8 segmenti del fegato

I legamenti del fegato sono formati dal peritoneo, che passa dalla superficie inferiore del diaframma al fegato, sulla sua superficie diaframmatica, dove forma il legamento coronarico del fegato, lig. coronarium hepatis. I bordi di questo legamento hanno la forma di placche triangolari, designate come legamenti triangolari, ligg. triangolare destrina e sinistrum.

I legamenti partono dalla superficie viscerale del fegato agli organi più vicini: al rene destro - lig. epatorenale, alla minore curvatura dello stomaco - lig. hepatogastricum e al duodeno - lig. hepatoduodenale.

La nutrizione epatica si verifica a causa di a. hepatica propria, ma in un quarto dei casi dall'arteria gastrica sinistra.

Le caratteristiche dei vasi del fegato sono che, oltre al sangue arterioso, riceve anche sangue venoso. Attraverso il cancello, a. hepatica propria e v. portae. Entrando nella porta del fegato, v. portae, portando sangue da organi spaiati della cavità addominale, si dirama nei rami più sottili situati tra i lobuli - vv. interlobulares.

Questi ultimi sono accompagnati da aa. interlobulari (rami di A. hepatica propia) e ductuli interlobulari. Nel materiale dei lobuli epatici stessi, si formano reti capillari da arterie e vene, da cui viene raccolto tutto il sangue nelle vene centrali - vv. Centrales. Vv. i centri, che emergono dai lobuli del fegato, scorrono nelle vene collettive, che, collegandosi gradualmente tra loro, formano vv. Epatiche.

Le vene epatiche hanno sfinteri alla confluenza delle vene centrali. Vv. hepaticae in una quantità da 3 a 4 grandi e diversi piccoli escono dal fegato sulla sua superficie posteriore e scorrono in v. cava inferiore.

Quindi, nel fegato ci sono due sistemi di vene: 1) portale, formato dalla ramificazione v. portae, attraverso la quale il sangue scorre nel fegato attraverso la sua porta, e 2) cavalloso, che rappresenta la totalità vv. hepaticae che trasporta sangue dal fegato in v. cava inferiore.

Nel periodo uterino, un terzo sistema di vena ombelicale funziona; questi ultimi sono rami v. umbilicalis, che dopo la nascita viene cancellato. Per quanto riguarda i vasi linfatici, non ci sono veri capillari linfatici all'interno dei lobi del fegato: esistono solo nel tessuto connettivo interlobulare e si fondono nei plessi dei vasi linfatici che accompagnano la ramificazione della vena porta, l'arteria epatica e i dotti biliari, da un lato, e le radici delle vene epatiche - con un altro.

I vasi linfatici epatici del fegato vanno ai nodi epatici, coeliaci, gastrici dextri, pylorici e ai nodi quasi aortici nella cavità addominale, nonché ai nodi diaframmatici e mediastinici posteriori (nella cavità toracica). Circa la metà dell'intera linfa del corpo viene rimossa dal fegato. L'innervazione del fegato viene effettuata dal plesso celiaco da truncus sympathicus e n. vago.

Struttura segmentale del fegato

In connessione con lo sviluppo della chirurgia e lo sviluppo dell'epatologia, è stata ora creata una dottrina sulla struttura segmentale del fegato, che ha cambiato l'idea precedente di dividere il fegato solo in lobi e lobuli.

Come notato, ci sono cinque sistemi tubulari nel fegato:
1) tratto biliare,
2) arterie,
3) rami della vena portale (sistema portale),
4) vene epatiche (sistema cavale) e
5) vasi linfatici.

I sistemi delle vene portale e cavale non coincidono tra loro e i restanti sistemi tubolari accompagnano la ramificazione della vena portale, corrono paralleli tra loro e formano fasci vascolari-secretori, a cui si uniscono anche i nervi. Parte dei vasi linfatici fuoriesce con le vene epatiche.

Un segmento di fegato è una sezione piramidale del suo parenchima adiacente alla cosiddetta triade epatica: un ramo della vena porta del 2 ° ordine, un ramo di accompagnamento della propria arteria epatica e un ramo corrispondente del dotto epatico.

Segmenti, raggruppati lungo i raggi attorno alla porta del fegato, sono inclusi in sezioni indipendenti più grandi del fegato, chiamate zone o settori. Esistono cinque settori di questo tipo..

1. Il settore laterale sinistro corrisponde al segmento II (settore monosegmentale).
2. Il settore paramedico di sinistra è formato dai segmenti III e IV.
3. Il giusto settore paramedico è costituito dai segmenti V e VIII.
4. Il settore laterale destro comprende segmenti VI e VII.
5. Il settore dorsale sinistro corrisponde al segmento I (settore monosegmentale).

Segmenti del fegato si formano già nel periodo uterino e sono chiaramente espressi al momento della nascita. La dottrina della struttura segmentale del fegato approfondisce l'idea precedente di dividerlo solo in lobi e segmenti.

Anatomia e posizione dei segmenti epatici

I lobi destro e sinistro si distinguono nel fegato, ognuno dei quali è costituito da quattro parti, a forma di piramide troncata. Un segmento di fegato è una sezione di un organo che ha i suoi nervi e vasi sanguigni e percorsi separati per il deflusso della bile, che all'uscita da esso sono combinati in un peduncolo vascolare con una membrana di tessuto connettivo.

Segmenti del lobo sinistro del fegato

  • Il primo è dalla coda (SI). Si trova nel settore posteriore, riempiendolo completamente. L'afflusso di sangue è fornito da sottili rami arteriosi che si estendono dalla propria arteria epatica. Il sangue venoso entra nelle vene epatiche. Le navi biliari scorrono nel dotto biliare sinistro. Il segmento caudato è il più piccolo ed è visibile solo sulla superficie inferiore dell'organo.
  • Il secondo è il retro (SII). Separato dal primo dal legamento a mezzaluna e situato nel settore laterale sinistro, che copre il fondo dello stomaco. Riceve sangue da vasi appartenenti al ramo sinistro dell'arteria epatica. Deflusso venoso attraverso la vena epatica sinistra. I dotti biliari scorrono nel dotto biliare sinistro.
  • Il terzo è il fronte (SIII). Occupa la parte anteriore del settore paramedico sinistro (quasi medio), al confine con il corpo dello stomaco. L'afflusso di sangue si verifica a causa del gastroduodenale e dei propri vasi epatici. Il deflusso venoso avviene attraverso la vena epatica sinistra. Il deflusso della bile nel dotto biliare sinistro.
  • Il quarto è quadrato (SIV). Si trova nella parte posteriore del settore paramedico ed è delimitato dalla cistifellea, il duodeno. La superficie posteriore è suddivisa in modo condizionale in metà superiore e inferiore (IVa e IVb). L'afflusso di sangue si verifica a causa dei rami intermedi e sinistri dell'arteria del fegato, nonché a causa delle anastomosi portocavali e cavacavali. L'afflusso venoso si verifica a causa della vena splenica e di altri rami della vena porta, che fuoriesce attraverso la vena epatica sinistra. La bile entra nel dotto biliare sinistro.

