Posso mettere insieme i vaccini DTP ed epatite?

I vaccini DTP ed epatite sono spesso suggeriti per essere somministrati a un bambino insieme. Ti diremo se è possibile combinarli e quale tipo di reazione corporea si verifica dopo tale vaccinazione..

I vaccini DTP e l'epatite B vengono somministrati insieme?

Nei primi mesi di vita, il bambino riceve un gran numero di vaccinazioni. Alcuni di essi vengono somministrati contemporaneamente, tra cui DTP ed epatite..

Un vaccino contro l'epatite è diretto contro una malattia che colpisce il fegato e il tratto biliare. Il vaccino DTP fornisce profilassi per tetano, difterite e pertosse. Tuttavia, solo la componente della pertosse provoca complicanze e gravi reazioni avverse durante la vaccinazione.

Non introdurre nuovi prodotti nella dieta del bambino pochi giorni prima della vaccinazione.

La combinazione di vaccini DTP ed epatite è sicura. Il numero di reazioni avverse non aumenta. Il dosaggio è completamente selezionato per il corpo dei bambini la cui immunità è ancora imperfetta. Il rispetto delle condizioni di vaccinazione riduce al minimo le reazioni avverse. Prima della vaccinazione, il pediatra deve esaminare il bambino. Se ci sono sintomi di infezioni respiratorie acute, così come durante il periodo di recupero, la vaccinazione non viene eseguita. I medici sono anche avvisati se il bambino ha convulsioni e danni al sistema nervoso.

Se ci sono reazioni allergiche in genitori e parenti, conducono un esame separato e stabiliscono un programma di vaccinazione personale con un vaccino più delicato.

La reazione del corpo alle vaccinazioni con DTP ed epatite

Dopo le vaccinazioni, il bambino presenta i seguenti sintomi:

  • febbre;
  • sonnolenza;
  • debolezza;
  • diarrea;
  • vomito
  • mal di testa;
  • mancanza di appetito;
  • comportamento irrequieto;
  • leggero gonfiore;
  • arrossamento.

Le reazioni avverse in forma lieve indicano che il sistema immunitario è formato correttamente. Dopo 3-4 giorni, tutti i sintomi scompaiono. In caso di allergie, vengono prescritti antistaminici e quando la temperatura sale a 38 ° C - antipiretico.

Se si verifica una grave reazione allergica, tra cui orticaria ed edema di Quincke, ciò indica una complicazione. Se la temperatura supera i 39-40 C, la comparsa di gonfiore superiore a 7-9 cm, dolore intenso, consultare un medico. Tuttavia, secondo le statistiche dell'OMS, in un caso si verificano complicanze su 100.000.

Le malattie prevenibili con il vaccino sono molto più pericolose della reazione post-vaccinazione. Pertanto, dopo aver esaminato il bambino con un medico, non abbiate paura di prendere due vaccinazioni contemporaneamente..

Epatite e DTP in un vaccino: nome del farmaco e compatibilità con altre vaccinazioni

Secondo il Calendario nazionale delle vaccinazioni, la maggior parte delle vaccinazioni sono somministrate a bambini di età inferiore ai 12 mesi. Ciò è dovuto al fatto che sono i bambini piccoli a essere molto sensibili a diversi tipi di infezione. Le malattie infettive nei neonati hanno la capacità di procedere in forme più complesse, sono spesso accompagnate da complicazioni e possono persino essere fatali..

I medici non vedono un modo migliore per proteggere i bambini dai microrganismi patogeni, come effettuare vaccinazioni di routine che consentano al sistema immunitario del bambino di formare un'immunità a lungo termine contro le infezioni e impedire la loro penetrazione nel corpo del bambino.

In pratica, molte vaccinazioni devono essere somministrate al bambino lo stesso giorno, ovvero combinare l'introduzione di diversi vaccini. Molto spesso, insieme ad altri preparati immunitari, vengono somministrati vaccini DTP (tetano, difterite e pertosse). Tali misure preventive sono sicure per la salute dei giovani pazienti? Quali vaccini possono essere utilizzati con DTP?

È possibile eseguire DTP contemporaneamente ad altre vaccinazioni??

Il vaccino DTP può e talvolta deve essere somministrato contemporaneamente ad altri preparati immunitari, ad esempio con il vaccino antipolio orale e inattivato, CPC, una sospensione contro l'epatite B o infezione emofila.

Se questi vaccini non possono essere somministrati nello stesso giorno, si raccomanda di somministrarli a intervalli di almeno un mese, il che consentirà la formazione di una risposta immunitaria sufficiente nel corpo del bambino.

Nonostante la sicurezza della somministrazione simultanea di DTP con altre vaccinazioni, non si deve abusare della loro combinazione, ma aderire ai periodi di vaccinazione prescritti nel calendario nazionale.

La somministrazione simultanea di vaccini è consentita in numerosi casi, tra cui:

  • la necessità di formare rapidamente un'immunità in un bambino contro le infezioni più pericolose;
  • situazione epidemiologica non sicura nella regione di residenza;
  • l'impossibilità di frequenti visite in clinica;
  • preparazione all'emigrazione in un altro paese o per viaggiare;
  • vaccinazioni mancate in passato.

Contro l'epatite b

Gli immunologi sostengono che la somministrazione simultanea di DTP e un vaccino contro l'epatite B è assolutamente sicura per la salute e il normale sviluppo del bambino. Il numero di reazioni avverse se usato insieme non aumenta e il rispetto delle regole elementari di vaccinazione può ridurre al minimo i rischi di complicanze della procedura.

Dopo una combinazione di vaccinazioni, in un bambino possono verificarsi le seguenti reazioni avverse:

  • un leggero aumento della temperatura corporea a 37,5 ° C;
  • sonnolenza e malessere generale;
  • diminuzione dell'appetito e un temporaneo abbandono del gioco;
  • episodi di diarrea e vomito;
  • mal di testa di moderata intensità.

Tali lievi disturbi dopo la vaccinazione sono la conferma della corretta formazione dell'immunità. Di norma, passano da soli dopo 3-4 giorni e quindi non necessitano di supervisione medica e correzione medica.

Polio

Molto spesso, i pediatri combinano DTP con il vaccino contro la poliomielite. A 3 e 4,5 mesi, i bambini con siero adsorbito di pertosse-difterite-tetano ricevono un vaccino inattivato per la poliomielite e una sospensione viva viene utilizzata per le successive vaccinazioni.

Nella maggior parte dei casi, tale immunizzazione procede sullo sfondo dello sviluppo di effetti collaterali nel lieve grado della loro manifestazione. Nei bambini, la temperatura corporea può aumentare, può verificarsi gonfiore nella zona di iniezione e malessere generale.

Molto spesso, la reazione patologica del corpo si sviluppa sulla componente della pertosse del vaccino e si manifesta con allergie sotto forma di eruzione cutanea e prurito, angioedema, anafilassi.

Da infezione emofila

La combinazione di DTP e vaccinazione contro l'infezione emofila è una pratica pediatrica comune, che consente di inserire contemporaneamente il numero massimo di vaccini che consentono di vaccinare quante più malattie infettive possibili.

Viene utilizzato il vaccino combinato Pentaxim, che contiene un componente adsorbito di pertosse-difterite-tetano, una sospensione inattivata di poliomielite e una soluzione di prevenzione di Haemophilus influenzae di tipo b.

Questa combinazione di ingredienti attivi consente di immunizzare un piccolo paziente contro la pertosse, la difterite, il tetano, la poliomielite e le malattie causate dal bacillo emofilo con una sola iniezione, tra cui meningite, polmonite, encefalite e altre.

Contro l'influenza

Il vaccino antinfluenzale e la sospensione adsorbita di pertosse-difterite-tetano sono tra le soluzioni vaccinali uccise. Secondo le regole di vaccinazione generalmente accettate, due o più vaccini uccisi possono essere somministrati nello stesso giorno o in qualsiasi intervallo (giorno, settimana, mese).

Febbre alta, dolore nel sito di iniezione e altre reazioni del bambino all'immunizzazione

Spesso dopo la vaccinazione, gli indicatori di temperatura aumentano a 37,5-38 C, il che conferma la formazione di una normale risposta immunitaria.

Normalmente, la temperatura corporea elevata viene mantenuta per diversi giorni, quindi si normalizza senza l'aiuto di droghe.

Se la temperatura supera i 38 ° C, è consigliabile somministrare al bambino farmaci antipiretici nei dosaggi raccomandati dal medico. Spesso dopo DTP con altri vaccini, può verificarsi una reazione locale nel sito di iniezione sotto forma di arrossamento, gonfiore e dolore.

Queste violazioni sono temporanee e si risolvono entro pochi giorni. Succede che il sigillo nel sito di iniezione si trasforma in un infiltrato teso. Quindi è necessario consultare immediatamente un medico e iniziare il trattamento.

È pericoloso mettere insieme i vaccini: complicazioni e conseguenze

I moderni immunologi sono convinti che la combinazione di DTP con altri vaccini uccisi o vivi non contribuisca allo sviluppo di complicanze della vaccinazione e non sia pericolosa per la salute del bambino. Gli effetti dell'immunizzazione combinata non sono diversi dalle complicazioni di un semplice vaccino DTP..

Tra le reazioni post-vaccinazione più comuni ci sono:

  • febbre grave fino a 40 ° C;
  • grave reazione allergica ai componenti del vaccino (principalmente alla componente della pertosse);
  • spasmi
  • encefalite e altre lesioni del sistema nervoso centrale con sviluppo di paralisi, paresi.

Se si sviluppano segni di complicanze da vaccinazione, i genitori del bambino devono consultare immediatamente un medico che adotterà misure per eliminarle..

I vaccini possono essere miscelati in una siringa??

Le informazioni sulla possibilità di miscelare vaccini diversi nella stessa siringa sono facilmente reperibili nelle istruzioni per l'uso di uno o di altri preparati vaccinali. Di norma, i pediatri non rischiano di mettere due diversi vaccini nella stessa siringa, ma preferiscono somministrarli in due approcci.

Quanto dopo il BCG può essere vaccinato contro la difterite, il tetano e la pertosse?

Secondo il calendario nazionale delle vaccinazioni, il BCG viene somministrato ai neonati 3-5 giorni dopo la nascita. Ciò accade nell'ospedale di maternità dopo un esame dettagliato del bambino da parte di un neonatologo. Il primo DTP viene somministrato ai bambini nella clinica all'età di 3 mesi e quelli successivi - non prima di 28-30 giorni.

La vaccinazione contro la tubercolosi viene effettuata separatamente dalle altre vaccinazioni. L'unica eccezione è l'immunizzazione dell'epatite B, prescritta il primo giorno dopo la nascita, cioè 1-2 giorni prima della BCG.

L'intervallo tra BCG e altre vaccinazioni dovrebbe essere di almeno 30 giorni. Tale schema di vaccinazione non porta allo sviluppo di complicanze e non interrompe la normale formazione di anticorpi.

