Come l'alcol influisce sul fegato - aspetti positivi e negativi

Bere troppo alcol può avere gravi conseguenze per la salute, in particolare il fegato. Ciò è dovuto alla disintossicazione del corpo dopo un consumo eccessivo. Come l'alcol influisce sul fegato verrà risolto oggi.

Soddisfare

introduzione

Il dibattito sul bere è in atto da molti anni: da un lato, bere alcolici con moderazione può aiutare le persone a rilassarsi, e recentemente è stato scoperto che riduce il rischio di morte; d'altra parte, le crescenti statistiche dell'alcolismo e di tutte le malattie concomitanti suggeriscono il contrario.

Risultati di ricerca positivi

Una meta-analisi di molti studi ha dimostrato che il consumo di noci e soia, nonché il consumo moderato di alcol, sono apparentemente i più importanti fattori indipendenti che contribuiscono a ridurre il rischio di morte. Anche il moderato consumo di alcolici fa parte della dieta mediterranea, che sta diventando sempre più popolare in tutto il mondo per combattere la maggior parte delle malattie che colpiscono la popolazione di origine occidentale..

Il fattore più importante da considerare è la parola moderata. Bere "moderato" è attualmente visto come uno o due drink standard al giorno per gli uomini e un drink per le donne, ma non tutti i giorni..

Le terribili conseguenze del bere troppo sono elencate di seguito..

Conseguenze gravi

Bere eccessivamente ha molte gravi conseguenze sociali e mediche, tra cui traumi, comportamenti inappropriati, perdita di reddito e una vasta gamma di malattie. In questo articolo, ci concentreremo su quelle condizioni che influenzano la funzionalità epatica. Il fegato è l'unico organo del corpo che è più strettamente associato alla disintossicazione del corpo dopo un consumo eccessivo e, quindi, è l'organo che soffre spesso di più.

Malattia epatica alcolica

Questa è probabilmente la malattia epatica più comune in molti paesi in cui l'alcol viene consumato in quantità eccessive. Un sottoprodotto tossico del consumo eccessivo di alcol è l'acetaldeide, che provoca danni alla struttura e alla funzione dei mitocondri nelle cellule del corpo umano, in particolare nel fegato.

Alcune persone e popolazioni sono più inclini alla malattia epatica alcolica rispetto ad altre. I seguenti fattori sono stati identificati come potenziali marcatori di suscettibilità alle malattie epatiche alcoliche:

  1. Patologie genetiche o polimorfismi di enzimi che metabolizzano l'alcol nel corpo.
  2. Genere: le donne sono più suscettibili alla malattia epatica alcolica rispetto agli uomini.
  3. Gli effetti simultanei di droghe e alcol possono danneggiare il fegato.
  4. Infezione da virus che infettano il fegato.
  5. Cattive abitudini alimentari che sono spesso associate a un elevato consumo di alcol.

Tre fasi della malattia epatica alcolica

La malattia epatica alcolica progredisce in tre fasi, vale a dire: steatosi epatica o obesità epatica, epatite alcolica e cirrosi alcolica.

Ognuna di queste fasi è caratterizzata da numerosi e diversi disturbi metabolici..

La deposizione di grasso nelle cellule del fegato nella fase 1 è una grave conseguenza dell'eccessivo consumo di alcol, che può essere invertito se il paziente smette di bere..

I seguenti sintomi sono caratteristici dell'epatite alcolica:

  • fegato ingrossato;
  • aumento dei livelli di enzimi epatici;
  • un aumento di un composto chiamato bilirubina nel sangue;
  • anemia;
  • dolore addominale, perdita di appetito, vomito, debolezza, diarrea, perdita di peso e / o febbre.

Nonostante la gravità di questi sintomi, il trattamento e una corretta alimentazione possono eliminare i sintomi e consentire al paziente di condurre di nuovo una vita normale, ma senza ri-bere alcolici..

Una volta raggiunto lo stadio 3 della malattia epatica alcolica, la prognosi peggiora. Ulteriori sintomi caratteristici dello stadio 2, come sanguinamento dal tratto gastrointestinale, encefalopatia (quando le tossine non vengono filtrate e non rimosse correttamente dal fegato), ipertensione portale e ascite (accumulo di liquidi, proteine ​​ed elettroliti come sodio e potassio nell'addome cavità) sono spesso presenti.

La prognosi della malattia epatica alcolica dopo che il paziente ha raggiunto lo stadio 3 dipende in gran parte dal livello di danno epatico, dal tipo di supporto dietetico e medico che il paziente riceve e dal successivo mancato uso o consumo di alcol..

Eccessivo consumo di alcol e malnutrizione

Ho già detto che i pazienti con malattia epatica alcolica hanno bisogno di supporto dietetico, che, combinato con la completa astinenza dall'alcol, può riportare in buona salute anche i pazienti molto malati. Il motivo per cui il supporto dietetico è importante è che la maggior parte degli alcolisti soffre di malnutrizione eccessiva. Nella maggior parte dei casi, sono completamente inconsapevoli del loro stato di esaurimento. I seguenti problemi nutrizionali sono associati a un consumo eccessivo di alcol:

  1. Consumo calorico troppo o troppo basso - l'alcool spesso sostituisce il cibo nella dieta, anche nei bevitori moderati, che può portare a perdita di peso o aumento di peso. Per i bevitori dipendenti dall'alcol, l'alcool sostituisce i cibi ricchi di nutrienti, portando a una carenza.
  2. Scarso assorbimento di proteine ​​- l'alcol interferisce con il normale assorbimento di proteine, o meglio il fegato non è in grado di assorbire correttamente gli aminoacidi e, quindi, non può produrre tutte le proteine ​​di cui ha bisogno, di cui il corpo ha bisogno.
  3. Il metabolismo dei grassi è compromesso e i pazienti di solito depositano trigliceridi nelle cellule del fegato, il che aggrava la salute del fegato..
  4. La maggior parte degli alcolisti sviluppa anche insulino-resistenza e non metabolizza efficacemente i carboidrati..
  5. Probabilmente i disturbi alimentari più gravi e drammatici che colpiscono gli alcolisti sono la carenza di vitamine e minerali.

La carenza di tiamina o vitamina B1 è la carenza vitaminica più comune negli alcolisti e può causare la cosiddetta encefalopatia di Wernicke. Può anche verificarsi carenza acuta di vitamina A, che porta alla cecità notturna. Inoltre, sono comuni carenze di acido folico, vitamine B6, C, D, E e K. Per quanto riguarda i minerali, gli alcolisti possono soffrire di bassi livelli di calcio, magnesio, fosfato e zinco.

Conclusione

Da quanto precede, è chiaro che un consumo moderato di alcol può probabilmente ridurre il rischio di morte, ma quando un consumo moderato di alcol aumenta a un livello eccessivo, l'alcol diventa letteralmente "velenoso" e può danneggiare il nostro corpo, specialmente il fegato.

Se ti è stato diagnosticato un qualsiasi sintomo correlato alla malattia epatica alcolica, smetti immediatamente di bere, segui le istruzioni del medico e consulta immediatamente un nutrizionista. Un nutrizionista può aiutarti a colmare le carenze nutrizionali e fornirti una ricetta nutrizionale personalizzata che corrisponda alle tue condizioni specifiche, alla gravità dei sintomi e al grado di danno al fegato..

La malattia epatica alcolica è una delle molte conseguenze negative del bere eccessivo, quindi se sospetti che il tuo consumo moderato sia fuori controllo, cerca immediatamente aiuto prima di causare danni permanenti al fegato.

L'effetto dell'alcool sul fegato

L'abuso di alcol a lungo termine provoca l'interruzione di tutti gli organi interni. Innanzitutto, sono interessati il ​​sistema cardiovascolare e in particolare il fegato, l'organo responsabile di una serie di funzioni vitali, tra cui lo smaltimento delle tossine e la rimozione dei prodotti metabolici finali. L'effetto distruttivo dell'alcol sul fegato si manifesta in malattie pericolose che portano a una completa perdita di salute e persino alla morte.

