Fibrosi epatica

La fibrosi epatica non è una malattia indipendente: si tratta di un numero enorme di complicanze di altre patologie di organi.

I medici confrontano la fibrosi con una bomba a orologeria che conta i secondi della vita di una persona, che spesso non sospetta nemmeno di essere gravemente malato. E una volta che c'è una "esplosione"...

Come non perdere tempo e cosa fare quando viene fatta una diagnosi deludente?

Cos'è la fibrosi epatica

La fibrosi è l'aspetto anormale, la proliferazione e le cicatrici del tessuto connettivo dove non dovrebbe essere. Pertanto, come se stesse costruendo un muro di mattoni, il corpo sta cercando di proteggere gli organi vitali da un processo infiammatorio acuto..

Quando il fegato è danneggiato da virus o sostanze tossiche, il tessuto connettivo inizia a sostituire gradualmente le cellule di organi e le cicatrici..

La fibrosi epatica progredisce e nel tempo la struttura del fegato cambia completamente. Ciò porta a gravi malattie come cirrosi, insufficienza epatica e ipertensione portale..

Cause di fibrosi epatica

La sostituzione delle cellule di organo con tessuto connettivo inizia nei seguenti casi:

  • riproduzione dei virus dell'epatite B, C e D.
  • altre malattie virali (ad esempio varietà di herpes come ciclomegalovirus o mononucleosi infettiva)
  • epatite alcolica. L'uso eccessivo di alcol per diversi anni può portare alla distruzione delle cellule del corpo della sua degenerazione grassa.
  • epatite autoimmune: il sistema immunitario umano programma gli anticorpi per distruggere le cellule del fegato malate e sane. Allo stesso modo, i dotti biliari (cirrosi biliare) possono essere colpiti..
  • patologia del tratto biliare: formazione di cicatrici e pietre al loro interno, nonché blocco
  • epatite di origine tossica - danno al fegato con varie sostanze tossiche e tossiche
  • ipertensione portale
  • assunzione di determinati farmaci (vitamina A e suoi derivati, farmaci antireumatici e antitumorali)
  • congestione venosa nel fegato
  • malattie infettive da parassiti
  • alcune patologie ereditarie
  • forme congenite

Tipi e moduli

Mentre i medici non possono arrivare a un unico elenco di forme di fibrosi, ma esiste ancora una certa gradazione. Esistono 2 tipi di classificazione.

Secondo il primo, la fibrosi si verifica:

  • primario
  • periportale
  • ereditario

La fibrosi primaria, o non cirrotica, si verifica quando il restringimento o il blocco delle vene del fegato. In alternativa, una lacrima o una vena porta possono essere bloccate. L'insufficienza cardiaca cronica, l'echinococcosi o la brucellosi sono spesso la causa della fibrosi primaria..

La fibrosi periportale è una reazione alle malattie parassitarie. A volte ci vogliono più di 10 anni dal momento dell'esposizione a pericolosi elminti ai primi sintomi della fibrosi.

La fibrosi ereditaria è causata da vari disturbi metabolici. Nei tessuti e negli organi, specialmente nel fegato, si accumulano sostanze tossiche pericolose per la salute. La fibrosi epatica congenita nei bambini viene diagnosticata prima dei 10 anni.

La seconda classificazione si basa sulla localizzazione e prevalenza del tessuto connettivo. La fibrosi si distingue:

  • venoso e perivenulare - danno ai lobi del fegato
  • pericellulare - la formazione di una membrana attorno a un organo
  • setto - necrosi tissutale
  • periduttale - la formazione di tessuto cicatriziale attorno ai canali biliari
  • misto - caratterizzato da molte delle funzionalità elencate

Fase e tasso di sviluppo

La malattia può manifestarsi in uno dei cinque stadi noti: F0, F1, F2, F3, F4. Ognuno di essi dura diversi anni ed è caratterizzato dal grado di cambiamento nel tessuto epatico..

La velocità dipende da quanto intensamente procede il processo infiammatorio..

Di norma, le cicatrici dei tessuti in ogni fase successiva sono più veloci di quelle precedenti. F4 è già cirrosi epatica.

I fattori che accelerano il processo sono:

  • sovrappeso e obesità
  • infezione in età adulta
  • abuso di alcool
  • immunità debole
  • diabete
  • fegato grasso
  • livelli elevati dell'enzima coinvolto nel metabolismo degli acidi (alanina aminotransferasi)

Sintomi

Sfortunatamente, la malattia non si manifesta nelle fasi iniziali.

Solo dopo 6-8 anni, una persona può manifestare i seguenti sintomi di fibrosi epatica:

  • anemia
  • incapacità di affrontare situazioni stressanti
  • debolezza fisica
  • fatica
  • emorragie sotto la pelle (contusioni, "stelle" vascolari)
  • espansione delle vene dell'esofago e conseguente sanguinamento

Nei bambini nati con fibrosi, viene diagnosticata l'anemia, si manifesta l'ittero, il volume dell'addome aumenta, a volte c'è vomito sanguinante o melena.

Diagnosi di fibrosi

Il complesso di studi necessari per diagnosticare la malattia è costituito da tre fasi:

  • Interrogazione orale ed esame visivo del paziente. Il medico fissa una descrizione di sintomi e lamentele, palpa l'addome, esamina la sclera degli occhi, controlla la pelle alla ricerca di lividi e gli arti alla ricerca di segni di gonfiore. Per un'anamnesi, le informazioni sulle malattie del fegato in parenti stretti sono importanti. Obbligatorio è la domanda di una persona che visita i paesi tropicali.
  • Ricerche di laboratorio:
  1. analisi generale di sangue e urina
  2. chimica del sangue
  3. verificare la presenza di marker di malattia
  4. analisi delle feci per invasione elmintica
  5. studi per la presenza di anticorpi
  • Metodi strumentali:
  1. Ultrasuoni del fegato e degli organi vicini
  2. Endoscopia: esame delle vene dell'esofago, dello stomaco e dell'intestino
  3. tomografia computerizzata del fegato
  4. biopsia
  5. elastometry

Trattamento della fibrosi epatica

Più recentemente, è stato scoperto che la fibrosi è un processo reversibile. Farmaci antifibrotici già sviluppati in grado di affrontare le cause della malattia.

Metodi comprovati per combattere la fibrosi epatica sono:

  • terapia antivirale per l'epatite
  • terapia sintomatica
  • ottimizzazione del metabolismo

La terapia farmacologica consiste nell'assunzione di farmaci come:

  • epatoprotettori (proteggere le cellule del fegato)
  • farmaci ormonali
  • farmaci che impediscono la formazione del tessuto connettivo nel corpo
  • farmaci coleretici
  • stimolanti del sistema immunitario
  • farmaci antinfiammatori
  • antiossidanti (per eliminare gli effetti delle sostanze tossiche)
  • complessi vitaminici
  • farmaci per la digestione (enzimatici)

Oltre ai farmaci per combattere la fibrosi epatica, ci sono persone, ma prima di provare l'effetto di una prescrizione su te stesso, il paziente deve consultare il medico.

