Farmaci antibatterici per pancreatite e colecistite

La colecistite è una patologia in cui la cistifellea si infiamma. La malattia può manifestarsi in modo acuto e cronico. A causa del malfunzionamento della cistifellea, la pancreatite si sviluppa spesso sullo sfondo della colecistite - infiammazione del pancreas.

Queste patologie sono trattate con farmaci, a volte ricorrono all'intervento chirurgico. Gli antibiotici per colecistite e pancreatite sono usati senza fallo, specialmente durante un'esacerbazione di malattie.

La durata della terapia antibiotica va da 1 settimana a diversi mesi. Succede che conducono diversi corsi di trattamento. Consideriamo più in dettaglio quali farmaci vengono utilizzati per pancreatite e colecistite..

Che cos'è la colecistite e quando viene trattata con antibiotici

Il ruolo principale nella formazione del processo infiammatorio negli adulti nella cistifellea appartiene all'ipertensione biliare (un processo di violazione del deflusso della bile, che è associato all'ostruzione del dotto biliare da muco, calcoli, detriti, giardia) e infezione della bile. Le infezioni nella vescica sono di natura linfogena, ematogena o enterogena.

La colecistite acuta, obbligatoria per la terapia antibiotica, è una patologia improvvisa che è accompagnata da:

  • infiammazione della cistifellea;
  • forte dolore addominale, che si intensifica durante la palpazione dell'ipocondrio destro;
  • brividi e febbre;
  • vomito con la bile.

La base della terapia farmacologica durante un'esacerbazione è l'uso di antibiotici - per sbarazzarsi di infezioni, farmaci antispasmodici - per normalizzare il deflusso della bile, i FANS - per ridurre la gravità dell'infiammazione, il sollievo dal dolore, ridurre l'edema, le soluzioni cristalloidi di infusione.

Gli antibiotici per l'infiammazione della cistifellea sono considerati obbligatori, poiché aiutano a ridurre il rischio di complicanze settiche. Il trattamento antibiotico per la colecistite si verifica durante un'esacerbazione della malattia, cioè durante un attacco acuto nel decorso cronico della malattia o nel decorso acuto della malattia, leggi su https://pechen.infox.ru/zhelchnyj-puzyr/lechenie-holetsistita-medikamentami. Durante la remissione, il trattamento antibatterico non viene eseguito.

La colecistite può essere classificata in:

  • acuta e cronica;
  • complicato e semplice;
  • calcoli e non calcoli.

Per eziologia, la malattia è divisa in:

  • virale;
  • batterica;
  • parassita;
  • colecistite non microbica (immunogena, asettica, allergica, post-traumatica, enzimatica) e di altro tipo.

Pillole per l'infiammazione della cistifellea possono anche essere utilizzate dopo l'intervento chirurgico per rimuovere calcoli, colecistectomia o resezione.

Esistono alcuni regimi di trattamento per la colecistite che determinano come e quali farmaci antibatterici bere..

Video correlato:

Caratteristiche di ricevimento e complicazioni di terapia antibiotica

Durante il trattamento, è necessario abbandonare completamente l'alcool, aderendo a una dieta per la colecistite: esclusione di cibi grassi, consumo eccessivo di zucchero, legumi, frutta e bacche acide, cibo in scatola, carni affumicate, piatti piccanti, caffè forte.

È importante aderire completamente al regime di trattamento, non modificare il dosaggio, non perdere la dose, non interrompere il corso, anche se si è verificato un pieno recupero. Altrimenti, potrebbe svilupparsi una resistenza alle infezioni da antibiotici e la malattia si ripresenterà rapidamente. Come qualsiasi altro farmaco, gli antibiotici hanno una serie di effetti collaterali. Maggiori dettagli sui possibili effetti collaterali sono descritti nelle istruzioni per il farmaco..

Nelle recensioni degli utenti puoi trovare una varietà di effetti collaterali, ma l'occorrenza più comune:

  • disbiosi, che porta alla rottura del tratto digestivo,
  • Carenza di vitamina K, che può causare sangue dal naso,
  • candidosi della cavità orale e altre mucose (ad esempio mughetto),
  • reazioni allergiche, se esiste una sensibilità individuale ai componenti del farmaco (questi segni non possono essere ignorati).

Per prevenire effetti collaterali, è necessario attenersi rigorosamente alle istruzioni e raccomandazioni del proprio medico. Dopo una lunga assunzione, si consiglia di bere un ciclo di probiotici per ripristinare la microflora intestinale sana.

Quali antibiotici sono usati per la colecistite

I gruppi di base di farmaci più efficaci nel trattamento della colecistite sono i farmaci del seguente elenco:

  • fluorochinoloni (ciprofloxacina);
  • tetracicline ("Doxiciclina"). Le tetracicline sono batteriostatiche, ma hanno un gran numero di effetti collaterali e possono influenzare la sintesi proteica nel corpo umano, quindi il loro uso è limitato.
  • derivati ​​del nitroimidazolo ("ornidazolo", "metronidazolo");
  • beta-lattamici (cefalosporine e penicilline protette da inibitori). Le penicilline hanno un effetto battericida, grazie alla loro proprietà di inibire la crescita dei batteri inibendo la formazione della loro parete cellulare. Sono utilizzati nel trattamento delle infezioni che penetrano nelle cellule del corpo umano, concentrandosi sulla resistenza di questo tipo di batteri al gruppo della penicillina. Questo gruppo di farmaci presenta due svantaggi significativi: possono causare allergie e vengono rapidamente escreti dal corpo. Le cefalosporine arrivano da diverse generazioni. Questi farmaci possono sopprimere le infezioni resistenti alla penicillina. Ma gli antibiotici di questo gruppo hanno una struttura simile e possono provocare un'allergia. Le cefalosporine di 3 generazioni sono in grado di curare gravi malattie infettive che non sono suscettibili agli effetti delle cefalosporine e delle penicilline delle generazioni precedenti;
  • macrolidi ("Eritromicina", "Claritromicina"). I macrolidi hanno un effetto batteriostatico, differiscono dai farmaci dei gruppi beta-lattamici nella loro capacità di agire su batteri che non hanno una parete cellulare. Sono in grado di entrare nelle cellule del corpo umano e inibire la sintesi proteica dei microbi, bloccando la capacità di riprodursi. I macrolidi sono usati anche durante la gravidanza, l'allattamento, sono ammessi per i bambini e chi soffre di allergie, possono essere utilizzati in corsi di 3 giorni, senza ricorrere a trattamenti prolungati;
  • gli aminoglicosidi sono tossici, quindi il loro uso è giustificato solo con una massiccia diffusione di infezione, con peritonite e sepsi. Il trattamento con antibiotici di questo gruppo è possibile solo nelle ultime fasi della colecistite acuta. L'uso di droghe di questo gruppo durante il periodo di gestazione è proibito;
  • lincosammine (clindamicina).

Il "metronidazolo" per la colecistite viene usato in combinazione con altri antibiotici. Tale farmaco non viene utilizzato in modo indipendente..

I farmaci del gruppo nitroimidazolo sono prescritti per infezioni miste, il loro uso insieme al principale antibiotico ("fluorochinolone", "cefalosporina" e altri) consente di espandere notevolmente l'ambito del farmaco.

Nelle infezioni enterococciche gravi, viene generalmente prescritta la combinazione dell'ampicillina protetta dagli inibitori con l'antibiotico aminoglicosidico Gentamicina. L '"ampicillina" è controindicata nei pazienti con malattie linfoproliferative, mononucleosi, gravi disturbi disfunzionali del fegato e dei reni, intolleranza al beta-lattame.

Il farmaco "Amoxicillina" viene utilizzato anche nella versione protetta dall'inibitore (Amoxicillina + acido clavulanico)

Gli antibiotici antifungini e il levomicetino non sono praticamente utilizzati ora a causa della bassa efficacia e di un gran numero di complicanze.

Nel trattamento della colecistite, gli antibiotici di vari gruppi vengono utilizzati per ridurre il rischio che gli organismi patogeni sviluppino resistenza agli antibiotici. La scelta di un farmaco per il trattamento della colecistite dipende dalla formula chimica, dall'origine e dalla sostanza base attiva.

Analoghi dell'amoxicillina per il trattamento di adulti e bambini

Nella colecistite acuta grave con un alto rischio di sepsi, vengono utilizzati carbapenem - Ertapenem. Un'infiammazione moderata comporta l'uso di altri antibiotici beta-lattamici: penicilline protette dagli inibitori, aminopenicilline.