Fegato e alcool

L'etanolo viene immediatamente assorbito nel sangue già attraverso le mucose della cavità orale. Quindi, l'alcol continua a penetrare nel flusso sanguigno attraverso le pareti dell'esofago, dello stomaco e dell'intestino tenue. Le molecole di alcol causano l'adesione dei globuli rossi. Una sorta di forme di microtrombi, che bloccano parzialmente l'accesso dell'ossigeno al cervello. Di conseguenza, la percezione del mondo che ci circonda cambia e una persona sperimenta uno stato di euforia.

Il corpo percepisce l'alcol come veleno e quindi cerca di neutralizzarlo il più rapidamente possibile. Il sistema escretore è in grado di espellere con la respirazione, quindi l'urina e non più del 10% di etanolo. La scomposizione della maggior parte delle sostanze nocive avviene nel fegato. Il corpo produce enzimi che trasformano l'alcol prima in acetaldeide tossica e poi in acido acetico abbastanza innocuo..

Ma le cellule del fegato non sono in grado di neutralizzare rapidamente tutto l'alcol. La scissione di una porzione di una bevanda forte con un volume di 50 ml richiede almeno un'ora. Di conseguenza, aumenta la concentrazione di acetaldeide nel sangue, che ha un effetto distruttivo su tutti gli organi interni, ma principalmente sui tessuti del fegato stesso.

Con l'abuso prolungato di bevande alcoliche, la capacità di ripararsi diminuisce e il ritiro di sostanze tossiche rallenta. Il fegato smette di far fronte alla trasformazione degli acidi grassi, formando sottoprodotti proteici. La reazione dell'acetaldeide con le proteine ​​porta a una violazione della capacità di trasmissione delle cellule dell'organo e iniziano a degradarsi. Di conseguenza, si sviluppano cirrosi, epatite alcolica e mutazioni cellulari che possono portare alla formazione di tumori cancerosi..

Fasi di danno epatico con alcol

Nel 20% degli alcolisti si osserva un danno epatico grave. Numerosi fattori contribuiscono allo sviluppo di malattie:

  • predisposizione genetica;
  • malattie metaboliche;
  • alimentazione impropria (mancanza di proteine, eccesso di grasso);
  • malattie gastrointestinali croniche con alterato assorbimento di stomaco e intestino.

Disturbi metabolici nel tessuto epatico in caso di esposizione prolungata all'alcool portano allo sviluppo di steatosi o degenerazione grassa. A seguito dell'esposizione ai prodotti di decadimento dell'etanolo, il fegato smette di far fronte alla decomposizione dei grassi, che porta al loro accumulo nelle cellule. Inoltre, l'area del danno è direttamente proporzionale alla durata dell'assunzione di alcol e alla sua quantità, regolarmente ingerita.

La patologia si sviluppa - obesità del fegato. I processi di accumulo di grassi portano alla degenerazione delle cellule, la loro struttura cambia e le loro prestazioni sono compromesse. Il primo stadio della malattia è pericoloso perché si manifesta senza sintomi pronunciati e si trova spesso solo agli ultrasuoni o durante una visita dal medico per nausea frequente, vomito o feci molli.

  • disturbi del tratto digestivo, intolleranza ai cibi fritti e grassi;
  • mancanza di appetito;
  • debolezza e affaticamento;
  • dolore nell'ipocondrio destro.

A causa di una violazione della funzione protettiva del fegato, l'immunità viene indebolita, il che porta a frequenti infetti e raffreddori. Uno dei segni caratteristici è la sclera oculare ingiallita e la pelle giallastra. Si sviluppa gonfiore, la temperatura corporea può aumentare. Una complicazione della steatosi è l'epatite alcolica, una malattia infettiva che promuove la formazione di tessuto fibroso.

Nella prima fase, la steatosi è completamente reversibile. La condizione principale per il recupero è un completo rifiuto dell'alcool. Al paziente viene prescritta una terapia farmacologica in combinazione con una dieta dietetica. Il corso del trattamento richiede molto tempo ed è selezionato tenendo conto del grado di danno cellulare e delle caratteristiche individuali del corpo. Se si osservano tutte le raccomandazioni del medico curante, è possibile un completo ripristino dei tessuti e delle funzioni del fegato..

Cirrosi

In assenza di un trattamento adeguato, la steatosi entra in uno stadio già irreversibile e si sviluppa la cirrosi epatica. Le cellule sane sono sostituite da tessuto fibroso, che porta a un graduale fallimento degli organi.

La malattia è classificata in base alla capacità del fegato di funzionare normalmente:

  • compensazione: il corpo funziona, la diagnosi viene eseguita utilizzando una biopsia;
  • sottocompensazione: compromissione parziale delle funzioni, determinata da esami del fegato;
  • scompenso: il corpo smette completamente di funzionare.

La diagnosi della malattia in questa fase non è più difficile. Arrossamento dei palmi, comparsa di una pronunciata rete vascolare sul viso vengono aggiunti ai sintomi. Si sviluppa un'encefalopatia epatica, che è caratterizzata da disturbi mentali: perdita di tempo e spazio, periodi alternati di eccitazione e apatia, valutazione inadeguata della realtà. Dal lato del sistema cardiovascolare, i dolori nella regione del cuore, la tachicardia, le aritmie si uniscono.

Con una parziale perdita della funzionalità epatica, le condizioni del paziente possono essere stabilizzate con l'aiuto della terapia farmacologica, a condizione che l'alcol sia completamente abbandonato. In uno stato di scompenso, la prognosi è generalmente sfavorevole. Il paziente ha bisogno di un trapianto di fegato, che non viene eseguito con cirrosi alcolica. L'aspettativa di vita in questo caso non supera i 3-5 anni.

Lo stadio più grave del danno alcolico al fegato è il cancro, causato dalla degenerazione delle cellule sotto l'influenza dell'acetaldeide tossica. L'esatto meccanismo del suo sviluppo non è stato stabilito. La malattia è promossa da una predisposizione genetica, dalla presenza di disturbi endocrini, da un sistema immunitario debole. La formazione del tumore nella maggior parte dei casi è accompagnata da cirrosi..

Proteggere il fegato dall'alcol

Un fegato normalmente funzionante non necessita di protezione aggiuntiva con una moderata assunzione di bevande alcoliche, poiché le sue cellule sono in grado di recuperare.

Mantenere il corpo in uno stato di salute aiuta a rispettare diverse regole:

  • nutrizione equilibrata con una limitazione di cibi grassi, fritti e affumicati;
  • una quantità sufficiente di liquido - almeno 1,5 litri di acqua pura al giorno;
  • rifiuto di cibi troppo salati e piccanti;
  • introduzione alla dieta di ricotta, latticini, verdure fresche e frutta.

In caso di uso prolungato di antibiotici, è necessario scegliere correttamente gli epatoprotettori e dare la preferenza ai farmaci a base di componenti a base di erbe. Con il raffreddore, non è necessario abusare di farmaci antipiretici - paracetamolo e aspirina, poiché questi farmaci influenzano negativamente le funzioni protettive del fegato. Periodicamente, è necessario rafforzare l'immunità con i corsi di terapia vitaminica..

Con un uso moderato di alcol, le cellule del fegato vengono ripristinate senza aiuto esterno.

Come ripristinare il fegato dopo l'alcol

Durante le vacanze prolungate, il fegato è sottoposto a forte stress e deve essere ripristinato. È necessario pianificare una festa in modo tale che il giorno successivo si abbia l'opportunità di rilassarsi ed evitare lo stress eccessivo e le situazioni stressanti. Le procedure rilassanti saranno utili: visitare uno stabilimento balneare o una sauna a condizione che il corpo sia già stato eliminato dall'eccesso di alcol e lo stato di postumi di una sbornia non disturba più. Promuove la rimozione di tossine e passeggiate all'aria aperta.

