Antibiotici per colecistite: quali farmaci assumere

La terapia farmacologica è prescritta da uno specialista medico con una forma inedita e semplice di colecistite. È importante non auto-medicare, ma affidare la propria salute a un professionista. Il gastroenterologo, sulla base dei dati diagnostici ottenuti, elaborerà il regime di trattamento ottimale tenendo conto delle caratteristiche individuali del corpo del paziente.

Indicazioni per l'assunzione di antibiotici

I farmaci antibiotici sono indicati per l'uso con le seguenti manifestazioni di colecistite:

  1. forte dolore crescente nell'ipocondrio destro;
  2. aumento della temperatura corporea a 38-39 ° C;
  3. disturbi digestivi pronunciati, accompagnati da vomito e diarrea;
  4. dolore in tutto l'addome;
  5. complicazione della malattia da altri processi di natura infiammatoria o infettiva;
  6. segni di infezione rilevati durante gli esami del sangue di laboratorio.

Cause di patologia

Molto spesso, la colecistite nei pazienti si sviluppa su uno sfondo di colelitiasi in corso. In questo caso, i calcoli nella cistifellea danneggiano le pareti dell'organo, causando un peggioramento del deflusso della bile.

Ulteriori fattori per lo sviluppo della malattia possono essere:

  • deformità congenita di un organo;
  • malattia metabolica;
  • esposizione a gravi malattie croniche che non possono essere curate (possono essere diabete mellito o aterosclerosi);
  • precedenti lesioni addominali;
  • gravidanza (alterazioni ormonali e influenza della crescita uterina);
  • uno stile di vita sedentario e una completa mancanza di attività fisica;
  • stipsi
  • cambiamenti legati all'età;
  • malnutrizione e prevalenza di cibo spazzatura nel menu.

Nomi antibiotici

Di seguito è riportato un elenco di antibiotici che vengono spesso utilizzati per la colecistite:

  • Azitromicina: viene prodotta sotto forma di compresse e capsule. Prendi il farmaco dopo i pasti. Il dosaggio medio è di circa 1 grammo. in un colpo solo.
  • Lo zitrolide - un farmaco simile al precedente, è disponibile solo in capsule. L'azione è prolungata, cioè sarà sufficiente una dose al giorno.
  • Sumalek è un antibiotico appartenente alla categoria dei macrolidi. Disponibile in polvere o compresse. Per il trattamento, è sufficiente assumere il farmaco una volta al giorno. La durata del trattamento è determinata dal medico curante.
  • Azikar - disponibile in forma di capsule. L'antibiotico ha una portata estesa. Può far fronte a un gran numero di processi infiammatori, compresi quelli complessi e combinati. È ampiamente usato per trattare la colecystopancreatite. Prendi 1 volta durante il giorno dopo aver mangiato. Dosaggio necessario - 1 gr.
  • Amoxil è un antibiotico combinato di azione combinata. La composizione contiene amoxicillina, acido qualupanoico e altri componenti. Antibiotico sotto forma di compresse e soluzione. La scelta della somministrazione (orale o per infusione) è scelta dal medico.
  • Flemoxin Solutab - compresse solubili contenenti amoxicillina. Il farmaco sotto forma di soluzione agisce molto più velocemente e in modo più efficiente e ha anche un assorbimento quasi completo nel tratto digestivo. Questo antibiotico può essere prescritto a bambini da 1 anno.

antispastici

Un gruppo di farmaci viene utilizzato nella lotta contro la colecistite per alleviare il dolore. È necessario utilizzare un farmaco antispasmodico per la discinesia ipermotoria, un disturbo del sistema biliare. Il sintomo principale è dolore a destra, amarezza in bocca, eruttazione.

I farmaci ad azione diretta rilassano i muscoli della vescica e dei suoi dotti, così come lo sfintere di Oddi e altre strutture del duodeno in qualsiasi fase. I farmaci più efficaci in questa categoria che anche un bambino può usare (in quantità minima) sono No-Shpa e Papaverin. Applicato con forme calculee e sassose della malattia.

Un altro sottogruppo di antispasmodici è il m-anticolinergico. Atropina e Platifillina sono utilizzate nel trattamento della malattia. I gastroenterologi raccomandano l'uso di tali antidolorifici con cautela, poiché possono provocare reazioni avverse. I medici prestano attenzione al fatto che è importante alleviare il dolore in tempo: sopportare il disagio è estremamente dannoso.

Antibiotici per colecistite durante un'esacerbazione

Se esiste il rischio di malattie più gravi, come la peritonite o l'empiema della cistifellea durante l'esacerbazione della colecistite, vengono prescritti antibiotici. In particolare, ciò vale anche per le complicanze settiche.

Inoltre, gli antibiotici per l'infiammazione della cistifellea nella fase acuta sono prescritti in modo ottimale per un massimo di 10 giorni. È meglio somministrare il farmaco per via endovenosa: questo è il modo più efficace per consegnare rapidamente il farmaco al sito dell'infiammazione.

Con esacerbazione della colecistite, vengono prescritti cefuroxima, ceftriaxone, cefotaxime e anche amoxicillina e clavulanato. Il trattamento può essere con cefalosporine e metronidazolo..

Il regime antibiotico durante l'esacerbazione della malattia è standard, ma possono essere utilizzate alternative. Per esempio:

  • Ampicillin 2.0 4 volte al giorno (per via endovenosa);
  • Gentamicina (per via endovenosa);
  • Metronidazolo 0,5 g 4 volte al giorno (per via endovenosa).

La combinazione di metronidazolo e ciprofloxacina ha un effetto positivo..

Regole di applicazione

I farmaci non sicuri richiedono cautela. Un trattamento efficace sarà se:

  • gli antibiotici per la colecistite sono prescritti da un medico;
  • viene prescritta la somministrazione concomitante di probiotici (ad esempio Linex);
  • la durata del trattamento con un rimedio non supera i 10 giorni;
  • vengono prese in considerazione sia l'età del paziente che le sue malattie associate.


L'autointerruzione del corso non è consigliata. L'eccezione sono le complicazioni provocate dai farmaci. Una condizione importante per la cura: un rifiuto completo delle bevande alcoliche.

Antibiotici per colecistite cronica

Con la colecistite nella fase cronica, il trattamento antibiotico può essere utilizzato con l'infiammazione attiva nel sistema biliare. La terapia antibatterica ha luogo durante un'esacerbazione della malattia di base, mentre è necessario prescrivere contemporaneamente agenti coleretici e antisettici. Tra questi, si applicano le seguenti:

  1. Eritromicina 0,25 g quattro volte al giorno;
  2. Oleandomicina 500 mg quattro volte al giorno dopo i pasti;
  3. Rifampicina 0,15 g tre volte al giorno;
  4. Ampicillina 500 mg da quattro a sei volte al giorno;
  5. Oxacillin 500 mg da quattro a sei volte al giorno.

I principali gruppi di antimicrobici utilizzati

Diversi gruppi di farmaci sono usati per trattare la colecistite. Ognuno dei quali ha un effetto diverso sul patogeno.

cefalosporine

Gli antibiotici iniettabili sono usati per trattare le forme acute della malattia e alleviare rapidamente i sintomi. Rappresentanti nominati di frequente: Cefotaxime, Ceftriaxone, Cefazolin. Il gruppo delle cefalosporine agisce sulla maggior parte dei microbi patogeni, ma ha molti effetti collaterali..

Fluoroquinols

Attivo in relazione alla flora gram-positiva e gram-negativa, ma non tutti i rappresentanti sono in grado di penetrare nella bile. Ofloxacin e Nolitsin sono prescritti per il trattamento della colecistite. Danno buoni risultati, mentre la resistenza ad essi non è sviluppata. I fluorochinoli subiscono un metabolismo rapido, pertanto richiedono tre volte l'introduzione.

macrolidi

Hanno una vasta portata, sono attivi in ​​relazione a entrambi i tipi di flora batterica. Hanno un piccolo effetto collaterale. Utilizzato per la colecistite, come fallback, con la resistenza dei microrganismi alla maggior parte dei farmaci antibatterici.

penicilline

Questi sono antibiotici che sono attivamente utilizzati per trattare la forma cronica, in quanto hanno un effetto con sufficiente accumulo nel corpo. Rappresentanti del gruppo: Amoxicillina, Ampioks, i farmaci non agiscono sulla flora gram-negativa, quindi è necessario un test di sensibilità prima del trattamento. Di tutti gli agenti antibatterici, questo gruppo ha l'effetto meno tossico sul corpo..

Antibiotici per colecistite calcula

Le pietre nella cistifellea interferiscono con il deflusso della bile e allo stesso tempo irritano le pareti della vescica e dei dotti, causando sensazioni dolorose e processi infiammatori nel tratto digestivo. Questi ultimi sono più difficili da trattare, a causa della loro localizzazione nelle immediate vicinanze del tratto gastrointestinale.