Segmenti del lobo destro del fegato

  • Quinto - posteriore inferiore laterale (SV). Situato nel settore laterale destro, non delimita il lobo sinistro. L'afflusso di sangue proviene dal ramo epatico destro. Il deflusso di sangue venoso viene effettuato attraverso la vena epatica destra. I vasi biliari scorrono nel dotto biliare destro.
  • Il sesto è il posteriore superiore laterale (SVI). Situato nel settore laterale destro. Non confina con il lobo sinistro. Il sangue arterioso proviene dal ramo destro della sua stessa arteria epatica. Riceve sangue venoso dalle vene mesenteriche e gastriche superiori, il deflusso passa attraverso la vena epatica destra. Partecipa alla formazione del dotto biliare destro.
  • Settimo - Medio inferiore anteriore (SVII). Situato nel settore paramedico destro del fegato.
  • L'ottavo (il più grande) è il fronte superiore medio (SVIII). Si trova nel settore paramedico destro e confina con il lobo sinistro. Riceve sangue dai vasi della propria arteria epatica. Il sangue venoso proviene da anastomosi portocavali, lascia attraverso la vena epatica destra. Le navi biliari possono fluire nei dotti biliari destro e sinistro.

Segmenti di fegato separati l'uno dall'altro partecipano alla formazione della bile, che rappresenta un "fegato in miniatura", hanno un ricco afflusso di sangue e il loro deflusso venoso. La separazione dei segmenti si verifica a causa di fitte scanalature in cui passa un piccolo numero di vasi sanguigni.

Il significato clinico della divisione del fegato in segmenti è espresso nella possibilità di pianificare operazioni meno traumatiche sull'organo (resezioni segmentali), durante le quali il segmento interessato viene rimosso al confine con il solco di divisione. Questo metodo di chirurgia aiuta a prevenire gravi emorragie e complicanze postoperatorie..

Segmenti epatici ad ultrasuoni (lezione sulla diagnostica)

Tradizionalmente, il fegato è diviso in lobi nel sito di attacco del legamento a mezzaluna, rispettivamente, i lobi quadrati e caudati sono attribuiti al lobo destro del fegato. Questa divisione non tiene conto del decorso dei vasi sanguigni e dei dotti biliari.

I chirurghi asportano metà del fegato nella zona non vascolare dal centro della fossa della cistifellea alla giunzione della vena cava epatica e inferiore media. Pertanto, i lobi quadrati e caudati sono attribuiti al lobo sinistro del fegato.

Disegno. Sulla superficie viscerale del fegato, il solco longitudinale sinistro contiene un legamento rotondo nella parte anteriore e un legamento venoso nella parte posteriore, il solco longitudinale destro passa attraverso il letto della cistifellea di fronte e il solco della Vena cava inferiore, il cancello del fegato occupa un posto centrale. Il lobo caudato si trova posteriormente al tronco della vena porta, all'arteria epatica comune e al dotto biliare comune, e il lobo quadrato è anteriore.

Segmenti di fegato di quino

Nel 1957, Quino propose di dividere il fegato in segmenti, tenendo conto della ramificazione della vena porta. Questa opzione è riconosciuta come la più anatomica, poiché coincide il decorso dei rami della vena porta, dell'arteria epatica e dei dotti biliari..

Disegno. Secondo Quino, nel fegato si distinguono 2 lobi, 5 settori e 8 segmenti. Nel lobo destro, i settori laterale (segmento 6/7) e paramediale (segmento 5/8). Nel lobo sinistro, settore laterale (2/3 segmenti), paramediale (4 segmenti) e dorsale (1 segmento).

Secondo Quino, le vene portale sinistra e destra dividono i lobi del fegato in segmenti superiore e inferiore, in segmenti anteriori e posteriori. Otto segmenti del fegato secondo Quino: 1 - lobo caudato, 2 - sinistro posteriore-laterale, 3 - sinistro anteriore-laterale, 4a - sinistro superiore-mediale, 4b - sinistro inferiore-mediale, 5 - destro anteriore-inferiore, 6 - posteriore destro -bottom, 7 - posteriore-superiore destro, 8 - anteriore-superiore destro.

In diverse classificazioni, i nomi dei segmenti differiscono, ma la numerazione è sempre la stessa. Scopri la numerazione dei segmenti. Vista frontale, da sinistra a destra, la fila superiore è 2487, la fila inferiore è 3456, il primo segmento (lobo caudato) non è visibile. Vista dal basso in senso antiorario - 1234567, l'ottavo segmento non è visibile.

Come determinare il segmento del fegato con gli ultrasuoni

È importante che i chirurghi comprendano chiaramente dove si trova il focus patologico. È facile determinare il segmento del fegato mediante ultrasuoni, se si distingue tra punti di riferimento anatomici (vedere qui per maggiori dettagli):

  • nella sezione superiore - la vena cava inferiore, le vene epatiche destra, media e sinistra;
  • nella sezione centrale - la vena cava inferiore, le vene portale posizionate orizzontalmente e il legamento venoso;
  • nella sezione inferiore - la vena cava inferiore, il legamento rotondo e venoso del fegato.

Le vene portale passano all'interno e le vene epatiche tra i lobi e i segmenti del fegato.

La vena epatica media divide il fegato nei lobi destro e sinistro. La vena epatica destra divide il lobo destro nei settori laterale (segmento 6/7) e paramediale (segmento 5/8). La vena epatica sinistra divide il lobo sinistro nei settori laterale (segmento 2/3) e paramediale (segmento 4a / 4b).

Disegno. All'ecografia, una sezione trasversale nella parte superiore del fegato, dove le vene epatiche destra, media e sinistra entrano nella vena cava inferiore. Ricorda i segmenti del piano superiore del fegato - in senso antiorario 2487.

Disegno. All'ecografia, una sezione trasversale del fegato a livello della vena porta sinistra. La vena portale sinistra va verso il lobo sinistro, quindi gira bruscamente in avanti. L'unico posto nel sistema portale con una brusca virata in avanti è il segmento ombelicale della vena portale. Divide il lobo sinistro del fegato nei settori laterale (segmento 2/3) e paramediale (segmento 4a / 4b). Attenzione. Gli ovali sono una sezione trasversale delle vene epatiche destra e media che passano tra i lobi e i segmenti del fegato (vedi sopra).

Disegno. Su ultrasuoni, una sezione trasversale a livello della vena porta destra. La vena portale destra è divisa nei segmenti posteriore (RPS) e anteriore (RAS), che vanno al centro dei settori laterale destro (segmento 7/6) e paramediale (segmento 8/5). Una linea attraverso la vena epatica media e la vena cava inferiore divide il fegato in lobi destro e sinistro. La vena epatica destra divide il lobo destro nei settori paramediale e laterale.

Disegno. Su ultrasuoni, una sezione trasversale a livello della vena splenica. Il legamento falciforme e rotondo divide il lobo sinistro del fegato nei settori laterale (3 segmenti) e paramediale (segmento 4b).

In quale segmento è la cisti epatica

Disegno. Su ultrasuoni nel fegato una formazione anecogena con un contorno chiaro e uniforme, amplificazione acustica dietro. Su una sezione trasversale, il focus si trova tra la sezione longitudinale delle vene epatiche media e destra - il piano superiore del settore paramediale destro. Ricorda l'ambito codice - da sinistra a destra 2487, quindi non devi pensare a lungo. Conclusione: cisti epatica semplice in 8 segmenti.