Nella lotta contro la malattia può aiutare:

  • assenzio (aggiunto come condimento durante la cottura di piatti)
  • infuso di celidonia
  • infuso di foglie di betulla
  • tè alla menta piperita
  • succo di dente di leone
  • Tintura di ginseng siberiano
  • Curcuma
  • infuso di paglia di avena
  • infuso di cardo mariano
  • aglio

Se il trattamento conservativo è inefficace o il paziente si trova in condizioni critiche, diventa necessario un intervento chirurgico.

Conseguenze e complicazioni

Poiché la fibrosi è asintomatica e viene spesso diagnosticata in una delle fasi successive, possono essere interessati anche altri organi e sistemi vitali..

La mancanza di trattamento può portare a conseguenze quali:

  • cirrosi epatica
  • ascite e peritonite
  • phlebeurysm
  • tumore maligno del fegato
  • insufficienza renale
  • malattie dello stomaco e dell'intestino (gastropatia, colopatia)
  • encefalopatia epatica (disturbo mentale e comportamentale)
  • nelle donne - infertilità

Prevenzione

Nessuno è immune dalla fibrosi epatica, perché può apparire anche con un atteggiamento apparentemente attento alla tua salute.

Ma ci sono alcune regole e raccomandazioni, che seguono che aiuteranno a ridurre il rischio di infezione:

  • prevenzione e trattamento dell'epatite
  • minimizzazione dell'effetto sul corpo di sostanze nocive (sia sul lavoro che a casa)
  • attività fisica moderata ma regolare
  • dieta equilibrata (la dieta per la fibrosi epatica esclude tutto fritto, salato, affumicato, in salamoia)
  • eliminazione tempestiva di problemi nel tratto gastrointestinale
  • rifiuto di cattive abitudini
  • assunzione di vitamine e complessi minerali
  • endoscopia una volta all'anno

Segni di fibrosi epatica, purtroppo, significano che è stato perso molto tempo prezioso per combattere la malattia. Fortunatamente, oggi ci sono già farmaci che possono aiutare a far fronte alla malattia..

Ma questo fatto non annulla in alcun modo l'attento atteggiamento nei confronti della salute e la prevenzione della fibrosi e dell'epatite.

Fibrosi epatica

La fibrosi epatica è la proliferazione del tessuto connettivo nel fegato che si verifica quando gli epatociti (cellule epatiche) sono danneggiati da virus dell'epatite B, C e D, alcol, sostanze tossiche e altri fattori. La progressione della fibrosi epatica porta a cirrosi epatica, insufficienza epatica e ipertensione portale.

Segni e sintomi di fibrosi epatica

La fase iniziale della fibrosi è difficile da diagnosticare, poiché spesso è asintomatica. Secondo l'analisi del sangue - il livello di enzimi epatici ALT e AST nel sangue - si può giudicare la gravità della fibrosi. Si ritiene che i livelli di AST siano associati più fortemente alla fibrosi rispetto ai livelli di ALT. Il rapporto AST / ALT> 1 è un indicatore affidabile dello stadio pronunciato della fibrosi epatica (inclusa la cirrosi).

Lo stadio iniziale del danno epatico nella fibrosi è caratterizzato da un aumento delle dimensioni del fegato. In futuro, vi è una diminuzione del livello di leucociti, piastrine e globuli rossi. Di conseguenza, il paziente ha anemia e trombocitopenia. Un segno che la malattia arriva allo stadio della cirrosi è una milza ingrossata, vene varicose nell'esofago e loro emorragie.

Diagnosi di fibrosi epatica

L'elastometria (elastografia, fibroscanning) sostituisce una biopsia ed è un moderno metodo di esame non traumatico e più accurato. Viene eseguito su un apparecchio ad ultrasuoni FibroScan, che consente di misurare la densità del tessuto epatico (durezza, elasticità). La procedura richiede circa 15 minuti, poiché il paziente ricorda una diagnosi ecografica e non ha restrizioni. Il risultato della misurazione è presentato come grado di fibrosi epatica sulla scala METAVIR da 0 a 4, dove 4 è cirrosi.

L'ecografia degli organi addominali consente di valutare non solo le dimensioni del fegato, che aumenta in presenza di un processo infiammatorio, ma anche la struttura del tessuto epatico, la circolazione sanguigna interna (velocità e pressione nella vena porta, la larghezza del lume dei vasi, le dimensioni della milza). Questi sono indicatori diretti dello stato del fegato: quanto lontano o vicino è alla cirrosi.

La determinazione del grado esatto di obesità epatica (epatosi grassa) sul dispositivo fibroscan è prescritta se i segni di epatosi grassa sono rilevati dagli ultrasuoni o dai risultati degli esami del sangue biochimici che indicano segni di epatosi grassa.

Elastometria epatica - Prezzi dell'esame:

Il grado di epatosi grassa

Consultazione dei risultati

sullo STOCK! (Mosca, metro Park Kultury)

Gradi di fibrosi epatica

La gravità della fibrosi nella malattia epatica cronica riflette la prognosi a lungo termine e, quindi, la necessità e l'urgenza del trattamento.

La fibrosi del fegato ha 5 gradi (stadi): F0, F1, F2, F3, F4 (cirrosi). Nell'epatite virale, ad esempio, una media di circa 5 anni passa da uno stadio all'altro. Tuttavia, nelle fasi successive, il tasso di progressione della fibrosi è più elevato. Il tasso di sviluppo della fibrosi dipende dall'attività del processo infiammatorio nel fegato.

Esistono vari metodi per determinare la gravità della fibrosi: una biopsia, un esame del sangue, che misura i marcatori biochimici della formazione della fibrosi (FibroTest, FibroMax). Attualmente, l'elastometria è considerata il metodo migliore per determinare lo stadio della fibrosi epatica: determinazione diretta degli ultrasuoni della densità del tessuto epatico sull'apparato Fibroscan. Le misurazioni della densità risultanti in diversi punti (10-20) in chilogrammi Pascal corrispondono ai gradi di fibrosi sulla scala METAVIR da F0 - fegato sano, a F4 - cirrosi.

Secondo questo metodo, è stata ottenuta una quantità sufficiente di dati scientifici ed è stato dimostrato che con un aumento dello stadio della fibrosi, aumenta l'elasticità del fegato in kPa.

