Esame del sangue per esami del fegato

11 minuti, pubblicato da Lyubov Dobretsova 1289

Il fegato è la più grande ghiandola del corpo umano. A causa dell'ampiezza dell'elenco delle funzioni, può essere confrontato con un laboratorio biochimico, un impianto di produzione di enzimi, una fabbrica per neutralizzare tutti i tipi di tossine o con un deposito per la conservazione del sangue, i più importanti oligoelementi e tutti i tipi di vitamine.

Pertanto, è ovvio che se questo organo indispensabile fallisce nel suo lavoro, le conseguenze per la salute umana possono essere molto pericolose. Al fine di evitare lo sviluppo di gravi patologie epatiche e di adottare le misure appropriate in tempo, si raccomanda di effettuare la diagnosi di laboratorio alle prime violazioni anche minori.

Uno degli studi più semplici ed efficaci è un esame del sangue biochimico (LHC), che comprende esami del fegato. Ciò che è incluso in questo concetto, quali indicatori vengono misurati, come prepararsi per la procedura, ecc. Sarà descritto in dettaglio di seguito..

Quando controllare il fegato?

È meglio valutare regolarmente le condizioni e il funzionamento di uno degli organi più importanti del corpo umano - il fegato - che è, almeno una volta ogni sei mesi o, in casi estremi, un anno. Poiché questo approccio alla tua salute ti consentirà di identificare i cambiamenti incipiente, che nelle fasi iniziali saranno più facili da eliminare senza ricorrere a trattamenti complessi e lunghi.

Ma con alcuni sintomi, sarà immediatamente necessario un esame del sangue per gli esami del fegato, poiché spesso segnalano lo sviluppo della patologia nell'organo. Questo elenco include le seguenti modifiche..

Sensazioni spiacevoli

La comparsa di sensazioni spiacevoli e atipiche nell'ipocondrio destro è considerata uno dei primi segni di compromissione della funzionalità epatica. Una sensazione di costrizione, trabocco e altre sensazioni insolite nel fegato possono essere combinate con sensazioni di formicolio sottili o con lievi dolori lancinanti.

Fondamentalmente, si dichiarano durante una conversazione emotiva, risate, urla, starnuti, tosse, sollevamento di oggetti pesanti, curve acute a destra o a sinistra o dopo cibo fritto, speziato, grasso o affumicato.

Inizialmente, le lievi sensazioni non causano un notevole disagio o dolore, e spesso i pazienti dicono di questo sintomo "Ho scoperto dove si trova il mio fegato". Questa è una seria causa di preoccupazione, poiché un sintomo simile spesso indica la fase iniziale di sviluppo di molte malattie del fegato.

Aumento delle dimensioni

Quando si esegue la diagnostica ecografica del fegato, una deviazione dalla norma delle sue dimensioni è determinata molto facilmente, tuttavia, questo sintomo può spesso essere notato in modo indipendente. Ciò è indicato dall'addome sporgente sullo sfondo di una mancanza di pienezza generale e non accompagnato da un aumento del peso corporeo. Ciò è più evidente nei pazienti magri..

Cattivo gusto

Le persone con problemi epatici cronici si lamentano spesso di secchezza lancinante, così come costante amarezza, a volte con un sapore caratteristico simile al "rame".

Inoltre, i pazienti notano la presenza di una sensazione di viscosità in bocca e una diminuzione del gusto. La percezione del cibo è disturbata e anche i piatti precedentemente amati possono causare disgusto alla nausea e la voglia di vomitare.

Perdita di peso in astenia

La perdita di peso tra gravi perdite di peso è in gran parte il risultato del sintomo precedente. Rifiuto e avversione al cibo, perdita di gusto, accompagnata da nausea, portano a una riduzione della dieta, che a sua volta provoca una riduzione del peso corporeo.

Allo stesso tempo, le persone notano una maggiore irritabilità, sonnolenza, debolezza, affaticamento rapido, dovuto alla mancanza di energia nel corpo. Considerando che, a causa di una violazione del metabolismo dell'azoto (proteine), gli effetti tossici aumentano drasticamente, causando un aumento del contenuto di ammoniaca nel sangue e, di conseguenza, l'insorgenza di iperammonemia epatica (secondaria).

itterizia

Il concetto di ittero comprende un intero complesso di segni che si manifestano in vari organi. I principali sono considerati i seguenti:

  • ittero della pelle, mucose e sclera degli occhi,
  • dolore alle ossa e alle articolazioni
  • peeling e prurito della pelle,
  • urine scure,
  • febbre.

Tutti questi segni sono associati ad alterata funzionalità epatica. Allo stesso tempo, il dolore alle articolazioni e alle ossa indica gravi malfunzionamenti nell'organo, la malattia con questi sintomi ha uno stadio chiaramente avanzato.

Questo processo è continuo e viene costantemente eseguito a livello cellulare. Durante la normale attività corporea, il pigmento viene utilizzato dal fegato e quindi escreto attraverso l'intestino. Pertanto, dal suo accumulo nei tessuti, si può chiaramente capire che il fegato non è in grado di adempiere ai suoi doveri funzionali.

Oltre ai suddetti sintomi, viene anche eseguito un esame del sangue biochimico con test di funzionalità epatica in modo pianificato in situazioni quali:

  • donne durante la gravidanza (è meglio farlo nella fase di pianificazione del concepimento);
  • prima di un corso terapeutico, che prevede l'assunzione di potenti farmaci;
  • prima dell'intervento chirurgico.

Questa proiezione consente di identificare:

  • il fatto stesso della presenza di patologia epatica, il grado di violazione delle sue funzioni;
  • la presenza e il grado di cambiamento nelle strutture cellulari del parenchima epatico (ad esempio cirrosi o fibrosi);
  • malattie specifiche (epatosi grassa, epatite autoimmune e virale, ecc.).

Caratteristiche diagnostiche

Le condizioni e il funzionamento della più grande ghiandola del corpo umano sono prima di tutto valutati dai risultati di un esame del sangue biochimico, durante il quale viene studiato l'intero elenco degli enzimi necessari.

