Tipi di PCR per epatite B e interpretazione dei risultati

Una reazione a catena della polimerasi è un tipo di analisi del sangue in grado di rilevare con precisione il virus dell'epatite B. Una caratteristica del metodo è che è in grado di mostrare l'HBV nelle prime fasi - già un mese dopo l'infezione, mentre l'antigene specifico nel paziente viene rilevato solo dopo 2 mesi. La PCR può rilevare non solo il normale virus del DNA, ma anche ceppi mutanti che nessun'altra analisi può vedere.

Quando si decodifica la PCR per l'epatite B, i risultati vengono confrontati con i valori standard. Sulla base di questo, si traggono conclusioni sulla presenza della malattia (risultato positivo), sulla concentrazione del virus (attività) o sull'assenza della malattia (risultato negativo). L'elaborazione dei dati richiede 2 settimane.

Tipi di PCR per epatite virale B

Esistono 2 tipi di diagnostica prescritti per l'epatite B. La PCR di alta qualità consente di dire con precisione al 100% se l'HBV è presente nel sangue o meno. La PCR quantitativa mostra l'attività del virus, ovvero quanti frammenti di DNA dell'HBV sono contenuti in 1 ml di sangue.

PCR di alta qualità e sua interpretazione

Un esame del sangue per l'epatite B mediante PCR può rilevare solo la presenza di frammenti di DNA. È prescritto nel caso in cui il paziente sospetti un'infezione da HBV (HBV) o quando altri metodi diagnostici, ad esempio i test sierologici, non danno una risposta chiara. Decifrare i risultati quando si esegue un'analisi qualitativa è molto semplice:

  • risultato negativo - non c'è virus;
  • positivo - virus rilevato.

L'obiettivo della PCR di alta qualità è confermare o negare la presenza del virus dell'epatite B, nonché condurre una diagnosi precoce. Se viene rilevato HBV entro 1-2 settimane dopo l'infezione, il trattamento diventerà più efficace. Con lo sviluppo attivo dell'HBV per 2 o più mesi, la malattia diventa cronica e non può essere completamente curata.

Nel caso in cui la PCR di alta qualità per l'epatite indichi la presenza del virus, il passo successivo è condurre una diagnosi quantitativa.

PCR quantitativa

Per prescrivere un trattamento efficace o valutare i risultati della terapia, semplicemente sapere che il paziente ha HBV non è sufficiente. È necessario quantificare il valore del DNA del virus dell'epatite B in 1 ml di sangue, ovvero la carica virale sul corpo. Questo tipo di PCR per l'epatite B viene eseguita nei seguenti casi:

  1. Prima di prescrivere il trattamento.
  2. Per valutare l'efficacia della terapia.
  3. Per determinare lo sviluppo della resistenza del virus ai farmaci.
  4. Per determinare lo stadio in cui si trova la malattia.

Le unità del virus sono unità internazionali (UI / ml) o il numero di copie di DNA / ml, ovvero il numero di frammenti di DNA per 1 ml di sangue. Il rapporto tra le due unità dipende dal sistema di test selezionato e varia da 2 a 7 copie / ml in 1 UI / ml. Se il sistema è sconosciuto, per la conversione viene utilizzato il valore medio:

1 UI / ml = 5 copie / ml

Se viene eseguita immediatamente un'analisi quantitativa, la norma limite per la diagnosi della malattia è di 75 UI / ml. Con un risultato sopra questo indicatore, viene fatta una diagnosi di HBV, sotto - HBV non viene rilevato.

Interpretazione della PCR quantitativa

Con l'epatite B, i seguenti valori della carica virale (viremia), copie / ml, appaiono come norme PCR:

  • 10 ^ 5 copie / ml. Quando, con alta attività virale, si osserva un aumento del livello di ALT più di 2 volte in sei mesi, viene immediatamente prescritta una terapia antivirale.

Per scoprire come si comporterà l'epatite del DNA in termini di cronizzazione, ovvero la transizione da una forma cronica da acuta, vengono utilizzati anche i risultati della diagnostica PCR:

  • HBV DNA 2 x 10 ^ 6 copie / ml significa che l'acquisizione di una forma cronica della malattia è inevitabile.

Preparazione all'esame

Per determinare la presenza di HBV mediante PCR, viene eseguito un esame del sangue da una vena. La procedura viene sempre eseguita rigorosamente a stomaco vuoto ed è meglio andare in laboratorio al mattino quando il tempo di riposo naturale dal cibo è di 8 ore. Affinché i risultati dell'esame siano corretti, è necessario sapere in anticipo come preparare correttamente il viaggio in clinica. I passaggi aggiuntivi sono i seguenti:

  1. Rifiuto di cibi grassi, fumo, alcol e sport 12 ore prima della procedura.
  2. Riposare per 20 minuti immediatamente prima della donazione di sangue.
  3. Prima di iniziare la procedura, è necessario avvertire l'infermiera dei farmaci assunti.

Attenzione! Se la diagnosi viene eseguita per un bambino di età inferiore a 5 anni, quindi mezz'ora prima della procedura, è necessario berlo in acqua bollita in 1 bicchiere ogni 10 minuti.

Riassumere

Oggi, la diagnostica PCR per la rilevazione dell'epatite B è il metodo più accurato. Il metodo consente di vedere le forme nascoste e mutate della malattia, identificare la malattia nelle prime settimane dopo l'infezione e, di conseguenza, condurre un trattamento efficace. A seconda della situazione, viene eseguita una PCR qualitativa o quantitativa, che ha lo scopo di identificare HBV e stabilirne l'attività. Per essere esaminato, è necessario contattare un virologo, uno specialista in malattie infettive o un epatologo.

PCR per epatite C

PCR - una moderna diagnosi di epatite C

L'epatite virale C è una delle malattie più "insidiose" del fegato. Per lungo tempo, è asintomatico, il che porta a un processo cronico (nell'80%). Nella maggior parte dei casi, termina con la fibrosi epatica, che scorre nella cirrosi o in un tumore dell'organo.

Di particolare importanza sono i metodi di diagnosi precoce della malattia. La reazione a catena della polimerasi (PCR) consente di diagnosticare alcuni giorni dopo l'infezione.

Brevemente sull'epatite virale C

Patogeno - RNA contenente un virus che ha diversi sottotipi. Penetra nel corpo umano attraverso il sangue: sessualmente, attraverso trasfusioni di sangue, iniezione e altre procedure mediche invasive.

La forma acuta della malattia non ha sintomi significativi. A volte c'è una gravità nell'ipocondrio destro, che la maggior parte dei pazienti non nota.

La forma cronica porta a una violazione di tutte le funzioni epatiche: intossicazione, dolore addominale, ittero, dolori articolari e molti altri. A questo punto, il processo diventa irreversibile..

Spesso l'epatite cronica C diventa il precursore della degenerazione maligna del tessuto epatico.

L'essenza del metodo PCR

Con la PCR, l'RNA virale viene determinato 5 giorni dopo l'infezione. Durante questo periodo, la risposta immunitaria non è stata ancora lanciata, i risultati di un test sierologico saranno negativi, i sintomi clinici sono completamente assenti.

È la diagnostica PCR che rende possibile fare una diagnosi in una fase precoce della malattia, quando un trattamento adeguato migliora significativamente la prognosi per il paziente. Esistono due tipi di PCR: qualitativa e quantitativa.