La pulizia completa del fegato dai prodotti di decadimento dell'etanolo richiede in media tre giorni. Durante questo periodo, si raccomanda una dieta frazionata con l'inclusione di prodotti che contribuiscono alla rimozione delle tossine: verdure a vapore, insalata fresca, verdure e frutta. Bere almeno 2 litri di liquido al giorno, preferibilmente acqua pura o minerale.

Sono esclusi i cibi fritti e piccanti, che vengono sostituiti con piatti cotti al vapore. È utile sostituire il tè nero con preparati a base di erbe a base di camomilla o menta. La gelatina di farina d'avena aiuta a ripristinare il tratto gastrointestinale: versare un bicchiere di cereali con un litro di acqua fredda, lasciare agire per 3 ore, quindi sbattere con un frullatore, filtrare e portare a ebollizione. Il prodotto risultante può essere consumato a colazione con miele o frutti di bosco freschi..

La condizione principale per la purificazione è un rifiuto completo dell'alcool. L'uso di birra o cocktail a basso contenuto di alcol il giorno successivo dopo l'assunzione di alcol forte causerà un ulteriore colpo alle cellule del fegato, che può successivamente influenzare negativamente la salute.

Attenzione! L'automedicazione può essere pericolosa; consultare il medico..

Cosa succede al fegato quando si beve alcolici?

Il fegato di un alcolizzato differisce da una ghiandola sana nella sua struttura, funzionalità e dimensioni. Poiché il corpo è responsabile del filtraggio del sangue dalle tossine, in caso di dipendenza da alcol, è il fegato che è l'organo bersaglio.

Il ferro ha la capacità di recuperare, tuttavia, sullo sfondo di un carico aumentato costante, gli effetti negativi dell'etanolo, si verificano processi distruttivi negli epatociti, le cellule del fegato sono sostituite da tessuto connettivo non funzionale, che provoca disfunzione.

Un consumo eccessivo di alcol su base regolare porta a malattie del fegato che sono piene di gravi complicazioni, disabilità e morte.

Cosa succede al fegato quando si beve alcol, quali patologie si verificano sullo sfondo della dipendenza da alcol in uomini e donne, caratteristiche del trattamento - in dettaglio nell'articolo.

L'effetto dell'alcool sul fegato

Il consumo di alcol è la principale causa di disturbi epatici acuti e cronici negli uomini e nelle donne. Se si consumano circa 30 g di etanolo ogni giorno, i rischi di malattie del fegato aumentano di 2-3 volte.

L'alcol deidrogenasi e i citocromi sono enzimi epatici responsabili dell'ossidazione dell'etanolo che penetra nel corpo. L'alcol deidrogenasi si attiva quando l'alcool viene consumato in piccole quantità e i citocromi sono coinvolti nel processo quando una persona beve molto.

Le sostanze enzimatiche contribuiscono alla trasformazione dell'etanolo in acetaldeide - una sostanza tossica, quindi in acetato. Il ferro rimuove tutti i composti formati dal corpo.

Dopo un binge di 1-2 giorni, questo processo rallenta, a seguito del quale viene rilevato l'effetto tossico dell'acetaldeide sul corpo. Se il consumo di alcol si verifica regolarmente e in grandi quantità, la neutralizzazione si interrompe, le tossine penetrano nel sangue, interrompendo il lavoro di tutti gli organi, i sistemi.

L'impatto negativo della produzione di alcol si basa sulla formazione di acetaldeide. Nelle persone che bevono raramente, il componente lascia rapidamente il corpo e con l'alcolismo il suo contenuto aumenta, nei monocondri viene inibito il processo di ossidazione degli acidi grassi, che provoca la sintesi di sottoprodotti dell'acetaldeide - sostanze proteiche.

Quando l'acetaldeide interagisce con le proteine ​​formate, i processi di movimento nelle cellule del fegato e la produzione di sostanze enzimatiche sono frustrati. Di conseguenza, un alcolizzato sviluppa un danno alcolico al fegato..

  1. I macrofagi epatici mostrano attività patologica invece della funzione protettiva, a causa della quale gli epatociti sono danneggiati da ossidanti e citochine.
  2. L'alimentazione scorretta e l'alcolismo portano a una carenza di vitamine, che si manifesta con una compromissione della funzionalità epatica.

Fegato di un fumatore e bevitore

L'uso costante di alcol porta al fatto che il fegato inizia a rompersi, il che significa che non può far fronte alla sua funzionalità. Le cellule sane vengono eliminate, compaiono focolai necrotici, cessano i processi di restauro, si verificano lesioni fibrotiche e dopo la cirrosi.

I processi cirrotici non possono essere invertiti; l'unico trattamento è il trapianto di organi da donatore.

L'immagine del fumo aggrava sullo sfondo dell'alcolismo. Nella composizione di sigarette, nicotina, un composto alcaloide tossico che ha un effetto tossico sul corpo umano.

Il danno epatico dovuto all'alcolismo e al fumo è una questione di tempo, poiché una tale combinazione ha un effetto.

  • Il volume del sangue depositato è ridotto, il che contribuisce ai disturbi circolatori - meno sangue entra nel fegato.
  • Deterioramento dei processi biochimici nella ghiandola.
  • Le pietre si formano nella cistifellea, il fegato, la produzione di bile è ridotta, il processo digestivo viene interrotto.
  • La funzione di filtraggio del fegato peggiora, a causa della quale sostanze tossiche entrano nel flusso sanguigno, portando a una serie di sintomi negativi.
  • Aumentano i rischi di lesioni maligne del fegato e di altri organi interni.

Quindi, il consumo regolare di alcol da parte di un fumatore aumenta la probabilità di sviluppare gravi patologie epatiche, le complicazioni si sviluppano più rapidamente.

Che aspetto ha il fegato di una persona malata e sana?

Il fegato di una persona sana e di un alcolizzato presenta molte differenze morfologiche. All'ecografia, un organo malato o a tutti gli effetti è facilmente visualizzabile. Un alcolizzato ha dimensioni più piccole, restringimento dei vasi sanguigni, vene e arterie, presenza di rughe delle ghiandole.

A causa di cambiamenti strutturali dovuti alla regolare esposizione all'etanolo, vengono identificati vuoti che aumentano la probabilità di sanguinamento, che porta alla morte.

Naturalmente, dopo una settimana di abbuffata, l'ecografia non mostra deviazioni, i cambiamenti si verificano con un'esposizione prolungata a componenti tossici.

In una persona sana, il ferro pesa circa 1500 g, è localizzato nella cavità addominale, più vicino al bordo destro. Un fegato intatto differisce in una forma a pera, la struttura è omogenea, il lume dei vasi senza deviazioni, nonché ramificazione. I bordi sono uniformi, i parametri del lobo sinistro fino a 70 mm e il diritto fino a 125 mm, la vena porta fino a 1,3 cm.

Malattie dell'alcolismo del fegato

Il fegato di una persona che beve non sembrerà un normale organo ad ultrasuoni, che indica lo sviluppo di processi patologici. In medicina, si distinguono tre fasi consecutive di lesioni alcoliche della ghiandola: infiltrazione grassa, steatoepatite, cirrosi. Separare l'epatite alcolica acuta provocata da dosi eccessive di alcol.

La steatosi

L'obesità del fegato è una fase iniziale della sconfitta di natura alcolica, la trasformazione è ancora reversibile. L'accumulo di composti lipidici viene rilevato nel 60% degli alcolisti. A volte si lamentano di nausea, dolore nell'ipocondrio destro. Ma nella maggior parte dei casi, il quadro clinico è assente.

Alla palpazione viene rilevata l'epatomegalia, che è confermata da ultrasuoni, TC o risonanza magnetica. C'è un aumento dell'ecogenicità dei tessuti parenchimali, che indica l'accumulo di grasso nelle strutture molli. Un esame del sangue mostra un aumento degli enzimi epatici.

Se in questa fase una persona continua a bere, la steatoepatite si svilupperà presto.

steatoepatite

Questa è una complicazione dell'infiltrazione di grasso che si verifica nel 20-30% degli individui con una storia di dipendenza da alcol. L'obesità si combina con la degradazione dell'idropsia e l'infiltrazione di neutrofili con una risposta infiammatoria.

