Anomalie e malformazioni della cistifellea

Il fegato e i dotti biliari sono formati dalla crescita a forma di rene della parete ventrale dell'intestino anteriore primario situata dal sacco vitellare cranico. I lobi destro e sinistro del fegato si formano da due germogli di cellule dense e i dotti biliari epatici e comuni si formano da un diverticolo allungato. La cistifellea è formata da un ammasso cellulare più piccolo nello stesso diverticolo.

Già nelle prime fasi dello sviluppo intrauterino, i dotti biliari sono passabili, ma successivamente l'epitelio proliferante chiude il loro lume. Nel tempo, si verifica un'apertura secondaria del lume, che inizia simultaneamente in diverse parti del denso rudimento della cistifellea e si diffonde gradualmente a tutti i dotti biliari.

Nel processo di sviluppo intrauterino, la parete della cistifellea viene inizialmente rivestita con un epitelio a più file, costituito da 5 file di cellule o più, e successivamente l'epitelio si trasforma in un cilindro a fila singola. Entro la 5a settimana, la formazione della cistica, della bile comune e dei dotti epatici è completata e entro il 3 ° mese del periodo prenatale, il fegato fetale inizia a secernere la bile, che costituisce la maggior parte del meconio.

La crescita intensiva della cistifellea si verifica a 20-25 settimane di sviluppo fetale, lo spessore della membrana muscolare aumenta, mentre lo spessore di altre membrane diminuisce a causa dell'estensione della cistifellea. Si verifica la formazione di villi e cripte, quest'ultima può raggiungere lo strato muscolare, formando passaggi sommersi, la cui presenza da alcuni autori è considerata una malformazione.

Uno studio morfologico rivela varie displasia dell'epitelio, del tessuto mesenchimale e delle strutture nervose autonome. Nella cistifellea si notano alterazioni ipo e iperplastiche dell'epitelio, dei miociti, della struttura del tessuto connettivo compromessa, nonché segni strutturali di disturbi dell'innervazione sotto forma di ipo e aplasia dei plessi nervosi, formazione di corde gliali e disgangliosi. I cambiamenti strutturali nei tessuti della parete della cistifellea nel periodo vicino o distante si riflettono nel suo stato funzionale e contribuiscono alla formazione di varie patologie biliari.

Il significato clinico delle anomalie della cistifellea e del sistema dei dotti è che in alcuni casi possono causare ristagno della bile, contribuire all'infiammazione e alla formazione di calcoli biliari.

Le anomalie possono essere combinate con malformazioni di altri organi, tra cui difetti cardiaci, polidattilia, malattia renale policistica, ecc..

La possibilità di anomalie della cistifellea e del sistema del dotto deve essere considerata durante l'esame e l'interpretazione dei risultati, nonché durante gli interventi chirurgici.

Le principali anomalie della colecisti sono presentate in tabella. 7.1.

L'agenesi della cistifellea è un'anomalia congenita piuttosto rara e spesso a basso sintomo. Si verifica in circa 1 caso a 1600 autopsie. Si ritiene che l'agenesi della cistifellea si basi sul danno alla parte caudale del diverticolo epatico alla 4a settimana di sviluppo embrionale. A seconda del livello al quale si verifica una violazione della formazione della cistifellea, si distinguono 2 tipi di agenesi.

Le anomalie di tipo I sono causate da una violazione dello scarico della cistifellea e del dotto cistico dal diverticolo epatico dell'intestino anteriore. Anomalie di questo tipo sono spesso combinate con un'altra patologia congenita del tratto biliare.

Le anomalie di tipo II sono causate da una violazione della formazione del lume della cistifellea. La cistifellea è presente, ma è in uno stato rudimentale. Questo tipo di anomalia è di solito combinato con atresia del tratto biliare extraepatico..

Nel 40-60% dei casi, è associata l'agenesi. altri difetti (stomaco o intestino, sistema cardiovascolare o genito-urinario). Nel 20-50% dei casi, combinato con pietre nel dotto biliare comune. Il corso nella maggior parte dei casi è asintomatico. La diagnosi preoperatoria è spesso difficile, nonostante l'elevata precisione dei moderni metodi di ricerca diagnostica..

L'incapacità di rilevare la cistifellea durante l'ecografia o il suo stato rudimentale a volte fa sì che il paziente venga sottoposto a intervento chirurgico a causa di una sospetta malattia organica.

Per diagnosticare l'agenesi della colecisti, viene utilizzata la colangiografia, la cholescintigrafia dinamica o la colangiografia a risonanza magnetica. Se è impossibile trovare la cistifellea durante l'intervento chirurgico, viene utilizzata la colangiografia intraoperatoria..

L'aplasia e l'ipoplasia della cistifellea sono il risultato del suo sviluppo incompleto nel processo di formazione e sono caratterizzati da piccole dimensioni, ridotta contrattile e funzione di concentrazione. Durante l'esame ecografico o la colecistografia nella proiezione della cistifellea - una forma allungata e piccole dimensioni, una formazione con contorni irregolari e una cavità sotto forma di uno spazio stretto (Fig. 7.1). Le pareti della vescica sono ispessite e densificate, il dotto cistico è visibile come una corda densa senza gioco. Il dotto biliare comune è dilatato compensativo.

La cistifellea doppia è rara (1: 3000-1: 4000). Nella letteratura giapponese, solo 88 casi sono stati descritti prima del 2009..

Quando si forma la cistifellea, a volte si forma una tasca aggiuntiva, dalla quale successivamente si forma una seconda cistifellea, che ha il suo dotto cistico o comune se la cistifellea si forma dalla tasca del dotto cistico (Fig. 7.2). Con gli ultrasuoni, due formazioni eco-negative di forma ovale situate vicino o ad angolo l'una rispetto all'altra. Le bolle possono avere forma e dimensioni diseguali, di solito sono casuali. Ci sono descrizioni di casi di formazione di calcoli biliari nella cavità di una o entrambe le cistifellea. A. Goel et al. fornito una descrizione del caso di danno ad entrambe le vesciche con colesterosi. Abbiamo un'osservazione quando una grande pietra si è formata nella cavità di una cistifellea e c'era una colesterosi netta nella parete di un'altra (Fig. 7.3). Con il blocco del dotto cistico, può verificarsi l'idropisia di una delle cistifellea.

In alcuni casi, la diagnosi preoperatoria può essere difficile, poiché l'ombra di una cistifellea può sovrapporsi a un'altra. Pertanto, la seconda cistifellea durante la colecistectomia non viene sempre rilevata e si trova solo durante un intervento chirurgico ripetuto. F. Borghi et al. ha descritto un paziente di 72 anni che, 8 giorni dopo la colecistectomia laparoscopica per colecistolitiasi, ha sviluppato dolore addominale e vomito. Con ultrasuoni e KT, la seconda cistifellea con una pietra di 12 mm e l'accumulo di liquido nello spazio subepatico. L'errore era dovuto al fatto che durante l'esame preoperatorio per ERCP, una cistifellea con una fistola della parete posteriore era bloccata da un secondo, densamente riempito di contrasto. La colangiografia intraoperatoria aiuta a evitare tali errori. Pertanto, al fine di evitare errori durante la colecistectomia laparoscopica, è necessario uno studio preoperatorio approfondito: ERCP, ESM, MRCP.

Una cistifellea dicotiledone sorge a seguito del raddoppio del primordio della cistifellea durante la sua formazione ed è caratterizzata dalla presenza di una "costrizione" longitudinale che divide l'organo in due parti. Con ultrasuoni nella parte inferiore: un setto che lo divide in due cavità (Fig. 7.4). Le partizioni trasversali sono molto più comuni; secondo alcuni rapporti, vengono rilevate nel 18% degli esaminati.