Tecnica di qualità

Rileva materiale genetico del virus dell'epatite C in una quantità minima. Il risultato è di due tipi:

  1. "Scoperto" - una reazione positiva, che indica la presenza di una malattia nell'uomo.
  2. "Not Detected" - un'analisi negativa, che indica l'assenza di infezione o la presenza del virus in quantità così piccole che non vengono riparate con questo metodo. Ciò non dà una probabilità del 100% che il paziente non abbia l'epatite virale C..

Il sangue viene spesso utilizzato per l'analisi, ma sono adatti anche saliva, liquido seminale e altri fluidi biologici..

PCR per epatite C

Tecnica quantitativa

Questo è un metodo più complesso e costoso, che viene eseguito secondo determinate indicazioni:

  1. Conferma della diagnosi con PCR qualitativa positiva e rilevazione di anticorpi specifici.
  2. In caso di patologia virale combinata (il virus dell'epatite C spesso "confina" con l'epatite B trasmessa allo stesso modo).
  3. Monitoraggio dell'efficacia della terapia. Per fare questo, scopri il livello di viremia prima del trattamento, quindi a 4, 12, 24 settimane di terapia. Se a 12 settimane il livello del virus non diminuisce di due unità logaritmiche, il farmaco viene selezionato in modo errato.
  4. Diagnosi della transizione da acuta a cronica.

Il numero di unità virali viene calcolato per volume unitario del fluido di prova (di solito 1 ml). Il risultato è espresso in UI / ml o il numero di copie dell'RNA del virus in 1 ml.

Mostra l'intensità della carica virale sul corpo. Maggiore è questo valore, maggiore è la probabilità di trasmettere il virus ad altre persone. La gravità del danno epatico non dipende dal livello di viremia. Per questo, ci sono numerosi, i cosiddetti test epatici..

Preparazione allo studio

La maggior parte delle analisi di falsi negativi deriva dalla non conformità con la tecnologia di analisi. Per evitare ciò, è necessario osservare le seguenti regole:

  1. Escludere completamente i contaminanti dall'ingresso nel biomateriale (condizioni di sterilità assoluta).
  2. La concentrazione minima di eparina nel sangue, utilizzata per prevenire la coagulazione o prescritta al paziente a fini terapeutici, influenza il risultato della PCR. È importante chiarire in anticipo questo problema con il paziente..
  3. Prevenire eventuali sostanze provenienti dall'ambiente che neutralizzano gli enzimi nei sistemi di test PCR.

Tutti questi requisiti si riferiscono alle attività degli assistenti di laboratorio e dei medici. Il paziente non ha bisogno di prepararsi appositamente. Di solito donano sangue a stomaco vuoto, escludono l'alcool.

Vantaggi della PCR

In un esame completo per l'epatite C, la reazione a catena della polimerasi è in primo luogo a causa di una serie di vantaggi:

  1. Isolamento diretto dell'agente patogeno con la capacità di identificare il suo sottotipo. In altri casi (reazioni sierologiche), viene esaminata la risposta del sistema immunitario al virus..
  2. Alta specificità della tecnica. La probabilità di ottenere risultati falsi positivi o falsi negativi è ridotta al minimo (principalmente in caso di violazione della tecnologia dello studio).
  3. Alta sensibilità. La maggior parte dei laboratori e dei sistemi di test fornisce una sensibilità di almeno 50 UI / ml. Esiste una PCR ultra in cui questa cifra è di 10 UI / ml. Ciò significa che il virus dell'epatite C può essere rilevato nei primi giorni dell'infezione..
  4. Universalità. Con la PCR, diversi agenti patogeni dell'epatite vengono rilevati immediatamente, se presenti.

IMPORTANTE! I virus con elevata variabilità del genotipo (epatite C, influenza) "confondono" il sistema immunitario, il che porta a indicatori sfocati di test sierologici (rilevazione di anticorpi specifici). Solo la PCR fornisce una risposta accurata sulla presenza del genotipo patogeno nel corpo.

Interpretazione dei risultati

La PCR per l'epatite C viene solitamente eseguita dopo test sierologici per gli anticorpi. Il più difficile per i pazienti è l'interpretazione della versione quantitativa del metodo. Proviamo a capirlo..

Se il risultato è presentato in UI / ml, i risultati sono descritti come segue (i dati si riferiscono alle apparecchiature e ai sistemi di prova russi):

La quantità di RNA viraleInterpretazione
Non rilevatiNorma (in assenza di altri segni clinici o di laboratorio) o la quantità di virus al di sotto della soglia di sensibilità di questo metodo
Meno di 1,5 x 10 3Il numero è "sotto l'intervallo lineare", che significa la presenza di un agente patogeno nel corpo, ma senza la possibilità di una descrizione quantitativa della carica virale
Meno di 4 x 10 6RNA virale rilevato, viremia bassa (la prognosi è favorevole)
Più di 4 x 10 6RNA virale rilevato, viremia alta
Più di 2 x 10 8La concentrazione è elevata, al di sopra dell'intervallo lineare, il che significa una carica virale molto elevata, che non è descritta dai moderni strumenti di misurazione (prognosi sfavorevole).

La tabella mostra l'opzione di interpretazione per una sola versione dei sistemi di test russi. Ogni laboratorio può utilizzare la propria attrezzatura, dando una differenza di valori. Di solito, il risultato viene emesso con una decodifica pronta o indicando i limiti dei valori normali.

Caratteristiche dell'interpretazione della PCR

I tempi di inizio del trattamento dipendono dalla corretta interpretazione dei risultati dell'analisi, che nel caso dell'epatite C è vitale per il paziente.

Esistono diversi fattori che influenzano la decodifica dei risultati dell'analisi:

  • La qualità dell'attrezzatura e la sensibilità dei sistemi di prova. Ad oggi, il più comune test Cobas Ampicolor HCV e RealBest HCV RNA. La loro sensibilità non è inferiore a 50 UI / ml. Ciò significa che se il virus è presente in una concentrazione inferiore (ad esempio, nei primi giorni di infezione), il risultato dello studio sarà negativo e la malattia progredirà senza trattamento. Più recentemente sono comparsi sistemi diagnostici ultra sensibili (almeno 10 UI / ml). Migliorano significativamente la qualità della diagnosi. Il costo di tale PCR varia ampiamente - da 1800 a 10 mila rubli, a seconda del laboratorio.
  • La diagnosi finale viene fatta solo dopo tre diversi studi sul fluido biologico. Se il risultato è negativo per tre volte, allora non c'è virus dell'epatite C nel corpo del paziente.
  • Per un trattamento efficace, è necessario non solo confermare il fatto dell'infezione da virus, ma anche determinarne il sottotipo: 1a, 1c, 2a, 2c, 2c, 3, 4, 5a, 6.
  • I risultati sono valutati in due unità: ME / ml e il numero di copie di RNA / ml. I loro numeri differiscono esattamente 4 volte, ciò che devi ricordare quando ricevi i risultati dell'analisi a portata di mano.

L'interpretazione della reazione di PCR all'epatite virale C deve essere eseguita da specialisti. Il medico comprende gli indicatori quantitativi e può confrontare la corrispondenza dei risultati di laboratorio con il quadro clinico.

A volte ci sono opzioni di test falsi positivi o falsi negativi e solo un esame completo del paziente consente di "non perdere" questa malattia epatica più grave.

