Aumento di ALT e AST nelle malattie del fegato

epatologo

Specialità correlate: gastroenterologo, terapista.

Indirizzo: San Pietroburgo, Accademico Lebedev St., 4/2.

L'epatite virale è una malattia grave in cui è interessato il fegato e si forma un focus infettivo-infiammatorio. Ad oggi, sono note sette forme della malattia che differiscono nel decorso, nel tipo di fattore provocante e anche nelle complicazioni. Considerando l'epatite C, vale la pena notare che è caratterizzato da una progressione lenta, e questo è accompagnato da una cronicizzazione del processo patologico, che è facilitata da un inizio asintomatico e una diagnosi tardiva. La conseguenza di ciò è la sostituzione degli epatociti morti con fibre connettive, lo sviluppo della cirrosi e la malignità del tessuto ghiandolare.

La malattia si diffonde principalmente attraverso il sangue. Questa via di trasmissione del patogeno è caratteristica dei paramedici, iniettando tossicodipendenti e pazienti in emodialisi e che necessitano di frequenti trasfusioni di sangue.

Per quanto riguarda il percorso verticale dell'infezione, l'infezione si verifica durante il parto, quando le mucose ferite del bambino entrano in contatto con il sangue della madre. I medici raccomandano un taglio cesareo per prevenire la trasmissione..

Un'altra opzione per l'infezione è con l'intimità. Data la presenza di agenti patogeni nello sperma e nelle perdite vaginali, il rischio di infezione da sesso non protetto è piuttosto elevato. È particolarmente elevato nelle persone che preferiscono frequenti cambi di partner, sesso aggressivo e anale. In caso di violazione dell'integrità della mucosa genitale, la probabilità di infezione aumenta molte volte, poiché la massima concentrazione di virus è contenuta nel sangue.

Diagnosi di laboratorio dell'epatite C

Gli esami del sangue possono essere specifici e non specifici. Il primo gruppo di analisi include ELISA e PCR. Consentono di valutare il livello di anticorpi, rilevare gli antigeni del virus e anche identificare il materiale genetico del patogeno.

Per quanto riguarda il secondo gruppo di studi, include la biochimica, che include i seguenti indicatori:

  • transaminasi. Si osserva un aumento di ALT e AST nell'epatite C a causa della distruzione delle cellule del fegato, dopo di che gli enzimi entrano nel flusso sanguigno. Questi indicatori consentono di sospettare una malattia nella fase preclinica;
  • gemma-glutamiltransferasi - è coinvolto nel trasferimento di aminoacidi. L'enzima è localizzato nel pancreas, nel fegato e nei tessuti renali. A causa della morte fisiologica delle cellule, si trova nel sangue in un piccolo volume. Il suo livello elevato indica la morte in massa dei tessuti;
  • la bilirubina (totale, frazioni) è un prodotto di conversione dell'emoglobina. Circola nel sangue in una forma indiretta, che dopo essere entrata nel fegato passa in una forma legata;
  • fosfatasi alcalina - è coinvolta nell'idrolisi. L'enzima si trova nel fegato, nelle strutture ossee e nell'intestino. Il suo livello moderatamente elevato è considerato normale per i bambini, a causa della loro rapida crescita..

ALT e AST

Grazie al controllo sul livello delle transaminasi, è possibile tracciare il tasso di progressione della malattia, valutarne la gravità e l'adeguatezza della terapia. L'alanina aminotransferasi si trova a livello intracellulare, motivo per cui la sua quantità aumenta con la morte degli epatociti sottoposti a esposizione virale. L'enzima è coinvolto nella sintesi dell'amminoacido essenziale, necessario per la regolazione del metabolismo, il normale funzionamento dei neuroni e l'immunità.

L'ALT per l'epatite C è un indicatore della gravità del processo infettivo-distruttivo.

Inoltre, l'enzima si trova nei polmoni, nei tessuti renali e cardiaci..

L'aspartato aminotransferasi si trova nel muscolo cardiaco, negli epatociti e nei neuroni. Un aumento dell'enzima nel sangue indica la morte delle cellule del fegato.

Per decifrare i risultati della diagnostica di laboratorio, è necessario confrontare il livello normale di enzimi con i dati ottenuti:

  1. i valori ammessi per il sesso più forte sono fino a 45 U / L (ALT) e non superiori a 40 (AST);
  2. per le donne, la norma è fino a 35 e non più di 30, rispettivamente.

Quando decifri i risultati della biochimica nei bambini, devi considerare quanti mesi è un bambino. Nel periodo neonatale, gli indicatori sono più alti, a causa del continuo sviluppo del fegato e dell'adattamento del corpo. Il livello di ALT può raggiungere 50 U / L e AST - 150.

La composizione quantitativa delle transaminasi può essere influenzata da alcuni farmaci. Questo vale per i contraccettivi orali e i farmaci che possono modificare il tasso di coagulazione del sangue..

Indicazioni ALT e AST per l'epatite C

Analizzando il grado di aumento delle transaminasi, viene determinato lo stadio del processo infettivo e infiammatorio (acuto o cronico) e viene valutata anche la gravità del danno epatico. Distinguere:

  • iperfermentemia moderata: indica un aumento della concentrazione di 5 volte;
  • seguito da un grado medio - questo significa un aumento fino a 10 volte;
  • e, infine, pesante - 11 volte o più.

Più alti sono i valori delle transaminasi, maggiore è il numero di epatociti sottoposti a distruzione. Con l'esacerbazione della malattia, l'iperfermentemia viene registrata in tutti i pazienti. L'epatite cronica è caratterizzata da una lenta distruzione delle cellule del fegato, che è dimostrata in laboratorio da un aumento delle transaminasi al limite superiore della norma. Per quanto riguarda il periodo asintomatico, rimangono a un livello basso..

Non per niente, per ogni persona con alterati indicatori della funzionalità epatica, il medico scoprirà in dettaglio la storia della vita. Si interessa di trasfusioni di sangue, interventi chirurgici, contatto con il paziente, intimità non protetta e visite ai saloni di bellezza..

ALT e AST per l'epatite C sono anche valutati usando l'indice de Ritis. La sua norma è 1,33. Ti permette di determinare la causa dell'aumento delle transaminasi. Può essere sia un danno al fegato che al muscolo cardiaco. Il coefficiente viene calcolato dividendo ALT per AST.

Per sospettare l'epatite, è sufficiente confrontare il grado di aumento di ciascun enzima. Una conferma della necrosi delle cellule del fegato è un aumento significativo della concentrazione di ALT.

Indicatori di cambiamento di fase

L'epatite C è caratterizzata da diversi periodi con un aumento massimo delle transaminasi:

  1. il primo picco viene registrato due settimane dopo l'infezione, quando termina il periodo di incubazione e inizia la rapida moltiplicazione dei patogeni. La replicazione intensiva del virus è accompagnata dalla distruzione degli epatociti e dal rilascio di enzimi nel flusso sanguigno;
  2. il secondo periodo di massima crescita delle transaminasi si osserva al momento della comparsa di sintomi clinici generali (debolezza, disturbi dispeptici). Simile è registrato 3-4 mesi dopo il primo picco;
  3. questo è seguito da un aumento ondulatorio del livello di enzimi, che riflette l'attività del processo infettivo e l'intensità della replicazione dei patogeni. Ogni picco indica un danno ai nuovi epatociti. Inoltre, ALT nell'epatite C aumenta in misura maggiore..

Con la comparsa di ittero in biochimica, non si nota solo l'iperfermentemia, ma anche un aumento del contenuto di bilirubina. La colestasi (ristagno della bile) è accompagnata dall'accumulo di questo pigmento nella pelle, che si manifesta con un cambiamento nel colore del corpo.

È importante ricordare che la normalizzazione degli indici enzimatici è tutt'altro che un segno di ripresa. In questo caso, si consiglia un ulteriore test di laboratorio per la ricerca di marcatori dell'epatite..

Preparazione all'analisi

Per studiare le condizioni del fegato con un metodo di laboratorio, è necessario donare il sangue per la biochimica. Un'indicazione per l'analisi può essere:

  1. condizione subfebrile;
  2. scolorimento della pelle e delle mucose;
  3. disagio nella zona del fegato (gravità o dolore);
  4. scarso appetito;
  5. malessere;
  6. perdita di peso;
  7. disturbi dispeptici (nausea, amarezza in bocca, flatulenza, diarrea);
  8. vene del ragno.

Il materiale per la ricerca è preso da una vena. La manipolazione viene eseguita da un infermiere nel rispetto delle regole sull'asepsi. Affinché i risultati dell'analisi risultino affidabili, è necessario rispettare le seguenti raccomandazioni:

  • la recinzione viene eseguita al mattino a stomaco vuoto;
  • l'ultimo pasto dovrebbe essere entro e non oltre 8 ore prima dello studio;
  • una settimana prima della donazione di sangue, dovresti interrompere l'assunzione di farmaci che colpiscono il fegato. Se la loro cancellazione peggiora le condizioni di una persona, è necessario informare il medico dei farmaci assunti in modo che questo venga preso in considerazione durante la decodifica dell'analisi;
  • alla vigilia dello studio, è necessario aderire alla nutrizione dietetica. Si consiglia di abbandonare cibi grassi e piccanti;
  • prima della donazione di sangue, è necessario dormire, evitare pesanti stress fisici e psicologici;
  • prerequisito: rifiuto dell'alcool.

Come normalizzare ALT e AST?

Per ripristinare la struttura degli epatociti e normalizzare il fegato, si consiglia di aderire a una dieta dietetica. I suoi principi di base sono i seguenti:

  1. restrizioni saline fino a 8 g / giorno;
  2. bere pesantemente;
  3. rifiuto di varietà grasse di prelibatezze di carne e pesce, marinata, sottaceti, semilavorati, cipolle, aglio, frattaglie, funghi, brodi ricchi, muffin freschi, bibite e dolci;
  4. la preferenza dovrebbe essere data a latte, cereali (riso, farina d'avena), purè di zuppa, verdure e frutta;
  5. i piatti dovrebbero essere caldi e grattugiati.

Inoltre, l'alcol deve essere abbandonato e il dosaggio e la durata dei farmaci epatotossici devono essere rigorosamente controllati. Oltre a una corretta alimentazione, si raccomandano un sonno sano, frequenti passeggiate all'aria aperta e la stabilizzazione dello stato psico-emotivo..