LHC sulla base di dati sulla natura, la velocità e le caratteristiche dei prodotti finali del metabolismo, informazioni sui processi metabolici di proteine, lipidi e carboidrati consentono di determinare tutte le violazioni presenti. Inoltre, l'analisi consente di identificare i bisogni del corpo di oligoelementi e vitamine e di stabilire il grado della loro mancanza.

I cambiamenti patologici nel fegato si rifletteranno necessariamente negli indicatori della biochimica del sangue, indicando la presenza di deviazioni dalla norma. La quantità di informazioni necessarie per fare, chiarire, confermare o confutare la diagnosi è diversa, a causa del quadro clinico ottenuto sulla base di un esame generale, anamnesi e dati ecografici.

Il terapista o un medico specializzato in problemi al fegato - l'epatologo può prescrivere un esame del sangue standard per la biochimica, che studia 6 indicatori o uno dettagliato, inclusa una valutazione di un massimo di 15 parametri, a seconda delle condizioni del paziente.

Affinché i risultati di LHC siano affidabili, il paziente deve soddisfare diversi semplici requisiti, che è necessario prima familiarizzare con l'ufficio del medico. La preparazione implica le seguenti regole.

Il sangue per analisi deve essere preso rigorosamente a stomaco vuoto. Il fegato partecipa attivamente al processo di digestione e il cibo stesso, così come la sua natura, ha un impatto significativo sui risultati dello studio, portando alla loro distorsione. Per evitare ciò, l'intervallo di tempo prima di assumere il biomateriale e l'ultimo pasto dovrebbe essere di almeno 8 ore.

Lo stesso vale per qualsiasi bevanda. Alcuni medici raccomandano non solo di non bere acqua prima di sottoporsi al test, ma anche di non lavarsi i denti, poiché avere acqua in bocca provoca un'intera catena di reazioni digestive che si diffondono anche al fegato. Inoltre, tre giorni prima della procedura, è necessario rifiutare cibi grassi e piccanti.

L'uso di alcol è vietato. Anche una scarsa dose di alcol porta ad un aumento del carico sul fegato, è in grado di modificare le proprietà del sangue e influire direttamente sulla qualità della sua coagulabilità. Sulla base di questo, il periodo minimo per l'astinenza dalle bevande contenenti alcol prima dell'LHC è di tre giorni.

Assicurati di astenersi dal fumare. Poiché l'influenza del fumo di tabacco può causare un aumento della secrezione dell'apparato digerente e del fegato stesso, devono trascorrere almeno 12 ore tra l'ultima sigaretta fumata e il prelievo di sangue sulla biochimica.

Rifiuto di intenso sforzo fisico. Tre giorni prima della consegna del biomateriale, è necessario escludere un intenso sforzo fisico e, in particolare, praticare sport. Inoltre, si raccomanda di evitare il più possibile situazioni stressanti e altre fluttuazioni psico-emotive, inoltre è necessario osservare gli schemi del sonno e riposarsi a sufficienza.

Annullamento di farmaci. Anche le vitamine possono influenzare il contenuto di enzimi epatici nel sangue, quindi, se il paziente assume farmaci, è necessario interrompere il loro uso almeno una settimana prima dell'analisi.

Ciò è dovuto al fatto che alcuni farmaci sono in grado di modificare la composizione del sangue per lungo tempo, il che distorcerà direttamente i risultati dello studio. Se per qualche motivo ciò non può essere fatto, è indispensabile informare il medico che ha prescritto l'analisi dei farmaci assunti..

Oltre alle raccomandazioni di cui sopra, le donne in età fertile dovranno sottoporsi a un test di gravidanza prima dello screening epatico. Poiché questa condizione provoca un riarrangiamento fondamentale nel corpo, a causa di un cambiamento nel background ormonale, che comporta anche alcuni cambiamenti nella sintesi degli enzimi, compresi quelli coinvolti nella digestione.

Cosa si misura con gli esami del fegato?

LHC, e in particolare i test del fegato, consente di determinare il livello di concentrazione di sostanze importanti per il corpo, nonché di scoprire il numero di un numero di enzimi nel siero del sangue. La valutazione delle prestazioni del fegato, della cistifellea e del tratto biliare viene effettuata utilizzando i seguenti indicatori:

  • attività enzimatica: alanina aminotransferasi (ALT), aspartato aminotransferasi (AST), gamma-glutamil transferasi (GGT) e fosfatasi alcalina (ALP);
  • il contenuto di proteine ​​totali e le sue singole frazioni (albumina, globuline e fibrinogeno) nel plasma sanguigno;
  • livello di bilirubina legata (diretta, coniugata) e non legata (indiretta, non coniugata).

Il grado di deviazione dai valori di riferimento offre l'opportunità di stabilire quanto sia danneggiato il parenchima epatico e quale sia lo stato funzionale della sua capacità escretoria e sintetica.

Norma e deviazioni

La decifrazione dei risultati degli indicatori LHC, e in particolare degli esami del fegato, deve essere eseguita da uno specialista, poiché solo un medico esperto può confrontare i dati e trarre conclusioni su di essi.

Tuttavia, il paziente è in grado di apprendere autonomamente i normali indicatori dei parametri valutati e vedere i cambiamenti in una direzione o nell'altra. Dovresti sapere che i valori di riferimento di alcuni coefficienti negli uomini e nelle donne adulti tendono a differire, come si può vedere di seguito.

Bilirubina (totale)

La norma è 3,4-20 μmol / L. Un aumento dell'indicatore si nota con l'ittero:

  • sopraepatico (emolitico),
  • epatico (parenchimale),
  • subepatico (colestatico),

così come la sindrome da iperbilirubinemia funzionale.