Cistifellea piegata: una curva a gomito nella parte inferiore è caratteristica, a seguito della quale si forma il cosiddetto cappuccio frigio. Allo stesso tempo, si distinguono due varietà di questa anomalia: una curva tra il fondo e il corpo (retro-sieroso "berretto frigio") e una curva tra il corpo e l'imbuto della cistifellea (sieroso "berretto frigio").

La cistifellea a forma di clessidra ha una forma tipica, forse è una specie di "cappello frigio" (tipo sieroso), ma più pronunciato. La costanza della posizione inferiore durante la contrazione e la piccola dimensione del messaggio tra le due parti della cistifellea indicano che si tratta di un'anomalia congenita fissa.

Le mandate all'interno della cistifellea sono rare. I setti possono essere longitudinali, trasversali o dovuti alla curvatura angolare, meglio visualizzati con gli ultrasuoni che con la TC. La cistifellea può essere di dimensioni normali, con gli ultrasuoni sulla sezione trasversale, i setti sono chiaramente visibili, che conferiscono al lume della vescica un aspetto cellulare (Fig. 7.5).

I diverticoli della colecisti sono rari e la loro frequenza è di circa l'1%. Possono essere localizzati nella parte inferiore, nel corpo o nel collo della cistifellea (vedi Fig. 7.2). I diverticoli congeniti dovrebbero essere differenziati da quelli acquisiti nelle malattie della cistifellea (pseudo-diverticoli) che si verificano più spesso. Archiviato da M. Sirakov et al. la frequenza degli pseudo-diverticoli della cistifellea è dell'8,2%. Nella maggior parte dei casi, la presenza di diverticoli della colecisti è accompagnata da colecistolitiasi. Vengono diagnosticati, di regola, dopo aver studiato un macrodrug, poiché la clinica è incerta, con sintomi di colecistolitiasi o sue complicanze.

Le anomalie nella posizione della cistifellea sono associate a uno sviluppo alterato (orientamento) di esso nel processo di embriogenesi. La posizione insolita dell'organo è di grande importanza nel caso di interventi chirurgici di emergenza, in particolare con lesioni agli organi addominali o con l'ammissione di un paziente con diagnosi di addome acuto.

La posizione laterale sinistra della cistifellea. Questo tipo di anomalia si forma a causa del fatto che nel periodo embrionale il rudimento dal diverticolo epatico non si allontana a destra, ma a sinistra. Con questa anomalia, la cistifellea si trova sotto il lobo sinistro del fegato, a sinistra del legamento a mezzaluna. Le funzioni della vescica, di regola, non sono compromesse e quindi questo tipo di anomalia non ha significato clinico. Con gli ultrasuoni, il fondo della cistifellea è localizzato sotto il lobo sinistro del fegato sopra i principali vasi della cavità addominale: l'aorta, la vena cava inferiore e la colonna vertebrale.

La posizione intraepatica della cistifellea si trova nei bambini nell'8-10% dei casi. Normalmente, la cistifellea solo con la sua parete superiore confina con la superficie inferiore del fegato, essendo separata da esso da un sottile strato di tessuto adiposo. Nel periodo embrionale, la cistifellea è circondata da tutti i lati dal tessuto epatico solo per i primi 2 mesi, in futuro occupa una posizione extraepatica. Tuttavia, in alcuni casi, questa disposizione della cistifellea può persistere. Un'anomalia simile nella posizione della cistifellea influisce sulla sua funzione, che porta rapidamente a colecistolitiasi e infezione. Nella colecistite acuta, il processo patologico può diffondersi direttamente al fegato..

Altre opzioni per la localizzazione atipica della cistifellea includono la sua posizione retroperitoneale e la posizione nel legamento a mezzaluna.

Anomalie di fissazione. Di importanza per la clinica sono 2 opzioni principali: la cistifellea vagale e le aderenze congenite della cistifellea. Il più comune (circa 4-5%) è la cistifellea del vago. Con questa anomalia di fissazione della cistifellea, il peritoneo lo copre con due fogli, formando un mesentere, che la bolla viene fissata alla superficie inferiore del fegato. Il mesentere può essere corto o spesso. In alcuni casi, è piuttosto lungo - una cistifellea in movimento o vago.

Con una cistifellea in movimento, c'è il pericolo della sua torsione, a seguito della quale viene disturbato l'afflusso di sangue al muro.

L'identificazione della cistifellea vagale è un compito piuttosto difficile, poiché la cistifellea che ha un lungo mesentere può mescolarsi per distanze considerevoli e, in presenza di flatulenza, la sua rilevazione diventa quasi impossibile. In queste situazioni, è indicato l'uso di colegrafia endovenosa, colonsintigrafia dinamica o colangiografia a risonanza magnetica..

Le aderenze congenite della cistifellea non sono considerate una patologia rara, in quanto sono più comuni di quanto vengano diagnosticate. Le aderenze si formano dalle foglie del peritoneo durante la formazione di organi situati vicino alla cistifellea: il duodeno, la curva epatica del colon e il lobo destro del fegato. Durante gli interventi chirurgici, non devono essere confusi con aderenze infiammatorie..

Varie varianti di eterotopia della cistifellea si formano durante l'embriogenesi e sono caratterizzate dalla presenza di strutture atipiche per essa - tessuto del pancreas, mucosa gastrica o duodeno. Va notato che l'eterogonia della mucosa gastrica nel tratto gastrointestinale è comune ed è osservata in tutti i reparti dalla lingua al retto. Tuttavia, l'eterogeneità della mucosa gastrica nella cistifellea è un fenomeno raro.

Clinicamente, l'eterogeneità gastrica nella colecisti si manifesta di solito con sintomi di colecistite cronica. Se ha la forma di un polipo ed è localizzato nel collo della vescica o del dotto cistico, si sviluppa rapidamente il quadro clinico della cistifellea disconnessa. Macroscopicamente in tutti i casi ce ne sono di quelli intramurali: nodi con un diametro da 1 a 2,5 cm, la membrana mucosa che li ricopre si gonfia nel lume della cistifellea. L'esame istologico rivela una tipica mucosa gastrica con presenza di ghiandole principali.

Delle 1340 colecistectomie eseguite presso il Central Research Institute of Gastroenterology per la malattia del calcoli biliari, solo due casi di esame istologico hanno rivelato egerotopia gastrica nella cistifellea e in un caso nei dotti biliari.

A causa della rarità della patologia, presentiamo tutte e 3 le osservazioni.

Paziente III.. 40 anni. Per 6 anni ho notato dolore parossistico nell'ipocondrio destro dopo un errore nella dieta. Durante l'esame - più piccoli calcoli nella cistifellea, per i quali è stata eseguita una colecistectomia pianificata. Macroscopicamente, la cistifellea è lunga 5x3 cm, lo spessore della parete è di 0,3 cm Nella zona del fondo della vescica, la parete è ispessita a 0,5 cm in un'area di 1 cm, biancastra, densa. Un esame istologico di questa area della cistifellea: le pieghe della mucosa sono levigate, l'epitelio è alto, lo strato sottomucoso è sclerotico, ci sono tronchi nervosi singoli, vasi con pareti fortemente ispessite. Nello spessore dello strato muscolare in una sezione ci sono escrescenze ghiandolari rappresentate dai passaggi di Lushka, nel cui lume vi sono masse biliari, ghiandole principali e ghiandole piloriche. Conclusione: colecistite cronica, egerotopia gastrica, ghiandole del tipo di fondo nella regione del fondo della colecisti (Fig. 7.6).