Abbi cura di te, il tuo diagnostico!

Anatomia del fegato (classificazione del segmento Quinoud Couinaud)

La classificazione dei segmenti epatici di Quino è il sistema di classificazione più utilizzato nella descrizione dell'anatomia epatica. Secondo questa classificazione, il fegato è diviso in otto unità funzionali indipendenti, chiamate segmenti, che differiscono dai tradizionali punti di riferimento morfologici sulla superficie del fegato. I segmenti sono numerati in numeri romani da I a VIII.

La divisione in segmenti si basa sul fatto che ogni segmento ha il proprio doppio apporto di sangue, le vie di deflusso della bile e della linfa. Ogni segmento ha una forma a cuneo con un apice diretto verso la porta del fegato. Nella regione dell'apice, il segmento include il ramo del segmento della vena portale, l'arteria epatica e il dotto biliare. I confini dei segmenti sono le vene epatiche, ognuna delle quali drena due o più segmenti adiacenti. Tre vene epatiche nel piano assiale hanno un colpo radiale e quindi dividono il fegato in quattro sezioni (ogni sezione contiene due segmenti uno sopra l'altro):

  • La vena epatica destra si trova nel solco intersegmentale destro e divide il lobo destro nelle sezioni laterale destra (posteriore) e mediale (anteriore) destra.
  • La vena epatica media si trova nel solco del lobo principale, dividendo il fegato nei lobi destro e sinistro: il piano verticale portato lungo la vena va dalla vena cava inferiore alla fossa della colecisti, nota anche come linea Cantle J. (1898). A destra è la sezione mediale destra, a sinistra è la sezione laterale sinistra.
  • La vena epatica sinistra situata nel solco intersegmentale divide il lobo sinistro del fegato nelle sezioni mediale sinistra e sinistra.

Nella proiezione coronale a livello del piano della biforcazione corrispondente e il cambiamento nel corso della vena portale in orizzontale, ogni sezione è divisa nei segmenti superiore e inferiore:

  • Sezione laterale sinistra: segmenti II e III
  • Sezione mediale sinistra: segmenti IVa e IVb
  • Sezione mediale destra: segmenti VIII e V.
  • Sezione laterale destra: segmenti VII e VI

Segmenti di fegato

  • Il segmento I corrisponde al lobo caudato e si trova dietro, attorno alla vena cava inferiore, differendo dai restanti 7 segmenti. Può ricevere l'afflusso di sangue da entrambe le vene del portale destro e sinistro e può essere drenato direttamente nella vena cava inferiore da una o più vene epatiche..

I restanti segmenti (II - VIII) sono numerati in senso antiorario, a partire dal lobo sinistro del fegato:

  • I segmenti II e III si trovano a sinistra della vena epatica sinistra e del legamento a mezzaluna, il segmento II è in alto, III in basso dal piano della vena portale
  • Il segmento IV si trova tra le vene epatiche sinistra e media; suddiviso in segmenti IVa (in alto) e IVb (in basso) che corrispondono alla frazione quadrata del fegato

V - VIII segmenti compongono il lobo destro del fegato:

  • Il segmento V si trova sotto il piano della vena portale, tra le vene epatiche media e destra
  • Il segmento VI si trova sotto il piano della vena portale, a destra della vena epatica destra
  • Il segmento VII si trova sopra il piano della vena portale, a destra della vena epatica destra
  • VIII segmento si trova sopra il piano della vena porta tra le vene epatiche media e destra

Struttura del fegato per segmenti: diagramma di Quino, anatomia dei lobi sinistro e destro

Nell'antichità, secondo la rappresentazione di popoli diversi, questo organo era il ricettacolo di malizia o avidità, coraggio e bellezza. In alcune lingue, il nome di questo corpo coincide con la parola "centro". Ciò può essere spiegato dal fatto che è il più grande organo interno di una persona. E si trova quasi nel "centro dell'uomo": relativo ai confini del corpo e nelle profondità di esso. E partecipa al 97% dei processi piccoli e grandi nel corpo.

Fegato - un organo in cui l'interconversione di proteine, grassi e carboidrati, la neutralizzazione dei veleni, la formazione di varie sostanze. Tutti i vertebrati e alcuni animali invertebrati hanno questa ghiandola..

Dov'è il fegato??

L'organo si trova sotto il setto che separa il torace e la cavità addominale, il diaframma. La parte principale del fegato si trova sul lato destro della cavità addominale, dietro le costole. Attaccato al diaframma della mezzaluna e dei legamenti coronarici.

Il fegato è circondato da una membrana fibrosa. I recettori del dolore si trovano su questa membrana e non sulla ghiandola stessa. Puoi sentire dolore solo quando il guscio (capsula) è allungato.

Il ferro ha 2 superfici. Il diaframma è rivolto verso l'alto e in avanti, convesso. Il concavo viscerale, diretto verso il basso e verso il basso, presenta scanalature dagli organi adiacenti.

Quanti segmenti sono assegnati secondo Quino?

Prima della comparsa dello schema con segmenti nell'anatomia del fegato, è stato deciso di dividere l'organo in base al legamento a mezzaluna in 2 dimensioni disuguali del lobo, destra e sinistra.

Basandosi sulla separazione dei vasi sanguigni e dei dotti biliari e tenendo conto della funzionalità, numerosi ricercatori hanno proposto una classificazione del fegato con una divisione in lobi, settori e segmenti. Lo schema di divisione più utilizzato proposto alla fine degli anni '50 del secolo scorso Quino (Couinaud).

È giustificato un esame della struttura del fegato per segmenti. Il segmento ha un afflusso e deflusso di sangue relativamente autonomo della bile, è sufficientemente dotato di fibre nervose per comunicare con il sistema nervoso centrale. Per questo motivo, tale area può essere considerata un'unità strutturale della ghiandola..

Segmenti di fegato di quino

Che aspetto ha su ultrasuoni, TC, risonanza magnetica?

La separazione del fegato in segmenti è importante per la diagnosi dei cambiamenti focali nei suoi tessuti. È impossibile determinare sulla superficie esterna dove e quanti segmenti nel fegato si trovano, poiché non ci sono confini visivi di queste aree al di fuori dell'organo.

Secondo lo schema di divisione del fegato in segmenti, viene eseguito qualsiasi esame hardware dell'organo: ultrasuoni, TC, risonanza magnetica.

Vengono utilizzate anche altre linee guida:

  • cistifellea;
  • vena cava inferiore;
  • 3 vene epatiche che scorrono nella vena cava inferiore;
  • solchi tra i segmenti.

L'ecografia dell'intera ghiandola richiede diverse scansioni di direzioni diverse: ciò è dovuto alle caratteristiche strutturali dell'organo del paziente e alle capacità dei sensori dell'apparecchiatura di scansione.

L'ecografia è il metodo di esame più comune, sicuro ed economico..

Gli ultrasuoni aiuteranno a identificare:

L'ecografia è un metodo di ricerca di base. Se viene rilevata una patologia grave dagli ultrasuoni, al paziente possono essere assegnati ulteriori studi: RM, TC.

La risonanza magnetica e la tomografia computerizzata sono metodi diagnostici più informativi rispetto agli ultrasuoni. Ciò è particolarmente vero per la diagnosi differenziale..