L'infezione può entrare nel sistema biliare insieme al flusso sanguigno. È questo fattore che porta al fatto che i pazienti che soffrono di malattie del sistema urinario e malattie intestinali iniziano automaticamente a soffrire di colecistite.

Con la colecistite calcarea, è necessario un trattamento complesso con l'uso di antibiotici ad ampio spettro.

Tra questi agenti antimicrobici, vengono spesso prescritti:

  • Ampioks;
  • eritromicina;
  • ampicillina
  • lincomicina;
  • Eritsiklinom.

Prendi questi farmaci 4 volte al giorno, il dosaggio viene selezionato individualmente per ciascun paziente. Oletetrin e Metacyclin sono spesso utilizzati anche nel decorso cronico della malattia..

Quali farmaci sono prescritti in combinazione con antibatterico

La colecistite è una malattia grave che richiede un approccio integrato, pertanto vengono utilizzati anche altri gruppi di farmaci:

  • analgesici, antispasmodici: Duspatalin, Neobutin, No-shpa;
  • coleretico: Allohol, Odeston, Hofitol;
  • epatoprotettori: Hepabene, Ursofalk, Essentiale Forte;
  • enzimi: creonte, Mezim, pancreatina;
  • preparati di cardo mariano: Galstena, Carsil, Legalon.

Oltre a questi fondi, spesso combinano 2-3 antibiotici per la loro maggiore efficacia. Ad esempio, il metronidazolo è combinato con le ultime cefalosporine, la cui efficacia nelle forme gravi di colecistite è insufficiente. La loro combinazione con penicilline è una garanzia dell'assenza di effetti collaterali..

Trattamento antibatterico standard mondiale

Molto spesso, la colecistite causa E. coli E. coli e il battero patogeno B. fragilis, nonché alcuni tipi di Klebsiella, enterococchi, pseudomonas. Date le caratteristiche del decorso di queste infezioni, vengono prescritti quei gruppi di antibiotici che hanno il massimo effetto antimicrobico. Quindi, sono stati sviluppati regimi di trattamento standard per la colecistite acuta e per l'esacerbazione della colecistite cronica.

Gli antibiotici più raccomandati sono:

  • piperacillina + tazobactam (Aurotaz, Zopertsin, Revotaz, Tazar, Tazpen),
  • ampicillina + sulbactam (Ampiside, Sulbacin, Unazin),
  • amoxicillina + acido clavulanico (Amoxiclav, Augmentin, Flemoclav),
  • meropenem (Alvopenem, Aris, Demopenem, Europen, Mipenam, Merogram, Meronem, Ronem, Ekspenem),
  • imepenem + cilastina (Prepenem).

Un altro regime di trattamento efficace include una combinazione di cefalosporine di terza generazione con metronidazolo (tricopolum), che può migliorare l'effetto del trattamento. Di cefalosporine più spesso utilizzate:

  • cefotaxime (cefantrale, loraxim),
  • ceftriaxone (Auroxon, Belcef, Loraxon, Tsefogram),
  • ceftazidime (Aurocef, Orzid, Fortum, Ceftadim),
  • cefoperazone + sulbactam (Macrocef, Sulperazone, Sulcef),
  • cefixime (Loprax, Sorecef, Suprax, Cefix).

Gli antibiotici elencati e i nomi commerciali con cui sono emessi non sono i soli. In alcuni casi, il medico può prescrivere altri schemi, guidati dai risultati dei test..

I farmaci di seconda scelta sono gentamicina, cloramfenicolo, tetracicline, eritromicina, alcuni altri tipi di antibiotici.

In alcuni casi, quando oltre alla colecistite, i dotti biliari (colangite) si infiammano o ci sono altre complicazioni, è possibile utilizzare contemporaneamente diversi farmaci antibatterici. Ad esempio, combinazioni di penicilline con fluorochinoloni - il più delle volte ampicillina con ciprofloxacina. O ampicillina con oxacillina (Ampioks).

I dosaggi di farmaci dipendono dalla gravità del decorso dell'infezione, vengono selezionati individualmente. Nei casi più gravi si raccomandano iniezioni di farmaci antibatterici, nei casi più lievi si possono assumere forme orali..

video

Colecistite, cause, sue forme, sintomi, metodi di diagnosi e trattamento.

Siamo nei social network:

Maggiori informazioni:

  • ceftriaxone per colecistite lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2R [...]
  • antibiotici colecistite lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2R [...]
  • antibiotici per lcd lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2R [...]
  • ampicillina per colecistite lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2R [...]
  • con nome di colecistite lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2R [...]
  • rimedi popolari per il trattamento della pielonefrite lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2 [...
  • trattamento a base di erbe di pielonefrite cronica lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZR2R [...]
  • trattamento della pielonefrite renale con rimedi popolari lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZ2R...
  • sintomi di pielonefrite cronica e trattamento con rimedi popolari lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZ2R...
  • trattiamo la pielonefrite con rimedi popolari lNDq9RCid8X3B9CEA3R6MBpbO4vHfIdsmJJetenx4duA4Z5zZOuCiKGWI8uQBA1ObJTvP2UOeffb5dCXUXq8zZRR [...]

Diagnosi differenziale

La colecistite è spesso il risultato di colelitiasi avanzata (colelitiasi) e richiede una terapia antibiotica per prevenire complicanze del tratto biliare. Quindi, nel 20% dei pazienti con colica biliare che trascurano il trattamento, si sviluppa una forma acuta di malattia infiammatoria.

Se la forma acuta non viene trattata, la colecistite diventa gradualmente cronica ed è complicata dall'infiammazione degli organi vicini: colangite, pancreatite, colangioepatite e altri.

Oltre il 90% dei casi di colecistite deriva dall'ostruzione del calcoli biliari.

Per confermare la diagnosi, viene utilizzato un esame ecografico (ultrasuoni) degli organi addominali, possono essere prescritti ulteriori test di laboratorio.

I fattori di rischio includono:

  • contraccezione orale,
  • gravidanza,
  • predisposizione genetica,
  • obesità,
  • diabete e altri disturbi metabolici,
  • malattia del fegato.

Senza la mancanza di un trattamento tempestivo per la colecistite, diventa cronico. Il trattamento della colecistite è sempre complesso e dipende dalla gravità della condizione e dalla presenza di complicanze. Molto spesso, il trattamento viene eseguito ambulatorialmente a casa, ma in alcuni casi può essere necessario il ricovero in ospedale e persino il trattamento chirurgico..

Gli antibiotici sono usati per combattere direttamente l'infezione. Solo un medico può scegliere un farmaco efficace in base al quadro clinico e ai dati di laboratorio.

Funzionalità terapeutiche

Gli antibiotici per la colecistite sono obbligatori nella terapia terapeutica. Utilizzando questi farmaci, è possibile sopprimere l'attività dei batteri patogeni che provocano il processo infiammatorio nel corpo nel più breve tempo possibile..

Molto spesso, gli antibiotici per il trattamento della colecistite sono prescritti per il decorso acuto della malattia. La durata della terapia non dovrebbe durare più di sette giorni. In rari casi (con lo sviluppo di complicanze), il corso del trattamento dura 10 giorni.

Per tutto questo tempo, le condizioni del paziente devono essere monitorate dal medico curante. Il trattamento incontrollato è estremamente pericoloso.

Possibili complicazioni

Bere antibiotici dovrebbe essere prescritto da uno specialista qualificato. Ciò è necessario non solo a causa della possibile presenza di controindicazioni, ma anche per ottenere raccomandazioni per la prevenzione delle complicanze della terapia.

Le reazioni avverse possono includere:

  • l'emergere di resistenza dei microrganismi patogeni ai principi attivi dei farmaci;
  • reazioni allergiche di natura generale e locale;
  • violazione dello stato della microflora del tratto intestinale (disbiosi);
  • processi infiammatori nella cavità orale;
  • micosi della pelle e delle mucose;
  • sviluppo di uno stato di immunodeficienza;
  • mancanza di vitamine nel corpo;
  • spasmi dell'albero bronchiale.

Importante! In quelle dosi di farmaci che sono selezionate dal medico dal paziente, le reazioni indesiderate del corpo si verificano abbastanza raramente.

Problemi di attualità nel trattamento della colecistite cronica non calcarea

La colecistite cronica è una malattia infiammatoria della colecisti, associata a disturbi funzionali e cambiamenti nelle proprietà fisico-chimiche della bile.

La colecistite cronica è una malattia infiammatoria della cistifellea, combinata con disturbi funzionali (discinesia della colecisti e apparato dello sfintere del tratto biliare) e cambiamenti nelle proprietà fisico-chimiche della bile (discolisi).

Secondo vari autori, i pazienti con colecistite cronica rappresentano il 17-19%, nei paesi industrializzati - fino al 20%.