La "ciprofloxacina" è prescritta per i pazienti che non tollerano gli antibiotici beta-lattamici.

Degli agenti cefalosporinici usati:

  • "Cefuroxime";
  • "Cefazolina";
  • cefotaxime.

Ceftriaxone non è raccomandato per l'uso, poiché può portare al ristagno della bile e provocare la formazione di calcoli nella cistifellea.

Effetti collaterali

Gli antibiotici di qualsiasi gruppo possono causare effetti collaterali imprevisti. Aumenta significativamente la probabilità in quelle situazioni in cui il paziente non aderisce al dosaggio specificato e al corso della terapia.

Le possibili conseguenze sono:

  • crampi nei bronchi;
  • diarrea;
  • eruzione cutanea;
  • disturbi intestinali;
  • lo sviluppo di malattie fungine;
  • stomatite;
  • riduzione dell'immunità;
  • deterioramento in condizioni generali;
  • dipendenza da un antibiotico;
  • gengive sanguinanti;
  • shock anafilattico.

Qualsiasi segnale corporeo dovrebbe allertare. Questo dovrebbe essere segnalato al tuo medico. Revisionerà il trattamento e cambierà medicina..

Farmaci per il periodo acuto della malattia

Il processo acuto di solito è causato da un'infezione, che si unisce sullo sfondo di una violazione del normale deflusso della bile.

Nella colelitiasi, quando l'ostruzione è causata dall'ostruzione con un calcolo del dotto, la colecistite viene trattata con farmaci coleretici (quando i test indicano la possibilità di uscita indipendente della pietra).

Il trattamento dell'infiammazione deve essere effettuato anche se la formazione e la stabilizzazione del deflusso della bile hanno successo, poiché la microflora patogena può unirsi in questo caso in ogni caso.

Nel decorso acuto della malattia, gli antibiotici sono necessari per prevenire lo sviluppo di un processo purulento. Altrimenti, ci sarà bisogno di resezione o colecistectomia nella fase del processo catarro, purulento o cancrenoso, che deriverà dallo stadio di esacerbazione.

È necessario trattare la colecistite con antibiotici, poiché è presente un'infezione batterica anche quando è stato identificato un processo asettico. Si unisce semplicemente alla malattia in seguito, quando vi è un danno alla mucosa dell'organo causato da un elevato livello di lisolecitina. Spesso usato questi tipi di farmaci:

  • "Ampioks", "Gentamicin" e cefalosporine, poiché hanno un ampio spettro di azione, "Furazolidone", che è noto come mezzo di vasta azione antimicrobica, può essere utilizzato;
  • le eritromicine, che possono accumularsi nella secrezione biliare, cioè arrivano direttamente a destinazione ("Spiramicina", "Azitromicina", "Roxitromicina");
  • i preparati di tetraciclina e penicillina si accumulano anche nella bile e vengono utilizzati per motivi di opportunità: sono efficaci contro le infezioni più comuni con colecistite: enterococchi, streptococchi, Escherichia coli;
  • L'amoxicillina è combinata con acido clavulanico - questa combinazione è presente in Augmentin, Amoxiclav, Flemoklava.

L'opzione migliore per la colangite e altre complicanze concomitanti è l'uso di farmaci multicomponenti, in cui sono presenti vari farmaci antibatterici.

Misure aggiuntive

La terapia vitaminica viene necessariamente aggiunta al regime di trattamento. Prendi Retinolo, acido ascorbico, vitamine del gruppo B, tocoferolo. La medicina di erbe, l'acqua minerale speciale e la dieta sono altamente raccomandate. Alla presenza di un'ulcera gastrica o duodenale benigna, vengono prescritti Omez, Omeprazole o Ultop.

Alcuni mesi dopo il periodo di esacerbazione, i gastroenterologi raccomandano un trattamento aggiuntivo: un sanatorio o un resort. In futuro, tale terapia dovrebbe essere annuale. Ciò escluderà lo sviluppo di complicanze e altre conseguenze con un quadro clinico grave..

La chiave per il recupero sarà non solo la terapia medica, ma anche una corretta alimentazione, l'uso di rimedi popolari comprovati. Un tale approccio integrato aiuterà a far fronte rapidamente all'infiammazione della cistifellea..

Regole generali per l'uso di antibiotici nel trattamento della colecistite

Quando si prescrivono antibiotici, devono essere considerati diversi punti:

  • per bambini e adulti, è richiesto l'uso di diversi farmaci;
  • in esacerbazione grave, vengono utilizzati farmaci che hanno 2 forme di rilascio: in primo luogo, la terapia di massa viene prescritta per infusione intramuscolare (endovenosa), quindi vengono utilizzate le compresse;
  • l'uso di antibiotici è prescritto in combinazione con vitamine e Bactisubtil;
  • "Furazolidone" non è mai prescritto in presenza di una storia di patologie renali;
  • l'uso di antibiotici con un ampio spettro di effetti non produce effetti se non vengono utilizzati altri metodi di terapia complessa;
  • i farmaci di vecchia generazione hanno una sfera di influenza definita con precisione (la levomicetina viene utilizzata quando un'esacerbazione è innescata da febbre tifoide, salmonellosi, dissenteria, gentamicina - in presenza di enterococchi);
  • l'auto-prescrizione del farmaco e la sua assunzione incontrollata possono portare a effetti collaterali indesiderati, conseguenze irreversibili.

Controindicazioni per la terapia antibiotica

Tutte le controindicazioni per l'uso di antibiotici durante la colecistite e la colelitiasi sono relative, il che significa che, se ci sono controindicazioni nel paziente, il medico deve scegliere l'opzione di trattamento alternativa più adatta.

È necessaria una revisione degli appuntamenti nei seguenti casi:

  • la presenza di una storia di allergie agli antibiotici di qualsiasi gruppo,
  • Mononucleosi infettiva,
  • gravidanza in ogni momento,
  • lattazione,
  • la presenza nella storia di una reazione allergica a qualsiasi farmaco,
  • grave condizione scompensata del paziente.

Come sostituire gli antibiotici se sono controindicati

Gli antibiotici per la colecistite potrebbero non essere adatti a causa dell'intolleranza individuale. In caso di necessità urgente, i farmaci antibatterici possono essere sostituiti con sulfamidici. Questi sono farmaci antimicrobici che hanno un ampio spettro di azione..

  • praticamente atossico per il corpo;
  • relativamente poco caro;
  • può essere usato dai bambini;
  • attivo contro i ceppi fissili.

Tra i rappresentanti effettivi ci sono:

  1. Sulfadimezin. Disponibile in forma di tablet. Non è usato nei bambini di età inferiore ai tre anni, nei pazienti con intolleranza individuale, con emopoiesi e se la diagnosi ha mostrato un'elevata bilirubina.
  2. Sulfadimetoxin. La medicina combatte efficacemente contro i patogeni come Klebsiella, Staphylococcus aureus, E. coli.
  3. Sulfalen. Può essere utilizzato sotto forma di compresse, nonché sotto forma di iniezioni (intramuscolari e endovenose). Possono comparire mal di testa, allergie e una diminuzione della conta dei globuli bianchi..

Inoltre, vengono utilizzate anche erbe e colecistite. Ma anche con questo, il trattamento dovrebbe essere discusso con uno specialista. E in modo che l'uso di medicinali il più presto possibile dia risultati, non dobbiamo dimenticare una dieta speciale che ridurrà il carico sulla cistifellea e sul fegato, coagulando così le condizioni generali del corpo.

La colecistite è una malattia completamente curabile. Il compito principale del paziente è la richiesta tempestiva di aiuto qualificato e rigorosa aderenza a tutte le raccomandazioni del medico.

Per vari motivi, la terapia antibiotica è controindicata. I rimedi di erbe non possono far fronte a una colonia di batteri in espansione. In questo caso, la nomina di sulfamidici è giustificata. Non sono così efficaci, ma hanno diversi vantaggi:

  • bassa tossicità;
  • mancanza di controindicazioni per i bambini;
  • prezzo basso.

Questo gruppo comprende sulfadimezin, sulfadimethoxin, ftalazolo. Le sulfanilamidi sono prescritte per il trattamento delle infezioni della colecisti e dei processi patologici nel tratto gastrointestinale.

14 minuti leggere

Mi chiamo Julia e sono un medico di medicina generale. Nel tempo libero indirizzo le mie conoscenze ed esperienze a un pubblico più vasto: scrivo articoli medici per i pazienti..

