Quali test per l'epatite dovrebbero essere presi?

Una diagnosi accurata dell'epatite, il modo migliore fino ad oggi è un esame del sangue. Esame del sangue generale e biochimico. Quindi, quanto test dell'epatite viene eseguito e quali regole devono essere seguite prima del test.

Se hai bisogno di scoprire lo stato del tuo corpo, per identificare una possibile malattia nascosta in base ai sintomi che hai, contatta un laboratorio medico. I laboratori medici al momento non sono insoliti, sono comuni in ogni città e non sono rappresentati da uno o due.

Forse vivi in ​​piccoli centri regionali dove potrebbe non esserci la diagnostica di laboratorio, quindi contatta il tuo istituto medico, dove il medico ti darà un rinvio al laboratorio più vicino, il laboratorio si trova spesso in un istituto medico.

Scadenza per i risultati dell'analisi

Il termine per esami del sangue (esame del sangue generale) va da 1 a 2 giorni lavorativi. In forme complesse di analisi con un esame biochimico (biopsia tissutale) dell'area interessata del fegato, il periodo diagnostico e la diagnosi corretta possono arrivare fino a 8 giorni. In alcuni casi, un esame del sangue può essere - 5-10 giorni (test ormonale), in tutti gli altri casi un test generale, biochimica, analisi del sangue per lo zucchero, rilevazione di parassiti e varie infezioni - non più di 7 - 8 giorni.

Di norma, le analisi possono essere superate più rapidamente, o meglio, ottenere il risultato dei test contattando laboratori specializzati. Per un metodo rapido rapido per rilevare l'epatite di una forma o di un'altra, un'altra malattia, è necessario spendere di più per l'urgenza di un'analisi complessa.

Preparazione allo studio

Viene eseguito un esame del sangue a stomaco vuoto. Tra l'ultimo pasto e l'inizio dell'analisi, devono trascorrere almeno 8-9 ore. Nella forma complessa di epatite C, si raccomanda di effettuare un'analisi non prima di sei settimane dalla presunta infezione, poiché l'epatite C presenta una complessa eziologia della malattia, identificando.

Esami del sangue per la classificazione e la rilevazione di malattie

Emocromo completo - dal dito. Analisi biochimiche - dalla vena.

Esame del sangue generale - il nome stesso parla di un'analisi abbastanza comune che può mostrare le condizioni generali del corpo. Il punto di partenza per il medico sarà un risultato che indica la presenza, la presenza di processi infiammatori nel corpo, il rilevamento di infezione.

Esame del sangue biochimico - con il quale è possibile valutare le condizioni di tutti gli organi umani. Un esame del sangue biochimico può identificare accuratamente le condizioni di fegato, pancreas, reni. Un esame del sangue per la biochimica fornisce un quadro chiaro del numero di importanti elementi chimici del corpo.

Esame del sangue per glicemia - Un test della glicemia può verificare lo zucchero. Come profilassi contro il possibile diabete, viene spesso prescritta a persone di età pari o superiore a 40 anni. Le malattie del sistema endocrino mostreranno anche un esame del sangue per lo zucchero.

Analisi della reazione della coagulazione del sangue - i problemi con la coagulabilità del sangue mostreranno un coagulogramma, emostasiogramma negli indicatori di analisi.

Esame del sangue per marcatori tumorali - i test per la presenza di formazioni tumorali possono rilevare proteine ​​di tumori maligni. La diagnosi tempestiva del cancro è estremamente importante per una buona prognosi nel trattamento efficace..

Esame del sangue sierologico - il rilevamento di anticorpi nelle malattie infettive, inclusa l'epatite all'agente causale della malattia. Il gruppo sanguigno umano viene stabilito usando questa analisi..

Esame del sangue immunologico - stabilisce vari complessi, cellule immunitarie nel corpo umano. Con immunodeficienza. L'analisi si basa sullo studio di una proteina immunoglobulinica, la cui interpretazione può confermare la natura cronica o acuta della patologia della malattia.

Esami del sangue espansi per marcatori

Epatite A

Il metodo di ricerca di laboratorio per determinare la presenza di anticorpi contro il virus dell'epatite A..

Anticorpi anti-HAV-IgM, IgM contro il virus dell'epatite A..

Viene eseguito un esame del sangue per la rilevazione di anticorpi contro l'epatite A per diagnosticare un'infezione recente o una forma acuta della malattia.

Una volta che i sintomi clinici della malattia iniziano a manifestarsi, è possibile rilevare gli anticorpi IgM. La loro concentrazione aumenta dopo 30 giorni dal decorso della malattia e diminuisce bruscamente dopo, arrivando a letture normali del contenuto di anticorpi.

Vengono eseguiti test dell'epatite A:

  1. Asilo con molti bambini a contatto;
  2. Contatto diretto con un paziente con virus dell'epatite A (parenti stretti, amici, squadra al lavoro);
  3. Con un indicatore già rilevato di un livello sopravvalutato di AlAt e AsAt;
  4. Con sintomi di epatite virale clinica.
  5. La scadenza per l'analisi è un giorno.
  6. Positivo: rilevazione di anticorpi.
  7. Risultato negativo: sono assenti anticorpi con tassi normali aumentati.

Epatite B

Rilevazione del test dell'epatite B degli anticorpi anti-HBs contro l'antigene HBs del virus dell'epatite B. Quando gli anticorpi risultano elevati, il test ha un risultato positivo (viene rilevata la malattia dell'epatite B). La comparsa di anticorpi nel sangue indica la forma del decorso della malattia in una forma acuta e cronica.