DTP ed epatite in un vaccino: nome del farmaco e istruzioni per l'uso

Tra i vaccini combinati più efficaci ci sono Infanrix, Hiberix, Pentaxim, Tetraxim.

Tutti sono ben combinati con i vaccini contro la poliomielite. Il vaccino combinato viene somministrato tre volte secondo il programma di vaccinazione generalmente accettato..

Viene messa in tre, quattro e mezzo e sei mesi, se il bambino non ha controindicazioni temporanee per la vaccinazione. Se il bambino ha sintomi di infezione respiratoria acuta o esacerbazioni di patologia cronica, l'immunizzazione deve essere riprogrammata per il tempo necessario a normalizzare completamente lo stato di salute del piccolo paziente.

Le controindicazioni assolute per l'introduzione di una preparazione immunitaria combinata sono:

  • intolleranza a uno o più componenti del vaccino;
  • lo sviluppo di una reazione allergica con la precedente introduzione della soluzione;
  • gravi patologie del sistema nervoso centrale;
  • malattie oncologiche;
  • stati di immunodeficienza.

Video collegati

Nel dettaglio sulla vaccinazione con DTP presso la Scuola del Dr. Komarovsky:

La scelta di un farmaco per la vaccinazione dei bambini del primo anno di vita deve essere gestita da uno specialista qualificato. In questo caso, il medico prende in considerazione le caratteristiche individuali del corpo del bambino, la presenza di cibo e altre allergie, malattie degli organi interni, ecc..

Posso ottenere insieme vaccini DTP ed epatite nello stesso giorno?

Dopo il parto, i genitori devono prendere una decisione importante se vaccinare il bambino con DTP (pertosse, difterite e patogeni del tetano) ed epatite in un vaccino o meno. La maggior parte degli adulti ha paura di possibili complicazioni e reazioni avverse al siero, quindi rifiuta la procedura. Ma vale la pena sapere che il rifiuto del vaccino porta a patologie più gravi e malattie croniche. Può essere un'epatite virale di varie eziologie, cirrosi o cancro al fegato.

Fasi preparatorie per il vaccino e le sue fasi

L'uso di DTP ed epatite in un vaccino semplifica notevolmente la prima vaccinazione del neonato, che è un momento importante nella vita del bambino. Nei primi mesi di vita, l'immunità del bambino è particolarmente sensibile a vari virus e batteri, quindi è necessario vaccinare dalla nascita.

Ciò creerà una protezione affidabile per un lungo periodo di tempo. Per garantire che l'intera procedura sia indolore e non causi complicazioni, i genitori devono preparare un neonato.

Prima di tutto, devi rispettare le seguenti regole:

  1. Consultare un pediatra che prescriverà test di laboratorio e confermerà la possibilità di vaccinazione.
  2. Evita luoghi pubblici in cui è presente un gran numero di persone. Ciò è necessario affinché il bambino non venga infettato da estranei, poiché durante la procedura il paziente deve essere completamente sano.
  3. Sbarazzarsi di qualsiasi contatto con sostanze irritanti. Quando compaiono i primi segni di un'allergia, i genitori dovrebbero prendersi cura della terapia farmacologica, che eliminerà le manifestazioni allergiche. Ciò consentirà all'organismo di tollerare in modo sicuro la vaccinazione..
  4. Prima della procedura, non è possibile alimentare eccessivamente il bambino o mangiare cibi che non sono stati precedentemente aggiunti al cibo. Ciò è dovuto al fatto che le forze del corpo saranno spese per digerire il cibo, invece di trasferire il siero.

In ogni caso, il medico che effettua l'iniezione dovrebbe esaminare il bambino in anticipo e misurare la temperatura corporea. E solo allora entra nel siero: la vaccinazione DTP ha una sequenza chiara che deve essere mantenuta.

Pertanto, lo specialista effettua iniezioni secondo il seguente schema:

  • la prima iniezione viene eseguita all'età di 3 mesi,
  • secondo - 4 mesi,
  • il terzo - all'età di 6 mesi,
  • la quarta iniezione viene somministrata quando il bambino ha un anno e mezzo.

Sono necessarie quattro vaccinazioni per consolidare l'effetto e avviare la produzione di anticorpi umorali da parte del corpo, che in futuro non consentirà a infezioni di questo tipo di svilupparsi nel corpo. Al fine di mantenere il sistema immunitario in seguito, vengono effettuate vaccinazioni ripetute all'età di 7 e 14 anni.

Istruzioni per l'uso

I farmaci più comuni e ampiamente utilizzati per DTP includono Infanrix, InfanrixGex e Tetracock. Questi medicinali appartengono al gruppo di sostanze combinate, adsorbite e immunobiologiche a base di difterite, tetano e pertosse.

Il siero ha una base gelatinosa a causa dell'idrossido di alluminio. Tossidi difterite, tetano e pertosse sono assorbiti da questa sostanza. Ciò garantisce il legame delle sostanze attive e il rilascio dopo la penetrazione nel sistema circolatorio umano.

Nel caso dell'epatite, i medici usano il farmaco Angerix, che contiene un piccolo numero di cellule virali. Come per i farmaci DTP, i produttori utilizzano idrossido di alluminio per prevenire il rilascio prematuro di cellule. Quando una proteina del virus entra nel corpo umano, stimola la produzione attiva di anticorpi, che successivamente sviluppano un meccanismo protettivo.

Co-vaccinazione contro epatite e DTP

La vaccinazione congiunta con DTP, epatite e vaccini contro la poliomielite viene spesso praticata dai medici per evitare l'infezione da malattie come poliomielite, pertosse, difterite, tetano e alcune malattie del fegato. Un altro vantaggio di questa vaccinazione è la protezione del fegato dagli agenti patogeni che fanno parte del vaccino DTP..

Possibili complicazioni spaventano i genitori, motivo per cui alcuni di loro si rifiutano di vaccinare. Ma in assenza di controindicazioni caratteristiche, il pediatra raccomanda vivamente un'iniezione. Ciò è dovuto al fatto che gli effetti collaterali dopo la procedura si verificano in rari casi e si verificano in forme lievi..

Mentre le malattie causate dall'epatite o dal virus del tetano portano a gravi complicazioni. Sono queste patologie che il bambino è più facile da catturare nella scuola materna, a scuola e in altri luoghi pubblici.

È molto più difficile ottenere la pertosse e la difterite, ma in alcuni paesi queste malattie prevalgono tra le altre. Questo vale per le città con un clima caldo, dove il basso livello di standard sanitari, vi è la possibilità di infezione attraverso l'acqua sporca e gli articoli per la casa.

La co-vaccinazione di DTP ed epatite aiuta a ridurre lo stress nel bambino. Gli scienziati hanno sviluppato sieri speciali che riducono il rischio di reazioni avverse e sono facilmente tollerati dal bambino. Un'iniezione viene effettuata per via intramuscolare, scegliendo luoghi con la minima quantità di tessuto adiposo. Di solito è la parte superiore della coscia o della spalla.

Suggerimenti Komarovsky

Alcuni genitori sono interessati alla vaccinazione con DTP ed epatite insieme.Il famoso pediatra Yevgeny Komarovsky raccomanda inequivocabilmente una vaccinazione articolare, ma nota che il neonato è più difficile da tollerare. Questo fenomeno è associato a un componente antitosse..

Il pediatra si sofferma sul vantaggio principale di questo metodo di protezione: con l'aiuto di un farmaco, viene assicurata la profilassi di diverse malattie contemporaneamente, che riduce il numero di iniezioni e il rischio di possibili infezioni nelle cliniche.

In questo caso, il vaccino non aumenta il rischio di complicanze e non interferisce con la qualità dell'immunità generata.

Komarovsky parla di statistiche che mostrano quanto siano pericolose le malattie specificate e quali complicazioni causino la vaccinazione prematura.

Di norma, le persone con tetano o difterite muoiono nell'80% dei casi. E il rischio di contrarre il virus del virus dell'epatite aumenta di diversi percento ogni anno, pertanto il pediatra raccomanda vivamente ai genitori di accettare di vaccinare il proprio bambino..

L'unica condizione per l'iniezione è un bambino assolutamente sano. Il bambino non deve essere malato di virale o raffreddore che si manifesta con febbre, naso che cola, peggioramento delle condizioni e altri sintomi.

Risposta al vaccino DTP

Un componente del DTP sierico è il tossoide della pertosse. Insieme alle tossine inattivate di difterite e tetano, il tossoide pertosse stimola la produzione attiva di anticorpi umorali, che proteggono ulteriormente il corpo da questi agenti patogeni.

I microrganismi patogeni non causano gravi danni al bambino, poiché hanno una bassa attività.

Nella maggior parte dei casi, il bambino ha solo un leggero rossore nel sito di iniezione, che scompare dopo poche ore. Questo fenomeno può verificarsi dopo irritazione meccanica della pelle o dell'acqua..

In rari casi, il bambino ha conseguenze più gravi che richiedono un intervento medico.

La reazione più comune del corpo è considerata una temperatura corporea di basso grado. Insieme ad un aumento della temperatura, il paziente sperimenta sudorazione abbondante e letargia. La sensazione di affaticamento passa attraverso 2 giorni, quindi dopo la vaccinazione il bambino è meglio rilassarsi e trascorrere la giornata con calma. Con una maggiore sensibilità al farmaco, il paziente può manifestare diarrea e tentare di vomitare.

È possibile fare il bagno a un bambino e camminare con lui dopo la vaccinazione

I genitori sono spesso preoccupati della domanda se è possibile fare il bagno al bambino o camminare con lui in luoghi affollati dopo la vaccinazione. Ogni specialista avverte i genitori che è meglio evitare tali azioni.

Ciò è dovuto alla reazione del corpo al siero iniettato. Il sistema immunitario è significativamente ridotto, poiché tutte le forze vanno alla lotta contro il vaccino. Pertanto, catturare un'infezione da un estraneo non è difficile.

Nei casi in cui il bambino non ha una temperatura corporea subfebrile persistente, puoi fare un'eccezione e fare una passeggiata lungo la strada con il bambino. Assicurati di indossarlo correttamente. L'abbigliamento non deve essere troppo caldo o leggero in modo da non provocare surriscaldamento o ipotermia.

Il sito di iniezione dopo l'introduzione del siero può gonfiarsi e diventare rosso, quindi non è consigliabile fare il bagno al bambino e in qualche modo influenzare l'area della pelle. Sapone o infezione che possono scatenare processi infiammatori possono entrare con l'acqua..

Effetti collaterali e possibili complicanze della co-vaccinazione con DTP ed epatite

Spesso, gli effetti collaterali si verificano a causa del tossoide della pertosse in arrivo, quindi in alcuni casi la vaccinazione viene eseguita senza il componente del patogeno della pertosse. Tutti gli effetti collaterali differiscono in gravità..