  1. Nausea.
  2. Dolore nella parte destra.
  3. Stanchezza cronica, letargia, letargia.
  4. Amarezza in bocca dopo l'alcol, tra i postumi di una sbornia.
  5. Apparato digerente.

Forma alcolica di cirrosi

La malattia si verifica nel 10% degli alcolisti, accompagnata da processi necrotici del parenchima, trasformazioni fibrose del tessuto epatico. La patologia progredisce relativamente lentamente e la prognosi è più favorevole rispetto ai processi cirrotici causati da una diversa eziologia.

In tutti i pazienti, sullo sfondo della cirrosi epatica alcolica, viene diagnosticata l'epatomegalia e in ¼ pazienti, aumenta la dimensione della milza.

  • Contrattura di flessione delle dita (si piegano verso i palmi, è impossibile raddrizzare completamente).
  • Negli uomini, le ghiandole mammarie si allargano.
  • Le navi nasali si espandono, la sclera.

Epatite alcolica acuta

La patologia può svilupparsi in qualsiasi fase del danno alcolico. Di norma, il motivo è un consumo una tantum di una grande quantità di alcol. Esistono due varietà del decorso della malattia, che differiscono nei sintomi.

  1. La forma itterica (più comune) è accompagnata da nausea, vomito, diarrea, perdita di peso, gonfiore, febbre, ingiallimento della pelle. All'esame, vengono diagnosticati epatomegalia, tremore delle estremità, dolore nell'area della proiezione della ghiandola.
  2. La forma colestatica viene rilevata in circa il 13% dei casi, è caratterizzata da alti rischi di morte - fino al 70%. Sintomi - febbre, anoressia, prurito della pelle e ittero, dolore nella parte destra di una natura insopportabile.

La prognosi peggiore si osserva nell'epatite acuta, che si è sviluppata come complicazione della cirrosi alcolica. Nella maggior parte dei casi, si sviluppa insufficienza cellulare epatica, che porta alla morte..

Possibili complicanze delle patologie

Il danno alcolico alla ghiandola porta a sanguinamento nel tratto gastrointestinale, forma epatica di encefalopatia con danno al cervello e al sistema nervoso centrale, compromissione della funzionalità renale. Le persone con dipendenza da alcol sono a rischio di cancro al fegato primario.

Trattamento del fegato con dipendenza da alcol

Qualsiasi alcolismo, compresa la birra, porta alla decomposizione del fegato, se non viene avviato un trattamento tempestivo, rifiutando di consumare bevande alcoliche. Nelle fasi iniziali, la prognosi è favorevole, la terapia dà un buon effetto terapeutico, soggetto alla completa astinenza dall'alcol.

La terapia consiste in più fasi, diverse raccomandazioni. Quindi, devi seguire una dieta, assumere vitamine. Con l'anoressia, il processo di nutrizione avviene attraverso una sonda.

La terapia di disintossicazione è in corso, gli specialisti medici stanno infondendo per via endovenosa una soluzione di glucosio, piridossina. Prescrivere farmaci che aiutano a ripristinare le cellule del fegato, prevenendo i processi distruttivi.

Nelle lesioni acute o gravi, è necessario l'uso di potenti farmaci ormonali per prevenire lo sviluppo di complicanze pericolose per la vita umana.

farmaci

Per ripristinare le cellule del fegato, vengono utilizzati contemporaneamente diversi farmaci per migliorare la funzionalità degli organi..

  • Forte essenziale - un effetto benefico sulla sintesi di fosfolipidi, accelera i processi di rigenerazione, migliora la consistenza della bile.
  • Pentossifillina: diluisce il sangue, normalizza la circolazione sanguigna nel fegato e nei reni, interrompe il processo infiammatorio, inibisce la progressione della malattia.
  • Ademethionine - un medicinale usato per normalizzare i processi metabolici, ripristinare gli epatociti.

Raccomandazioni generali

Le raccomandazioni per il recupero includono stili di vita sani: una dieta equilibrata e corretta con abbastanza vitamine e minerali, aggiustamento del peso, attività fisica ottimale giornaliera.

È necessario sbarazzarsi di una cattiva abitudine. Poiché i pazienti stessi non possono rifiutare l'alcool, viene effettuata una terapia specializzata: consultazioni con uno psicologo, visite a società di supporto psicologico, ecc..

MedGlav.com

Elenco medico delle malattie

Alcol e fegato


ALCOL E FEGATO.


Danno epatico alcolico - questo è un gruppo di malattie epatiche acute e croniche causate dall'abuso sistematico di alcol.
Esistono 4 tipi di lesioni epatiche alcoliche: distrofia epatica, epatite acuta, epatite cronica (degenerazione grassa con necrosi epatocitaria e reazione mesenchimale) e cirrosi.

La natura della lesione epatica non dipende sempre direttamente dalla quantità di alcol consumata, ma l'OMS sconsiglia di consumare più di 21 porzioni per uomini e 14 porzioni per donne a settimana (una porzione è 150 g di vino secco o 250 g di birra o 30 g di bevanda alcolica al 40%).


Malattia del fegato grasso (epatosi grassa).


L'alcol (etanolo) viene metabolizzato principalmente negli epatociti dall'alcool deidrogenasi in acetaldeide, che nel ciclo di Krebs attraverso acetil-CoA viene convertito in CO2 e H2O con la formazione di energia per la cellula.

Se una persona prende sistematicamente una piccola quantità di etanolo, viene completamente scissa dall'alcool deidrogenasi, ma allo stesso tempo nel ciclo di Krebs, l'eccesso di colesterolo, lattato, palma e altri composti sono sintetizzati dall'acetil-CoA, che fornisce, da un lato, elevate capacità energetiche degli epatociti, e dall'altro contribuendo allo sviluppo precoce dell'aterosclerosi. Con l'assunzione sistematica ed eccessiva di alcol, si formano colesterolo e acidi grassi in grandi quantità. Come risultato di una diminuzione del metabolismo (metabolismo) degli acidi grassi, si formano i trigliceridi, che sono la fonte dello sviluppo dell'epatosi grassa.

L'enzima alcol deidrogenasi, che scompone l'alcol (etanolo) in persone diverse, viene prodotto in quantità diverse. In alcuni, è in grado di metabolizzare una quantità significativa di etanolo che entra nel corpo, mentre in altri è inferiore. Le sue possibilità non sono ancora illimitate, e quindi, quando si abusa di alcol, si consumano composti di fosforo, O2, si formano sostanze tossiche e, insieme a epatosi grassa, necrosi epatocitaria, una reazione infiammatoria mesenchimale con il possibile sviluppo di epatite tossica con un decorso progressivo e con un possibile esito nella cirrosi epatica.

Con la degenerazione grassa del fegato, l'epatomegalia, l'ipercolesterolemia, a volte vengono rilevati un leggero cambiamento di GGTP e aminotransferasi. Ma gli stessi cambiamenti possono essere con la cirrosi epatica (CP).

Altre cause di epatosi epatica grassa possono essere obesità, diabete mellito, nutrizione parenterale.

Epatite alcolica acuta.


Si osservano spesso ittero, febbre, sintomi di astinenza da alcol (tremore, sudorazione, agitazione), nausea, vomito, dolore nella parte superiore dell'addome. La maggior parte dei pazienti è inadeguata, euforica o, al contrario, soppressa. L'encefalopatia si sviluppa spesso, ma la sua gravità non dipende sempre dalla gravità del danno epatico. Le forme gravi di encefalopatia possono portare a coma epatico.

Dati di laboratorio: spesso ipercolesterolemia e beteliproproteinemia, aumento dell'attività delle aminotransferasi (fino a 2-3 norme) e GGTP (oltre 3-5 norme), aumento del livello sierico di acido urico.
Sindrome colestatica, leucocitosi neutrofila, anemia e aumento della VES.