Quali sono gli indicatori di norma di ALT e AST per l'epatite C??

L'epatite C è una pericolosa malattia infettiva che porta a danni irreversibili al fegato e gravi conseguenze che minacciano la vita. Gli indicatori ALT e AST per l'epatite C riflettono lo stato della funzione enzimatica del fegato e il grado di danno e consentono di rilevare cambiamenti avversi. Ciò consente di iniziare un trattamento tempestivo, che rallenterà la progressione della malattia e aiuterà a prevenire gravi complicazioni..

Cosa sono ALT e AST?

L'infezione da epatite virale C è possibile solo attraverso il contatto con il sangue, cioè per via parenterale. Spesso, l'infezione si verifica durante manipolazioni mediche (iniezioni, trasfusioni di sangue) se le regole di sterilità vengono violate e il virus entra nel corpo insieme al sangue infetto.

Nella diagnosi di epatite C, un ruolo chiave è svolto dallo studio delle aminotransferasi - enzimi epatici presenti nel fegato e nel tessuto muscolare di altri organi. Due di questi sono di importanza clinica: alanina (ALT) e aspartica (AST). Sono determinati durante un esame del sangue biochimico. Il monitoraggio di tali indicatori nelle dinamiche consente di valutare l'efficacia del trattamento e, in assenza di dinamiche positive, adottare misure per correggerlo.

Gli indicatori sono normali e con patologia

ALT e AST si trovano nel fegato e nel tessuto muscolare dei muscoli scheletrici e del cuore. È lì che svolgono la loro funzione e solo una piccola parte di essi entra nel flusso sanguigno, dove vengono determinati durante l'analisi biochimica. Quando questi organi sono danneggiati, aumenta il contenuto di enzimi nel sangue. Poiché ALT ha maggiori probabilità di aumentare nelle malattie del fegato, si chiama "aminotransferasi epatica" e AST, rispettivamente, "cardiaco".

In effetti, questa divisione è molto arbitraria, poiché i processi patologici aumentano entrambi gli enzimi. A volte un aumento della loro concentrazione nel sangue può provocare l'uso di determinati farmaci (ad esempio contraccettivi orali, anticoagulanti o farmaci del gruppo FANS).

Il medico riceve informazioni più dettagliate confrontando i dati sui cambiamenti nella concentrazione di altri enzimi, nonché i risultati di altri test. Normalmente, il contenuto di questi enzimi ha i seguenti significati:

NormaEpatite C senza cirrosiEpatite C con cirrosiInfarto miocardico
ALTFino a 45 UI / L negli uomini, fino a 35 UI / L nelle donneIncremento di 6-10 volte, percorso ondosoAumenta 10 volte o piùAumento di 1,5-4 volte
ASTFino a 47ME / L negli uomini, fino a 30ME / L nelle donneIncremento di 4-6 volte, percorso ondulatorioAumento di 6-10 volteAumento di 4-6 volte

La norma del contenuto di enzimi nel sangue dipende dal sesso e dall'età. La tabella mostra gli indicatori solo per gli adulti, poiché la percentuale del bambino varia notevolmente con l'età, nel primo anno di vita aumenta ogni mese. Il contenuto di enzimi nei bambini è sempre inferiore rispetto agli adulti.

Un aumento della quantità di un enzima nel sangue si chiama iperfermentemia. È classificato per gravità:

  • lieve (aumento della concentrazione fino a 5 volte);
  • media (6-10 volte);
  • grave (concentrazione di enzimi superata più di 10 volte).

Con l'epatite C, si osserva più spesso una moderata iperfermentemia, che può diminuire a lieve o aumentare a elevata. Se l'epatite è stata complicata dalla cirrosi, l'iperfermentemia aumenta gradualmente, passando da moderata ad alta. Spesso, i cambiamenti ematici di laboratorio nell'epatite sono asintomatici e invisibili al paziente. Pertanto, dovrai donare regolarmente sangue per analisi per monitorare le dinamiche della malattia.

Quali malattie sono state osservate iperfermentemia?

L'aumento delle aminotransferasi nel sangue si verifica con malattie del fegato (epatite, cirrosi), infarto del miocardio e lesioni muscolari. In caso di lesioni, i parametri biochimici non hanno un grande valore diagnostico, poiché emergono altri sintomi.

Nel caso di infarto del miocardio, l'aumento del contenuto di enzimi nel sangue varia significativamente nel tempo e può indicare con precisione quante ore sono trascorse dall'inizio della malattia. In questo caso, l'AST è superiore all'ALT, quindi l'AST si chiama "aminotransferasi cardiaca". La determinazione dei parametri biochimici del sangue per l'infarto del miocardio viene utilizzata per stabilire la possibilità di trombolisi nelle prime ore dall'inizio di un attacco, nonché per valutare la dinamica delle condizioni del paziente e l'efficacia del trattamento. Una diminuzione delle aminotransferasi alla norma o valori vicini ad essa è un segno dell'efficacia della terapia.

Di norma, nelle malattie del fegato, ALT è superiore all'AST, quindi l'enzima alanina è chiamato "aminotransferasi epatica". Il grado di aumento può variare da lieve ad alto. Con l'epatite C, nelle onde si verifica un aumento della concentrazione di ALT e AST. Il primo aumento si verifica circa due settimane dopo l'infezione e spesso passa inosservato. Questo è un leggero aumento, il più delle volte tenuto nel quadro di una lieve iperenzimemia, meno spesso - medio. Quindi, per diversi anni, i parametri biochimici tornano alla normalità, a volte il contenuto di enzimi, più spesso ALT è leggermente più alto del normale.

La prossima grande ondata di aumento della fermentemia si verifica 5-8 anni dopo l'infezione. L'ALT sale a numeri corrispondenti a iperfermentemia media, AST - lieve o moderata. Gli indicatori possono variare, talvolta diminuendo quasi alla norma o, al contrario, aumentando. Se la malattia è complicata dalla cirrosi, l'iperfermentemia diventa persistente e alta. Inoltre, nel processo di terapia, viene eseguito regolarmente un esame del sangue biochimico. Un indicatore dell'efficacia del trattamento sarà l'assenza di fluttuazioni e una diminuzione stabile del livello di ALT e AST nel sangue. Dopo il trattamento, i parametri biochimici dipendono da quali cambiamenti sono avvenuti nel fegato al momento del rilevamento della malattia e dall'inizio della terapia intensiva.

Cosa fare con una maggiore concentrazione di enzimi?

Un aumento della concentrazione di enzimi nel sangue non ha sintomi pronunciati che il paziente potrebbe aver notato. Pertanto, una persona potrebbe non sospettare a lungo di essere malata di epatite C. Le violazioni che indicano un'infezione sono rilevate solo in laboratorio e tutti gli altri sintomi di danno epatico sono causati da altre cause.

Tuttavia, i pazienti sono preoccupati su cosa fare se ALT e AST sono elevati? In effetti, per ridurre la concentrazione effettiva di enzimi, non è necessario fare nulla: diminuirà se il trattamento è efficace. Nell'epatite C, una modifica di questi indicatori viene utilizzata solo come uno dei metodi per valutare le condizioni del paziente.

Questo è uno dei modi più veloci e convenienti per tenere traccia delle condizioni di un paziente e regolare il programma di trattamento in tempo. Dato l'alto costo dei farmaci e degli esami per l'epatite C, il metodo di analisi biochimica del sangue rimane rilevante e mantiene un alto significato clinico.

ALT e AST per l'epatite

ALT e AST sono enzimi che si concentrano principalmente nelle cellule del fegato. Nel processo di sviluppo di gravi malattie, quando il tessuto epatico è interessato, questi enzimi entrano in grandi quantità nel sangue. Successivamente, verrà descritto quali sono gli indicatori ALT e AST per l'epatite C e quali test mostrano l'assenza o la presenza di deviazioni.

Prestazione normale

Prima di scoprire come ALT e AST cambiano con l'epatite, devi capire quali sono questi enzimi. L'alanina aminotransferasi e l'aspartato aminotransferasi sono concentrate nel fegato e sono responsabili della scomposizione di numerosi aminoacidi. Contrariamente alla credenza popolare, questi enzimi non si trovano solo nel fegato. In determinate quantità, sono contenuti in organi come:

Tuttavia, la più alta concentrazione di AST e ALT è nel fegato. Pertanto, quando inizia un processo patologico nel corpo che colpisce direttamente i tessuti di questo organo, gli enzimi iniziano a penetrare nel flusso sanguigno. La loro alta concentrazione indica che si verifica un processo necrotico nel fegato e la sua funzionalità è significativamente ridotta.

L'aumento di ALT e AST si verifica sullo sfondo di molte malattie ed è caratteristico non solo per l'epatite. I seguenti problemi al fegato possono causare questa deviazione:

  1. La formazione di un tumore maligno o benigno.
  2. Necrosi tissutale.
  3. Cirrosi.
  4. Altre malattie infiammatorie.

I medici valutano non solo la presenza di ALT e AST nel sangue, ma anche il loro livello. Un aumento significativo di questo indicatore indica direttamente il progresso della malattia esistente..

C'è una norma di questi indicatori:

  • Negli uomini, la norma ALT è 30–180 mmol / L o fino a 45 unità / L. L'indicatore ACT per i rappresentanti del sesso più forte dovrebbe essere inferiore: 30–120 mmol / le fino a 40 unità / l.
  • Nelle donne, entrambi gli indicatori sono significativamente inferiori rispetto agli uomini: fino a 35 unità / L per ALT e fino a 30 unità / L per AST.

Questi indicatori sono più alti nei neonati: in media, ALT è fino a 50 unità / L e AST è fino a 150 unità / L. Con l'età, in connessione con i cambiamenti ormonali nel corpo, questi indicatori sono significativamente ridotti. Il loro aumento può solo parlare dello sviluppo di processi patologici nel fegato.

Indicatori enzimatici per l'epatite C

Con l'epatite C, i livelli di AST e ALT, così come le transaminasi, potrebbero non cambiare per diversi anni. Ciò è dovuto al fatto che la malattia si sviluppa lentamente e nelle fasi iniziali è generalmente asintomatica. Ma allo stesso tempo, si verifica un danno al fegato, che prima o poi porta ad un aumento di questi indicatori.

