Epatite virale TTV

Nel 1997, T. Nishizawa, H. Okamoto et al. Sono stati descritti per la prima volta 5 casi di epatite post-trasfusione, che si sono sviluppati in pazienti 8-11 settimane dopo una trasfusione di sangue, in cui era possibile identificare il DNA di un nuovo patogeno associato a danno epatico. Nello studio dell'epatite, è emersa la tradizione di virus recentemente identificati per designare le iniziali del paziente, il cui primo risultato positivo è stato registrato. Sulla base di questo, il virus ha ricevuto la designazione TTV. Tuttavia, la sua definizione primaria nei pazienti con epatite post-trasfusione ha assegnato il nome trasfusiontransmit trasmesso al virus, ovvero il virus trasmesso dalla trasfusione di sangue. Degno di nota è il fatto che il DNA di TTV è stato rilevato nel siero del sangue e nelle feci dei pazienti nella fase acuta dell'epatite, in relazione al quale è stato suggerito che la TTV potrebbe essere un altro rappresentante del gruppo di epatite trasmessa enterralmente.

I seguenti fatti possono confermare questa posizione:

l'assenza di una stretta dipendenza della diffusione del virus dal carico parenterale;

rilevazione del DNA di TTV in campioni di bile e feci portatrici;

la vicinanza di TTV alla famiglia Pawoviridae, alcuni dei suoi virus hanno un meccanismo di trasmissione fecale-orale;

aumento del tasso di rilevazione del DNA TTV tra gli individui con HAVAb;

Focolaio cinese di epatite acuta con trasmissione fecale-orale dell'agente patogeno associato alla TTV

Il rilevamento del DNA di TTV negli animali la cui carne è universalmente utilizzata nell'alimentazione umana non esclude la possibilità di attuare la trasmissione di TTV di origine alimentare consumando prodotti a base di carne infettati da TTV senza un adeguato trattamento termico del prodotto.

È stata rivelata una relazione diretta tra la concentrazione del virus rilevata nel sangue e la sua presenza nelle feci..

Il rilevamento del DNA di TTV nella bile e la coincidenza delle caratteristiche di questi isolati di virus con particelle di TTV isolate dal sangue e dalle feci ci consente di affermare, per analogia con l'epatite A ed E, che la TTV si propaga negli epatociti, da dove entra nei dotti biliari ed entra nell'intestino con la bile e inoltre - nelle feci. Poiché TTV non ha una membrana lipidica, la sua infettività non diminuisce sotto l'influenza degli acidi biliari, che dissolvono la membrana lipidica di altri virus. Il DNA di TTV è stato anche trovato nella saliva, nel liquido seminale e nelle secrezioni vaginali. È accertato che il principale organo di replicazione di questo virus è il fegato.

Caratteristiche della diagnosi Attualmente, il metodo principale utilizzato per studiare la diffusione della TTV è la reazione a catena della polimerasi. Per la sua implementazione, sono stati selezionati i primer, le informazioni su cui è codificato nella regione conservatrice del DNA di TTV. Tra i pazienti con epatite acuta "né A né G", il tasso di rilevazione del DNA TTV variava dal 13,6 al 43,0%. Oltre a una variante qualitativa del metodo di rilevazione del DNA TTV, è stata sviluppata anche una variante quantitativa. La nuova capacità di rilevare anticorpi fornirà informazioni più accurate sulla diffusione della TTV.

Caratteristiche del trattamento TTV. Esistono pubblicazioni sulla sua resistenza al trattamento con interferoni in dosi standard in pazienti con epatite cronica C in combinazione con TTV. Secondo altri autori, l'uso di farmaci di tipo interferone può eliminare la TTV. Nel trattamento di pazienti con epatite C cronica con interferone in combinazione con la presenza di DNA TTV per 2 anni al ritmo di 20 milioni di unità a settimana, nel 45% dei casi è stata osservata la scomparsa del virus. È stata trovata una relazione diretta tra la scomparsa del DNA TTV e la carica virale prima di assumere l'interferone. In presenza di un virus rilevato nei titoli 103 e superiori, l'eliminazione, di norma, non può essere raggiunta..

N. 190. Differenze cardinali tra virus e altri esseri viventi.

Le cellule di animali, piante e batteri, a differenza dei virus, hanno una membrana a due strati che separa la cellula dal mondo esterno. I virus non hanno membrana. Nelle cellule vegetali e nei batteri (tra cui la clamidia e la rickettsia), inoltre, c'è anche una parete cellulare - il "guscio" in cui è racchiusa la cellula. I micoplasmi hanno solo una membrana. I batteri si moltiplicano per divisione binaria (a metà). I virus hanno un modo completamente diverso di riproduzione. Pertanto, i batteri non sono correlati ai virus. Tra loro c'è un abisso profondo: non ci sono forme transitorie o intermedie. I vicini di virus, d'altra parte, sono polimeri biologici e sottostrutture cellulari. In natura, non sono in forma libera. Ciò che hanno in comune con i componenti dei virus è che sono tutti polimeri. Alcuni organelli cellulari sono relativamente più vicini ai virus: mitocondri e ribosomi.