  1. Scadenze - un giorno.
  2. Le analisi vengono effettuate a stomaco vuoto, almeno 8-9 ore prima dell'inizio dell'analisi, l'ultimo pasto.

Epatite C

Con il metodo degli esami del sangue di laboratorio, viene determinata la presenza di anticorpi contro l'antigene dell'epatite C (totale anti-HCV). Il risultato è considerato positivo se l'antigene dato è nel sangue del paziente. La forma acuta, il primo stadio del decorso della malattia di questa forma, inizia con la quarta, quinta settimana dopo che l'infezione è entrata nel sangue.

L'analisi medica viene eseguita secondo le seguenti indicazioni:

  • Segni clinici di epatite virale;
  • Sfondo aumentato AlAt, AsAT;
  • Manipolazione parenterale;
  • Durante la gravidanza;
  • Uno stile di vita frenetico durante i rapporti sessuali.

I risultati dell'analisi sono pronti in uno, due giorni lavorativi..

Il risultato negativo dell'analisi può essere: le prime 4-6 settimane del periodo di incubazione dell'epatite C con manifestazioni lente, sintomi.

Sintomi comuni di epatite

  • Stato di maggiore affaticamento;
  • La temperatura salta verso l'alto;
  • Eruzioni cutanee sul corpo sotto forma di rosolia (piccola eruzione cutanea);
  • Colorazione della pelle in giallo (compresi i palmi delle mani);
  • Macchie gialle di sclera, mucose visibili, proteine ​​dell'occhio;
  • Perdita di appetito;
  • Deterioramento dello stato generale di salute;
  • Sordo, tirando dolori nell'ipocondrio destro;
  • Insonnia di notte;
  • Sonnolenza durante il giorno;
  • Attacchi di nausea;
  • Amarezza nella cavità orale;
  • Vomito (possibilmente con impurità biliari);
  • Colorazione delle urine in un colore scuro (presenza di bile);
  • Decolorazione delle feci (la bile passa negli organi urinari);
  • Perdita di peso senza motivo apparente;
  • Declino della salute;
  • Coordinamento alterato;
  • Possibile sanguinamento (nasale, emorroidario).
  • L'elenco dei farmaci nel trattamento dell'epatite di varie forme
  • Amixin;
  • Baraclude
  • Altevir;
  • Vero-ribavirina;
  • Viferon;
  • Gepabene;
  • Galstena
  • Gepral;
  • Hepar Composite;
  • Imunofan;
  • isoprinosine;
  • Zeffix;
  • introne;
  • interferone;
  • Karsil;
  • Livolin;
  • Pegasis
  • Molixan;
  • PegIntron;
  • Reaferon;
  • Farina di cardo mariano;
  • Rebetol;
  • ribavirina;
  • Rehydron;
  • Sebyo;
  • Cycloferon;
  • Chophytol;
  • Ursosan;
  • Fattore di trasferimento;
  • Enterosgel;
  • Essential Forte N;
  • Phosphogliv;
  • Essliver Forte.

Ognuno di questi farmaci è mirato a diverse azioni in relazione agli effetti sull'epatite A, B, C, D, E. Solo un epatologo, un terapista, può prescrivere il farmaco corretto ed efficace dopo aver effettuato una diagnosi qualitativa di una possibile malattia. I farmaci sono prescritti tenendo conto della tolleranza individuale del farmaco in un dosaggio rigoroso, che dipende dalla complessità dello stadio della malattia.

L'automedicazione porta a tristi conseguenze aggravando una malattia che è già nel corpo e progredendo, oltre al possibile rischio di contrarre un'altra malattia quando si assumono farmaci che potrebbero non essere adatti nel regime di trattamento individuale.

Un prerequisito per il trattamento di tutti i tipi di epatite è una dieta.

Dieta numero 5

Indicato per epatite cronica, colecistite, calcoli biliari, epatite acuta, durante il recupero.

Con questa dieta, viene preso in considerazione un elevato contenuto proteico. Grassi e carboidrati corrispondono alla norma giornaliera per le esigenze del corpo umano. L'eccezione a questa dieta sono le sostanze attive, i prodotti che contengono oli essenziali. Grassi refrattari Prodotti fritti e affumicati. Prodotti con colesterolo alto, purina. Viene prescritta una maggiore introduzione di frutta e verdura alla dieta, che migliora l'effetto coleretico, il buon lavoro della motilità intestinale, hanno il massimo effetto sulla rimozione del colesterolo, le tossine dal corpo. Una bevanda abbondante con acque minerali, un brodo di rosa canina. Forte divieto di alcol.

Il valore energetico della dieta è - 2500-3000kkl.
Composizione proteica - 90 grammi.
Grasso - 90 grammi.
Carboidrati - 300-350 grammi.
Tutti i cibi dovrebbero essere caldi, cibi freddi, i cibi non possono essere consumati.
La cottura dovrebbe essere al vapore, bollita, cotta in rari casi.
Nutrizione frazionaria - 5-6 volte al giorno.

In caso di domande, si prega di contattare i nostri specialisti

Test prima, durante e dopo il trattamento per l'epatite C

La diagnosi di epatite C si basa su esami del sangue di laboratorio. Da quali test vengono eseguiti l'epatite C, dipende dal fatto che la malattia venga rilevata in tempo e che sia prescritto il trattamento. L'efficacia delle misure di trattamento viene anche valutata in base ai risultati delle analisi..