Nella fase acuta della malattia, il livello di questi indicatori può differire dalla norma di diverse decine di volte. Tuttavia, in questo caso, è possibile fare una diagnosi con segni esterni pronunciati.

Un esame del sangue biochimico per l'epatite C nelle prime fasi di solito mostra un leggero aumento di questi indicatori, o i loro valori sono ai limiti superiori della norma. Ecco perché i medici spesso ignorano un leggero aumento degli indicatori, attribuendoli a fattori esterni di influenza..

Il livello di ALT e AST nell'analisi può aumentare a causa di motivi familiari, tra cui i seguenti sono più comuni:

  • prendendo contraccettivi orali;
  • aspirina in grandi quantità;
  • prendendo alcuni antidepressivi;
  • trattamento a lungo termine con Warfarin.

Quando si valuta la quantità di questi enzimi nel sangue, viene spesso utilizzato il coefficiente de Ritis, ovvero il rapporto di due indicatori. Se il coefficiente è superiore a 1,33 con una predominanza significativa di ALT, allora si sta verificando un processo patologico nel fegato. Se il coefficiente è inferiore a questo indicatore con una predominanza di AST, allora stiamo parlando di problemi cardiaci.

Nell'epatite C, nell'analisi si nota un aumento dell'ALT e nelle fasi successive dello sviluppo della malattia, il coefficiente de Ritis può essere dieci volte superiore al normale. Se la concentrazione di AST aumenta, allora possiamo parlare di cirrosi e della forma tossica di epatite.

In un esame del sangue con una malattia così grave come l'epatite, si possono notare i seguenti cambiamenti:

  1. Le prime indicazioni non standard compaiono circa 2 settimane dopo l'infezione, quando termina il periodo di incubazione. La chimica del sangue mostra un leggero aumento di AST e ALT.
  2. La seconda volta, gli indicatori crescono circa 2-3 mesi dopo che il virus entra nel flusso sanguigno, quando una persona inizia a soffrire di debolezza e nausea.
  3. La concentrazione di enzimi aumenta di circa 5-10 volte, nei casi più gravi si può osservare un aumento di 20-30 volte.
  4. Se l'epatite C si sviluppa con evidenti sintomi esterni (comparsa di ittero o arrossamento della pelle), potrebbe esserci un aumento della bilirubina nel sangue.
  5. Dopo il recupero, i livelli di alanina transaminasi e AST dovrebbero gradualmente tornare alla normalità, ma si può osservare un leggero aumento della loro concentrazione entro 2-3 mesi.

Ogni caso è puramente individuale. Ad esempio, se in un maschio adulto la concentrazione di ALT è di 120 unità / l e la concentrazione di AST è di 160 unità / l, allora stiamo sicuramente parlando di un grave processo infiammatorio. Se gli indicatori sono 60 unità / l ALT e 70 unità / l AST, il medico può ignorarlo completamente. Gli esperti notano solo un aumento di 6-10 volte.

Metodi per diagnosticare la malattia

Misurare il livello di alanina aminotransferasi (Alat) e aspartato aminotransferasi è tutt'altro che l'unico modo per diagnosticare una malattia così grave. I medici ricorrono spesso alla diagnosi differenziale, poiché non è facile identificare correttamente la malattia con la somiglianza dei sintomi con segni di altri disturbi.

I seguenti metodi sono spesso usati per diagnosticare l'epatite:

  1. Analisi del sangue biochimica e PCR.
  2. Ultrasuoni per valutare le condizioni della cavità addominale.
  3. Esame e interrogatorio del paziente.
  4. Biopsia epatica.
  5. Esame del sangue per la presenza o l'assenza di marcatori dell'epatite.

Questi sono solo i metodi di base per fare una diagnosi. L'epatite C è una malattia insidiosa ed è tutt'altro che possibile notare marcatori di virus nel sangue.

È difficile dire inequivocabilmente quanto tempo ci vorrà per fare una diagnosi. Se tutti gli altri metodi non danno un risultato, i medici preferiscono passare a una biopsia. La raccolta di tessuto epatico consente di dire con precisione che tipo di malattia ha colpito il corpo e in quale fase dello sviluppo è.

Il trattamento dell'epatite C prevede l'assunzione di una serie di farmaci, seguendo una dieta speciale e un certo regime giornaliero. Il paziente dovrà rinunciare a carichi pesanti, alcol e cibi grassi. Un recupero completo è considerato quasi un miracolo, perché anche con una remissione prolungata, il rischio di attivare il virus dell'epatite C rimane sempre.

ALT e AST per l'epatite C: il comportamento degli enzimi nell'infezione da epatite C.

L'epatite C, in contrasto con l'epatite B, viene definita poeticamente dai medici come un "killer affettuoso". Ha preso questo nome perché è caratterizzato da un decorso lieve e asintomatico, dall'assenza di grave intossicazione e ittero e procede con manifestazioni così insignificanti che spesso possono essere scambiate per lieve malessere.

Ma dopo diversi anni e talvolta diversi decenni, può manifestarsi immediatamente con le sue complicanze: cirrosi epatica o persino adenocarcinoma epatocellulare, che viene comunemente chiamato cancro al fegato.

E l'identificazione di possibili enzimi chiamati AST e ALT, o aspartato aminotransferasi e alanina aminotransferasi, è di grande aiuto nel determinare la possibile infezione. Considera quali sono questi enzimi, quali sono i loro valori normali e in che modo la loro determinazione nella diagnosi dell'epatite virale in generale e dell'epatite virale C (HCV) in particolare può aiutare.

Qual è la funzione degli enzimi AST e ALT?

Vari processi biochimici si svolgono attivamente nelle cellule degli organi interni e richiedono decine e centinaia di enzimi che li accelerano in modo significativo. ALT e AST appartengono al gruppo di enzimi - transaminasi, che accelerano il trasferimento del gruppo amminico da un amminoacido a un altro, prendendo parte alla fornitura di energia delle cellule che dovrebbero ricevere quanta più energia possibile. Queste sono cellule muscolari scheletriche, miocardio, epatociti o cellule epatiche e alcune altre strutture.

Le transaminasi sono enzimi intracellulari. Ciò significa che nel plasma sanguigno si trovano in tracce residue e la loro concentrazione principale è concentrata all'interno delle cellule. Un aumento dei livelli di ALT e AST nel plasma sanguigno si verifica solo quando si verifica una distruzione massiccia delle cellule.

Il normale livello di enzimi suggerisce che qualsiasi cellula invecchia e muore "in modo pianificato", e il rilascio di enzimi da esse è ancora inevitabile, ma questo indicatore di fondo non dovrebbe spaventare nessuno. Quali sono i valori normali degli enzimi accettati nella pratica clinica di laboratorio??

Valori di riferimento, ALT e AST

I valori di riferimento, o limiti normali, di questi enzimi sono molto vicini tra loro. Pertanto, nelle donne adulte di età superiore ai 17 anni, il valore dell'aspartato aminotransferasi nel plasma sanguigno dovrebbe essere inferiore a 31 unità per litro (U / L) e negli uomini - meno di 37 U / L. Per ALT, o alanina aminotransferasi, gli indicatori sono molto simili: per le donne adulte - meno di 31 unità e per gli uomini adulti - meno di 41.

Questa leadership degli uomini è spiegata semplicemente. Una quantità significativa di questi enzimi si trova nel tessuto muscolare, mentre gli uomini hanno più massa muscolare rispetto alle donne. E la massa del fegato maschile supera quasi sempre la massa di questo organo nelle donne.

Quali valori di enzimi sono considerati elevati? Nel caso in cui il livello di enzimi salga a cinque volte, questo può essere considerato un aumento moderato, una crescita di dieci volte è una sindrome biochimica di gravità moderata e se il livello di enzimi "scende" per più di dieci volte, allora questo indica lo sviluppo di una grave iperenzimemia.

Ma non dovresti pensare che una grave sindrome biochimica significhi automaticamente una grave condizione clinica. Quindi, nell'epatite virale acuta B, il livello di enzima ALT può superare i 500 U / L, ma allo stesso tempo, il paziente può benissimo essere funzionale, stare in piedi e provare solo un lieve malessere.

Ma questo apparentemente buono stato di salute è ingannevole: un'alta concentrazione dell'enzima indica direttamente il grado di danno all'organo. La massiccia degradazione degli epatociti o delle cellule del fegato è chiamata sindrome da citolisi e un aumento significativo degli enzimi ALT e AST è un marcatore patognomonico diretto o, come dicono i medici, di questa sindrome.

Perché la concentrazione di questi enzimi nel plasma sanguigno aumenta?

È stato menzionato sopra che un aumento degli enzimi plasmatici indica non solo un danno epatico e la presenza di epatite virale. In effetti, ci sono molte transaminasi nel miocardio, e specialmente nei muscoli scheletrici. Come determinare cosa soffre esattamente il fegato? In questo, un semplice coefficiente viene in soccorso, che si chiama coefficiente de Ritis.

Questo è un semplice rapporto tra alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi, da ALT a AST. Tutto diventa chiaro se aggiungiamo che ALT si trova principalmente nel fegato e AST nel miocardio, muscolo scheletrico, milza, reni e altri organi. Nel caso in cui questo coefficiente superi 1,33, si dovrebbe sospettare il fegato e, se è inferiore, il tessuto muscolare.

Il numero di malattie e condizioni in cui aumentano ALT e AST è davvero grande.

Ne elenchiamo alcuni:

  • epatite virale acuta,
  • qualsiasi danno alle cellule del fegato, incluso l'alcol,
  • tumori al fegato,
  • cirrosi,
  • tonsillite linfocitica o mononucleosi,
  • lesioni cardiache e muscolari,
  • gravi ustioni,
  • infarto miocardico,
  • duro lavoro muscolare,
  • temperatura molto elevata e ipertermia,
  • farmaci epatotossici,
  • ipossia e shock,
  • pancreatite,
  • anemia emolitica.

Per la varietà dei motivi, ci concentreremo sull'epatite virale C lenta e mostreremo come, utilizzando l'analisi delle transaminasi, si può sospettare l'epatite virale dopo che il virus è entrato nel corpo e fare riferimento al paziente per un ulteriore esame.