Studi sul virus dell'epatite B (ELISA e PCR)

Antigene "s" del virus dell'epatite B (HBsAg)

L'antigene di superficie dell'epatite B sierica è normalmente assente.
Il rilevamento dell'antigene di superficie dell'epatite B sierica (HBsAg) conferma l'infezione acuta o cronica con il virus dell'epatite B.

Nella malattia acuta, HBsAg viene rilevato nel siero del sangue nelle ultime 1-2 settimane del periodo di incubazione e nelle prime 2-3 settimane del periodo clinico. La circolazione di HBsAg nel sangue può essere limitata a diversi giorni, quindi è necessario impegnarsi per un esame iniziale precoce dei pazienti. Il metodo ELISA è in grado di rilevare HBsAg in oltre il 90% dei pazienti. In quasi il 5% dei pazienti, i metodi di ricerca più sensibili non rilevano l'HBsAg, in questi casi l'eziologia dell'epatite virale B è confermata dalla presenza di anti-HBcAg JgM o PCR.

La concentrazione di HBsAg nel siero per tutte le forme di gravità dell'epatite B all'altezza della malattia presenta una serie significativa di fluttuazioni, tuttavia esiste un certo schema: nel periodo acuto, esiste una relazione inversa tra la concentrazione di HBsAg nel siero e la gravità della malattia.

Un'alta concentrazione di HBsAg è più spesso osservata nelle forme lievi e moderate della malattia. Nelle forme gravi e maligne, la concentrazione di HBsAg nel sangue è spesso bassa e nel 20% dei pazienti con una forma grave e nel 30% con un antigene maligno, l'antigene del sangue potrebbe non essere rilevato affatto. La comparsa di anticorpi contro HBsAg in pazienti con questo background è considerata come un segno diagnostico sfavorevole; è determinato in forme maligne di epatite B.

Nel decorso acuto dell'epatite B, la concentrazione di HBsAg nel sangue diminuisce gradualmente fino a quando questo antigene scompare completamente. L'HBsAg scompare nella maggior parte dei pazienti entro 3 mesi dall'inizio dell'infezione acuta.

Una riduzione della concentrazione di HBsAg di oltre il 50% entro la fine della terza settimana del periodo acuto, di norma, indica il quasi completamento del processo di infezione. In genere, nei pazienti con un'alta concentrazione di HBsAg all'altezza della malattia, viene rilevato nel sangue per diversi mesi.
Nei pazienti a bassa concentrazione, l'HBsAg scompare molto prima (a volte diversi giorni dopo l'insorgenza della malattia). In generale, il periodo di rilevazione per HBsAg varia da pochi giorni a 4-5 mesi. Il periodo massimo di rilevazione dell'HBsAg con un decorso regolare dell'epatite B acuta non supera i 6 mesi dall'inizio della malattia.

L'HBsAg può essere rilevato in soggetti sani, generalmente in studi profilattici o casuali. In tali casi, vengono esaminati altri marcatori dell'epatite virale B: vengono studiati anti HBcAg JgM, anti HBcAg JgG, anti HBeAg e funzionalità epatica.

Se negativo, ripetere il test HBsAg..
Se ripetuti esami del sangue per più di 3 mesi rivelano HBsAg, questo paziente è considerato un paziente con epatite B virale cronica.
La presenza di HBsAg è un evento abbastanza comune. Ci sono più di 300 milioni di corrieri nel mondo e circa 10 milioni di corrieri nel nostro paese.
La cessazione della circolazione dell'HBsAg seguita dalla sieroconversione (la formazione di anti-HBs) indica sempre il recupero - la riorganizzazione del corpo.

Un esame del sangue per la presenza di HBsAg viene utilizzato per i seguenti scopi:

per la diagnosi di epatite acuta B:

  • periodo di incubazione;
  • periodo acuto della malattia;
  • stadio iniziale di convalescenza;

per la diagnosi di epatite virale cronica B;

per le malattie:

  • epatite cronica persistente;
  • cirrosi epatica;

per lo screening e l'identificazione dei pazienti a rischio:

  • pazienti con trasfusioni di sangue frequenti;
  • pazienti con insufficienza renale cronica;
  • pazienti con emodialisi multipla;
  • pazienti con condizioni di immunodeficienza, incluso l'AIDS.

Valutazione dei risultati dello studio

I risultati dello studio sono espressi qualitativamente - positivi o negativi. Un risultato negativo del test indica l'assenza di HBsAg sierico. Un risultato positivo: il rilevamento di HBsAg indica un'incubazione o un periodo acuto di epatite virale acuta B, così come l'epatite virale cronica B.

Anticorpi dell'antigene nucleare del virus dell'epatite B JgG (anti-HBcAg JgG)

Il normale anti-HBcAg JgG nel siero è assente.
Nei pazienti, l'anti-HBcAg JgG appare nel periodo acuto dell'epatite virale B e persiste per tutta la vita. Anti-HBcAg JgG - un marcatore principale di HBV.

Un esame del sangue per la presenza di anti-HBcAg JgG viene utilizzato per diagnosticare:

  • epatite virale cronica B in presenza di antigene HBs sierico;
  • epatite trasferita B.
  • Valutazione dei risultati dello studio

    Il risultato dello studio è espresso qualitativamente - positivo o negativo. Un risultato negativo del test indica l'assenza di siero anti-HBcAg JgG. Un risultato positivo: il rilevamento di anti-HBcAg JgG indica infezione acuta, convalescenza o epatite virale B precedentemente trasmessa.

    Antigene del virus dell'epatite B "e" (HBeAg)

    HBeAg normale nel siero è assente.
    L'HBeAg si trova nel siero del sangue della maggior parte dei pazienti con epatite virale acuta B. Di solito scompare nel sangue prima dell'antigene HBs. Un alto livello di HBeAg nelle prime settimane della malattia o il rilevamento di esso per più di 8 settimane dà motivo di sospettare un'infezione cronica.

    Questo antigene si trova spesso nell'epatite cronica attiva dell'eziologia virale. Di particolare interesse nella determinazione dell'HBeAg è il fatto che il suo rilevamento caratterizza la fase replicativa attiva del processo di infezione. È stato scoperto che alte concentrazioni di HBeAg corrispondono ad alta attività di DNA polimerasi e caratterizzano la replicazione attiva del virus.

    La presenza di HBeAg nel sangue indica la sua alta infettività, ad es. la presenza di infezione da epatite B attiva nel corpo del soggetto e viene rilevata solo se nel sangue è presente l'antigene HBs. Nei pazienti con epatite cronica attiva, i farmaci antivirali vengono utilizzati solo quando viene rilevato HBeAg nel sangue. HBeAg - antigene - un marker della fase acuta e replicazione del virus dell'epatite B..

    Un esame del sangue per la presenza dell'antigene HBe viene utilizzato per diagnosticare:

  • periodo di incubazione dell'epatite virale B;
  • periodo prodromico dell'epatite virale B;
  • periodo acuto di epatite virale B;
  • epatite virale cronica persistente B.
  • Valutazione dei risultati dello studio

    Il risultato dello studio è espresso qualitativamente - positivo o negativo. Un risultato negativo del test indica l'assenza di HBeAg nel siero. Un risultato positivo: il rilevamento di HBeAg indica un'incubazione o un periodo acuto di epatite virale acuta B o una replicazione in corso del virus e l'infettività del paziente.