Bilirubina (legata)

La norma non è superiore a 8,6 μmol / L. Un aumento del parametro si nota quando:

  • epatite (virale, farmacologica o tossica);
  • violazioni della pervietà del tratto biliare (colecistite, colangite);
  • ittero (meccanico o in donne in gravidanza);
  • cirrosi biliare;
  • neoplasie oncologiche;
  • sindrome da iperbilirubinemia funzionale.

La norma nelle donne è fino a 31 unità / litro, negli uomini fino a 41 unità / litro. Prestazioni migliorate con

  • insufficienza cardiaca, infarto miocardico esteso e miocardite;
  • epatite - natura virale acuta, tossica (droga, alcool);
  • cirrosi, neoplasia primaria e tumore maligno del fegato;
  • ittero - meccanico o colestatico;
  • pancreatite acuta;
  • epatosi grassa;
  • lesioni estese.

Una diminuzione dell'ALT è anche un segno di patologia ed è nota con cirrosi epatica, necrosi estesa e mancanza di vitamina B6.

Normalmente, le prestazioni di questo enzima non dovrebbero superare 31 unità / litro nelle donne e 37 unità / litro negli uomini. La crescita del coefficiente si verifica quando:

  • cardiochirurgia, un grave attacco di angina pectoris, cardiopatia reumatica acuta, infarto del miocardio;
  • epatite - eziologia virale acuta, tossica (droga, alcool);
  • tumori benigni e maligni del fegato;
  • trombosi polmonare;
  • sindrome colestatica;
  • lesioni muscolari estese;
  • pancreatite acuta.

Si osserva una riduzione degli indicatori al di sotto del normale con un'assunzione insufficiente di vitamina B.6, rottura del fegato e necrosi estesa di questo organo.

Valori di riferimento per le donne fino a 32 unità / litro, per gli uomini fino a 49 unità / litro. Un aumento dell'indicatore può indicare la presenza di:

  • epatite acuta o cronica (virale, tossica (farmaco o di origine alcolica)), nonché a causa dell'esposizione alle radiazioni;
  • sindrome colestatica (extraepatica e intraepatica);
  • oncopatologia: tumore alla prostata, pancreas, epatoma;
  • nefrite - pielonefrite o glomerulonefrite;
  • pancreatite acuta e cronica.

Nelle persone sane, indipendentemente dal sesso, il livello di fosfatasi alcalina non deve superare 40-150 U / L. Un aumento dei parametri può essere una conseguenza dello sviluppo dei seguenti cambiamenti patologici:

  • epatite - virale, tossica (eziologia di droghe o alcol);
  • iperparatiroidismo (aumento della sintesi degli ormoni tiroidei);
  • sindrome colestatica (extraepatica e intraepatica);
  • malattia ossea, fratture;
  • mancanza di fosforo o calcio;
  • cancro al fegato, necrosi o cirrosi.

Una diminuzione dell'indicatore può essere associata ad anemia, sintesi insufficiente di ormoni tiroidei, nonché una carenza nel corpo di oligoelementi come magnesio, zinco, vitamine B12 e C. Inoltre, questa condizione è talvolta rilevata in caso di avvelenamento da metalli.

Una versione estesa dell'LHC per una valutazione più completa della capacità funzionale del fegato comprende lo studio di glucosio, colesterolo, urea, colinesterasi, lipasi, protrombina, ecc. La fattibilità dello studio di ciascuno dei parametri è determinata dal medico curante in base al presente quadro clinico..

Conclusione

I risultati della biochimica del sangue sono generalmente pronti in 1-2 giorni lavorativi. In alcuni casi, quando è impossibile ritardare la nomina della terapia, l'analisi e l'interpretazione dei dati possono essere eseguite in poche ore.

Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare che la decodifica dei materiali di ricerca e la diagnosi dovrebbero essere eseguite da un medico esperto che può valutare la situazione attuale e tenere conto di tutte le sottigliezze della patologia in via di sviluppo, nonché delle malattie concomitanti.

Ad esempio, un eccesso di fosfatasi alcalina di 3 volte la norma indica spesso epatite di origine virale o alcolica, 5 volte indica esaurimento grasso del fegato. A quel tempo, un aumento di questo parametro di 20 o più volte indica cirrosi biliare o farmacologica del fegato.

Non è sufficiente vedere che il risultato dell'analisi è negativo, è necessario tenere conto di tutte le deviazioni presenti e avere le conoscenze per comprendere la causa delle violazioni rivelate. Un epatologo o un terapeuta fa un quadro completo dai dati di un esame del sangue, delle urine, dei materiali ad ultrasuoni, di una storia medica.

Il quadro clinico complessivo, a sua volta, può essere chiamato citolitico, mesenchimale-infiammatorio, sindrome colestatica, insufficienza epatica o sindrome dell'ipertensione portale. La determinazione delle caratteristiche e della gravità della malattia, come dimostra la pratica, è uno dei punti principali nella nomina di una terapia adeguata e nell'ulteriore recupero del paziente.

Norma test epatici, decodifica, cause di aumento

La bilirubina provoca un aumento

Tutto sulla bilirubina. Bilirubina diretta elevata: cosa significa?

Il pigmento giallo, un prodotto del catabolismo dell'emoglobina, si forma a seguito della morte dei globuli rossi. Ogni giorno, fino a 300 mg di bilirubina non coniugata (indiretta) tossica e insolubile in acqua, che penetra nel fegato, viene coniugata dall'acido glucuronico e diventa bilirubina diretta non tossica e solubile in acqua nel sangue di una persona sana. Quest'ultimo viene escreto nell'intestino con la bile, subisce una serie di trasformazioni ed è escreto dal corpo.

Bilirubina BIL-T totale = ID-BIL non coniugata + D-BIL diretta

Un aumento della concentrazione di bilirubina totale nel sangue> 30-50 μmol / L è accompagnato da una colorazione gialla della pelle e delle mucose - ittero. Ma l'iperbilirubinemia si trova non solo nella patologia del fegato e del tratto biliare - altre malattie sono accompagnate da ittero.