Leggenda:

  • F 0-3 stadi della fibrosi secondo la scala METAVIR per l'epatite cronica,
  • F 4 - cirrosi,
  • F 4+ VRVP - cirrosi epatica con presenza di vene varicose dell'esofago,
  • F 4 + VRVP * - cirrosi epatica, ipertensione portale complicata da sanguinamento dalle vene varicose dell'esofago,
  • HCC - carcinoma epatocellulare

Significato delle differenze p 50 anni,

  • sovrappeso,
  • la presenza di steatosi secondo studi morfologici del tessuto epatico.
  • Progressione della fibrosi

    Il tasso di progressione della fibrosi differisce notevolmente in diversi pazienti. Tra i fattori noti che influenzano il tasso di sviluppo della fibrosi, si possono distinguere i principali: infezione in età avanzata, genere maschile, abuso di alcol. Allo stesso tempo, non è stata stabilita la connessione tra la carica virale e il genotipo del virus con il tasso di progressione. Il tasso di fibrosi è più elevato nei pazienti immunocompromessi. Anche le malattie del fegato grasso, l'obesità e il diabete possono contribuire a un più rapido sviluppo della fibrosi..
    Per una valutazione più accurata della progressione della fibrosi, la rivalutazione dovrebbe essere effettuata ogni anno. In questi casi, è consigliabile utilizzare metodi di valutazione non invasiva della fibrosi epatica - informativi e accessibili (FibroTest, FibroMax, elastomero). L'esperienza di utilizzo dei test di valutazione della fibrosi sierica e delle tecniche ecografiche indica la necessità della loro combinazione per una maggiore precisione diagnostica.

    Trattamento della fibrosi epatica

    La reversibilità della fibrosi epatica nei pazienti è stata recentemente dimostrata in modo convincente. Ciò ha causato una ricerca attiva di farmaci antifibrotici. La terapia antifibrotica sopprime l'accumulo di cellule fibrogeniche. È stato dimostrato che i farmaci con effetto antifibrotico mirano a combattere la causa della malattia..

    Con l'epatite virale, il trattamento della fibrosi epatica è finalizzato all'eliminazione delle cause che l'hanno causata. La terapia antivirale può portare a una diminuzione del grado di fibrosi quando si ottiene una risposta virologica stabile in un paziente.

    Sviluppo inverso della fibrosi epatica a seguito di terapia eziologica:

    • Epatite C - interferone-a + ribavirina.
    • Epatite B - lamivudina, tenofovir, adefovir, interferone-a / g, entecavir.
    • Epatite D - interferone-a.
    • Epatite alcolica - Smettere di bere alcolici.
    • Steatoepatite non alcolica - perdita di peso, trattamento della sindrome metabolica.

    Per migliorare la prognosi a lungo termine, è necessaria la diagnosi e il monitoraggio regolare dello stadio della fibrosi epatica nelle condizioni del decorso naturale della malattia o durante la terapia.

    Fibrosi epatica

    L'autore del materiale

    Descrizione

    Fibrosi epatica - una condizione caratterizzata dalla sostituzione del parenchima epatico con tessuto connettivo.

    Poiché la malattia non si manifesta per un tempo sufficientemente lungo, la diagnosi di fibrosi epatica nelle prime fasi è rara. Spesso, i cambiamenti nel parenchima epatico vengono rilevati durante un esame di routine degli organi addominali utilizzando un ecografo. La fibrosi epatica colpisce uomini e donne. Secondo le statistiche, i sintomi iniziali più comuni della fibrosi epatica vengono diagnosticati per la prima volta all'età di 50-60 anni.

    Tipi di fibrosi epatica:

    • Focale: la prima fase della fibrosi epatica, in cui viene rilevata la cicatrizzazione dei siti patologici con la formazione di focolai del tessuto connettivo;
    • Periepatocellulare - in questo caso, lo sviluppo della fibrosi epatica è associato a cambiamenti direttamente nell'apparato cellulare del fegato. Se la diffusione dei cambiamenti fibrotici colpisce diversi lobuli del fegato, essi parlano dell'inizio di un processo diffuso;
    • Fibrosi centrale: esiste una formazione di corde del tessuto connettivo nella regione delle vene epatiche centrali e delle strutture del portale. I cambiamenti necrotici portano all'uscita della fibrosi zonale oltre le vene epatiche centrali;
    • Fibrosi multilobulare - i processi necrotici si verificano nel parenchima di molti lobuli epatici con la sostituzione del normale tessuto connettivo;
    • Fibrosi ponte del fegato - questo tipo di malattia è caratterizzata dalla deposizione di tessuto connettivo tra le strutture vascolari del fegato, che porta alla formazione completa di setti. Il risultato di questo processo può essere la formazione di pseudo-segmenti epatici;
    • Fibrosi periodica: l'essenza di questo stadio della fibrosi epatica consiste in alterazioni simili alla colangite, quando si verificano processi sclerosanti in tutti i dotti extraepatici e intraepatici.

    Si distinguono le seguenti cause di fibrosi epatica:

    • danno virale al fegato (epatite virale, infezione da citomegalovirus, mononucleosi infettiva);
    • disturbi immunitari (ad es. epatite autoimmune, cirrosi biliare primaria);
    • Malattia di Wilson-Konovalov (una malattia ereditaria caratterizzata da un alterato metabolismo del rame, con conseguente accumulo nel corpo);
    • Sindrome di Budd-Chiari - ostruzione delle vene epatiche, che porta a una violazione del deflusso di sangue dal fegato, con conseguente congestione venosa;
    • malattie del sistema biliare (ostruzione extraepatica del tratto biliare, colelitiasi, colangite sclerosante primaria);
    • l'uso di determinati farmaci, ad esempio farmaci antitumorali e antireumatici;
    • uso prolungato di alcol. Secondo le statistiche, lo sviluppo della fibrosi epatica è possibile dopo 7 - 8 anni di abuso di alcol.

    La prognosi della fibrosi epatica dipende dalla velocità di rilevazione di questo fenomeno. La progressione del processo porta allo sviluppo delle seguenti complicanze:

    • la transizione della fibrosi in cirrosi epatica, che aggrava significativamente la condizione umana;
    • lo sviluppo dell'encefalopatia epatica, che è accompagnata da un disturbo della coscienza, disturbi neuromuscolari derivanti da una diminuzione o completa assenza di funzioni epatiche;
    • formazione di carcinoma epatocellulare;
    • funzione alterata di altri sistemi di organi.

    Sintomi

    Di norma, la fibrosi epatica è asintomatica per lungo tempo e quindi una persona non cerca aiuto da un'istituzione medica. La comparsa dei sintomi è possibile solo con gravi cambiamenti fibrotici nel parenchima epatico.

    Inizialmente, una persona può lamentare un aumento della fatica, una riduzione delle prestazioni, una debolezza generale. Tuttavia, vale la pena prestare attenzione al fatto che questi sintomi non sono specifici per la fibrosi epatica, poiché si trovano anche in malattie di diverso tipo.