I seguenti sintomi sono associati a lievi effetti collaterali:

  • febbre bassa,
  • debolezza e stanchezza,
  • leggera sudorazione,
  • arrossamento della pelle e leggero gonfiore,
  • perdita di appetito,
  • piccoli accumuli di pus nel sito di iniezione, che derivano dal mancato rispetto delle norme igieniche.

Questa sintomatologia indica che il corpo resiste alle cellule virali. Dopo alcuni giorni, tutti gli effetti collaterali di natura lieve scompaiono da soli, quindi non è necessario preoccuparsi della salute del bambino e utilizzare medicinali per rimuovere i sintomi.

Un'eccezione è l'alta temperatura, che supera i 38,4 ° C. In tali casi, è necessario consultare un medico in modo che prescriva un antipiretico.

In rari casi, sorgono complicazioni di natura più grave, quindi per qualche tempo il bambino rimane sotto la supervisione di un medico.

Le principali complicazioni che compaiono dopo la vaccinazione includono:

  • aumento della temperatura corporea al livello di 39-40 ° C,
  • il rossore dell'area intorno al sito di iniezione è maggiore della velocità specificata,
  • l'aspetto di un piccolo sigillo, che può essere sentito alla palpazione,
  • il bambino ha periodicamente diarrea e la voglia di vomitare,
  • il sito di vaccinazione inizia a gonfiarsi.

Non appena un neonato presenta uno di questi sintomi, i genitori devono contattare immediatamente un pediatra o chiamare un'ambulanza. In questo caso, al bambino vengono prescritti sciroppi o supposte antipiretiche e antistaminici topici..

Le complicanze più gravi comprendono gravi eruzioni cutanee, orticaria, edema di Quincke e attacchi di asma.

Controindicazioni per la co-vaccinazione contro l'epatite e la DTP

Le principali controindicazioni alla vaccinazione articolare di DTP ed epatite sono i seguenti fattori:

  • febbre,
  • naso che cola e altre manifestazioni di raffreddore,
  • umore eccessivo del bambino e pianto costante,
  • la presenza di manifestazioni allergiche,
  • problemi con i movimenti intestinali (costipazione, che si verifica per più di 2 giorni),
  • processi infiammatori nel tratto respiratorio superiore,
  • reazione negativa a precedenti vaccinazioni.

L'elenco delle controindicazioni può essere integrato con diatesi e intolleranza individuale a uno dei componenti del farmaco. Nella maggior parte dei casi, le manifestazioni allergiche causano lievito, sulla base del quale viene prodotta la maggior parte dei vaccini.

Cosa fare dopo il vaccino

Dopo l'iniezione intramuscolare in un'unica iniezione, devono essere seguite alcune regole per fornire al bambino una protezione affidabile:

  1. Dopo l'iniezione, è necessario essere in clinica sotto la supervisione di un medico per circa mezz'ora. Durante questo periodo, possono verificarsi reazioni avverse e complicazioni, quindi lo specialista sarà in grado di fornire assistenza medica in tempo.
  2. Monitorare le condizioni generali del paziente. Un forte aumento della temperatura può portare a gravi conseguenze, quindi i genitori devono monitorare attentamente le condizioni del bambino.
  3. Non surriscaldare o surriscaldare il bambino in modo da evitare effetti collaterali.
  4. Prendi abbastanza acqua in modo che il bambino non abbia sete.
  5. Non appesantire lo stomaco del bambino con cibi pesanti, fritti e grassi.
  6. Fornire un'atmosfera rilassata e relax.
  7. Evitare di nuotare e camminare in luoghi pubblici per ridurre il rischio di infezione..
  8. Non lasciare che il bambino graffi il sito di iniezione o lo irriti meccanicamente.

I genitori dovrebbero monitorare le condizioni del bambino al fine di notare manifestazioni allergiche o gravi complicazioni nel tempo. Poiché diversi vaccini vengono introdotti nel corpo lo stesso giorno, il paziente può manifestare reazioni avverse un po 'più spesso..

Vaccini comuni per DTP ed epatite

I produttori moderni stanno cercando di creare un vaccino con effetti collaterali minimi, quindi ogni anno le vaccinazioni causano meno complicazioni.

I seguenti farmaci sono considerati i farmaci più comuni:

  1. Infanrix e NfanrixHex. I farmaci belgi hanno effetti collaterali minimi grazie al metodo di produzione unico. Infanrix fornisce protezione contro tre agenti patogeni, mentre InfanrixGex protegge da 6 tipi di virus. Questo è il virus dell'epatite B, la poliomielite, il tetano, la difterite, la pertosse e le infezioni emofile.
  2. Pentaxim e Tetraxim. Medicinali che includono pertosse, difterite e tossoidi tetanici. La differenza tra i farmaci è in diversi produttori e costi.
  3. Angerix e Regevac B. Un farmaco che stimola la produzione di anticorpi contro le cellule del virus dell'epatite B. I farmaci sono combinati con altre vaccinazioni e nella maggior parte dei casi hanno un effetto terapeutico..

Il mercato della farmacia offre una vasta selezione di vaccini che possono essere combinati con altri farmaci e ottenere il risultato desiderato. Pertanto, quando si sceglie un medicinale, è necessario prestare attenzione al produttore e alla qualità del siero.

Salute del fegato

La DTP e la poliomielite possono essere eseguite contemporaneamente sullo sfondo della piena salute del bambino. In assenza di allergie, disturbi neurologici, una vaccinazione combinata evita un'iniezione aggiuntiva, che riduce l'effetto traumatico sul corpo del bambino.

Per alcuni preparati vaccinali contenenti antigene della pertosse (DTP russo (NPO Microgen), Tetrakok) si sviluppano reazioni post-vaccinazione pronunciate. La vaccinazione DTP e poliomielite è meglio tollerata quando si sceglie "Infanrix" come profilassi per pertosse, difterite, tetano.

Gli antigeni del bacillo della pertosse inattivato colpiscono il cervello, non solo attraverso il contatto diretto, ma anche attraverso le risposte immunitarie. La pratica dimostra che l'immunizzazione tempestiva contro le infezioni (può essere associata a epatite e poliomielite) può proteggere il cervello dal bacillo della pertosse.

In pratica, si verificano reazioni post-vaccinazione, ma non sono espresse.

DTP e polio allo stesso tempo - è possibile farlo

La vaccinazione deve essere considerata come microinfezione. Gli antigeni di microrganismi estranei entrano nel corpo, ma la loro attività è troppo bassa per danneggiare seriamente.

Nei bambini con l'uso di DTP e poliomielite, sono possibili contemporaneamente reazioni allergiche a causa di una temporanea riduzione dell'attività dell'immunità. Di solito, dopo alcuni giorni, i cambiamenti scompaiono da soli. I genitori devono solo monitorare le condizioni del bambino e condurre un trattamento sintomatico.

Quando la temperatura sale sopra i 38 gradi - candele con paracetamolo o sciroppo di ibufen. Le manifestazioni allergiche richiedono antistaminici.

Un vaccino contro la poliomielite è raramente accompagnato da gravi reazioni post-vaccinazione. Il pericolo principale è la componente della pertosse. Spesso si verifica un'eruzione cutanea. Nei bambini con maggiore sensibilizzazione, è probabile la formazione dell'edema di Quincke.

Le statistiche mostrano che Infanrix è facilmente tollerabile. Si osservano reazioni violente quando si utilizza il DTP russo. Complicanze post-vaccinazione moderate osservate a Tetracock.

Una controindicazione al fatto che la somministrazione di DTP e poliomielite mostra contemporaneamente un indebolimento dell'immunità, malattie secondarie. Si consiglia ai bambini indeboliti di fare l'ADS. L'esclusione della componente della pertosse riduce significativamente il carico sul sistema immunitario.

Risposta DTP: locale e generale

Reazione locale al DTP:

  • Arrossamento dell'area di iniezione 2-8 cm;
  • Sigillo della pelle;
  • Dolore nel sito di iniezione.
  • Reazione generale:
  • Aumento della temperatura fino a 40 gradi;
  • Coagulazione del sangue;
  • Esacerbazione di malattie croniche.

I cambiamenti locali sono dovuti a un gran numero di antigeni della preparazione del vaccino, il contenuto di componenti ausiliari. Una quantità significativa di reazioni locali provoca idrossido di alluminio, che viene aggiunto per migliorare l'attività del sistema immunitario.

La massima gravità delle complicanze si osserva sullo sfondo della seconda vaccinazione, quando il corpo è sensibilizzato con antigeni di difterite, pertosse, tetano, poliomielite (se i vaccini vengono somministrati contemporaneamente).

Le reazioni gravi al DTP nei bambini non sono causate tanto da fattori organici quanto da fattori psicogeni. Spaventato da un'iniezione può far piangere a lungo un bambino. L'irritazione che dura per ore non è dovuta a cambiamenti morfologici. L'instabilità delle reazioni mentali nei bambini provoca cambiamenti imprevisti nella salute. Passano quando il bambino è distratto e si dimentica del trauma..

La corretta preparazione per la terapia vaccinale consente di ridurre la gravità delle reazioni post-vaccinazione al DTP..

Prima della procedura, è necessario assicurarsi che il paziente sia sano: superare i test clinici e di laboratorio, visitare un pediatra. Se stai pianificando una vaccinazione con DTP, poliomielite ed epatite insieme, dovresti visitare un neurologo per ottenere l'autorizzazione per la vaccinazione. Disturbi neurogeni - una controindicazione alla vaccinazione.

Cosa valuta il pediatra prima di impartire indicazioni per la vaccinazione:

  1. 1. Condizioni della pelle;
  2. 2. Valutazione della dimensione dei linfonodi;
  3. 3. Auscultatorio ascoltando il cuore;
  4. 4. Auscultazione dei polmoni.

Il pediatra esamina una scheda ambulatoriale per la presenza di infezioni croniche, malattie secondarie che possono peggiorare.

Si raccomanda ai bambini con tendenza alle allergie di usare antistaminici. Sono prescritti 2 giorni prima della vaccinazione e altri 3 giorni dopo la procedura.

Se il bambino ha una temperatura elevata (oltre 38 gradi), si consiglia di assumere farmaci antipiretici. Il più sicuro è considerato paracetamolo e ibufen.

Se ha una storia di convulsioni, si consiglia un anestetico prima di iniettare il vaccino..

Vaccinazione DTP, poliomielite ed epatite insieme

Le complicanze sono ancora più osservate nei bambini quando vaccinate con DTP, poliomielite ed epatite insieme. La quantità di antigeni estranei nel sangue aumenta significativamente durante questa iniezione, il che porta a reazioni impreviste. Le seguenti complicanze si formano sul vaccino:

  1. Diminuzione della pressione sanguigna - raffreddamento delle estremità, pallore della pelle, grave debolezza;
  2. Dermatite atopica grave, edema di Quincke, shock anafilattico 30 minuti dopo la vaccinazione;
  3. Crampi a temperatura normale;
  4. Disturbi neurologici del sistema nervoso centrale.