Cause comuni di aumento della concentrazione totale di bilirubina nel sangue

Epatite acuta / cronica. Cirrosi epatica. Danno tossico alle cellule del fegato (alcol, droghe, veleni). Metastasi tumorali nel fegato. Cancro al cancro primario. Insufficienza cardiaca (la morte delle cellule del fegato si verifica a causa dell'ipossia).

Colelitiasi. Tumore del pancreas.

La formazione di troppa bilirubina indiretta a causa della morte in massa dei globuli rossi.

Anemia emolitica Ittero del neonato. Anomalie metaboliche ereditarie.

Cosa possono dire gli esami del fegato?

La decifrazione dei parametri funzionali in un esame del sangue biochimico aiuta a valutare la funzione sintetica del fegato, il suo lavoro sull'assorbimento di varie sostanze tossiche, la loro rimozione dalla circolazione, il metabolismo e la modifica dei farmaci.

Tasso epatico significa

  1. L'albumina è la proteina del sangue che si trova nella maggior quantità e prodotta dalle cellule del fegato. Quando si esamina un medico, è più importante conoscere il cambiamento nel rapporto delle singole frazioni proteiche rispetto all'indicatore della proteina totale. L'albumina non è un indicatore altamente sensibile, ma è direttamente interessata da malattie del fegato, reni, malnutrizione, ecc. Le ragioni della diminuzione della concentrazione di albumina sono epatite, cirrosi, neoplasie di varia natura, lesioni reumatiche, malattie intestinali, ecc. Tra gli altri meccanismi che possono influenzare la concentrazione di albumina, contraccettivi orali, malnutrizione, gravidanza (non sempre!).

Decifrare l'aumento dei livelli di albumina non è difficile, tali cambiamenti si verificano solo con grave disidratazione e un aumento della viscosità del sangue;

  • Il tempo di protrombina è un semplice test che riporta la capacità del fegato di sintetizzare i fattori della coagulazione. Tuttavia, una riduzione dell'indice di protrombina dipende non solo dalla funzionalità epatica compromessa, ma anche dalla quantità di vitamina K nel corpo. Un aumento dell'indice protrombinico, l'assenza dei suoi cambiamenti dopo la somministrazione di vitamina K, indica problemi al fegato;
  • Transaminasi - AcT e Alt. Un aumento di ALT e ACT sierici è un indicatore del processo patologico di epatociti, miociti, muscoli scheletrici e cellule cerebrali. Tutto ciò può essere il risultato di malattie come epatite infettiva, infarto del miocardio, cirrosi epatica, metastasi tumorali, uso cronico di alcol, pancreatite cronica, ecc. Un aumento di ALT e AcT di un fattore dieci (fino a 300-400 U / L) nei processi acuti (ad esempio, epatite virale, tossica) e ischemia del parenchima epatico Le malattie del fegato causano un aumento maggiore dell'ALT e in caso di alterata circolazione del muscolo cardiaco - ACT. La riduzione di ALT e ACT si verifica durante la gravidanza, carenza di vitamina B6, insufficienza renale.

    Norm AcT - da 7 a 40 MEL e Alt - da 5 a 30;

  • Bilirubina. Uno dei principali indicatori specifici di insufficienza epatica. La bilirubina diretta e indiretta aumenta se una persona ha l'epatite (acuta e cronica), vi è ostruzione dei dotti biliari, intossicazione da uso eccessivo di farmaci epatotossici, patologie congenite del sistema epatobiliare con alterato deflusso biliare. La bilirubina diretta e totale può essere significativamente aumentata se prolungata tempo in cui una persona segue una dieta ipocalorica o pratica il digiuno;
  • GGTP. Un indicatore informativo e altamente sensibile che aiuta a identificare la malattia nella fase iniziale quando altri criteri specifici rientrano nell'intervallo normale GGTP aumentato - epatite infettiva tossica acuta, blocco dei dotti biliari intra ed extraepatici, danno epatico metastatico, epatite alcolica, diabete mellito, patologia pancreatica e altre malattie gastrointestinali, patologia cardiaca. Il GGTP a volte aumenta dopo aver assunto pillole anticoncezionali;
  • Fosfatasi alcalina. Viene diagnosticato in gran numero nei bambini: questa è una norma fisiologica. Con l'età, la sua quantità diminuisce, il tasso di fosfatasi alcalina - da 50 a 120 ME. Le ragioni per aumentare questo indicatore: l'età dei bambini; malattie associate ad un aumento e proliferazione del tessuto osseo; metastasi ossee di tumori maligni; otturazione di varie genesi di tutti i dotti coinvolti nel passaggio della bile; danno al fegato causato dall'assunzione di farmaci; gravidanza; malattie endocrine causate da cambiamenti nella concentrazione degli ormoni tiroidei.

    Ragioni per ridurre la fosfatasi alcalina: crescita lenta nei bambini, malattia della tiroide.

    Trascrizione dell'analisi dei test epatici, norma

    Un fegato malato raramente provoca sintomi e, se lo sono, di solito non sono specifici. Ad esempio, con fegato grasso, i pazienti a volte avvertono una leggera pressione nell'addome superiore.

    L'infiammazione non causa dolore, ma solo sintomi comuni: affaticamento, perdita di appetito o fastidio addominale, diarrea e sangue dal naso, che non indicano immediatamente un fegato malato.

    Il tipico ingiallimento della pelle e degli occhi spesso non è particolarmente evidente ed è poco riconoscibile per una vasta gamma di persone.

    I test epatici e la trascrizione di questo esame del sangue vengono utilizzati per rilevare danni o malattie al nostro organo di filtrazione. I cambiamenti nelle cellule del fegato e le sue funzioni che indicano la malattia sono riconosciuti da vari enzimi nel sangue:

    • La transaminasi glutammina-piruvica (HPT) è un enzima che viene rilasciato nel sangue durante la degradazione delle cellule del fegato. Si trova nelle cellule del fegato e si trova anche nel tessuto muscolare..
    • La gamma-glutamiltransferasi (GGT) si trova nei dotti biliari, ma può anche essere trovata in altri organi.
    • Fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina). Questo enzima può essere trovato in tutto il corpo, ma soprattutto nel fegato, nelle ossa, nell'intestino, nei reni e nei globuli bianchi.
    • La bilirubina è un prodotto di scomposizione dei globuli rossi che viene escreto attraverso il fegato insieme alla bile.
    • L'albumina è la proteina del sangue più comune prodotta dal fegato e svolge un ruolo nel processo di coagulazione del sangue..