Classificazione

Secondo ICD-10, ci sono:

Clinica

La clinica è dominata dal dolore, che si verifica nell'ipocondrio destro, meno spesso nella regione epigastrica. Il dolore si irradia alla scapola destra, alla clavicola, all'articolazione della spalla, ha un carattere dolorante, dura per molte ore, giorni, a volte settimane. Spesso in questo contesto, si verifica un dolore acuto ai crampi a causa di una esacerbazione dell'infiammazione nella cistifellea. La comparsa del dolore e la sua intensificazione sono più spesso associate a una violazione della dieta, stress fisico, raffreddamento e infezione intercorrente. L'esacerbazione di un attacco di dolore è di solito accompagnata da febbre, nausea, vomito, eruttazione, diarrea o diarrea alternata e costipazione, gonfiore, sensazione di amarezza in bocca.

Il vomito è un sintomo facoltativo di colecistite cronica senza pietra e, insieme ad altri disturbi dispeptici (nausea, eruttazione con amarezza o gusto amaro costante in bocca), può essere associato non solo alla malattia di base, ma anche alla patologia concomitante - gastrite, pancreatite, periduodenite, epatite. Spesso nel vomito viene rilevata una miscela di bile, mentre diventano verdi o giallo-verdi.

C'è letargia, irritabilità e disturbi del sonno. L'ittero transitorio della sclera e della pelle può essere osservato a causa della difficoltà nel deflusso della bile a causa dell'accumulo di muco, epitelio o parassiti (in particolare, lamblia) nel dotto biliare comune.

Con la palpazione addominale nei pazienti con colecistite cronica, vengono determinati i seguenti sintomi.

Sintomo di Kera - nell'area della proiezione della cistifellea, situata all'intersezione del bordo esterno del muscolo retto dell'addome destro con il bordo delle false costole, il dolore appare durante la palpazione profonda durante l'ispirazione.

Sintomo di Grekov - Ortner - Rashba - indolenzimento quando si colpisce con una costola di un pennello lungo l'arco costale destro.

Il sintomo di Murphy è un inserimento attento e delicato della mano nella zona della cistifellea e, con un respiro profondo, una mano palpitante provoca dolore acuto.

Sintomo di Mussi - dolore quando si preme sul nervo frenico tra le gambe del muscolo sternocleidomastoideo a destra.

Studi biochimici strumentali e clinici

Nella colecistite cronica nella fase acuta, l'ESR aumenta, il numero di leucociti aumenta con uno spostamento della formula a sinistra, eosinofilia.

Ai metodi di ricerca radiologica includono la colegrafia, che viene eseguita dopo la somministrazione orale o endovenosa di un mezzo di contrasto. Le immagini rivelano sintomi di danno alla cistifellea: allungamento, tortuosità, riempimento irregolare (frammentazione) del dotto cistico, suoi eccessi.

Negli ultimi anni, hanno iniziato a utilizzare una tecnica completa che, oltre alla colegrafia, comprende colecistocholangiografia, ecografia e radionuclide, tomografia computerizzata, laparoscopia. In alcuni casi, secondo indicazioni speciali, viene eseguita la colecistografia laparoscopica. L'uso di questo metodo consente di visualizzare le varie sezioni della cistifellea, notare il grado di riempimento, la presenza di aderenze e aderenze, deformazioni, lo stato del muro.

I metodi non invasivi per lo studio del tratto biliare comprendono gli ultrasuoni (ultrasuoni).

L'ecografia non ha controindicazioni e può essere utilizzata nei casi in cui non è possibile eseguire un esame radiografico: nella fase acuta della malattia, con maggiore sensibilità agli agenti contrastanti, gravidanza, insufficienza epatica, ostruzione dei principali dotti biliari o dotto cistico. L'ecografia non solo può stabilire l'assenza di calcoli, ma anche valutare la contrattilità e le condizioni della parete della cistifellea (ispessimento, sclerosi).

Trattamento

Modalità

Nel periodo di grave esacerbazione dei pazienti devono essere ricoverati in ospedale. Con forte dolore, in particolare il primo o complicato da ittero ostruttivo, la minaccia di sviluppare colecistite distruttiva nei pazienti deve essere indirizzata al reparto chirurgico. Con un decorso lieve della malattia, il trattamento viene eseguito in regime ambulatoriale..

Durante il periodo di esacerbazione, si raccomanda al paziente di riposare a letto per 7-10 giorni. Lo stato di benessere psico-emotivo è molto importante, specialmente con la discinesia biliare ipertonica. Con la discinesia ipocinetica, il riposo a letto non è raccomandato.

Nutrizione

Nella fase di esacerbazione, nei primi 1-2 giorni, viene prescritta una bevanda di liquido caldo (tè dolce debole, succhi di frutta e bacche diluiti con acqua, brodo di cinorrodo, acqua minerale senza gas) in piccole porzioni fino a 6 bicchieri al giorno, diversi cracker. Man mano che la condizione migliora, il purè di alimenti viene prescritto in quantità limitata: zuppe di muco (avena, riso, semola), cereali (semola, avena, riso), gelatina, gelatina, mousse. Il prossimo comprende ricotta a basso contenuto di grassi, pesce bollito a basso contenuto di grassi, purè di carne, cracker bianchi. Il cibo viene assunto 5-6 volte al giorno..

Molti esperti raccomandano 1-2 giorni di digiuno nel periodo di esacerbazione della colecistite cronica. Per esempio:

Dopo aver interrotto l'esacerbazione, viene prescritta la dieta n. 5. Contiene una normale quantità di proteine ​​(90–100 g); grassi (80-100 g), circa il 50% dei grassi sono oli vegetali; carboidrati (400 g), valore energetico 2500–2900 kcal.

Nutrizione frazionata (in piccole porzioni) e frequente (5-6 volte al giorno), che contribuisce a un migliore deflusso della bile.

Nella colecistite cronica sono utili grassi e oli vegetali. Sono ricchi di acidi grassi polinsaturi, fosfolipidi, vitamina E. Gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) (arachidonici, linoleici) fanno parte delle membrane cellulari, contribuiscono alla normalizzazione del metabolismo del colesterolo, sono coinvolti nella sintesi delle prostaglandine, che assottigliano la bile, aumentano la contrattilità della cistifellea. I grassi vegetali sono particolarmente importanti per il ristagno della bile.

È stata stabilita la proprietà antilitogena di una dieta ricca di fibre vegetali (mele, carote, anguria, melone, pomodori). Si consiglia di aggiungere crusca di frumento al cibo - fino a 30 g al giorno. Vengono versati con acqua bollente, al vapore; quindi il liquido viene drenato, la crusca gonfia viene aggiunta ai piatti di 1-2 cucchiai 3 volte al giorno. Il corso del trattamento è di 4-6 settimane. Verdure, frutta, crusca contribuiscono al passaggio della bile, riducono il contenuto di colesterolo in essa contenuto, riducono la probabilità di formazione di calcoli.

Con l'ipertono della cistifellea, viene prescritta una dieta ricca di magnesio (grano e cereali di grano saraceno, crusca di frumento, miglio, pane, verdure) per ridurre il tono della muscolatura liscia..

Ai pazienti con colecistite cronica non sono raccomandati prodotti che hanno un effetto irritante sul fegato: brodi di carne, grassi animali (tranne il burro), tuorli d'uovo, condimenti piccanti (aceto, pepe, senape, rafano), piatti fritti e in umido, pasticceria. Le bevande alcoliche e la birra sono vietate..

Sollievo dal dolore nel periodo di esacerbazione

Per il dolore intenso nell'ipocondrio destro, la nausea e il vomito ripetuto, vengono prescritti anticolinergici M periferici: 1 ml di una soluzione allo 0,1% di solfato di atropina o 1 ml di una soluzione allo 0,2% di Platifillin s / c. Hanno un effetto antiemetico, riducono la secrezione del pancreas, la formazione di acidi e enzimi nello stomaco.

Dopo aver interrotto il dolore intenso, i farmaci possono essere prescritti per via orale: metacina alla dose di 0,004-0,006 g, platifillina - a 0,005 g per dose. In presenza di controindicazioni, può essere raccomandata la gastroceina anticolinergica M selettiva 50 mg 2-3 volte al giorno.

Gli antispasmodici miotropici sono anche usati per alleviare il dolore: 2 ml di una soluzione al 2% di papaverina cloridrato, 2 ml di una soluzione al 2% di No-shpa s / c o olio 2-3 volte al giorno, 2 ml di una soluzione allo 0,25% di Fenikaberan v / m. All'inizio di un attacco di colica biliare, il dolore può essere fermato prendendo 0,005 g di nitroglicerina sotto la lingua.

Per il dolore persistente vengono utilizzati analgesici non narcotici: Analgin 2 ml di una soluzione al 50% di IM o IV in combinazione con Papaverina cloridrato, No-speak e Difenidramina; Baralgin 5 ml per via intramuscolare, Ketorol, Tramal, Trigan-D, Diclofenac. Per i dolori non-stop, devono essere utilizzati analgesici narcotici: 1 ml di una soluzione all'1% di Promedol v / m. La morfina non deve essere usata, perché provoca uno spasmo dello sfintere di Oddi, previene il deflusso della bile e provoca il vomito. Ai farmaci, puoi aggiungere 2 ml di una soluzione allo 0,25% di droperidolo in 200-300 ml di una soluzione di glucosio al 5% per via endovenosa, blocco di novocaina perirenale.