L'introduzione del materiale genetico del virus nella coltura di cellule sane porta alla formazione di nuove particelle virali difettose (modificazioni delle ribonucleoproteine) che coinvolgono le proteine ​​cellulari. I virus ibridi sono molto peggio riconosciuti e neutralizzati dal sistema immunitario del corpo ("sfuggono" alla risposta immunitaria), che può portare allo sviluppo di infezioni croniche. Tutto ciò, così come la scoperta di sempre più nuove modifiche dei virus, testimonia la loro formazione all'interno del corpo..

Sappiamo fin dall'infanzia che quando torni a casa, dovresti assolutamente lavarti le mani, poiché ci sono molti batteri. Quindi, un po 'più grandi, sentiamo spesso dai genitori i pericoli delle infezioni virali. In TV ci viene detto della minaccia delle armi batteriche. Sembra che virus e batteri siano i nemici più terribili e onnipresenti dell'umanità. Ma qual è la differenza tra un virus e un batterio?

In effetti, virus e batteri possono vivere in condizioni inaccettabili per l'esistenza di qualsiasi altro organismo vivente. Tuttavia, non solo il danno viene da loro. Gli scienziati hanno ottenuto virus che possono distruggere le cellule tumorali nell'uomo. I batteri aiutano a non trasformare il nostro pianeta in una grande discarica riciclando i rifiuti domestici.

Il virus è la forma di vita più primitiva: i virus non hanno una struttura cellulare e, pertanto, provocano molti dibattiti sulla loro relazione con organismi viventi o non viventi...

I batteri sono organismi unicellulari. La struttura di questa cellula è più primitiva delle cellule di animali o piante e, soprattutto, umana. Tuttavia, possono già essere classificati in modo sicuro come viventi..

La dimensione dei batteri, in media, varia da 0,0005 mm a 0,003 mm. Mentre la dimensione di un normale virus non supera 0,0003mm. Tuttavia, sia tra batteri che virus, ci sono "giganti" e "nani". I virus più grandi hanno una dimensione di circa 0.00035 mm, mentre i batteri più piccoli non sono più di 0,00015 mm. Tra i batteri, ci sono anche tali "giganti" che sono chiaramente distinguibili a occhio nudo umano. Quindi il batterio Thiomargarita che vive sul fondo del mare, ha una dimensione di 0, 75mm.

La struttura di un virus primitivo è una molecola o DNA, o RNA, circondato da molecole proteiche che creano una membrana. I virus più complessi possono avere un secondo guscio esterno e persino contenere enzimi.

Batteri, anche se cellule primitive, ma ancora reali. E, sebbene non abbiano un nucleo in sé, ma il DNA a forma di bobina si trova direttamente nel citoplasma, c'è una membrana cellulare con capsule, flagelli e microvilli; è presente nella cellula RNA.

Poiché i batteri sono cellule, sono caratterizzati dal proprio metabolismo. I virus hanno una quantità molto piccola di enzimi e non hanno un metabolismo

Il virus viene quindi introdotto in quelle cellule, che possono essere raggiunte con l'aiuto dei recettori cellulari. Lì si scompone in acido nucleico e rivestimenti proteici. Queste membrane si attaccano alla membrana cellulare. Da quel momento, tutti i processi nella cellula sono controllati da quell'informazione genetica contenuta nell'NK del virus. La stessa cellula inizia la sintesi di proteine ​​virali. Quindi si formano nuovi virus dagli acidi nucleici e dalle proteine ​​appena formati e la cellula viene distrutta..

I batteri, come qualsiasi cellula, si moltiplicano per divisione. Se il batterio si scioglie in alcune parti, poiché ciò accade con i virus, non può più riprendersi.

Pertanto, la principale differenza tra un virus e un batterio è la seguente:

1. I virus sono organismi viventi pre-cellulari, mentre i batteri sono monocellulari.

2. I virus non possono moltiplicarsi al di fuori delle cellule viventi. I batteri si riproducono indipendentemente dalla divisione cellulare.

3. I virus hanno un solo tipo di acido nucleico e i batteri includono DNA, RNA, ribosomi e membrana cellulare.

No. 191. Agente patogeno di Klebsiel.

182 malattie causate - un breve profilo epidemiologico

Il verificarsi di una malattia infettiva e lo sviluppo di un'epidemia è possibile con ci sono 3 fattori:

1. Fonte di infezione (infezione).
2. Il meccanismo di trasmissione dell'infezione.
3. L'organismo sensibile (umano).

1. Fonti di infezione sono persone e animali infetti: questi sono gli ospiti naturali di agenti patogeni per malattie infettive da cui i patogeni vengono trasmessi a persone sane.

Nei casi in cui la fonte dell'agente causale della malattia è una persona infetta, parlano di malattie infettive antropiche o di antroponosi.
Nel caso in cui vari animali e uccelli fungano da fonte di infezione, parlano di infezioni zoonotiche o isizoonosi.