Il comportamento degli enzimi quando infettati da epatite virale C

L'epatite virale C non è solo insidiosa a causa della mancanza di ittero. Immediatamente dopo l'infezione, i parametri biochimici, comprese le transaminasi, non cambiano o aumentano leggermente. Ciò significa che le transaminasi possono aumentare fino a 50-60 unità, sullo sfondo del benessere completo, e quindi non tutti eseguiranno un esame del sangue. E qui i dati storici vengono prima di tutto.

Se una persona fa sesso irregolare o usa droghe per via endovenosa, il rischio di infezione è molto più alto. Ma anche una persona normale può essere accidentalmente infettata da una trasfusione di sangue, plasma, varie operazioni, come interventi cosmetici in cliniche private, emodialisi cronica prolungata e così via..

L'aumento di ALT e AST nell'epatite C si verifica più spesso in modo irregolare. Il primo aumento si sviluppa da due a tre settimane dopo l'infezione. Questa volta cade alla fine del periodo di incubazione e coincide con la sintesi attiva dei virioni nelle cellule del fegato. In questo caso, si osserva la citolisi iniziale, ma dopo pochi giorni la sua intensità diminuisce.

Il prossimo aumento di ALT e AST nell'epatite C si verifica tra uno e mezzo e due mesi. Indica la seconda ondata della sindrome di citolisi, in cui le particelle virali finite entrano di nuovo nel flusso sanguigno e gli indicatori aumentano, in media, da 8 a 10 volte. Quindi, ALT nell'epatite C può raggiungere valori di 300 - 400 U / L, raramente più alti, poiché il virus ha proprietà immunogeniche deboli e non c'è "lotta" con l'alta citolisi, come nell'epatite virale acuta B.

Sul valore diagnostico di ALT e AST e sulla prognosi

Naturalmente, il modo più corretto di diagnosi di laboratorio dell'epatite virale C sarà non solo la determinazione delle transaminasi, ma, prima di tutto, l'identificazione del materiale ereditario - l'RNA del virus mediante PCR. Più tempo è trascorso dalla presunta infezione, più è probabile che sia rilevata immunoglobulina di classe M o anticorpi a risposta rapida, che a quel punto possono già essere prodotti e si trovano nel plasma sanguigno.

Naturalmente, se il paziente peggiora, ci sono sintomi di intossicazione e, soprattutto, segni di ittero, quindi può andare indipendentemente ed essere esaminato, dopo aver superato la PCR per tutta l'epatite virale, inclusa l'epatite C. Ed è per questo che il paziente ha un chiaro, l'attività itterica delle transaminasi non avrà più un valore diagnostico così elevato. Indicherà semplicemente il collasso delle cellule del fegato, niente di più.

Allo stesso modo, bassi numeri di transaminasi sono anche prognosticamente inaffidabili, presi in isolamento. Va ricordato che quando la necrosi fulminante o fulminante dell'intero tessuto epatico si sviluppa nell'epatite acuta, la concentrazione di enzimi nel plasma sanguigno aumenta leggermente, nonostante la prognosi estremamente scarsa, poiché il contenuto delle cellule semplicemente non ha il tempo di entrare nel sangue.

Nei pazienti con cirrosi grave, la concentrazione di ALT e AST generalmente inizia a calare bruscamente quando si verifica la fase terminale dell'insufficienza epatica. Ciò è dovuto al fatto che praticamente non rimangono cellule sane nel fegato e che non c'è semplicemente nulla da decomporre.

Pertanto, in conclusione, possiamo dire che la determinazione di ALT e AST è uno dei collegamenti necessari nella diagnosi di qualsiasi danno epatico, inclusa l'epatite virale acuta o cronica. Ma questo studio è di routine e consente solo di sospettare la citolisi e la sua causa dovrebbe essere ricercata usando altri metodi di diagnostica di laboratorio e strumentale.

AcT e Alt nell'epatite C

L'epatite C, una pericolosa lesione virale del fegato, viene trattata con successo al giorno d'oggi e soprattutto se è possibile diagnosticare la malattia nelle prime fasi. Tuttavia, la diagnosi è significativamente complicata a causa dell'assenza di sintomi nella forma cronica (la più comune per questa malattia). Molto spesso, la diagnosi viene fatta sulla base di esami del sangue.

Ma di cosa parlano indicatori come Alt, AcT nell'epatite C? Cosa causa la loro sopravvalutazione? Cosa significa ALT e AcT elevati nell'epatite C? Puoi trovare le risposte in questo articolo..

Metodi di laboratorio per la diagnosi di HCV

Prima di scoprire cosa significa il livello di ALT e ACT nell'epatite C, è necessario studiare tutte le principali misure per la diagnosi di HCV. Prima di tutto, gli esami del sangue vengono eseguiti da PCR ed ELISA. Lo studio dei campioni di sangue dei pazienti basati su questi metodi consente di stabilire il livello di infezione e confermare la diagnosi.

Viene inoltre eseguita una serie di test per verificare la composizione biochimica del sangue. Gli indicatori sono presi in considerazione:

  • Frazioni di bilirubina. L'enzima bilirubina è un prodotto metabolico dell'emoglobina. La sua quantità nel plasma sanguigno del paziente determina lo stato del fegato. Più frazioni di bilirubina, più forte è il processo infiammatorio.
  • transaminasi A causa della rottura delle cellule del fegato, aumenta il livello di ALT e AcT - aumentano le transaminasi umane naturali. Gli enzimi che vengono prodotti durante questo processo entrano nel flusso sanguigno. Per questo motivo, la malattia può essere rilevata nella fase preclinica..
  • Fosfatasi alcaline. Questo è un elemento naturale di idrolisi. Il suo livello può essere in qualche modo sopravvalutato in giovane età, poiché il corpo del bambino sta ancora crescendo.
  • Hemma glutamyl transferase. Un enzima a base di proteine ​​coinvolto nel trasporto di aminoacidi. Se gli epatociti muoiono naturalmente, la sua velocità aumenta, ma in piccola parte. Un forte aumento del livello di gemma-glutamiltransferasi indica un danno massiccio al tessuto epatico.

Questi indicatori nella diagnosi di HCV sono studiati con particolare cura. I più importanti di questi sono Alti AST.

Lo stato del fegato per AcT e Alt nell'epatite C

Un controllo regolare degli indicatori quantitativi degli enzimi nel sangue del paziente consente di determinare la malattia in tempo e di determinare lo stato del fegato tramite ALT e ACT. Ciò è necessario per selezionare il miglior regime terapeutico basato su medicinali originali dall'India..

L'alanina aminotransferasi (ALT) è un enzima di tipo intracellulare. Quando gli epatociti iniziano a morire in gran numero, un'enorme quantità di Alt viene rilasciata nel sangue del paziente. Poiché questo enzima partecipa anche alla produzione di aminoacidi neurali essenziali, nonché ai processi del metabolismo del sistema immunitario, un aumento del suo livello è sempre un allarme.

Nell'HCV, ALT elevato indica la vastità dell'area del danno epatico da parte del virus, nonché vari processi tossici nell'organo.

L'aspartato aminotransferasi (AcT) è un enzima presente negli epatociti, nei neuroni e nelle cellule del muscolo cardiaco. L'aumento dell'ACT indica la decomposizione del tessuto epatico.

Per determinare quanto è danneggiato il fegato del paziente, confrontare il livello degli enzimi in questione nel campione di sangue fornito con indicatori standardizzati:

  • Per gli uomini, Alt - fino a 45, AcT - non più di 40 unità / l
  • Per le donne, rispettivamente, 35 e 30 unità / l

Se la diagnosi è per un paziente di età inferiore ai 18 anni, la sua età deve essere considerata. Più giovane è il bambino, maggiore è il tasso di enzimi. Ad esempio, nei neonati, il livello di ALT può raggiungere 50 U / L e AcT può raggiungere 150. La ragione di ciò è lo sviluppo del bambino e la formazione intensiva del fegato. Negli adolescenti, gli indicatori quantitativi degli enzimi si avvicinano alla norma dell'adulto.

Importante! In caso di assunzione di contraccettivi orali o farmaci per aumentare la coagulazione del sangue, AcT e Alt possono essere inaccurati. Per evitare ciò, l'assunzione di droghe prima dell'esame dovrebbe essere posticipata.

Livello di AcT e Alt in HCV

L'analisi per la determinazione di AcT e Alt viene eseguita principalmente in modo che il medico curante possa scegliere la terapia antivirale appropriata. La concentrazione di enzimi determina la forma dell'epatite virale (acuta o cronica). Secondo i risultati diagnostici, differisce:

  • Iperfermentazione moderata La norma ha superato 5 volte o meno
  • Livello medio. 5 a 10 volte
  • Grave iperfermentazione. Superare più di 11 volte

Più alti sono gli indicatori, maggiore è l'area del tessuto epatico interessato. Molto spesso, l'HCV acuto è caratterizzato da grave iperfermentazione, mentre il decorso cronico della malattia è caratterizzato da limiti più moderati. In effetti, con l'epatite C cronica, la malattia progredisce lentamente. Di conseguenza, gli epatociti vengono distrutti gradualmente e in quantità relativamente piccole..

Pertanto, il livello di ALT e ACT aumenta gradualmente. Se la malattia non manifesta sintomi significativi, i tassi di transaminasi sono piuttosto bassi.

Se si registrano cambiamenti significativi nel livello degli enzimi considerati, il medico curante può informarsi dettagliatamente sul paziente riguardo a possibili contatti con pazienti con HCV. Il chiarimento del momento dell'infezione è molto importante non solo per fare una diagnosi accurata, ma anche per determinare lo stadio della malattia. Sulla base di queste informazioni, sarà molto più semplice selezionare il trattamento richiesto dal paziente..

Nella diagnosi di HCV, il carico di transaminasi è anche determinato usando l'indice de Reedis. La norma per un tale studio è di 1, 33 unità. Dividendo l'indicatore ALT per ACT, si ricava il coefficiente mediano. Grazie a questa analisi, non solo puoi scoprire la causa esatta della decomposizione degli epatociti, ma anche diagnosticare le malattie cardiache.