Se il paziente ha discinesia ipotonica (monotono monotono, dolori doloranti, sensazione di pesantezza nell'ipocondrio destro), non sono indicati anticolinergici e antispasmodici.

In questi casi, la colecinetica può essere raccomandata (aumentare il tono della cistifellea, promuoverne lo svuotamento, ridurre il dolore nell'ipocondrio destro): olio vegetale 1 cucchiaio 3 volte al giorno prima dei pasti, xilitolo o sorbitolo 15-20 g per 1/2 tazza calda acqua 2-3 volte al giorno, soluzione al 25% di solfato di magnesio 1 cucchiaio 2-3 volte al giorno prima dei pasti.

Allo stesso scopo, viene utilizzato un farmaco ormonale sintetico - colecistochinina octapeptide (per via intranasale a 50-100 mcg), dà anche un effetto analgesico.

Con forte dolore in un paziente con discinesia ipotonica, si consiglia di utilizzare analgesici non narcotici e successivamente colecinetica.

Metoclopramide (Cerucal) e domperidone (Motilium), che possono essere utilizzati per via orale o IM 10 mg 2-3 volte al giorno, hanno un effetto regolatorio sul tono del tratto biliare e un effetto antiemetico.

Terapia antibatterica (ABT) durante l'esacerbazione

L'ABT è prescritto quando c'è motivo di assumere la natura batterica della malattia (febbre, leucocitosi, ecc.).

Naumnan (1967) chiamò le proprietà di un “antibiotico ideale” per il trattamento delle infezioni della colecisti e delle vie biliari:

Concentrazioni molto elevate di antibiotici che penetrano nella bile

Secondo Ya. S. Zimmerman, ampicillina e rifampicina raggiungono la massima concentrazione nella bile. Questi sono antibiotici ad ampio spettro, influenzano la maggior parte dei patogeni della colecistite.

Ampicillina - si riferisce alle penicilline semisintetiche, inibisce l'attività di un numero di batteri gram-negativi (Escherichia coli, enterococchi, Proteus) e batteri gram-positivi (stafilococchi e streptococchi). Penetra bene nei dotti biliari, anche con colestasi, viene somministrato per via orale a 0,5 g 4 volte al giorno o IM 0,5-1,0 g ogni 6 ore.

L'oxacillina è una penicillina semisintetica che ha un effetto battericida principalmente sulla flora gram-positiva (stafilococco, streptococco), ma è inefficace contro la maggior parte dei batteri gram-negativi. A differenza della penicillina, agisce sugli stafilococchi che formano penicillina. Si accumula bene nella bile e viene somministrato per via orale a 0,5 g 4-6 volte al giorno prima dei pasti o 0,5 g 4-6 volte al giorno per via intramuscolare.

Oxamp (ampicillina + oxacillina) è un farmaco battericida ad ampio spettro che inibisce l'attività degli stafilococchi che formano la penicillinasi. Crea un'alta concentrazione nella bile. Assegnato a 0,5 g 4 volte al giorno all'interno o / m.

La rifampicina è un antibiotico battericida semisintetico ad ampio spettro. La rifampicina non viene distrutta dalla penicillinasi, ma a differenza dell'ampicillina non penetra nei dotti biliari con congestione in essi. Il farmaco viene assunto per via orale a 0,15 3 volte al giorno.

L'eritromicina è un antibiotico del gruppo macrolidico, è attiva contro i batteri gram-positivi, influenza debolmente i microrganismi gram-negativi e crea alte concentrazioni nella bile. Assegnato a 0,25 g 4 volte al giorno.

La lincomicina è un farmaco batteriostatico che colpisce la flora gram-positiva, inclusi gli stafilococchi che formano penicillina, ed è inattivo contro i microrganismi gram-negativi. Viene somministrato per via orale a 0,5 g 3 volte al giorno per 1-2 ore prima dei pasti o per via intramuscolare a 2 ml di una soluzione al 30% 2-3 volte al giorno.

Farmaci che penetrano nella bile in concentrazioni abbastanza elevate

La penicillina (benzilpenicillina sodica) è un farmaco battericida che è attivo contro la flora gram-positiva e alcuni cocchi gram-negativi; non influenza la maggior parte dei microrganismi gram-negativi. Non attivo contro gli stafilococchi che formano penicillinasi. Viene assegnato un messaggio istantaneo per 500.000–1.000.000 di unità 4 volte al giorno..

Fenossimetilpenicillina - somministrata per via orale 0,25 g 6 volte al giorno prima dei pasti.

Tetracicline: hanno un effetto batteriostatico sulla flora sia gram-positiva che gram-negativa. Assegnare all'interno di 0,25 g 4 volte al giorno.

Derivati ​​semisintetici altamente efficaci della tetraciclina. La metaciclina viene assunta in capsule da 0,3 g 2 volte al giorno. La doxiciclina viene somministrata per via orale il 1 ° giorno a 0,1 g 2 volte al giorno, quindi a 0,1 g 1 volta al giorno.

Antibiotici cefalosporinici

Vengono utilizzate cefalosporine di 1a generazione: cefaloridina (cefalina), cefalotina (cefalina), cefazolina (kefzol); II generazione - cefalossina (Ceporex), cefuroxime (Ketocef), cefamandol (Mandol); III generazione - cefotaxime (Claforan), ceftriaxone (Longacef), ceftazidime (Fortum).

I farmaci di prima generazione inibiscono la maggior parte degli stafilococchi, streptococchi, molti ceppi di Escherichia coli, Proteus.

Le cefalosporine di seconda generazione hanno uno spettro d'azione più ampio sui batteri gram-negativi, inibiscono l'E. Coli resistente ai farmaci di prima generazione, vari enterobatteri.

Le cefalosporine di III generazione possiedono uno spettro d'azione ancora più ampio; sopprimono, oltre ai batteri elencati, la salmonella, la shigella.

Kefzol - iniettato i / mo iv 0,5–1 g ogni 8 ore Zeporin - iniettato i / m 0,5–1 g ogni 8 ore Klaforan - iniettato i / mo iv 2 g 2 volte al giorno.

Preparazioni al fluorochinolone

Hanno proprietà battericide, farmaci ad ampio spettro che penetrano abbastanza bene nella bile. Assegnato per grave infezione del tratto biliare.

Abactal (pefloxacin) - somministrato per via orale a 0,4 g 2 volte al giorno con pasti o flebo - 5 ml (0,4 g) in 250 ml di soluzione di glucosio al 5%.

Tarivid (ofloxacin) - è prescritto a 0,2 g 2 volte al giorno.

Ciprolet (ciprofloxacin) - è prescritto a 0,5 g 2 volte al giorno.

Derivati ​​del nitrofurano

Vengono soppressi sia i microrganismi gram-positivi che i gram-negativi. La concentrazione di furadonina nella bile è 200 volte superiore al suo contenuto nel siero di sangue; La furadonina sopprime anche la flora patogena nel tratto gastrointestinale, agisce sulla giardia. Furadonin e Furazolidone sono prescritti 0,1-0,15 g 3-4 volte al giorno dopo i pasti.

Chlorophyllipt

Questo farmaco, contenente una miscela di clorofille presenti nelle foglie di eucalipto, inibisce i microrganismi gram-positivi e gram-negativi, inclusi gli stafilococchi che formano penicillina. Assegnato a 20-25 gocce di soluzione alcolica all'1% 3 volte al giorno.

Con esacerbazione della colecistite cronica, il trattamento con agenti antibatterici viene effettuato per 7-10 giorni.

Si consiglia di combinare agenti antibatterici con farmaci coleretici che hanno un effetto battericida e antinfiammatorio (0,1 g di Cycalvalon 3-4 volte al giorno prima dei pasti; 0,5 g di nicodina 3-4 volte al giorno prima dei pasti).

Se si trovano parassiti nella bile, viene eseguita una terapia antiparassitaria. In presenza di opistorchiasi, fascioliasi, clonorchosi, insieme a eritromicina o furazolidone, viene prescritto Chloxil (2 g in polvere in 1/2 tazza di latte ogni 10 minuti 3-5 volte per 2 giorni consecutivi; 2 corsi vengono presi a intervalli di 4-6 mesi ).

Se vengono rilevati strongiloidosi, tricocefalosi e anchilostoma, viene trattato Vermoxum: 1 compressa 2-3 volte al giorno per 3 giorni, viene prescritto un secondo ciclo dopo 2-4 settimane, la Combantrina viene utilizzata anche 0,25 g una volta al giorno per 3 giorni.