Si osserva spesso la sindrome dell'ascite edematosa, che è una prognosi sfavorevole.

L'epatite alcolica acuta grave è caratterizzata da encefalopatia, ittero (bilirubina 100 μmol / L), ascite edematosa e sindromi emorragiche. Il rischio di sviluppare un'epatite alcolica acuta grave (fulminante) aumenta con il paracetamolo.

Epatite cronica alcolica attiva (CAH alcolica).


Le manifestazioni cliniche e biochimiche sono simili ad altre forme eziologiche di epatite cronica attiva (CAH).
Prima di tutto, è necessario escludere altre forme etilogiche di epatite cronica. Senza astinenza, l'epatite alcolica cronica di solito progredisce in cirrosi..

Cirrosi alcolica del fegato (ADC).


Le teleangiectasie e la contrattura di Dupuytren sono i sintomi più comuni nell'ADC rispetto ad altre forme eziologiche. L'uso a lungo termine dell'alcool può avere un effetto tossico diretto sulle gonadi, portandole ad atrofia e impotenza; questo processo è accompagnato da un aumento dei livelli di estrogeni nel sangue, causando la formazione di "stelle" vascolari, ginecomastia ed eritema palmare.

L'eziologia alcolica della cirrosi epatica è indicata da:

  • Bere prolungato.
  • Pazienti di età superiore ai 40 anni.
  • Stato pseudo-cushingoide e pseudo-ipertiroideo del paziente (viso gonfio, occhi sporgenti con iniezione di vasi sclerali), un peculiare modo euforico di comportamento, ingrossamento delle ghiandole parotidi.
  • Neurite periferica, miopatia, atrofia muscolare, encefalopatia, cardiomiopatia, pancreatite, gastrite, polmonite ricorrente.
  • Leucocitosi neutrofila, anemia, aumento della VES, IgA, GGTP.
  • Cambiamenti morfologici: accumulo centrolobulare di ialina (corpo di Mallory), reazione neutrofila intorno agli epatociti, relativa conservazione dei tratti portale, fibrosi pernicellulare.
  • Il rifiuto di assumere alcol può portare alla remissione del processo patologico o alla sua stabilizzazione.

Nella fase iniziale, ci sono pochi sintomi, ma con la palpazione viene rilevata l'epatomegalia. Nella fase espansa, i disturbi dispeptici prevalgono a causa di pancreatite alcolica concomitante, gastrite, ipertensione portale con ascite e epatite alcolica talvolta acuta che si è unita.

Nella fase terminale dell'ADC, i pazienti sono impoveriti, si sviluppa grave insufficienza epatica con ittero, sindrome emorragica, ascite refrattaria, aggiunta di peritonite e altre complicazioni.

Trattamento di pazienti con danno epatico alcolico.

  • L'astinenza è necessaria per qualsiasi forma e stadio del danno alcolico al fegato..
  • Le misure di disintossicazione sono necessarie in tutte le forme:

a) Somministrazione endovenosa di 200-300 ml di una soluzione di glucosio al 5-10% con l'aggiunta di 10-20 ml di olio essenziale (1 fiala contiene 1000 mg di fosfolipidi essenziali) o 4 ml di una soluzione di acido lipoico allo 0,5%, 4 ml di una soluzione di piridossina al 5%, 4 ml di una soluzione al 5% di tiamina (o 100-200 mg di cocarbossilasi), 5 ml di una soluzione al 20% di piracetam, il corso del trattamento è di 5 giorni;
b) emodesi I / O 200 ml 2-3 infusioni per ciclo;
c) in futuro, sullo sfondo della terapia di base, viene effettuato un trattamento sintomatico, anche per quanto riguarda le complicanze della CP (ipertensione portale, ascite, encefalopatia, ecc.);
d) spesso nei pazienti con APT c'è una carenza di vitamine A, B, C, acido folico (si consiglia di somministrare parentrovit combinato di farmaci multivitaminici per 3 giorni). In assenza di questo farmaco, le vitamine sono prescritte nelle iniezioni (vitamina B12 a 200 mcg / m) e all'interno - acido folico (200 mg 3 volte al giorno).

Prognosi di vita di pazienti con danno epatico alcolico!

Nel 15% dei pazienti con alcolismo, dopo 10 anni o più, si sviluppa la cirrosi. È difficile prevedere il decorso della cirrosi alcolica, ma in presenza di ittero, ascite, encefalopatia, perdita di peso, diminuzione dell'albumina sierica, il paziente è minacciato di complicazioni potenzialmente letali, in particolare sanguinamento dalle vene dilatate dell'esofago.
La sopravvivenza a cinque anni con ADC in generale è del 50% per le persone che continuano a bere - 30% e per le persone che smettono di bere alcolici -70%.

In che modo l'alcol influisce sul fegato

L'alcol è stato a lungo associato a danni al fegato, come dimostrato dalla medicina. Il risultato più terribile della dipendenza da alcol è la cirrosi epatica, tuttavia, anche nelle fasi iniziali della passione per le bevande forti, questo organo non si sente nel modo migliore.

In che modo l'alcol influisce sul fegato

La patogenesi (sequenza del danno d'organo) è la seguente: entrando nello stomaco, l'alcol viene rapidamente assorbito nel flusso sanguigno, quindi trasportato al fegato, che è responsabile del metabolismo all'interno del corpo. Gli enzimi prodotti da questo corpo sono in grado di elaborare l'alcol, ma non troppo - anche dopo aver bevuto 30 g di alcol al giorno, il fegato potrebbe non essere in grado di far fronte, il che porterà a patologie ad esso associate.

Quali malattie possono svilupparsi

Esiste un termine generale che descrive il danno causato a questo organo dall'alcol - ABP (malattia epatica alcolica). Comprende tre fasi:

  • steatosi o epatosi grassa - l'accumulo di grasso nelle cellule del fegato (epatociti);
  • steatoepatite (o alcolica) - degenerazione grassa dell'organo, sua infiammazione;
  • cirrosi: una sostituzione cronica e irreversibile del tessuto epatico con tessuto connettivo fibroso o stroma, ovvero un graduale fallimento del fegato nell'esercizio delle sue funzioni.

Sullo sfondo della cirrosi, un alcolista spesso sviluppa insufficienza epatica, irta di encefalopatia - compromissione della funzione cerebrale dovuta all'abbondanza di tossine nel sangue non rimosse dal fegato, nonché coma epatico - grave depressione del sistema nervoso centrale per gli stessi motivi.

I medici hanno determinato la “dose di rischio” dello sviluppo di ABP negli uomini - 40-80 g di alcol al giorno, nelle donne - 20-40 g.

Sintomi di intossicazione da alcol nel fegato

Spesso, i segni di intossicazione alcolica del fegato sono nascosti dietro problemi di stomaco. Le prime "campane" qui possono anche essere: sete, grave secchezza delle fauci, affaticamento, macchie itteriche sulla pelle, dolori periodici nella parte destra, dove si trova il fegato.

Le principali manifestazioni di avvelenamento del fegato associate agli effetti dannosi dell'alcol sono:

  1. Citolisi, cioè una diminuzione della permeabilità delle cellule d'organo. Allo stesso tempo, la quantità di ferro, vitamina B12 e altri enzimi specifici nel sangue, che normalmente dovrebbero rimanere negli epatociti, aumenta notevolmente nel sangue. Con disagio al fegato, è già possibile controllare il livello di queste sostanze nel sangue da un medico.
  2. Sindrome colestatica - in questa fase, viene rilasciata meno bile nel sangue del solito, il che influisce sull'aspetto della persona non nel modo migliore: appare l'ittero, incluso un cambiamento nel colore delle proteine ​​oculari. Parallelamente, si verifica prurito cutaneo, l'urina diventa più scura e il fegato aumenta.
  3. Sindromi dispeptiche - disturbi digestivi. Questo, insieme a un continuo aumento delle dimensioni del fegato, un forte deterioramento dell'appetito, gonfiore, vomito frequente, nausea.
  4. Insufficienza cellulare epatica, che è espressa dai seguenti sintomi:
  • vene di ragno sulla pelle;
  • arrossamento dei palmi e dei piedi;
  • atrofia dei testicoli negli uomini, diminuzione del numero di peli sul corpo, disfunzione erettile;
  • pelle rossa del viso;
  • la comparsa di lividi sul corpo, non associati a lesioni;
  • macchie bianche sulle unghie;
  • cambiamento nella forma dei tendini sulle mani;
  • colore della pelle itterico.