Informazioni sull'epatite C

La malattia causa il virus dell'epatite C (HCV, virus dell'epatite C). Questo virus contenente RNA entra nel corpo umano attraverso il sangue. Possibile infezione attraverso muco vaginale, sperma, microtrauma delle mucose.

Una volta nel corpo attraverso uno di questi percorsi, il virus infetta il fegato. Tutti i virus sono parassiti intracellulari. E HCV non fa eccezione. Si moltiplica all'interno delle cellule del fegato, epatociti che compongono il tessuto epatico, parenchima.

Dopo che il virus è entrato nell'epatocita, più RNA della figlia vengono copiati ripetutamente dall'RNA virale materno originale. Questo processo si chiama replica. Quindi, attorno all'RNA formato si formano una capsula (capside) e altri elementi strutturali della particella virale (virione).

La sostanza organica è necessaria per la replicazione dell'RNA e il completamento dei virioni. Il virus li prende dalla cellula. Alla fine, l'epatocita non resiste a tale carico e muore. I virus che emergono da esso penetrano in nuovi epatociti.

Il sistema immunitario, ovviamente, combatte l'HCV. E se il paziente ha una forte immunità, il virus può essere distrutto. Ma questo accade raramente. Nella maggior parte dei casi, nonostante lo scontro immunitario, l'attività virale persiste. La stabilità del virus è in gran parte dovuta alla sua variabilità genetica. Da una serie di geni, un genotipo codificato nell'RNA del virus, dipende in larga misura da come procederà la malattia e da quanto sarà efficace il trattamento.

Sullo sfondo del processo infiammatorio nel parenchima, aumenta la quantità di tessuto adiposo (steatoepatosi). Quando gli epatociti muoiono, il parenchima viene sostituito dal tessuto fibroso e la funzionalità epatica è compromessa. Un grado estremo di fibrosi, cirrosi, è accompagnato da insufficienza epatica, alterazioni secondarie di altri organi, disturbi circolatori e metabolici.

All'inizio, i cambiamenti patologici nel fegato che sono invisibili al paziente si formano nel corso di molti anni. Per tutto questo tempo, il virus continua a circolare nel sangue. Grazie a questo, è possibile fare un test per l'epatite C..

Quali test dovrebbero essere testati per l'epatite C?

Indicazioni per la diagnosi di laboratorio: disturbi digestivi, pesantezza nell'ipocondrio destro, debolezza generale e altri segni di epatite C. Un allarme dovrebbe essere causato dal fatto che questi sintomi sono stati preceduti da manipolazioni cosmetiche e mediche. La malattia non viene trasmessa con mezzi domestici. Ma se c'è stato un contatto intimo e non protetto con una persona infetta, è necessario un esame del sangue per l'epatite C. La diagnostica di laboratorio comprende diversi tipi di test:

Analisi del sangue generale

È il più semplice e meno informativo. Le deviazioni non specifiche nell'analisi generale testimoniano solo indirettamente a favore dell'epatite e possono verificarsi con altre malattie. Un alto livello di leucociti (leucocitosi) insieme a una sedimentazione eritrocitaria accelerata (VES) è un segno di un processo infiammatorio attivo nel fegato. Nelle infezioni virali si osserva un aumento del peso specifico dei linfociti. Una riduzione del livello dei globuli rossi e dell'emoglobina è possibile con l'inibizione della funzione ematopoietica del fegato.

Analisi biochimiche (biochimica)

Qui sono importanti due indicatori: bilirubina e transaminasi. La bilirubina è un prodotto della scomposizione naturale dell'emoglobina. Normalmente, viene neutralizzato dal fegato e come parte della bile viene rimosso attraverso l'intestino. Con danni al fegato, il livello di bilirubina aumenta principalmente a causa della frazione libera (bilirubina indiretta), non associata all'acido glucuronico. Sebbene nel decorso cronico dell'epatite C, la bilirubina sia solo leggermente aumentata o addirittura rimanga entro l'intervallo normale.

Un indicatore altrettanto importante è transaminasi (AST, ALT), enzimi intracellulari. Con la distruzione degli epatociti, si trovano in grandi quantità nel sangue. Inoltre, nell'ambito dell'analisi biochimica, vengono studiati il ​​livello e il rapporto delle frazioni di proteine, grassi (trigliceridi). Rispetto all'analisi generale, la biochimica è più istruttiva. Ma in base ai cambiamenti nei parametri biochimici, non si può ritenere che il paziente abbia l'epatite C..

Saggio di immunosorbenti enzimatico (ELISA)

Ma questo è un esame del sangue specifico per l'epatite C. Come parte di questa analisi, vengono rilevati anticorpi contro il virus. E se ci sono anticorpi, allora c'è HCV. Gli anticorpi sono proteine ​​immunoglobuliniche che vengono rilasciate in risposta agli antigeni del virus dell'epatite C. L'interazione di antigeni e anticorpi porta alla formazione di complessi immunitari.

Affinché la reazione antigene-anticorpo sia evidente per la diagnosi, vengono utilizzati anticorpi marcati con enzimi. Da qui il nome dell'analisi. Di interesse pratico sono le immunoglobuline di classe M e G (IgM e IgG). Nella fase acuta dell'epatite C, viene rilasciata IgM. Nella maggior parte dei pazienti, la malattia diventa cronica dopo alcuni mesi.

In questo caso, le IgM scompaiono e viene rilevata la IgG. Pertanto, ELISA consente non solo di diagnosticare l'epatite C., ma anche di determinare lo stadio della malattia. Ma sulla base di ELISA è impossibile giudicare la gravità dell'epatite. Non è possibile determinare il genotipo del virus. Dopotutto, il virus stesso non viene rilevato, ma solo anticorpi ad esso.