Fai una domanda Diploma

  • Cherenkov, V. G. Oncologia clinica: libro di testo. manuale per il sistema post-laurea. formazione dei medici / V. G. Cherenkov. - Ed. 3 °, correzione e aggiungi. - M.: MK, 2010.-- 434 p.: Ill., Tab..
  • Ilchenko A.A. Malattie della cistifellea e del tratto biliare: una guida per i medici. - 2a edizione, rivisto. e aggiungi. - M.: Agenzia di informazione medica della casa editrice LLC, 2011. - 880 s: limo.
  • Tukhtaeva N. S. Biochimica dei fanghi biliari: tesi di laurea in scienze mediche / Istituto di Gastroenterologia, Accademia delle Scienze della Repubblica del Tagikistan. Dushanbe, 2005
  • Litovsky, I. Malattia di calcoli biliari A., colecistite e alcune malattie associate (problemi di patogenesi, diagnosi, trattamento) / I. A. Litovsky, A. V. Gordienko. - San Pietroburgo: SpetsLit, 2020. - 358 s.
  • Dietetica / Ed. A. Yu. Baranovsky - Ed. 5 - San Pietroburgo: San Pietroburgo, 2020.-- 1104 pagg., Ill. - (Serie "Doctor's Companion")
  • Podymova, S.D. Malattia del fegato: una guida per i medici / S.D. Podymova. - Ed. 5 °, rev. e aggiungi. - Mosca: Medical Information Agency LLC, 2020. - 984 p.: Limo.
  • Schiff, Eugene R. Introduzione all'epatologia / Eugene R. Schiff, Michael F. Sorrel, Willis S. Maddrey; trans. dall'inglese sotto la direzione di V.T. Ivashkina, A.O. Bueverova, M.V. Mayevsky. - M.: GEOTAR-Media, 2011.-- 704 p. - (Serie "Malattie del fegato secondo Schiff").
  • Radchenko, V.G. Le basi dell'epatologia clinica. Malattie del fegato e del sistema biliare. - San Pietroburgo: "Dialetto della casa editrice"; M.: "Casa editrice BINOM", - 2005. - 864 p.: Limo.
  • Gastroenterologia: Manuale / Ed. A.Yu. Baranovsky. - SPb.: Peter, 2011.-- 512 p.: Ill. - (Serie "Biblioteca medica nazionale").
  • Lutai, A.V. Diagnosi, diagnosi differenziale e trattamento delle malattie dell'apparato digerente: libro di testo / A.V. Lutai, I.E. Mishina, A.A. Gudukhin, L.Ya. Kornilov, S.L. Arkhipova, R.B. Orlov, O.N. Aleutine. - Ivanovo, 2008.-- 156 sec.
  • Akhmedov, V.A. Gastroenterologia pratica: una guida per i medici. - Mosca: Medical Information Agency LLC, 2011. - 416 p..
  • Malattie interne: gastroenterologia: libro di testo per il lavoro in classe degli studenti del 6 ° anno in specialità 060101 - affari medici / comp.: Nikolaeva L.V., Hendogina V.T., Putintseva I.V. - Krasnoyarsk: tipo. KrasSMU, 2010.-- 175 s.
  • Radiologia (diagnostica delle radiazioni e radioterapia). Ed. M.N. Tkachenko. - K.: Book-plus, 2013.-- 744 s..
  • Illarionov, V.E., Simonenko, V.B. Metodi moderni di fisioterapia: una guida per medici di medicina generale (medici di famiglia). - M.: OJSC "Casa editrice" Medicine ", 2007. - 176 p.: Limo.
  • Schiff, Eugene R. Malattie alcoliche, medicinali, genetiche e metaboliche / Eugene R. Schiff, Michael F. Sorrel, Willis S. Maddrey: Per. dall'inglese sotto la direzione di N.A. Mukhina, D.T. Abdurakhmanova, E.Z. Burnevich, T.N. Lopatkina, E.L. Tanashchuk. - M.: GEOTAR-Media, 2011.-- 480 p. - (Serie "Malattie del fegato secondo Schiff").
  • Schiff, Eugene R. Cirrosi epatica e sue complicanze. Trapianto di fegato / Eugene R. Schiff, Michael F. Sorrel, Willis S. Maddrey: trans. dall'inglese sotto la direzione di V.T. Ivashkina, S.V. Gauthier, Ya.G. Moisyuk, M.V. Mayevsky. - M.: GEOTAR-Media, 201st. - 592 p. - (Serie "Malattie del fegato secondo Schiff").
  • Fisiologia patologica: libro di testo per studenti di medicina. università / N.N. Zayko, Yu.V. Byts, A.V. Ataman et al.; Ed. N.N. Zayko e Yu.V. Bytsya. - 3a edizione, rivisto. e aggiungi. - K.: "Logos", 1996. - 644 p.; ill. 128.
  • Frolov V.A., Drozdova G.A., Kazanskaya T.A., Bilibin D.P. Demurov E.A. Fisiologia patologica. - M.: Casa editrice "Economics", 1999. - 616 s.
  • Mikhailov, V.V. Fondamenti di fisiologia patologica: una guida per i medici. - M.: Medicina, 2001.-- 704 s..
  • Medicina interna: libro di testo in 3 volumi - T. 1 / E.N. Amosova, O. Ya. Babak, V.N. Zaitseva et al.; Ed. prof. E.N. Amosovoi. - K.: Medicine, 2008.-- 1064 p. 10 sec col. su.
  • Gaivoronsky, I.V., Nichiporuk, G.I. Anatomia funzionale dell'apparato digerente (struttura, apporto di sangue, innervazione, drenaggio linfatico). Tutorial. - SPb.: Elby-SPb, 2008.-- 76 s.
  • Malattie chirurgiche: un libro di testo. / Ed. Cugino M.I. - M.: GEOTAR-Media, 2020. - 992 s.
  • Malattie chirurgiche. Linee guida per l'esame del paziente: libro di testo / Chernousov A.F. et al.- M.: Medicina Pratica, 2016. - 288 p..
  • Alexander J.F., Lischner M.N., Galambos J.T. Storia naturale dell'epatite alcolica. 2. La prognosi a lungo termine // Amer. J. Gastroenterol. - 1971. - Vol. 56. - P. 515-525
  • Deryabina N.V., Ailamazyan E.K., Voinov V.A. Epatosi colestatica delle donne in gravidanza: patogenesi, caratteristiche cliniche, trattamento // J. Akush. e mogli. la malattia. 2003. No1.
  • Pazzi P., Scagliarini R., Sighinolfi D. et al. Uso di farmaci antinfiammatori non steroidei e prevalenza di calcoli biliari: uno studio caso-controllo // Amer. J. Gastroenterol. - 1998. - Vol. 93. - P. 1420-1424.
  • Marakhovsky Yu.Kh. Malattia dei calcoli biliari: sulla strada per la diagnosi delle prime fasi // Ros. rivista gastroenterolo, epatolo, coloproctolo. - 1994. - T. IV, n. 4. - S. 6–25.
  • Higashijima H., Ichimiya H., Nakano T. et al. La deconugazione della bilirubina accelera la coprecipitazione di colesterolo, acidi grassi e mucina nella bile umana - studio in vitro // J. Gastroenterol. - 1996. - Vol. 31. - P. 828–835
  • Sherlock Sh., Dooley J. Malattie del fegato e delle vie biliari: Trans. dall'inglese / Ed. Z.G. Aprosina, N.A. Mukhina. - M.: GEOTAR Medicine, 1999.-- 860 s..
  • Dadvani S.A., Vetshev P.S., Shulutko A.M., Prudkov M.I. Colelitiasi. - M.: Editoria. Vidar-M House, 2000. - 150 s.
  • Yakovenko E.P., Grigoriev P.Ya. Malattie epatiche croniche: diagnosi e trattamento // Rus. miele. Zhur. - 2003. - T. 11. - No. 5. - S. 291.
  • Sadov, Alexei Pulizia del fegato e dei reni. Metodi moderni e tradizionali. - San Pietroburgo: Peter, 2012.-- 160 p.: Limo.
  • Nikitin I.G., Kuznetsov S.L., Storozhakov G.I., Petrenko N.V. Risultati a lungo termine della terapia con interferone dell'epatite acuta da HCV. // Ross. rivista gastroenterologia, epatologia, coloproctologia. - 1999, vol IX, n. 1. - p. 50-53.

Come vengono determinate le indicazioni per la somministrazione di antibiotici??