    Anticorpi dell'antigene del virus dell'epatite B “e” (anti-HBeAg)

    L'anti-HBeAg nel siero è normalmente assente. La comparsa di anticorpi anti-HBeAg di solito indica un'eliminazione intensiva del virus dell'epatite B dal corpo e una leggera infezione del paziente.

    Questi anticorpi compaiono nel periodo acuto e durano fino a 5 anni dopo l'infezione. Nell'epatite cronica persistente, anti-HBeAg si trovano nel sangue del paziente insieme a HBsAg. Seroconversione, ad es. la transizione da HBeAg a anti-HBeAg, con epatite cronica attiva, è spesso prognosticamente favorevole, ma la stessa sieroconversione con una pronunciata trasformazione cirrotica del fegato non migliora la prognosi.

    Un esame del sangue per la presenza di anti-HBeAg viene utilizzato nei seguenti casi nella diagnosi di epatite virale B:

  • stabilire la fase iniziale della malattia;
  • periodo acuto di infezione;
  • stadio iniziale di convalescenza;
  • convalescenza;
  • fase avanzata di convalescenza.
  • diagnosi di epatite virale B recentemente trasferita;
  • diagnosi di epatite virale cronica persistente B.
  • Valutazione dei risultati dello studio

    Il risultato dello studio è espresso qualitativamente - positivo o negativo. Un risultato negativo del test indica l'assenza di anticorpi anti-HBeAg nel siero. Un risultato positivo è la rilevazione di anticorpi anti-HBeAg, che possono indicare lo stadio iniziale dell'epatite virale acuta B, un periodo acuto di infezione, uno stadio iniziale di convalescenza, convalescenza, epatite virale recente B o epatite virale persistente B.

    I criteri per la presenza di epatite B cronica sono:

  • rilevazione o rilevazione periodica del DNA dell'HBV nel sangue;
  • un aumento costante o periodico dell'attività ALT / AST nel sangue;
  • segni morfologici di epatite cronica nell'esame istologico della biopsia epatica.
  • Rilevazione del virus dell'epatite B mediante PCR (qualitativamente)

    Il virus dell'epatite B nel sangue è normalmente assente.
    La determinazione qualitativa del virus dell'epatite B mediante PCR nel sangue consente di confermare la presenza del virus nel corpo del paziente e quindi di stabilire l'eziologia della malattia.

    Questo studio fornisce informazioni utili per la diagnosi di epatite virale acuta B nell'incubazione e nel periodo iniziale della malattia, quando i principali marcatori sierologici nel sangue del paziente possono essere assenti. Il DNA virale nel siero viene rilevato nel 50% dei pazienti in assenza di HBeAg. La sensibilità analitica del metodo PCR è di almeno 80 particelle virali in 5 μl, che ha superato la rilevazione del DNA del campione, specificità - 98%.

    Questo metodo è importante per la diagnosi e il monitoraggio dell'HBV cronico. Circa il 5-10% dei casi di cirrosi e altre malattie epatiche croniche sono causati dal trasporto cronico del virus dell'epatite B. Marcatori dell'attività di tali malattie sono la presenza di HBeAg e DNA dell'epatite B nel sangue.

    Il metodo PCR consente la determinazione del DNA del virus dell'epatite B nel sangue sia qualitativamente che quantitativamente. Il frammento identificabile in entrambi i casi è l'esclusiva sequenza di DNA del gene della proteina strutturale del virus dell'epatite B..

    La rilevazione del DNA del virus dell'epatite B nel biomateriale mediante PCR è necessaria per:

  • risolvere risultati dubbi di studi sierologici;
  • identificazione dello stadio acuto della malattia rispetto all'infezione o al contatto;
  • monitorare l'efficacia del trattamento antivirale.
  • La scomparsa del DNA del virus dell'epatite B dal sangue è un segno dell'efficacia della terapia

    Rilevazione del virus dell'epatite B mediante PCR (quantitativamente)

    Questo metodo fornisce informazioni importanti sull'intensità dello sviluppo della malattia, sull'efficacia del trattamento e sullo sviluppo della resistenza ai farmaci attivi..
    Per la diagnosi di epatite virale mediante PCR nel siero del sangue, vengono utilizzati sistemi di test la cui sensibilità è di 50-100 copie nel campione, che consente di rilevare il virus ad una concentrazione di 5 X 10 ^ 3 -10 ^ 4 copie / ml. La PCR per l'epatite virale B è certamente necessaria per giudicare la replicazione virale.

    Il DNA virale nel siero viene rilevato nel 50% dei pazienti in assenza di HBeAg. Il materiale per la rilevazione del DNA del virus dell'epatite B può essere siero di sangue, linfociti, epatobioptati.

    • La valutazione del livello di viremia è la seguente:
    • meno di 2,10 ^ 5 copie / ml (meno di 2,10 ^ 5 UI / ml) - bassa viremia;
    • da 2,10 ^ 5 copie / ml (2,10 ^ 5 UI / ml) a 2,10 ^ 6 copie / ml (8,10 ^ 5 UI / ml) - viremia media;
    • più di 2,10 ^ 6 copie / ml - alta viremia.

    Esiste una relazione tra l'esito dell'epatite virale acuta B e la concentrazione del DNA dell'HBV nel sangue del paziente. Con un basso livello di viremia, il processo di infezione cronica è vicino allo zero, con una media - si osserva una cronicità del processo nel 25-30% dei pazienti e con un alto livello di viremia, l'epatite virale acuta B diventa spesso cronica.

    Le indicazioni per il trattamento dell'HBV cronico con interferone alfa devono essere considerate la presenza di marcatori di replicazione attiva del virus (rilevazione di HBsAg, HBeAg e HBV DNA nel siero nei 6 mesi precedenti)..

    I criteri per valutare l'efficacia del trattamento sono la scomparsa dell'HBeAg e dell'HBV DNA nel sangue, che di solito è accompagnata dalla normalizzazione delle transaminasi e dalla remissione a lungo termine della malattia, l'HBV DNA scompare dal sangue entro il 5 ° mese di trattamento nel 60%, entro il 9 ° mese - nell'80% dei pazienti. Una diminuzione del livello di viremia dell'85% o più entro il terzo giorno dall'inizio del trattamento rispetto a quello iniziale serve come criterio rapido e abbastanza accurato per prevedere l'efficacia della terapia.

    Analisi PCR per epatite C

    L'epatite C è una malattia grave che distrugge il fegato. Può portare alla cirrosi. Tra l'inizio della malattia e il momento in cui gli anticorpi iniziano a essere prodotti, possono essere necessari fino a sei mesi, quindi è impossibile diagnosticare la malattia utilizzando un dosaggio di immunosorbenti enzimatico. Un'analisi tempestiva della malattia e l'inizio del trattamento aiuteranno l'analisi della PCR per l'epatite C..

    Indicazioni per lo studio

    Quando è necessario passare un'analisi:

    • se il test immunoenzimatico ha dato un risultato positivo;
    • il paziente ha sintomi di cirrosi o danni al fegato: cambia di dimensioni, la milza diventa più grande, le vene dilatate sono visibili nell'addome, la pelle diventa gialla, i dolori si osservano nella parte destra dell'addome;
    • l'attività di ALT e AST nell'analisi del sangue è aumentata;
    • prima di iniziare il trattamento, al fine di determinare la quantità di virus nel sangue di una persona infetta;
    • per vedere quanto è stata efficace la terapia. Dopo il trattamento - per monitorare la tua salute ed evitare le ricadute;
    • se viene diagnosticata l'epatite B per escludere un danno epatico misto;
    • dopo un rapporto con una persona infetta da epatite.