2. Sotto il meccanismo di trasmissionei microbi patogeni sono intesi come un insieme di metodi evolutivamente stabiliti che assicurano il movimento di un patogeno vivente da un organismo infetto a uno sano. Questo processo consiste in tre fasi:

I - escrezione dell'agente patogeno dall'organismo infetto;
II - la presenza dell'agente patogeno per qualche tempo nell'ambiente esterno;
III - introduzione dell'agente patogeno nell'organismo successivo. Il meccanismo di trasmissione dell'infezione non è lo stesso per varie malattie ed è direttamente dipendente dalla specifica localizzazione del parassita in un organismo vivente.

L'agente causale, rilasciato dal paziente o dal portatore, entra in un corpo sano, dopo aver fatto qualche movimento nello spazio. Gli oggetti ambientali, compresi i portatori viventi, attraverso i quali il patogeno viaggia nello spazio dalla fonte di infezione a un corpo sano, sono chiamati fattori di trasmissione o vie di infezione.

Le vie di trasmissione dell'infezione sono raggruppate nei seguenti gruppi:

1. via di trasmissione fecale-orale - l'agente patogeno viene escreto dal corpo del paziente con le feci, l'infezione si verifica attraverso la bocca con cibo o acqua contaminati;

2. trasmissione aerogenica (trasmissione attraverso l'aria) - l'agente causale viene rilasciato respirando, parlando, tossendo, starnutendo, l'infezione si verifica attraverso il tratto respiratorio superiore con goccioline di muco o particelle di polvere;

3. percorso di trasmissione del contatto - l'agente patogeno viene trasmesso attraverso la pelle esterna con contatto diretto (contatto diretto) o attraverso oggetti esterni;

4. via di trasmissione - la trasmissione di agenti patogeni da parte di insetti: pidocchi, pulci, zecche, zanzare, mosche, ecc., Mentre gli insetti possono essere portatori meccanici di microbi o trasmettere l'agente patogeno a una persona con morsi.

3. Sensibilità al corpo- la proprietà biologica dei tessuti del corpo umano o animale di essere l'ambiente ottimale per la moltiplicazione dell'agente patogeno e rispondere all'introduzione dell'agente patogeno da parte del processo infettivo in varie forme della sua manifestazione.

L'attività del processo epidemico sta cambiando sotto l'influenza delle condizioni naturali e sociali. L'influenza delle condizioni sociali sul decorso del processo epidemico è più significativa rispetto all'impatto delle condizioni naturali.

Condizioni sociali significano: densità di popolazione, condizioni abitative, miglioramento sanitario e comunitario degli insediamenti, benessere materiale, condizioni di lavoro, livello culturale delle persone, processi migratori, stato di salute, ecc..

Le condizioni naturali includono clima, paesaggio, flora e fauna, presenza di focolai naturali di malattie infettive, calamità naturali, ecc..

Epatite BTV: cos'è, cause di sviluppo e trattamento della malattia

L'epatite TTV è una malattia antroponotica che viene trasmessa dal beneficio parenterale. L'agente causale è il virus epatotropico. Scoperto il virus per la prima volta all'inizio del secolo.

È stato trovato DNA alieno e fino a quel momento sconosciuto alla comunità scientifica (sta per acido desossiribonucleico) in diversi pazienti che avevano precedentemente ricevuto trasfusioni di sangue. In realtà, nel processo di trasfusione di sangue le persone hanno ottenuto il DNA.

Come possono essere trasmessi epatite, patogenesi e prevalenza di Titivi, caratteristiche cliniche, trattamento e possibili conseguenze negative - considereremo ulteriormente.

Descrizione della malattia

L'epatite virale della TTV è onnipresente, quindi la rilevanza del problema è ai massimi livelli. La maggiore prevalenza della malattia si osserva in Africa, Sud America e Asia. Nei paesi europei, circa il 15%. Gli scienziati non sanno se l'agente patogeno è obbligatorio o condizionatamente patogeno. Il primo agente infettivo è stato scoperto nel 1997 in un paziente con epatite di origine sconosciuta..

L'agente causale è caratterizzato da una struttura ad anello complessa, le dimensioni sono relativamente piccole. Il guscio è assente, viene rilevato il DNA ciclico. Il virus invade le cellule del fegato, una piccola parte circola attraverso il sistema circolatorio e appare in altri fluidi biologici. Oltre al fegato, colpisce i polmoni, il midollo osseo.

Si differenzia da altre varietà in quanto il virus TTB non muta, cioè non ha le proprietà di una mutazione. Un agente infettivo può essere nel corpo umano per tutta la vita, pur non essendo aggressivo. Dopo la trasfusione di sangue, l'agente patogeno viene attivato, poiché lo stato immunitario viene drasticamente ridotto.

Eziologia dell'occorrenza

L'agente virale è incluso nel gruppo dei patogeni Circoviridae. Il virus contenente DNA è altamente resistente all'ambiente. Il trattamento termico a secco a una temperatura di 65 gradi per 96 ore non porta all'inattivazione, ma un aumento della temperatura contribuisce alla sua morte.

La fonte è una persona malata. Il principale meccanismo di trasmissione è parenterale o durante il rapporto sessuale. A causa del fatto che sono state trovate copie del virus nelle urine e nelle feci, escludere la via di trasmissione fecale-orale.