Le indicazioni per l'uso di antibiotici sono chiarite a partire dall'interrogatorio e dall'esame del paziente. Di solito il paziente è preoccupato:

  • dolore intermittente, ma piuttosto intenso nell'ipocondrio a destra;
  • colica lungo l'intestino;
  • frequenti feci molli;
  • nausea, vomito è possibile;
  • la temperatura è aumentata di oltre 38 gradi.

Negli esami del sangue rivelano:

  • leucocitosi con uno spostamento della formula a sinistra;
  • Crescita ESR.

La decisione sull'opportunità di utilizzare antibiotici, la selezione del dosaggio e la via di somministrazione del medicinale viene presa solo dal medico. Prestiamo attenzione al grande danno dell'automedicazione.

Trattamento antibiotico per colecistite

Secondo la sua localizzazione, connessioni anatomiche e funzionali, la colecisti è influenzata dall'infiammazione dell'intestino, del fegato e dello stomaco attraverso il contatto. Possibile infezione da focolai distanti con sangue nella tonsillite cronica, denti cariati, sinusite. La causa della colecistite è molto spesso batteri, meno comunemente funghi, virus. L'attivazione della flora condizionatamente patogena merita un'attenzione particolare..

Gli antibiotici per la colecistite sono inclusi nel regime di trattamento obbligatorio. I preparati di questo gruppo sono prescritti da un medico a seconda del tipo di agente patogeno, della gravità delle condizioni del paziente. La possibilità di complicanze, la transizione del processo infiammatorio da acuta a cronica, dipende da quali agenti antibatterici vengono utilizzati nel trattamento.

Con quali agenti patogeni dovrebbero "combattere" gli antibiotici?

Gli studi sui contenuti della cistifellea in pazienti con manifestazioni cliniche di colecistite mostrano la presenza di crescita di microflora batterica in 1/3 dei pazienti il ​​primo giorno di malattia o esacerbazione e dopo tre giorni nell'80%.

Gli agenti causali più comuni della colecistite con infezione dell'intestino sono:

Se c'è un focus cronico distante, da esso attraverso la linfa e il flusso sanguigno nella caduta della cistifellea:

I patogeni molto rari includono:

  • Proteus;
  • bacillo tifoide e paratifo;
  • Funghi candida.

In 1/10 dei pazienti, la colecistite cronica è causata da virus dell'epatite B e C sullo sfondo o dopo un processo attivo nel fegato. Quando si sceglie un farmaco, è necessario tenere presente che con un decorso cronico non infiammatorio dell'infiammazione nella cistifellea, si trova spesso una flora mista.

In caso di colecistite cronica, viene data importanza all'infezione parassitaria:

La Giardia è attualmente considerata un mezzo di sconfitta:

  • 5 volte migliorando le proprietà infettive di E. coli;
  • riduzione dell'immunità;
  • causando disfunzione biliare.

Ma non sono considerati agenti patogeni della colecistite, perché:

  • Giardia non può vivere a lungo nella vescica, morire nella bile;
  • è molto probabile che provengano dal duodeno;
  • non sono stati ottenuti risultati morfologici che provino la penetrazione nella parete della cistifellea.

Il miglior antibiotico dovrebbe essere considerato uno che:

  • più sensibile alla flora identificata;
  • dopo l'ingresso nel corpo è in grado di penetrare nella vescica e accumularsi nella bile.

Quale colecistite non è indicato per gli antibiotici?

Nel riconoscere le cause dell'infiammazione della cistifellea, è necessario tenere conto dello stato del pancreas. Il fatto è che nella pancreatite cronica, una violazione della produzione di enzimi porta a una chiusura insufficiente dello sfintere di Oddi e ad un aumento della pressione nel duodeno.

In tali condizioni, si forma il reflusso duodenobiliario (gettando il contenuto del duodeno nella cistifellea). Gli enzimi pancreatici attivati ​​causano infiammazione non batterica, "colecistite enzimatica". Questa opzione non richiede un ciclo obbligatorio di antibiotici.

Come vengono determinate le indicazioni per la somministrazione di antibiotici??

Le indicazioni per l'uso di antibiotici sono chiarite a partire dall'interrogatorio e dall'esame del paziente. Di solito il paziente è preoccupato:

  • dolore intermittente, ma piuttosto intenso nell'ipocondrio a destra;
  • colica lungo l'intestino;
  • frequenti feci molli;
  • nausea, vomito è possibile;
  • la temperatura è aumentata di oltre 38 gradi.

Negli esami del sangue rivelano:

  • leucocitosi con uno spostamento della formula a sinistra;
  • Crescita ESR.

La decisione sull'opportunità di utilizzare antibiotici, la selezione del dosaggio e la via di somministrazione del medicinale viene presa solo dal medico. Prestiamo attenzione al grande danno dell'automedicazione.

Regole di trattamento antibiotico

Nella sua scelta, il medico è guidato da determinati requisiti per il trattamento antibiotico.

  1. È meglio prescrivere un farmaco con comprovata sensibilità all'agente causale identificato della colecistite. In assenza di tempo o opportunità di attendere i risultati del serbatoio. analisi, utilizzare antibiotici ad ampio spettro, quindi quando si riceve una conclusione e inefficienza della terapia precedente, sostituirla con un'altra.
  2. La dose viene calcolata in base alla gravità delle condizioni, dell'età e del peso del paziente.
  3. Il vantaggio è la via di somministrazione endovenosa e intramuscolare. Non puoi assumere pillole contro il vomito e la dispepsia.
  4. Il corso del trattamento dovrebbe essere di almeno 7-10 giorni. L'interruzione e l'allungamento sono ugualmente dannosi e minacciano lo sviluppo di forme resistenti di agenti patogeni.
  5. Sullo sfondo della terapia antibiotica, devono essere prescritte vitamine (gruppi B, C). Essendo coenzimi in molti processi biochimici del corpo, questi agenti hanno un effetto antinfiammatorio di supporto.
  6. In presenza di flora mista, malattie croniche concomitanti, è possibile prescrivere combinazioni di antibiotici con altri farmaci. In questo caso, dovrebbero essere prese in considerazione controindicazioni e compatibilità..

Quali antibiotici sono necessari per la colecistite?

I seguenti farmaci hanno l'effetto più efficace sulla colecistite. Eritromicina - un gruppo farmacologico di macrolidi, simile in azione alle penicilline, rallenta la moltiplicazione di streptococchi e stafilococchi.

Dà una reazione allergica crociata con altri farmaci del gruppo (oleandomicina), è potenziata dalle tetracicline. Lo svantaggio è la produzione solo in forma di compresse, sono bevuti dai pazienti solo con una lieve forma di infiammazione.

Ampicillina - dal gruppo di penicilline semisintetiche, uccide i batteri, distruggendo la loro parete cellulare. Efficace contro stafilococchi, streptococchi, enterococchi, salmonella, E. coli. Penetra rapidamente nella cistifellea e nell'intestino. Adatto per somministrazione endovenosa e intramuscolare. Se usato insieme, migliora le proprietà degli aminoglicosidi e degli anticoagulanti. I test della coagulazione del sangue devono essere monitorati..

Il cloramfenicolo è un antibiotico ad ampio spettro, ma con colecistite ha senso prescrivere solo con l'agente patogeno installato (bacillo tifoide e paratifo, salmonella, batteri dissenteri). Ha un'attività debole contro clostridi, protozoi, Pseudomonas aeruginosa. Utilizzato in compresse e iniezioni.

Il farmaco è scarsamente compatibile con farmaci antinfiammatori come:

  • sulfamidici;
  • citostatici;
  • farmaci anticoagulanti;
  • barbiturici (sonniferi).

Antibiotici per colecistite

Una settimana non riesco a curare l'esacerbazione della colecistite senza calcoli. Visto: no-shpu, hofitol, ora accetto trimedat. Meglio di no. Non c'è appuntamento con un medico nel prossimo futuro. Domanda: è necessario collegare un antibiotico, in tal caso, cosa e in quale dosaggio. Grazie in anticipo.

Malattie croniche: ipotiroidismo, gastrite atrofica, gastroduodenite

Al servizio di un medico, consultare un gastroenterologo online è disponibile per qualsiasi problema che ti riguarda. Medici esperti forniscono consulenze 24 ore su 24 e gratuitamente. Poni la tua domanda e ottieni subito una risposta!

Antibiotici per colecistite della colecisti

La terapia farmacologica è prescritta da uno specialista medico con una forma inedita e semplice di colecistite. È importante non auto-medicare, ma affidare la propria salute a un professionista. Il gastroenterologo, sulla base dei dati diagnostici ottenuti, elaborerà il regime di trattamento ottimale tenendo conto delle caratteristiche individuali del corpo del paziente.