    Obiettivi del sondaggio

    Lo scopo della PCR (o reazione a catena della polimerasi) è studiare la composizione del sangue e rilevare flavivirus (epatite C). Un vantaggio significativo di questa analisi è che riconosce il virus nella fase in cui non ha ancora iniziato il processo di reazioni irreversibili. La PCR ti consente di vedere quanto è gravemente colpito il corpo, mostra caratteristiche qualitative e determina il genotipo del virus. Tutto ciò consente di prescrivere il trattamento più appropriato per ciascun caso specifico..

    Varietà di analisi

    La PCR per la rilevazione dell'epatite C prevede diversi studi:

    • analisi qualitativa;
    • analisi quantitativa;
    • genotipizzazione.

    Analisi qualitativa

    La PCR è anche chiamata analisi qualitativa. Se mostra un risultato negativo, è impossibile riconoscere il virus nel corpo, poiché il suo contenuto è inferiore a quello che l'attrezzatura può catturare. In tale situazione, è necessario determinare la sensibilità del reagente al fine di regolare l'ulteriore soluzione..

    L'analisi può mostrare un risultato positivo in circa cinque giorni dopo l'infezione della persona.

    Analisi quantitativa

    Questo tipo di studio di analisi dimostra il livello di carica virale, ovvero la concentrazione di flavivirus nel corpo - quanti frammenti del virus sono per 1 cm cubo di sangue del paziente.

    Questo tipo di analisi PCR viene prescritto al paziente prima di iniziare la terapia antivirale, o dopo tre mesi di trattamento, per vedere l'efficacia del decorso prescritto..

    Questo tipo di analisi mostra:

    • quanto è grande il pericolo di infettare un'altra persona, questa probabilità è direttamente proporzionale alle indicazioni della carica virale;
    • quale trattamento è adatto in questo caso e quanto sarà fruttuoso;
    • durata del trattamento: maggiore è la concentrazione di virus, più lunga sarà la terapia.

    Il paziente deve sapere che la gravità della malattia potrebbe non dipendere dal livello di carica virale. A volte, anche con un'alta concentrazione di virus nel sangue del paziente, il fegato è solo leggermente danneggiato. Tuttavia, se una donna incinta ha un alto livello di carica virale, è probabile che trasmetta la malattia a suo figlio.

    Si ritiene che la norma più bassa della concentrazione del virus RNA sia fino a 600.000 UI / ml, la media sia da 600.000 a 700.000, il massimo sia da 800.000 e superiore.

    genotipizzazione

    A causa del fatto che questo virus è suscettibile ad alte mutazioni, è molto importante determinare quale genotipo è nel sangue di una persona durante lo studio. In totale, ci sono 11 genotipi di epatite C e molte delle loro sottospecie. Ma in Russia solo tre sono comuni: 1, 2 e 3.

    La genotipizzazione consente di determinare la resistenza del virus. Il metodo di trattamento dipende da questo..

    Tutti i genotipi dell'epatite C rispondono in modo diverso al trattamento. 1 genotipo viene trattato per almeno un anno e la possibilità di recupero è di circa il 60%. I genotipi 2 e 3 vengono trattati per sei mesi e la probabilità di sbarazzarsi della malattia è di circa l'85%.

    Inoltre, la genotipizzazione consente di vedere in quali condizioni si trova il fegato del paziente. Ad esempio, l'accumulo di grasso nel fegato indica che il paziente soffre di 3 genotipi del virus.

    Un esame del sangue in questa fase mostra una figura che caratterizza il genotipo. Occasionalmente, non è possibile determinare il genotipo e le risposte del laboratorio indicano "non digitato". Ciò significa che una persona soffre di un genotipo non comune in questa area geografica. Per rilevarlo, dovrai passare di nuovo l'analisi, ma con il sistema diagnostico in grado di riconoscerlo.

    Processo di decodifica

    Nelle analisi PCR per l'epatite C ottenute dal laboratorio, di solito vengono indicati alcuni dati e puoi anche decrittografarli da soli:

    • rilevato / non rilevato (analisi qualitativa);
    • numero di virus (analisi quantitativa);
    • numero di genotipo;
    • nome del test.

    Si ritiene che la seconda attenzione debba essere prestata al secondo punto, poiché sulla base di questi indicatori è possibile effettuare una previsione, determinare la durata del trattamento e il suo tipo.

    Nonostante la chiarezza dell'analisi, non è possibile diagnosticare autonomamente e auto-medicare, i risultati dell'analisi devono essere mostrati al medico curante.

    Come prepararsi per l'analisi

    Per ottenere un risultato affidabile, è importante osservare una serie di regole:

    1. Vale la pena fare i test al mattino a stomaco vuoto (prova a mangiare per l'ultima volta almeno 8 ore prima della procedura).
    2. Non bere altro che acqua prima di donare il sangue.
    3. Due giorni per eliminare cibi grassi e fritti, oltre all'alcol.
    4. Almeno un'ora è meglio rinunciare alle sigarette.
    5. Non è consigliabile eseguire test dopo massaggi, ultrasuoni o raggi X..
    6. Il giorno prima dell'esame, il paziente dovrebbe abbandonare i farmaci, l'attività fisica e lo stress emotivo.
    7. Mezz'ora prima dell'esame dovrebbe essere calmo e rilassato..

    La velocità dell'esame PCR è influenzata da quale tipo di virus soffre il paziente e da quale metodo viene eseguito un esame del sangue. A seconda della complessità, il paziente può ricevere i risultati del test in poche ore o diversi giorni. Ma di solito non ci vogliono più di 7 giorni.

    Il costo di un test PCR è influenzato dallo stato della clinica, da dove andrà il paziente e da quanto sarà difficile l'analisi. Il prezzo varia da 400 rubli a 11 mila.

    È importante che il paziente sappia che esistono falsi test negativi. Ciò può accadere se il sangue per analisi è stato fatto in modo errato, in violazione delle regole o trasportato in modo inappropriato (ad esempio, è arrivato in laboratorio più di due ore dopo la raccolta). In tale situazione, il paziente corre il rischio di ricevere una falsa impressione del suo stato di salute e di perdere tempo prezioso.

    Pertanto, è estremamente importante scegliere la clinica più adatta, che si preoccupa della sua reputazione e non possa permettersi di trascurare i pazienti. Prima di decidere, vale la pena leggere recensioni sull'istituzione e sul suo personale. La scelta è meglio fermarsi in una clinica prestigiosa e ben nota - la probabilità di errore in questo caso sarà piccola.

    Diagnosi PCR dell'epatite

    Prezzi per la diagnostica PCR dell'epatite

    • Determinazione del genotipo del virus dell'epatite C (virus dell'epite C) 1660 rub.
    • Determinazione del DNA del virus dell'epatite B (virus dell'epite B) nel sangue mediante PCR, uno studio qualitativo su 520 rubli.
    • Determinazione del DNA del virus dell'epatite B (virus dell'epite B) nel sangue mediante PCR, studio quantitativo 1560 rub.
    • Determinazione dell'RNA del virus dell'epatite C (virus dell'epite C) nel sangue mediante PCR, studio qualitativo 570 rub.
    • Determinazione dell'RNA del virus dell'epatite C (virus dell'epite C) nel sangue mediante PCR, studio quantitativo 2600 rub.