    Man mano che il processo procede, possono verificarsi lamentele sul dolore addominale periodico, principalmente nell'ipocondrio destro, che è aggravato dall'uso di cibi fritti, grassi e in salamoia, nonché dall'uso di bevande alcoliche. Anche l'amaro in bocca, il bruciore di stomaco, la nausea, il gonfiore, il mal di stomaco (diarrea o costipazione), la perdita di appetito, in alcuni casi fino al completo rifiuto del cibo, sono anche preoccupanti. La pelle e le mucose visibili possono diventare itteriche. Inoltre, le cosiddette stelle "epatiche" (teleangectasie vascolari) vengono rilevate sulla pelle, il colore della pelle dei palmi diventa rosso. In alcuni casi, una persona si lamenta del prurito, che indica la presenza di ristagno biliare. Un aumento della circonferenza dell'addome indica la comparsa di ascite (accumulo di liquido libero nella cavità addominale), è anche possibile l'edema periferico (piedi, gambe). Inoltre, c'è uno sviluppo della sindrome emorragica, che si manifesta con un aumento del sanguinamento delle gengive, sangue dal naso, sanguinamento uterino nelle donne, l'insorgenza di sanguinamento gastrico o intestinale non è raro. Si nota anche la comparsa di lividi sul corpo, derivanti dall'influenza di un agente traumatico minore o anche senza una ragione apparente.

    Diagnostica

    Come sapete, non ci sono sintomi specifici che indicano la presenza di fibrosi epatica, il che complica notevolmente la diagnosi nelle prime fasi.

    Durante lo studio di test di laboratorio generali, viene prestata particolare attenzione agli indicatori di un esame del sangue biochimico, in particolare il livello di bilirubina, ALT, AST, fosfatasi alcalina. Con minimi cambiamenti fibrotici, potrebbe non esserci alcun cambiamento dall'analisi biochimica del sangue. Tuttavia, con fibrosi grave, viene rilevata una deviazione dalla norma dei parametri di laboratorio elencati.

    Dei metodi diagnostici strumentali vengono utilizzati:

    • Ultrasuoni del fegato, che valuteranno la struttura del fegato, le sue dimensioni e posizione. Di norma, la presenza di fibrosi è indicata da un cambiamento di ecogenicità, tuttavia, questo indicatore non è specifico, poiché è anche caratteristico di stati di diversa eziologia;
    • TAC del fegato. Come risultato di questo studio, è possibile ottenere dati che non sono stati stabiliti durante l'ecografia, poiché la CT ha un contenuto informativo maggiore;
    • Risonanza magnetica del fegato. È il metodo più sicuro e informativo di esame non invasivo del fegato, durante il quale è possibile rilevare un cambiamento nello stato del parenchima epatico;
    • EFGD. Viene effettuato per stabilire le possibili conseguenze di una grave fibrosi epatica, in particolare la presenza di vene varicose dell'esofago.

    Il gold standard per determinare la fibrosi è la biopsia epatica. Questa procedura invasiva consente non solo di rilevare i cambiamenti fibrotici nel parenchima epatico, ma anche di determinare la fase del processo, che fornisce assistenza significativa nella nomina di un trattamento specializzato. Si distinguono i seguenti tipi di biopsia epatica:

    • puntura percutanea;
    • aspirazione dell'ago sottile;
    • transvenoso (transyugular) - viene eseguito introducendo un tubo flessibile sottile attraverso una vena;
    • laparoscopica: eseguita con laparoscopia diagnostica o terapeutica;
    • incisione (aperta) - eseguita durante l'operazione.

    Tuttavia, vale la pena notare che, come ogni manipolazione invasiva, la biopsia epatica può essere accompagnata dallo sviluppo di una serie di complicanze. Inoltre, ci sono le seguenti controindicazioni a questa manipolazione:

    • la presenza di emangioma epatico confermato;
    • la presenza di cisti epatiche confermate di echinococco;
    • disturbo emorragico;
    • storia di sanguinamento inspiegabile.

    Un'alternativa alla biopsia epatica è l'elastografia ad ultrasuoni. Questo metodo diagnostico si basa sulla scansione del parenchima epatico con la conseguente determinazione del grado della sua densità. Il vantaggio dell'elastografia è l'assenza dello sviluppo di eventuali complicanze, che consente a questo studio di essere eseguito ripetutamente per valutare la dinamica del processo. Inoltre, l'elastografia ultrasonica consente di rilevare tempestivamente anche minime variazioni del parenchima epatico.

    Trattamento

    Le misure terapeutiche generali mirano a normalizzare la dieta, il travaglio e il riposo. Si raccomanda di escludere dalla dieta cibi piccanti, grassi, fritti e affumicati ed è inoltre necessario astenersi dal consumo eccessivo di sale. È anche importante consumare quotidianamente la giusta quantità di frutta e verdura (circa 400 g al giorno), che sono arricchiti con vitamine e minerali necessari per il normale funzionamento del corpo umano. Inoltre, è importante abbandonare completamente le cattive abitudini, soprattutto dal bere alcolici, poiché, come sai, l'alcol ha un effetto estremamente negativo sulle cellule del fegato.

    Per prescrivere un trattamento eziotropico, è necessario stabilire la causa della fibrosi. Nel caso di una lesione infettiva, in particolare con l'epatite virale, vengono prescritti farmaci antivirali. La terapia immunosoppressiva viene utilizzata per le malattie autoimmuni. Questa terapia consiste nella nomina di glucocorticosteroidi o citostatici, che non solo riducono la risposta del sistema immunitario agli epatociti (cellule epatiche), ma rallentano anche la formazione di tessuto fibroso.

    Il trattamento sintomatico consiste nella nomina di epatoprotettori. L'azione di questi farmaci ha lo scopo di mantenere la struttura delle cellule del fegato. Tuttavia, vale la pena notare che la loro efficacia è significativamente ridotta se una persona non segue una dieta appropriata e non rinuncia alle cattive abitudini. La nomina di farmaci antiossidanti può ridurre gli effetti dannosi delle sostanze tossiche e dei prodotti metabolici nel corpo. Se necessario, vengono utilizzati preparati enzimatici che aiutano a migliorare il processo di digestione. Come terapia aggiuntiva, si consiglia di utilizzare periodicamente complessi vitaminico-minerali. La durata del corso di assunzione di questi farmaci è di 1-2 mesi, dopo di che viene effettuata una pausa.