Nella pratica medica, ci sono stati casi di trasmissione verticale - da madre a figlio. L'agente causale è nel sangue di tori e pecore, che non esclude l'infezione durante il consumo di carne, che non ha superato il trattamento termico richiesto. Più spesso, il virus si trova nelle persone che hanno una storia di infezione da HIV, epatite virale C e B..

Patogenesi dell'epatite TTV

L'epatite e la patogenesi della TTV non sono completamente comprese. Gli scienziati ritengono che un agente infettivo sia introdotto nel corpo, la malattia procede come una viremia asintomatica cronica (la presenza di un virus nel sangue) di una forma cronica. Non è stato ancora stabilito se esiste una relazione tra il virus TBT e la manifestazione di altra epatite nel paziente..

Il virus si trova nel sangue di persone sane, così come nei pazienti che hanno scarsi test di funzionalità epatica (alti livelli di bilirubina, AST, ALT, fosfatasi alcalina). Attraverso numerosi studi scientifici, è stato dimostrato che le cellule del fegato agiscono come sito replicante per l'agente..

Il DNA è stato anche trovato nel sangue periferico, nelle cellule linfatiche, nel midollo osseo, nei semi, nella secrezione vaginale e nella bile. Nel fegato, sullo sfondo dell'epatite TTV, si osservano infiltrazioni linfocitarie, focolai di necrosi, degenerazione grassa.

Chi è a rischio

Gli esperti medici ritengono che oltre il 90% delle persone in tutto il mondo sia portatore del virus. Tuttavia, l'attivazione del patogeno si verifica in presenza di determinati fattori. In un gruppo a rischio speciale ci sono persone che hanno trasfuso sangue o i suoi componenti dopo un intervento chirurgico per trapianti di organi.

Ulteriori fattori di rischio includono droghe, consumo eccessivo di alcol e fumo. Il gruppo a rischio comprende persone con orientamento sessuale non tradizionale, che conducono casualmente una vita sessuale. I pazienti con una storia di emofilia sottoposti a emodialisi.

Sintomi clinici

I medici non sono ancora stati in grado di raccogliere il quadro clinico completo. È noto che una persona infetta potrebbe non sapere di essere malata. Ci sono anche casi in cui c'era una cura indipendente (senza l'uso di droghe).

Quanto dura il periodo di incubazione è noto solo in media - 6-12 settimane. Sintomi come ingiallimento della pelle, mucose visibili, proteine ​​dell'occhio, non vengono rilevati nei pazienti.

Una persona può vivere per anni con un virus che non si manifesta. Nel periodo di esacerbazione, l'agente patogeno ha un modo per influenzare le cellule del fegato, che si manifesta con tali sintomi:

  • epatomegalia.
  • Una forte riduzione del peso corporeo senza motivo sullo sfondo della dieta precedente.
  • Aumento persistente della temperatura corporea a livello delle condizioni subfebriliche.
  • Fatica, debolezza, affaticamento cronico.
  • Nausea, vomito, disturbi digestivi.
  • Disagio leggero nell'ipocondrio destro.
  • Pesantezza agli arti inferiori.
  • Bocca secca, placca gialla sulla lingua.

La suddetta clinica non è specifica per il virus TTV, poiché è anche caratteristica di altre malattie. Molto spesso, un agente infettivo si trova nel sangue quando esaminato per un'altra malattia.

Il decorso cronico dell'epatite TTV non appare. Tuttavia, è in grado di infettare gli epatociti, il che rappresenta un grave pericolo per la salute e la vita. Come si manifesta questa forma di epatite durante l'infanzia, dal momento che non ci sono oggetti per la ricerca.

Effetto sul fegato

In quasi il 100% dei quadri clinici, i medici specialisti associano la presenza di un virus contenente DNA nel corpo e tali malattie:

  1. Fibrosi polmonare di natura idiopatica.
  2. Colangite e una serie di altre malattie della colecisti. Alcuni scienziati riferiscono che la causa della colelitiasi è proprio l'epatite BTV.
  3. Epatite acuta / cronica. Esiste una teoria secondo cui la varietà TTTV agisce come uno stimolo per l'attivazione di altre forme di epatite.

Alcuni scienziati ritengono che il cancro dell'intestino e del fegato sia una conseguenza della penetrazione del virus TBT nel corpo umano. Nessuna evidenza clinica per la teoria.

Diagnostica

Poiché la malattia ha un decorso asintomatico, è difficile da diagnosticare. Molto spesso, l'unico segnale che indica l'attività della TTV è l'epatomegalia: il fegato aumenta di dimensioni. Ma i medici raramente associano questo sintomo a un agente infettivo durante un esame fisico di un paziente.

Il principale metodo diagnostico che consente di rilevare il DNA, include la PCR (metodo di reazione a catena della polimerasi). Inoltre, questo metodo viene utilizzato in situazioni in cui sono già state escluse altre possibili cause di epatite..