Gli ultrasuoni aiuteranno a identificare varie malattie del fegato.

Entrambi i metodi consentono di ottenere un modello tridimensionale di un organo. Da più sezioni su TC e risonanza magnetica, esiste la possibilità di uno studio dettagliato dei segmenti epatici, l'accuratezza della diagnosi è aumentata.

Tomografia computerizzata - un metodo basato sulla radiazione a raggi X (e il paziente riceve una certa dose di radiazione), la risonanza magnetica si basa sulla risonanza magnetica nucleare (sicura, nessuna radiazione).

  • per la rilevazione di tumori, compresi quelli maligni;
  • con ascessi;
  • con malattie parassitarie;
  • per valutare le condizioni dell'organo prima dell'intervento chirurgico.

Per una serie di malattie, è preferibile un metodo diagnostico più veloce: la TC.

Indicazioni per CT del fegato:

  • chiarimento della diagnosi;
  • disturbi vascolari;
  • lesioni addominali;
  • processi infettivi e infiammatori.

Quando si sceglie una risonanza magnetica o una TAC, il medico tiene conto delle controindicazioni: la tomografia computerizzata ne ha più, poiché il metodo è associato all'irradiazione a raggi X.

Anatomia del lobo sinistro

Secondo la classificazione di Quino, 4 segmenti si trovano nei lobi destro e sinistro del fegato. La vena portale divide i lobi del fegato in segmenti superiore e inferiore, anteriore e posteriore.

Oltre a Quino, altri autori hanno lavorato alla classificazione, quindi i nomi dei segmenti possono variare a seconda delle fonti, il che non è importante.

Tra le scanalature longitudinali della superficie viscerale dietro il portale del fegato (la scanalatura trasversale attraverso la quale entra la vena porta) è il primo segmento. Non è visibile sulla superficie diaframmatica..

Segmento II Superiore laterale sinistro. In alcune fonti si trova un altro nome: il posteriore laterale sinistro. Il fatto che un oggetto abbia nomi diversi non indica alcuna contraddizione. Queste discrepanze sono associate alla forma spaziale dell'organo. Le parole "indietro", "anteriore", "laterale" vengono utilizzate per specificare la posizione del segmento.

Segmento III. Inferiore laterale sinistro. In letteratura, a volte viene chiamato fronte centrale sinistro.

4o segmento del fegato. Mediale sinistro. Bismuth (N. Bismuth) nel 1982 propose di dividere il segmento IV in IVa e IVb: mediale sinistra superiore e inferiore.

Schema del lobo destro

Nel lobo destro, i segmenti sono numerati allo stesso modo del lobo sinistro..

Segmento V. Anteriore destro inferiore. È possibile che si verifichi il nome "anteriore mediale inferiore anteriore".

6o segmento del fegato. Tomaia anteriore destra. È l'inferiore più a destra.

7o segmento del fegato. Parte bassa della schiena destra. O posteriore laterale superiore destro.

Segmento VIII. Tomaia posteriore destra. La superficie viscerale fornisce ulteriori informazioni, poiché sono presenti porte visibili del fegato e dei vasi principali. Ma dov'è l'ottavo segmento del fegato, la superficie viscerale non mostrerà. È visibile solo sulla superficie diaframmatica..

Dove sono i segmenti di coda e quadrati?

Prima della comparsa della struttura segmentaria del fegato, l'organo era diviso in lobi. E c'erano 4. Destra, sinistra, coda e quadrato. Gli ultimi due erano considerati lobi di secondo ordine nel lobo destro. Secondo Quino, entrambi i lobi appartengono al lobo sinistro. Non c'è motivo di non considerare il caudato o il lobo quadrato del fegato come un segmento: soddisfano pienamente i criteri di classificazione.

Funzionalità epatica

All'inizio dell'articolo, era già stato detto che il fegato è coinvolto nella maggior parte dei processi che si verificano nel corpo.

Brevemente sulle funzioni più importanti del fegato. Questi includono:

  1. Omeostatico. Fornisce una composizione del sangue costante, regola il contenuto di sostanze che entrano nel sangue dal cibo.
  2. Metabolica. Proteine, carboidrati e grassi, essenziali per la vita, sono sintetizzati e decomposti nel fegato umano.
  3. Escretore. L'escrezione è fornita dalla secrezione di bile. Con la bile, i prodotti metabolici finali e i veleni vengono rimossi dal corpo..
  4. Protettivo. Consiste nel neutralizzare e prevenire l'ingresso nel sangue di sostanze pericolose per il corpo.
  5. Depositare. Il fegato è un deposito di varie sostanze importanti per il corpo: glicogeno, lipidi, vitamine, oligoelementi.

La violazione di una di queste funzioni porta a gravi malattie..

Conclusione

L'approccio allo studio del fegato e delle sue patologie, tenendo conto della struttura segmentaria di questo organo digestivo, è già diventato un classico.

Lo schema proposto da Quino è utilizzato con successo in epatologia. In conformità con esso, il fegato è diviso in 2 lobi, 5 settori e 8 segmenti.

La chirurgia e la terapia epatica dovrebbero basarsi sulla conoscenza della fisiologia di questo organo. La diagnostica moderna ad alta tecnologia richiede dati ben strutturati. L'applicazione della classificazione Quino consente di ottenere tali dati.

Salute del fegato

Anatomia e posizione dei segmenti epatici

I lobi destro e sinistro si distinguono nel fegato, ognuno dei quali è costituito da quattro parti, a forma di piramide troncata. Un segmento di fegato è una sezione di un organo che ha i suoi nervi e vasi sanguigni e percorsi separati per il deflusso della bile, che all'uscita da esso sono combinati in un peduncolo vascolare con una membrana di tessuto connettivo.

Segmenti del lobo sinistro del fegato

  • Il primo è dalla coda (SI). Si trova nel settore posteriore, riempiendolo completamente. L'afflusso di sangue è fornito da sottili rami arteriosi che si estendono dalla propria arteria epatica. Il sangue venoso entra nelle vene epatiche. Le navi biliari scorrono nel dotto biliare sinistro. Il segmento caudato è il più piccolo ed è visibile solo sulla superficie inferiore dell'organo.
  • Il secondo è il retro (SII). Separato dal primo dal legamento a mezzaluna e situato nel settore laterale sinistro, che copre il fondo dello stomaco. Riceve sangue da vasi appartenenti al ramo sinistro dell'arteria epatica. Deflusso venoso attraverso la vena epatica sinistra. I dotti biliari scorrono nel dotto biliare sinistro.
  • Il terzo è il fronte (SIII). Occupa la parte anteriore del settore paramedico sinistro (quasi medio), al confine con il corpo dello stomaco. L'afflusso di sangue si verifica a causa del gastroduodenale e dei propri vasi epatici. Il deflusso venoso avviene attraverso la vena epatica sinistra. Il deflusso della bile nel dotto biliare sinistro.
  • Il quarto è quadrato (SIV). Si trova nella parte posteriore del settore paramedico ed è delimitato dalla cistifellea, il duodeno. La superficie posteriore è suddivisa in modo condizionale in metà superiore e inferiore (IVa e IVb). L'afflusso di sangue si verifica a causa dei rami intermedi e sinistri dell'arteria del fegato, nonché a causa delle anastomosi portocavali e cavacavali. L'afflusso venoso si verifica a causa della vena splenica e di altri rami della vena porta, che fuoriesce attraverso la vena epatica sinistra. La bile entra nel dotto biliare sinistro.