Paziente M., 35 anni. Per lungo tempo, è stato trattato per la colecistite cronica. Reclami sulla natura esplosiva del dolore nell'ipocondrio destro, aggravato inclinando il corpo in avanti. Quando viene esaminato nella cistifellea, un singolo calcolo spostato ha un diametro fino a 2 cm, la vescica viene ingrandita a 10 cm, dopo che la colazione coleretica non è diminuita. Colecistectomia in modo pianificato. Macroscopicamente, la cistifellea ha una dimensione di 9x3,5x0,4 cm La membrana sierosa è liscia, lucida, la mucosa è a grana fine. Nella regione cervicale, la formazione è su una base ampia, sporgente nel lume, che misura 2,5x2,1x1,5 cm, con una consistenza morbida-elastica di un colore grigiastro con una superficie irregolare. Durante l'esame istologico, le pieghe della mucosa sono basse, rivestite con un epitelio appiattito, lo strato muscolare è ipertrofico e i vasi con pareti ispessite. Nel collo della cistifellea, un polipo fibro-adenomatoso con eterotopia della mucosa del corpo dello stomaco (ghiandole principali, Fig. 7.7), erosioni multiple acute sulla superficie della mucosa.

Conclusione: colecistite cronica, polipo fibro-adenomatoso della colonna cervicale con eterotopia della mucosa del corpo dello stomaco, erosione nella sezione eterotopica della mucosa gastrica.

Paziente R... 40 anni. Nel corso di 5 anni, ha notato dolore ulcerativo nell'epigastrio, più spesso nella stagione autunno-primavera, ma non ci sono stati difetti ulcerativi del tratto digestivo superiore in diverse occasioni. Nell'ultimo anno, il dolore ha iniziato a localizzarsi nell'ipocondrio destro, ha assunto un carattere permanente e si è irradiato alla schiena. Con la colegrafia orale, non è stato appreso il contrasto della cistifellea. Con gli ultrasuoni, la cistifellea è rugosa, nella cavità libera una piccola quantità di bile spessa. Alla confluenza dei dotti epatici cistici e comuni, il diametro del coledoco è di 1,3 cm, le sue sezioni distali non sono espanse. Analisi del sangue cliniche e biochimiche senza caratteristiche. Con una diagnosi di cistifellea disabile, la sindrome di Mirizzi (?) Viene indirizzata alla chirurgia. Quando laparotomia trovata: la cistifellea è rugosa sotto forma di un cordone, senza pietre. Il dotto epatico comune viene espanso a 1,5 cm Nell'area del dotto cistico nel coledoco, la parete laterale di quest'ultimo viene espansa sotto forma di un diverticolo di 2x3 cm, nel lume del quale viene palpato il sigillo. Il pancreas, lo stomaco e il duodeno non sono cambiati. La diagnosi di un tumore benigno del dotto biliare comune. Un singolo blocco ha asportato la parete laterale del dotto biliare comune con un diverticolo e una cistifellea. Il difetto nella parete del dotto biliare comune è suturato saldamente con una sutura continua. Con la colangiografia intraoperatoria, è stata preservata la pervietà del dotto biliare comune. Nel diverticolo asportato è stato trovato un polipo di 0,8x0,4x0,3 cm.

Quadro morfologico. Macroscopicamente, la cistifellea ha una dimensione di 8x2x2 cm, lo spessore della parete è di 0,5 cm Nella zona in cui il dotto cistico entra nel dotto biliare comune, la parete asportata è diverticamente allargata, densa, biancastra. Alla base del diverticolo, una formazione polipoidea di dimensioni 0,8x0,4x0,3 cm, con un colore biancastro nella sezione. La mucosa della cistifellea della solita forma. Esame istologico: la mucosa del fondo dello stomaco con la presenza delle ghiandole principali. Durante la reazione di PAS nella regione delle ghiandole principali, l'epitelio superficiale è colorato in modo positivo e con il blu di Alcian - negativo, mentre in altre parti dell'epitelio e delle ghiandole di muco - Alcian è positivo (Fig. 7.8). In altre parti del polipo, non tutte le ghiandole di Alcian sono positive..

Nella bistecca della cistifellea ci sono alte pieghe, allineate in punti con un alto alciano positivo (Fig. 7.12), in luoghi appiattiti dall'epitelio.

Conclusione: colecistite cronica, polipo fibro-adenomatoso del dotto biliare comune con eterotopia della mucosa del fondo, un'ulcera cronica nella sezione eterotopica della mucosa gastrica.

Il caso ha le sue peculiarità, poiché l'eterotopia della mucosa del fondo dello stomaco nella parete del dotto biliare comune con lo sviluppo di un polipo adenomatoso e l'ulcera cronica in profondità nel polipo viene descritta per la prima volta. Un raro caso di eterogenea della mucosa gastrica nel tratto biliare con formazione di ulcera peptica non è solo pratico, ma anche di interesse scientifico.

In letteratura per lungo tempo è stato discusso il problema del ruolo della bile nella patogenesi dell'ulcera peptica. Non è ancora chiaro se il reflusso dei contenuti duodenali nello stomaco o nel moncone dopo la resezione svolga un ruolo positivo neutralizzando il contenuto gastrico o se questo reflusso contribuisca a danneggiare la mucosa gastrica e la formazione di ulcere. Si suggerisce che l'acido chenodesossicolico contenuto nel reflusso provoca un effetto ulcerogenico, mentre l'acido ursodesossicolico è un citoprotettivo.

In un esperimento condotto su cani, è stato dimostrato che la parete vascolare trapiantata del fondo dello stomaco nella cistifellea, anche un anno dopo il trapianto, mantiene la sua struttura. Questi esperimenti hanno permesso di esprimere l'opinione che l'assunzione di bile nello stomaco non è ancora sufficiente per lo sviluppo di cambiamenti patologici. Tuttavia, la presenza di una piccola porzione isolata dello stomaco nella cistifellea non equivale all'ingestione della bile nello stomaco, poiché nell'esperimento non è stato possibile creare la stessa concentrazione di acido cloridrico e pepsina nella cistifellea dell'intero o addirittura resezione dello stomaco.

Secondo la nostra osservazione, la natura stessa ha riprodotto questo esperimento. Come si può vedere dalla preparazione, in quelle sezioni del polipo che sono state costantemente lavate dalla bile, non si è verificata ulcerazione della mucosa gastrica e l'ulcera si è formata in profondità nel polipo, cioè dove la concentrazione di pepsina e acido cloridrico era elevata e l'effetto alcalinizzante della bile era assente. Nonostante il fatto che un esempio non possa portare a conclusioni serie, questo caso ci consente di confermare il concetto di quegli autori che indicano la funzione protettiva (alcalinizzante) del reflusso biliare nella patogenesi dell'ulcera peptica.

A volte durante un'operazione o su una sezione della parete della cistifellea, viene rilevata una regione ectopica del tessuto epatico che non ha alcuna connessione anatomica con il fegato principale. Le dimensioni dei siti ectopici vanno da microscopiche a 3-4 cm. Va notato che l'ectopia del fegato può verificarsi in vari organi digestivi. Il tessuto epatico ectopizzato di solito non si manifesta clinicamente e si comporta come un fegato ortotopico, in cui possono svilupparsi gli stessi processi patologici del fegato principale. M. Watanabe et al. ha descritto cinque casi di fegato ectopico in vari organi, un M.J.Y. Hadda et al. - ostruzione pilorica dovuta a tessuto epatico ectopico.

Nonostante la stretta vicinanza del fegato e della cistifellea, l'ectopia del fegato nella parete della cistifellea è rara. Toannis Triantafyllidis et al. ha trovato un'ectopia del fegato nella parete della cistifellea di una donna di 54 anni durante la colecistectomia ma sulla colecistolitiasi. L'area del fegato ectopico di circa 1x2 cm era situata sulla superficie della membrana sierosa nell'area del corpo della cistifellea (Fig. 7.13) ed era collegata ad essa da una gamba corta (Fig. 7.14). L'esame istologico della porzione ectopica del fegato ha mostrato la sua struttura normale - vasi, vene, dotti biliari ed epatociti invariati (Fig. 7.15).