Inoltre, viene eseguita un'analisi degli esami del fegato. Il sangue venoso deve essere donato. Sullo sfondo di epatite TTV, GGTP e fosfatasi alcalina rimangono entro limiti normali o aumentano leggermente, IPT e albumina nell'intervallo normale.

Negli studi scientifici, vengono utilizzati metodi sierologici quantitativi per identificare anticorpi specifici. Ma nella pratica di routine non vengono utilizzati. La diagnosi differenziale implica l'esclusione di tutte le cause che possono scatenare lo sviluppo dell'epatite.

Regimi di trattamento per l'epatite TTV

Secondo i medici, il trattamento ha le sue difficoltà perché non ci sono abbastanza informazioni sull'epatite TTV. Alcuni medici usano interferoni in terapia, altri credono che il protocollo medico standard per questo tipo di malattia non abbia senso..

Più spesso, si raccomanda una combinazione di farmaci antivirali e immunomodulanti. Secondo le statistiche mediche, l'efficacia dell'interferone è elevata, ma solo nel 50% dei casi. Per ottenere un risultato positivo, la terapia è lunga - da sei mesi. Il farmaco porta a una serie di fenomeni negativi: allergie, disturbi autoimmuni, anemia, disturbi endocrini.

Quando gli interferoni non danno un buon effetto, altri farmaci antivirali vengono usati in combinazione con agenti che migliorano l'immunità. Quindi, lo schema è relativamente efficace:

  • Compresse di amixina Una compressa, intervallo - 24 ore.
  • Fosfogliv: assumere 2 compresse, molteplicità 3 volte al giorno.
  • La durata del corso terapeutico è di 3 mesi.
  • Una terapia simile dovrebbe essere somministrata al partner sessuale del paziente.

Amiksin ha lo scopo di migliorare la produzione del proprio interferone nel corpo e il fosfogliv è un epatoprotettore che protegge gli epatociti. Poiché l'acido glicirrizico è presente nella composizione, si forma un effetto antivirale.

Previsioni e prevenzione

L'epatite causata dal virus TTV ha una prognosi favorevole. Le statistiche indicano che oltre il 50% recupera completamente. Ma ci sono poche informazioni sulla necessità del trattamento del trasporto asintomatico, poiché molti portatori hanno eliminato il virus in modo non autorizzato (scomparsa).

Non sono state sviluppate misure preventive specifiche. In questa fase dello studio del virus infettivo, non è possibile lo sviluppo di un vaccino speciale. Pertanto, si raccomandano solo misure non specifiche: trattamento termico sufficiente della carne, uso di preservativi, siringhe monouso, norme igieniche.

Epatite TTV

Ogni anno nella medicina moderna si aprono nuove forme e tipi di una malattia epatica così terribile e pericolosa come l'epatite. Una delle scoperte più recenti è stata l'epatite TTV, nota anche come epatite post-trasfusione. È stato diagnosticato per la prima volta nel 1997 in cinque pazienti 8-11 settimane dopo il trapianto di sangue. È questa caratteristica della diffusione del virus che è diventata la base del suo nome.

L'agente causale di TTV e delle sue caratteristiche

L'agente causale della malattia è il virus TTB, che ha una struttura ad anello complessa. Di piccole dimensioni, non ha un guscio, ma contiene DNA ciclico nella sua struttura. Secondo studi di laboratorio, questo virus ha più di 20 genotipi e ceppi che sono stati rilevati non solo nell'uomo, ma anche negli animali (scimmie, mucche, cani, maiali, pecore).

L'habitat principale del virus è il fegato, ma la sua presenza è stata trovata nella saliva, nelle feci, nella bile e in altri fluidi biologici nell'uomo. Inoltre, l'infezione può colpire i polmoni, il midollo osseo, il tessuto linfoide.

Una persona può sentirsi completamente in salute e allo stesso tempo essere portatrice di TTV. Studi moderni dimostrano che tra il 70 e il 90% delle persone sul nostro pianeta possono essere portatori del virus.

L'epatite post-trasfusione è diffusa in tutto il mondo, ma la sua distribuzione non è uniforme. Il maggior numero di infezioni (90%) è stato registrato in Africa, un po 'meno - in Australia e negli Stati Uniti. In Europa, il numero di infezioni raggiunge il 15%, in Asia - 40%.

Metodi di infezione

La medicina moderna è nota per un modo di infezione con il virus TTV - attraverso il sangue. Gli studi dimostrano che l'iniezione di tossicodipendenti, i pazienti in emodialisi, i pazienti con più trasfusioni di sangue, le persone che hanno subito un trapianto di organi hanno maggiori probabilità di essere infettati..

Si presume anche che il virus possa essere trasmesso da goccioline trasportate dall'aria, sessualmente o verticalmente (da una madre infetta al bambino durante il parto). La possibilità di trasmissione del virus TBT da animali malati all'uomo non è esclusa.

Sintomi di epatite post-trasfusione

Nonostante il fatto che l'epatite TTV sia una delle forme meno studiate della malattia, il suo sviluppo è associato alla comparsa nel corpo umano di tali sintomi e condizioni patologiche:

  • nausea e vomito;
  • pesantezza e dolore sordo nell'ipocondrio destro;
  • bocca asciutta
  • aumento della temperatura corporea;
  • placca gialla sulla lingua;
  • debolezza;
  • ingrossamento del fegato;
  • dolore ai muscoli del polpaccio.