Segmenti del lobo destro del fegato

  • Quinto - posteriore inferiore laterale (SV). Situato nel settore laterale destro, non delimita il lobo sinistro. L'afflusso di sangue proviene dal ramo epatico destro. Il deflusso di sangue venoso viene effettuato attraverso la vena epatica destra. I vasi biliari scorrono nel dotto biliare destro.
  • Il sesto è il posteriore superiore laterale (SVI). Situato nel settore laterale destro. Non confina con il lobo sinistro. Il sangue arterioso proviene dal ramo destro della sua stessa arteria epatica. Riceve sangue venoso dalle vene mesenteriche e gastriche superiori, il deflusso passa attraverso la vena epatica destra. Partecipa alla formazione del dotto biliare destro.
  • Settimo - Medio inferiore anteriore (SVII). Situato nel settore paramedico destro del fegato.
  • L'ottavo (il più grande) è il fronte superiore medio (SVIII). Si trova nel settore paramedico destro e confina con il lobo sinistro. Riceve sangue dai vasi della propria arteria epatica. Il sangue venoso proviene da anastomosi portocavali, lascia attraverso la vena epatica destra. Le navi biliari possono fluire nei dotti biliari destro e sinistro.

Segmenti di fegato separati l'uno dall'altro partecipano alla formazione della bile, che rappresenta un "fegato in miniatura", hanno un ricco afflusso di sangue e il loro deflusso venoso. La separazione dei segmenti si verifica a causa di fitte scanalature in cui passa un piccolo numero di vasi sanguigni.

Il significato clinico della divisione del fegato in segmenti è espresso nella possibilità di pianificare operazioni meno traumatiche sull'organo (resezioni segmentali), durante le quali il segmento interessato viene rimosso al confine con il solco di divisione. Questo metodo di chirurgia aiuta a prevenire gravi emorragie e complicanze postoperatorie..

Video utile

Anatomia del fegato nel video qui sotto.

Struttura segmentaria e anatomia del fegato

I legamenti del fegato sono formati dal peritoneo, che passa dalla superficie inferiore del diaframma al fegato, sulla sua superficie diaframmatica, dove forma il legamento coronarico del fegato, lig. coronarium hepatis. I bordi di questo legamento hanno la forma di placche triangolari, designate come legamenti triangolari, ligg. triangolare destrina e sinistrum.

I legamenti partono dalla superficie viscerale del fegato agli organi più vicini: al rene destro - lig. epatorenale, alla minore curvatura dello stomaco - lig. hepatogastricum e al duodeno - lig. hepatoduodenale.

La nutrizione epatica si verifica a causa di a. hepatica propria, ma in un quarto dei casi dall'arteria gastrica sinistra.

Le caratteristiche dei vasi del fegato sono che, oltre al sangue arterioso, riceve anche sangue venoso. Attraverso il cancello, a. hepatica propria e v. portae. Entrando nella porta del fegato, v. portae, portando sangue da organi spaiati della cavità addominale, si dirama nei rami più sottili situati tra i lobuli - vv. interlobulares.

Questi ultimi sono accompagnati da aa. interlobulari (rami di A. hepatica propia) e ductuli interlobulari. Nel materiale dei lobuli epatici stessi, si formano reti capillari da arterie e vene, da cui viene raccolto tutto il sangue nelle vene centrali - vv. Centrales. Vv. i centri, che emergono dai lobuli del fegato, scorrono nelle vene collettive, che, collegandosi gradualmente tra loro, formano vv. Epatiche.

Le vene epatiche hanno sfinteri alla confluenza delle vene centrali. Vv. hepaticae in una quantità da 3 a 4 grandi e diversi piccoli escono dal fegato sulla sua superficie posteriore e scorrono in v. cava inferiore.

Quindi, nel fegato ci sono due sistemi di vene: 1) portale, formato dalla ramificazione v. portae, attraverso la quale il sangue scorre nel fegato attraverso la sua porta, e 2) cavalloso, che rappresenta la totalità vv. hepaticae che trasporta sangue dal fegato in v. cava inferiore.

Nel periodo uterino, un terzo sistema di vena ombelicale funziona; questi ultimi sono rami v. umbilicalis, che dopo la nascita viene cancellato. Per quanto riguarda i vasi linfatici, non ci sono veri capillari linfatici all'interno dei lobi del fegato: esistono solo nel tessuto connettivo interlobulare e si fondono nei plessi dei vasi linfatici che accompagnano la ramificazione della vena porta, l'arteria epatica e i dotti biliari, da un lato, e le radici delle vene epatiche - con un altro.

I vasi linfatici epatici del fegato vanno ai nodi epatici, coeliaci, gastrici dextri, pylorici e ai nodi quasi aortici nella cavità addominale, nonché ai nodi diaframmatici e mediastinici posteriori (nella cavità toracica). Circa la metà dell'intera linfa del corpo viene rimossa dal fegato. L'innervazione del fegato viene effettuata dal plesso celiaco da truncus sympathicus e n. vago.

Struttura segmentale del fegato.

Come notato, ci sono cinque sistemi tubulari nel fegato:
1) tratto biliare,
2) arterie,
3) rami della vena portale (sistema portale),
4) vene epatiche (sistema cavale) e
5) vasi linfatici.

I sistemi delle vene portale e cavale non coincidono tra loro e i restanti sistemi tubolari accompagnano la ramificazione della vena portale, corrono paralleli tra loro e formano fasci vascolari-secretori, a cui si uniscono anche i nervi. Parte dei vasi linfatici fuoriesce con le vene epatiche.

Un segmento di fegato è una sezione piramidale del suo parenchima adiacente alla cosiddetta triade epatica: un ramo della vena porta del 2 ° ordine, un ramo di accompagnamento della propria arteria epatica e un ramo corrispondente del dotto epatico.

Segmenti, raggruppati lungo i raggi attorno alla porta del fegato, sono inclusi in sezioni indipendenti più grandi del fegato, chiamate zone o settori. Esistono cinque settori di questo tipo..

1. Il settore laterale sinistro corrisponde al segmento II (settore monosegmentale).
2. Il settore paramedico di sinistra è formato dai segmenti III e IV.
3. Il giusto settore paramedico è costituito dai segmenti V e VIII.
4. Il settore laterale destro comprende segmenti VI e VII.
5. Il settore dorsale sinistro corrisponde al segmento I (settore monosegmentale).

Segmenti del fegato si formano già nel periodo uterino e sono chiaramente espressi al momento della nascita. La dottrina della struttura segmentale del fegato approfondisce l'idea precedente di dividerlo solo in lobi e segmenti.

Struttura segmentale del fegato

Il fegato è uno dei più grandi organi parenchimali, il cui peso può raggiungere 1,5 kg. Svolge un ruolo importante nel corpo umano e svolge diverse funzioni, la principale delle quali è la secrezione della bile. A causa di questa proprietà, il fegato è considerato una ghiandola di secrezione esterna. È localizzato nella parte in alto a destra della cavità addominale ed è nascosto dietro l'arco costale. Per comodità della sua diagnosi, oltre che per caratteristiche strutturali, si distinguono i segmenti epatici: i suoi componenti funzionali. Per comprendere il principio della divisione di un organo in segmenti, è importante avere un'idea della sua struttura anatomica e istologica.