Indicatori a seconda delle fasi

Una malattia come l'epatite C è caratterizzata da fermentazione instabile. Ciò significa che il livello di transaminasi varia, a seconda dello stadio di HCV. Questo succede come segue:

  • Durante le prime 2 settimane dopo la fine del periodo non clinico (di incubazione) della malattia, l'agente causale della malattia inizia a moltiplicarsi attivamente nel sangue e nei tessuti del fegato del paziente. Questo stadio è caratterizzato dalla massiccia distruzione degli epatociti e dal rilascio di enzimi appropriati nel sangue.
  • 4 mesi dopo l'infezione, la malattia procede bruscamente, con brevi esacerbazioni e la manifestazione di sintomi caratteristici (tono della pelle gialla, dolore al fegato, feci scolorite, ecc.). Questi episodi sono accompagnati da grave iperfermentazione.
  • L'ulteriore decorso della malattia dipende dal livello di danno epatico e dalla carica virale. Tuttavia, ogni nuovo aumento di Alt e AcT indica una nuova ondata di distruzione delle cellule del fegato..

È interessante notare che il prossimo aumento delle transaminasi può essere determinato da segni esterni. In tali momenti, la pelle del paziente diventa dolorosamente gialla. La ragione di ciò è il ristagno della bile, a causa del quale il pigmento giallo si accumula nella pelle del paziente.

Va ricordato! Ridurre il numero di enzimi non significa sempre guarire. Per confermare i dati dovrebbero essere sottoposti a diagnostica aggiuntiva. In particolare, eseguire i test per gli anticorpi anti-antigeni HCV.

Come prepararsi per le analisi?

Per chiarire il carico di Alt e AcT nell'epatite C, è necessario presentare un'analisi per verificare la composizione biochimica del sangue. Tale diagnostica è indicata nei seguenti casi:

  • Il paziente presenta sintomi caratteristici dell'infiammazione virale del fegato
  • Esame standard durante la gravidanza
  • L'esaminato viene spesso in contatto con pazienti HCV in servizio (personale medico) o in cura di parenti

Come qualsiasi analisi di laboratorio, un test della composizione biochimica del sangue richiede una preparazione speciale da parte del paziente, vale a dire:

  • Non devi mangiare in laboratorio nelle ultime 8 ore.
  • Una settimana prima dell'esame, si dovrebbe rifiutare di assumere farmaci che potrebbero influenzare i risultati del test..
  • Il giorno prima del prelievo del campione di sangue, è necessario passare a un alimento dietetico leggero. I prodotti con un alto contenuto di grassi trans dovranno essere abbandonati.
  • Alla vigilia dei test, è severamente vietato l'uso di alcol e tabacco.

Alla vigilia della donazione di sangue per determinare il carico di Alt-AsT nell'epatite C, è necessario prendersi cura dell'assenza di una forte attività fisica e di situazioni stressanti. Devi essere in laboratorio la mattina presto..

Come normalizzare ALT e ACT nell'epatite C?

Se la diagnosi di HCV è confermata, il paziente richiede un trattamento complesso. Gli epatologi moderni prescrivono spesso farmaci a pazienti basati su principi attivi innovativi: Sofosbuvir, Daclatasvir, Ledipasvira e Velpatasvir. Se il trattamento è selezionato correttamente, il recupero avverrà entro 12 settimane.

Per normalizzare il fegato affetto, nonché gli indicatori Alt e AcT per l'epatite C, sono necessarie misure aggiuntive:

  • Limitare l'assunzione di sale. Non più di 8 grammi al giorno, con cui il sale dovrebbe essere consumato all'ultimo momento.
  • Rispetto di una dieta speciale (tabella numero 5). Mangia almeno 5 volte al giorno. Allo stesso tempo, il cibo dovrebbe essere il più leggero possibile. Dovremo rinunciare a cibi grassi, fast food, brodi di carne, cibi in scatola e agrumi.
  • Conformità con una chiara routine quotidiana. Mangiare almeno 5 volte al giorno, assumere farmaci e dormire nei tempi previsti.

È importante considerare che il paziente dovrà dimenticare per sempre l'alcol e il fumo. Inoltre, la normalizzazione degli indici Alt e AcT per l'epatite C è facilitata da attività fisica e camminata fattibili.

Cambiamenti in ALT e AST per l'epatite C

Quando è programmato uno studio

L'analisi del livello di sostanze enzimatiche epatiche viene effettuata non solo con sospetta epatite. Il sangue per controllare la concentrazione di AST e ALT in esso viene donato in caso di presunta presenza delle seguenti patologie in un paziente:

Fai questo test e scopri se hai problemi al fegato..

  • danno alla cistifellea e ai dotti biliari;
  • epatite virale, cirrosi, steatosi, echinococcosi;
  • ittero emolitico;
  • danno al pancreas;
  • insufficienza renale;
  • infarto miocardico;
  • Malattie autoimmuni;
  • distrofia e disturbi metabolici nel muscolo scheletrico;
  • miocardite.

Come misura preventiva, è possibile assegnare uno studio:

  • quelli in contatto con una persona con epatite virale;
  • donatori prima di donare sangue;
  • soffre di diabete;
  • con obesità ed epatosi epatica grassa, pancreatite cronica, in caso di assunzione di farmaci epatotossici (ad esempio antibiotici);
  • con grave ereditarietà associata a patologie epatiche.

ALT e AST sono anche verificati come parte della preparazione preoperatoria..

Se si sospetta una di queste malattie, il medico prescrive a un paziente la donazione di sangue per verificare la presenza di sostanze enzimatiche epatiche. Sintomi e segni che accompagnano il loro livello elevato sono:

  • dolore nell'ipocondrio destro (dal fegato), accompagnato da un malfunzionamento dell'intestino, gonfiore, nausea e vomito;
  • tonalità gialla della pelle e delle mucose, comparsa di vene varicose, vene dilatate nella regione addominale, oscuramento delle urine e scolorimento delle feci;
  • dolore nell'ipocondrio sinistro (dal pancreas), che si irradia nella parte bassa della schiena e combinato con grave debolezza e diarrea;
  • bruciore (al cuore) dolore al petto, che si irradia alla scapola, al collo e al braccio, brividi e in alcuni casi - una violazione del ritmo cardiaco. A volte i pazienti notano che in tali momenti sono presi da una forte paura della morte;
  • frequente rigurgito spiacevole;
  • debolezza muscolare e atrofia.

Oltre a ALT e AST, l'elenco dei test per l'epatite include necessariamente altri studi che possono aiutare a determinare più accuratamente il grado e la natura del danno al fegato, al cuore e al pancreas. Questi includono:

  • Controllo del livello di gamma-glutamiltransferasi - un enzima presente principalmente nel fegato, nel pancreas e nei reni e che partecipa al trasporto di aminoacidi essenziali. Nei processi necrotici, questa sostanza viene rilasciata e in grandi quantità entra nel flusso sanguigno..
  • Studio del livello di fosfatasi alcalina presente nei tessuti di molti organi e responsabile del processo di idrolisi. Un leggero aumento della fosfatasi nei bambini è considerato la norma ed è dovuto ai processi di rapida crescita del corpo del bambino.
  • Controlla la bilirubina. Si forma durante la scomposizione dei globuli rossi durante l'elaborazione dell'emoglobina..
  • Analisi per lattato deidrogenasi. Se i suoi valori sono aumentati, questo indica il decorso della cirrosi e dell'epatite.

Indicatori di ALT e AST per l'epatite, cosa fare con indicatori elevati, come mostra l'analisi, la norma

ALT e AST sono uno degli indicatori più importanti in un'analisi biochimica del sangue umano, indicando direttamente le condizioni degli organi interni. Il superamento di normali indicatori indica i processi patologici che si verificano in organi vitali come il cuore, il fegato e i reni. Ma gli indicatori ALT e AST per l'epatite rilevati nei laboratori meritano un'attenzione particolare..

Aminotransferasi (transaminasi) - strutture enzimatiche intracellulari che accelerano le reazioni di transaminazione.

La reazione di transaminazione è il trasferimento di un gruppo amminico (NH2) da un amminoacido a un prodotto del metabolismo dei grassi - chetoacido. Di conseguenza, un nuovo amminoacido viene sintetizzato, sintetizzato direttamente nel corpo umano e acido a-cheto. La vitamina B6 attiva questo processo..

Le transaminasi sono presenti in ogni cellula del corpo umano; in violazione dell'integrità delle strutture cellulari, questi enzimi entrano nel flusso sanguigno.

Normalmente, le aminotransferasi si trovano nel sangue a causa della presenza di morte cellulare programmata - apoptosi. Questa è la norma.

Tuttavia, con la morte di massa delle cellule e il rilascio di un gran numero di enzimi, i parametri biochimici cambiano, possono essere superati di dieci volte a seconda del tipo di patologia e della dimensione del difetto.

L'alanina aminotransferasi (ALT, ALAT) è un enzima intracellulare coinvolto nel metabolismo dell'aminoacido essenziale alanina. Una sostanza come l'alanina ad alte concentrazioni si trova negli epatociti: le cellule strutturali del fegato, in concentrazioni più basse si trovano nelle cellule del miocardio e del tessuto renale.

L'aspartato aminotransferasi (AST, AsAT) è un enzima localizzato nel complesso del Golgi e nei mitocondri, che prende parte alla scissione dell'amminoacido sostituibile - asparagina, per idrolisi del gruppo ammide, formando un ossaloacetato, partecipando al ciclo di Krebs. Questa aminotransferasi predomina nelle cellule del miocardio, fegato - epatociti, sistema nervoso centrale.

L'AST è un indicatore di disturbi nel funzionamento del muscolo cardiaco. L'ALT è un enzima epatocellulare che indica un malfunzionamento degli epatociti e del tratto epatobiliare in generale.

I tipi di analisi presentati sono assegnati nelle seguenti situazioni:

  • ittero (colorazione itterica di sclera, mucose, tegumenti della pelle);
  • dispepsia (nausea, vomito, disturbo delle feci);
  • scolorimento delle feci;
  • urine scure;
  • la comparsa di schiuma bianca sulle urine;
  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • prurito della pelle;
  • l'aspetto delle vene del ragno sulla pelle;
  • perdita di capelli, fragilità, opacità dei capelli;
  • "Palme epatiche" - giallo brillante, colorazione rame della pelle dei palmi e delle piante dei piedi;
  • la comparsa di un odore insolito di "mele cotte".