Un caso di agenesi della cistifellea Testo di un articolo scientifico specializzato in Medicina Clinica

Estratto di un articolo scientifico sulla medicina clinica, autore di un articolo scientifico - Myakonky R.V., Kaplunov K.O..

L'articolo discute un raro caso di agenesi della cistifellea nella pratica chirurgica. Le caratteristiche cliniche e diagnostiche della malattia sono terminate con successo.

Argomenti simili di lavoro scientifico in medicina clinica, l'autore del lavoro scientifico è Myakonky R.V., Kaplunov K.O..

UN CASO DI AGENESI DEL BLADDER GALLO

L'articolo ha analizzato un raro caso di agenesia della cistifellea nella pratica chirurgica. Sono state descritte le caratteristiche cliniche e diagnostiche della malattia che era finita in modo sicuro.

Il testo del lavoro scientifico sul tema "Caso di agenesi della cistifellea"

Attualmente, il paziente rimane sotto la nostra supervisione. Nonostante il suo rifiuto non autorizzato di assumere farmaci antiparassitari durante l'anno successivo all'intervento, non sono stati identificati i dati strumentali per il ripetersi di echinococcosi.

Consideriamo il metodo presentato di trattamento chirurgico di un paziente con patologia cardiaca concomitante grave l'opzione di scelta, grazie alla quale siamo riusciti a evitare lo sviluppo di gravi complicanze bronco-polmonari e cardiovascolari postoperatorie, riducendo le lesioni chirurgiche ed eliminando le lesioni anestetiche e minimizzando anche il rischio di ricorrenza e la necessità di un trattamento chirurgico dell'echinococcosi epatica.

1. Alperovich B. I. Chirurgia del fegato. - M.: GEOTAR-Media, 2010.-- 352 s..

2. Vishnevsky V. A, Kakharov M. A, Kamolov M. M. Chirurgia radicale per echinococcosi epatica // Problemi reali di epatologia chirurgica: Sat. tesi. XII internazionale congresso di epatologi dei paesi della CSI. - Tashkent, 2005.-- S. 106.

3. Mikhin I. V., Kosivtsov O. A. Echinococcosi della coscia sinistra // Chirurgia. - 2015. - N. 7. - S. 97-100.

4. Mikhin I.V., Kosivtsov O.A., Ponomarev S.V. Cisti echinococcica gigante del lobo sinistro del fegato in un paziente che ha precedentemente subito echinococcectomia del polmone sinistro // Volgograd Scientific and Medical Journal. - 2014. - N. 3. - S. 52-56.

5. Tolstokorov A. S., Gergenreter Yu. S. Tattiche chirurgiche in pazienti con echinococcosi epatica // Saratov Journal of Medical Scientific Research. - 2009. -T. 5, n. 4. - S. 626-629.

R.V. Myakonsky, K.O. Kaplunov

Università medica statale di Volgograd,

Dipartimento di Malattie Chirurgiche e Neurochirurgia FUV, Dipartimento di Malattie Infettive Pediatriche; GBUZ Volgograd Regional Clinical Hospital № 3, Volgograd

IL CASO DI AGENESIA DEL BLADDER DI GALLA

L'articolo discute un raro caso di agenesi della cistifellea nella pratica chirurgica. Le caratteristiche cliniche e diagnostiche della malattia sono terminate con successo.

Parole chiave: agenesia della cistifellea, anomalie dello sviluppo, pratica chirurgica.

R. V. Myakonkiy, K. O. Kaplunov UN CASO DI AGENESI DEL BLADDER GALLO

L'articolo ha analizzato un raro caso di agenesia della cistifellea nella pratica chirurgica. Sono state descritte le caratteristiche cliniche e diagnostiche della malattia che era finita in modo sicuro.

Parole chiave: agenesia di una cistifellea, anomalia di sviluppo, pratica chirurgica.

Agenesia della cistifellea (dal greco. Agenesia; a- + particella di negazione; origine della genesi, AFP) - la completa assenza della cistifellea è un'anomalia molto rara. La bassa incidenza di AFL è confermata da studi patologici, la frequenza, secondo l'autopsia, è dello 0,03-0,09%, ovvero l'assenza della cistifellea viene rilevata in 1 caso per 1.600 autopsie [1].

È stato notato che nella maggior parte dei casi, l'agenesi è stata combinata con altre malformazioni del tratto biliare; nelle donne, l'anomalia si verifica 2 volte più spesso.

Agenesi (completa assenza di un organo), aplasia (assenza di un organo in presenza di vascolare

gambe) e l'ipoplasia della colecisti (riduzione delle dimensioni di oltre 2 deviazioni standard dal valore medio per un dato periodo) rappresentano un diverso grado di gravità di un processo patologico [3]. Non sempre esiste la possibilità di una differenziazione finale tra questi tre stati, secondo gli ultrasuoni, il che implica la necessità di ulteriori strumenti e metodi diagnostici. Ecco perché nella classificazione dell'ICD della decima revisione, tutte e tre le condizioni: agenesi, aplasia e ipoplasia della cistifellea - sono evidenziate come unità di nomenclatura "Agenesi, aplasia e ipoplasia della cistifellea" (codice ICD-10 Q44.0) [2].

Un esempio è il caso clinico di diagnosi difficile di FA. Paziente I., 43 anni. Ricorso in direzione della clinica cittadina 04.04.2016 in una clinica chirurgica con lamentele di dolore doloroso nell'ipocondrio destro sullo sfondo di errori nella dieta.

Dall'anamnesi della malattia, è noto che è stata malata per tre anni, quando il dolore addominale è apparso per la prima volta sullo sfondo di un errore nella dieta, interrotto dall'uso di antispasmodici. Un'ecografia addominale (OBP) è stata eseguita in regime ambulatoriale e la colelitiasi è stata diagnosticata. Trattamento ambulatoriale continuo, non è stato necessario il ricovero in ospedale. Dopo un appello indipendente alla clinica è stata mandata in ospedale per un trattamento chirurgico pianificato con una diagnosi diretta: colelitiasi. Colecistite calcula cronica (XXX).

Anamnesi della vita senza caratteristiche: tubercolosi, malattie a trasmissione sessuale, negazione dell'epatite virale. L'eredità non è gravata, nega cattive abitudini, lesioni, trasfusioni di sangue no, da interventi chirurgici-taglio cesareo. L'intolleranza ai farmaci non viene rivelata, la storia allergica non è gravata. Storia epidemiologica senza caratteristiche.

All'esame obiettivo iniziale, la condizione è considerata più vicina a soddisfacente. Alla palpazione, l'addome è morbido, indolore alla palpazione in tutti i reparti. La cistifellea non era palpabile, il sintomo di Ortner-Grekov è negativo. La palpazione del fegato è indolore, situata lungo il bordo dell'arco costale. Per altri sistemi e organi - senza funzionalità.

Sulla base dei reclami del paziente, dell'anamnesi, della ricerca obiettiva, è stata fatta una diagnosi preliminare: colelitiasi. Xxx. In relazione al prossimo intervento chirurgico secondo lo standard dell'esame preoperatorio, è stato prescritto un esame per la quantità di: analisi del sangue generale (OAC), analisi delle urine generale (OAM), analisi del sangue biochimica, coagulazione, feci per uova di elminto, sangue per i marker di epatite virale B e C, Infezione da HIV, sifilide, ECG, ecografia. È stato pianificato un trattamento chirurgico nella quantità di colecistectomia laparoscopica (LCE).