Localizzazione e funzionalità epatica

Il fegato si trova nel fegato addominale, nella sua parte in alto a destra. In un adulto, il peso dell'organo è 1/50 parte del peso corporeo totale, immediatamente dopo la nascita - 1/20 parte. Ciò è dovuto al significato più importante del fegato nei neonati. In diversi periodi della sua vita, svolge una serie di importanti funzioni:

  • secretoria: consiste nella produzione di bile e nella sua escrezione nella cavità della colecisti;
  • barriera - consiste nella pulizia del sangue da tossine e veleni, nonché da altre sostanze nocive che vengono assorbite nell'intestino;
  • metabolico: il fegato è coinvolto nel metabolismo di proteine, grassi e carboidrati;
  • escretore - eliminazione di composti tossici attraverso i reni;
  • durante il periodo di sviluppo embrionale e nei neonati, qui vengono prodotti i globuli rossi.

La superficie superiore dell'organo è convessa e adiacente al diaframma. La parte inferiore è in contatto con gli organi della cavità addominale. Sono collegati dai bordi: affilato anteriore e posteriore smussato. Lo studio del fegato è complicato dal fatto che è completamente nascosto dietro l'arco costale. Un sensore a ultrasuoni raccoglie solo la sua parte inferiore e le aree rimanenti rimangono nascoste. L'unico modo per studiare in dettaglio la struttura e le condizioni di un organo è la risonanza magnetica. Sulle immagini MRI, la struttura dell'organo e le possibili patologie in diverse proiezioni saranno chiaramente visibili.

Struttura istologica

Ultrasuoni e risonanza magnetica possono identificare solo ampie aree del fegato. Uno studio più dettagliato della struttura dell'organo può essere eseguito solo al microscopio. Per la ricerca, è adatta una sezione sottile del tessuto, che viene elaborata con preparati speciali e applicata su un vetrino. Diversi tipi di cellule si distinguono nella struttura istologica del fegato. Il primo di questi sono gli epatociti. Svolgono tutte le funzioni di base di un organo. La seconda varietà sono le cellule di Kupffer, responsabili della distruzione dei globuli rossi obsoleti.

Frazioni epatiche

L'anatomia del fegato dovrebbe essere considerata, a partire dalle sue unità più grandi. Nella struttura del corpo, si distinguono due parti. Sulla superficie superiore (diaframmatica) c'è una sezione della loro separazione sotto forma di un legamento a mezzaluna. Le frazioni epatiche sono asimmetriche e hanno le loro caratteristiche strutturali:

  • lobo destro (grande) - i solchi profondi si trovano sulla sua parte esterna, che separa ulteriormente i lobi caudati e quadrati;
  • lobo sinistro - dimensioni significativamente inferiori a destra.

La parte principale dell'organo è coperta dal peritoneo - la membrana sierosa. Le frazioni di organo rimangono i suoi componenti più grandi. Tuttavia, per uno studio più dettagliato, viene utilizzato un altro schema che divide il fegato in 8 sezioni separate.

Segmentazione del fegato

La struttura segmentale del fegato è progettata per semplificare la sua diagnosi. Un segmento fa parte del suo parenchima, che si trova attorno alla classica triade epatica. La triade comprende un ramo della vena porta del 2 ° ordine, i rami dell'arteria epatica e il condotto del fegato. I segmenti epatici sono ben visualizzati sui tomogrammi quando esaminati mediante risonanza magnetica o TC.

1 segmento è a livello del lobo caudato. Ha bordi chiari e visivamente distinguibili con 2, 3 e 4 sezioni: è separato dal 2o e 3o segmento dal legamento venoso e dal 4o dalle porte del fegato. Con l'ottavo segmento, entra parzialmente in contatto nell'area della vena cava inferiore e con la bocca della vena epatica destra.

2 e 3 segmenti sono sul lato sinistro. 2 ° è visibile nella parte posteriore inferiore del lobo sinistro dell'organo. Il terzo occupa la parte superiore della schiena del lobo sinistro. Quando l'ecografia di questo sito, puoi notare che i confini dei segmenti coincidono con i confini del lobo sinistro.

4 segmenti è una proiezione del lobo degli organi quadrati. Ai suoi lati sono i punti di riferimento che lo separano da altri segmenti:

  • dal 3o - un legamento rotondo e il suo solco;
  • è separato dal primo dalle porte del fegato.
  • non c'è una chiara separazione dai segmenti del lobo destro, ma ci sono segni indiretti: la fossa della cistifellea (letto) e la vena epatica media, che passa parzialmente lungo la parte posteriore del 4o segmento.
  • tra 4 e 5 - il letto della cistifellea,
  • dalla settima - vena epatica media.

Tra alcuni segmenti del fegato ci sono confini chiari che non possono essere trascurati quando si esamina un organo. In altri casi, vengono utilizzati punti di riferimento indiretti, la cui posizione è difficile da determinare a livello anatomico.

5, 6, 7 e 8 sono segmenti del lobo destro dell'organo. I confini tra loro sono indistinguibili, possono essere determinati solo sulla base della posizione dei principali vasi dell'organo. Dal 5 all'8 si trovano in senso antiorario, nella direzione dal lobo quadrato al caudato. La posizione approssimativa delle ultime sezioni sarà la seguente:

  • 5 segmenti si trovano dietro la zona del letto della cistifellea e leggermente lateralmente;
  • 6 segmenti occupano 1/3 del lobo destro in basso e al lato del 5o;
  • Il segmento 7 è ancora più basso e raggiunge i bordi del diaframma.
  • 8 segmenti (è anche chiamato canna) occupa quasi un terzo del lobo destro.

Settori epatici

I segmenti epatici sono generalmente combinati in aree più grandi. Sono chiamati settori e rappresentano zone indipendenti separate del corpo. Quei settori che sono a livello di un segmento e corrispondono alle sue dimensioni sono chiamati monosegmentali.

Nella struttura anatomica del corpo, è consuetudine distinguere 5 settori principali:

  • il lato sinistro è formato a livello del 2o segmento;
  • il paramediano di sinistra ha origine dal 3o e 4o segmento;
  • il paramedico di destra ha componenti nella forma del 5o e 8o segmento;
  • la laterale destra è formata da 6 ° e 7 ° segmento;
  • la dorsale sinistra è al livello del 1 ° settore.

I settori e i segmenti del fegato si formano molto prima della nascita di una persona, durante lo sviluppo fetale. Il corpo si prende cura dell'integrità del corpo, quindi nella sua struttura c'è un gran numero di sezioni ripetute. Mostrano un'elevata capacità di rigenerazione, quindi, anche in assenza o dopo resezione di singole sezioni, l'organo può recuperare completamente.

Metodi di esame del fegato

La divisione del fegato in lobi, segmenti e settori è stata inventata per una diagnosi più rapida ed efficace delle sue malattie. Sull'ecografia, la maggior parte è nascosta dietro l'arco costale, quindi l'ecografia standard non implica uno studio dettagliato del fegato. Se si sospetta una patologia, il paziente viene esaminato mediante RM o TC. Sono effettuati con il sospetto di grave patologia o presenza di neoplasie:

  • la cisti sembra una formazione arrotondata con bordi chiari;
  • l'educazione patologica in oncologia può avere una forma e una localizzazione diverse;
  • l'emangioma viene visualizzato dopo somministrazione di un mezzo di contrasto per via endovenosa ed esame mediante RM e TC.