Questi sintomi sono segni non specifici dell'epatite TTV, quindi molto spesso i medici diagnosticano la malattia quando i pazienti cercano aiuto medico per altri problemi e malattie.

Nel caso della forma acuta della malattia, la durata del periodo di incubazione è da 6 a 12 settimane. In forma cronica, il virus potrebbe non apparire per anni o addirittura decenni..

Poiché il virus TTV ha un decorso nascosto e colpisce principalmente il fegato, nella maggior parte dei casi viene diagnosticato in presenza di processi patologici nel fegato. Si presume anche che possa svilupparsi sullo sfondo del cancro o, ad esempio, delle malattie intestinali.

A differenza di altre forme di malattia, con l'epatite TTV, l'ittero appare molto raramente.

Possibili complicanze dell'epatite post-trasfusione

L'epatite virale post-trasfusione può causare numerose complicazioni nel corpo umano. Molto spesso, ai pazienti con epatite TTV viene diagnosticata:

  • La fibrosi polmonare idiopatica è una condizione patologica in cui il tessuto connettivo cresce nei polmoni e compaiono cambiamenti cicatriziali. Nei pazienti con fibrosi polmonare, il virus TTV viene rilevato nella mucosa nasale e nelle secrezioni nasali..
  • Colangite (infiammazione del dotto biliare), colesterosi e colelitiasi. In questo caso, il virus dell'epatite BTV può essere rilevato non solo nel fegato, ma anche nella bile.
  • Epatite acuta e cronica. Molto spesso, l'infezione si verifica sullo sfondo dello sviluppo dell'epatite C con genotipo 1a.
  • Cirrosi epatica.
  • Malattie del sangue.

Inoltre, è stato dimostrato che l'epatite TTV non porta allo sviluppo di insufficienza epatica di etimologia poco chiara.

Diagnosi e trattamento della malattia

Il metodo principale per la diagnosi di epatite TTV è un esame del sangue, più precisamente, la determinazione della reazione a catena della polimerasi. Inoltre, negli esami del sangue nei pazienti, si osserva un aumento di indicatori come ALT, AST e GGT. Altri metodi per diagnosticare questa misteriosa malattia nella medicina moderna sono attualmente sconosciuti..

In caso di diagnosi di epatite TTV, ai pazienti viene prescritto l'interferone. Tuttavia, i dati sui risultati dell'uso del farmaco sono troppo controversi. Secondo uno studio, questo ceppo del virus dell'epatite non risponde al trattamento con interferone. Tuttavia, ci sono altri studi che dimostrano che con un uso regolare e prolungato di interferone (almeno due anni), si ottiene un effetto positivo nel 45% dei casi.

Epatite TTV Prevenzione

Poiché l'epatite TTV ha un decorso lento e i suoi metodi di trattamento sono inefficaci, gli epatologi raccomandano che i pazienti aderiscano alle seguenti misure preventive:

  • corretta alimentazione e dieta;
  • rifiuto di cibi grassi, fritti e cibi spazzatura;
  • moderata attività fisica;
  • l'uso di una quantità sufficiente di vitamine;
  • rispetto dell'igiene personale;
  • completa cessazione del fumo e dell'alcool;
  • rispetto del regime di consumo (almeno 2 litri di acqua al giorno).

L'epatite da TTV nella medicina moderna rimane una delle malattie meno studiate e più misteriose. E sebbene in questa fase il vaccino e il trattamento efficace della malattia non siano stati sviluppati, dopo aver sentito una diagnosi così terribile, non cedere al panico e prenderlo come una frase. Dopotutto, il virus ha un flusso lento e per molti anni non influenza in alcun modo il fegato. Inoltre, gli scienziati moderni stanno lavorando attivamente allo studio del virus, quindi nel prossimo futuro potrebbero essere scoperti nuovi metodi per la sua diagnosi e metodi efficaci di trattamento..

Qual è l'epatite TTV, i suoi sintomi e metodi di trattamento

Negli ultimi decenni, la classificazione dell'epatite è stata integrata con nuove forme. Quindi sono stati descritti i tipi G, F, TTV, SEN. Alcuni esperti ritengono che il virus TTV sia completamente innocuo e non richieda un trattamento. In effetti, in una piccola quantità può essere trovato in ogni persona. Tuttavia, se il contenuto di TTV nel sangue supera la norma, iniziano i problemi con il sistema immunitario, il benessere del paziente peggiora. Quali sono i sintomi di questo tipo di epatite, in che modo colpisce il corpo e quanto è duro il suo trattamento?

Cos'è?

L'epatite TTV provoca un virus che viene trasmesso dal contatto con il sangue. La prima vittima, che a quel tempo aveva un'infezione sconosciuta, portava un nome e un cognome con le lettere iniziali "TT". Da qui il nome di questo tipo di epatite.