Nei risultati dell'analisi:

UAC dal 04/05/2016 - senza patologia significativa, accelerazione di VES fino a 20 mm / h.

OAM dal 04/05/2016 - leucocturia (810 in vista).

Biochimica del sangue dal 04/05/2016 - senza patologia.

Coagulogramma dal 04/05/2016 - invariato, ad eccezione di un leggero aumento dei complessi solubili di fibrina-monomero a 4,5 mg / 100 ml (da normale a 4 mg / 100 ml).

Feci per uova di elminto dal 04/05/2016, negative.

Marcatori sierologici di epatite virale, infezione da HIV, sifilide - negativi.

ECG del 04/05/2016 - senza patologia.

Scansione ad ultrasuoni dal 04/05/2016 - cistifellea visualizzata 5,0 x 1,5 cm, completamente riempita di calcoli - disabilitata? I dotti biliari intraepatici e i dotti biliari comuni non sono dilatati. Cambiamenti diffusi moderati nel tessuto epatico.

La diagnosi preliminare è stata confermata: colelitiasi. Xxx. In anestesia endotracheale, è stato pianificato di eseguire LCE.

Dal protocollo dell'operazione :. Revisione della cavità addominale, dotto biliare fino a 0,6 cm di diametro, colore normale rilevato. Il fegato ha una struttura lobata, il bordo è appuntito. La cistifellea non è visualizzata. Non è stata rilevata altra patologia visibile. La conversione è stata eseguita, la minilaparotomia è stata eseguita utilizzando l'apparato mini-assistente nell'ipocondrio destro. Cistifellea non rilevata. Quando il coledochus è isolato, il dotto cistico e l'arteria sono assenti. Transizione alla laparotomia. La ferita è stata ingrandita transrettalmente, è stata eseguita una revisione digitale per la posizione intraepatica della cistifellea, la palpazione delle masse intraepatiche non è stata rilevata, i calcoli del dotto biliare non contenevano. È stata eseguita un'ecografia intraoperatoria, la cistifellea è assente, il calcolo del dotto biliare non ha.

L'esecuzione della colangiografia intraoperatoria (IHG) a causa dell'assenza del dotto cistico non era possibile; eseguire l'IHG attraverso la coledocotomia era considerato inappropriato e inutilmente traumatico.

A causa di difficoltà tecniche, la mancanza di segni affidabili della presenza della cistifellea, si è deciso di terminare l'operazione con drenaggio della cavità addominale.

Dati i dati ottenuti durante l'intervento chirurgico, è stata fatta una diagnosi clinica: anomalia dello sviluppo, assenza della cistifellea. Il periodo postoperatorio è stato privo di eventi, il paziente ha ricevuto una terapia sintomatica (chetorolo 1 ml per via intramuscolare 2 volte al giorno) e antibatterica (cefazolina 1 g per via intramuscolare 2 volte al giorno). Dimesso l'8 ° giorno di ricovero in ospedale con recupero. Raccomandazioni ambulatoriali fatte.

È stato prospetticamente stabilito che il paziente è stato sottoposto a risonanza magnetica con contrasto, la diagnosi di AFP è stata confermata.

Questo caso clinico dimostra la difficoltà nella diagnosi di anomalie dello sviluppo isolate, che è causata dalla insolita manifestazione tardiva di manifestazioni cliniche, dalla difficoltà della diagnosi differenziale con colelitiasi (un quadro clinico simile), nonché dalla diagnosi eccessiva di colelitiasi, in base all'ecografia, con presenza di disturbi caratteristici.

In assenza della cistifellea, il dotto biliare comune può assumere il ruolo del serbatoio della bile se viene preservata la funzione dello sfintere di Oddi, che si verifica nel 75% dei casi [4]. In questo caso, la malattia è asintomatica e la manifestazione clinica può essere

rinviato per un tempo indefinitamente lungo, che è quello che è successo in questo caso.

1. Ipoplasia della cistifellea isolata: un caso clinico / E. M. Shurpo et al. // Doctor.ru. 2015. - N. 2 (2). - S. 322.

2. Classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi di salute: ICD-10. - M.: Medicina, 2003.- T. 1, Parte 1. - 2432 s.

3. Teratologia umana: una guida per i medici / Ed. G.I. Lazyuk. - 2a edizione, rivisto. e aggiungi. -M.: Medicina, 1991.-- S. 11.

4. Agenesi della cistifellea: una pericolosamente errata malformazione mal diagnosticata / N. Peloponissios, et al. // World Gasfroenterol. - 2005. - Vol. 11. -P. 6228-6231.

Medicina mondiale

AGENESIA, APLASIA E IPOPLASI DELLA VAPORE DELLA GALLA E Dotti BILENTALI sono malformazioni embrionali, manifestate in completa assenza o sottosviluppo della cistifellea e dei dotti biliari.

Eziologia e patogenesi

L'agenesi e l'aplasia della colecisti sono un'anomalia dello sviluppo estremamente rara (si verifica una volta ogni 500.000 nascite), è una patologia incompatibile con la vita (sebbene la letteratura descriva il caso della formazione della colecisti in un neonato nel caso di normale sviluppo dei dotti biliari). Ipoplasia significativamente più comune della cistifellea con un'assenza totale o parziale di dotti biliari - atresia o loro aplasia. Lo sviluppo di questo difetto è dovuto alle peculiarità dello sviluppo embrionale. La violazione della fusione e il processo di ricanalizzazione dei dotti porta allo sviluppo di aplasia e atresia del sistema biliare. I processi patologici intrauterini nel fegato (epatite congenita, ecc.) Possono avere un certo significato..

Le manifestazioni di ipoplasia della cistifellea e atresia dei dotti biliari sono tipiche. Un bambino nasce con ittero o si sviluppa nei primi 2-3 giorni dopo la nascita. Un aumento graduale dell'ittero è caratteristico. Lo sgabello è scolorito dalla nascita. L'urina è il colore della birra scura. Dopo 2-3 settimane dalla nascita, si nota prima un ingrossamento del fegato e poi della milza. L'aumento delle dimensioni dell'addome, l'espansione della rete delle vene safene della parete addominale sono degni di nota, in futuro si uniscono le manifestazioni emorragiche, si sviluppa l'ascite. i bambini muoiono di cirrosi biliare 6-9 mesi dopo la nascita.

La diagnosi di anomalie congenite del sistema biliare presenta notevoli difficoltà dovute all'identità delle manifestazioni cliniche di una serie di malattie accompagnate da ittero prolungato. La diagnosi differenziale viene eseguita con ittero fisiologico prolungato del neonato, ittero emolitico in conflitto, citomegalia generalizzata, toxoplasmosi. sifilide. blocco dei dotti biliari da tappi mucosi, epatite congenita a cellule giganti. Con ittero fisiologico prolungato del neonato, le feci sono di solito eccessivamente colorate, l'urina è scura, l'ittero tende a diminuire, la frazione libera di bilirubina predomina nel sangue (con atresia, aumenta l'ittero, predomina la frazione diretta associata di bilirubina).

Con ittero emolitico contrastante, come con ittero fisiologico, predomina la bilirubina libera, di norma, esiste un conflitto Rhesus o un conflitto secondo il sistema ABO.

La diagnosi di sifilide congenita, toxoplasmosi e citomegalia viene respinta o confermata da reazioni sierologiche, test speciali. Se si sospetta il blocco dei dotti biliari, vengono prescritti antispasmodici, sotto la loro influenza, i dotti biliari si espandono, i tappi escono, l'ittero passa rapidamente e il bambino guarisce.

La diagnosi differenziale con epatite a cellule giganti congenite è possibile solo utilizzando metodi di ricerca speciali: laparoscopia e biopsia della puntura del fegato.