Preparazione all'analisi

In preparazione all'analisi, eseguire le seguenti manipolazioni:

  • 3 giorni prima dello studio proposto dovrebbe abbandonare l'uso di alcol e sigarette;
  • 2 giorni prima della donazione di sangue, astenersi dal mangiare cibi grassi e fritti;
  • avvisare il medico curante di tutti i farmaci assunti negli ultimi 10 giorni, se possibile, annullare il farmaco 10 giorni prima della donazione di sangue;
  • ridurre l'attività fisica una settimana prima del test;
  • l'ultimo pasto dovrebbe essere entro e non oltre le 19:00 (cena leggera);
  • al mattino puoi bere un bicchiere d'acqua e lavarti i denti.

Processo di consegna

Il sangue viene prelevato al mattino presto, a stomaco vuoto, da una vena per determinare il livello di questi indicatori. I risultati dovrebbero essere pronti il ​​giorno successivo..

Decifrare i risultati

Durante la decodifica dei risultati, è necessario concentrarsi sui dati presentati nella tabella.

Superare ALT fino a 20 volte AST fino a 4 volteEpatite acuta, cirrosi in fase di decadimento, intossicazione acuta da alcol
Superare ALT 4 volte AST 10 volteInfarto miocardico acuto
AST supera la norma di 2 o più volteMiocardite o miosite
ALT + bilirubina liberaAltre patologie epatiche (fibrosi, colangite, colecistite), pancreatite acuta

Viene anche determinato il grado di attività dell'epatite..

Minimoaumento degli indicatori a 3 norme
Blandoda 3 a 5 norme
Moderatamente espressoda 5 a 10 norme
pronunciato≥ 10 norme

Nel caso di ALT e AST, con epatite acuta, è possibile determinare a quale gruppo appartiene:

  • epatite virale acuta A (forma clinica grave) - aumento degli indicatori fino a 2000-3000 Me / l;
  • epatite virale acuta B (moderato grado di attività) - aumento degli indicatori fino a 500 Me / l;
  • epatite acuta C (asintomatica) - transaminasi nell'intervallo 200 Me / l;
  • epatite alcolica (cancellata) - fino a 150-180 Me / l.

Il rapporto tra AST e ALT è chiamato coefficiente de Ritis ed è AST / ALT = 1,33 ± 0,42.

Si distinguono i seguenti indicatori:

Cosa sono ALT e AST

Negli organi e nei tessuti vengono sintetizzati speciali composti proteici: enzimi intracellulari. Ogni giorno partecipano ai processi metabolici, alla sintesi di aminoacidi. L'alanina aminotransferasi in grandi quantità è una parte degli epatociti (cellule epatiche), in una quantità minore viene sintetizzata dal pancreas, dai reni, dal cuore. Con la rigenerazione naturale degli organi, le vecchie cellule vengono distrutte, l'enzima entra nel sangue.

Il livello di ALT nell'epatite C aumenta, ciò è dovuto alla morte di massa di epatociti. La concentrazione di enzimi specifici aumenta fino a quando compaiono i primi segni della malattia. L'analisi su ALT con un alto grado di probabilità conferma o confuta l'epatite di tipo C. I diagnostici con alanina aminotransferasi definiscono un marcatore virale. Con una maggiore concentrazione di esso nei campioni di sangue, vengono prescritti ulteriori studi.

L'aspartato aminotransferasi (AST) è principalmente sintetizzato dal miocardio; è presente nelle cellule dei reni, del fegato e dei tessuti muscolari. Con la sconfitta degli epatociti, aumenta la concentrazione di questo enzima. Un aumento simultaneo di AST e un altro enzima ALT è caratteristico di tutte le patologie epatiche associate alla distruzione delle cellule funzionali.

ALT per l'epatite

Mediante fluttuazioni di ALT e AST, è possibile monitorare l'attività dell'epatite C. Durante l'intera malattia, vengono determinati diversi aumenti e diminuzioni del livello di questi enzimi. Il primo aumento si osserva 2 settimane dopo l'infezione. In questo momento, il periodo di incubazione termina e inizia il processo attivo di sviluppo del virus negli epatociti. Gli enzimi entrano nel sangue dalle cellule del fegato distrutte dal virus, un livello elevato del quale si osserva durante il periodo acuto dell'epatite virale.

Il secondo picco nell'aumento di ALT e AST, seguito da un aumento-diminuzione simile a un'onda si verifica quando compaiono i primi sintomi clinici dell'epatite virale C (dolore sotto la costola destra, grave debolezza, affaticamento). L'aumento può verificarsi sia dopo 2 mesi, sia dopo 6-7 mesi. Per quanto tempo inizia il secondo aumento dipende dall'immunità del paziente. Gli indici degli enzimi nelle ore di punta aumentano di 6-10 volte, quindi diminuiscono a 2-5 norme.

Una diminuzione degli enzimi al normale e al di sotto dell'epatite C clinicamente progressiva non significa recupero. Molto spesso, questo è un segno di un profondo processo cirrotico nel tessuto epatico..

ALT e AST nella diagnosi differenziale

Poiché il livello di ALT e AST nel sangue può aumentare con diverse patologie, è spesso difficile condurre una diagnosi differenziale tra le malattie che portano a questo aumento. A tale scopo, nella diagnostica di laboratorio è stato introdotto uno speciale coefficiente Ritis (indice), che caratterizza il rapporto tra i livelli di variazione di AST e ALT. È determinato dividendo la concentrazione di AST sul livello di ALT.

Normalmente, questo coefficiente varia da 0,91 a 1,75 e il suo valore medio dovrebbe avvicinarsi a 1,3. Esistono diverse interpretazioni di questo coefficiente:

  1. Indice all'interno di valori di riferimento. Caratteristico per le persone sane.
  2. Declino dell'indice inferiore a 0,9. Si verifica con un danno al fegato. Con la distruzione degli epatociti, l'attività ALT nel sangue può aumentare di 8-10 volte, mentre l'AST aumenta solo 2-4 volte. Dividendo AST per ALT, si ottiene un coefficiente con tendenza decrescente, che indica la necrosi epatocitaria.
  3. Aumento dell'indice oltre 1,75. Indica infarto miocardico. Con la necrosi dei miocardiociti, un gran numero di AST entra nel flusso sanguigno con una quantità minore di ALT, quindi quando si calcola l'indice sarà troppo alto.

L'indice Ritis da solo non significa nulla: viene valutato solo in combinazione con i livelli sierici di ALT e AST.

L'influenza di alcuni fattori

Vale la pena dire che un aumento degli indicatori è possibile non solo a causa dell'epatite virale, inoltre, ci sono molte patologie di natura completamente diversa, spesso anche non epatica, che possono influenzare gli indicatori.

Per aumentare ALT

Parlando di alanina aminotransferasi, vale la pena notare che questo elemento è normalmente quasi completamente assente nella composizione del sangue. Se viene rivelato il suo aumento del contenuto, allora significa un processo distruttivo nel tessuto cellulare e più alto è questo indicatore, più pronunciata è la patologia.

Per quali malattie aumenta ALT:

  • infiammazione del pancreas nella fase acuta;
  • cirrosi epatica;
  • ittero meccanico rilevato durante la congestione della bile e ostruzione dei dotti biliari;
  • processi maligni nel fegato che sono metastatici o primari;
  • decadimento del tumore;
  • ampio tipo di danno ai tessuti muscolari;
  • epatite acuta, natura infettiva, derivante dallo sfondo di assunzione di farmaci o alcol;
  • bruciare;
  • infarto miocardico e altre patologie della sfera cardiaca, accompagnati dalla morte di cardiomiociti.

Esistono altre malattie e condizioni che possono aumentare le prestazioni dell'alanina aminotransferasi. Per chiarire la causa di tali cambiamenti, una singola analisi su AST e ALT non è sufficiente, sono necessarie ulteriori ricerche.

  1. mononucleosi.
  2. Epatite cronica.
  3. Ampio infarto miocardico.
  4. Dopo un intervento chirurgico che ha danneggiato i cardiomiociti.
  5. Epatosi grassa, che è l'accumulo di lipidi nel fegato.

La modifica dei livelli di ALT aiuta a rilevare la cirrosi epatica prima che compaiano i sintomi. I medici avvertono che un aumento di questo enzima può verificarsi per motivi fisiologici..

Fattori di aumento non patologici:

  • attività fisica eccessiva;
  • primo trimestre di gravidanza;
  • uso costante di farmaci antinfiammatori, sedativi e immunostimolanti non steroidei, nonché di farmaci ormonali;
  • abuso di cibo spazzatura;
  • prendendo integratori alimentari epatotossici.

Per modificare il livello di AST

Altre ragioni per aumentare l'AST:

  • miocardite;
  • processi tumorali maligni nel fegato;
  • malattie cardiache di origine reumatica;
  • infarto miocardico acuto;
  • trauma al fegato o al muscolo cardiaco (miocardio);
  • epatosi grassa;
  • danno epatico da alcol;
  • leucemia mieloide;
  • miodistrofia e miosite;
  • pancreatite acuta;
  • angina pectoris.

Inoltre, un aumento di questa sostanza enzimatica può verificarsi a causa di ustioni, tromboembolia, carico fisico eccessivo e colpo di calore..

Quando viene rilevato un livello estremamente basso di questi enzimi, molto probabilmente questo significa:

  • una diminuzione critica del contenuto di vitamine nel corpo;
  • cirrosi nella fase terminale;
  • rottura del tessuto epatico.

Se vengono rilevate anomalie negli indicatori di AST e ALT, è necessario consultare un medico. Nella prima fase, può essere un terapeuta, quindi riferirà tale paziente ad altri specialisti, uno specialista in malattie infettive, un gastroenterologo o un epatologo.

Non è sempre possibile credere ai risultati di questo studio, poiché molti fattori fisiologici provocano un cambiamento negli indicatori.

Testimonianze di medici dimostrano che non vale la pena credere al 100% dell'analisi di AST e ALT. Tali indicatori non possono essere ignorati, parlano solo della necessità di un ulteriore esame del paziente. Se lo specialista ha il sospetto che il paziente abbia l'epatite, questo metodo diagnostico è necessariamente incluso nel set di misure d'esame, poiché mostra il grado di danno epatico e altri criteri importanti.