Il gene circolare e contorto di questo virus, è rappresentato da un filamento di DNA e ha una struttura ad anello. Gli scienziati hanno rivelato una certa somiglianza con l'agente causale Circoviridae, che colpisce gli animali (pollame, maiali, cani, mucche, scimmie antropoidi). Pertanto, per lungo tempo, questi virus sono stati considerati gli stessi. Pertanto, Transfusion Transmitted Virus (TTV) è il primo circovirus trovato nell'uomo..

Attualmente appartiene alla famiglia degli Anellovirus. È noto che entrare nel corpo umano rimane per sempre, indipendentemente dall'età, dal benessere generale, dal luogo di residenza e dal tenore di vita del paziente. C'è un'infezione in tutti i sistemi e organi, che si diffonde in modo non uniforme, che appare nel midollo osseo, quindi nel tessuto linfoide o nei polmoni e nel fegato.

Attenzione! In effetti, il 90% della popolazione mondiale è portatrice di TTV, che si adatta mirabilmente al corpo dell '"ospite".

Una maggiore concentrazione del virus si osserva in pazienti con lupus eritematoso, oncologia e miopatia infiammatoria. Una maggiore sintesi di molecole secondarie di TTV è osservata anche nei bambini durante un'esacerbazione di malattie respiratorie e malattie croniche.

Si ritiene che l'infezione non sia un vero provocatore dell'insufficienza epatica, ma gli scienziati stanno ancora conducendo vari studi e studiando il meccanismo d'azione della TTV sul corpo umano..

Questa infezione si è diffusa in tutto il mondo. Molto spesso si trova nei paesi africani, un po 'meno - in America e nel continente australiano. In Europa, circa il 15% della popolazione è infettata dal virus TTV, nei paesi asiatici il 40%. Spesso il gruppo "pericoloso" comprende sezioni della società socialmente svantaggiate: iniettare tossicodipendenti, gay, tossicodipendenti, persone che vivono una vita promiscua.

Modi per contrarre l'epatite

Non ci sono ancora informazioni sulla suscettibilità del corpo a questa infezione. È noto che il virus trasfuso trasmesso viene spesso rilevato nelle persone con epatite di eziologia sconosciuta in forma cronica e acuta. Spesso è combinato con altri virus dell'epatite, più attivi. Su come la malattia si manifesta nei bambini, cosa provoca e come colpisce il corpo dei bambini, nessuna informazione.

Non esistono test o standard autorizzati dai comitati sanitari per lo screening dei donatori di sangue. Quindi, un donatore, un corriere di TTV può donare il sangue per lungo tempo, che verrà utilizzato per scopi medici, diffondendo così l'infezione tra la popolazione.

Manifestazioni cliniche

Il pericolo di questa epatite è che il suo portatore non sospetti che sia infetto. Il virus trasmesso per trasfusione è estremamente poco compreso, poiché è stato rilevato solo due decenni fa. Si ritiene che l'epatite TTV sia in grado di svilupparsi sullo sfondo di:

  1. Fibrosi polmonare. Quasi tutte le persone che soffrono di questa malattia e patologie associate ai polmoni, hanno rivelato la TTV. Ciò indica che, forse, l'infezione stessa, che si è stabilita nel corpo, non è la causa della malattia, ma aggrava e accelera lo sviluppo della patologia polmonare..
  2. Colangite e altre patologie relative ai dotti biliari. L'infezione può essere un fattore scatenante per la loro insorgenza.
  3. Gastroenterite. Il 90% delle persone con questa malattia ha la TTV.
  4. Alcuni scienziati ritengono che la TTV possa innescare la crescita di neoplasie nel fegato, ma i loro studi non sono ancora stati dimostrati clinicamente e non vengono presi in considerazione..

È estremamente difficile rilevare l'epatite TTV cronica, poiché procede senza segni pronunciati. Anche se la vittima ha un fegato leggermente ingrossato, i medici non vedono la connessione del disturbo con Transfusion Transmitted Virus. Nella fase acuta della malattia, i pazienti notano:

  • letargia, ridotta resistenza fisica, perdita di forza;
  • indolenzimento agli arti;
  • una condizione che precede il vomito, secchezza delle fauci;
  • la presenza di un rivestimento giallo sulla lingua;
  • aumento della temperatura corporea;
  • ingrandimento del fegato in termini di dimensioni;
  • sindrome astenica;
  • la comparsa di ittero.

Il periodo di incubazione di TTV non è superiore a 3 mesi. Se il decorso della malattia è fugace, i primi sintomi espressi si notano già a 6 settimane dopo l'infezione. Se è stata eseguita una trasfusione di sangue, i segni primari si osservano dopo 3-4 settimane.

Nota! Alcuni scienziati ritengono che la gravità di questa epatite sia influenzata dalla concentrazione del virus TTV nel sangue.

Per identificare la patologia e fare una diagnosi accurata, gli specialisti indirizzano il paziente a un'analisi delle urine e un'analisi dettagliata del sangue venoso. È importante per loro come cambiano:

  • Enzimi di alanina aminotransferasi contenuti nelle cellule e nei tessuti del fegato;
  • enzimi di aspartato aminotransferasi contenuti nelle cellule del muscolo cardiaco;
  • marcatori di epatite C e B più pericolosa;
  • reazione a catena della polimerasi (PCR), rilevando il livello quantitativo di DNA TTV nel plasma sanguigno.