Se viene rilevata la giardia nella bile, la terapia anti-giardiasi viene eseguita con uno dei seguenti farmaci: Furazolidone 0,15 g 3-4 volte al giorno per 5-7 giorni; Fazizhin 2 g per dose una volta; Trichopolum (metronidazole) 0,25 g 3 volte al giorno dopo i pasti per 5-7 giorni; Macmirror 0,4 g 2 volte al giorno per 7 giorni.

L'uso di droghe coleretiche

Classificazione dei farmaci coleretici (N.P. Skakun, A. Ya. Gubergrits, 1972):

Elenco di farmaci per il trattamento della colecistite

Il trattamento della colecistite con medicinali è spesso necessario per le donne dai 40 anni. Con l'infiammazione della cistifellea, il sistema digestivo e biliare viene interrotto. Pertanto, il trattamento deve essere iniziato il prima possibile. Ciò eviterà lo sviluppo di complicanze e minimizzerà la probabilità di un intervento chirurgico.

Obiettivi terapeutici

L'uso di droghe è necessario per combattere il dolore. È altrettanto importante normalizzare il deflusso della bile e ripristinare la contrattilità della vescica stessa. Altri obiettivi del trattamento:

  • miglioramento dei processi di digestione, nonché del lavoro del pancreas;
  • la lotta contro virus e batteri che hanno portato allo sviluppo dell'infiammazione della vescica e dei percorsi adiacenti;
  • l'esclusione delle infezioni da elminti e parassiti, che si è rivelata una delle cause della patologia;
  • eliminazione di avvelenamento e disturbi del corpo.

Il trattamento medico consente di ripristinare l'equilibrio degli elettroliti e di prevenire lo sviluppo di complicanze.

antibiotici

Tali farmaci sono prescritti in due casi: in tipo di reazione infiammatoria acuta e cronica (XP). Le medicine fermano la crescita di batteri e altri microrganismi a causa dell'inibizione delle loro funzioni vitali.

Prendono antibiotici per la colecistite cronica per almeno una settimana, meno spesso - fino a 10 giorni. Se necessario, ripetere la terapia, ma non prima di dopo 10-12 giorni. I gastroenterologi raccomandano di osservare questo intervallo, perché con la terapia antibatterica muoiono sia i microrganismi patogeni che la buona microflora intestinale. Questo può portare a disbiosi e altre spiacevoli conseguenze..

Altri farmaci sono prescritti contemporaneamente ai farmaci. Assicurati di usare quelli che ripristinano la microflora intestinale - Linex, Lactovit e i loro analoghi.

Prendi i seguenti agenti antibatterici dall'elenco:

  1. Ampicillina (terza generazione). Appartiene alla categoria delle penicilline. Disponibile sotto forma di compresse e soluzioni iniettabili. Il vantaggio dell'antibiotico è il numero minimo di controindicazioni, quindi può essere utilizzato non solo per i bambini, ma anche per le donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza.
  2. Oxacillin. Un altro farmaco correlato alle penicilline. È usato sotto forma di compresse e iniezione per l'infiammazione della cistifellea. Lo strumento è efficace contro cocchi gram-negativi e positivi. Possono infiammare non solo la bile, ma anche il fegato, il pancreas.
  3. Rifampicina. Questo è un antibiotico semi-sintetico, che è caratterizzato da un ampio spettro di azione. Il farmaco è disponibile sotto forma di capsule. Ha una serie di controindicazioni, tra cui ittero, colecistite provocata da epatite, uso di contraccettivi, gravidanza e bambini di età inferiore ai sei anni.
  4. Lincomicina. È necessario usarlo per escludere precisamente batteri gram-positivi. Il farmaco interrompe il processo infiammatorio acuto. Disponibile sotto forma di compresse e soluzioni per iniezioni. Controindicato in caso di ipersensibilità, disturbi della vescica, grave insufficienza epatica o renale.

L'eritromicina viene utilizzata per la colecistite. Il trattamento con il farmaco è efficace a causa della sua elevata attività a microrganismi pericolosi - gram-positivi. Il farmaco è sicuro per i bambini e può essere utilizzato da donne in gravidanza, ma nella fase iniziale del trattamento provoca reazioni avverse, come nausea o eruttazione. Pertanto, un ciclo farmacologico non deve essere eseguito senza probiotici.

sulfamidici

Sono usati quando è impossibile usare antibiotici. Tali farmaci per la colecistite esacerbano la crescita e la riproduzione di microrganismi gram-negativi e positivi. Inoltre, ti permettono di combattere la clamidia e alcuni dei componenti più semplici..

Esistono diverse categorie di farmaci sulfa. La separazione si basa sulla durata con cui le sostanze attive circoleranno nel sangue del paziente. Viene preso in considerazione un singolo uso del farmaco. Sulla base di questo, i sulfamidici possono essere corti, medi, lunghi ed extra lunghi.

Il meglio di entrambe le categorie per bambini e adulti:

  1. Sulfapyridazine. Un farmaco progettato per un'azione a lungo termine. Si consiglia di berlo non più di 1 g della composizione. Ciò consente di mantenere una concentrazione ottimale del componente attivo nel sangue per un'intera giornata - almeno 24 ore. Il farmaco non è usato per allergie ad altri sulfamidici, nonché per insufficienza renale o epatica..
  2. Sulfalen. Efficace nella colecistite acuta e cronica. Tuttavia, può essere utilizzato esclusivamente in caso di completa suscettibilità aumentata di un determinato agente patogeno all'agente.
  3. Sulfadimezin. Un'altra pillola per la colecistite, che ha effetti antimicrobici e antinfiammatori. Possono essere bevuti da adulti e bambini da tre anni. In nessun caso deve saltare la dose successiva. Bere con una quantità significativa di acqua per escludere la probabilità di sviluppare l'urolitiasi.

Se il paziente ha malattie cardiache e circolatorie, utilizzare Sulfadimethoxin o Sulfalen. Quest'ultimo può provocare una reazione allergica..

colagogo

Il colagogo è prescritto solo in due casi. In primo luogo, se non ci sono calcoli in tutto il tratto biliare e, in secondo luogo, durante la remissione dell'infiammazione della cistifellea.

I farmaci coleretici usati nel trattamento della colecistite cronica sono divisi in due sottogruppi principali: colinocetica e coleretica. Più spesso usato per primo. Hanno un effetto corrispondente, aumentando la quantità di acidi biliari. I farmaci possono essere di origine vegetale o animale. Può anche essere composti sintetici..

colereticiCholekinetics
Una drogaCaratteristicaUna drogaCaratteristica
AllocholNormalizza la capacità secretoria delle cellule del fegato. Inoltre, accelera il flusso della bile attraverso il sistema biliare. Non utilizzato nel trattamento dei bambini.sorbitoloNelle farmacie, può essere acquistato in polvere. Il farmaco affronta il ristagno della bile. È accettabile l'uso durante la gravidanza e l'allattamento..
CholenzymePreparazione combinata di origine animale. Prodotto sotto forma di compresse, prescritto per il trattamento di pazienti dai 12 anni.xilitoloPolvere allevata in tè caldo o acqua. Inaccettabile per l'uso in processi infiammatori e acuti nell'intestino o nei loro sintomi.

Possono anche essere usati altri coleretici. L'auto-somministrazione è altamente indesiderabile. Per prima cosa devi consultare uno specialista.

antispastici

Un gruppo di farmaci viene utilizzato nella lotta contro la colecistite per alleviare il dolore. È necessario utilizzare un farmaco antispasmodico per la discinesia ipermotoria, un disturbo del sistema biliare. Il sintomo principale è dolore a destra, amarezza in bocca, eruttazione.

I farmaci ad azione diretta rilassano i muscoli della vescica e dei suoi dotti, così come lo sfintere di Oddi e altre strutture del duodeno in qualsiasi fase. I farmaci più efficaci in questa categoria che anche un bambino può usare (in quantità minima) sono No-Shpa e Papaverin. Applicato con forme calculee e sassose della malattia.

Un altro sottogruppo di antispasmodici è il m-anticolinergico. Atropina e Platifillina sono utilizzate nel trattamento della malattia. I gastroenterologi raccomandano l'uso di tali antidolorifici con cautela, poiché possono provocare reazioni avverse. I medici prestano attenzione al fatto che è importante alleviare il dolore in tempo: sopportare il disagio è estremamente dannoso.

Enzimi e enterosorbenti

Con l'infiammazione della cistifellea, tali farmaci vengono utilizzati anche nel trattamento. La funzione principale degli enzimi è quella di mantenere i processi digestivi e il funzionamento del sistema biliare. I gastroenterologi prescrivono Festal, Mezim e Pancreatinum (più economici).

Gli enterosorbenti durante la terapia garantiscono la rapida eliminazione di sostanze tossiche dal corpo:

  • Multisorb viene assunto tre volte al giorno, lavato con una quantità significativa di acqua;
  • Enterosgel - un cucchiaio. l diluito in 30 ml di acqua, da due o più volte al giorno;
  • Lactofiltrum è prescritto in compresse, assunto tre volte entro 24 ore, preferibilmente a intervalli regolari.