Dopo la vaccinazione, è importante rimanere in un istituto medico per 1 ora al fine di prevenire i cambiamenti allergici acuti. Complicanze e reazioni alla somministrazione di vaccini DTP si osservano dopo la seconda o la terza vaccinazione. Quando gli antigeni vengono introdotti per la prima volta, il corpo non ha anticorpi per combattere i componenti introdotti. Di conseguenza, si verificano solo manifestazioni locali..

L'epatite e la poliomielite quando somministrate insieme non causano gravi reazioni post-vaccinazione. Le principali complicanze associate al vaccino adsorbito per pertosse-difterite-tetano appaiono dovute alla presenza di componenti della pertosse.

Le complicanze dopo la vaccinazione con un vaccino adsorbito sono basse in Russia. Cambiamenti in 1-2 pazienti vaccinati per 100 mila abitanti.

Ricorda che l'infezione da pertosse, difterite, tetano è molto più pericolosa per la salute umana rispetto ai cambiamenti generali e locali durante la vaccinazione..

Vaccinazione DTP con poliomielite ed epatite contemporaneamente: controindicazioni

Controindicazioni alla vaccinazione con DTP, poliomielite, epatite si verificano a causa di un malfunzionamento del sistema nervoso.

Qualsiasi cambiamento nel cervello è una controindicazione anche al DTP, per non parlare della poliomielite.

Le controindicazioni all'uso dei vaccini sono disturbi neurologici, reazioni allergiche acute. Solo dopo il sollievo delle esacerbazioni è consentita la vaccinazione.

I bambini prematuri vengono vaccinati dopo un anno. La vaccinazione viene eseguita meglio a fine estate, in autunno, quando il numero di allergeni esterni nell'ambiente diminuisce. In pratica, gli specialisti ricevono una diminuzione del numero di reazioni post-vaccinazione nei soggetti allergici che non vengono vaccinati durante la fioritura del pioppo, la formazione attiva di polline di fiori.

In inverno, la vaccinazione è scomoda a causa di frequenti malattie infiammatorie del tratto respiratorio superiore nei bambini.

Per ridurre il numero di manifestazioni negative, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda un'iniezione nella parte anteriore, nella coscia, in cui i muscoli sono ben espressi. Nei bambini piccoli, questa opzione è impossibile a causa della debolezza della struttura muscolare del corpo.

Le inoculazioni con DTP, epatite, poliomielite, bacillo emofilico possono essere eseguite insieme, ma questo approccio crea un forte onere per il sistema immunitario. L'opzione è possibile solo per bambini sani..

Se non si osservano controindicazioni, il 30% di tutti i vaccinati ha effetti collaterali.

È necessario distinguere tra definizioni:

  1. Reazioni post-vaccinazione;
  2. Effetti collaterali;
  3. complicazioni.

Complicazioni compaiono sullo sfondo di malattie. Gli effetti collaterali si verificano con il decorso atipico di alcune reazioni - passano indipendentemente.

Reazioni post-vaccinazione - cambiamenti dovuti all'introduzione del vaccino. La combinazione di DTP, poliomielite ed epatite allo stesso tempo aumenta la probabilità di una reazione imprevista del corpo ad antigeni estranei.

Il gonfiore sigillante e doloroso nel sito di iniezione è in grado di risolversi autonomamente entro pochi giorni. Se durante questo intervallo i cambiamenti non scompaiono da soli, devono essere assunti farmaci antinfiammatori.

Per aumentare l'afflusso di sangue locale al fine di assorbire rapidamente i componenti del vaccino, è necessario assumere preparati vascolari.

Caratteristiche dell'insorgenza dell'epatite nei bambini

Tra i bambini, i più comuni sono 3 tipi di epatite: A, B e C. Tutti i tipi di virus dell'epatite sono abbastanza tenaci nell'ambiente e i bambini possono essere facilmente infettati bevendo acqua non trattata, frutta o verdura non lavata, nonché dal contatto con il corriere dell'infezione. Se non vengono prese le misure adeguate in tempo per combattere questa infezione, l'epatite, insieme al danno al fegato, può causare complicazioni in altri organi, come i reni, e portare alle conseguenze più tristi..

Effettuare immediatamente una prenotazione che con una diagnosi tempestiva, la malattia viene attualmente trattata con successo. Per fare questo, è necessario conoscere i segni della malattia e, quando compaiono nel bambino, non ritardare la visita dal medico.

L'epatite A è più comunemente nota come ittero. Il virus che causa l'epatite A rimane pericoloso per l'infezione entro sei mesi in acqua e il suo periodo di incubazione va da 7 a 50 giorni. L'ittero colpisce i bambini in 60 casi su 100, più spesso i bambini dai 3 ai 7 anni soffrono di questa malattia. I seni di età inferiore a 1 anno, di norma, non sono suscettibili alle infezioni a causa delle caratteristiche dell'immunità transplacentare.

Come l'ittero, anche i virus dell'epatite B e C. possono infettare un bambino e, a differenza dell'epatite A, si verifica un'infezione attraverso il sangue. L'epatite B può essere trasmessa da una madre malata attraverso l'uso del latte materno se ci sono piaghe sui capezzoli. Inoltre, l'infezione può verificarsi attraverso strumenti medici non sterili..

L'epatite virale nei bambini più grandi può verificarsi anche quando i tatuaggi vengono applicati sul corpo, curati o trasmessi sessualmente. A rischio di contrarre l'epatite virale di tipo B e C ci sono giovani tossicodipendenti che usano siringhe comuni per l'iniezione. Va notato che la più pericolosa è l'epatite C, che in forma cronica potrebbe non apparire quasi esternamente e allo stesso tempo portare a lesioni catastrofiche del fegato e dei reni.

L'epatite durante la gravidanza può verificarsi a causa del mancato rispetto delle norme igieniche di base, quindi questa malattia è anche chiamata "malattia delle mani sporche". La malattia è un pericolo per il feto in via di sviluppo con ipossia acuta, sanguinamento uterino e minaccia di interruzione della gravidanza. Se la nascita ha ancora luogo, va notato che dalla madre con epatite A durante la gravidanza, il bambino nasce completamente sano e non ha bisogno di alcun trattamento anti-itterico.

Tipi e segni di epatite

A seconda della forma del decorso della malattia, l'epatite A è suddivisa nei seguenti tipi, ognuno dei quali ha le sue caratteristiche distintive:

  • L'icterico tipico nei primi giorni si manifesta con un aumento della temperatura, dolore nella cavità addominale e nella testa, accompagnato da malessere generale. L'urina acquisisce un caratteristico colore giallo scuro e le feci diventano più chiare, si verifica anche un aumento delle dimensioni del fegato e della milza. Nella seconda settimana della malattia, iniziano a comparire segni di giallo della proteina degli occhi e di alcune parti del corpo, motivo per cui l'ittero ha preso il nome.
  • Ittero con una componente colestatica. Questo tipo ha sintomi identici al precedente, ma questi sintomi sono integrati dalla presenza di prurito cutaneo..
  • Icterico atipico. L'epatite A di questa forma è di solito diagnosticata negli adolescenti, è riconosciuta da segni più gravi di giallo e prurito più grave della pelle. Raro.
  • Anitterico. È caratterizzato da sintomi lievi, che portano a una diagnosi tardiva e, di conseguenza, a trascurare la malattia.
  • L'ittero apparente o subclinico differisce da tutti i tipi precedenti in assoluta assenza di segni esterni e solo un piccolo aumento del fegato offre ai genitori un motivo per andare dal medico.

E i sintomi di danno nell'epatite B e C sembrano generalmente gli stessi dell'epatite A. I segni caratteristici comuni sono il giallo delle mucose e della pelle, debolezza, temperatura, urine scure e schiarimento delle feci. Un tale segno come un aumento delle dimensioni del fegato e della milza è anche comune a tutte le forme di epatite.

Solo un medico pediatrico in malattie infettive può riconoscere in modo qualificato i sintomi dell'epatite A nei bambini e prescrivere un trattamento adeguato e competente. L'epatite A negli adulti e nei bambini varia in base al trattamento, sebbene le cause della malattia non siano generalmente molto diverse.

Diagnosi e trattamento dell'epatite A in un bambino

Per una diagnosi sicura della malattia da parte di uno specialista, oltre alla presenza di segni esterni, vengono presi in considerazione anche i risultati di ulteriori metodi di ricerca.

Di solito vengono eseguiti i seguenti esami del sangue:

  • biochimica;
  • ricerca sugli anticorpi;
  • Analisi PCR (reazione a catena della polimerasi);
  • ELISA (dosaggio immunosorbente enzimatico);

Contemporaneamente all'analisi del sangue, può anche essere eseguito un esame ecografico degli organi addominali, che viene effettuato al fine di determinare la presenza di patologie nel fegato, nella cistifellea, nella milza e nel pancreas. Dopo aver studiato l'intero complesso di studi, il medico curante prescrive un trattamento, che si basa su principi generali per tutte le forme di epatite virale e include l'uso di farmaci adeguati al fine di:

  • rimozione delle tossine dal corpo;
  • protezione del fegato;
  • distruzione di virus;
  • mantenere l'immunità;
  • attivazione ormonale;
  • migliorare il metabolismo;

Una condizione molto importante per il successo del trattamento è la stretta aderenza alla dieta, al regime e alle raccomandazioni prescritti dal medico curante. Dopo aver completato l'intero ciclo di trattamento, il piccolo paziente deve rimanere sotto controllo medico per almeno un altro anno..

Il mancato rispetto di questi requisiti può contribuire alla transizione della malattia in una forma cronica che porta a complicanze del tratto biliare sotto forma di colecistite, colangite e discinesia, nonché a malattie del fegato come epatite cronica e cirrosi.

Prevenzione dell'epatite

Per prevenire l'epatite, fin dai primi anni di vita, i bambini dovrebbero essere abituati all'igiene, mantenere uno stile di vita sano e rinunciare alle cattive abitudini. Una vaccinazione tempestiva proteggerà il bambino da gravi malattie infettive come difterite, tetano, pertosse, poliomielite ed epatite. Le vaccinazioni contribuiscono allo sviluppo nel corpo del bambino delle proprie proprietà immunoprotettive contro le malattie vaccinate. Nonostante l'opinione prevalente di alcuni genitori secondo cui le vaccinazioni sono pericolose per il corpo del bambino, va notato che il danno da malattie che un bambino non vaccinato può subire è incommensurabilmente maggiore rispetto al vaccino che viene vaccinato.