Trattamento e prevenzione

A causa della mancanza di dati clinici, il trattamento farmacologico del virus trasfuso trasmesso è estremamente difficile. Alcuni esperti sono sicuri che l'interferone possa curarlo. Ma si ritiene che la TTV mostri resistenza agli standard di interferone generalmente accettati e che il metodo classico di terapia non funzioni qui.

Ai pazienti vengono spesso prescritti trattamenti antivirali e agenti immunomodulatori. Ma quasi tutti gli esperti concordano sul fatto che attualmente non esiste una terapia efficace.

Le informazioni sul pieno recupero delle vittime sono diverse.

Importante! I ricercatori ritengono che con una concentrazione minima di Transfusion Transmitted Virus, è possibile recuperare completamente da esso nel 45% dei casi. Se il contenuto è elevato, è impossibile curare completamente una persona.

La ricerca continua attualmente. Non appena compaiono adeguati regimi di trattamento, questi avranno immediatamente effetto e i pazienti con epatite da TTV possono essere trattati con successo.

La presenza di TTV in una persona non è una frase. Ciò non significa che il virus svilupperà la sua attività distruttiva e causerà il cancro del fegato o dei polmoni. Ma il paziente ha bisogno di una visita medica e di una consultazione di specialisti ristretti. Le loro raccomandazioni dovrebbero essere rigorosamente rispettate, quindi è probabile che l'epatite non si manifesterà in futuro. Se non ci sono cambiamenti patologici nei tessuti e nelle cellule del fegato, non è necessario il trattamento se viene rilevato solo questo virus dell'epatite.

  • astenersi dall'alcool, dal fumo, dall'assunzione di droghe;
  • condurre una vita attiva;
  • seguire una dieta che esclude cibi grassi, piccanti, salati, in salamoia.

È necessario includere nella dieta verdure fresche quotidiane, frutta, verdure, carne magra e pesce. I piatti sono preferibilmente cotti a vapore, bolliti o in umido. Quindi il fegato non sarà sottoposto a stress eccessivo;

  • assumere complessi vitaminici per supportare le funzioni protettive in offseason;
  • assicurare il corretto regime di consumo (bere almeno 2 litri di acqua al giorno);
  • ventilare regolarmente la stanza e camminare;
  • praticare sport: nuoto, ginnastica, corsa, fitness;
  • escludere situazioni stressanti, prevenire il verificarsi di stati depressivi;
  • rilassarsi completamente e non sovraccaricare mentalmente e fisicamente;
  • osservare l'igiene personale e non entrare in contatto con potenziali portatori del virus TTV;
  • astenersi dal rapporto sessuale occasionale;
  • seleziona attentamente i partner sessuali.
  • Conseguenze e previsioni

    Il virus TTV differisce dagli altri agenti patogeni dell'epatite in quanto può essere nel corpo per lungo tempo senza manifestarsi o modificarsi. Di conseguenza, non esercita alcun effetto sul fegato in questo stato. Ma se per qualche motivo la sua concentrazione aumenta, allora l'aggiunta di altri virus e l'insorgenza di complicazioni così gravi come:

    • anemia, trombocitopatia, emoblastosi e altre malattie del sangue;
    • cirrosi epatica;
    • epatite acuta e cronica.

    I medici ritengono che Transfusion Transmitted Virus sia stato ripreso di recente e non sia necessario parlare di una cura efficace. Sono isolati circa 29 genotipi TTV. Potenzialmente pericoloso è il tipo 1a, che è stato testato su scimpanzé, che ha causato manifestazioni di epatite acuta. Ma non è noto se provoca epatite nell'uomo..

    Secondo le opinioni di medici e pazienti, il trattamento dell'epatite TTV viene eseguito da Interferone, ma non dà un risultato speciale, poiché l'infezione al farmaco è estremamente stabile. Nei paesi occidentali, le patologie non attribuiscono importanza, poiché vi è ancora poca base di prove per la terapia competente. Dopo un certo ciclo di trattamento, in base ai sintomi e ai risultati della ricerca, gli anticorpi rimangono nel corpo, il che significa che una persona ha portato TTV per tutta la vita.

    Dal momento che il suo pericolo per il fegato non è stato dimostrato, non dovresti preoccuparti. Ulteriori studi approfonditi forniranno ulteriori informazioni sull'occorrenza, trasformazione e pericolo dell'epatite TTV. È possibile che vengano trovati nuovi metodi di diagnosi e trattamento della patologia. Gli scienziati non danno alcuna previsione.

    Dirigerà il paziente per la diagnosi e, in base ai risultati ottenuti, determinerà a quale specialista rivolgersi. Se è dimostrato che la causa del disturbo è il virus TTV, allora dovresti visitare un epatologo. Determinerà il corso del trattamento e fornirà una serie di raccomandazioni pertinenti per la prevenzione delle esacerbazioni della malattia.