Il segmento del fegato alla TC o alla RM è il modo principale per indicare la localizzazione di una neoplasia patologica o di qualsiasi altra malattia. La struttura dell'organo è complessa e la maggior parte delle sue parti si formano durante il periodo di sviluppo intrauterino. I segmenti sono separati l'uno dall'altro da barriere naturali. Questa funzione consente di filtrare contemporaneamente una grande quantità di liquido. Anche con una malattia di uno dei siti, il resto del parenchima epatico prenderà parte ai processi metabolici e compenserà la sua assenza.

Struttura segmentale del fegato

I vari segmenti del fegato sono le unità strutturali che compongono l'organo. Si distinguono 2 lobi, 5 segmenti e 8 sezioni, che sono interconnessi da vasi sanguigni, nervi e dotti biliari. Ognuna di queste parti ha il suo schema e le sue funzioni. Grazie a queste caratteristiche, l'organo svolge un ruolo enorme nel corpo umano..

Come si distinguono i segmenti?

Secondo le statistiche mediche, le malattie del fegato rappresentano una parte significativa della pratica medica. Il 37% dei pazienti di mezza età lamenta malfunzionamento degli organi.

Il fegato è uno degli organi più importanti. Occupa gran parte e pesa in media 1250-1700 grammi. In precedenza, si credeva che il corpo avesse 4 strutture: destra, sinistra, quadrata e coda. Ma nel 1957, Claude Quino propose un nuovo sistema di lobi epatici, che lo scienziato descrisse in dettaglio nel suo libro Le foie; etudes anatomiques et chirurgicales, più nella versione adattata in lingua russa da c. Kim Stanislav Yuryevich. La base di questa classificazione era un segmento. Sono divisi secondo il principio della reciproca circolazione, funzioni e innervazione. Quindi, l'organo include vasi che si estendono dalla vena porta, dal condotto e dalle arterie renali. Tutte le aree del fegato sono coperte da una membrana che protegge l'organo dalle complicazioni. Ma i segmenti hanno anche dei confini, che consente l'identificazione tempestiva di violazioni e oncologia.

La parte strutturalmente funzionale, che si chiama triade, si distingue:

Di particolare importanza è la parte strutturale e funzionale dell'organo.

  • arteria interlobulare;
  • vena;
  • Dotto biliare.

Torna al sommario

Struttura dell'organo

Il lobulo epatico è un'unità strutturale del fegato. La struttura del lobulo epatico è divisa in 5 segmenti e 8 sezioni. È costituito da piastre - epatociti. Tra le file di queste cellule si trovano i dotti biliari. Tra ogni lobulo passa lo spazio perisinusoide e gli emocapillari sinusoidali, che si fondono nella vena centrale. La parte principale è considerata 2 lobi: il lobulo epatico sinistro e quello destro. Ognuno di essi è diviso in diversi scomparti: 5 settori e 8 segmenti. Sono collegati dall'afflusso di sangue reciproco. Le parti vengono esaminate dai medici durante l'esame per risonanza magnetica (tolleranza di risonanza magnetica), ultrasuoni (ultrasuoni) o TC (tomografia computerizzata).

I processi metabolici nel corpo dipendono dal lavoro delle unità strutturali del corpo: le cellule di Kupffer.

Ogni lobulo epatico è costituito da travi. Includono tutti l'arteria lobulare e il dotto biliare, che sono combinati in tratti portale. Sono interconnessi con l'aiuto dei capillari, che sono chiamati sinusoidi. La struttura del fascio ha due tipi di cellule: Kupffer ed epatociti. Queste cellule forniscono l'elaborazione di cellule non funzionali, che garantisce il metabolismo nel corpo..

Lo schema della struttura segmentaria della struttura della ghiandola

Le unità di organi più grandi sono settori.

I segmenti del fegato sono combinati in grandi unità - settori. Se coincidono per dimensioni con un segmento, vengono chiamati monosegmenti. Tali parti del corpo si formano prima della nascita di una persona. Inoltre, hanno un'alta capacità di rigenerarsi, quindi sono ben ripristinati dopo la resezione. Lo schema comprende 5 parti principali:

  • laterale sinistro;
  • paramedico di sinistra;
  • paramedico di destra;
  • lotteria a sinistra;
  • dorsale sinistra.

Torna al sommario

Segmento del flusso sanguigno

Circa 1,5 litri di fluido attraversano i settori al giorno. La circolazione avviene a causa di piccoli vasi. Nel mezzo dei capillari forma una vena centrale, che non ha tessuto muscolare. Un'arteria aggiuntiva parte dall'arteria gastrica al fegato. Quindi viene combinato in capillari interlobar, dopo - in segmentale. Il sangue lascia l'organo attraverso 3 e 4 vene epatiche. Da lì, il fluido attraverso i vasi cavi entra negli atri.

L'organo è dotato di una fitta rete vascolare.

Il fluido è necessario per nutrire il corpo, la saturazione di ossigeno, che è necessario per mantenere il lavoro dei dipartimenti. Il sangue venoso serve come difesa, poiché distrugge gli elementi dannosi che entrano nel fegato. Quindi, c'è una disintossicazione. Grazie al lavoro del fegato, tutto il flusso sanguigno nel corpo umano viene eliminato. Il liquido elimina le tossine, sature di utili oligoelementi. Con l'aiuto degli emocapillari, i settori svolgono funzioni secretorie, biosintetiche e di barriera.

Innervazione d'organo

Secondo uno studio condotto dai lavoratori dell'Istituto nazionale di Kharkov, I. Ryzhenkov, M. V. Lupyrya e V. Yu. Kaminsky, questo processo è assicurato da nervi vaghi, celiaci e tessuti diaframmatici. Vicino all'organo si trova la connessione duodenale-epatica del plesso solare. Questa parte è costituita da nervi e tessuti del vago che si estendono dal plesso nervoso della cavità addominale. Il ramo riceve rami che vanno dal lato destro del nodo diaframmatico. Un ruolo importante è dato alle parti autonomiche parasimpatiche e simpatiche del sistema nervoso, che sono collegate alle porte del fegato. Quando esposto al fegato, l'organo stesso non fa male: preme sui tessuti adiacenti, causando uno spasmo.

Anatomia del fegato

Il primo a pensare di dividere il fegato in otto segmenti funzionalmente indipendenti fu il chirurgo francese - Claude Couinaud.

Classificazioni Couinaud.

Secondo la classificazione Couinaud, il fegato è diviso in otto segmenti indipendenti. Ogni segmento ha il suo afflusso vascolare, deflusso e dotto biliare. Al centro di ogni segmento ci sono rami della vena porta, arteria epatica e dotto biliare. Alla periferia di ogni segmento della vena, raccogliendo nella vena epatica.