Vaccinazione DTP

Fin dai primi mesi di vita del bambino, gli è stato prescritto un vaccino DTP, che sta per toxoid toxoid-diphtheria-tetanus. Questo vaccino è una profilassi popolare e affidabile contro la pertosse, la difterite e il tetano. Queste malattie sono molto pericolose, sono di natura epidemiologica e presentano caratteristiche che vengono brevemente descritte di seguito:

  • La difterite viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria e colpisce le vie respiratorie e successivamente danneggia il sistema nervoso, il cuore e i reni.
  • La pertosse è anche una malattia infettiva nell'aria. Una tosse prolungata e in corso può persino causare l'arresto respiratorio nei bambini..
  • Con il tetano, l'infezione penetra nel corpo con terra, sporco attraverso abrasioni e ferite. La malattia è pericolosa in quanto colpisce il sistema nervoso, paralizzando il lavoro del sistema respiratorio.

La vaccinazione DTP viene eseguita in più fasi, a partire dai due mesi di età e termina di un anno e mezzo. Successivamente, le vaccinazioni vengono effettuate già a scuola all'età di 7 e 14 anni.

Prima di iniziare la vaccinazione, un bambino deve essere esaminato da un pediatra che verificherà lo stato di salute e la possibilità di vaccinazione. Il vaccinato deve essere sano, poiché immediatamente dopo la vaccinazione l'immunità si indebolirà. Nei primi giorni dopo la vaccinazione, sono possibili febbre, debolezza generale, sonnolenza, vomito o diarrea, che è una normale reazione del corpo al farmaco somministrato. In futuro, il corpo sviluppa meccanismi protettivi per contrastare l'infezione della malattia da cui è stato prodotto il vaccino..

Vaccino polio

La poliomielite è considerata una malattia virale molto pericolosa che colpisce il midollo spinale fino alla paralisi e persino alla morte. La fonte di infezione può essere verdure non lavate, frutta, acqua contaminata e mani non lavate..

Un vaccino contro la poliomielite può essere somministrato come una goccia in bocca o mediante iniezione sottocutanea o intramuscolare. Le condizioni di vaccinazione e i possibili effetti collaterali non differiscono significativamente da quanto sopra. La vaccinazione contro la poliomielite viene anche effettuata in più fasi, a partire da circa due mesi di età e quest'ultima viene preferibilmente effettuata nell'adolescenza.

Vaccino contro l'epatite

Come già descritto sopra, l'epatite B minaccia il bambino con possibili gravi conseguenze sotto forma di cirrosi e cancro al fegato. Pertanto, i genitori non dovrebbero dimenticare le vaccinazioni tempestive obbligatorie per il loro bambino dall'epatite.

La vaccinazione per l'epatite viene solitamente eseguita in più fasi, a partire da un mese fa. In casi eccezionali e urgenti, la vaccinazione può essere effettuata a partire dal settimo giorno dopo la nascita.

Se durante un esame medico un bambino ha una malattia come infezioni respiratorie acute, meningite, diatesi o allergie, la vaccinazione deve essere posticipata fino alla guarigione del bambino malato.

I medici considerano possibile la vaccinazione con DTP, inclusi epatite e poliomielite, e contemporaneamente, anche digitando insieme nella stessa siringa. In un bambino sano, ciò non causerà conseguenze indesiderabili e non minaccerà nulla di pericoloso per la salute.

Quindi, nel primo anno di vita, oltre al BCG e all'epatite B, che sono stati fatti in ospedale, secondo il calendario nazionale, è necessaria solo un'altra vaccinazione: per pertosse, difterite, tetano, bacillo emofilico e poliomielite. Lo chiameremo condizionalmente "DTP" poiché lo conosciamo tutti bene, ma questa abbreviazione non include né poliomielite né bacillo emofilo.
Viene eseguito tre volte in 1,5 - 2 mesi (circa 45 giorni), quindi in un anno, in 6 anni, in 14 anni e poi ogni 10 anni.

Breve e semplice sulla pertosse. Nel 2011, in Russia sono stati registrati 4.733 casi di pertosse. La pertosse è una malattia altamente infettiva (la probabilità di ammalarsi dopo il contatto con la pertosse è fino al 90%), viene trasmessa per via aerea attraverso la tosse, quando si starnutisce. Si manifesta come una grave tosse secca parossistica (di solito notturna), che può durare fino a 2 mesi. La condizione generale al di fuori dei sequestri è praticamente invariata. Tuttavia, tutti coloro che hanno visto la pertosse o l'hanno sperimentata da soli, sanno quanto sia terribile! I genitori non dormono per 2 mesi di seguito, si ammalano, quindi soffrono di tosse. I bambini di età inferiore a 1,5 anni soffrono in modo particolarmente grave, sono frequenti l'arresto respiratorio, la polmonite, i crampi, l'incidente cerebrovascolare, l'emorragia nella pelle e negli occhi. Pertanto, è così importante vaccinare i bambini più piccoli! I bambini più grandi si ammalano molto più facilmente. Il vaccino contro la pertosse non proteggerà dalla pertosse, poiché queste due malattie sono causate da diversi agenti patogeni. È consuetudine ricoverare i bambini piccoli in pertosse per fornire accesso all'ossigeno, ai rianimatori, ai bambini vengono prescritti antibiotici. Personalmente, la mia opinione è che fare questa vaccinazione sia solo per la pertosse.

(La foto del ragazzo mostra complicazioni dopo un attacco di pertosse sotto forma di emorragia nella sclera e nello spazio paraorbitale).

Breve e semplice sulla difterite. È un errore pensare che questa terribile malattia non ci sia più. Nel 2011 sono stati registrati 5 casi di difterite, nel 2012 - 7 casi. Viene anche trasmesso attraverso l'aria, inizia con la comparsa di placca sulle tonsille e grave intossicazione, alta temperatura. È molto facile confondere con l'angina, quindi la diagnosi tardiva e, di conseguenza, l'alto rischio di morte e gravi complicanze (danno cardiaco (miocardite), sistema nervoso (polineurite), reni (nefrosonefrite). La mortalità tra i bambini rimane alta.

(nella foto - una ragazza con difterite ha pronunciato edema e infiammazione del tessuto linfoide sul collo)

Breve e semplice sul tetano. Attualmente, vengono registrati circa 30-35 casi di tetano all'anno. Grazie alla massiccia vaccinazione nel 2011, sono stati segnalati 8 casi di tetano. Il tetano vive nell'ambiente, nella terra, può vivere nell'intestino di una persona sana o di un animale (entra nel terreno con le feci). Ma l'infezione da tetano può verificarsi solo per contatto con una ferita: molto spesso nei bambini, si tratta di abrasioni, tagli, aghi, unghie, ustioni e congelamento; negli adulti - quando si processano letti e si feriscono contemporaneamente, si ottiene la terra nella ferita. È molto difficile, con danni al midollo spinale e al tronco encefalico, tra le complicazioni: paralisi, sepsi, bronchite, edema polmonare, deformità spinale. La mortalità nel tetano rimane al livello del 38% -39%, la mortalità nei neonati - fino al 95%.

(nella foto di un uomo con tetano, si pronuncia una contrazione convulsa dei muscoli della schiena).

Breve e semplice sulla poliomielite. In Russia nel 2012, non è stato registrato un singolo caso di poliomielite, tuttavia, in Tagikistan nel 2010 si è verificato un focolaio di poliomielite, 298 (!) Persone sono state ferite e sono state portate nel territorio della Federazione Russa.
La poliomielite è causata da un virus che attacca il sistema nervoso. Molto spesso, i bambini di età inferiore a 4 anni si ammalano. Il virus viene trasmesso da una persona malata - attraverso la respirazione e con le feci. Il centro respiratorio può essere interessato, la paralisi, principalmente gli arti inferiori, può persistere a lungo dopo la malattia (a volte per tutta la vita). Ancora nessun farmaco specifico per la poliomielite.

(la foto della ragazza mostra complicazioni dopo la poliomielite sotto forma di paralisi e deformità degli arti inferiori).

Brevemente e semplicemente sul tipo B. Haemophilus influenzae L'influenza dell'emofilo viene trasmessa dall'aria attraverso la respirazione e lo starnuto e provoca meningite, polmonite, sepsi, infiammazione del tessuto sottocutaneo, epiglottide, artrite, pericardite, sinusite, otite media, infezioni respiratorie, ecc. Più spesso, i bambini dai 6 mesi ai 4 anni sono malati, ora, grazie all'elevato tasso di vaccinazione, l'incidenza è notevolmente diminuita e ora 26-43 casi di malattie per 100.000 bambini sono registrati nei paesi europei, la mortalità è dell'1-3% e il livello di complicanze neurologiche è elevato. Dal 2011, la vaccinazione nella Federazione Russa è obbligatoria ed è inclusa nel calendario nazionale delle vaccinazioni.

(nella prima foto - infiammazione del grasso sottocutaneo causata da infezione emofila, nella seconda foto - grave necrosi (cancrena) della mano contro la sepsi causata da infezione emofilica.)
Quali sono i vaccini sul mercato russo?
Vaccinazioni registrate nella Federazione Russa e approvate per l'uso nei bambini.
Da pertosse e tetano (solo complesso):

  1. AKDS (Russia)
  2. Bubo-kok (Russia) (nella composizione con epatite B)
  3. Pentaxim (Francia)
  4. Infanrix (Belgio)
  5. Infanrix Hexa (Belgio)
  6. Infanrix Penta (Belgio).
  • La differenza è solo tra vaccini russi e stranieri: I vaccini russi contengono bacilli di pertosse interi ma uccisi e sono meno puliti (quindi il rischio di complicanze è molto più elevato), mentre i vaccini stranieri non contengono particelle di bacillo di pertosse, solo alcuni "antigeni" di bacilli di pertosse e contengono meno sostanze tossiche.
  • Pentaxim e Infanrix Penta - è quasi la stessa cosa. Infanrix Hexa contiene anche il vaccino contro l'epatite B, è conveniente perché a volte queste due vaccinazioni coincidono. Infanrix non contiene un vaccino contro l'infezione emofila e la poliomielite, viene prodotto insieme ai seguenti vaccini monocomponente.
  • Vaccino solo per la pertosse oggi nella Federazione Russa non c'è, per il tetano c'è solo il tossoide anti-tetano, che viene utilizzato per la prevenzione del tetano d'emergenza.

· Dalla difterite - lo stesso che dalla pertosse, ma anche nei "vaccini contro la pertosse russa":

  1. ADS (Russia)
  2. ADS-M (Russia) (con un contenuto ridotto di antigeni)
  • In Russia, è generalmente accettato che i bambini "deboli" possano ricevere un vaccino contro la pertosse, il cosiddetto ADS-M. Questo non è del tutto giustificato, è meglio fare Pentaxim o Infanrix, c'è una componente della pertosse "senza cellule", il rischio di complicanze è minimo. La pertosse è molto più comune di altre infezioni ed è molto difficile nei bambini piccoli, sicuramente non dovresti rifiutarla.