PCR (reazione a catena della polimerasi)

L'analisi PCR per l'epatite C è la più complessa, ma la più affidabile. La sua essenza è la rilevazione dell'RNA del virus nel siero del sangue del paziente. Il principio della PCR è di riprodurre o amplificare ripetutamente sezioni dell'RNA del virus. Assomiglia alla replicazione naturale, ma solo in condizioni artificiali usando attrezzature costose.

Sono stati sviluppati tre tipi di analisi a seconda dello scopo del test..

1. PCR classica. Analisi qualitativa dell'epatite C. Qui viene determinato il fatto della presenza del virus. RNA HCV rilevato - l'uomo è malato, non rilevato - sano.

2. PCR quantitativa. Misura la carica virale - la concentrazione di particelle virali nel volume del sangue. Per questo, la PCR viene eseguita in tempo reale e viene determinato il numero di copie RNA generate. La carica virale è determinata in UI (unità internazionali) in 1 ml di siero di sangue:

  • Basso: meno di 3 x 104 UI ​​/ ml
  • Media: 3 x 104-8 x 105 UI / ml
  • Alto: più di 8 x 105 UI / ml.

Le norme degli indicatori quantitativi della PCR dipendono dalle apparecchiature utilizzate e possono variare a seconda dei laboratori. Ma in ogni caso, maggiore è il livello di carica virale, più difficile è la malattia e maggiore è il rischio di complicanze fatali.

3. Genotipizzazione. In questo studio, la PCR determina il genotipo e il sottotipo o il quasi-tipo di HCV. A seconda di ciò, viene prescritto un regime di trattamento. L'analisi del genotipo dell'epatite C viene effettuata mediante sequenziamento, quando viene determinata la sequenza dei nucleotidi nella catena dell'RNA virale.

Dove sottoporsi al test per l'epatite C?

Analisi generali, biochimica ed ELISA vengono effettuati in qualsiasi istituto medico. La PCR è possibile solo in grandi centri diagnostici e terapeutici in cui sono presenti attrezzature adeguate. I risultati diagnostici possono essere trovati dopo 3-5 giorni.

Cosa fare se l'analisi è positiva

Se viene rilevato un esame del sangue dell'epatite C, sono possibili due opzioni. La prima opzione è che la persona esaminata sia realmente infettata dal virus. La seconda opzione: un risultato falso positivo è associato ad errori diagnostici. Questo è più caratteristico di ELISA. Nel corso di questa analisi, a volte si sviluppano risposte immunitarie quando le immunoglobuline rispondono ad altri antigeni simili agli antigeni dell'HCV. Tra i motivi specifici:

  • Malattie autoimmuni
  • processi tumorali
  • tubercolosi
  • vaccinazione recente
  • raffreddori
  • infestazioni elmintiche
  • gravidanza.

Un risultato errato del test dell'epatite C può essere dovuto a una preparazione inadeguata. Il sangue per la ricerca viene somministrato al mattino a stomaco vuoto. L'ultimo pasto è consentito entro e non oltre 12 ore prima dello studio. Negli ultimi giorni, dovresti astenersi dal bere alcolici, mangiare troppo con l'uso di cibi grassi e fritti con spezie piccanti, spezie.

Se il risultato del test per l'epatite C è positivo, è necessaria la PCR. Se l'RNA del virus durante la PCR non viene rilevato e ELISA mostra la presenza di anticorpi, quindi, molto probabilmente, la risposta ELISA è falsa positiva.

L'eccezione viene trattata per l'epatite C. Non hanno virus, pertanto la PCR non rileverà l'RNA. Ma JgG rilasciato durante la malattia può ancora circolare nel sangue per molto tempo. L'affidabilità della PCR è massima, 98-99%. Ma non assoluto: nell'1-2% dei casi sono possibili errori. Pertanto, se si sospetta una risposta falsa dopo 3-4 mesi. è necessario ripetere ELISA e PCR.

Cosa fare se il risultato è negativo

Le opzioni sono anche possibili qui. Innanzitutto, l'argomento era sempre salutare. Il secondo - il paziente aveva l'epatite C, ma era completamente guarito, di nuovo sano e non ha bisogno di cure. Terzo: c'è un risultato falso negativo. In questo caso, una falsa analisi può anche essere causata da malattie concomitanti, preparazione e tecnica inadeguate. Ma ci sono ancora ragioni associate alla scadenza per la donazione di sangue.

Per IFA, il cosiddetto finestra diagnostica quando il virus è già presente nel corpo, ma gli anticorpi vengono prodotti in piccole quantità e non sono ancora stati rilevati. Per ELISA, la durata della finestra diagnostica è di 3-4 settimane. Ma in alcuni casi, questo periodo può durare fino a 6 mesi.

Se si sospetta un'analisi falsa negativa, è necessario passare alla PCR. Qui, l'RNA viene rilevato dopo 10-14 giorni e in alcuni casi 3-4 giorni dopo l'infezione. Pertanto, se ELISA non mostra la presenza di anticorpi e l'RNA del virus viene rilevato durante la PCR, il paziente è infetto. Va notato che all'inizio dell'epatite è possibile solo la PCR di alta qualità. La PCR quantitativa e la genotipizzazione saranno informative solo dopo 4-6 settimane. dopo l'infezione.