    La reazione a catena della polimerasi (PCR) è uno dei metodi diagnostici che può ottenere un aumento significativo di piccole concentrazioni di alcuni frammenti di acido nucleico (DNA / RNA) in un materiale biologico (campione) usando l'enzima DNA polimerasi.

    Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, oltre 2 miliardi di persone sono infettate dal virus dell'epatite B (HBV); il numero di portatori cronici del virus raggiunge i 400 milioni di persone. Circa 50 milioni di persone vengono infettate dall'HBV ogni anno, di cui circa 2 milioni muoiono. Circa 500 milioni di persone sono infettate dal virus dell'epatite C (HCV). Pertanto, al momento esiste una situazione epidemica piuttosto sfavorevole per le infezioni che causano l'epatite B e l'epatite C.

    A questo proposito, è importante utilizzare metodi diagnostici per queste infezioni, che dovrebbero soddisfare le seguenti caratteristiche:

    - ottenere risultati di analisi il più presto possibile;

    - elevata specificità e sensibilità come prerequisiti per l'affidabilità dell'analisi.

    PCR risolve i seguenti compiti:

    - diagnosi di infezioni nelle prime fasi della malattia (durante il periodo della finestra sieronegativa);

    - indica l'assenza di virus nel sangue con risultati incerti del test immunoenzimatico;

    - rivela veri portatori di virus tra gli individui sieropositivi;

    - consente di determinare il genotipo dei virus dell'epatite C (1a, 1b, 2,3a / 3b).

    La PCR consente la determinazione del DNA del virus dell'epatite B o dell'RNA del virus dell'epatite C nel materiale del test (sangue, puntura del fegato) sia qualitativamente che quantitativamente.

    Analisi positiva indica epatite acuta o cronica, risultato negativo - nessuna infezione.

    indicazioni

    • Con un aumento dell'analisi biochimica dei livelli ematici di AlAT e AsAT
    • Esame in preparazione per la gravidanza o l'intervento chirurgico
    • Esame di pazienti a cui viene spesso somministrata iniezione endovenosa
    • Con contatto sessuale non protetto
    • Dipendenza
    • In presenza di segni di epatite virale
    • Stagnazione della bile (colestasi)

    Metodologia

    Per la diagnosi dell'epatite, il metodo Real-Time PCR viene utilizzato sull'analizzatore DT-96, reagenti dell'azienda di tecnologia del DNA.

    Formazione

    Non è richiesta una preparazione speciale per l'analisi. Si raccomanda di astenersi dal mangiare per 4 ore prima del prelievo di sangue.

    Lo studio può essere condotto 2 settimane dopo il tempo stimato di infezione, che consente una diagnosi precoce della malattia.

    Grazie al medico per l'operazione, mi sono sdraiato sul tavolo operatorio con facilità e sotto il suo supporto un po 'umoristico e mi sono addormentato, non è stato spaventoso, grazie mille per il lavoro svolto. Più dettagli

    Esprimo la mia profonda gratitudine al meraviglioso dottore Titov Dmitry Alekseevich per il trattamento, l'atteggiamento attento e la professionalità! Grazie per il tuo atteggiamento positivo durante il trattamento. Più dettagli

    Sono stato curato presso il Dipartimento in IX / 2019-II / 2020, voglio esprimere la mia profonda gratitudine a tutto il team del dipartimento di terapia farmacologica antitumorale sotto la guida della meravigliosa e sensibile dottoressa Shikina Valentina Evgenievna. Grazie all'atmosfera creata nel Dipartimento, un trattamento molto difficile è stato trasferito moralmente facile! Grazie per la professionalità, attenzione. Più dettagli

    Ringrazio sinceramente l'ottimo dottor Pavel Yuryevich Orekhov. È successo così che per varie diagnosi ho dovuto sottopormi a cure nel dipartimento di chirurgia vascolare e Pavel Yurievich era il mio medico curante. Sono sicuro che siano le sue azioni professionali, gli appuntamenti e le raccomandazioni. Più dettagli

    Dottore eccezionale. Grazie mille per tutto, molto competente, attento e che ora è molto raro nella nostra medicina, lei mira a curare il paziente e aiutarlo, e non solo parlare. Mio marito ed io siamo i suoi pazienti e siamo molto contenti che il destino ci abbia unito a un dottore così meraviglioso. Grazie. Più dettagli

    Voglio esprimere la mia profonda gratitudine a Yevgeny Yuryevich Khlopushin per la sua professionalità e l'atteggiamento insolitamente sensibile. Il medico ha affrontato la mia situazione in modo molto competente e completo: ha fatto una diagnosi completa e nel più breve tempo possibile ha organizzato il trattamento preoperatorio necessario. Ha eseguito brillantemente un'operazione complessa, dopo la quale quasi una settimana dopo sono stato in grado di farlo. Più dettagli

    Esprimo la mia più profonda gratitudine al chirurgo oncologo, MD Ishchenko Roman Viktorovich per il suo cuore gentile, la massima professionalità e l'atteggiamento sensibile nei confronti dei pazienti. Ringrazio il destino che abbiamo appreso di questo meraviglioso dottore attraverso il programma Salute. Roman Viktorovich ci ha aiutato a far fronte al nostro problema. L'operazione che ha eseguito a mio marito su un passato facile. Più dettagli

    Mille grazie al medico coloproctologo Zinovsky Mikhail Vyacheslavovich. Era a un ricevimento l'11 marzo 2020. Dolore acuto, raggiunto a malapena con suo marito, anche se solo dall'altra parte della strada. Ha fatto di tutto, mi sembra, il migliore. Ha dato tutte le raccomandazioni necessarie e il suo numero di telefono. Ha detto di chiamare se ci sono domande. Ho chiamato e consultato con lui. Più dettagli

    Nel febbraio 2020 sono finito nel dipartimento di oncologia, dove sono stato incontrato dal capo del dipartimento, Kosy Valentina Vasilievna. Grazie mille per la sua professionalità e attitudine sensibile. Qui ho subito l'operazione più complicata Ischenko Roman Viktorovich e Astakhov Dmitry Anatolyevich. Questi sono i miei tre angeli salvatori.
    Ora mi sto riprendendo rapidamente. Più dettagli

    Esprimo la mia profonda gratitudine ad Arthur Robertovich per la sua professionalità e le mani "dorate". Ha operato con sua madre due volte nel giugno 2019 e nel febbraio 2020, ed entrambe le volte con successo. Medico molto attento, sensibile e reattivo. Molto pulito nel suo lavoro e questo ha soddisfatto l '"esteta" in termini di cuciture))) Mi ha letteralmente salvato la vita.

    Richiedere ricovero o ricerca.
    Gli addetti alla reception ti contatteranno e saranno d'accordo
    il tempo che è conveniente per te. Oppure vai al modulo di iscrizione online.

    Virus dell'epatite C, definizione di RNA qual. (HCV-RNA, qualitativo) nel siero del sangue

    Determinazione dell'RNA del virus dell'epatite C (HCV) nel siero del sangue mediante reazione a catena della polimerasi (PCR) con rilevazione in tempo reale.

    Il frammento identificato è un sito specifico di RNA del virus dell'epatite C. Genotipi identificati: 1a, 1b, 2a, 2b, 2c, 2i, 3, 4, 5a, 6, indipendentemente dal sottotipo. La specificità della determinazione è del 100%. Sensibilità di determinazione - 60 UI / ml.