· Contro la poliomielite: sono due monovaccini

  1. Vaccino contro la poliomielite orale (Russia)
  2. Imovax Polio (Francia)

come parte di tre complessi:

  1. Pentaxim (Francia)
  2. Infanrix Hexa (Belgio)
  3. Infanrix Penta (Belgio).
  • La vaccinazione orale (gocce in bocca) è un vaccino “vivo”, contiene un virus della polio vivo, quei vaccini che vengono somministrati durante l'iniezione sono inattivati, non viventi (leggi di più su questo sotto). Certo, è meglio non vivere.

Dal bacillo emofilo: questi sono due monovaccini

e come parte di tre complessi:

  1. Pentaxim (Francia)
  2. Infanrix Hexa (Belgio)
  3. Infanrix Penta (Belgio).

Pertanto, nella Federazione Russa oggi ci sono tre vaccini purificati complessi contenenti tutti i componenti necessari e sicuri (un componente "privo di cellule" per la pertosse e un vaccino contro la polio "inattivato"): Pentaxim (Francia), Infanrix Hexa (Belgio), Infanrix Penta (Belgio). Tuttavia, puoi anche fare una combinazione di Infanrix + Imovax Polio - tranne che ci saranno due iniezioni invece di una, non c'è differenza.

Dov'è il miglior vaccino per un bambino? Secondo gli standard internazionali, il sito di iniezione raccomandato per qualsiasi vaccino nei bambini di età inferiore ai 3 anni non sono i glutei, ma anca, più precisamente, "la parte centrale della superficie antero-laterale della coscia" (la coscia è la parte della gamba fino al ginocchio, si consiglia di effettuare un'iniezione nella parte esterna della coscia). I bambini di età superiore ai 3 anni e gli adulti possono essere iniettati nella spalla.

Inoculare con o senza un haemophilus influenzae? Per qualche ragione, alcuni credono che la vaccinazione possa o debba essere fatta senza un bastoncino emofilico. Non può davvero essere aggiunto alla "siringa comune". Tuttavia, come ho scritto sopra, l'incidenza e le complicazioni dei bambini piccoli sono estremamente elevate e le complicazioni di questo componente sono estremamente piccole, quindi vorrei non consigliato vaccinare un bambino senza un bastoncino emofilico.

Come essere vaccinati contro un bacillo emofilo se il programma di vaccinazione viene “perso”? Lo schema classico prevede la vaccinazione di un bambino da infezione emofila insieme ai restanti componenti del vaccino DTP: cioè a 3, 4,5 e 6 mesi, quindi dopo un anno. Tuttavia, se ci si discosta dalla pianificazione, le regole sono le seguenti: nella seconda metà dell'anno (6-12 mesi) è necessario instillare un bambino 2 volte, dopo un anno - abbastanza una volta. Le forme più gravi di infezione (polmonite, meningite) si verificano all'età di 6-12 mesi.

Cosa c'è di meglio: gocce di poliomielite in bocca o un'iniezione? Le gocce in bocca sono un vaccino "vivo" contro la poliomielite, un'iniezione è una vaccinazione inattivata contro la poliomielite. Naturalmente, quando si utilizza un vaccino inattivato, il rischio di complicanze è minimo, si dovrebbe dare al bambino proprio questo, con il suo uso non c'è rischio di sviluppare il cosiddetto poliomielite associata al vaccino! Inoltre, quando si utilizza un vaccino "inattivato", non vi è alcun rischio che il virus della poliomielite venga rilasciato nell'ambiente e, di conseguenza, l'infezione di bambini non vaccinati. Tale vaccino può essere somministrato insieme ad altre vaccinazioni (è presente nei vaccini Pentaxim, Infanrix-Hexa, Infanrix-Penta) oppure può essere effettuato separatamente (Immax-Polio).

Perché mi viene offerto un vaccino contro la poliomielite cinque volte? Tali raccomandazioni sono associate a una minore efficacia del vaccino "vivo" (gocce), dosaggio inaccurato e requisiti seri per le condizioni di conservazione del vaccino. Il vaccino inattivato è più efficace e sicuro. Pertanto, le gocce in bocca dalla polio dovrebbero essere gocciolate più spesso - 5 volte, un'iniezione è sufficiente per fare solo 4 volte nei primi anni di vita. Se hai iniziato a produrre un vaccino inattivato (iniezione), fallo secondo lo schema 1-2-3 dopo 1,5 mesi e la rivaccinazione dopo un anno. In linea di principio, dopo tre vaccini "inattivati", uno può essere reso "vivo" - questo ridurrà il costo della vaccinazione, mentre il rischio di complicanze neurologiche sarà minimo.

Quali vaccini possono essere utilizzati per combinare il vaccino per la pertosse, la difterite, il tetano, la poliomielite e l'emofilo influenzale? Secondo gli standard di vaccinazione, possono essere combinati con qualsiasi altro vaccino, ad eccezione del BCG (con BCG, deve essere mantenuto un intervallo di 2 mesi). È conveniente combinare questo vaccino con un vaccino contro l'epatite B (nella preparazione di Infanrix-Hexa, ad esempio, o allo stesso tempo usare Pentaxim e Angerix).

Cosa c'è di meglio per il corpo del bambino: più vaccini contemporaneamente o "diluirli" in tempo? Ogni giorno, il corpo del bambino incontra migliaia di nuovi virus e batteri, ma nonostante ciò, ogni vaccinazione è anche un tale "incontro" del corpo con un "agente straniero". In risposta a tale incontro, nel corpo vengono sviluppate attivamente speciali cellule di memoria protettiva, che aiuteranno in caso di contatto con una malattia "reale". Cioè, qualsiasi vaccino attiva ancora il sistema immunitario. Gli immunologi ritengono che sia più conveniente ed efficace in modo che questo carico non venga "allungato" nel tempo. Dal momento che non vi è quasi alcuna differenza nel "carico sul sistema immunitario", indipendentemente dal numero di componenti inoculati. Mi piace confrontarlo con il taglio della coda di un cane: è stupido tagliare un po 'di pietà per il cane. Inoltre, la somministrazione multicomponente di vaccini riduce il numero di visite dal medico, il numero di iniezioni e il carico emotivo, la componente del dolore della vaccinazione e l'atteggiamento del bambino nei confronti dei medici sono di grande importanza. È consigliabile vaccinare un bambino contro la pertosse, la difterite e il tetano contemporaneamente alla vaccinazione contro l'epatite B (se il primo dei tre vaccini contro l'epatite è stato somministrato in ospedale, il secondo e il terzo possono essere somministrati a 4.5 e 6 mesi insieme a DTP nella composizione, ad esempio "Infanrix-hexa").

Quali possono essere le complicanze della vaccinazione e in che modo le si collega? Devo dire subito che è più corretto chiamarli "reazioni avverse" dalla vaccinazione. L'elenco delle reazioni avverse riguardanti le vaccinazioni russe è molto più ampio di quelle "straniere" (a causa del fatto che sono meno purificate, contengono un virus della polio vivo e un componente "attivo" della pertosse) e ho già scritto che non consiglio di usarle, pertanto, scriverò solo sulle complicazioni dei vaccini "stranieri". Quindi, possono essere locali e generali e possono svilupparsi entro 2-3 giorni dopo la vaccinazione. Dalle "istruzioni per l'uso" è chiaro che le reazioni avverse possono essere:

  • locale: indolenzimento, gonfiore, arrossamento e irrigidimento nella zona di iniezione.
  • generale: febbre, irritabilità, sonnolenza, disturbi del sonno, riduzione dell'appetito, vomito, feci molli, pianto, molto raro (pediatr.livejournal.com

Vaccino DTP (epatite)

Il vaccino profilattico DTP-epatite (pertosse adsorbita difterite-tetano + epatite) è un vaccino combinato che contiene microbi a cellule intere, morte (inattivate) di queste malattie. Il dosaggio corrisponde all'intensità della risposta immunitaria dei bambini, che è ancora imperfetta e si sta solo formando.

Quando e come viene somministrata la vaccinazione?

La vaccinazione viene effettuata entro i termini stabiliti dall'ordinanza del Ministero della salute. I bambini che sono stati vaccinati il ​​primo giorno di vita, se non sono a rischio, vengono vaccinati successivamente a 3 e 6 mesi. La prossima vaccinazione con epatite DTP è di 4,5 mesi.

Se il vaccino non è stato somministrato prima dei tre mesi, la vaccinazione viene eseguita secondo lo schema: a 3 mesi, a 4,5 mesi, a 6 mesi. Ridurre l'intervallo tra le procedure o prolungarlo di oltre 6 mesi è possibile solo per buoni motivi. Per questo motivo, la produzione di un numero sufficiente di anticorpi contro le infezioni virali può essere compromessa. Se il bambino è malato, il vaccino DTP-epatite può essere posposto, ma non a lungo.

Se sono presenti una o due vaccinazioni DTP, ma non esiste un vaccino per l'epatite B, la vaccinazione viene effettuata con epatite DTP e la quantità mancante di vaccini per l'epatite B può essere reintegrata con vaccini per l'epatite B, l'intervallo è 1 e 6 mesi dopo la prima vaccinazione.

La vaccinazione contro l'epatite da DTP è gratuita in qualsiasi struttura di assistenza all'infanzia. Il DTP con il vaccino contro l'epatite B viene iniettato nelle fibre muscolari. Questa è una condizione molto importante, perché l'introduzione del tessuto adiposo è controindicata (nella regione glutea). L'area ideale per la vaccinazione è la coscia esterna anteriore.

Prima della vaccinazione, la fiala deve essere agitata in modo che la composizione venga miscelata e acquisisca la consistenza omogenea desiderata. I medici devono aprire le fiale in conformità con le regole di asepsi e antisettici.

Dopo l'apertura della fiala di epatite DTP, il suo contenuto rimanente non può essere conservato. In nessun caso vengono utilizzate fiale, in cui l'integrità, l'etichettatura è compromessa, il colore è cambiato, sono presenti scaglie insolubili dopo l'agitazione.

Durante la vaccinazione, la cartella clinica individuale del bambino deve indicare il numero di serie del farmaco, la data di scadenza, il produttore, la data di introduzione del vaccino, la natura della reazione del corpo durante la vaccinazione e dopo alcuni giorni.

Quali possono essere gli effetti collaterali della vaccinazione con epatite DTP

In alcuni bambini, nel primo o nei due giorni successivi alla vaccinazione con il vaccino DTP-epatite, possono verificarsi effetti collaterali di natura generale e locale. Questi includono:

  • un leggero aumento della temperatura corporea come reazione del corpo a un'infezione virale nel sangue;
  • sullo sfondo della temperatura, si verifica sudorazione, sonnolenza;
  • dolore, arrossamento, leggero gonfiore possono comparire nel sito di vaccinazione.

Non è necessario considerare tali sintomi come patologici. Dopo 3-5 giorni, tutti i sintomi scompaiono. Tutti loro sono una manifestazione della lotta del sistema immunitario contro le infezioni virali e lo sviluppo di anticorpi contro le malattie.