Viene anche usata la complessa preparazione Extralact. La raccomandazione principale è di berlo tre volte al giorno. Un dosaggio più accurato viene determinato in base all'età del paziente, ad altre caratteristiche del corpo.

epatoprotettori

Questa non è una cura per la colecistite, ma un gruppo di farmaci che supportano il lavoro delle cellule del fegato. Tali farmaci normalizzano l'attività degli epatociti, migliorano le condizioni della membrana. Ridurre significativamente l'impatto negativo di vari fattori esterni e interni.

Tra gli epatoprotettori, viene assegnato un posto separato all'acido ursodesossicolico. È usato per la stasi biliare e la presenza di calcoli nella vescica stessa o nei suoi dotti. L'effetto dell'acido è il seguente:

  • stimolazione della produzione e del ritiro della bile;
  • effetto antinfiammatorio;
  • abbassare il colesterolo nella bile;
  • ripristino della connessione degli enzimi prodotti dal pancreas.

Uno dei preparati, Ursofalk, viene utilizzato per la dissoluzione chimica delle pietre. Il trattamento della malattia è inaccettabile se aumenta il contenuto di sali di calcio. L'elenco delle controindicazioni comprende gravidanza, allattamento, insufficienza renale e epatica.

Un altro epatoprotettore prescritto per uomini e donne è Ursosan. Appartiene alla categoria dei farmaci lipotropici. Il suo uso è inaccettabile per i cambiamenti infiammatori nella cistifellea. Altre restrizioni: una storia di colica renale o blocco del dotto biliare con calcoli.

Medicine cinesi

Nel trattamento della colecistite con le pillole, quali sono le migliori - il gastroenterologo determina. In alcuni casi, vengono prescritti farmaci moderni sviluppati in Cina, ad esempio Xiaoyan Lidan Pian (nome in latino - Xiaoyan Lidan Pian). Il farmaco è disponibile sotto forma di compresse e comprende componenti naturali (erbe, estratti vegetali).

Il corso di recupero non deve superare i 14 giorni. Durante il trattamento, si raccomanda vivamente di abbandonare l'uso di cibi grassi e oleosi, nonché cibi piccanti. Le donne in gravidanza dovrebbero usare Xiaoyan Lidan con estrema cautela.

Un'altra nuova fitopreparazione - Juwei Zhang Ya Tsai - è utilizzata per la disfunzione biliare, i cambiamenti infiammatori acuti e cronici. L'azione della composizione è quella di normalizzare la formazione della bile e la sua circolazione, migliorare la funzionalità epatica. Il farmaco riduce la probabilità di calcoli nell'area della vescica stessa.

Misure aggiuntive

La terapia vitaminica viene necessariamente aggiunta al regime di trattamento. Prendi Retinolo, acido ascorbico, vitamine del gruppo B, tocoferolo. La medicina di erbe, l'acqua minerale speciale e la dieta sono altamente raccomandate. Alla presenza di un'ulcera gastrica o duodenale benigna, vengono prescritti Omez, Omeprazole o Ultop.

Alcuni mesi dopo il periodo di esacerbazione, i gastroenterologi raccomandano un trattamento aggiuntivo: un sanatorio o un resort. In futuro, tale terapia dovrebbe essere annuale. Ciò escluderà lo sviluppo di complicanze e altre conseguenze con un quadro clinico grave..

La chiave per il recupero sarà non solo la terapia medica, ma anche una corretta alimentazione, l'uso di rimedi popolari comprovati. Un tale approccio integrato aiuterà a far fronte rapidamente all'infiammazione della cistifellea..

Salute del fegato

Il processo infiammatorio nella cistifellea viene trattato in modo completo. Ma non tutti i pazienti comprendono perché prescrivere antibiotici per la colecistite, se la causa della malattia è una violazione del deflusso della bile. Per comprendere il problema, è necessario comprendere il meccanismo della malattia..

Perché assumere antibiotici per l'infiammazione della cistifellea??

La colecistite acuta si sviluppa a causa di un improvviso blocco del dotto biliare. Nel ruolo di "sughero" è spesso una pietra che si è mossa. La bile, non avendo sbocco, crea un focolaio di ristagno, in cui inizia la rapida moltiplicazione dei microrganismi patogeni. Stafilococchi, streptococchi, Escherichia coli sono considerati microflora condizionatamente patogeni, che vivono costantemente nel corpo umano in piccole quantità. Quando si presentano condizioni favorevoli, il loro numero aumenta rapidamente, si sviluppa un processo infiammatorio.

La colecistite cronica può essere il risultato della malattia del calcoli biliari o della presenza di neoplasie. La malattia si sviluppa lentamente, il deflusso della bile non viene arrestato, ma rallentato, il che crea anche condizioni favorevoli alla riproduzione attiva dei batteri. In questo caso, il processo è lento, con sintomi sfocati.

Qualsiasi infiammazione della cistifellea è accompagnata dalla presenza di flora patogena. L'eliminazione dell'ostruzione del condotto di uscita e la normalizzazione del deflusso della bile contribuiscono solo parzialmente al recupero. Il secondo stadio è la lotta contro gli agenti infettivi e vengono prescritti antibiotici per questo (con comprovata eziologia batterica).

Indicazioni e regole per l'ammissione

Per identificare in modo affidabile l'agente causale, viene eseguito uno studio clinico sulla bile. Ma ci sono segni indiretti che indicano un'infezione batterica acuta:

  • aumento significativo della cistifellea;
  • febbre con una temperatura superiore a 38 gradi;
  • disturbi dispeptici: nausea, vomito periodico, diarrea;
  • dolore nell'ipocondrio destro, colica biliare.

Inoltre, il processo infiammatorio è caratterizzato da un cambiamento nel quadro ematico. In altre parole, appare una significativa leucocitosi, un aumento della VES (velocità di eritrosedimentazione).

La decisione di trattare la colecistite con antibiotici viene presa da un gastroenterologo. Il regime di trattamento viene effettuato in conformità con alcune regole:

  • farmaci spesso prescritti con un ampio spettro di azione per colpire tutti i gruppi di possibili agenti patogeni;
  • nel processo acuto, gli antibiotici vengono iniettati per ottenere il massimo risultato il più presto possibile;
  • in decorso cronico, è possibile la somministrazione orale di farmaci di diversi gruppi;
  • quando si tratta con agenti antibatterici, si tiene conto dell'età del paziente e delle malattie associate;
  • il corso terapeutico dura non più di una settimana, al fine di evitare squilibri nella microflora intestinale naturale;
  • oltre alla terapia antibiotica, vengono prescritti immunomodulatori, multivitaminici e probiotici.

Nel trattamento di una forma cronica, viene eseguito uno studio preliminare della bile per la sensibilità agli antibiotici. Per eliminare l'infiammazione acuta, tale analisi non è adatta, poiché il risultato deve attendere due settimane. Nel processo acuto, la terapia antibiotica viene prescritta empiricamente..

I principali gruppi di antimicrobici utilizzati

Diversi gruppi di farmaci sono usati per trattare la colecistite. Ognuno dei quali ha un effetto diverso sul patogeno.

cefalosporine

Gli antibiotici iniettabili sono usati per trattare le forme acute della malattia e alleviare rapidamente i sintomi. Rappresentanti nominati di frequente: Cefotaxime, Ceftriaxone, Cefazolin. Il gruppo delle cefalosporine agisce sulla maggior parte dei microbi patogeni, ma ha molti effetti collaterali..

Fluoroquinols

Attivo in relazione alla flora gram-positiva e gram-negativa, ma non tutti i rappresentanti sono in grado di penetrare nella bile. Ofloxacin e Nolitsin sono prescritti per il trattamento della colecistite. Danno buoni risultati, mentre la resistenza ad essi non è sviluppata. I fluorochinoli subiscono un metabolismo rapido, pertanto richiedono tre volte l'introduzione.

macrolidi

Hanno una vasta portata, sono attivi in ​​relazione a entrambi i tipi di flora batterica. Hanno un piccolo effetto collaterale. Utilizzato per la colecistite, come fallback, con la resistenza dei microrganismi alla maggior parte dei farmaci antibatterici.

penicilline

Questi sono antibiotici che sono attivamente utilizzati per trattare la forma cronica, in quanto hanno un effetto con sufficiente accumulo nel corpo. Rappresentanti del gruppo: Amoxicillina, Ampioks, i farmaci non agiscono sulla flora gram-negativa, quindi è necessario un test di sensibilità prima del trattamento. Di tutti gli agenti antibatterici, questo gruppo ha l'effetto meno tossico sul corpo..