Trattamento antibiotico per colecistite

Gli antibiotici sono la base della terapia. I fondi possono essere prescritti da un medico dopo aver condotto gli studi necessari per determinare la causa dell'infiammazione della cistifellea. Il dosaggio viene selezionato individualmente per ciascun paziente e dipende dalla gravità della malattia. Nei casi più gravi, gli antibiotici vengono somministrati per iniezione piuttosto che per via orale.

Indicazioni per la nomina di agenti antibatterici:

  • diarrea;
  • nausea e vomito;
  • dolore acuto sotto le costole sul lato destro dell'addome.

Prima di prescrivere la terapia antibiotica, viene eseguito un test di sensibilità al farmaco. Questo deve essere fatto perché alcuni agenti patogeni sono immuni alla loro azione. Gli antibiotici di tipo cefalosporina sono considerati i farmaci più efficaci di questa serie. Questi sono farmaci ad ampio spettro..

Gli antibiotici appartenenti alla serie delle penicilline hanno le proprietà di accumularsi nella secrezione della cistifellea. Ciò consente loro di alleviare rapidamente il dolore acuto con colecistite batterica. Nella forma acuta della malattia, sono indicati i preparati di eritromicina..

La terapia antibiotica per la colecistite ha un suo quadro: non dovrebbe durare più di due settimane. Se questo periodo viene superato, esiste il rischio di complicanze..

Possibili effetti collaterali dopo un ciclo di farmaci antibatterici:

  • riduzione della risposta immunitaria del corpo;
  • la comparsa di reazioni allergiche (nei casi più gravi, shock anafilattico);
  • spasmo vascolare dei bronchi;
  • disbiosi.

Per non sviluppare resistenza (resistenza) del patogeno a un determinato tipo di farmaco e non si verificano recidive, è necessario seguire le raccomandazioni del medico e non interrompere il corso del trattamento. Inoltre, è vietato saltare i farmaci e modificare il dosaggio fino al recupero.

Preparati per il trattamento della colecistite

Farmaci antibatterici comunemente prescritti per la terapia:

  • azitromicina Forma di rilascio: compresse e capsule. Possono essere presi per qualsiasi malattia della colecisti (colangite, malattia del calcoli biliari, calcoli, polipi). Si utilizza 1 ora prima di un pasto o 2 ore dopo un pasto. Il dosaggio è lo stesso per qualsiasi regime di trattamento: 1 g di principio attivo per un adulto è consentito contemporaneamente. La durata del trattamento con azitromicina è di 3 giorni. Questo farmaco è spesso incluso dai medici nel trattamento di combinazione;
  • Metronidazolo. È indicato in presenza di infezione aerobica-anaerobica, pertanto è prescritto come farmaco aggiuntivo all'antibiotico principale. Il trattamento della colecistite richiede l'uso di 0,5 g di metronidazolo ogni 6 ore;
  • La tetraciclina è usata per trattare la colecistite causata da infezioni da enterococco, streptococco o Escherichia coli;
  • Il furazolidone ha un ampio spettro di azione sulle infezioni batteriche. Il farmaco viene assunto 1 compressa 2 volte al giorno. È vietato l'uso senza prescrizione medica;
  • L'eritromicina è un medicinale ad ampio spettro che viene utilizzato per esacerbare la malattia della cistifellea. È preso 2 volte al giorno per 1 compressa;
  • La levomicetina è un antibiotico prescritto da un medico, a condizione che le cause dell'infiammazione nel corpo siano la salmonella, il bacillo di dissenteria o i batteri tifo;
  • La gentamicina viene utilizzata in presenza di gravi infezioni enterococciche.

Trattamento antibiotico della colecistite durante la gravidanza

Durante il periodo di gravidanza, con un cambiamento nel background ormonale, una donna può sperimentare una esacerbazione della malattia. In questo caso, viene prescritto qualsiasi antibiotico del gruppo di farmaci antibatterici ammessi durante la gravidanza. L'elenco dei farmaci accettabili comprende macrolidi, cefalosporine, penicilline.

I farmaci antibatterici di questi gruppi sono autorizzati all'uso durante la gravidanza, poiché praticamente non danneggiano il feto. Tuttavia, durante il periodo di gestazione, vengono prescritti solo se il risultato richiesto supera il danno derivante dall'uso.

Non è possibile prevedere le conseguenze dei farmaci antibatterici, pertanto, al fine di evitare complicazioni, è consigliabile sospendere l'allattamento mentre la madre sta assumendo i farmaci.

I 4 antibiotici più efficaci per il trattamento della colecistite (infiammazione della colecisti)

La colecistite acuta è una patologia improvvisa che è accompagnata da:

  • lesione infiammatoria della cistifellea;
  • intenso dolore addominale, aggravato dalla palpazione dell'ipocondrio destro;
  • febbre e brividi;
  • vomito misto a bile;
  • la comparsa di marcatori di laboratorio di reazioni infiammatorie non specifiche e segni di danno alla cistifellea sugli ultrasuoni.

Il ruolo principale nello sviluppo dell'infiammazione della colecisti è svolto dall'ipertensione biliare (una violazione del deflusso della bile associata all'ostruzione del dotto della colecisti con calcoli, muco, detriti, giardia) e infezione della bile. L'infezione da skid nella cistifellea può essere ematogena, linfogena o enterogena.

La base della terapia farmacologica nel periodo acuto sarà l'uso di antispasmodici (normalizzazione del deflusso della bile), antibiotici (per eliminare la componente infettiva), FANS (ridurre la gravità della reazione infiammatoria, ridurre l'edema e l'anestesia), soluzioni di infusione di cristalloidi.

Il trattamento antibiotico per l'infiammazione della colecisti è obbligatorio e aiuta a ridurre il rischio di complicanze settiche..

Gli antibiotici per la colecistite cronica sono prescritti durante un'esacerbazione, cioè durante un attacco acuto. Nella fase di remissione della malattia, la terapia antibiotica non viene eseguita.

Continua a leggere: Una selezione onesta di antibiotici per pancreatite acuta e cronica negli adulti

Con quali agenti patogeni dovrebbero "combattere" gli antibiotici?

Gli studi sui contenuti della cistifellea in pazienti con manifestazioni cliniche di colecistite mostrano la presenza di crescita di microflora batterica in 1/3 dei pazienti il ​​primo giorno di malattia o esacerbazione e dopo tre giorni nell'80%.

Gli agenti causali più comuni della colecistite con infezione dell'intestino sono:

  • Enterococcus;
  • E. coli.

Se c'è un focus cronico distante, da esso attraverso la linfa e il flusso sanguigno nella caduta della cistifellea:

I patogeni molto rari includono:

  • Proteus;
  • bacillo tifoide e paratifo;
  • Funghi candida.

In 1/10 dei pazienti, la colecistite cronica è causata da virus dell'epatite B e C sullo sfondo o dopo un processo attivo nel fegato. Quando si sceglie un farmaco, è necessario tenere presente che con un decorso cronico non infiammatorio dell'infiammazione nella cistifellea, si trova spesso una flora mista.

In caso di colecistite cronica, viene data importanza all'infezione parassitaria:

Penetrano nei dotti biliari e nella vescica, causano il ristagno della bile nei dotti del fegato, seguito da infiammazione reattiva.

La Giardia è attualmente considerata un mezzo di sconfitta:

  • 5 volte migliorando le proprietà infettive di E. coli;
  • riduzione dell'immunità;
  • causando disfunzione biliare.

Ma non sono considerati agenti patogeni della colecistite, perché:

  • Giardia non può vivere a lungo nella vescica, morire nella bile;
  • è molto probabile che provengano dal duodeno;
  • non sono stati ottenuti risultati morfologici che provino la penetrazione nella parete della cistifellea.


Il ruolo di Giardia è di sostenere l'infiammazione

Il miglior antibiotico dovrebbe essere considerato uno che:

  • più sensibile alla flora identificata;
  • dopo l'ingresso nel corpo è in grado di penetrare nella vescica e accumularsi nella bile.

sulfamidici

Sono usati quando è impossibile usare antibiotici. Tali farmaci per la colecistite esacerbano la crescita e la riproduzione di microrganismi gram-negativi e positivi. Inoltre, ti permettono di combattere la clamidia e alcuni dei componenti più semplici..

Esistono diverse categorie di farmaci sulfa. La separazione si basa sulla durata con cui le sostanze attive circoleranno nel sangue del paziente. Viene preso in considerazione un singolo uso del farmaco. Sulla base di questo, i sulfamidici possono essere corti, medi, lunghi ed extra lunghi.