    • Segni clinici di epatite.
    • Studi di screening preventivo (l'RNA del virus dell'epatite C è il primo marker di infezione acuta).
    • Contatta Sondaggi.
    • Diagnosi di epatite di eziologia mista - identificazione del virus principale.
    • Identificazione dello stadio di replicazione attiva del virus in una condizione cronica.
    • Monitoraggio dell'efficacia della terapia.
    • Cirrosi epatica.

    L'interpretazione dei risultati della ricerca contiene informazioni per il medico curante e non costituisce una diagnosi. Le informazioni contenute in questa sezione non possono essere utilizzate per l'autodiagnosi e l'automedicazione. Il medico effettua una diagnosi accurata utilizzando sia i risultati di questo esame sia le informazioni necessarie provenienti da altre fonti: storia, risultati di altri esami, ecc..

    Virus dell'epatite C, plasma RNA (HCV, PCR), qualità.

    Con il virus dell'epatite

    Virus dell'epatite C.

    Informazioni sullo studio

    L'epatite C è una malattia epatica infettiva che causa il virus HCV. Il virus dell'epatite C si moltiplica nelle cellule del sangue e infetta le cellule del fegato. Il virus viene trasmesso attraverso il sesso non protetto, attraverso il contatto con il sangue (ad esempio, durante le procedure mediche, le trasfusioni di sangue, usando una singola siringa, ecc.), Da madre a figlio durante la gravidanza o il parto. Lo studio rivela la presenza del virus nel sangue dopo 5-20 giorni dopo una possibile infezione.

    Il rilevamento dell'agente causale dell'epatite C (HCV) avviene utilizzando il metodo di reazione a catena della polimerasi in tempo reale. Viene determinata la presenza del materiale genetico (RNA) del virus nel sangue.

    Tra tutti gli agenti causali dell'epatite virale, l'HCV presenta il maggior numero di variazioni e, grazie alla sua elevata attività mutazionale, è in grado di evitare i meccanismi protettivi del sistema immunitario umano. Esistono 6 genotipi e molti sottotipi del virus che hanno significati diversi per la prognosi della malattia e l'efficacia della terapia antivirale.
    L'epatite C viene trasmessa attraverso il sangue e i fluidi corporei attraverso le vie parenterale, sessuale e transplacentare. Il gruppo ad alto rischio è costituito da persone che praticano l'abuso di droghe per via endovenosa, rapporti sessuali promiscui, nonché operatori sanitari, pazienti che necessitano di emodialisi o trasfusioni di sangue, prigionieri. Penetrando nel corpo, l'HCV entra nei macrofagi del sangue e negli epatociti del fegato, dove si verifica la sua replicazione. Il danno al fegato si verifica principalmente a causa della lisi immunitaria e il virus ha anche un effetto citopatico diretto. La somiglianza dell'antigene virale con gli antigeni del sistema di istocompatibilità umano provoca l'insorgenza di reazioni autoimmuni ("sistemiche"). Nel programma di manifestazioni sistemiche di infezione da HCV, possono comparire tiroidite autoimmune, sindrome di Sjogren, porpora trombocitopenica ideopatica, glomerulonefrite, artrite reumatoide e altre. Rispetto ad altre epatiti virali, l'epatite C ha un quadro clinico meno vivido, più spesso diventa cronico. Nel 20-50% dei casi, l'epatite C cronica porta allo sviluppo della cirrosi epatica e nell'1,25 - 2,50% - allo sviluppo del carcinoma epatocellulare. Complicanze autoimmuni si verificano con alta frequenza.

    Il periodo di incubazione è di 5 a 20 giorni. Alla fine del periodo di incubazione, aumentano i livelli di transaminasi epatiche, probabilmente un aumento del fegato e della milza. Il periodo acuto procede con debolezza, perdita di appetito. In un terzo dei casi, c'è una febbre, un'artralgia, un'eruzione polimorfica. Sono possibili fenomeni dispeptici e polineuropatie. La colestasi è estremamente rara..

    Indicazioni ai fini dello studio

    Preparazione allo studio

    Con questo studio, affitto

    • 20.79. AT e AH per HIV 1/2 (screening, qual.)
    • 20.21. Epatite B, HBs Ag (Qual)
    • 20.80. Somma della sifilide. AT (IgG e IgM) (Qual)
    • 20,118. Epatite A, somma anti-HAV. AT (conteggio)
    • 3.9.1. Esame del sangue clinico con formula leucocitaria ed ESR (con microscopia di uno striscio di sangue quando vengono rilevati cambiamenti patologici) (sangue venoso)
    • 27,113. Indicatori di biochimica 8

    Risultati della ricerca

    Fattori che influenzano i risultati della ricerca

    Interpretazione del risultato

    • "Found": un frammento di RNA specifico per il virus dell'epatite C, infezione da virus dell'epatite C, è stato trovato nel campione analizzato di materiale biologico.
    • "Non rilevato": il frammento di RNA specifico per il virus dell'epatite C o la concentrazione di RNA patogeno nel campione al di sotto del limite di sensibilità del test non è stato trovato nel campione analizzato di materiale biologico.

    PCR per epatite C

    La PCR (o reazione a catena della polimerasi) è un metodo di laboratorio per la diagnosi di DNA e RNA di un agente patogeno introdotto da Carey Mullis (USA). Una sola molecola presente nella pelle o nel fluido corporeo è sufficiente per un'analisi PCR altamente sensibile per identificare il virus patogeno.

    Tipi di PCR

    Esistono tre tipi di analisi PCR del sangue per il virus dell'epatite C cronica: qualitativa, quantitativa e analisi che determinano il genotipo del virus.

    L'analisi qualitativa della PCR per l'epatite C viene eseguita per quei pazienti la cui analisi ELISA ha rivelato anticorpi anti-HVGS. Il risultato di un'analisi qualitativa della PCR è indicato dalle parole "RNA rilevato" o "RNA non rilevato". I sistemi di test con una sensibilità di almeno 50 UI / ml possono rilevare la quantità minima dell'agente patogeno nel sangue. Ad una concentrazione più bassa del virus, l'analisi può dare un risultato falso negativo. Per evitare errori, i laboratori specializzati nella diagnostica PCR devono essere dotati di sistemi di test ad alta sensibilità. Ad esempio, il laboratorio Invitro utilizza sistemi di test con una sensibilità di 15 UI / ml. Pazienti e medici hanno il diritto di richiedere i dati sulla sensibilità dei test al personale di laboratorio.

    L'analisi quantitativa della PCR per l'epatite C è necessaria per determinare la concentrazione del virus nel sangue (o il grado di viremia). I risultati parlano i numeri. Se si trovano 2 milioni di UI in 1 ml di sangue, il risultato è il seguente: 2 × 10 * 6 UI / ml. Alcuni laboratori utilizzano un indicatore diverso: il numero di copie per 1 ml di sangue (1 UI è 4 copie di RNA). Si scopre che 2 × 10 * 6 UI / ml equivalgono a 8 × 10 * 6 copie del virus RNA (8 milioni di copie) in 1 ml di sangue.

    La genotipizzazione determina a quale dei sei genotipi appartiene il virus. È il genotipo patogeno che influenza il quadro clinico, il tasso di complicanze e l'ulteriore prognosi per il paziente. La corretta determinazione del genotipo del virus consente di scegliere una combinazione di farmaci e determinare la durata del trattamento.