Quali test dovrebbero essere eseguiti durante il trattamento

Dall'analisi generale e biochimica del sangue, si può giudicare la dinamica del processo infiammatorio e come vengono ripristinati il ​​fegato e le sue funzioni. Ma il ruolo principale appartiene alla PCR. La PCR quantitativa viene eseguita a 1, 2, 3 e 4 settimane. trattamento. Modificando la carica virale, giudicano l'efficacia dei farmaci e il probabile esito della malattia. Se la carica virale si riduce rapidamente, questo è un segno favorevole, che indica una pronta guarigione..

Quali test eseguire dopo il trattamento

Il corso del trattamento per l'epatite C, a seconda della gravità e del genotipo virale, dura 12 o 24 settimane. Successivamente, è necessaria la PCR. Se un'analisi qualitativa della PCR non mostra la presenza di HCV RNA nel sangue, il paziente viene considerato guarito. Non è richiesto alcun trattamento specifico. Sono necessarie misure non specifiche volte a ripristinare il fegato..

Cosa trattare?

Per recuperare, è necessario distruggere completamente il virus. E poi i risultati dell'analisi PCR diventeranno negativi. Questo può essere fatto solo con agenti antivirali di ultima generazione. SoviHep D, Velakast, Ledifos - questi e altri farmaci sono prodotti da società indiane con licenza americana. Contengono Sofosbuvir con Daclatasvir, Velpatasvir o Ledipasvir. Tutti questi farmaci inibiscono la fase di riproduzione dell'HCV negli epatociti..

Solo una compressa al giorno per 12 o 24 settimane e il recupero avviene nel 95-99% dei casi con qualsiasi genotipo virale e forma della malattia. Le medicine indiane sono economiche. Qualsiasi paziente con un reddito medio può acquistare farmaci.

Ma le farmacie non li vendono. Puoi ottenere Sofosbuvir indiano da noi. MedFarma lavora come rappresentante ufficiale di aziende indiane. Ti aiuteremo a scegliere la medicina giusta e consegnarla al tuo indirizzo entro 3-5 giorni.

PCR per epatite C: un esame del sangue qualitativo e quantitativo e una trascrizione dei risultati

Fino agli anni '90, il termine "epatite né A né B con meccanismo di infezione parenterale" veniva utilizzato nella letteratura medica per determinare l'epatite infettiva C. Ma nel 1989, il virus dell'epatite C (l'abbreviazione - HCV) fu inizialmente isolato, ma metodi diagnostici affidabili, inclusa la PCR per l'epatite C, apparvero molto più tardi.

La reazione a catena della polimerasi (decodifica dell'abbreviazione PCR) al fine di rilevare l'infezione da HCV è uno dei componenti dello screening generale, che è obbligatorio per le persone e i pazienti con:

  • gravidanza (lo studio viene eseguito più volte - al momento della registrazione e nell'ultimo trimestre);
  • donazione di sangue e organi;
  • nei destinatari prima e dopo la trasfusione / trapianto;
  • lavoro associato ad un aumentato rischio di infezione;
  • pianificazione di interventi chirurgici e altre procedure invasive;
  • danno al fegato (l'analisi viene eseguita durante l'esame iniziale);
  • condurre procedure di emodialisi in corso;
  • HIV concomitante;
  • malattie oncologiche;
  • contatto con una persona infetta.

Lo screening è raccomandato per le persone che usano droghe, forniscono servizi sessuali e sono illeggibili nei rapporti sessuali. In questo caso, lo stesso esame deve essere passato ai loro conviventi o partner regolari. Il test HCV è obbligatorio per i bambini nati da madri infette..

L'agente causale stesso è un virus contenente RNA rivestito con una membrana lipidica. Per la traduzione del genoma, la regione "terminale", costituita da circa 340 subunità nucleotidiche, è "responsabile". La sua struttura strutturale è simile nel 90% dei diversi sottotipi di HCV. È lui il principale obiettivo dell'analisi dell'epatite C mediante PCR.

Inoltre, la composizione del genoma virale è rappresentata da siti nucleari (core) e non strutturali (NS). Il primo regola la replicazione dell'agente causale della malattia e la NS assicura la rapida penetrazione del virus in una cellula sana. Spesso nel sito NS E2, si nota la variabilità strutturale, il che spiega la mancanza di un'adeguata risposta immunitaria in alcuni pazienti, lo sviluppo latente della patologia e una tendenza al decorso cronico (fino all'80% dei casi).

A causa dell'ampia diffusione dell'epatite C, vengono eseguiti test gratuiti in molti centri clinici. La fornitura dei risultati della ricerca è un prerequisito per la progettazione del libro sanitario.

Oltre a confermare l'infezione da HCV, i moderni metodi diagnostici consentono di valutare la gravità del decorso della malattia e determinare il genotipo del virus. Ciò influenza il regime di trattamento (selezione di una combinazione di farmaci, il loro dosaggio, la durata della somministrazione) e la prognosi della patologia.

Quale esame del sangue per l'epatite C dovrebbe essere preso?

Un esame del sangue per l'epatite C può essere eseguito con diversi metodi, ognuno dei quali differisce nel contenuto e nell'affidabilità delle informazioni..

Tutti i metodi di studi diagnostici possono essere divisi in diversi gruppi:

  1. Sierologico, in grado di rilevare determinati anticorpi (immunoglobuline) prodotti nel corpo in risposta alla penetrazione di un agente patogeno, viene eseguito mediante ELISA o immunoblotting.
  2. Molecolare, finalizzato alla determinazione dell'RNA del virus dell'epatite C. I risultati dello studio dimostrano il carico virologico, sono spesso usati per monitorare l'efficacia della terapia e determinare il genotipo dell'HCV, che è importante per la selezione del trattamento farmacologico. Questo gruppo di test diagnostici include PCR, PCR con rilevazione di ibridazione-fluorescenza (metodo in tempo reale).
  3. La genotipizzazione è prescritta a tutti i pazienti, senza eccezioni, prima di assumere farmaci antivirali. È necessario pianificare la durata, a volte - per selezionare il dosaggio della terapia farmacologica.