Il meglio di entrambe le categorie per bambini e adulti:

  1. Sulfapyridazine. Un farmaco progettato per un'azione a lungo termine. Si consiglia di berlo non più di 1 g della composizione. Ciò consente di mantenere una concentrazione ottimale del componente attivo nel sangue per un'intera giornata - almeno 24 ore. Il farmaco non è usato per allergie ad altri sulfamidici, nonché per insufficienza renale o epatica..
  2. Sulfalen. Efficace nella colecistite acuta e cronica. Tuttavia, può essere utilizzato esclusivamente in caso di completa suscettibilità aumentata di un determinato agente patogeno all'agente.
  3. Sulfadimezin. Un'altra pillola per la colecistite, che ha effetti antimicrobici e antinfiammatori. Possono essere bevuti da adulti e bambini da tre anni. In nessun caso deve saltare la dose successiva. Bere con una quantità significativa di acqua per escludere la probabilità di sviluppare l'urolitiasi.

Se il paziente ha malattie cardiache e circolatorie, utilizzare Sulfadimethoxin o Sulfalen. Quest'ultimo può provocare una reazione allergica..

Quale colecistite non è indicato per gli antibiotici?

Nel riconoscere le cause dell'infiammazione della cistifellea, è necessario tenere conto dello stato del pancreas. Il fatto è che nella pancreatite cronica, una violazione della produzione di enzimi porta a una chiusura insufficiente dello sfintere di Oddi e ad un aumento della pressione nel duodeno.

In tali condizioni, si forma il reflusso duodenobiliario (gettando il contenuto del duodeno nella cistifellea). Gli enzimi pancreatici attivati ​​causano infiammazione non batterica, "colecistite enzimatica". Questa opzione non richiede un ciclo obbligatorio di antibiotici.


Il meccanismo di reflusso deve essere considerato come una causa di ristagno della bile, un aumento della possibilità di infezione

Antinfiammatorio e analgesico

Le sostanze antinfiammatorie non steroidee vengono utilizzate per trattare la malattia del calcoli biliari. Spesso sono prescritti per ricadute.

L'elenco di tali farmaci comprende:

  • Paracetamolo e suoi analoghi;
  • Ibuprofene e Nurofen;
  • Analgin;
  • diclofenac;
  • indometacina.

In caso di esacerbazione dei sintomi della malattia, puoi assumere una qualsiasi delle sostanze sopra elencate, ma assicurati di mangiare.

Le controindicazioni rigorose includono:

  • lesione ulcerosa;
  • insufficienza epatica o renale.

Come vengono determinate le indicazioni per la somministrazione di antibiotici??

Le indicazioni per l'uso di antibiotici sono chiarite a partire dall'interrogatorio e dall'esame del paziente. Di solito il paziente è preoccupato:

  • dolore intermittente, ma piuttosto intenso nell'ipocondrio a destra;
  • colica lungo l'intestino;
  • frequenti feci molli;
  • nausea, vomito è possibile;
  • la temperatura è aumentata di oltre 38 gradi.

All'esame, il medico trova dolore nell'ipocondrio destro, a volte un palpato di cistifellea allargato.

Negli esami del sangue rivelano:

  • leucocitosi con uno spostamento della formula a sinistra;
  • Crescita ESR.

La decisione sull'opportunità di utilizzare antibiotici, la selezione del dosaggio e la via di somministrazione del medicinale viene presa solo dal medico. Prestiamo attenzione al grande danno dell'automedicazione.

antispastici

Una malattia come la malattia di calcoli biliari in tutti i casi è accompagnata da una forte sindrome del dolore, che spesso si diffonde ad altre aree dell'addome, quindi è importante assumere farmaci antidolorifici.

In quasi tutti i casi, i medici prescrivono No-shpa ai loro pazienti, che ha anche diversi analoghi:

Questi farmaci eliminano lo spasmo della muscolatura liscia, che si forma sullo sfondo del danno ai dotti con i calcoli.

Il farmaco esiste in diverse forme: compresse e soluzioni iniettabili. Può essere assunto durante il periodo del parto o dell'allattamento al seno.

Tra le situazioni indesiderabili per l'uso, vale la pena sottolineare:

  • intolleranza individuale;
  • insufficienza renale o epatica acuta;
  • sindrome da gittata cardiaca bassa, che causa insufficienza cardiaca.

Un altro trattamento efficace per la malattia del calcoli biliari è la Duspatalin. Agisce selettivamente sui muscoli lisci del tratto digestivo. Prendilo è un tablet..

Controindicazioni per l'uso sono:

  • età del paziente fino a dodici anni;
  • intolleranza individuale;
  • compromissione della funzionalità epatica e renale.

Spesso usato Spazmalgon, che è indicato per l'esacerbazione della malattia.

È controindicato nelle seguenti condizioni:

  • blocco intestinale;
  • asma bronchiale;
  • bassa pressione sanguigna;
  • aritmia.

Regole di trattamento antibiotico

Nella sua scelta, il medico è guidato da determinati requisiti per il trattamento antibiotico.

  1. È meglio prescrivere un farmaco con comprovata sensibilità all'agente causale identificato della colecistite. In assenza di tempo o opportunità di attendere i risultati del serbatoio. analisi, utilizzare antibiotici ad ampio spettro, quindi quando si riceve una conclusione e inefficienza della terapia precedente, sostituirla con un'altra.
  2. La dose viene calcolata in base alla gravità delle condizioni, dell'età e del peso del paziente.
  3. Il vantaggio è la via di somministrazione endovenosa e intramuscolare. Non puoi assumere pillole contro il vomito e la dispepsia.
  4. Il corso del trattamento dovrebbe essere di almeno 7-10 giorni. L'interruzione e l'allungamento sono ugualmente dannosi e minacciano lo sviluppo di forme resistenti di agenti patogeni.
  5. Sullo sfondo della terapia antibiotica, devono essere prescritte vitamine (gruppi B, C). Essendo coenzimi in molti processi biochimici del corpo, questi agenti hanno un effetto antinfiammatorio di supporto.
  6. In presenza di flora mista, malattie croniche concomitanti, è possibile prescrivere combinazioni di antibiotici con altri farmaci. In questo caso, dovrebbero essere prese in considerazione controindicazioni e compatibilità..


Prima di iniziare la terapia antibiotica, è indispensabile effettuare un test intradermico per rilevare l'ipersensibilità del corpo

Terapia del decorso cronico della malattia

Con la colecistite nella fase cronica, il trattamento antibiotico può essere utilizzato con l'infiammazione attiva nel sistema biliare. La terapia antibatterica ha luogo durante un'esacerbazione della malattia di base, mentre è necessario prescrivere contemporaneamente agenti coleretici e antisettici. Tra questi, si applicano le seguenti:

  1. Eritromicina 0,25 g quattro volte al giorno;
  2. Oleandomicina 500 mg quattro volte al giorno dopo i pasti;
  3. Rifampicina 0,15 g tre volte al giorno;
  4. Ampicillina 500 mg da quattro a sei volte al giorno;
  5. Oxacillin 500 mg da quattro a sei volte al giorno.

Anche la somministrazione intramuscolare di benzilpenicillina, fenossimetilpenicillina in compresse, tetraciclina (250 mg) 4 volte al giorno, metaciclina (300 mg) due volte al giorno e Oletetrin (250 mg) 4 volte al giorno saranno efficaci..

Quali antibiotici sono necessari per la colecistite?

I seguenti farmaci hanno l'effetto più efficace sulla colecistite. Eritromicina - un gruppo farmacologico di macrolidi, simile in azione alle penicilline, rallenta la moltiplicazione di streptococchi e stafilococchi.

Dà una reazione allergica crociata con altri farmaci del gruppo (oleandomicina), è potenziata dalle tetracicline. Lo svantaggio è la produzione solo in forma di compresse, sono bevuti dai pazienti solo con una lieve forma di infiammazione.

Ampicillina - dal gruppo di penicilline semisintetiche, uccide i batteri, distruggendo la loro parete cellulare. Efficace contro stafilococchi, streptococchi, enterococchi, salmonella, E. coli. Penetra rapidamente nella cistifellea e nell'intestino. Adatto per somministrazione endovenosa e intramuscolare. Se usato insieme, migliora le proprietà degli aminoglicosidi e degli anticoagulanti. I test della coagulazione del sangue devono essere monitorati..