Nomina e conduzione della ricerca

Uno studio dei livelli di AST è prescritto per molte condizioni. Utilizzando questo metodo diagnostico, i medici identificano patologie non solo del fegato. Quando si prescrive l'analisi AST:

  1. Determinazione dei fattori che hanno provocato l'ittero.
  2. Studio del grado di distruzione degli epatociti e conferma della diagnosi di cirrosi o epatite, nonché di altre patologie di questo organo.
  3. Come un modo per diagnosticare i disturbi cardiaci.
  4. Monitoraggio del fegato durante l'uso di farmaci epatotossici.
  5. Valutazione dei risultati del trattamento.

Le ragioni che possono provocare un aumento dell'aspartato aminotransferasi sono piuttosto numerose. In genere, la biochimica del sangue viene prescritta a pazienti con un quadro clinico specifico. Tali esami consentono di valutare le condizioni di una persona e le caratteristiche funzionali di molte parti del corpo. Tra l'altro, se si verificano alcuni problemi di salute, il medico curante invierà il paziente per questa analisi.

gonfiore e diarrea;

  • eruttazione e rigurgito, che si verificano frequentemente;
  • disturbi digestivi;
  • spiacevole e dolore nella zona del fegato;
  • cambia il tono della pelle in giallo.
  • Per studiare il contenuto di transaminasi e altri importanti indicatori, è necessario donare sangue al mattino e la sua raccolta viene effettuata da una vena. È in questo momento della giornata che il sangue è più adatto per la ricerca e la sua composizione può essere determinata con la massima precisione.

    Poiché il fegato risponde istantaneamente a qualsiasi cambiamento nella dieta, alla vigilia del test, una persona è meglio non mangiare 7-8 ore prima del prelievo di sangue. Bere alcolici è vietato alle persone pochi giorni prima dello studio e anche i medicinali sono meglio annullare se il medico lo consente.

    Devi anche dire al medico di tutte le sensazioni spiacevoli vissute alla vigilia dell'analisi e dei farmaci assunti.

    Cos'è

    L'alanina aminotransferasi (ALT) e l'aspartato aminotransferasi (AST) sono sostanze enzimatiche coinvolte nella conversione degli aminoacidi necessari per il corpo. Possono essere prodotti solo dagli organi interni del corpo umano e la maggior parte di questi enzimi è sintetizzata dal fegato. Ecco perché, con un aumento di ALT e AST, il primo passo è quello di condurre un controllo completo del fegato.

    Alanina aminotransferasi

    L'ALT è uno degli indicatori più informativi per le patologie epatiche, poiché si trova all'interno delle cellule di quest'ultima e, quando muoiono, entra nel flusso sanguigno, segnalando così i processi distruttivi nell'organo. Inoltre, l'alanina aminotransferasi è coinvolta nella formazione dell'amminoacido alanina, che è indispensabile per il corpo umano: è uno dei composti che assicurano il normale funzionamento del sistema nervoso e immunitario ed è necessario per la regolazione del metabolismo e la formazione dei linfociti. Oltre al fegato, l'enzima si trova nel tessuto muscolare, nei polmoni, nel miocardio, nel pancreas e nei reni.

    In caso di epatite acuta, l'alanina aminotransferasi è sempre aumentata in tutti i pazienti. Con l'epatite virale A, il suo livello aumenta circa 2 settimane prima dell'inizio dell'ittero e per un periodo molto più lungo - con l'epatite B. I valori massimi raggiungono circa 2 o 3 settimane di malattia e ritornano alla normalità dopo 30-40 giorni. Per l'epatite virale acuta, i risultati da 500 a 3000 U / L sono caratteristici. Se il livello di ALT rimane elevato per un periodo molto più lungo del periodo indicato, ciò indica che la malattia è passata dalla fase acuta a quella cronica.

    Aspartato aminotransferasi

    L'AST è una transaminasi che è più concentrata nelle cellule nervose e nei tessuti muscolari e, in misura minore, nei reni, nel pancreas e nei polmoni. Il suo livello è meno informativo, poiché può aumentare sia con la necrosi epatica che con il danno del tessuto miocardico.

    L'AST è aumentata non solo con danni agli epatociti, ma anche in caso di mononucleosi, ittero, colestasi intraepatica, cirrosi e metastasi epatiche. Nell'epatite tossica, l'aspartato aminotransferasi è superiore all'ALT. Normalmente, il loro rapporto è 1,33. In caso di problemi al fegato, è sempre inferiore a questo indicatore; con patologie cardiache, il coefficiente è aumentato.

    Cosa fare quando si diagnostica l'epatite

    L'epatite C si riferisce a malattie complesse che richiedono un trattamento serio e l'adesione a raccomandazioni speciali. È necessario assumere farmaci speciali come prescritto da uno specialista e sforzarsi di proteggere il fegato da eventuali effetti dannosi.

    Le regole di base della terapia sono le seguenti:

    1. Rifiuto completo di qualsiasi bevanda contenente alcol.
    2. La dieta deve essere seguita molto rigorosamente. Niente di fritto, speziato, salato, grasso - tutto ciò è proibito.
    3. Rifiuta di praticare sport e qualsiasi superlavoro del corpo. Sarà sufficiente camminare all'aria aperta.
    4. È necessario mantenere l'immunità al giusto livello.
    5. Non scegliere i farmaci da soli, ma solo su raccomandazione di un medico.
    6. La quantità di farmaci assunti non deve superare la norma stabilita.
    7. Sottoporsi regolarmente a esami preventivi e, a seconda di ciò, adegua il trattamento.

    ALT e AST per l'epatite C sono quegli indicatori che indicano più accuratamente il grado di danno d'organo e la progressione della malattia. Con il loro aiuto, è possibile selezionare più accuratamente i farmaci per la terapia complessa, per fornire assistenza tempestiva al paziente. Tuttavia, il loro aumento non indica sempre una malattia del fegato. Spesso AST e ALT possono sospettare problemi ai reni e al cuore. Un'analisi delle sostanze epatiche enzimatiche con pazienti con epatite deve essere presa periodicamente, secondo le raccomandazioni dello specialista in malattie infettive o epatologo.

    Analisi di AST e ALT

    Prima di prescrivere un trattamento per una malattia, è necessario diagnosticare. In alcuni casi, non è necessario sottoporre il paziente a un esame completo, poiché per confermare il presunto disturbo, è sufficiente superare uno o più test, tra cui un esame del sangue biochimico AST e ALT.

    L'aspartato aminotransferasi (AST) è un enzima mediante il quale l'amminoacido aspartato viene trasferito da una biomolecola a un'altra. In questo caso, la vitamina B6 agisce come un coenzima. L'attività massima dell'enzima aspartato aminotransferasi si osserva nel cuore, nel fegato, nel tessuto muscolare e nei reni. A sua volta, il sangue nella maggior parte dei casi contiene la frazione citoplasmatica di AST. L'alanina aminotrasferasi (ALT) è un enzima mediante il quale l'amminoacido alanina viene trasferito da una biomolecola a un'altra. Come nel caso dell'AST, la vitamina B6 funge da coenzima dell'ALT. mentre la sua massima attività, oltre a cuore, fegato, tessuto muscolare e reni, è osservata anche nelle cellule del pancreas.

    enzimi

    Alanine Transaminase (ALT)

    Aspartic Transaminase (AST)

    Norm ALT AST nel sangue di una persona sana

    Il livello normale di ALT è: per gli uomini - non più di 40 unità / litro e per le donne - non più di 32 unità / litro. L'ALT può essere aumentato in una persona fisicamente sana a causa di uno sforzo fisico eccessivo, lesioni e uso prolungato di farmaci (antibiotici, farmaci, barbiturici, pillole anticoncezionali, dicumarine, come sedativi come la valeriana e l'echinacea). Inoltre, durante la crescita intensiva si possono osservare alti livelli di ALT nel sangue nei bambini adolescenti..

    Il livello normale di AST nel sangue di una persona fisicamente sana è: per gli uomini - da 15 a 31 unità / litro, per le donne - da 20 a 40 unità / litro. Un leggero aumento di AST può essere osservato in una persona sana dopo un uso prolungato di farmaci (antibiotici, echinacea, valeriana, barbiturici, farmaci, tra cui paracetamolo, vitamina A), alcool.

    Deviazione degli indicatori dalla norma

    Un aumento dell'attività di AST e ALT può essere osservato con infarto del miocardio. L'ALT raggiunge il suo valore massimo nella fase acuta della malattia ed è normale del 130-150%, mentre il livello di AST può aumentare al 450-500% normale.

    L'attività di ALT aumenta anche nell'epatite acuta, indipendentemente dalla sua forma. Un aumento di AST e ALT si osserva anche 10-15 giorni prima dell'insorgenza dei sintomi con epatite A e B, mentre nel caso di un trattamento adeguato, gli indicatori sopra riportati ritornano normali dopo 30-40 giorni.

    Durante la fase acuta dell'epatite virale, il coefficiente sierico di attività della transferasi è 0,55-0,65, mentre se la malattia è grave, il suo valore medio raggiunge 0,83.

    Se il paziente soffre di una forma latente di cirrosi, non si osserva un aumento di questi indicatori (ALT AST). altrimenti, l'attività delle aminotransferasi aumenta nel 77% dei casi.

    Particolare attenzione nell'analisi del sangue per AST e ALT è data alla dissociazione bilirubina-aminotransferasi. che si manifesta in iperbilirubinemia pronunciata e ridotta attività delle aminotransferasi

    Tale dissociazione può essere una conseguenza dell'insufficienza epatica acuta, nonché dell'ittero subepatico, che è caratterizzato da ipertensione biliare persistente.

    Ti invitiamo a fare un esame del sangue AST e ALT, così come altri test clinici nel nostro centro medico, da parte nostra garantiamo prezzi ragionevoli e risultati affidabili.

    Puoi scoprire il costo esatto delle procedure di cui hai bisogno e fissare un appuntamento compilando il modulo o chiamando il nostro numero.

    Cosa fare se viene rilevato un aumento degli enzimi

    Se i risultati della biochimica hanno mostrato un aumento del livello di enzimi, non dovresti farti prendere dal panico. Questa analisi da sola non è sufficiente per diagnosticare l'epatite; sono necessarie ulteriori misure diagnostiche. I sospetti sono confermati in circa la metà dei casi. Ciò è indicato anche dalle recensioni dei pazienti:

    Katerina Plohotnikova, 37 anni: “Mi è stato prescritto di sottopormi a biochimica del sangue perché sono andato dal medico per un costante dolore addominale e diarrea. I risultati hanno mostrato che il livello di AST e ALT I è aumentato.

