-liver.rf