Il cloramfenicolo è un antibiotico ad ampio spettro, ma con colecistite ha senso prescrivere solo con l'agente patogeno installato (bacillo tifoide e paratifo, salmonella, batteri dissenteri). Ha un'attività debole contro clostridi, protozoi, Pseudomonas aeruginosa. Utilizzato in compresse e iniezioni.

Il farmaco è scarsamente compatibile con farmaci antinfiammatori come:

  • sulfamidici;
  • citostatici;
  • farmaci anticoagulanti;
  • barbiturici (sonniferi).

Riepilogo dei farmaci essenziali

Ampicillin®

Il farmaco appartiene alle aminopenicilline semisintetiche. Amicillin® è altamente efficace nella colecistite causata da Escherichia coli, enterococchi, protea, stafilococchi e streptococchi. Il farmaco ad alte concentrazioni accumula bile, anche con grave colestasi. Gli svantaggi dell'antibiotico includono il fatto che è completamente distrutto dagli enzimi batterici beta-lattamasi, quindi, se si sospetta che l'infiammazione sia causata da ceppi che producono la beta-lattamasi, si raccomanda di prescrivere una versione protetta dall'inibitore: ampicillina sulbactam.
Ampicillin® viene somministrato per via intramuscolare in una dose di 0,5-1 grammi ogni 6 ore. Nei casi più gravi, la dose giornaliera può essere aumentata a sei grammi, suddivisa in 4-6 iniezioni.

Per i bambini di età superiore ai 6 anni, il farmaco è prescritto a 100 mg / kg al giorno. La dose giornaliera è divisa in 4-6 iniezioni.

Per i pazienti con disfunzione renale, il dosaggio viene regolato in base alla velocità di filtrazione glomerulare..

L'antibiotico è controindicato nei pazienti con mononucleosi, malattie linfoproliferative, gravi disfunzioni renali ed epatiche e intolleranza al beta-lattame..

L'ampicillina può essere somministrata a donne in gravidanza. Se è necessario utilizzare il prodotto durante l'allattamento, l'alimentazione naturale viene temporaneamente interrotta.

Ampicillin®

Il farmaco appartiene alle aminopenicilline semisintetiche. Amicillin® è altamente efficace nella colecistite causata da Escherichia coli, enterococchi, protea, stafilococchi e streptococchi. Il farmaco ad alte concentrazioni accumula bile, anche con grave colestasi. Gli svantaggi dell'antibiotico includono il fatto che è completamente distrutto dagli enzimi batterici beta-lattamasi, quindi, se si sospetta che l'infiammazione sia causata da ceppi che producono la beta-lattamasi, si raccomanda di prescrivere una versione protetta dall'inibitore: ampicillina sulbactam.

L'uso del trattamento combinato

Anche i moderni farmaci della generazione di cefalosporine di classe II e III non hanno sempre un'efficacia sufficiente nella colecistite grave. La minaccia della formazione di empiema (ascesso) nella cistifellea, peritonite con una penetrazione nella cavità addominale richiede l'uso di combinazioni di antibiotici con altri farmaci antinfiammatori o due farmaci di diversi gruppi.

Quindi, con il metronidazolo formano combinazioni attive di cefalosporine:

  • Cefoperazone;
  • ceftriaxone;
  • cefotaxime;
  • Cefuroxime;
  • Ciprofloxacina.

Un'altra opzione: ampicillina + gentamicina + metronidazolo. Allo stesso tempo, alcuni farmaci vengono somministrati per via endovenosa, altri per via intramuscolare. Invece della gentamicina, viene utilizzata la sisomicina, poiché i ceppi nosocomiali di microrganismi danno fino al 90% di resistenza alla gentamicina.

Al fine di eliminare gli effetti collaterali degli aminoglicosidi, si raccomandano combinazioni di cefalosporine di terza generazione e penicilline di ultima generazione:

  • Ceftazidime (può essere sostituito da Fortum o Tazicef) + Flucloxacillin.
  • Tsefipim (appartiene alla generazione IV di cefalosporine) può essere sostituito da Maksipim, usato in combinazione con metronidazolo.

Medicine cinesi

Nel trattamento della colecistite con le pillole, quali sono le migliori - il gastroenterologo determina. In alcuni casi, vengono prescritti farmaci moderni sviluppati in Cina, ad esempio Xiaoyan Lidan Pian (nome in latino - Xiaoyan Lidan Pian). Il farmaco è disponibile sotto forma di compresse e comprende componenti naturali (erbe, estratti vegetali).

Il corso di recupero non deve superare i 14 giorni. Durante il trattamento, si raccomanda vivamente di abbandonare l'uso di cibi grassi e oleosi, nonché cibi piccanti. Le donne in gravidanza dovrebbero usare Xiaoyan Lidan con estrema cautela.

Un'altra nuova fitopreparazione - Juwei Zhang Ya Tsai - è utilizzata per la disfunzione biliare, i cambiamenti infiammatori acuti e cronici. L'azione della composizione è quella di normalizzare la formazione della bile e la sua circolazione, migliorare la funzionalità epatica. Il farmaco riduce la probabilità di calcoli nell'area della vescica stessa.

Quali complicazioni dovrebbero essere diffidenti nei confronti del trattamento antibiotico?

Ogni organismo ha sensibilità e caratteristiche individuali dell'assimilazione di farmaci che non possono essere previsti in anticipo. Sullo sfondo dell'uso delle dosi necessarie di antibiotici e dopo un ciclo di trattamento, possono verificarsi le seguenti complicazioni indesiderate:

  • manifestazioni allergiche di varia gravità, dall'orticaria (eruzione cutanea) allo shock anafilattico;
  • attacchi di broncospasmo con soffocamento;
  • una significativa riduzione dell'immunità;
  • adesione di un'infezione fungina;
  • disbiosi intestinale, manifestata da feci instabili, gonfiore costante.


Una reazione allergica generale è una delle possibili complicanze

Per prevenire un possibile effetto negativo, i pazienti devono seguire le raccomandazioni del medico. Se compaiono segni insoliti, assicurarsi di informare il medico. In nessun caso tali fenomeni dovrebbero essere tollerati..

La nistatina aiuta a sbarazzarsi dei funghi. A volte è prescritto in parallelo con antibiotici. I probiotici e la dieta aiutano a ripristinare la flora intestinale dopo l'eliminazione dei sintomi acuti della colecistite.

La terapia antibiotica è soggetta a un attento confronto delle indicazioni e del meccanismo d'azione dei farmaci. Pertanto, richiede conoscenze ed esperienze speciali. L'auto-somministrazione non è solo inconcludente, ma provoca anche danni significativi alla salute umana.

Effetti collaterali

Uno dei principali svantaggi dei farmaci antibatterici è la loro maggiore tendenza a provocare effetti collaterali. In questo caso, possono verificarsi reazioni negative se il dosaggio delle compresse non è corretto o se vengono utilizzate se il paziente ha ovvie controindicazioni.

Molto spesso, la terapia antibiotica provoca le seguenti reazioni avverse:

  • prurito, eruzione cutanea, arrossamento;
  • disturbi digestivi, che possono manifestarsi come disbiosi, nausea, diarrea;
  • riduzione dell'immunità;
  • ipovitaminosi;
  • infezione fungina;
  • broncospasmo;
  • gengive sanguinanti;
  • candidosi nelle donne;
  • stomatite;
  • deficit visivo.

Nei casi più gravi, può svilupparsi uno shock anafilattico, che richiede cure mediche immediate..

Con lo sviluppo di qualsiasi deterioramento della condizione durante l'assunzione di antibiotici, vale la pena informare immediatamente il medico curante. In questo caso, lo specialista può regolare il dosaggio delle compresse o prescrivere un analogo antibiotico più sicuro.

Acido ursodesossicolico

Ursofalk è un farmaco abbastanza nuovo a base di acido ursodesossicolico (un componente naturale della bile). Gli analoghi di tale sostanza possono essere:

L'azione della sostanza è diretta a:

  • bassa formazione di colesterolo;
  • prevenzione della formazione di calcoli;
  • liquefazione della bile;
  • scissione di pietre esistenti;
  • miglioramento del funzionamento e della protezione del fegato.

Le controindicazioni includono:

  • gravidanza e allattamento;
  • una reazione allergica ai componenti del farmaco;
  • colecistite acuta;
  • danno al fegato con cirrosi;
  • ostruzione del condotto;
  • la presenza di colangite.

Muco sulle pareti dello stomaco

Se una persona ha una grande quantità di muco che si accumula nello stomaco, questa non è una condizione normale, in quanto provoca lo sviluppo di malattie dell'organo e il suo malfunzionamento. Quali sono i motivi per cui il muco viene prodotto nello stomaco in enormi volumi, come sbarazzarsi di questa patologia e quali rimedi popolari saranno in grado di far fronte efficacemente alla malattia?