Recentemente, sono state diffuse analisi per determinare il genotipo del paziente rispetto all'interleuchina IL28B. Secondo studi clinici, tale test consente di prevedere il tempo necessario per ottenere una risposta virologica stabile nei pazienti con genotipo HCV I durante il trattamento con inibitori della proteasi di prima generazione.

Al momento non ci sono problemi per donare il sangue per PCR o altri test per rilevare l'HCV. Un'analisi urgente può essere eseguita in un laboratorio a pagamento. Nei policlinici distrettuali e negli ospedali, gli studi vengono eseguiti in ordine di priorità (ad eccezione di indicazioni rigorose).

I pazienti spesso chiedono quale sia l'analisi della PCR per l'epatite C e in cosa differisce dagli altri metodi diagnostici? Questa tecnica consiste nel riprodurre più copie del DNA basate sull'RNA del virus. Questa è l'analisi più accurata per determinare il genotipo patogeno e il suo contenuto quantitativo sia nel siero del sangue che nella biopsia del tessuto epatico.

La diagnosi di infezione da HCV comporta una varietà di studi. Un esame del sangue biochimico non può mostrare l'infezione. La deviazione dei risultati (il livello di enzimi epatici, bilirubina, ecc.) Dai parametri fisiologici indica un malfunzionamento del fegato e il compito del medico è stabilire la causa di questo problema.

Per cominciare, superano una serie di semplici studi, tra cui:

  • esame del sangue generale (con infezione da HCV, è possibile un cambiamento nel livello di leucociti, emoglobina, numero di cellule del sangue e altri indicatori);
  • biochimica (aumento della concentrazione di enzimi epatici, bilirubina indica la gravità del danno epatico);
  • test per infezioni concomitanti (obbligatorio per l'HIV, a volte per alcune malattie a trasmissione sessuale).

Per valutare il quadro clinico generale, il medico fornisce indicazioni per l'analisi delle urine, l'esame ecografico degli organi interni, la radiografia o la radiografia del torace. Sono indicate altre procedure diagnostiche.

Quali test per l'epatite C devono essere eseguiti per determinare con precisione la diagnosi? Secondo le raccomandazioni dell'OMS, la diagnosi di HCV inizia con un ELISA sierologico (in presenza di deviazioni pronunciate in biochimica). Se questo test mostra un risultato positivo, è necessario un ulteriore esame del paziente. Oltre alla PCR e ai test clinici generali, viene prescritto HBS ag HCV. Alcuni farmaci antivirali possono provocare una esacerbazione dell'epatite B, quindi questa patologia deve essere esclusa prima di iniziare il trattamento.

Tipi di analisi PCR per l'epatite C: quantitativa, qualitativa e genotipizzazione

Il vantaggio principale della PCR nel determinare l'HCV è la possibilità di una diagnosi precoce (18-21 giorni dopo l'infezione). Il rilevamento dell'RNA del virus nel sangue ci consente di interpretare in modo inequivocabile i dati ELISA inconcludenti. Un risultato positivo è un'indicazione inequivocabile per ulteriori esami e prescrizioni terapeutiche e un risultato negativo (con deviazioni dalla norma dei test biochimici) - un'occasione per un riesame dopo 3-4 settimane.

Esistono diverse varietà di diagnostica PCR per HCV:

  1. Qualità. Cosa mostra un'analisi qualitativa della PCR per l'epatite C? Uno studio simile consente di determinare se una persona è infetta. Gli esperti raccomandano di trasformare il campione in un metodo ultrasensibile (con una suscettibilità dei sistemi di test di almeno 10-50 UI / ml). Decifrare i risultati è semplice: uno positivo indica un'infezione e una progressiva diffusione del virus nel corpo, uno negativo indica l'assenza di una malattia o una concentrazione trascurabile del patogeno (è possibile che il sistema immunitario umano affronti il ​​patogeno stesso).
  2. Quantitativa. L'analisi quantitativa dell'epatite C mediante PCR (in contrasto con un test qualitativo) consente di quantificare la carica virale, ovvero il livello di RNA dell'HCV in un'unità di volume del sangue. I risultati possono essere decifrati in base all'intervallo della norma e ai valori patologici, misurati in UI / ml. Una carica virale superiore a 75 UI / ml è considerata positiva. I test quantitativi saranno negativi a valori inferiori a 75 UI / ml.
  3. Genotipizzazione. Un'analisi simile viene fornita con una diagnosi consolidata di infezione da HCV per sviluppare un approccio individuale al paziente. Viene effettuato mediante sequenziamento e ibridazione inversa. La carica virale può variare nel corso della malattia, ma il genotipo rimane lo stesso..

Lo studio di vari metodi di PCR è mostrato nelle varie fasi della diagnosi e del trattamento dell'epatite C. Ripetizione quantitativa il più delle volte per controllare l'efficacia della terapia antivirale.

Indicazioni per lo studio

Le principali indicazioni per la donazione di sangue per l'epatite C sono:

  • gravidanza (è indicato lo screening di routine);
  • esame preventivo nelle persone a rischio (operatori sanitari, volontari nei centri di trattamento della droga);
  • HIV
  • contatto sessuale non protetto con una persona infetta;
  • rapporto sessuale illeggibile.