Un ruolo importante per fare la diagnosi corretta sono: un esame del sangue biochimico (viene determinata la bilirubina totale diretta e indiretta) e l'ecografia.

Viene mostrata un'operazione volta a ripristinare la pervietà dei dotti biliari. Con atresia totale e ipoplasia della colecisti con l'obiettivo di una parziale rimozione della bile nell'intestino e di prolungare la vita del bambino, viene eseguito un trapianto del dotto linfatico toracico nell'esofago.

I risultati dell'operazione dipendono direttamente dalla forma e dal grado di anomalie dello sviluppo e dalla tempistica dell'intervento. I migliori risultati possono essere ottenuti nei primi 2 mesi di vita di un bambino.

Eziologia

I fattori eziologici che possono causare la formazione di tale anomalia possono essere molti. Abbastanza spesso, una patologia viene diagnosticata in un bambino neonato, il che significa che si è formato un disturbo nell'utero.

La deformità congenita si manifesta a causa di uno sviluppo intrauterino improprio. I fattori che provocano possono includere:

  • eredità;
  • stile di vita improprio di una donna durante la gravidanza - uso di nicotina, alcool, attività eccessiva.

La malattia può anche essere una malattia acquisita, il che significa che il processo di sviluppo di un organo deformato inizia non dalla nascita, ma nel processo della vita. Le ragioni possono essere tali fattori:

  • infiammazione del dotto biliare;
  • la comparsa di pietre nell'organo o nei suoi canali;
  • mangiare eccessivo;
  • carico frequente sui muscoli addominali;
  • formazione di adesione;
  • diaframma debole;
  • malattie del tratto gastrointestinale;
  • discinesia biliare;
  • tumori di origine maligna o benigna.

Sintomatologia

A seconda del tipo di grado di deformazione della cistifellea, il bambino avverte diversi segni della malattia. Abbastanza spesso, la patologia colpisce immediatamente il tratto gastrointestinale, il che significa che compaiono immediatamente dolore addominale, feci rotte e disturbi dispeptici. Il dolore si fa sentire sotto la costola destra e può passare alla scapola, alla clavicola, allo sterno, all'intestino e alla colonna vertebrale.

Con il lento sviluppo della malattia, il bambino ha segni quasi invisibili di deformazione della cistifellea. I sintomi sono poco avvertiti, tuttavia, il processo patologico può essere identificato dai seguenti indicatori:

  • perdita di appetito;
  • tonalità leggera delle feci;
  • elementi grassi nel calcolo;
  • perdita di peso graduale.

Se, con lo sviluppo della patologia, il collo della vescica è attorcigliato nel bambino, questo può provocare la necrosi del sito degli organi e l'ingresso della bile nella cavità addominale. Con la progressione di una forma complicata, un piccolo paziente viene superato da un forte dolore sotto la costola sinistra o in tutto l'addome. La temperatura può aumentare, compaiono nausea, debolezza, lo stomaco aumenta di volume. Durante la palpazione dell'area infiammata, il piccolo paziente avverte un forte dolore di natura parossistica. In questo caso, hai bisogno dell'aiuto urgente di un medico.

Diagnostica

Durante l'esame dello stato della cistifellea, il medico intervista il paziente oi suoi genitori per la presenza di altre patologie e per la manifestazione dei sintomi. Dopo un esame fisico, al paziente viene assegnato un esame strumentale: ultrasuoni della cavità addominale.

L'esame ecografico è il metodo diagnostico più informativo che consente di determinare la deformazione di un organo e la compattazione delle sue pareti. Inoltre, durante la diagnosi e le cause dell'anomalia, viene spesso utilizzato il metodo di tomografia computerizzata..

Quando si esaminano i dotti biliari, è importante che il medico presti attenzione alle dimensioni, alla posizione, alla forma dell'organo, al suo movimento durante l'inalazione e all'espirazione, al contorno della vescica e del fegato. È ancora importante determinare la densità e la struttura della membrana, il grado di riempimento e rilascio dell'organo.

Con una cistifellea infiammata, al paziente viene diagnosticato un tale eco-segno della malattia:

  • le pareti sono ispessite e sigillate;
  • attorcigliamento rilevato;
  • retrazione delle pareti;
  • Violazioni espresse in modo significativo della forma e della forma del corpo.

Metodi di indagine

Spesso, la cistifellea non si manifesta. Anche i sintomi minori come la nausea periodica o il disturbo delle feci non sempre spingono i genitori ad andare dal medico.

Qualsiasi cambiamento nel comportamento del bambino dovrebbe essere allarmante. Un ulteriore esame non fa mai male.

Sono tali esami periodici sia di un bambino che di un adulto che rivelano tali patologie asintomatiche.

L'esame più efficace per la rilevazione della deformità è un'ecografia della cavità addominale. Questo metodo è più informativo e più sicuro..

Utilizzo degli ultrasuoni per identificare varie malattie del tratto gastrointestinale. I difetti della cistifellea vengono rilevati nel 100% dei casi.

L'ecografia viene utilizzata prima e dopo il cibo coleretico. Se la patologia è di natura congenita, la forma della vescica rimane la stessa. Con la forma acquisita, la cistifellea cambia.

Utilizzo degli ultrasuoni per determinare:

  1. Pervietà del dotto biliare.
  2. Collocazione di organi.
  3. Modulo.
  4. Dimensioni.
  5. Tipo di sviluppo della deformazione.
  6. Formazione di pietra.
  7. Come è cambiata esattamente la struttura anatomica?.
  8. La presenza di aree dense sulle pareti della bolla.
  9. Processi infiammatori.

I seguenti segni sono considerati normali:

  • Larghezza da 3 a 4 cm.
  • Lunghezza da 7 a 10 cm.
  • Il fondo dell'organo dovrebbe sporgere, rispetto al fegato, di almeno un centimetro e mezzo.

Trattamento

Nel trattamento dei disturbi, i medici cercano di normalizzare il processo di deflusso della bile, eliminare attacchi di dolore e infiammazione. Per raggiungere questi obiettivi, il paziente deve aderire a tali raccomandazioni:

  • riposo a letto durante un'esacerbazione;
  • Rispetto delle regole della tabella dietetica numero 5;
  • prendendo antispasmodici e antidolorifici;
  • terapia antibatterica;
  • trattamento di disintossicazione;
  • l'uso di droghe coleretiche;
  • aumentare l'immunità;
  • passando un corso di fisioterapia;
  • terapia a base di erbe al momento della remissione e subsidenza dei sintomi.

Inoltre, la fisioterapia è importante per l'effettivo deflusso della bile. Grazie alla terapia fisica, la possibilità di esacerbazioni e calcoli è ridotta. Tuttavia, non dimenticare che un eccessivo esercizio fisico può solo aggravare la situazione..

Se a un bambino viene diagnosticata un'anomalia congenita della vescica e non ci sono manifestazioni, il trattamento con questi metodi non viene eseguito. Il paziente continua a osservare e attuare misure preventive per mantenere il normale funzionamento dell'organo.

Cari lettori, durante un'ecografia del fegato e della cistifellea, ai nostri bambini viene spesso diagnosticato un eccesso di cistifellea. Cosa facciamo noi adulti? Come aiutare un bambino? Ne parleremo in dettaglio oggi..

Questa violazione si verifica molto spesso in età scolare e nella maggior parte dei casi richiede solo una dieta e consultazioni regolari con un gastroenterologo. In molti bambini, dopo un periodo adolescenziale, il problema scompare da solo..

L'età media di rilevazione di un'inflessione della cistifellea in un bambino è di 6 anni e entro 12-15 anni il corpo assume una forma anatomicamente corretta. Ma questo non è il caso di tutti i bambini. Non vale la pena ignorare l'inflessione della cistifellea nel bambino, ma anche fare di questo un problema universale - anche. Basta controllare le condizioni del bambino e insegnare ai bambini i principi di un'alimentazione sana fin dall'infanzia. Ciò è utile non solo per piegare il fiele, ma anche in assenza di questa anomalia..