Cosa significa?

Il muco negli organi del tratto gastrointestinale si accumula a causa del fatto che la produzione di succo gastrico è interrotta in esso, questo è dovuto al fatto che il cibo non è sufficientemente digerito, inizia a fermentare, causando mucine o, in altre parole, muco viscoso. Se la malattia non inizia a guarire in tempo, quindi in questo caso la mucosa gastrica sarà completamente ostruita da questo epitelio mucoso. Ciò influisce negativamente sul sistema digestivo, poiché i nutrienti vengono assorbiti peggio, il paziente ha un peso in eccesso e la sua salute peggiora..

Come si forma?

Molto spesso, il muco si forma nello stomaco a causa della malnutrizione.

Molto spesso, lo muco in eccesso si forma nello stomaco a causa della malnutrizione, quando una persona mangia cibo secco, spesso mangia fast food, cibi piccanti e grassi. Allo stesso tempo, ignorando i primi sintomi che indicano problemi nel sistema digestivo. Un fattore che provoca un'eccessiva produzione di muco è l'abuso di alcol, birra, soda. Il fumo di sigaretta irrita la mucosa gastrica, che interferisce con la sua normale funzione di digerire il cibo..

Cosa causa l'eccesso di muco nello stomaco?

Un eccesso di muco porta al fatto che le ferite che si chiamano ulcere peptiche iniziano a formarsi sull'organo mucoso. Queste ulcere influenzano abbastanza seriamente l'epitelio dello stomaco e se il trattamento non viene effettuato in tempo, il loro volume aumenta. Tuttavia, la mucina non può solo influenzare la mucosa gastrica, ma si accumula anche in gola. Se il muco arriva alla gola, ciò indica che una malattia come gastrite, colecistite, pancreatite e ulcera allo stomaco sta progredendo nel corpo del paziente. Pertanto, se si verificano i primi sintomi della malattia, è necessario consultare immediatamente un gastroenterologo che determinerà il regime di trattamento corretto.

Trattamento delle malattie

Per sbarazzarsi di questa malattia, è necessario avvicinarsi al suo trattamento in modo completo, usando rimedi popolari, terapia farmacologica, che, dopo misure diagnostiche, il medico prescriverà al paziente. Solo attraverso un approccio integrato, aderendo alle regole di una dieta sana, è possibile eliminare definitivamente il disturbo.

Con i farmaci

Al fine di curare efficacemente la malattia, è importante identificare la causa principale del perché si verificano abbondanti secrezioni di muco, poiché la causa principale di ciò risiede nella malattia che si verifica nel corpo.

La causa più comune è gastrite, ulcera allo stomaco, pancreatite, colecistite. Quando il paziente ha una gastrite superficiale, il muco diventa bianco. Per determinare ciò, è necessario eseguire l'endoscopia dello stomaco. Grazie a ciò, sarà possibile determinare la localizzazione della lesione. Se una persona ha una forma superficiale di gastrite, in questo caso viene disturbato da una sensazione di bruciore di stomaco ogni volta dopo aver mangiato, nausea.

Se il paziente ha una forma atrofica di gastrite, in questo caso l'epitelio d'organo è gravemente colpito da ulcere profonde, a seguito del quale la persona avverte una sensazione acuta di dolore, non ha appetito, ci sono attacchi di vomito e crampi allo stomaco. Se la gastrite atrofica non trattata non viene trattata, ciò provocherà una produzione ancora maggiore di muco e si può anche sviluppare ulcera peptica. La terapia farmacologica consiste nel prendere:

  • antibiotici;
  • preparati antiacidi;
  • medicinali che eliminano i sintomi del dolore.

Per ripristinare la mucosa danneggiata e stabilire il processo di produzione di acido cloridrico, vengono prescritti antiacidi come Almagel, Fosfalugel, Maaloks. Tuttavia, vale la pena ricordare che con le malattie degli organi interni è severamente vietato assumere farmaci da soli. Il programma della loro somministrazione e la durata della terapia devono essere concordati con il medico curante.

La terapia antibatterica viene eseguita se i test hanno mostrato la presenza nel corpo del paziente di un bacillo microbico patogeno Helicobacter pylori, che corrode le pareti dello stomaco, provoca la formazione di ulcere e ferite. Allo stesso tempo, il gastroenterologo determina l'antibiotico più efficace e appropriato, concorda il regime di dosaggio e la durata della terapia.

Come sbarazzarsi di a casa?

Se il medico ha dato il permesso, allora puoi combattere la malattia e a casa con rimedi popolari. In questo caso, non interrompere la terapia farmacologica, seguire rigorosamente i consigli di un medico, osservando le regole per l'assunzione di farmaci prescritti, una dieta terapeutica e altre raccomandazioni che mirano a sbarazzarsi rapidamente della produzione di muco in eccesso.

Lavanda gastrica

Se il muco secreto disturba una persona, si consiglia di effettuare lavaggi gastrici mattutini ogni giorno con una soluzione salina speciale, che è facile da preparare. Per fare questo, hai bisogno di 1 litro di acqua refrigerata bollita, nella brina aggiungi 1 cucchiaio di sale. Mescola tutto accuratamente e bevi a stomaco vuoto, quindi induci il vomito. Un tale strumento aiuterà a rimuovere molto muco in eccesso dalle pareti dello stomaco. Nei primi giorni, l'acqua avrà un aspetto torbido, il che significa che un sacco di muco si è accumulato nello stomaco. Tuttavia, dopo 4-5 giorni, il liquido si schiarirà e ciò dimostrerà che questo metodo funziona. Tuttavia, va tenuto presente che se una persona ha ipertensione, problemi cardiaci e renali, questo metodo è controindicato.

L'uso di infusi

L'infusione di camomilla con l'erba di San Giovanni viene utilizzata come terapia per una maggiore formazione di muco nello stomaco.

Le infusioni sono rimedi popolari che vengono utilizzati come terapia per una maggiore formazione di muco nello stomaco. Tale bevanda ammorbidisce il muco accumulato sulle pareti dello stomaco, contribuisce alla sua rapida eliminazione dal corpo..

Una proprietà utile è l'infuso di fiori di camomilla con l'erba di San Giovanni. Per prepararlo, devi prendere infiorescenze secche di entrambi i tipi di erbe, combinarle in proporzioni uguali e versare acqua bollita calda. Lasciare in infusione per 20 minuti, quindi prendere l'infusione ogni volta a stomaco vuoto. Se il paziente ha un basso livello di produzione di acido cloridrico, si consiglia di prendere un bicchiere di acqua calda con pepe rosso e nero diluito in esso. Tuttavia, è necessario utilizzare con attenzione tale bevanda, in quanto può provocare un deterioramento.

Succhi appena spremuti

Se l'accumulo di muco si verifica a causa del fatto che una persona ha una bassa acidità, i succhi appena spremuti, che devono essere presi prima di mangiare cibo, aiuteranno ad affrontare questo problema. Succhi adatti con agrumi, succo di mela. Per fare il succo appena spremuto dagli agrumi, avrai bisogno di 2 grandi arance e 1 limone. Passa i frutti attraverso uno spremiagrumi; in questa bevanda puoi aggiungere 1 cucchiaino di miele per migliorare il gusto. Il succo di mela viene preparato allo stesso modo. Per il succo di frutta, le varietà verdi di frutta, che contengono abbastanza oligoelementi utili, sono adatte..

Prevenzione

Se il corpo secerne una grande quantità di muco, in questo caso è necessario aderire a determinate regole nella dieta, nella routine quotidiana.

Affinché il muco che copre lo stomaco si sviluppi in un volume normale e non causi condizioni patologiche, è necessario aderire a una corretta alimentazione, poiché le cause di questo disturbo risiedono proprio nell'uso di alimenti di scarsa qualità, a causa delle quali le mucose sono irritate e c'è un'eccessiva secrezione di questa sostanza.

Se il muco copre abbondantemente le pareti dello stomaco, è necessario consultare un medico che determinerà la causa della condizione e prescriverà una terapia farmacologica con farmaci che aiuteranno ad eliminare i sintomi principali in breve tempo. Non automedicare, poiché l'eliminazione di liquidi che si accumulano abbondantemente comporta l'uso di medicinali speciali. Si scopre che la prevenzione si basa su regole elementari, aderendo alle quali è possibile eliminare la malattia e non provare disagio.