Un gonfiore si verifica perché il vaccino entra nello strato sottocutaneo, il che è inevitabile. Il farmaco viene assorbito a lungo nel sangue, ma dopo che è stato assorbito, il gonfiore e il rossore scompaiono.

Va notato che nel 92% dei casi non si verifica nessuno dei suddetti sintomi, tranne un leggero rossore.

Se il bambino ha restrizioni alla vaccinazione con epatite DTP per qualsiasi motivo, ad esempio, a causa dell'ipersensibilità al virus, la vaccinazione viene eseguita in condizioni stazionarie per escludere lo sviluppo di complicanze: orticaria, edema di Quincke, rash polimorfico. Il bambino è sotto la supervisione di medici per 3-4 ore dopo la vaccinazione. Se i sintomi sopra indicati sono assenti, il bambino torna a casa. Gli ospedali medici per bambini devono essere dotati di farmaci anti-shock per prevenire il verificarsi di shock anafilattico a seguito di una reazione allergica al vaccino DTP-epatite.

Se il bambino sviluppa una forte reazione generale: la temperatura sale a numeri critici (sopra i 39 ° C) e dura per un giorno, si osserva gonfiore nell'area di vaccinazione, che di diametro supera i 9 cm, quindi la vaccinazione con questi vaccini viene interrotta e viene utilizzata la ADS con una ridotta quantità di virus. La rivaccinazione viene eseguita dopo almeno 3 mesi, dopodiché il vaccino mono-vaccino contro l'epatite B verrà somministrato dopo altri 30 giorni.

Se il vaccino è stato somministrato due volte, la vaccinazione contro il tetano e la difterite può essere considerata completa.

Quali sono le controindicazioni per la vaccinazione con epatite DTP?

Non è possibile vaccinare l'epatite DTP nei bambini a cui è stata diagnosticata una malattia nervosa in via di sviluppo, ci sono convulsioni (eccetto febbrili) nell'anamnesi, manifestazioni allergiche del lievito di birra. Nei processi infiammatori nel corpo, la presenza di infezioni respiratorie acute e virali accompagnate da febbre, non vengono vaccinate. E dopo che il bambino è guarito dalle malattie, dal momento del recupero puoi essere vaccinato in 1-2 mesi.

Se si è verificata una pronunciata reazione a una precedente vaccinazione, la vaccinazione non viene eseguita o viene eseguita con farmaci con un numero ridotto di virus.

È vietato somministrare il vaccino DTP-epatite a donne in gravidanza e in allattamento.

È indispensabile che il pediatra conduca un sondaggio parentale prima della vaccinazione per determinare se vi sono controindicazioni alla vaccinazione con questo farmaco. I bambini che sono stati temporaneamente esentati dal vaccino contro l'epatite DTP sono presi sotto la supervisione di pediatri e vaccinati secondo le scadenze accettabili.

Convulsioni febbrili, broncospasmo, manifestazioni cutanee localizzate non sono controindicazioni alla vaccinazione con il vaccino DTP-epatite. La vaccinazione in questi casi è combinata con una terapia specifica.

Non sono stati segnalati casi di sovradosaggio nel territorio della Federazione Russa.

Secondo il calendario nazionale dei vaccini preventivi, il vaccino DTP-epatite può essere combinato con altre vaccinazioni (ad eccezione del BCG). Consentito dal Ministero della Salute di vaccinare con DTP-poliomielite.

In Russia, la vaccinazione contro la pertosse, il tetano e la difterite inizia (più precisamente, si consiglia di iniziare) a tre mesi. Allo stesso tempo, si raccomanda la vaccinazione contro l'epatite e la poliomielite. Per creare un'immunità a tutti gli effetti quando il bambino inizia a camminare e aumenta il rischio di contatto con agenti patogeni, è necessario iniziare presto. Il fatto è che l'intero ciclo di vaccinazione consiste in diverse iniezioni ripetute del vaccino - questo viene fatto a 3, quindi a 4,5 e a 6 mesi. E dopo un anno, viene fatta un'iniezione di mantenimento (rivaccinazione). Cioè, la vaccinazione sarà completamente completata nel momento in cui l'arachide inizierà già attivamente a studiare il mondo e il contatto con l'ambiente e un gran numero di bambini e adulti. Successivamente, non vaccinano contro la pertosse in Russia e continuano a essere vaccinati contro la difterite e il tetano, di solito a 7 e 14 anni. E poi per gli adulti, il vaccino viene somministrato ogni 10 anni.
In caso di violazione dei tempi della vaccinazione:
Se il bambino inizia a essere vaccinato dopo tre mesi, è necessario conoscere alcune regole. Se per qualche motivo il bambino non è stato vaccinato a 3 mesi, anche la DTP viene somministrata tre volte, l'intervallo minimo tra le somministrazioni dovrebbe essere di 1,5 mesi, la rivaccinazione viene eseguita 12 mesi dopo l'ultima vaccinazione. Se al momento della rivaccinazione il bambino non ha ancora 4 anni - è sottoposto a DTP e se ha già quattro anni - allora la vaccinazione è completata senza la componente pertosse del DTP o dei vaccini DTP. Tuttavia, se il bambino è stato vaccinato con il vaccino In-Phanrix - il limite di età di 4 anni non si applica ad esso, anche il bambino viene rivaccinato con lo stesso vaccino.
Se il programma di vaccinazione viene violato - ovvero, il periodo tra le vaccinazioni è superiore a 1,5 mesi, quindi il bambino viene conteggiato nella vaccinazione con tutte le precedenti amministrazioni e completano la vaccinazione e la rivaccinazione entro il tempo (tra i vaccini 1,5 mesi, la rivaccinazione in un anno) e quindi tutto viene fatto secondo il programma di vaccinazione.

Cosa si sta facendo:
I bambini di età inferiore a 4 anni ricevono il vaccino DTP e, in alternativa, i farmaci stranieri registrati nel nostro paese - TETRAKOK, BUBO KOK, INFANRIX, Pentaxim, possono essere utilizzati su base commerciale. I vaccini DTP, Bubo-Kok e TETRAKOK sono cellule intere perché contengono cellule morte dell'agente causale di pertosse, difterite e tossoidi tetanici. INFANRIX è un vaccino privo di cellule, poiché contiene solo singole particelle del microrganismo della pertosse. A seconda dei componenti costitutivi del componente pertosse, i vaccini si differenziano per la loro reattogenicità (capacità di provocare una reazione alla vaccinazione). I vaccini senza cellule sono meno reattivi, poiché contengono solo gli elementi di base del microbo (proteine), sufficienti per la formazione dell'immunità, senza altre sostanze e impurità meno significative. I vaccini a cellule intere contengono l'intera cellula del microbo, e questo è un intero insieme di sostanze estranee al corpo umano che provoca una risposta pronunciata, anche sotto forma di complicanze post-vaccinazione. Dopo la somministrazione di vaccini senza cellule, i bambini sviluppano vaccini molte volte meno spesso (febbre, malessere, dolore e gonfiore nel sito di iniezione), questi farmaci praticamente non causano complicazioni post-vaccinazione, che, sebbene molto rare, si verificano quando si usano vaccini a cellule intere.
Tutti i vaccini DTP o i toxoidi sono liberamente combinati con altri vaccini. Non puoi farli solo con BCG.

I seguenti vaccini sono ufficialmente ammessi in Russia:
1. Liquido tetano assorbito - DTP (produttore FSUE NPO Microgen del Ministero della Salute della Federazione Russa, Russia), Modulo di rilascio: 1 fiala / 2 dosi n. 10
2. Vaccino Infanrix ™ / INFANRIX ™ (difterite, pertosse, tetano) INFANRIX ™ per la prevenzione di difterite, tetano, pertosse, liquido inattivato purificato acellulare (vaccino INFANRIX ™ combinato, vaccino tetano, pertosse acellulare) GlaxoSmithline. COMPOSIZIONE E FORMA DI EMISSIONE: sosp. d / in. Siringa da 0,5 ml, 1 dose, n. 1
3. Vaccino combinato INFANRIX ™ IPV per la prevenzione di difterite, tetano, pertosse (componente acellulare) e poliomielite (INFANRIX ™ IPV) GlaxoSmithKline. COMPOSIZIONE E FORMA DI EMISSIONE: sosp. d / in. Siringa monouso da 0,5 ml., 1 dose, n. 1
4. Infanrix ™ HEXA / Infanrix ™ HEXA difterite, pertosse, tetano, epatite B, poliomielite, Haemophilus influenzae tipo b, vaccino INFAN-RIX ™ HEXA per la prevenzione di difterite, tetano, pertosse (componente acellulare), epatite B e poliomiel patogeno Haemophilus influenzae di tipo b (INFANRIX ™ HEXA combinato difterite, tetano, pertosse acellulare, epatite B, vaccino polio inattivato potenziato e vaccino Haemophilus influenzae di tipo b (DTPa-HBV-IPV / Hib)) GlaxoSmithKline. COMPOSIZIONE E FORMA DI EMISSIONE: sosp. d / in. siringa monouso., + liofilo. da d / in. in fl., n. 1
5. Il vaccino Pentaxim contro la difterite, il tetano, la pertosse, la poliomielite e l'infezione emofila SanofiAventis Pasteur, Francia. Forma di rilascio: 1 siringa contenente 1 dose di vaccino contro la difterite, il tetano e la pertosse, poliomielite, infezione emofila di tipo B
6. Tetracock è un vaccino per la prevenzione combinata di difterite, tetano, pertosse e poliomielite. Tetracock soddisfa pienamente i requisiti internazionali e russi per la concentrazione di antigene ed è un classico vaccino DTP in combinazione con un vaccino inattivato per la polio.
7. VACCINO Bubo-Kok - è una combinazione di antigene ricombinante del virus dell'epatite B (HBsAg) e una miscela di microbi pertosse uccisi con formalina e purificata da proteine ​​di zavorra di difterite e tossoide tetanico (DTP) adsorbite su gel di idrossido di alluminio.

Dove inserire:
Qualsiasi vaccino DTP, sia nazionale che importato, viene somministrato solo per via intramuscolare. Inoltre, se il vaccino è stato iniettato nel gluteo (nel culo, in altre parole), ora rifiutano questo metodo (hai anche il diritto di richiederlo), perché le caratteristiche strutturali dei glutei del bambino sono tali che esiste uno strato di tessuto adiposo (per l'ammortamento durante le cadute al quinto punto). E quando il vaccino arriva lì, si forma un lungo infiltrato assorbibile (compattazione) e l'efficienza della vaccinazione può diminuire.
Pertanto, ora la vaccinazione viene eseguita nella parte anteriore della coscia per i bambini. E per i bambini di età superiore a un anno e mezzo - nel terzo superiore della spalla, nel muscolo deltoide. Se viene introdotto ADS o ADS-m, questi vengono somministrati negli stessi posti. E se un bambino ha più di 7 anni - è consentito entrare anche sotto la scapola, ma è necessario utilizzare aghi speciali per l'iniezione sottocutanea.