Data l'elevata prevalenza di epatite C, gli esperti raccomandano che ogni persona conduca uno studio preventivo. Esiste il rischio di infezione quando si visita uno studio dentistico, un salone di manicure / pedicure, dove trattano la sterilizzazione disonesta, ecc..

Un'indicazione rigorosa per l'analisi è la comparsa di sintomi caratteristici e non specifici dell'epatite C. I segni più comuni includono:

  • debolezza generale;
  • condizione subfebrile di lunga durata in assenza di altre infezioni;
  • scolorimento di feci e / o urina;
  • nausea.

Il giallo delle mucose e della copertura epidermica è raro. Nell'80% dei pazienti, la malattia è asintomatica da molto tempo, spesso diagnosticata per caso, durante una visita medica di routine.

Dove donare il sangue

Un'analisi dell'epatite C mediante PCR può essere eseguita in quasi tutti i laboratori o cliniche private della comunità. Durante il ricovero, viene effettuato un esame in un ospedale in un ospedale.

I vantaggi del centro di laboratorio sono:

  1. Non è necessario un rinvio da parte di un medico.
  2. Tempi di consegna brevi per lo studio. Quanto fa l'analisi, l'assistente di laboratorio dirà quando effettua un ordine. Di solito si tratta di 1-2 giorni. Alcuni laboratori forniscono servizi di ricerca urgenti a pagamento.
  3. Servizio (nessuna coda, comodo pagamento online, ricezione dei risultati via e-mail).
  4. La qualità dell'attrezzatura su cui viene condotto lo studio (per escludere l'analisi dei falsi positivi).

Tuttavia, è difficile determinare quale tipo di PCR è necessario senza prima consultare un medico. È anche impossibile interpretare i risultati da soli. Alcuni laboratori utilizzano scale diverse per misurare la carica virale, che può causare errori. Un test di reazione a catena della polimerasi è spesso parte di un esame completo, inclusi test di laboratorio e strumentali, che sono più economici da eseguire presso la clinica di polizza assicurativa sanitaria.

Come prendere

L'ignoranza delle regole su come donare il sangue può influenzare i risultati. Il materiale principale per la PCR è il siero. Uno studio sulla biopsia epatica è informativo, ma una procedura invasiva non è adatta per l'analisi di routine. Come donare il sangue correttamente?

Per ottenere risultati affidabili, osservare le seguenti raccomandazioni:

  1. Donano sangue rigorosamente a stomaco vuoto: i pasti sono esclusi 10-12 ore prima della procedura.
  2. 2-3 giorni prima dell'analisi, astenersi dal consumare alcol, cibi "pesanti" (grassi, fritti, salati, affumicati), condimenti.
  3. La mattina prima del test, puoi bere solo acqua (tè, caffè sono controindicati).
  4. Limitare l'attività fisica grave al giorno.
  5. 10 ore prima della procedura per astenersi dal fumare.

Il sangue viene prelevato da una vena.

È necessario consultare un medico e informare uno specialista se il paziente sta assumendo farmaci. Se possibile, dovresti sospendere l'uso di medicinali un giorno prima di donare il sangue.

Quanta analisi qualitativa e quantitativa viene eseguita?

Il periodo di tempo specifico per l'esecuzione dell'analisi dell'HCV mediante PCR dipende dal carico di lavoro del laboratorio e dalla disponibilità dell'attrezzatura diagnostica necessaria. Ad esempio, se il materiale viene trasportato da un punto di campionamento del sangue a un centro di laboratorio, la durata dello studio aumenterà.

Quanto viene eseguito il test dell'epatite C media? Nella maggior parte dei centri diagnostici, per lo studio sono fissate le seguenti date:

  • determinazione qualitativa del virus - 1–4 giorni;
  • rilevazione quantitativa della carica virale mediante PCR - 1-2 giorni;
  • genotipizzazione - 1–4 giorni.

Nelle cliniche, questo periodo può durare fino a 7-10 giorni. Quando si esegue uno studio in un centro di laboratorio privato, viene emessa una ricevuta con un codice con il quale è possibile scaricare i risultati. Di norma, quando è pronto, il paziente riceve un messaggio di notifica.

Decodifica PCR

I dati di laboratorio vengono inviati al paziente sotto forma di tabella, che indica necessariamente i seguenti parametri:

  • tipo di PCR (qualitativo, quantitativo o genotipizzazione);
  • quali risultati dell'analisi sono stati ottenuti;
  • valori di riferimento e interpretazione delle deviazioni dalla norma (questa colonna potrebbe non essere presente in tutte le forme per evitare diagnosi errate e successiva automedicazione).

Indicare anche la data del prelievo di sangue e l'emissione dei risultati, le coordinate e il sigillo del centro di laboratorio, il nome e la firma del medico che ha condotto lo studio.

La decrittografia, ovvero il significato del risultato, deve essere eseguita solo da un medico qualificato.