5. Sindrome epatargica - questo è un danno al cervello e al sistema nervoso centrale. Si manifesta con alitosi speciale, disturbi mentali e persino coma.

Quale alcol è meno dannoso

Scienziati canadesi hanno dimostrato che l'alcol non influenza il grado di nocività: molto spesso l'alcolismo nelle persone è causato dall'uso di bevande di basso grado, ma grandi volumi.

Nella primavera del 2017, esperti canadesi hanno pubblicato una valutazione delle bevande alcoliche in base al loro grado di pericolo per i consumatori:

1 ° posto - energia alcolica. Questi cocktail, oltre al danno causato dall'alcol che contengono, possono provocare:

  • comportamento aggressivo;
  • umore suicida, e molti tentativi fatti sotto la loro influenza si sono rivelati "riusciti" - hanno portato alla morte reale di una persona;
  • aumento delle lesioni, soprattutto negli incidenti, che spesso ha portato all'uso di queste "bevande miracolose".

Questo effetto è dovuto al fatto che la caffeina contenuta in questi cocktail rilassa il corpo e inibisce l'effetto calmante dell'etanolo. Una persona non solo non si rende conto di essere ubriaca, ma non si rende nemmeno conto di ciò che sta facendo, credendo sinceramente che si sta comportando in modo appropriato.

Se si consumano regolarmente tali bevande, possono verificarsi vertigini, debolezza, perdita di coscienza e problemi di memoria. In generale, l'energia alcolica può influenzare il destino dei loro amanti solo in modo dannoso.

2 ° posto - cocktail alcolici.

Bevande gassate, liquori, sciroppi, succhi che vengono aggiunti ai cocktail vengono immediatamente assorbiti nel sangue, provocano intossicazione acuta e postumi di una sbornia molto gravi, aumentano bruscamente la quantità di zucchero nel sangue e aumentano il carico su tutti gli organi umani. Ovviamente, tali cocktail sono particolarmente pericolosi per i diabetici..

3 ° posto - champagne e spumanti. Un bicchiere di tale bevanda non è particolarmente dannoso, ma se li usi regolarmente, non influenzeranno il corpo nel modo più piacevole:

  • una grande quantità di zucchero contenuto in tali vini complicherà in modo significativo il lavoro del fegato e del pancreas;
  • a causa del lavoro dell'anidride carbonica che entra nel tratto gastrointestinale, queste gustose bevande provocano un processo attivo di decadimento del cibo non digerito.
Non è difficile avvelenarsi con grandi volumi di champagne, dal momento che questa bevanda a basso contenuto alcolico, a quanto pare, trasporta l'etanolo nel sangue molto più velocemente dell'alcool forte, ma non gassato. Meglio non lasciarsi trasportare dalle dosi di tali "consegne espresse".

4 ° posto - birra. Il suo pericolo è anche associato al "basso contenuto di alcol", che molto spesso provoca dipendenza tra i consumatori. Un termine speciale è noto: "alcolismo della birra" - dipendenza da una bevanda spumosa, irta di problemi al cuore e ai vasi sanguigni, disfunzione del tratto digestivo e non solo. I coni di luppolo utilizzati nella produzione della birra contengono fitoestrogeni che, se ingeriti in grandi quantità, possono causare disturbi ormonali sia negli uomini che nelle donne. Il corpo maschile, regolarmente riempito di birra, verrà trasformato come segue:

  • le ghiandole mammarie aumenteranno (ginecomastia);
  • ci saranno problemi con l'area genitale;
  • Appariranno “pancia di birra” e grasso sui lati;
  • il timbro della voce diventerà più alto;
  • la massa muscolare diminuirà;
  • lo stato emotivo diventerà instabile.

Per il corpo femminile, la passione per una bevanda spumeggiante è irta di infertilità a causa di uno squilibrio nell'equilibrio di testosterone ed estrogeni e inoltre ci saranno conseguenze spiacevoli come:

  • ingrossamento della voce;
  • problemi ginecologici, fino a fibromi, cisti e tumori maligni;
  • crescita dei peli sull'addome, sul torace, sul viso;
  • obesità;
  • invecchiamento precoce e menopausa precoce.
Infine, anche numerosi conservanti e esaltatori di sapidità aggiunti alla produzione di birra su scala industriale non funzioneranno nel modo migliore: aumenteranno il carico sul fegato. Per i diabetici, il malto di birra è pericoloso, il che stimola un salto nella glicemia.

5 ° posto - cognac. Una piccola quantità di cognac puro senza additivi può persino stabilizzare la pressione sanguigna e fermare lo sviluppo patogeno dei virus. Tuttavia, per preservare l'utilità del prodotto, è raro utilizzarlo..

6 ° posto - liquori. Non sono gassati, tradizionalmente usati a piccole dosi e il più pericoloso qui è l'alto contenuto di zucchero, che li rende controindicati per le persone con diabete o inclini a un rapido aumento di peso.

7 ° posto - difetto. Con un consumo moderato di vini rossi e rosa, hanno anche un effetto curativo: ad esempio, il vino rosso naturale è ricco di antiossidanti e impedisce l'invecchiamento del corpo, se non di lasciarsi trasportare. Anche un buon vino naturale è il meno dannoso per il fegato.

8 ° posto - vodka. Con un uso moderato e una buona qualità, questa bevanda non porterà a una sbornia grave, ma è necessario berlo con una buona merenda.

Dose sicura di alcol

Gli scienziati hanno trovato la dose ottimale di alcol: in parte, diventa utile solo nella quantità di 30 g di alcol, allungato per 3-4 settimane.

Se calcoli la dose sicura di vodka dal calcolo di questi dati e la sua composizione del 40%, ottieni 125 g al mese, che è, infatti, molto raramente con gli amici.

Per una birra al 5%, questa dose sarà approssimativamente uguale a una bottiglia di 0,33 litri una volta ogni due settimane, cognac - 50 g una volta al mese, vino non maturo - 1 bicchiere al giorno, e cocktail e bevande alcoliche sono generalmente migliori per opportunità di rifiutare.

Se mantieni uno stile di vita sano e non superi le dosi sicure di alcol, anche un fegato affetto dal 75% sarà ancora in grado di recuperare.

Malattia epatica alcolica

Descrizione della malattia

La malattia epatica alcolica si riferisce a una serie di condizioni e sintomi correlati che si sviluppano quando il fegato viene danneggiato a causa dell'abuso di alcol.

La malattia epatica alcolica di solito non provoca alcun sintomo fino a quando il fegato non è gravemente danneggiato. Quando si verificano già gravi danni, la malattia alcolica del fegato può causare:

Fegato

Ad eccezione del cervello, il fegato è l'organo più complesso del corpo. Ha oltre 500 funzioni, la maggior parte delle quali sono essenziali per la vita..

Le funzioni epatiche includono:

  • filtrare le tossine dal sangue;
  • la produzione di sostanze chimiche importanti come proteine ​​e ormoni;
  • la produzione di agenti della coagulazione del sangue che prevengono un sanguinamento eccessivo;
  • regolazione del colesterolo nel sangue;
  • Aiuta a combattere le infezioni e le malattie
  • accumulo di energia per l'uso quando il corpo ha bisogno di un immediato aumento di energia.

Alcol e fegato

Il fegato è un organo molto duro ed elastico. Può resistere a livelli elevati di danno che distruggeranno altri organi. È anche capace di auto-guarire. Nonostante questa resistenza, l'abuso di alcol prolungato per molti anni può danneggiare l'organo.