Risposta al vaccino
La reazione può essere sia sul nostro vaccino domestico che su qualsiasi importazione. Più spesso, i vaccini a cellule intere (DTP e Tetracock) danno una reazione. Le reazioni possono essere locali e generali. E devono essere chiaramente separati dalle complicazioni post-vaccinazione. Sfortunatamente, sono spesso confusi. E soprattutto i compagni, "antivivivivniki" tendono a drammatizzare e attribuire reazioni abbastanza normali alle complicazioni.
Le reazioni al DTP possono verificarsi nei primi tre giorni dopo la vaccinazione. Tutto ciò che accade dopo questo periodo non ha nulla a che fare con la vaccinazione e il vaccino non è affatto da biasimare.
Reazione locale - un leggero dolore nel sito di iniezione, poiché è accompagnato da una violazione dell'integrità dei tessuti. Forse lo sviluppo di arrossamento e gonfiore (infiltrato), che è stato menzionato in precedenza. E questo in realtà non è male, poiché ti consente di creare un focus sull'infiammazione locale. Un gran numero di cellule linfocitarie, che sono responsabili della risposta immunitaria, si precipiteranno lì. Lì conosceranno i componenti del vaccino, si moltiplicheranno e creeranno uno speciale clone di cellule: i linfociti T della memoria. Lo sviluppo di gonfiore e arrossamento fino a 8 cm è consentito ed è considerato una reazione normale e più spesso ci sono infiltrati quando iniettati nel gluteo e allo stesso tempo si dissolvono un po 'più lentamente. In questo caso, non è necessaria alcuna azione - né lozioni né pomate Vishnevsky dovrebbero essere applicate in ogni caso. Puoi tradurre l'infiammazione normale e la solita reazione al vaccino con le tue azioni in un ascesso (in altre parole, un ascesso). Basta non toccare il sito di iniezione - non schiacciare, accartocciare o strofinare! La reazione generale è come l'intero corpo ha reagito al vaccino nel suo insieme. Di solito si sviluppa entro poche ore dal momento dell'iniezione ed è espresso in malessere, rifiuto di mangiare, febbre. Si distinguono tre gradi: reazioni deboli, moderate e gravi alla vaccinazione. Il debole è espresso in un aumento della temperatura a 37-37,5 e un malessere generale insignificante. La media è un aumento della temperatura di 37,5-38,5 e una moderata violazione delle condizioni generali ed espressa con una temperatura fino a 39,5 e una violazione abbastanza forte delle condizioni generali, letargia, adynamia, rifiuto di mangiare.
Quando la temperatura sale a 40 gradi nei primi due giorni, è un'indicazione per rifiutare un'ulteriore vaccinazione con il vaccino DTP e il bambino viene successivamente vaccinato solo con DTP o DDS-m. Questa non è più considerata una reazione al vaccino, ma è considerata una complicazione post-vaccinazione..
Non esiste alcuna correlazione tra la gravità della reazione e il tipo di iniezione rilevata, di solito si ritiene che la reazione al primo vaccino sia più pronunciata, poiché il bambino incontra per la prima volta diversi antigeni estranei e il suo sistema immunitario funziona in modo più attivo. Questo vale per i bambini assolutamente sani..
Qualsiasi vaccino può dare una reazione, ma più spesso i vaccini a cellule intere danno la reazione generale: il nostro DTP domestico e Tetracock. Anche diverse serie di vaccini possono variare. Ma i vaccini e i toxoidi privi di cellule danno reazioni molto raramente..

Quando è necessario l'aiuto? Cosa fare ai genitori?
Per prima cosa devi ricordare una cosa: la temperatura dopo la vaccinazione è una reazione accettabile e normale del corpo, questo è un segno di una risposta immunitaria in via di sviluppo attivo e non dovresti aver paura. Abbiamo già capito che è consentito aumentarlo a 39 C. Ma questo non significa che è necessario sedersi.
Abbasseremo la temperatura se supera i 38,5 ° C e se il bambino ha la tendenza a crampi o ha una storia di insufficienza neurologica, quindi sopra i 37,5 C.Per cominciare, puoi semplicemente pulire il bambino con una spugna umida o un asciugamano, dare più liquido o decotti erbe (camomilla, fiori di tiglio, gemme di betulla). Se la temperatura tende ad aumentare, puoi somministrare al bambino un farmaco febbrifugo (paracetamolo, cefecone, tylenol) in un dosaggio per bambini. I farmaci antipiretici non devono essere abusati. Devono essere somministrati di nuovo non prima di 6-8 ore dopo la dose precedente. A proposito, dare antipiretici in assenza di temperatura o un leggero aumento di essa - per prevenzione - è anche ingiustificato. Se entro 6-8 ore la temperatura non scende, o se c'è un aumento superiore a 39-39,5, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza o un medico. Dovresti anche chiamare un medico in caso di altri sintomi fastidiosi, che saranno discussi di seguito.
Se un bambino, oltre a un aumento della temperatura, manifesta vomito, feci molli, naso che cola e tosse o la temperatura aumenta dopo tre o più giorni, è molto probabile che si tratti di un'infezione che coincide con il momento della vaccinazione e che il bambino deve essere mostrato a un medico e trattato di conseguenza.

Complicanze della vaccinazione.
Si distinguono complicanze locali e generali. Le complicanze locali sono la formazione di un denso infiltrato (un'area del tessuto edematoso) più grande di 80 mm; sono anche possibili pronunciati arrossamenti e indolenzimento di questo luogo. In genere, questi fenomeni durano per diversi giorni (il più delle volte 2-3) e si risolvono indipendentemente. Ma se sei molto preoccupato, puoi usare un unguento risolvente, come Troxevasin.
Le complicanze generali di solito colpiscono l'intero corpo del bambino in un modo o nell'altro. Questi includono i seguenti:
1. Come con qualsiasi altro farmaco, sul vaccino può svilupparsi una reazione allergica - le sue manifestazioni sono diverse - dall'orticaria acuta (manifestata da un'eruzione cutanea come le punture di zanzara), l'edema di Quincke (manifestato da un forte gonfiore del viso e del collo), allo shock anafilattico (una forte riduzione pressione, perdita di coscienza, crampi). Tutte queste manifestazioni si sviluppano acutamente durante i primi 20-30 minuti dopo la somministrazione del farmaco. Pertanto, cari genitori, vi preghiamo di notare che, secondo le regole, non dovete lasciare il territorio dell'ufficio o della clinica (bene, in casi estremi, non allontanarvi da esso, fare una passeggiata nelle vicinanze) entro 30 minuti dall'iniezione. Ciò ti consentirà di aiutarti il ​​più rapidamente possibile in caso di allergie, poiché tutte le sale di vaccinazione sono dotate di farmaci anti-shock e anti-allergici.
2. Le complicanze convulsive comprendono la vaccinazione. Sono divisi in due gruppi:
- convulsioni afebrili - insorgono a causa di una lesione organica del sistema nervoso, che non è stata stabilita prima della vaccinazione. La vaccinazione è un fattore provocatorio, quindi questi bambini vengono rimossi dalle successive vaccinazioni fino a quando non viene effettuato un esame completo da parte di un neurologo. Questa complicazione è molto rara, ma devi conoscerla.
- il secondo tipo - convulsioni febbrili - si verificano su uno sfondo di alta temperatura (sopra 38-38,5 ° C) e molto spesso il primo giorno di vaccinazione. Non tutti i medici concordano sul fatto che si tratti di una complicazione post-vaccinazione, dal momento che una certa parte dei bambini è generalmente incline a causare crampi a una temperatura elevata, indipendentemente dalla causa che la causa.
3. Separatamente, viene individuata una complicazione come un urlo monotono persistente o uno stridio penetrante - si manifesta diverse ore dopo la vaccinazione ed è espressa in pianto incessante, della durata di 3 o più ore, che può anche essere accompagnata da febbre, ansia generale del bambino. Ciò non influisce sulla successiva salute del bambino e di solito scompare da solo.
4. Bene e direttamente - la complicazione più grave è un aumento della temperatura a 40 ° C e oltre.

Tipicamente, sorgono complicazioni con i vaccini a cellule intere - DTP o Tetracock. Infanrix e Pentaxim raramente danno complicazioni. Se si sviluppa una complicazione nella gestione della DTP, la vaccinazione con i toxoidi continua, senza la componente della pertosse. Questo perché il componente della pertosse è il più reattivo. Verrà sviluppata l'immunità alla pertosse, e questo è ancora meglio di niente, ma non completamente, e la vaccinazione è considerata incompleta.

Controindicazioni al DTP

Controindicazioni temporanee:
1. Qualsiasi malattia infettiva acuta - dall'ARVI alle infezioni gravi e alla sepsi. Dopo il recupero, il periodo di assistenza medica viene deciso individualmente dal medico, tenendo conto della durata e della gravità della malattia - cioè, se si trattava di un piccolo moccio, è possibile vaccinare dopo 5-7 giorni dal momento del recupero. Ma dopo la polmonite, vale la pena aspettare un mese.
2. Esacerbazione delle infezioni croniche - quindi la vaccinazione viene eseguita dopo che tutti i sintomi si sono attenuati. Più un ritiro medico di un altro mese. Al fine di escludere le vaccinazioni da un bambino inizialmente non sano, il medico deve esaminare attentamente la temperatura il giorno in cui il bambino viene vaccinato. E se c'è qualche dubbio, è necessario condurre un esame più approfondito - sangue e urina, se necessario - per attirare specialisti specializzati per la consultazione.
3. Non è necessario vaccinare nel caso di una famiglia di pazienti con infezioni acute o stress (morte di parenti, trasloco, divorzi, scandali). Queste non sono certamente controindicazioni del tutto mediche, ma lo stress può avere un effetto molto negativo sui risultati della vaccinazione..

Controindicazioni permanenti:
1. In nessun caso dovresti essere vaccinato se il bambino ha una reazione allergica a uno dei componenti del vaccino - il bambino può sviluppare shock anafilattico o edema di Quincke.
2. Questo vaccino non deve essere somministrato anche se la dose precedente aveva un aumento della temperatura superiore a 39,5-40, convulsioni.
3. I vaccini a cellule intere DTP o Tetracock non devono essere somministrati a bambini con malattie avanzate del sistema nervoso. Inoltre, non possono essere somministrati a bambini che hanno avuto episodi di convulsioni afebrili.
4. Immunodeficienza congenita o acquisita grave.

Va anche notato separatamente che se un bambino ha avuto la pertosse, allora non riceveranno più la vaccinazione DTP, ma continueranno a somministrare DTP o DTP-m. Con la difterite, iniziano a vaccinare con l'ultima dose e con il tetano, dopo la nuova vaccinazione dopo la malattia.