Caratteristiche dietetiche

Per accelerare il recupero e ridurre il numero di recidive, devi mangiare bene. I seguenti alimenti dovrebbero essere limitati (o meglio esclusi dalla dieta):

  • fritto, affumicato e grasso;
  • sottaceti;
  • alimenti ad alto contenuto di carboidrati;
  • panna acida e latte intero.
  • tè verde;
  • cereali (preferibilmente in acqua);
  • purea di verdure bollita;
  • pesce;
  • carne bollita povera di grassi;
  • frutta e verdura fresca;
  • composte.

Condividi con gli altri!

Sempre più specialisti hanno recentemente diagnosticato forme anormali della cistifellea nei bambini di varie età - secondo le statistiche, questo è il 25% delle giovani generazioni. I disturbi più frequenti si osservano negli adolescenti: sullo sfondo di un rapido sviluppo fisico, il ristagno della bile per lungo tempo diventa la causa di processi infiammatori acuti, fino alla formazione nei dotti che rimuovono la bile e la cistifellea di pietre e sabbia. I risultati della medicina moderna aiutano a far fronte alla maggior parte delle malattie, mentre il compito principale dei genitori rimane il rilevamento tempestivo di un disturbo e rivolgersi agli specialisti per chiedere aiuto. Dopotutto, il trattamento non può essere ritardato, soprattutto perché non puoi auto-medicare.

Parleremo in modo più dettagliato di cosa si intende con il termine deformazione della cistifellea in un bambino, delle cause della malattia, dei sintomi e del trattamento.

Classificazione Kink

Un eccesso di colecisti può essere congenito e acquisito. Se la violazione viene rilevata alla prima ecografia preventiva, molto probabilmente il bambino è nato con questa funzione. Il bambino ha un eccesso congenito della cistifellea, che non è considerato una malattia, ma è solo un segno distintivo.

Ma sotto l'influenza di fattori avversi, l'inflessione della cistifellea nei bambini può portare al ristagno della bile, alla formazione di calcoli e ai processi infiammatori cronici (colecistite).

Normalmente, la bile è a forma di pera. Fornisce il flusso libero della bile nel duodeno e la sua partecipazione al processo di digestione. In un bambino, una curva labile della cistifellea può essere rilevata quando l'organo cambia forma in posizione eretta o indipendentemente dalla posizione del corpo. Su un'ecografia, l'anomalia è evidente, dall'altra - non viene rilevata.

Più spesso c'è un eccesso del collo della cistifellea in un bambino e questo tipo è più favorevole. Se l'organo è piegato nel mezzo, non è possibile evitare una violazione della sua funzionalità e lo sviluppo di complicanze. Gli specialisti possono anche trovare in un bambino un'inflessione fissa della cistifellea, che non scompare con il tempo e persiste per molti anni..

Se il tuo bambino ha trovato una patologia simile, non disperare e non inventare malattie inesistenti. La presenza di un eccesso di bile in un bambino non significa sempre che in futuro ci saranno problemi con l'escrezione biliare e il funzionamento del tratto digestivo. Ma una dieta deve essere osservata. La presenza di un eccesso è sempre la prima campana al fatto che il rischio di discinesia, colecistite e calcoli biliari è aumentato.

Fattori e gruppi di rischio

Fattori chiave di rischio:

1. Patologie ereditarie del tessuto connettivo - displasia indifferenziata del tessuto connettivo.

2. Sindrome da duplicazione del cromosoma 1q (trisomia 1q) - agenesi e aplasia si verificano in combinazione con altre anomalie.

3. Sindrome di Warkany (Warkany, genetista umano Josef-americano, 1902-1992) - una sindrome di molteplici malformazioni associate a trisomia completa o parziale del cromosoma 8q (presenza di cromosoma aggiuntivo 8 o parte del suo braccio corto). Ci sono segnalazioni di circa 100 casi di osservazione di agenesi della cistifellea in questa sindrome, ad es. si verifica in modo intermittente, mentre si combina con altre anomalie della sindrome 8q.

4. Trisomia 11 cromosomi (raddoppio 11q) in combinazione con altre manifestazioni.

5. La presenza di altre malformazioni del tratto digestivo.

Cause di eccesso biliare nei bambini

È impossibile stabilire le cause esatte dell'inflessione della cistifellea in un bambino. Il medico può solo speculare analizzando la sua esperienza passata e le conoscenze disponibili. Nei neonati, la malattia del tratto biliare è la causa del danno perinatale al sistema nervoso centrale, può verificarsi a causa di ipossia cronica e lesioni alla nascita.

I principali fattori provocatori:

  • patologie intrauterine e alterazioni che interferiscono con lo sviluppo della cistifellea, infezioni acute trasmesse da una donna durante la gravidanza;
  • un aumento delle dimensioni del fegato e di altri organi del tratto digestivo;
  • eccesso di cibo costante, che porta a una violazione della funzione motoria della cistifellea e a un cambiamento nella sua posizione anatomicamente corretta;
  • un aumento delle dimensioni del fegato e del rene destro a causa di infezioni acute e croniche e processi infiammatori;
  • posizione extraepatica atipica della cistifellea;
  • sport pesanti e attività fisica non adatta all'età del bambino;
  • abuso di cibi dannosi ad alto contenuto di grassi, carboidrati semplici.

Nei bambini, un'inflessione della cistifellea si verifica spesso sullo sfondo di una predisposizione ereditaria. Le malattie biliari sono spesso ereditate da parenti stretti. Se i genitori hanno anomalie nel lavoro o nella struttura della cistifellea, del fegato e dei dotti, si raccomanda di prestare particolare attenzione allo stato di salute del bambino e, anche senza lamentele, limitare i piatti grassi, fritti e piccanti.

Quali possono essere le complicazioni in assenza di terapia?

La deformazione della cistifellea in un bambino può causare gravi malattie, ad esempio:

  • Malattia dei calcoli biliari. La torsione temporanea o permanente dell'organo si verifica a causa della formazione di pietre in esso.
  • Colecistite. A seguito di processi infiammatori, i tessuti degli organi subiscono alterazioni degenerative.
  • Commissure. Una o più costrizioni formano cicatrici grossolane, dalle quali, a loro volta, sorgono aderenze.

Il fegato aumenta di dimensioni a causa di epatite o cirrosi, che provocano la formazione di curve. Una cura completa per tale patologia non viene raggiunta in tutti i pazienti, ma la stragrande maggioranza ha notato risultati positivi. La terapia della curvatura della cistifellea in un bambino è raccomandata per un periodo abbastanza lungo da tre a quattro volte l'anno. La durata del trattamento per deformità in ogni fase è da due a tre settimane.

Possibili lamentele dei bambini

Con un'inflessione congenita della cistifellea in un bambino, i sintomi sono generalmente assenti per lungo tempo. Ma con il rifiuto dei principi di una dieta sana e la creazione di condizioni per il ristagno della bile, possono apparire le seguenti lamentele:

  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • pesantezza e nausea dopo aver mangiato;
  • disagio allo stomaco;
  • aumento della formazione di gas;
  • tonalità della pelle gialla;
  • l'aspetto di un sapore amaro in bocca;
  • vomito raro dopo eccesso di cibo, mangiare cibi troppo grassi;
  • appetito ridotto.

I segni pronunciati di inflessione della cistifellea in un bambino sono caratteristici di un'anomalia acquisita. In questo caso, i bambini si lamentano spesso di dolore nella parte destra dell'addome, che può dare alla scapola, alla schiena e allo stomaco. L'intensificazione di un attacco di dolore si verifica dopo un sovraccarico fisico, quando il bambino gioca a giochi attivi, corre molto e salta. Inoltre, dopo un grave stress, possono comparire segni caratteristici di nodo della cistifellea, una cena abbondante per le vacanze.