Ogni volta che una persona beve alcolici, il corpo filtra l'alcool velenoso dal sangue..

Ogni volta che il fegato filtra l'alcool, alcune cellule di organi muoiono. Il fegato può rigenerare nuove cellule, ma se una persona beve molto per molti anni, l'organo perde la sua capacità di rigenerare nuove cellule, il che porta a gravi danni..

Fasi della malattia epatica alcolica

Esistono tre fasi principali della malattia epatica alcolica, sebbene ci sia spesso una significativa coincidenza tra ciascuna fase. Questi passaggi sono spiegati di seguito..

Fegato grasso alcolico

La malattia del fegato grasso alcolica è il primo stadio della malattia del fegato alcolica.

Un consumo eccessivo di alcol anche per diversi giorni può portare all'accumulo di acidi grassi nel fegato.

La distrofia epatica grassa raramente provoca sintomi, ma è un segnale di avvertimento importante che si sta bevendo a un livello malsano..

La malattia del fegato grasso è reversibile. Se smetti di bere alcolici per due settimane, il tuo fegato dovrebbe tornare alla normalità..

Epatite alcolica

L'epatite alcolica è il secondo stadio più grave della malattia epatica alcolica..

L'abuso di alcol a lungo termine per molti anni può causare infiammazione del tessuto epatico, noto come epatite alcolica. Meno comunemente, l'epatite alcolica può verificarsi se si beve una grande quantità di alcol per un breve periodo di tempo (bere pesante).

L'epatite alcolica è generalmente reversibile, anche se potrebbe essere necessario smettere di bere per diversi mesi o anni..

Cirrosi

La cirrosi è l'ultimo stadio della malattia alcolica del fegato. La cirrosi si verifica quando un'infiammazione prolungata del fegato provoca cicatrici d'organo e conseguente perdita di funzionalità. La perdita della funzionalità epatica può portare alla morte..

I danni causati dalla cirrosi sono irreversibili. In casi lievi e moderati, la sospensione dell'alcool dovrebbe immediatamente prevenire ulteriori danni e portare a un ripristino graduale della funzionalità epatica. Nei casi più gravi, può essere necessario un trapianto di organi..

Quanto è comune la malattia??

La malattia epatica alcolica è diffusa in Russia.

  • Il 90-100% degli alcolisti soffre di epatopatia alcolica (distrofia) del fegato;
  • ogni 4 bevitori con fegato obeso sviluppano epatite alcolica;
  • ogni 5 bevitori con malattia del fegato grasso svilupperanno la cirrosi.

Un alcolizzato è qualcuno che supera regolarmente il limite settimanale raccomandato di consumo di alcol. Un'assunzione di alcol sicura è di 100 grammi di alcol etilico a settimana..

Le donne sviluppano malattie epatiche alcoliche più spesso, ma gli uomini hanno maggiori probabilità di morire di esso, probabilmente perché gli uomini tendono a bere di più.

La distrofia epatica grassa e l'epatite possono svilupparsi a qualsiasi età. La cirrosi si sviluppa di solito nelle persone di età pari o superiore a 40 anni. Tuttavia, sono stati segnalati casi di cirrosi in persone di tutte le età, compresi gli adolescenti.

Sintomi e segni

La malattia epatica alcolica di solito non provoca sintomi fino a quando non si verifica un'ode dalle seguenti patologie:

Fegato grasso alcolico

La malattia del fegato grasso alcolica di solito non provoca sintomi evidenti se l'accumulo di acidi grassi nell'organo non è grave.

Se è grave, i sintomi della malattia del fegato grasso alcolica includono:

Epatite alcolica

I sintomi dell'epatite alcolica includono:

  • dolore addominale;
  • la comparsa di vasi sanguigni "aracnidi" sulla pelle;
  • perdita di appetito;
  • nausea
  • alta temperatura, solitamente intorno a 38 ° C (101 ° F);
  • fatica;
  • ingiallimento della pelle e degli occhi (ittero).

Cirrosi

I sintomi della cirrosi sono di solito a due stadi:

  1. I sintomi di una fase iniziale si verificano quando il fegato inizia a perdere parte della sua funzione.
  2. I sintomi dello stadio finale si verificano quando un organo perde più o tutte le sue funzioni (una perdita completa della funzionalità epatica è chiamata insufficienza epatica).

I primi sintomi includono:

  • stanchezza e debolezza;
  • perdita di appetito;
  • perdita di peso
  • malessere generale;
  • forte prurito sulla pelle;
  • dolore al fegato (nell'addome);
  • macchie rosse chiazzate;
  • difficoltà a dormire.

I sintomi della fase finale includono:

  • ittero;
  • la perdita di capelli
  • edema (accumulo di liquidi nelle gambe, nelle caviglie e nei piedi);
  • ascite (accumulo di liquido nell'addome);
  • urine scure
  • sgabelli neri, catramosi o molto chiari;
  • frequenti epistassi e gengive sanguinanti;
  • una tendenza a lividi, con colpi lievi;
  • vomito di sangue;
  • spasmi muscolari;
  • dolore alla spalla destra;
  • perdita del desiderio sessuale;
  • vertigini e affaticamento;
  • dispnea;
  • battito cardiaco accelerato (tachicardia)
  • febbre e tremori (perché sono più sensibili alle infezioni);
  • perdita di memoria e confusione;
  • cambiamenti nella personalità (a causa di tossine nel sangue che colpiscono il cervello);
  • tremore quando si cammina;
  • ipersensibilità all'alcol (perché il fegato non può elaborarlo);
  • perdita di peso del corpo e delle spalle.

Quando rivolgersi al medico?

La malattia epatica alcolica spesso non provoca sintomi fino a quando non raggiunge uno stadio grave. Se abusi di alcool, potresti avere danni agli organi, anche se non ci sono sintomi elencati sopra..

Se hai una storia di abuso regolare di alcol, si consiglia di consultare un medico di medicina generale e chiedere una diagnosi della funzionalità epatica.

Un buon modo per valutare la tua storia e i tuoi schemi di consumo è quello di utilizzare il breve test, noto come test CAGE, che comprende quattro domande:

  1. Hai mai pensato di dover ridurre l'alcol?
  2. Le persone ti infastidiscono criticando il tuo drink.?
  3. Ti sei mai sentito in colpa per aver bevuto?
  4. Hai mai bevuto alcolici al mattino per superare i postumi di una sbornia e calmare i nervi?

Se si risponde "sì" a una o più delle domande precedenti, si potrebbe avere un problema con l'abuso di alcol e si consiglia di contattare il proprio medico di famiglia.

Cause e fattori di rischio

La malattia epatica alcolica si verifica a causa dell'abuso di alcol. L'abuso di alcol può causare malattie epatiche alcoliche in due modi:

  1. Bere grandi quantità di alcol in breve tempo (noto come bere pesante) può causare obesità epatica alcolica ed epatite alcolica meno comunemente..
  2. Bere oltre i limiti alcolici raccomandati per molti anni può causare epatite e cirrosi, tipi più gravi di malattia epatica alcolica.

Più bevi al di sopra dei limiti raccomandati, maggiore è il rischio di sviluppare la malattia.

Rischio più elevato per:

  • uomini che bevono più di 150 grammi di alcol etilico alla settimana per 10 o più anni;
  • donne che bevono più di 100 grammi di alcol etilico a settimana per 10 anni o più.

Ulteriori fattori di rischio

Quasi tutti i tossicodipendenti sviluppano una malattia del fegato grasso, circa uno su quattro sviluppa epatite e uno su cinque sviluppa cirrosi.

Tuttavia, le persone che non sviluppano epatite o cirrosi sono ancora a rischio di sviluppare altri disturbi correlati all'alcol, come cancro al fegato, ictus e malattie cardiache. Ciò suggerisce che ci sono ulteriori fattori di rischio che rendono alcune persone più vulnerabili agli effetti dell'alcol sul loro fegato..