    Quando sono necessari i test e come prepararli?

    I test epatici vengono eseguiti quando vi sono possibili segni di danno all'organo di filtrazione. Questi includono:

    • pelle gialla;
    • urine scure
    • sgabello leggero;
    • nausea, vomito e diarrea;
    • perdita di appetito;
    • vomito con sangue;
    • feci sanguinolente;
    • mal di stomaco;
    • perdita di peso;
    • fatica.

    Per ottenere risultati di analisi obiettive, è necessario osservare le seguenti raccomandazioni prima di prelevare un campione di sangue:

    • Almeno 48 ore in anticipo, è necessario evitare un'eccessiva attività fisica. È inoltre necessario escludere dalla dieta alcol, cibi piccanti, fritti, piccanti e grassi.
    • Il prelievo di sangue è preferibile al mattino a stomaco vuoto, almeno non prima di 8 ore dopo aver mangiato.
    • Dovresti prima informare il tuo medico dell'assunzione regolare di eventuali farmaci. Se possibile, è meglio sospendere il trattamento 7-10 giorni prima dei test di funzionalità epatica..

    Come interpretare i risultati? Indicatori di norme

    Il medico confronterà i risultati della decifrazione dell'analisi dei campioni di fegato con l'intervallo normale stabilito per un particolare indicatore dei test dei pazienti. Quando uno o più punti non rientrano nell'intervallo normale, ciò può indicare che c'è un malfunzionamento nel fegato.

    Come è la preparazione per l'analisi

    Affinché gli indicatori di ricerca siano il più precisi possibile, il paziente deve prepararsi con cura prima di effettuare un'analisi per gli enzimi epatici. Esistono alcune condizioni obbligatorie che devono essere osservate immediatamente prima del prelievo di sangue e pochi giorni prima. Quindi, tre giorni prima dell'analisi, è necessario abbandonare le attività sportive e l'allenamento, l'alcol, le sigarette, i cibi eccessivamente grassi e fritti. In questi giorni, devi cercare di evitare situazioni stressanti, perché i disturbi morali possono cambiare le prestazioni dello studio. La sera alla vigilia del prelievo di sangue, non è consigliabile bere caffè o tè forte e la cena dovrebbe essere leggera, ma abbondante, perché il pasto successivo è possibile solo dopo aver superato l'analisi. Se il paziente prende dei farmaci da cui dipende la sua vita, il medico curante deve esserne consapevole. In questi giorni vale la pena astenersi da altri tipi di medicinali o informare l'assistente di laboratorio sulla loro assunzione, e quindi dal medico. I test epatici vengono eseguiti rigorosamente a stomaco vuoto. Prima di donare il sangue, bere solo acqua pulita e non gassata..

    Quali sono i test di funzionalità epatica

    Il fegato è il principale filtro e laboratorio del nostro corpo. Gli epatociti (cellule epatiche funzionanti) svolgono centinaia di funzioni diverse. Pertanto, qualsiasi violazione della struttura e (o) violazione delle funzioni del fegato porta immediatamente al fatto che la composizione del sangue cambia, perché il fegato lancia costantemente molti tipi di sostanze nel sangue. La rottura del fegato porta al fatto che alcune sostanze iniziano a essere rilasciate di meno, mentre altre di più. Se prendiamo il sangue da una persona e ne analizziamo la composizione, possiamo concludere sullo stato del fegato.

    I numeri che descrivono la composizione del sangue sono chiamati indicatori biochimici. Tra questi, diversi si distinguono, i cui spostamenti sono caratteristici o addirittura specifici per le lesioni del fegato. Tali test di laboratorio sono chiamati test epatici o test funzionali del fegato (FPP). Funzionale - perché i risultati di tali test riflettono lo stato della funzione e non la struttura del fegato, anche in situazioni in cui i disturbi strutturali sono primari.

    I FPP sono semplici e piuttosto istruttivi, pertanto sono ampiamente utilizzati nella pratica clinica. Per condurre questo studio, si ottiene un campione di sangue dalla vena ulnare, in cui vengono determinati i seguenti indicatori (tra parentesi è il codice indicatore nella nomenclatura LOINC internazionale):

    • concentrazione proteica totale (2885–2);
    • la concentrazione di proteine ​​(albumina) sintetizzata dagli epatociti (1751–7);
    • bilirubina totale (1975-2012)
    • bilirubina diretta (coniugata) (1968–7);
    • Attività AST (1920–8);
    • Attività ALT (1742–6);
    • attività alcalina fosfatasi (6768–6).

    La definizione di questi indicatori è integrata nel cosiddetto panel di laboratorio sotto il nome di "Funzione epatica - 2000 panel" (test di funzionalità epatica - 2000) e codice LOINC 24325-3. Un pannello viene generalmente chiamato un gruppo di test eterogenei volti a ottenere informazioni sullo stato di un singolo organo o sistema del corpo. Il pannello ha un proprio codice a causa del fatto che può essere assegnato ed eseguito nel suo insieme.

    Inoltre, gruppi stabili di test di laboratorio sono la batteria (un set di test omogenei durante l'elaborazione di diversi biomateriali di pazienti) e il righello (un set di diversi test di laboratorio volti a raggiungere un obiettivo diagnostico specifico). Un esempio di batteria è il raggruppamento di "glucosio nel sangue, glucosio nelle urine, glucosio nel liquido cerebrospinale" per la diagnosi di diabete mellito, un esempio di righello: "ESR, concentrazione di immunoglobuline, proteina C-reattiva, ASL-O" per la diagnosi di reumatismi.