    Indicazioni per l'analisi

    Per confermare la presenza di HCV, viene prescritta un'analisi PCR per aiutare a rilevare l'agente patogeno e iniziare il trattamento. Indicazioni per l'appuntamento:

    • Il paziente ha segni di infiammazione del fegato.
    • Screening per studi preventivi.
    • È necessario esaminare le persone a contatto con i pazienti con epatite.
    • Viene diagnosticata l'epatite di origine mista e deve essere determinato il principale agente causale.
    • Viene determinato il livello di attività di riproduzione dei patogeni nei pazienti cronici..
    • Al paziente viene diagnosticata la cirrosi.
    • È necessario valutare l'efficacia della terapia.

    Preparazione per la diagnosi PCR dell'epatite

    La procedura viene eseguita al mattino a stomaco vuoto, il sangue viene prelevato da una vena..

    Il paziente deve seguire le seguenti regole:

    • Non mangiare cibo 10 ore prima della procedura. È consentita solo acqua pulita..
    • Non fumare 4 ore prima della manipolazione e non bere alcolici il giorno prima dell'analisi.
    • Evitare lo stress fisico e psicologico prima della procedura.
    • Non assumere farmaci per 2 giorni prima del prelievo di sangue. Se il paziente ha assunto farmaci per qualsiasi motivo, l'assistente di laboratorio deve essere informato di ciò (l'uso di determinati farmaci provoca un risultato erroneamente positivo).

    Decodifica dei risultati degli studi sulla PCR

    Decifrare l'analisi ELISA e PCR è un compito per un epatologo o specialista in malattie infettive. Sono richiesti anche i risultati di una biopsia, analisi biochimiche del sangue e degli ultrasuoni. Decifrare i risultati dell'analisi PCR può essere solo un medico qualificato che dovrebbe prescrivere la terapia sulla base. Di seguito sono riportate le tabelle per la decodifica della carica virale per l'epatite C..

    Analisi qualitativa. decrittazione

    rilevatoIl paziente è infetto perché virus RNA trovato nel suo materiale biologico.
    Non rilevatiIl paziente non è infetto o la quantità di RNA del virus è inferiore al limite di sensibilità.

    Analisi quantitativa. decrittazione

    Non rilevatiLa persona è in salute L'RNA del virus non è stato trovato nel biomateriale o la sua concentrazione è inferiore al limite di sensibilità.
    Fino a 1,8 * 10 ^ 2 UI / mlLa concentrazione di RNA del virus è inferiore all'intervallo di quantificazione. In questo caso, è necessaria cautela nell'interpretazione del risultato. Sono spesso necessarie ricerche ripetute..
    Fino a 8 * 10 ^ 5 UI / mlUn basso livello di carica virale nell'epatite C. Di norma, una diminuzione della concentrazione del virus indica un trattamento efficace.
    Maggiore di 8 * 10 ^ 5 UI / mlAlta carica virale dell'epatite C..
    Maggiore di 2,4 * 10 ^ 7 UI / mlPoiché la quantità di RNA del virus è al di fuori del limite superiore dell'intervallo di quantificazione, è impossibile determinare il livello di carica virale. È necessario ripetere il test con una diluizione di un campione di sangue.

    RNA rilevato di un genotipo specificoNel biomateriale del paziente è stato trovato un virus dell'epatite C appartenente a uno specifico genotipo e sottotipo. Il risultato è indicato da numeri e lettere latine: 1a, 2b, ecc. Esistono 7 genotipi e 67 sottotipi. Dei 7 genotipi, i primi 3 si trovano in Russia.
    RNA del virus dell'epatite C rilevatoL'RNA di un genotipo virale atipico per la Russia è stato trovato nel biomateriale del paziente, pertanto sono necessari ulteriori studi.
    Non rilevatiUna persona è sana o c'è una concentrazione molto bassa di RNA virus nel suo sangue.

    A volte l'analisi della PCR è negativa, ma un test ELISA indica la presenza di anticorpi contro il virus. Ciò significa che una persona che ha avuto l'epatite C acuta è stata in grado di riprendersi da sola. Circa 20 casi di infezione con forte resistenza del corpo dell'infezione terminano con una cura spontanea.

    In alcune situazioni, i risultati dell'analisi PCR ad alta precisione possono essere distorti:

    1. Violazioni del regime di temperatura e altre condizioni per il trasporto di sangue in laboratorio.
    2. Contaminazione del campione di sangue.
    3. La presenza di tracce di eparina e altri anticoagulanti nel sangue.
    4. La presenza di inibitori nel biomateriale (la reazione a catena della polimerasi rallenta o si arresta).

    Vantaggi dell'analisi PCR

    Innanzitutto, si tratta di un metodo di diagnosi precoce che consente di identificare il materiale genetico del virus. L'analisi ELISA è in grado di determinare solo le sostanze prodotte dall'organismo in risposta alle infezioni (immunoglobuline). Dal momento dell'infezione con epatite C all'inizio della risposta immunitaria, possono passare diverse settimane o addirittura mesi e durante questo periodo l'ELISA è inefficace. L'analisi PCR già nella prima settimana di infezione dà una risposta.

    Il secondo vantaggio dell'analisi PCR è la bassa probabilità di errore. Nello studio, viene determinata una sezione di materiale genetico caratteristica di un solo tipo di agente patogeno, che consente di escludere un risultato falso. L'analisi ELISA mostra la presenza di anticorpi rilasciati contro diversi virus (anticorpi incrociati).

    Svantaggi della PCR

    Non importa quanto sia efficace lo studio, ha i suoi svantaggi:

    • Durante lo studio della RPC, il materiale genetico dei patogeni (compresi quelli non viventi) viene replicato e questo porta a una distorsione dei risultati. Per valutare l'efficacia del trattamento utilizzando l'analisi della PCR, viene effettuato un secondo studio almeno 2 mesi dopo quello precedente. Il corpo del paziente deve essere "ripulito" da virus morti.
    • I sistemi di test determinano la parte del genoma virale che teoricamente può appartenere ad altri virus o microrganismi, pertanto esiste la possibilità di un risultato falso positivo.
    • La rapida mutazione dei virus a volte supera la capacità dei sistemi di test di determinare il genoma patogeno, pertanto esiste la possibilità di una risposta falsa negativa.

    I produttori di sistemi di test di laboratorio li testano regolarmente, scoprendo come i sistemi rispondono alle reazioni crociate o a qualsiasi genotipo del virus..

    Il prezzo dell'analisi PCR per l'epatite C

    Nelle istituzioni governative, l'analisi può essere eseguita gratuitamente, è richiesto solo un rinvio da un epatologo o specialista in malattie infettive.

    La ricerca a pagamento è disponibile in tutte le principali città della Federazione Russa. Il prezzo è influenzato dal tipo di ricerca, dall'attrezzatura utilizzata, dal tempo necessario per l'analisi.

    A Mosca e San Pietroburgo, un'analisi PCR di alta qualità per l'epatite C costa da 600 a 900 rubli, nella regione - da 300 a 800 rubli.

    L'analisi quantitativa della PCR per l'epatite C costa da 17.000 a 22.000 rubli, per l'epatite B - da 1.200 a 10.000 rubli.

    Per ottenere risultati affidabili di un'analisi PCR per l'epatite C, è necessario contattare solo laboratori affidabili. In questo caso, la questione del costo della ricerca svanisce in secondo piano.