I possibili fattori di rischio aggiuntivi includono:

  • obesità;
  • donne (le donne sono più vulnerabili degli uomini agli effetti dannosi dell'alcol);
  • cibi ricchi di grassi;
  • malattie epatiche esistenti come l'epatite C (infezione virale cronica del fegato).

Diagnostica

La malattia epatica alcolica è spesso sospettata per la prima volta quando i test per altre condizioni mediche mostrano che il fegato è danneggiato..

Ad esempio, gli esami del sangue possono rilevare enzimi nel sangue che di solito sono presenti solo se il fegato è stato danneggiato..

Gli esami del sangue possono anche determinare se hai un basso livello di determinate sostanze, come l'albumina sierica, prodotte dal fegato. Un basso livello di questa proteina suggerisce che l'organo non funziona correttamente..

Gli esami del sangue utilizzati per valutare la funzione degli organi sono noti come test di funzionalità epatica..

Se test o sintomi indicano danni al fegato, il medico ti chiederà del consumo di alcol..

È importante essere completamente onesti su quanto e quanto spesso bevi alcolici..

Se si dice che si beve meno alcol o si nega di bere alcolici, è possibile che vengano inviati ulteriori test non necessari. Ciò può ritardare il trattamento necessario..

Se i sintomi o un test di funzionalità epatica indicano che potresti avere epatite alcolica o cirrosi, a volte sono necessari ulteriori test per valutare le tue condizioni epatiche..

  • esami visivi, come ultrasuoni, TC o risonanza magnetica;
  • biopsia, quando un ago sottile viene inserito nel corpo (di solito tra le costole) e un piccolo campione di cellule epatiche viene prelevato e inviato al laboratorio per l'esame al microscopio.

Trattamento

Il trattamento per la malattia epatica alcolica comprende l'interruzione del consumo di alcol.

Se hai una malattia del fegato grasso alcolica, puoi riprendere il consumo moderato di alcol dopo due settimane di astinenza..

In caso di epatite alcolica, si raccomanda l'astinenza permanente dall'alcol..

Con la cirrosi, l'astinenza permanente è necessaria per prevenire la morte per insufficienza epatica.

Si stima che il 70% delle persone con malattia epatica alcolica abbia problemi di dipendenza da alcol. Queste persone hanno bisogno di ulteriore supporto per aiutarle a smettere di bere..

Un medicinale che aiuta le persone ad astenersi dall'alcol chiamato Disulfiram (venduto con il marchio Antabuse) può essere usato se stai cercando di smettere di bere, ma sei preoccupato che potresti avere una ricaduta o aver avuto una ricaduta in passato..

Disulfiram provoca reazioni fisiche estremamente spiacevoli quando si beve alcol:

Queste reazioni dovrebbero impedirti di bere alcolici..

Terapia dietetica

La terapia dietetica è un'altra parte importante del trattamento della malattia epatica alcolica..

Questo perché la maggior parte delle persone con epatopatia alcolica soffre anche di malnutrizione a causa di una combinazione dei seguenti fattori:

  • le persone che bevono molto di solito hanno una cattiva alimentazione;
  • molte persone con epatopatia alcolica avvertono una perdita di appetito;
  • la perdita della normale funzionalità epatica può interferire con la produzione della bile, un fluido d'organo che digerisce molti nutrienti importanti.

Gli studi hanno anche dimostrato che la malnutrizione rende il corpo più vulnerabile agli effetti dannosi dell'alcol..

Una dieta ipercalorica che contiene molte proteine ​​e carboidrati è di solito raccomandata per le persone con malattie epatiche alcoliche. È possibile che ti venga chiesto di assumere integratori minerali e vitaminici..

Il medico curante può consigliare una dieta adeguata o, in alcuni casi, fare riferimento a un nutrizionista.

Nei casi più gravi di malnutrizione, i nutrienti possono essere consumati attraverso un tubo di nutrienti inserito direttamente nello stomaco..

Trattamento farmacologico

L'uso di droghe nel trattamento delle malattie epatiche alcoliche è controverso. Molti esperti sostengono che esistono prove limitate della loro efficacia..

Nell'epatite alcolica grave, i farmaci corticosteroidi possono essere utilizzati per ridurre l'infiammazione del fegato..

Un certo numero di farmaci usati per trattare la cirrosi:

  • steroidi anabolizzanti (un tipo più potente di steroidi)
  • propiltiouracile (un farmaco originariamente sviluppato per trattare una ghiandola tiroidea iperattiva)
  • colchicina (un farmaco originariamente sviluppato per trattare la gotta)

Importante! Vi sono prove qualitative insufficienti che questi farmaci sono efficaci nel trattamento della malattia epatica alcolica..

Trapianto di fegato

Nei casi più gravi di cirrosi, il fegato perde la sua capacità di funzionare e si verifica un'insufficienza epatica. Dopo l'insufficienza epatica, di solito è possibile mantenere la vita per diversi anni con i farmaci. Tuttavia, il trapianto di fegato è attualmente l'unico modo per trattare l'insufficienza epatica..

La maggior parte dei centri di trapianto si aspettano che tu smetta di bere alcolici per il resto della tua vita. Dovresti generalmente astenervi dal bere alcolici per almeno tre mesi prima di essere considerato idoneo per il trapianto..

complicazioni

- Ipertensione portale e vene varicose.

L'ipertensione portale è una complicanza comune della cirrosi e dell'epatite alcolica meno comunemente..

L'ipertensione portale si verifica quando la pressione sanguigna nel fegato sale a un livello potenzialmente grave.

Quando il fegato diventa molto sfregiato, il sangue lo attraversa più forte. Questo porta ad un aumento della pressione sanguigna..

Il sangue deve trovare un nuovo modo per tornare al cuore, che si ottiene aprendo nuovi vasi sanguigni, di solito lungo la mucosa gastrica, causando vene varicose.

Se la pressione sanguigna sale a un certo livello, può diventare troppo alta per le vene varicose, causando il sanguinamento delle vene.

Ciò può causare sanguinamento moderato ma prolungato, che può portare all'anemia (una condizione in cui il corpo non ha abbastanza globuli rossi che trasportano ossigeno).

I sintomi dell'anemia includono:

Inoltre, il sanguinamento può essere rapido e massiccio, costringendoti a:

  • vomitare sangue;
  • espellere feci molto scure o catramose.

- Encefalopatia epatica.

Una delle funzioni più importanti del fegato è la rimozione delle tossine dal sangue. Se il fegato non può farlo a causa di epatite o cirrosi, il livello di tossine nel sangue aumenta. Alti livelli di tossine nel sangue dovuti a danno epatico sono noti come encefalopatia epatica..

I sintomi dell'encefalopatia epatica includono:

  • eccitazione;
  • confusione
  • disorientamento;
  • rigidità muscolare;
  • tremore;
  • difficoltà nel parlare;
  • in casi molto gravi a chi.

L'encefalopatia epatica di solito richiede il ricovero in ospedale. Il funzionamento del corpo viene mantenuto durante l'assunzione di farmaci per rimuovere le tossine dal sangue.

Prevenzione

Il modo più efficace per prevenire la malattia epatica alcolica è smettere di bere alcolici o almeno rispettare i limiti settimanali raccomandati..

Anche se bevi per molti anni, ridurre o interrompere il consumo di alcol avrà importanti benefici a breve e lungo termine per il fegato e la salute generale..

previsione

La prognosi della malattia epatica alcolica dipende in gran parte dal fatto che sei pronto a smettere di bere alcolici, preferibilmente per il resto della tua vita.

Nelle prime fasi della malattia epatica alcolica (fegato grasso ed epatite), le persone che hanno smesso di bere hanno ottime prospettive, perché il loro fegato ha la capacità di recuperare.

Anche in caso di cirrosi, le prospettive possono essere notevolmente migliorate smettendo di bere, anche perché si può considerare un trapianto di fegato se non si è consumato alcolici per almeno tre mesi.

Tre persone su quattro con cirrosi, dopo un trapianto di organi, vivranno per almeno 5 anni dopo il trapianto e molte vivranno molto più a lungo.