    Farmaco

    I principali farmaci utilizzati nel trattamento della fibrosi epatica sono gli epatoprotettori. Questi includono:

    • Fosfolipidi essenziali (Essential Forte, Antraliv, Phosphogliv) che contengono fosfatidilcolina e acidi grassi insaturi. L'effetto di questi farmaci è di ripristinare la parete cellulare degli epatociti, che sono più composti da fosfolipidi. Inoltre, i fosfolipidi essenziali migliorano la funzione di disintossicazione del fegato, prevengono la comparsa di tessuto connettivo nel parenchima epatico e hanno anche proprietà antiossidanti. Per ottenere l'effetto desiderato, è necessario utilizzare questi fondi per almeno sei mesi. Vale anche la pena notare che l'uso prolungato di fosfolipidi essenziali può causare il ristagno della bile, motivo per cui è necessario monitorare attentamente questo fenomeno;
    • aminoacidi (Heptral, Hepa-Merz). Partecipa alla sintesi dei fosfolipidi, che sono un componente strutturale della parete cellulare degli epatociti, hanno un effetto rigenerante e disintossicante. I farmaci di questo gruppo sono raccomandati per l'uso per via endovenosa, poiché quando assunti per via orale, gli aminoacidi vengono metabolizzati e raggiungono il fegato in piccole quantità;
    • vitamine (B1 (tiamina), B6 ​​(piridossina), B12 (cianocobalamina), E (tocoferolo)). Facilitare i processi metabolici nel fegato, contribuendo così al ripristino delle sue cellule. Di norma, non vengono utilizzati come monoterapia, ma completano altri epatoprotettori;
    • inibitori della perossidazione lipidica (tiogamma, berlizione). L'azione dei farmaci è finalizzata all'eliminazione accelerata dell'acido lattico dalle cellule del fegato, che ha un effetto tossico. La formazione di acido lattico si verifica a seguito della combinazione di azoto con ossigeno. Questi farmaci possono essere prescritti sia sotto forma di iniezioni, sia sotto forma di compresse;
    • acido ursodesossicolico (Ursofalk). Stimola il ritiro della bile dal fegato, grazie al quale si ottiene un effetto epatoprotettivo.

    Esistono anche preparazioni combinate, che nella loro composizione contengono componenti appartenenti a diversi gruppi di epatoprotettori. Si distinguono i seguenti agenti combinati:

    • Essel Forte;
    • fosfonio;
    • Resale Pro;
    • Hepatrin;
    • Sirepar.

    Rimedi popolari

    Oltre alla terapia principale, è possibile utilizzare la medicina tradizionale, prima di utilizzare il quale è necessario consultare il proprio medico.

    Esistono le seguenti ricette:

    1. Brodo d'avena Per prepararlo, avrai bisogno di 1 tazza di farina d'avena e 1 litro di latte di mucca o di capra. Mescolare i componenti elencati e mettere a fuoco lento, quindi aggiungere un cucchiaio di zucchero e un pizzico di sale. La miscela risultante dovrebbe addensarsi, dopo di che vengono aggiunti 50 g di burro. Quindi è necessario lasciare il brodo in infusione per 3-4 ore. Si consiglia di utilizzare 2 volte al giorno. Il corso di ammissione è di 2 settimane, dopo di che viene effettuata una pausa per 10 giorni, quindi, se necessario, il corso viene ripetuto;
    2. Succo di barbabietola e carota. Mescola il succo di barbabietola e carota in un rapporto di 1:10. Inoltre, per gusto, puoi aggiungere zucchero o miele. Si consiglia di utilizzare 2 volte al giorno per 100 ml. La durata dell'ammissione è di 4 settimane, quindi viene effettuata una pausa di sei mesi;
    3. Per preparare l'infuso, avrai bisogno dei seguenti componenti: frutti di cardo mariano (2 parti), ortica dicotiledoni (1 parte), radice di tarassaco grattugiata a secco (2 parti), foglie di betulla (1 parte) e verga d'oro (1 parte). I componenti elencati vengono accuratamente miscelati, dopo di che 100 g della miscela vengono prelevati dalla raccolta e riempiti con 2 tazze di acqua bollente. Successivamente, l'infusione viene infusa per 2 ore, quindi accuratamente filtrata. Prendi 3 cucchiai 3 volte al giorno dopo i pasti. Il corso di ammissione dura da 2 a 4 settimane. Si consiglia di ripetere il corso ogni 3 mesi;
    4. Decotto basato su stimmi di mais. Per prepararlo, prendi 1 cucchiaino di materie prime e versa 1 tazza di acqua calda. Quindi mettere la soluzione risultante a bagnomaria e sudare per 30 minuti. Successivamente, il brodo si raffredda e viene accuratamente filtrato. Si consiglia di utilizzare da 1 a 3 cucchiai prima di ogni pasto. Il corso di ammissione è di 2 settimane;
    5. Bevanda a base di curcuma. Per farlo, prendi 1 cucchiaino di curcuma, 2 cucchiai di anacardi secchi e 1 tazza di latte. Metti tutti gli ingredienti elencati in un frullatore e mescola accuratamente. La bevanda risultante viene bevuta al mattino a stomaco vuoto.

    Tra le ricette elencate, puoi scegliere quella più adatta a te, ma vale la pena ricordare ancora una volta che prima di utilizzare qualsiasi prescrizione di medicina tradizionale, si consiglia vivamente di consultare il proprio medico. Ciò è necessario, poiché anche la più sicura, a prima vista, la ricetta più sicura, se usata in modo improprio, può essere dannosa per il corpo..

    Cambiamenti fibrosi nel fegato: cos'è e come viene trattata la fibrosi?

    Cos'è la fibrosi epatica? Questo è un processo patologico caratterizzato dalla graduale sostituzione degli epatociti con tessuto connettivo cicatriziale. La violazione è associata a molte malattie epatiche croniche, principalmente alcol, lesioni tossiche, epatite.

    La fibrosi si sviluppa lentamente, le fasi iniziali procedono senza segni specifici, il che complica notevolmente la diagnosi. Nella maggior parte dei casi, il disturbo viene rilevato nella fase in cui sono comparse gravi complicazioni.

    Perché si sviluppa la fibrosi??

    Il fegato è la più grande ghiandola spaiata del corpo umano, è responsabile dell'esecuzione di molte funzioni diverse. Il corpo assicura la neutralizzazione di veleni, tossine, prodotti di decomposizione generati durante il metabolismo..

    Gli acidi grassi sono prodotti nel fegato, senza i quali il normale processo digestivo non può fare, nel corpo si accumulano sostanze utili: carboidrati, oligoelementi, vitamine.

    L'organo filtrante partecipa all'ematopoiesi, regola il metabolismo dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine. La salute di ogni persona dipende in gran parte dal lavoro del fegato, dalle sue capacità compensative.

    Gli epatociti sono in grado di autoripararsi anche con gravi lesioni tossiche, ma con la fibrosi il processo patologico diventa irreversibile:

    1. i tessuti fibrosi non svolgono funzioni utili;
    2. prestazione persa;
    3. l'organo cessa di funzionare normalmente.

    Nel tempo, cresce solo la quantità di tessuto fibroso.

    La fibrosi è una complicazione delle malattie croniche ereditarie acquisite. Tra le cause più comuni, i medici chiamano epatite virale e tossica, avvelenamento con sostanze tossiche, tossine, sostanze chimiche. Echinococcosi, disturbi adiposi, toxoplasmosi e malattie concomitanti sono anche in grado di influenzare i cambiamenti nei tessuti..

    Cambiamenti fibrosi sono osservati sullo sfondo di malattie di altri organi interni, malformazioni del muscolo cardiaco, malattia coronarica, disfunzione pancreatica.

    I fattori predisponenti sono i disturbi:

    • colangite;
    • colecistite;
    • colelitiasi;
    • oncologia.