Gli effetti degli antibiotici

Gli antibiotici per la colecistite sono necessari, ma la loro assunzione nella maggior parte dei casi è accompagnata da cambiamenti avversi nel corpo:

  • la disbiosi intestinale si sviluppa a causa della morte della propria microflora benefica, è accompagnata da disturbi dispeptici e una diminuzione dell'immunità;
  • candidosi orale, intestinale, vaginale - il risultato di un'eccessiva riproduzione di un fungo condizionatamente patogeno a causa di disbiosi e riduzione dell'immunità;
  • allergia - un evento comune durante l'assunzione di antibiotici, può manifestarsi come irritazione locale o shock anafilattico.

La scelta dei farmaci viene effettuata da un gastroenterologo. Nomina anche fondi per combattere le conseguenze negative. Questa domanda è di solito rilevante per la terapia antibiotica a lungo termine di una forma cronica..

La colecistite, in qualsiasi forma, è una malattia curabile. Ma è importante cercare un aiuto medico in tempo e non trascurare il consiglio del medico curante. L'uso di antibiotici nel trattamento della cistifellea è giustificato e porta l'effetto atteso.

Secondo la sua localizzazione, connessioni anatomiche e funzionali, la colecisti è influenzata dall'infiammazione dell'intestino, del fegato e dello stomaco attraverso il contatto. Possibile infezione da focolai distanti con sangue nella tonsillite cronica, denti cariati, sinusite. La causa della colecistite è molto spesso batteri, meno comunemente funghi, virus. L'attivazione della flora condizionatamente patogena merita un'attenzione particolare..

Gli antibiotici per la colecistite sono inclusi nel regime di trattamento obbligatorio. I preparati di questo gruppo sono prescritti da un medico a seconda del tipo di agente patogeno, della gravità delle condizioni del paziente. La possibilità di complicanze, la transizione del processo infiammatorio da acuta a cronica, dipende da quali agenti antibatterici vengono utilizzati nel trattamento.

Con quali agenti patogeni dovrebbero "combattere" gli antibiotici?

Gli studi sui contenuti della cistifellea in pazienti con manifestazioni cliniche di colecistite mostrano la presenza di crescita di microflora batterica in 1/3 dei pazienti il ​​primo giorno di malattia o esacerbazione e dopo tre giorni nell'80%.

Gli agenti causali più comuni della colecistite con infezione dell'intestino sono:

Se c'è un focus cronico distante, da esso attraverso la linfa e il flusso sanguigno nella caduta della cistifellea:

I patogeni molto rari includono:

  • Proteus;
  • bacillo tifoide e paratifo;
  • Funghi candida.

In 1/10 dei pazienti, la colecistite cronica è causata da virus dell'epatite B e C sullo sfondo o dopo un processo attivo nel fegato. Quando si sceglie un farmaco, è necessario tenere presente che con un decorso cronico non infiammatorio dell'infiammazione nella cistifellea, si trova spesso una flora mista.

In caso di colecistite cronica, viene data importanza all'infezione parassitaria:

La Giardia è attualmente considerata un mezzo di sconfitta:

  • 5 volte migliorando le proprietà infettive di E. coli;
  • riduzione dell'immunità;
  • causando disfunzione biliare.

Ma non sono considerati agenti patogeni della colecistite, perché:

  • Giardia non può vivere a lungo nella vescica, morire nella bile;
  • è molto probabile che provengano dal duodeno;
  • non sono stati ottenuti risultati morfologici che provino la penetrazione nella parete della cistifellea.

Il miglior antibiotico dovrebbe essere considerato uno che:

  • più sensibile alla flora identificata;
  • dopo l'ingresso nel corpo è in grado di penetrare nella vescica e accumularsi nella bile.

Quale colecistite non è indicato per gli antibiotici?

Nel riconoscere le cause dell'infiammazione della cistifellea, è necessario tenere conto dello stato del pancreas. Il fatto è che nella pancreatite cronica, una violazione della produzione di enzimi porta a una chiusura insufficiente dello sfintere di Oddi e ad un aumento della pressione nel duodeno.

In tali condizioni, si forma il reflusso duodenobiliario (gettando il contenuto del duodeno nella cistifellea). Gli enzimi pancreatici attivati ​​causano infiammazione non batterica, "colecistite enzimatica". Questa opzione non richiede un ciclo obbligatorio di antibiotici.

Come vengono determinate le indicazioni per la somministrazione di antibiotici??

Le indicazioni per l'uso di antibiotici sono chiarite a partire dall'interrogatorio e dall'esame del paziente. Di solito il paziente è preoccupato:

  • dolore intermittente, ma piuttosto intenso nell'ipocondrio a destra;
  • colica lungo l'intestino;
  • frequenti feci molli;
  • nausea, vomito è possibile;
  • la temperatura è aumentata di oltre 38 gradi.

Negli esami del sangue rivelano:

  • leucocitosi con uno spostamento della formula a sinistra;
  • Crescita ESR.

La decisione sull'opportunità di utilizzare antibiotici, la selezione del dosaggio e la via di somministrazione del medicinale viene presa solo dal medico. Prestiamo attenzione al grande danno dell'automedicazione.

Regole di trattamento antibiotico

Nella sua scelta, il medico è guidato da determinati requisiti per il trattamento antibiotico.

  1. È meglio prescrivere un farmaco con comprovata sensibilità all'agente causale identificato della colecistite. In assenza di tempo o opportunità di attendere i risultati del serbatoio. analisi, utilizzare antibiotici ad ampio spettro, quindi quando si riceve una conclusione e inefficienza della terapia precedente, sostituirla con un'altra.
  2. La dose viene calcolata in base alla gravità delle condizioni, dell'età e del peso del paziente.
  3. Il vantaggio è la via di somministrazione endovenosa e intramuscolare. Non puoi assumere pillole contro il vomito e la dispepsia.
  4. Il corso del trattamento dovrebbe essere di almeno 7-10 giorni. L'interruzione e l'allungamento sono ugualmente dannosi e minacciano lo sviluppo di forme resistenti di agenti patogeni.
  5. Sullo sfondo della terapia antibiotica, devono essere prescritte vitamine (gruppi B, C). Essendo coenzimi in molti processi biochimici del corpo, questi agenti hanno un effetto antinfiammatorio di supporto.
  6. In presenza di flora mista, malattie croniche concomitanti, è possibile prescrivere combinazioni di antibiotici con altri farmaci. In questo caso, dovrebbero essere prese in considerazione controindicazioni e compatibilità..

Quali antibiotici sono necessari per la colecistite?

I seguenti farmaci hanno l'effetto più efficace sulla colecistite. Eritromicina - un gruppo farmacologico di macrolidi, simile in azione alle penicilline, rallenta la moltiplicazione di streptococchi e stafilococchi.

Dà una reazione allergica crociata con altri farmaci del gruppo (oleandomicina), è potenziata dalle tetracicline. Lo svantaggio è la produzione solo in forma di compresse, sono bevuti dai pazienti solo con una lieve forma di infiammazione.

Ampicillina - dal gruppo di penicilline semisintetiche, uccide i batteri, distruggendo la loro parete cellulare. Efficace contro stafilococchi, streptococchi, enterococchi, salmonella, E. coli. Penetra rapidamente nella cistifellea e nell'intestino. Adatto per somministrazione endovenosa e intramuscolare. Se usato insieme, migliora le proprietà degli aminoglicosidi e degli anticoagulanti. I test della coagulazione del sangue devono essere monitorati..

Il cloramfenicolo è un antibiotico ad ampio spettro, ma con colecistite ha senso prescrivere solo con l'agente patogeno installato (bacillo tifoide e paratifo, salmonella, batteri dissenteri). Ha un'attività debole contro clostridi, protozoi, Pseudomonas aeruginosa. Utilizzato in compresse e iniezioni.

Il farmaco è scarsamente compatibile con farmaci antinfiammatori come:

  • sulfamidici;
  • citostatici;
  • farmaci anticoagulanti;
  • barbiturici (sonniferi).

Gli antibiotici per la colecistite sono una parte importante del complesso trattamento dell'infiammazione della colecisti. Sintomaticamente, la colecistite si manifesta con dolore addominale, nausea, vomito, temperatura. Per fermare l'infezione, vengono prescritti farmaci antibatterici.

Oltre al trattamento antibiotico e alla terapia sintomatica (ad esempio i farmaci biliari), si raccomanda di seguire una dieta liquida priva di grassi. In questo articolo, esamineremo i sintomi e il trattamento con antibiotici durante la colecistite..

Diagnosi differenziale

La colecistite è spesso il risultato di colelitiasi avanzata (colelitiasi) e richiede una terapia antibiotica per prevenire complicanze del tratto biliare. Quindi, nel 20% dei pazienti con colica biliare che trascurano il trattamento, si sviluppa una forma acuta di malattia infiammatoria.

Se la forma acuta non viene trattata, la colecistite diventa gradualmente cronica ed è complicata dall'infiammazione degli organi vicini: colangite, pancreatite, colangioepatite e altri.

Oltre il 90% dei casi di colecistite deriva dall'ostruzione del calcoli biliari.

Per confermare la diagnosi, viene utilizzato un esame ecografico (ultrasuoni) degli organi addominali, possono essere prescritti ulteriori test di laboratorio.