    Ero molto spaventato, perché so che questo può parlare di epatite. Il medico mi ha prescritto molti altri esami, ecografia del fegato, ulteriori esami del sangue e delle urine. Di conseguenza, ho scoperto che ho davvero l'epatite. Sarò trattato ".

    Bogdan Stepanenko, 44 ​​anni: “Quando ho superato la commissione medica, ho scoperto che i miei indicatori AST e ALT erano aumentati, ma non sapevo cosa significassero. Il medico mi ha indirizzato immediatamente a un epatologo perché si sospettava l'epatite.

    Non pensavo che un'analisi potesse immediatamente mostrare una malattia così grave, e anche il medico mi ha convinto di questo. In effetti, la mia diagnosi non è stata confermata. Dopo aver parlato con me, il medico ha scoperto che mangio costantemente fast food, bevo bibite e generalmente mangio male. Fu prescritta una dieta su cui rimasi seduto per sei mesi. Quindi riprendo l'analisi ed è normale. ".

    È importante che per ridurre il contenuto di AST e ALT, oltre ai farmaci, sia possibile utilizzare il cibo. La dieta dovrebbe essere adattata, escludere completamente cibi proteici e cibi grassi

    1. Cioccolato.
    2. Aglio e cipolle fresche.
    3. Frutto Acido.
    4. Spinaci.
    5. Acetosa e ravanello.
    6. Bevande al gas.
    7. Prodotti lattiero-caseari ricchi di grassi.
    8. Sottaceti e prodotti in salamoia.
    9. cottura al forno.

    La base della dieta dovrebbe essere cibi leggeri che possono essere facilmente assorbiti dal corpo. Tale cibo è cereali sull'acqua, frutta e verdura, pesce di varietà a basso contenuto di grassi. Il caffè e il tè nero forte devono essere rimossi dal menu giornaliero e, naturalmente, dalle bevande alcoliche. Anche sale e zucchero sono inclusi nell'elenco delle restrizioni..

    Tuttavia, la dieta non è in grado di normalizzare completamente il fegato con una malattia così grave come l'epatite.

    Solo dopo il trattamento medico della patologia, gli indicatori AST e ALT diminuiscono lentamente quando la malattia è completamente guarita e il livello di enzimi si normalizza..

    Enzimi epatici AST e ALT

    Gli enzimi epatici consentono ai medici di concludere che la salute del fegato del paziente. Migliaia di enzimi sono presenti nel flusso sanguigno che passa attraverso il fegato, ma due di loro - le aminotransferasi AST e ALT - sono particolarmente utili per determinare la malattia del fegato.

    Cos'è l'aminotransferasi?

    Le aminotransferasi sono enzimi che vengono utilizzati dal fegato per sintetizzare il glicogeno (molecole per immagazzinare energia). L'aspartato aminotransferasi, o AST, si trova non solo nel fegato, ma anche nel cervello, nel pancreas, nel cuore, nei muscoli scheletrici, nei reni e nei polmoni. L'alanina aminotransferasi o ALT si trova principalmente nel fegato. Questi enzimi si trovano nelle cellule del fegato (epatociti), che sono in ottimo contatto con il sangue. Gli enzimi epatici AST e ALT possono "fuoriuscire" nel sangue se gli epatociti sono danneggiati. Gli esami del sangue possono determinare il livello di questi enzimi nel sangue e i medici possono utilizzare queste informazioni per fare una diagnosi..

    Il rapporto tra AST e ALT

    Livelli anormalmente elevati di entrambi gli enzimi epatici ALT e AST indicano che le cellule del fegato sono state danneggiate, ma non possono dire che cosa abbia causato il danno. Poiché l'AST si trova in molti organi del corpo, alti livelli di AST non implicano di per sé una malattia del fegato (la malattia di Wilson è un'eccezione). Tuttavia, il rapporto tra AST e ALT (o AST contro ALT) fornisce molti indizi su ciò che accade nel fegato.

    Sulla base di questi indicatori, i medici possono concentrarsi su una specifica malattia del fegato. Ecco alcune regole per diagnosticare la malattia epatica: AST: rapporto ALT = 1 (il livello ALT è più alto o uguale a AST), ma i livelli sono molto alti, suggerendo epatite virale acuta o epatite correlata al farmaco

    Il rapporto AST: ALT è superiore a 2: 1 (il doppio del livello di AST supera il livello di ALT) di solito si verifica con malattia epatica alcolica.

    Il rapporto AST: ALT è superiore a 1 (dove il livello di AST è superiore a ALT), può anche indicare la cirrosi in una persona che non ha l'epatite alcolica. Poiché livelli elevati di enzimi epatici possono verificarsi in altre malattie (infarto del miocardio, obesità, diabete mellito, mononucleosi), fanno parte di un grosso enigma. Affinché il medico possa vedere il quadro clinico completo, il livello di enzimi epatici deve essere usato con altri esami del sangue, un esame del paziente e una storia medica..

    Norma per gli enzimi epatici AST e ALT

    Il livello di enzimi epatici AST e ALT può variare a seconda delle persone e dipende dall'IMC o dal rapporto tra peso e altezza. Tuttavia, un aumento significativo dei livelli ematici di enzimi epatici AST e ALT di solito indica sempre la presenza di una malattia. Per le persone con epatite virale acuta, i livelli di transferasi possono essere aumentati di oltre 1000 UI / L.

    I livelli di enzimi epatici AST e ALT sono misurati in unità internazionali per litro (sangue). La norma per AST e ALT è: 1) AST 2-45 UI / l; 2) ALT 2-40 UI / l. Di solito, il medico prescrive un'analisi non solo per determinare i livelli di enzimi epatici AST e ALT. Per ottenere un quadro più completo, al paziente vengono anche prescritti ulteriori test come albumina, bilirubina e tempo di protrombina.

    L'importanza degli enzimi per la diagnosi

    Le aminotransferasi sono coinvolte nella reazione di transaminazione (transaminazione) tra aminoacidi e alfa chetoacidi. Il prefisso "alanina" o "aspartato" indica con quale amminoacido viene scambiato il gruppo amminico. Come substrato per lo scambio di gruppi amminici, oltre ad alanina e acido aspartico, acido piruvico, acido alfa-chetoglutarico e altri aminoacidi agiscono. La reazione di transaminazione è catalizzata dalla vitamina B6 (piridossina). Pertanto, le aminotransferasi sono coinvolte nella sintesi intracellulare e nella scomposizione delle proteine ​​nel corpo.

    Nel sangue, questi enzimi sono contenuti in quantità residue, poiché sono intracellulari. In gran parte nel sangue, ALT e AST compaiono in caso di danno massiccio alle cellule in cui sono contenute. Le ragioni principali per aumentare i livelli ematici sono:

    • malattie del fegato (epatite, ittero, calcoli biliari, colecistite, cirrosi, tumori e metastasi di altri tumori nel fegato);
    • patologia del pancreas (pancreatite, necrosi pancreatica);
    • danno renale (pielonefrite, glomerulonefrite);
    • malattie del sistema circolatorio (infarto del miocardio, crisi ipertensiva, ipertensione maligna);
    • malattie infettive, complicazioni settiche purulente;
    • avvelenamento, intossicazione;
    • shock e condizioni di emergenza, ustioni della pelle;
    • patologie autoimmuni e allergiche;
    • lesioni e malattie dell'apparato muscolo-scheletrico;
    • danno cerebrale di un'eziologia sconosciuta;
    • malattie endocrine;
    • tumori benigni e maligni di qualsiasi localizzazione;
    • condizione dopo l'intervento chirurgico, farmaci aggressivi, radiazioni e chemioterapia.

    Il sospetto o la presenza di una qualsiasi delle malattie o condizioni elencate è un'indicazione diretta per determinare i livelli di ALT e AST nel sangue del paziente.

    A seconda della metodologia utilizzata in laboratorio per stabilire il livello di enzimi, la loro velocità è espressa in:

    • unità in litri (U / L);
    • microcatal in litro (mkat / l);
    • nanomalls al secondo in litro (nmol / (s · l);
    • micromoli al minuto in litro (μmol / (min · l)

    I valori di riferimento del livello di enzimi dipendono da quali unità di analisi viene eseguita l'analisi. Di norma, sotto forma di analisi di laboratorio, indicare l'intervallo di valori normali con cui valutare il risultato dello studio. Nel nostro paese, le unità tradizionali sono unità / l.

    La più grande quantità di ALT nel corpo umano è concentrata negli epatociti, in piccole quantità si trova nei miocardiociti, nelle cellule pancreatiche, nelle fibre muscolari e nei reni

    Tenendo conto del fatto che l'attività dell'ALT degli epatociti è diverse volte superiore rispetto ad altri organi, si ritiene che un aumento del livello di questo enzima nel sangue indichi più spesso un danno al parenchima epatico

    La norma dell'alanina aminotransferasi nel plasma sanguigno differisce in base al sesso: negli uomini, il livello fino a 45 U / l è considerato normale e nelle donne - fino a 34 U / l. Ciò è dovuto a uno stile di vita più attivo degli uomini e una maggiore massa di muscoli scheletrici in essi.

    L'aspartato aminotransferasi (AST) è anche un enzima intracellulare. In grandi quantità, si trova nel muscolo cardiaco, in quelli più piccoli - negli epatociti, nei pancreatociti, nei nefrociti, nelle fibre muscolari, negli alveolociti polmonari. Normalmente, l'AST non dovrebbe aumentare di oltre 37 U / L (negli uomini) e 30 U / L (nelle donne). L'elevata attività di questo enzima è caratteristica del danno miocardico, ad esempio con un infarto.

    Concentrazioni elevate di ALT e AST nel sangue sono chiamate iperfermentemia. Esistono tre gradi di iperfermentemia (in termini di deviazione dalla norma):

    • moderato - il livello di enzimi superato di 1,5-5 volte rispetto alla norma;
    • gravità moderata - 6-10 volte;
    • pesante - più di 10 volte.

    L'entità dell'iperfermentemia indica la gravità del processo patologico che porta alla distruzione delle cellule.