    Fattori ereditari che contribuiscono all'insorgenza della fibrosi: emocromatosi, galattosemia, malattia di Wilson-Konovalov. A volte ai pazienti viene diagnosticata una fibrosi congenita, una malattia genetica causata da uno sviluppo anormale del tessuto epatico..

    La fibrosi congenita viene spesso diagnosticata nei bambini piccoli e in età prescolare. Un disturbo ereditario viene trasmesso in modo autosomico recessivo, quando in presenza di una malattia in uno dei genitori la probabilità di una patologia in un bambino aumenta al 50%.

    Classificazione della fibrosi

    Tenendo conto delle cause della fibrosi e della sua localizzazione, diverse forme di malattia si distinguono in medicina. Può essere fibrosi portale, pericellulare, perivenolare, periduttale, settale.

    Portale (periportale)

    La fibrosi portale è associata ad epatite virale, alcolica e tossica. Con questa forma della malattia, i tessuti fibrosi si formano nella regione dei tratti del portale, ad esempio, si accumulano nei dotti intracranici, nei rami della zona del portale e nei vasi linfatici. La fibrosi portale viene diagnosticata con avvelenamento con sostanze tossiche, infezione da parassiti.

    pericellular

    La fibrosi pericellulare si sviluppa attorno agli epatociti. La condizione patologica è associata a epatite cronica, abuso prolungato di bevande alcoliche, cirrosi cardiogena.

    Perivenular (venular)

    La fibrosi venosa (cardiaca) è la formazione del tessuto connettivo nel centro stesso dei lobi epatici, la vena centrale. La malattia si forma con insufficienza cardiaca, danno epatico alcolico.

    Perductal

    La fibrosi periodica si verifica quando vi è una violazione del deflusso adeguato della bile dal fegato. La causa principale del fenomeno possono essere le malattie concomitanti:

    1. infiammazione dei dotti biliari;
    2. difetti nello sviluppo del tratto biliare;
    3. cirrosi biliare.

    setto

    La fibrosi del setto o del ponte è caratterizzata dalla morte di massa di epatociti, al posto di essi, setti della forma del tessuto connettivo. I setti possono essere di vari spessori, dimensioni.

    I tessuti interessati collegano i tratti del portale situati nelle vicinanze, permeano l'intero spessore dei lobuli epatici. Di conseguenza, si osserva un cambiamento nella normale struttura del tessuto epatico. Fibrosi settale - una conseguenza dell'epatite cronica di qualsiasi eziologia.

    Misto

    La fibrosi mista si manifesta con varie combinazioni di tutti i tipi di fibrosi. Questa forma è la più comune, si sviluppa in varie malattie del fegato, anche con l'invasione di organi elmintici.

    Fase di violazione

    Gli stadi della fibrosi epatica sono valutati su più scale, i criteri principali: il numero di setti, la presenza di fibrosi portale, il grado di espansione delle vie portale. In tutte le scale, la descrizione delle fasi ha molte caratteristiche comuni, spesso usiamo la scala Metavir.

    Allo stadio F0, non ci sono manifestazioni di fibrosi, con F1, i processi del metabolismo intercellulare sono interrotti, si verifica insufficienza epatica. Nella fase F2, il processo patologico inizia a progredire, l'area della lesione cresce, sempre più cellule epatiche vengono sostituite dal tessuto connettivo.

    • le foche compaiono nel parenchima epatico;
    • cambiamenti irreversibili continuano a svilupparsi;
    • la fibrosi passa allo stadio terminale.

    Stadio F4 - l'ultimo stadio della fibrosi, con esso il fegato perde completamente le sue funzioni.

    Il trapianto di fegato aiuta a evitare la morte nell'ultima fase della malattia. Con la corretta determinazione della fibrosi, il medico riesce a scegliere il trattamento più accurato che interrompe la successiva progressione del processo patologico.

    Sintomi di fibrosi epatica

    Il principale pericolo di fibrosi è che la patologia non dà segni specifici. Tutti i sintomi che il paziente presenta sono specifici per altre malattie del fegato: epatite, epatosi, insufficienza epatica.

    Quando compaiono sensazioni insolite, è necessario essere esaminati usando metodi strumentali di laboratorio. Ciò consente di determinare tempestivamente la natura e la gravità dei problemi di salute..

    Sintomi soggettivi

    Tra i sintomi soggettivi, il paziente ha malessere generale, debolezza nel corpo e affaticamento eccessivo. È preoccupato per la mancanza di appetito, attacchi di nausea, vomito, mal di testa, sensazione di pesantezza e gonfiore.

    Inoltre, il dolore si verifica periodicamente nell'ipocondrio destro, possono essere di vari gradi di intensità - dalle sensazioni lievi al taglio, acute. Qualche volta:

    1. per un lungo periodo, la temperatura corporea aumenta;
    2. la pelle pruriginosa si sviluppa;
    3. gengive sanguinanti;
    4. compaiono sangue dal naso.

    I sintomi elencati sono associati a un graduale deterioramento del funzionamento del fegato, un accumulo di sostanze tossiche, un processo infiammatorio e una violazione della produzione di bile. Ciò include anche disturbi delle funzioni digestive, ematopoietiche, un aumento delle prestazioni degli acidi biliari nel flusso sanguigno.

    Segni oggettivi

    Durante un esame visivo, il medico scopre una serie di segni che indicano direttamente i processi patologici nel fegato. Il primo sintomo sarà un aumento delle dimensioni del fegato, i cambiamenti sono determinati dalla percussione e dalla palpazione.

    Un aumento significativo dell'organo filtrante si manifesta con asimmetria del lato destro della cavità addominale, rigonfiamento del bordo del fegato. Quando c'è difficoltà nel deflusso del sangue venoso sullo sfondo della fibrosi, aumenta la dimensione della milza nel paziente.

    Negli ultimi stadi della fibrosi si nota l'espansione delle vene sulla parete addominale. Un modello venoso caratteristico appare sulla pelle dell'addome, che è visibile attraverso il tegumento. L'espansione delle vene in medicina si chiama ipertensione portale.

    La fibrosi può essere sospettata dal verificarsi di vene varicose. Sembrano mazzi viola, appaiono in aree:

    La formazione di macchie vascolari è associata all'espansione dei capillari.

    Le malattie epatiche si fanno sentire dal giallo della pelle, dalla sclera. Di solito un sintomo appare già nelle ultime fasi dello sviluppo della patologia. La causa del cambiamento di colore è l'accumulo di pigmento giallo della bilirubina nel flusso sanguigno.

    Questa sostanza dovrebbe normalmente essere completamente spaccata dal fegato. Man mano che il disturbo progredisce, il fegato perde la sua funzione, non può far fronte all'evacuazione della bilirubina, la sostanza si accumula gradualmente nelle mucose e nei tessuti.