Condizioni normali

L'organo si trova sul lato destro del corpo sotto le costole. Esternamente, la cistifellea in forma può essere paragonata a una pera.

Come già accennato in precedenza, 3 parti si distinguono dall'organo. La cavità della vescica è piena di bile. Quando ha luogo il processo di digestione, la cistifellea espelle la giusta quantità.

Dalla cistifellea, i dotti scorrono lungo i quali si muove la bile. Una forchetta è attaccata al fegato e l'altra va nell'intestino..

Quando un organo è sensibile a qualsiasi patologia, le sue prestazioni diminuiscono. Se la bile non si muove correttamente, ciò influisce sul processo digestivo.

Diagnostica

Una diagnosi accurata dell'inflessione della cistifellea in un bambino non causa alcuna difficoltà. Il metodo di esame principale è l'ecografia. Durante un esame ecografico del fegato e della cistifellea, il medico determina la presenza di un eccesso, può immediatamente valutare la funzionalità dell'organo (ultrasuoni con un carico) e rilevare malattie concomitanti.

Un gastroenterologo pediatrico deve prescrivere uno studio di laboratorio completo su sangue, urina e feci. Se vengono rilevate anomalie, il trattamento viene avviato immediatamente.

Nei bambini con un eccesso della cistifellea, vengono spesso rilevati disturbi funzionali di altri organi del tratto gastrointestinale, incluso il fegato. È estremamente importante condurre un esame approfondito del bambino per non perdere malattie concomitanti. Altrimenti, il tempo andrà perso e queste malattie diventeranno croniche, si daranno fastidio in futuro e causeranno gravi complicazioni..

Come diagnosticare la patologia?

Di norma, i sintomi e le manifestazioni descritti dal paziente non possono essere la chiave principale per stabilire una diagnosi. Le descrizioni dettagliate del paziente aiutano solo a stabilire un quadro clinico approssimativo, ma per vedere visivamente la cistifellea, è necessario utilizzare la moderna tecnologia diagnostica.

Come diagnosi, viene applicato:

  • Ultrasuoni (ultrasuoni): il metodo degli ultrasuoni consente di esaminare visivamente la forma e la posizione dell'organo, nonché di vedere la presenza o l'assenza di violazioni. Tuttavia, gli ultrasuoni non sempre mostrano accuratamente l'intero quadro e spesso, per uno studio più accurato, vengono utilizzati altri metodi.
  • RM e TC (risonanza magnetica e tomografia computerizzata) - metodi di ricerca più accurata, che sono considerati scoperte relativamente nuove della medicina e, allo stesso tempo, il più efficace nella diagnosi.
  • Il metodo di colecystopancreatography retrograda endoscopica è un metodo a raggi X, ma per la sua implementazione è necessario introdurre un agente di contrasto con l'aiuto di un endoscopio, attraverso il retto.

Nutrizione medica

Una dieta terapeutica per l'inflessione della cistifellea in un bambino è necessariamente inclusa nel trattamento complesso e nella prevenzione delle complicanze, inclusa la colelitiasi. Gli esperti raccomandano di aderire ai principi di una dieta sana e una dieta n. 5. Di per sé, l'eccesso della cistifellea crea i prerequisiti per il ristagno della bile. Se il bambino mangia raramente, consuma cibi eccessivamente grassi e fritti in grandi quantità, la sua salute peggiorerà drasticamente e il rischio di sviluppare malattie concomitanti aumenterà.

I principi dell'alimentazione nell'inflessione della cistifellea in un bambino:

  • rifiuto di fast food, bicchieri secchi, bevande gassate;
  • moderata restrizione di carboidrati semplici (dolci);
  • mantenere intervalli tra i pasti per almeno 2-3 ore;
  • alimenti meccanici e chimici, cottura a vapore, in umido e in ebollizione;
  • rifiuto di carne di maiale, grassi d'oca, carne grassa, cipolle, aglio, salse, marinate e pungenze, che irritano fortemente la mucosa gastrointestinale e possono provocare processi infiammatori;
  • una quantità sufficiente di liquido - almeno 1-1,5 litri (il volume dipende dall'età, dal livello di attività, dalla temperatura e dall'umidità);
  • rifiuto di prodotti che causano gonfiore (uva, mais, piselli, prodotti da forno freschi);
  • prevenzione dell'eccesso di cibo, soprattutto di notte;
  • divieto di digiuno, anche breve.

Se il bambino peggiora e lamenta dolore sordo nell'ipocondrio destro, consultare un medico il prima possibile. Una esacerbazione non può essere provata a casa. Nessuna dieta aiuterà se, sullo sfondo di un eccesso di bile, il bambino ha un processo infiammatorio. In questo caso, è necessario applicare misure terapeutiche complesse, che includono la conformità con le raccomandazioni dietetiche, ma non si limitano a loro solo.

Cereali senza latte e latte, frutta e bacche (eccetto acido), carne e pesce bolliti o in umido, cotolette al vapore, verdure in umido, ricotta e altri prodotti di alta qualità che non irritano il tratto gastrointestinale e non provocano malfunzionamenti del sistema biliare sono utili per i bambini con un eccesso di bile..

Dieta speciale

Mangiare frutta e verdura

La nutrizione terapeutica del paziente è la seguente:

  • rifiuto di cibi acidi, salati, piccanti e grassi, nonché di patate, poiché contiene una grande quantità di azoto;
  • consumo minimo di cereali e zuppe;
  • è consentita la carne refrigerata e tritata;
  • latticini - non più di 250 grammi al giorno;
  • inclusione di più frutta, verdura e succhi appena spremuti nella dieta.

Mangiare dovrebbe essere fatto in piccole porzioni in 5-6 ricevimenti. Non mangiare troppo.

Affinché tutte le azioni volte a trattare la deformità della cistifellea in un bambino portino un risultato positivo, è necessario seguire tutte le raccomandazioni prescritte da uno specialista ed essere costantemente sotto la sua supervisione. Ciò proteggerà il piccolo paziente da possibili esacerbazioni pericolose.

I nostri lettori raccomandano

Il nostro lettore regolare ha raccomandato un metodo efficace! Nuova scoperta! Gli scienziati di Novosibirsk hanno identificato il modo migliore per ripristinare la cistifellea. 5 anni di ricerca. Auto-trattamento a casa! Avendolo attentamente studiato, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.

Fisioterapia

Per prevenire il ristagno della bile nei bambini con un eccesso di cistifellea, si raccomanda di mantenere uno stile di vita attivo. Ma allo stesso tempo, i carichi dovrebbero essere moderati, senza movimenti improvvisi. Effetto positivo sul funzionamento dei dotti biliari, nuoto, ginnastica, ballo da sala. Con il permesso del medico, puoi iniziare a praticare lo yoga per bambini. Ma prima di applicare gli esercizi di fisioterapia è necessario sapere con certezza se il bambino ha la malattia del calcoli biliari, che può essere complicata dalla colica. Una serie di esercizi terapeutici per il nodo della cistifellea in un bambino dovrebbe essere selezionata da un medico.

Guarda un video in cui il Dr. Komarovsky parla dell'inflessione della cistifellea in un bambino e delle cause della deformazione.

Chi ha detto che è impossibile curare gravi malattie della cistifellea?

  • Molti modi hanno provato, ma niente aiuta.
  • E ora sei pronto a sfruttare ogni opportunità che ti darà benessere tanto atteso!

Esiste un trattamento efficace per la cistifellea. Segui il link e scopri cosa consigliano i medici!