    • rilevare danni e distruzione delle cellule del fegato;
    • trarre una conclusione preliminare sul grado di insolvenza funzionale del corpo;
    • sospettare la presenza di ristagno nel tratto biliare (colestasi), cirrosi, un tumore o un processo infiammatorio nel parenchima epatico;
    • valutare lo stadio di una malattia precedentemente diagnosticata e l'efficacia del trattamento.

    Importante! Un singolo risultato di analisi non è una base per fare una diagnosi. La conclusione finale è fatta sulla base dei dati del quadro clinico e dei risultati di un esame completo del paziente

    I test epatici aiutano a diagnosticare.

    Tabella dei risultati di decodifica

    Poiché durante l'esecuzione di esami del fegato, vengono studiati vari indicatori e le loro deviazioni in diverse direzioni, per semplicità di interpretazione dei risultati, è possibile utilizzare la tabella in cui sono indicati i possibili motivi per la diminuzione o l'aumento degli enzimi, nonché le norme.

    ALT o alanina aminotransferasi. Questo è un enzima speciale che viene prodotto dal fegato umano. In una piccola concentrazione, è presente nel sangue. È la sua concentrazione che può dire al medico le manifestazioni delle malattie del fegato. Il suo volume aumenta anche in quei casi in cui i sintomi della malattia non si sono ancora manifestati sufficientemente. Ma se il tessuto epatico è gravemente colpito, la concentrazione di ALT può aumentare diverse decine di volte.

    AST è un enzima. Spesso è in grado di indicare malattie epatiche e cardiache. Con un aumento della concentrazione di AST nel sangue, il medico prescrive ulteriori studi, poiché lo sviluppo di epatite e tumori è elevato.

    GTT o gammagrutaniltransferasi è un altro enzima prodotto nel fegato. È un marker di ristagno delle secrezioni biliare. L'enzima è attivo in colestasi, varie infiammazioni, tumori, nonché in gravi danni al fegato dovuti a intossicazione da alcol. Tuttavia, un aumento della concentrazione di GTT può essere causato dall'uso di determinati farmaci, sostanze stupefacenti.

    La fosfatasi alcalina o la fosfatasi alcalina è un enzima coinvolto nel trasferimento del fosforo nel corpo. Con la sua concentrazione nel sangue, è anche possibile rilevare non solo le malattie, ma anche la gravidanza o il periodo della menopausa.

    Inoltre, come GGT, indica il ristagno della bile nel corpo. Si riferisce a marcatori più accurati di neoplasie maligne nel fegato. Ma è considerato solo come un'ulteriore conferma della diagnosi con un aumento della concentrazione di altri enzimi. Solo questo indicatore non può essere utilizzato, poiché la fosfatasi alcalina si trova anche nei tessuti delle pareti e delle ossa intestinali. Se, secondo i risultati di un esame del fegato, aumenta solo il volume di fosfatasi alcalina, è probabile che la causa della malattia non sia nascosta nel fegato. Può essere un'infiammazione cronica, restringimento degli spazi vuoti dei dotti biliari con ostruzione incompleta.

    L'albumina è una proteina di trasporto ed è anche sintetizzata nel fegato. Il compito dell'albumina è di trasportare vitamine, acidi grassi, ormoni e altre sostanze verso e tra le cellule. La concentrazione di proteine ​​aumenta durante la gravidanza e fino alla fine del periodo di allattamento. Con una diminuzione del suo volume, sono probabili patologie epatiche.

    Il volume della bilirubina è anche studiato negli esami del fegato. Ha tre tipi:

    Ciascuno dei tipi di cui sopra è un componente della bile formatosi durante la scomposizione dell'emoglobina. L'aumento di ciascuno dei tipi può essere causato da vari motivi. Ad esempio, con un aumento della concentrazione di bilirubina indiretta, una persona può soffrire di ittero emolitico. Con un aumento del volume diretto della bilirubina, la causa può essere l'ittero ostruttivo.

  • Causa di iperbilirubinemiaPatologia
    Le cellule del fegato non sono in grado di coniugare o secernere bilirubina nei dotti biliari.
    A causa del ristagno della bile nel dotto biliare, l'evacuazione della bilirubina diretta nell'intestino rallenta.
    NomeNorma negli uominiNorma nelle donne
    ALT50 unità / l35 unità / l
    AST50 unità / l35 unità / l
    GTT2–55 unità / l4–38 unità / l
    Fosfatasi alcalina30–120 unità / l30–120 unità / l
    Albume38–48 g / l38–48 g / l
    Bilirubina comune5-21 μmol / L5-21 μmol / L
    Bilirubina diretta3,4 μmol / L3,4 μmol / L
    Bilirubina indiretta3,4-18,5 μmol / L3,4-18,5 μmol / L

    Con un aumento della concentrazione di AST, il medico deve correlare gli indicatori con la concentrazione di ALT, poiché i motivi del cambiamento nella concentrazione di enzimi possono essere sia nelle malattie del fegato che nelle malattie cardiache. Per identificare una causa più accurata, è necessario condurre un rapporto di ALT e AST (AST / ALT). Il numero risultante è chiamato coefficiente Ritis. Normalmente, va da 0,8 a 1. Con il suo aumento, la ragione del cambiamento nella concentrazione di enzimi nelle malattie cardiache

    Se è inferiore, è necessario prestare attenzione alle condizioni del fegato

    Indicatori chiave del fegato

    Fosfatasi alcalina. Ogni tessuto corporeo contiene questo enzima in una forma specifica ad esso. Normalmente, la concentrazione di fosfatasi alcalina negli adulti è di 20–120 U / L.

    Un aumento della fosfatasi alcalina durante la gravidanza (l'ultimo trimestre), durante l'infanzia e durante la menopausa nelle donne è considerato una norma fisiologica e il trattamento in questi casi non è richiesto.

    Si osserva un aumento patologico dell'indicatore con lo sviluppo di: malattie infiltrative del fegato, epatite, processo tumorale nel tessuto osseo, osteodistrofia renale, osteomielite.