    Con la fibrosi nella regione delle gambe e dei piedi, forme gonfie, in alcune mani dei pazienti, i fianchi possono gonfiarsi. La gravità del sintomo di solito aumenta di sera, specialmente in quelle persone che sono costrette a rimanere in una posizione statica per lungo tempo..

    Le patologie epatiche sono caratterizzate da urine scure, lo scarico acquisisce il colore della birra. La violazione è associata ad un aumento della concentrazione di bilirubina, uno dei suoi prodotti di decadimento intermedio - urobilinogeno.

    Altri segni di fibrosi

    Il processo di formazione del tessuto cicatriziale procede sullo sfondo della formazione di piccole formazioni sottocutanee con xantoma, xantelasma. I noduli arrotondati o ovali si trovano nelle palpebre, nei palmi e in altre parti del corpo. Gli xantomi si verificano in caso di violazione del metabolismo dei grassi, aumento degli acidi grassi, colesterolo nel sangue a bassa densità, depositi nella pelle.

    Non è un caso raro quando la fibrosi è accompagnata da ascite - un accumulo di liquido nella cavità addominale. Il prerequisito per lo sviluppo del sintomo è l'ipertensione portale, una diminuzione del livello di albumina nel plasma sanguigno. A causa dell'accumulo di liquido, la cavità addominale raggiunge dimensioni significative.

    Di particolare pericolo è un sintomo come la comparsa di disturbi mentali. In violazione delle funzioni di pulizia, i prodotti di decadimento neurotossico penetrano nel flusso sanguigno, influenzando negativamente:

    • funzione cerebrale;
    • sistema nervoso;
    • salute mentale.

    Con la fibrosi, improvvisi sbalzi d'umore, una costante sensazione di depressione, un umore pessimistico, aumento dell'ansia, affaticamento, paure irragionevoli diventano all'ordine del giorno. La concentrazione dell'attenzione del paziente diminuisce, appare letargia, insonnia, in casi particolarmente gravi c'è una tendenza al suicidio.

    Qualsiasi sintomo sopra descritto è motivo di grave preoccupazione. Prima il paziente cerca l'aiuto dei medici, maggiore è la probabilità di un esito positivo della malattia.

    Metodi diagnostici avanzati

    Se sospetti un problema al fegato, devi seguire una serie di procedure. Lo studio inizia con una storia medica, il medico apprende dal paziente circa i reclami, per quanto tempo ha iniziato ad avere problemi di salute, se ha viaggiato di recente in paesi esotici.

    Il medico rivela se ci sono state malattie del fegato, avvelenamento, gravi patologie dell'apparato digerente, se ci sono cattive abitudini, che tipo di persona vivono e condizioni di lavoro. È necessario chiarire la storia familiare, la presenza di epatite, malattia del calcoli biliari nei parenti prossimi.

    Durante un esame visivo, sentono l'addome, determinano dolore, più spesso si avverte dolore durante la palpazione:

    1. sopra l'ombelico a destra;
    2. nell'addome superiore.

    Se è presente liquido libero nell'addome, non è escluso un leggero giallo delle proteine ​​oculari.

    Oltre all'esame visivo standard e all'anamnesi, il medico deve valutare lo stato mentale di una persona. Ciò è necessario per determinare i segni di encefalopatia epatica, che si sviluppa sullo sfondo di danni alle cellule cerebrali da sostanze tossiche..

    Test di laboratorio

    Si raccomanda che il paziente sia sottoposto a un esame del sangue clinico biochimico, un campione di urina e sia sottoposto a esami del sangue immunologici. In presenza di fibrosi nell'analisi del sangue generale, vengono determinati un aumento della velocità di eritrosedimentazione (VES), una diminuzione dell'emoglobina e la leucocitosi.

    La biochimica del sangue mostrerà un aumento della concentrazione di bilirubina, acidi biliari, colesterolo a bassa densità, un aumento di:

    L'analisi immunologica consente di stabilire le cause della fibrosi, per valutare lo stato immunitario del corpo. Questa analisi mostrerà la presenza di infezione da elminti nel fegato..

    Per valutare lo stato della coagulazione del sangue, viene eseguito un coagulogramma. Con la fibrosi, la coagulabilità rimane nell'intervallo normale o diminuisce leggermente. La diagnosi è necessaria per escludere la cirrosi; inoltre, per la diagnosi differenziale, si raccomanda uno studio degli anticorpi caratteristici della patologia.

    Al fine di rilevare frammenti di cibo non digerito, fibre alimentari grosse, grasso, il paziente viene sottoposto a un coprogramma. Un esemplare di feci viene anche dato a un verme uovo (ossiuri, nematodi), protozoi (lamblia, ameba).

    Metodi strumentali

    I metodi diagnostici strumentali non invasivi comprendono ultrasuoni (ultrasuoni), tomografia computerizzata (CT), risonanza magnetica (MRI) e istologia. Le tecniche sono raccomandate per determinare una vasta gamma di patologie epatiche. Biopsia prescritta, fibroscan (mostra l'elasticità del parenchima epatico).

    Esistono anche numerosi test che consentono di giudicare il grado di lesioni fibrotiche:

    La forma della fibrosi è determinata solo dall'esame microscopico dei tessuti ottenuti dalla biopsia.

    La procedura diagnostica esofagogastroduodenoscopia è prescritta per l'esame e la valutazione delle condizioni della superficie interna dell'esofago. Se il paziente sviluppa fibrosi, la procedura mostrerà un'espansione patologica delle vene. Il duodeno e lo stomaco vengono esaminati utilizzando uno strumento speciale.

    Un altro tipo di esame è l'elastografia, che diventerà un'alternativa alla biopsia. Inoltre, potrebbe essere necessaria una consulenza gastroenterologica..

    Metodi per il trattamento della fibrosi

    Il trattamento della fibrosi epatica è un compito molto difficile e responsabile. Ad oggi, non esiste ancora un'unica medicina in grado di curare la patologia in modo rapido ed efficace. Per questo motivo, il corso della terapia comprende una serie di misure terapeutiche volte a identificare la causa alla radice della condizione patologica, arrestando la reazione infiammatoria, inibendo l'ulteriore sviluppo del tessuto fibroso.

    Con l'epatite virale, vengono utilizzati farmaci antivirali Sofosbuvir, Daclatasvir, Ribavirin. Contro le infezioni parassitarie, toxoplasmosi, il paziente deve sottoporsi a trattamento con antibiotici, agenti antielmintici e antiprotozoari Spiromicina, Azitromicina.

    Con la fibrosi cardiaca del fegato, esiste il rischio di coaguli di sangue nei vasi sanguigni, vengono prescritti trombolitici, anticoagulanti al paziente. A causa dell'uso di droghe con un effetto disintossicante, i prodotti di decadimento vengono evacuati dal corpo.

    I farmaci coleretici speciali aiutano ad accelerare l'eliminazione della bile, a liberarsi della sua stagnazione, sono giustificati per patologie:

    • colangite;
    • colecistite;
    • malattie accompagnatorie.