I dati che può mostrare uno studio mediante PCR sono riportati nella tabella seguente:

Gli indicatori dipendono in gran parte dalla sensibilità delle apparecchiature di laboratorio

  1. Negativo (nessun campione di RNA del virus gepatit C).
  2. Meno di 600 UI - basso carico virologico; prognosi favorevole per l'epatite C.
  3. 600-700 000 UI - carico virologico moderato, è necessario un trattamento, il paziente è contagioso con gli altri.
  4. Più di 700.000 UI - un carico virologico molto elevato, la prognosi è sfavorevole anche durante la terapia, è molto probabile che venga diagnosticata l'epatite cronica C.
Tipo di PCRDescrizione dei valori ottenuti
QualitàNel modulo indicare "rilevato" o "non trovato"
quantitativo
genotipizzazioneViene eseguito se viene rilevata la presenza del virus nel corpo. Il sottotipo identificato di HCV è mostrato nel modulo

La decifrazione dei risultati deve essere eseguita da uno specialista qualificato. Quindi, a volte sorgono situazioni in cui ELISA per l'epatite C è positiva e PCR è negativa. Esistono diversi motivi per questa discrepanza. Questo può essere un errore di laboratorio, quindi uno degli studi deve essere ripetuto dopo 2-3 settimane.

A volte tali risultati derivano da un'infezione acuta da HCV latente. ELISA determina la presenza di anticorpi, ma in realtà l'RNA del virus nel corpo è assente o non rilevato a causa di una concentrazione trascurabile. In ogni caso, un paziente con dati di ricerca simili necessita di ulteriori osservazioni e consultazione con un medico.

Analisi qualitativa

L'analisi qualitativa della PCR è un metodo relativamente rapido e più accurato di diagnosi primaria di epatite C. Secondo i risultati dello studio, è possibile determinare se una persona è infetta o meno e quindi condurre metodi di laboratorio più dettagliati. Un risultato falso negativo è probabile nei primi 14-21 giorni dopo l'infezione, quando la quantità di RNA del virus non è sufficiente per rilevare anche i sistemi di test altamente sensibili.

Un risultato falso positivo è possibile per colpa del personale di laboratorio. A volte tali dati vengono ottenuti durante la gravidanza, il decorso attivo del cancro e / o le malattie autoimmuni.

Per escludere la possibilità di una decrittazione errata, si consiglia di ripetere un'analisi qualitativa dopo 3-4 settimane.

Analisi quantitativa

La quantificazione della PCR per l'epatite C è di solito prescritta per determinare la viremia durante la terapia antivirale. Normalmente, con l'assunzione del farmaco, la carica virologica diminuisce gradualmente. L'obiettivo del trattamento è indicatori di ricerca negativi o minimamente accettabili.

L'interpretazione dei risultati dipende dalle unità utilizzate in laboratorio, quindi, di solito i dati ottenuti, i valori di riferimento e una descrizione delle deviazioni dalla norma sono indicati sul modulo.

È necessaria un'analisi quantitativa della PCR per valutare l'efficacia del trattamento, per selezionare un regime di trattamento (una combinazione di diversi farmaci antivirali), per determinare la durata del trattamento. Lo studio viene periodicamente condotto dopo la fine del ciclo di trattamento per la rilevazione tempestiva della ricaduta..

genotipizzazione

Uno dei principali studi che vengono condotti in fase diagnostica e sempre prima dell'inizio della terapia, poiché il genotipo è il principale fattore che influenza la selezione dei farmaci.

Ad oggi, sono noti 6 genotipi HCV (ognuno ha i suoi sottotipi), ma in Russia ed Europa, la stragrande maggioranza dei pazienti rivela:

  • 1b - uno dei più sfavorevoli in termini di prognosi, si trasforma rapidamente in una forma cronica, aggressivo nei confronti dei tessuti del fegato, difficile da trattare;
  • 4 - scarsamente "risponde" alla terapia, richiede un'attenta selezione del regime di farmaci;
  • 2a, 3a - si nota un trattamento efficace nel 70% dei casi e più spesso (quando si usano moderni farmaci antivirali).

I genotipi rimanenti vengono diagnosticati meno frequentemente. A differenza dell'analisi quantitativa, la genotipizzazione viene eseguita una volta e non viene ripetuta durante il trattamento (l'eccezione sono le forme resistenti di HCV che non sono suscettibili di terapia.

Vantaggi della diagnostica PCR

Nonostante il fatto che l'OMS raccomanda ELISA come metodo principale per rilevare l'infezione da HCV, i test PCR presentano una serie di "vantaggi":

  • alta precisione;
  • la possibilità di diagnosi primaria;
  • valutazione dell'efficacia del trattamento per determinare la carica virologica;
  • determinazione accurata del genotipo del virus, che determina le tattiche di ulteriore trattamento;
  • costo accessibile.

Esistono punti di prelievo del sangue per lo studio in qualsiasi città, il che facilita ulteriormente la diagnosi e rende disponibile la consegna dei test per ciascun paziente.

Quanto costa l'analisi

Il costo di un test PCR per l'epatite C dipende da una serie di fattori:

  1. La politica dei prezzi del centro di laboratorio e la sua posizione (ad esempio, a Mosca tali servizi sono più costosi).
  2. Varietà di ricerca (il prezzo dell'analisi qualitativa, quantitativa e della genotipizzazione è diverso).
  3. Scadenze (alcuni laboratori propongono di pagare un determinato importo per risultati urgenti).

Puoi scoprire quanto costa la PCR per l'epatite C telefonicamente o sul sito web del laboratorio.

Il prezzo medio in Russia è:

  • determinazione di alta qualità dell'RNA virale - 700-1000 rubli e fino a 3000 rubli utilizzando sistemi di test ultra sensibili;
  • genotipizzazione - 1000-1200 rubli (in combinazione con determinazione quantitativa - fino a 4000 rubli);
  • determinazione quantitativa della carica virologica - 2300-3000 rubli.

Nella clinica del luogo di residenza, tali studi sono condotti gratuitamente (se esiste una polizza assicurativa medica obbligatoria). Ma l'assistente di laboratorio deve mostrare la direzione del medico curante.