    Aminotransferasi (ALT e AST). Prendono parte ai processi di formazione e degradazione delle proteine. L'aumento del contenuto di aminotransferasi nel sangue si nota con lo sviluppo di processi patologici nel fegato e nel pancreas.

    • ALT negli uomini
    • le donne hanno livelli di ALT

    Un aumento fisiologico del livello superiore della norma si verifica nei neonati. Si osserva un aumento dell'ALT con danno al parenchima epatico.

    L'aumento dell'attività AST viene diagnosticato con:

    • tubercolosi polmonare;
    • setticemia;
    • herpes;
    • formazioni tumorali;
    • chetoacidosi;
    • azotemia.

    α-amilasi. La formazione di α-amilasi si verifica nelle ghiandole salivari e nel pancreas. Normalmente, il livello di alfa-amilasi nel sangue è 28-100 U / L.

    Un aumento dell'attività enzimatica si verifica nella pancreatite acuta nella fase di un attacco di dolore, nell'infiammazione della forma cronica di pancreatite, nonché in presenza di una cisti o tumore nel pancreas.

    Un eccesso significativo del livello di amilasi nel sangue è possibile dopo un intervento endoscopico - pancreatocholangiography.

    Frazioni di albumina e proteine. L'albumina è una proteina prodotta dalle cellule del fegato. Frazioni proteiche: un gruppo specifico di proteine.

    La determinazione delle frazioni proteiche del sangue è prescritta se è necessario ottenere informazioni più ampie sullo stato del corpo. Normalmente, il livello di albumina nel sangue negli adulti è di 35-50 g / l.

    Durante la disidratazione si verifica un aumento delle proteine ​​del sangue. Il contenuto ridotto è osservato con il digiuno prolungato, l'assunzione di contraccettivi orali o farmaci ormonali.

    γ-glutamiltransferasi. GGT è un enzima che trasporta gli amminoacidi attraverso la membrana cellulare.

    Una diminuzione dell'attività di questo enzima è possibile nelle prime settimane di gravidanza.

    Bilirubina. La bilirubina si forma nel fegato dai globuli rossi distrutti ed è un prodotto del metabolismo dei pigmenti del corpo. Quando gli organi digestivi sono disturbati, la bilirubina (le sue frazioni) si accumula nella pelle, dandole un caratteristico colore giallo.

    Esistono tre tipi di enzimi, ognuno dei quali viene utilizzato per diagnosticare malattie delle cellule del fegato:

    • il livello di bilirubina totale negli adulti è di 5,1-17 mmol / l;
    • l'indicatore della bilirubina indiretta è 3,4-12 mmol / l;
    • contenuto diretto di bilirubina da 1,7 a 5,1 mmol / l.

    Un forte aumento della concentrazione dell'enzima è possibile con:

    • colecistite;
    • mononucleosi;
    • epatite;
    • cirrosi;
    • tumori al fegato;
    • anemia emolitica;
    • durante la trasfusione di sangue incompatibile.

    PTI. Una proteina speciale si forma nelle cellule del fegato - la protrombina, che ha un effetto diretto sulla coagulazione del sangue.

    Un esame del sangue per l'indice di protrombina (PTI) è un indicatore importante di un coagulogramma. Lo studio consente di valutare la qualità del sistema di coagulazione del sangue.

    Indicatori diagnostici del fegato usati raramente

    Tra gli indicatori diagnostici, il test del timolo è raramente richiesto e non specifico. Questo coefficiente può essere aumentato con lo sviluppo di una malattia infettiva, neoplasie, ma con danni alcolici alle cellule del fegato, i parametri del test del timolo sono normali o moderatamente elevati..

    Nelle persone che hanno avuto l'epatite infettiva, questo indicatore è aumentato entro 6 mesi dalla dimissione dall'ospedale..

    Nel corso di diversi decenni, le analisi biochimiche aiutano gli specialisti a compilare un quadro completo della composizione chimica del sangue e dei suoi cambiamenti, prescrivere tempestivamente e correttamente il trattamento correttivo e ottenere risultati positivi.

    Vari enzimi sono marcatori di citolisi

    Quando si parla di un esame del sangue per esami del fegato, significa principalmente enzimi o vari enzimi.

    ALT e AST

    Questo gruppo di campioni epatici comprende marcatori della distruzione delle cellule epatiche e della loro necrosi: si tratta di aminotransferasi sieriche, note come ALT e AST. Sono stati descritti molte volte in altri articoli (Norm ALT e AST nel sangue, ALT e AST per l'epatite C).

    Diremo solo che la loro attività nel siero del sangue aumenta in proporzione al volume della distruzione cellulare, ad esempio nell'epatite acuta. L'attività di questi enzimi è un indicatore molto sensibile di citolisi o danno alle cellule del fegato.

    LDH - lattato deidrogenasi

    La lattato deidrogenasi normalmente varia da 100 a 340 unità e il valore clinico di questo enzima e dei suoi isoenzimi si riduce alla diagnosi precoce dell'epatite virale acuta, soprattutto quando si tratta dell'isoenzima LDH n. 5. La sua attività si rivela elevata già nel primo giorno di malattia e notevolmente aumentata a 1 e 2 settimane del processo virale acuto. Dopo 2 mesi, l'indicatore torna alla normalità..

    Nel caso in cui il paziente abbia l'epatite cronica o l'insorgenza della cirrosi, la lattato deidrogenasi reagisce più lentamente. Ma in uno stadio terminale minaccioso di cirrosi e la sua concentrazione nel sangue diminuisce drasticamente. Se ti viene offerto di eseguire uno studio LDH in relazione a una malattia del fegato, devi tenere presente che dovremmo parlare dell'attività della 5a frazione, o dell'isoenzima LDH n. 5. Solo che è un complesso epatico specifico.