    Per migliorare il processo di digestione, vengono presi i preparati enzimatici Kreon, Festal, Mezim.

    L'eliminazione delle reazioni infiammatorie nel fegato è fornita da ormoni glucocorticosteroidi, epatoprotettori, citostatici, antiossidanti. Un buon aiuto per proteggere le cellule del fegato significa Karsil, Silymarin, Hepabene, Essential. Il medicinale funziona con qualsiasi grado di fibrosi. Gli antiossidanti funzionano alla grande con gli epatoprotettori.

    L'uso di vari antagonisti, antiossidanti, agenti antiproliferativi, ACE-inibitori, interferoni aiuterà a sopprimere l'attività delle vene del ragno. Nelle fasi successive, quando la terapia farmacologica non dà una dinamica positiva della malattia, si raccomanda esclusivamente un trapianto di fegato.

    operazione

    Quando la patologia si è sviluppata in una fase avanzata, non sarà possibile fare a meno dell'intervento chirurgico. Solo la chirurgia aiuta a rimuovere i parassiti con lo sviluppo della schistomatosi. La tecnica laparoscopica è giustificata se è necessario rimuovere formazioni estranee.

    La scleroterapia o la gastrotomia aiutano a prevenire il sanguinamento esofageo. Con un grado pronunciato di ipersplenismo, si raccomanda la rimozione della milza. Il più pericoloso per la salute è la cirrosi..

    Dieta per fibrosi epatica

    Una parte importante del trattamento è l'aggiustamento dietetico. Con la crescita del tessuto cicatriziale, al paziente viene raccomandata un'alimentazione frazionata, piccole porzioni aiuteranno a prevenire il ristagno della bile, lo sviluppo di malattie concomitanti. Limitare l'uso di sale, piatti:

    Sottaceti, carni affumicate, cibi pronti, cibo in scatola, sottaceti vengono rimossi dal cibo. I grassi animali refrattari sono vietati per l'uso, scommettendo su oli vegetali. Zuppe di latte, verdure, cereali, insalate, contorni portano molti benefici. Non puoi mangiare funghi, cibo in scatola, caffè, cioccolato, cacao, gelato, pasticceria.

    Rimedi popolari

    Come metodo ausiliario di trattamento, vengono utilizzate ricette di medicina tradizionale. Tuttavia, deve essere chiaro che non è possibile liberarsi della patologia dai soli rimedi popolari, dovrebbero essere applicate ulteriori misure terapeutiche.

    Alcune piante medicinali contribuiscono al miglioramento dell'attività delle cellule del fegato, riducono la gravità dell'infiammazione. Il cardo mariano diventa un rimedio efficace contro i problemi al fegato, i semi di erba devono essere macinati allo stato di polvere, presi in un cucchiaio 4 volte al giorno. In farmacia puoi acquistare pillole già pronte dall'erba.

    Un'infusione di diverse piante epatiche contribuirà a migliorare il benessere:

    I componenti vengono miscelati con un litro di acqua bollente, riscaldati per mezz'ora al fuoco più lento, insistono per altre due ore sotto il coperchio. Dopo aver assunto il farmaco, non dovresti mangiare o bere.

    Le tinture alcoliche sono preparate dal cinquefoil bianco; non sono meno efficaci per migliorare la funzionalità del fegato. In una bottiglia di vodka, devi aggiungere 50 g di pianta, insistere per tre settimane in un luogo buio. La tintura finita viene presa in 3 gocce, precedentemente miscelate con 50 ml di acqua pura. Il trattamento viene effettuato tre volte al giorno.

    I rimedi popolari proposti non sono adatti a tutti, il paziente può iniziare una reazione allergica. Per questo motivo, è importante consultare il proprio medico prima di iniziare il trattamento con prescrizioni di medicina alternativa..

    Complicanze e probabili conseguenze

    Senza una terapia adeguata, la fibrosi passa alla cirrosi, lo stadio finale della malattia del fegato. Una complicazione può essere l'accumulo di liquido nella cavità addominale, il processo infiammatorio del peritoneo.

    Il pericolo di fibrosi è un cambiamento nella struttura delle pareti dell'organo, l'espansione delle vene dell'esofago e il sanguinamento da esse. I sintomi del sanguinamento gastrointestinale includono vomito sanguinante, feci nere, diminuzione della pressione sanguigna e un aumento della frequenza cardiaca fino a 100 battiti al minuto..

    Il paziente può iniziare confusione, encefalopatia epatica, in cui vi è un disturbo comportamentale, disturbi neuromuscolari, sindrome neuropsichiatrica.

    La conseguenza della fibrosi è il carcinoma epatocellulare - una neoplasia in rapido progresso nel fegato associata a danno tissutale di varie eziologie:

    La mancanza di trattamento minaccia la sindrome epatorenale, una condizione patologica caratterizzata da grave insufficienza renale. Di conseguenza, si verifica un accumulo di sostanze tossiche e viene violata la capacità di filtraggio dell'organo. Ciò include anche la sindrome epatico-polmonare, la gastropatia, la colopatia..

    I processi patologici nel fegato sono irti di disturbi del sistema riproduttivo, ridotta potenza, libido, tumori, infertilità.

    Previsioni per il futuro, prevenzione

    Con l'inizio di stadi gravi della malattia e una forte crescita eccessiva del tessuto cicatriziale, la prognosi per il futuro per il paziente non è del tutto favorevole. Quando i cambiamenti fibrotici vengono diagnosticati all'inizio della malattia, con un trattamento tempestivo, circa il 70% dei pazienti può tornare alle loro normali vite, si liberano completamente dei loro problemi di salute. Le ultime fasi sono caratterizzate da un aumentato rischio di morte.

    L'aspettativa di vita dipende dall'eziologia della malattia, dall'età del paziente, dalla presenza di patologie concomitanti, complicanze. Con la cirrosi (l'ultima fase della malattia), i cambiamenti sono irreversibili, con un trattamento di mantenimento il paziente vive non più di 3-7 anni.

    Al fine di prevenire le complicazioni potenzialmente letali delle malattie del fegato, si raccomanda di limitare lo stress psicoemotivo e fisico sul corpo. Sono mostrate la profilassi obbligatoria dell'epatite virale e il trattamento completo più rapido..

    Per ottenere dinamiche positive, una riduzione o un'eccezione completa aiuta:

    • fattori di produzione;
    • sostanze velenose;
    • impatti domestici.

    Non l'ultimo ruolo è assegnato a una dieta razionale ed equilibrata, a uno stile di vita sano, a uno sforzo fisico moderato. Tra le raccomandazioni, almeno una volta all'anno, è necessario un esame endoscopico; durante la procedura, il medico valuta le condizioni della superficie interna dell'esofago, del duodeno, dello stomaco.

    Un requisito importante è il trattamento tempestivo delle patologie dell'apparato digerente: gastrite, epatite, colecistite, pancreatite, ulcera peptica.