I fattori di rischio includono:

  • contraccezione orale,
  • gravidanza,
  • predisposizione genetica,
  • obesità,
  • diabete e altri disturbi metabolici,
  • malattia del fegato.

Senza la mancanza di un trattamento tempestivo per la colecistite, diventa cronico. Il trattamento della colecistite è sempre complesso e dipende dalla gravità della condizione e dalla presenza di complicanze. Molto spesso, il trattamento viene eseguito ambulatorialmente a casa, ma in alcuni casi può essere necessario il ricovero in ospedale e persino il trattamento chirurgico..

Gli antibiotici sono usati per combattere direttamente l'infezione. Solo un medico può scegliere un farmaco efficace in base al quadro clinico e ai dati di laboratorio.

È possibile fare a meno degli antibiotici durante la colecistite?

La colecistite si verifica quando la parete della cistifellea è infetta. Ecco perché gli antibiotici sono prescritti per combattere l'infezione negli adulti e nei bambini. Nonostante il fatto che gli antibiotici per l'infiammazione della cistifellea da soli non siano in grado di curare la colecistite, è impossibile farne completamente a meno.

Non è possibile sopprimere il focus dell'infezione nella cistifellea con qualsiasi metodo popolare, il massimo è stimolare il deflusso della bile, ma non il trattamento dell'infezione.

Inoltre, senza antibiotici, c'è il rischio che l'infezione passi agli organi vicini: entrerà nei dotti biliari, nel fegato, nel pancreas. Puoi iniziare l'infiammazione fino a quando i medici devono rimuovere la cistifellea.

La terapia antibatterica è prescritta durante un'esacerbazione della malattia del calcoli biliari, il trattamento di forme calcacee, acute e croniche di colecistite. I farmaci ad ampio spettro sono usati per sopprimere il più possibile l'infezione e prevenire le complicanze.

Controindicazioni per la terapia antibiotica

Tutte le controindicazioni per l'uso di antibiotici durante la colecistite e la colelitiasi sono relative, il che significa che, se ci sono controindicazioni nel paziente, il medico deve scegliere l'opzione di trattamento alternativa più adatta.

È necessaria una revisione degli appuntamenti nei seguenti casi:

  • la presenza di una storia di allergie agli antibiotici di qualsiasi gruppo,
  • Mononucleosi infettiva,
  • gravidanza in ogni momento,
  • lattazione,
  • la presenza nella storia di una reazione allergica a qualsiasi farmaco,
  • grave condizione scompensata del paziente.

Il miglior farmaco antibatterico per la colecistite

Molti sono preoccupati per la questione di quali antibiotici scegliere meglio. Non esiste una pillola "magica" per il trattamento della colecistite.

Ogni farmaco ha il suo spettro d'azione, le caratteristiche del suo utilizzo, quindi un medico dovrebbe scegliere un antibiotico per il trattamento basato sui sintomi e sull'esame.

Esistono protocolli standard per il trattamento della colecistite, che guidano la scelta dei farmaci. Puoi saperne di più su questo nell'articolo qui sotto..

L'infiammazione della cistifellea è una malattia grave e l'autotrattamento della colecistite non è solo inaccettabile, ma anche pericoloso. Per chiarire la diagnosi, selezionare un regime terapeutico, possono essere prescritti ulteriori studi: ultrasuoni, uno studio culturale dei campioni (chiamato anche semina), un esame del sangue biochimico generale. Il trattamento della colecistite è sempre complesso, ma senza la terapia antibiotica, non si verificherà il recupero.

Trattamento antibatterico standard mondiale

Molto spesso, la colecistite causa E. coli E. coli e il battero patogeno B. fragilis, nonché alcuni tipi di Klebsiella, enterococchi, pseudomonas. Date le caratteristiche del decorso di queste infezioni, vengono prescritti quei gruppi di antibiotici che hanno il massimo effetto antimicrobico. Quindi, sono stati sviluppati regimi di trattamento standard per la colecistite acuta e per l'esacerbazione della colecistite cronica.

Gli antibiotici più raccomandati sono:

  • piperacillina + tazobactam (Aurotaz, Zopertsin, Revotaz, Tazar, Tazpen),
  • ampicillina + sulbactam (Ampiside, Sulbacin, Unazin),
  • amoxicillina + acido clavulanico (Amoxiclav, Augmentin, Flemoclav),
  • meropenem (Alvopenem, Aris, Demopenem, Europen, Mipenam, Merogram, Meronem, Ronem, Ekspenem),
  • imepenem + cilastina (Prepenem).

Un altro regime di trattamento efficace include una combinazione di cefalosporine di terza generazione con metronidazolo (tricopolum), che può migliorare l'effetto del trattamento. Di cefalosporine più spesso utilizzate:

  • cefotaxime (cefantrale, loraxim),
  • ceftriaxone (Auroxon, Belcef, Loraxon, Tsefogram),
  • ceftazidime (Aurocef, Orzid, Fortum, Ceftadim),
  • cefoperazone + sulbactam (Macrocef, Sulperazone, Sulcef),
  • cefixime (Loprax, Sorecef, Suprax, Cefix).

Gli antibiotici elencati e i nomi commerciali con cui sono emessi non sono i soli. In alcuni casi, il medico può prescrivere altri schemi, guidati dai risultati dei test..

I farmaci di seconda scelta sono gentamicina, cloramfenicolo, tetracicline, eritromicina, alcuni altri tipi di antibiotici.

In alcuni casi, quando oltre alla colecistite, i dotti biliari (colangite) si infiammano o ci sono altre complicazioni, è possibile utilizzare contemporaneamente diversi farmaci antibatterici. Ad esempio, combinazioni di penicilline con fluorochinoloni - il più delle volte ampicillina con ciprofloxacina. O ampicillina con oxacillina (Ampioks).

I dosaggi di farmaci dipendono dalla gravità del decorso dell'infezione, vengono selezionati individualmente. Nei casi più gravi si raccomandano iniezioni di farmaci antibatterici, nei casi più lievi si possono assumere forme orali..

Trattamento della colecistite durante la gravidanza e l'allattamento

Per il trattamento della colecistite nelle donne in gravidanza, vengono utilizzati quei gruppi di antibiotici approvati per l'uso durante la gravidanza. Questi includono alcune penicilline, cefalosporine e in alcuni casi usano macrolidi. I più comunemente usati sono ampicillina + sulbactam (Ampisid, Sulbacin, Unazin), ceftriaxone (Auroxon, Belcef, Loraxon, Cefogram), azitromicina (Sumamed, Hemomycin).

Gli antibiotici elencati sono relativamente sicuri per il feto e possono essere utilizzati durante la gravidanza se il beneficio atteso si sovrappone al possibile danno derivante dalla loro assunzione.

Ma l'allattamento al seno per la durata del trattamento dovrà essere interrotto in modo che il bambino non riceva una porzione dell'antibiotico insieme al latte. È molto difficile prevederne le conseguenze, perché vale la pena interrompere l'allattamento mentre la mamma sta assumendo farmaci antibatterici.

In nessun caso dovresti automedicare prendendo qualsiasi medicinale senza consultare un medico. Alcuni antibiotici possono causare danni irreparabili al feto, perché solo un medico può prescrivere un trattamento durante la gravidanza e l'allattamento.

Caratteristiche di ricevimento e complicazioni di terapia antibiotica

Durante il trattamento, è necessario abbandonare completamente l'alcool, aderendo a una dieta per la colecistite: esclusione di cibi grassi, consumo eccessivo di zucchero, legumi, frutta e bacche acide, cibo in scatola, carni affumicate, piatti piccanti, caffè forte.

È importante aderire completamente al regime di trattamento, non modificare il dosaggio, non perdere la dose, non interrompere il corso, anche se si è verificato un pieno recupero. Altrimenti, potrebbe svilupparsi una resistenza alle infezioni da antibiotici e la malattia si ripresenterà rapidamente. Come qualsiasi altro farmaco, gli antibiotici hanno una serie di effetti collaterali. Maggiori dettagli sui possibili effetti collaterali sono descritti nelle istruzioni per il farmaco..

Nelle recensioni degli utenti puoi trovare una varietà di effetti collaterali, ma l'occorrenza più comune:

  • disbiosi, che porta alla rottura del tratto digestivo,
  • Carenza di vitamina K, che può causare sangue dal naso,
  • candidosi della cavità orale e altre mucose (ad esempio mughetto),
  • reazioni allergiche, se esiste una sensibilità individuale ai componenti del farmaco (questi segni non possono essere ignorati).

Per prevenire effetti collaterali, è necessario attenersi rigorosamente alle istruzioni e raccomandazioni del proprio medico. Dopo una lunga assunzione, si consiglia di bere un ciclo di probiotici per ripristinare la microflora intestinale sana.

video

Colecistite, cause, sue forme, sintomi, metodi di diagnosi e trattamento.