    Marcatori di colestasi: fosfatasi alcalina e GGT, o γ - glutamil transpeptidasi

    La fosfatasi alcalina, oltre al fegato, è sintetizzata nelle ossa, nell'intestino e nel tessuto placentare. Normalmente, la sua concentrazione non supera le 5 unità o, secondo il sistema SI, 360 nanomoli per litro. Per aumentare la fiducia, viene solitamente eseguito un test di concentrazione di fosfatasi alcalina insieme a un altro marker di colestasi o gamma glutamil transpeptidasi. Questo enzima non si trova nell'osso o nel tessuto placentare, quindi un aumento congiunto dei valori indica chiaramente colestasi o ristagno della bile. Il motivo principale dell'aumento di questo enzima nel siero del sangue è il blocco esistente della circolazione intestinale - epatica (enteroepatica) degli acidi biliari.

    Molto spesso, la fosfatasi alcalina e il suo sinergico, gamma-glutamiltranspeptidasi, aumentano con ittero ostruttivo, sviluppo di epatite indotta da farmaci, seguita dall'aggiunta di colestasi e anche da cirrosi biliare. Con queste malattie, la fosfatasi alcalina aumenta anche prima della comparsa della sindrome di ittero e rimane elevata per lungo tempo, anche dopo la scomparsa o la risoluzione dell'ittero. Nello stesso caso, se l'ittero è causato dalla distruzione degli epatociti (o è parenchimale - con epatite virale, epatopatia alcolica), l'attività nelle analisi del sangue dei campioni di fegato responsabili della colestasi è bassa.

    Maggiori dettagli su questo metodo negli articoli "Fosfatasi alcalina nel sangue: normale" e "Fosfatasi alcalina aumentata: sintomi, cause".

    Sopra abbiamo esaminato i vari test epatici più frequentemente utilizzati nella pratica ambulatoriale e ambulatoriale per valutare la funzione di questo organo. Nelle mani di un medico esperto che sente intuitivamente e sa quando prescrivere una particolare analisi, questi test possono non solo diagnosticare sindromi di laboratorio come citolisi, colestasi, insufficienza epatica cellulare e altri, ma anche prevenire lo sviluppo di gravi complicanze in modo tempestivo. In un certo numero di casi, questi test consentono di sospettare danni al fegato tra una salute apparentemente completa. Offriamo anche un piccolo test del fegato, su 12 domande..

    Analisi chiave

    Un esame del sangue generale per la cirrosi epatica svolge un ruolo importante: determina la presenza di patologia, i motivi della formazione e ulteriori tattiche dell'effetto terapeutico. Per valutare le condizioni generali, è necessario sottoporsi alle seguenti procedure: - esame del sangue clinico;

    • Pannello biochimico di esami di laboratorio (per la presenza di anomalie);
    • Test per esami del fegato (per determinare il fattore provocante).

    Un esame del sangue generale per la cirrosi epatica fissa la gravità della prevalenza del processo infiammatorio. Con un'infiammazione intensa, l'indice di emoglobina diminuisce rapidamente, aumenta il numero di leucociti, viene fissata la presenza di proteine. Il tasso di sedimentazione aumenta e la composizione quantitativa dell'albumina diminuisce.
    Il pannello biochimico di test di laboratorio per la cirrosi consente di identificare la patologia e il grado del suo decorso. Durante lo studio, il medico esamina il livello di ALT e AST, nella maggior parte dei casi superano la norma.

    Un cambiamento negli indicatori verso l'alto indica i processi necrotici nell'organo. La necrosi tissutale sana porta ad un aumento dei livelli di lattato deidrogenasi

    Inoltre, il medico attira l'attenzione sui fosfati alcalini e sulla gamma - glutamil transpeptidasi

    Con la cirrosi epatica, gli enzimi organici svolgono un ruolo dominante. Indicano le condizioni generali e consentono di identificare la causa della malattia. Per determinare il processo infiammatorio cronico con cirrosi, il medico effettua un test per la presenza di anticorpi verso antigeni nucleari. Inoltre, viene fornita un'analisi per il virus dell'herpes e la determinazione dei cambiamenti distrofici. Per identificare la cirrosi biliare del fegato, viene eseguito un test per la presenza nel corpo di anticorpi anti-mitocondri.

    Il funzionamento alterato dell'organo è accompagnato da un rapido cambiamento nella composizione quantitativa dei componenti del sangue. Ciò è dovuto a problemi con la sintesi nell'area interessata. Con la cirrosi epatica, la maggior parte delle funzioni degli organi non viene eseguita. Per una diagnosi accurata, lo specialista indirizza il paziente verso ulteriori studi. Un esame del sangue per la cirrosi epatica per i livelli ormonali aiuta a identificare la gravità del processo patologico. I rapidi cambiamenti sono indicati da un alto estrogeno nelle donne e dal testosterone negli uomini Biochimica del sangue: informazioni di base sullo studio

    Nella cirrosi epatica progressiva, la chimica del sangue gioca un ruolo dominante. Lo studio consente di determinare i livelli dei principali componenti responsabili del normale funzionamento del corpo. Questi includono:

    • La bilirubina;
    • globulina;
    • aptoglobina;
    • enzimi epatici (ATL, AST);
    • tempo protrombotico;
    • fosfatasi alcaline.

    La bilirubina con cirrosi epatica supera di dieci volte i valori normali. Un aumento del livello è indicato dal giallo della pelle delle mucose, dalla sclera degli occhi e dal prurito intollerabile.

    Con la cirrosi epatica, altri indicatori stanno rapidamente aumentando

    Importante: per ottenere risultati affidabili, il paziente deve venire in laboratorio per la consegna di materiale biologico. Il sangue viene prelevato da una vena

    Prima dello studio, devi abbandonare le cattive abitudini e il cibo spazzatura. Ciò può influire sull'affidabilità del risultato..

    Sulla base dei dati ricevuti, il medico valuta il quadro generale di ciò che sta accadendo e decide su ulteriori tattiche terapeutiche. La terapia si svolge in un ospedale sotto la supervisione di personale medico.