  • La vena epatica destra divide il lobo destro del fegato nel segmento anteriore e posteriore.
  • La vena epatica media divide il fegato nei lobi destro e sinistro. Questo piano si estende dalla vena cava inferiore alla fossa della cistifellea..
  • Un legamento a forma di falce separa il lobo sinistro dal lato mediale - segmento IV e dal lato laterale - segmento II e III.
  • La vena porta divide il fegato in segmenti superiore e inferiore. Le vene portale sinistra e destra sono divise in rami superiore e inferiore, correndo verso il centro di ciascun segmento. L'immagine è presentata di seguito..

La figura mostra i segmenti epatici, vista frontale.

  • Sulla normale proiezione frontale, i segmenti VI e VII non sono visibili, poiché si trovano più posteriormente.
  • Il bordo destro del fegato è formato dai segmenti V e VIII.
  • Sebbene il segmento IV faccia parte del lobo sinistro, si trova a destra..

Couinaud ha deciso di dividere il fegato in termini funzionali nel fegato destro e sinistro in base alla proiezione della vena epatica media (linea di Cantley).

La linea Cantley si estende dal centro della fossa della cistifellea anteriormente alla vena cava posteriore. L'immagine è presentata di seguito..

Numerazione dei segmenti.

Ci sono otto segmenti del fegato. Segmento IV - a volte diviso nel segmento iva e ivb secondo Bismuth. Numerazione dei segmenti in senso orario. Il segmento I (lobo caudato) si trova posteriormente. Non è visibile sulla proiezione frontale. L'immagine è presentata di seguito..

Anatomia assiale.

Immagine assiale dei segmenti superiori del fegato, che sono separati dalla vena epatica destra e media e dal legamento a mezzaluna. L'immagine è presentata di seguito..

Queste sono immagini trasversali a livello della vena portale sinistra..
A questo livello, la vena del portale portale sinistro divide il lobo sinistro nelle divisioni superiori (II e IVa) e segmenti inferiori (III e IV c).
La vena portale sinistra è ad un livello superiore rispetto alla vena portale destra. L'immagine è presentata di seguito..

Immagine assiale a livello della vena portale destra. In questa sezione, la vena portale divide il lobo destro nei segmenti superiori ((VII e VIII) e nei segmenti inferiori (V e VI).
Il livello della vena portale destra è inferiore al livello della vena portale sinistra. L'immagine è presentata di seguito..

Un'immagine assiale a livello della vena splenica, che è al di sotto del livello della vena portale destra, è visibile solo in segmenti bassi. L'immagine è presentata di seguito..

Come dividere il fegato in segmenti con immagini TC assiali.

  • Lobo sinistro: laterale (II o III) vs segmento mediale (IVa / b)
  • Estrapolare (tracciare una linea immaginaria) lungo il legamento crescente fino alla confluenza delle vene epatiche sinistra e media nella vena cava inferiore (IVC).
  • Lobo sinistro contro lobo destro - IVA / B vs V / VIII
  • Estrapolare la linea dalla fossa della cistifellea verso l'alto lungo la vena epatica media all'IVC (linea rossa).
  • Lobo destro: anteriore (V / VIII) vs segmento posteriore (VI / VII)
  • Estrapolare la linea lungo la vena epatica destra fino all'IVC fino al bordo laterale del fegato (linea verde).

Per una comprensione più accurata dell'anatomia del fegato CT, il video qui sotto.

Lobo caudato.

Situato sul retro. La differenza anatomica sta nel fatto che il deflusso venoso dal lobo si verifica spesso separatamente direttamente nella vena cava inferiore. Inoltre, il sangue viene fornito al lobo da entrambi i rami destro e sinistro della vena porta.
Questa TAC di un paziente con cirrosi epatica con atrofia del lobo destro, con un volume normale del lobo sinistro e ipertrofia compensativa del lobo caudato. L'immagine è presentata di seguito..

Un po 'di chirurgia epatica

  • Il primo diagramma mostra un'epatectomia del lato destro (segmento V e VI, VII e VIII (segmento ± I)).
  • Lobectomia destra estesa (trisegmentectomia). Segmenti IV, V e VI, VII e VIII (segmento ± I).
  • Epatectomia lato sinistro (segmento II, III e IV (segmento ± I)).
  • Epatectomia lato sinistro estesa (trisegmentectomia) (segmento II, III, IV, V e VII (segmento ± I)).

Molti chirurghi usano l'epatectomia estesa invece della trisegmentectomia.

Il diagramma seguente mostra:

  • Segectectomia posteriore destra - segmento VI e VII
  • Segmentectomia anteriore destra - segmento V e VIII
  • Segectectomia mediale sinistra - segmento IV
  • Segmentectomia laterale sinistra - segmento II e III

Di seguito è un'altra illustrazione dell'anatomia funzionale epatica segmentale.

Struttura segmentaria e anatomia del fegato

I segmenti del fegato sono parti di un organo che sono separati da caratteristiche comuni. Possono avere nomi diversi, ma la loro numerazione suona sempre allo stesso modo ed è indicata da numeri romani. La divisione della ghiandola in parti fu proposta per la prima volta dal chirurgo anatomico francese Claude Maurice Quino. La sua proposta si basava sull'unità della circolazione sanguigna e sulle singole funzioni di ciascuna parte del fegato. I segmenti più grandi sono considerati quote di dimensioni diverse. Ce ne sono quattro: destra, sinistra, quadrata, coda. Tutti sono chiaramente visibili con gli ultrasuoni..

Struttura anatomica e funzione del fegato

La ghiandola più grande del corpo pesa 1,5 kg. Circa l'85% è costituito da epatociti. Due file di tali cellule formano una trabecola. La loro combinazione con altri composti cellulari forma i lobuli del fegato. I grandi segmenti sono costituiti da lobuli:

  • A destra - il più grande, situato a destra sotto le costole. Con l'infiammazione, puoi sentire i suoi bordi con le dita, sporgono da sotto l'arco costale. Include 4 segmenti, di cui il sangue entra nella vena epatica comune (OPV).
  • Sinistra. Lo spessore del lobo sinistro è molto inferiore. È nell'epigastrio sinistro. È costituito da due segmenti. Di questi, il sangue entra anche in OPV.
  • Quadrato - situato sulla superficie inferiore, si riferisce all'apparato segmentale del lato sinistro. Dotato di una vena attraverso la quale il sangue viene inviato all'OPV.
  • Caudato: separato dal solco trasversale quadrato, situato dietro di esso. Si riferisce alla struttura della parte sinistra del fegato. Deflusso di sangue nella vena epatica comune attraverso la vena locale.

Tutti i lobi del fegato sono responsabili del deflusso di liquidi. Oltre al sangue, la secrezione epatica - la bile - fuoriesce da loro attraverso tubuli separati che si trovano tra gli epatociti.

Dividere il fegato in segmenti aiuta i medici durante un esame ecografico (o usando un'altra tecnica) di questo organo.

I segmenti sono tenuti insieme a causa di numerosi legamenti del peritoneo, che si estendono dal setto muscolare, che separa la cavità addominale dalla cavità toracica. La maglia addominale è fusa al fegato con una sottile membrana fibrosa. Da questo guscio si forma una capsula epatica o una borsa Glisson. A causa di ciò, il corpo ha una forma invariata. I legamenti del fegato hanno nomi individuali, sono divisi in sospensione e sostegno. Il primo gruppo comprende:

  • Mezzaluna: divide il fegato in due parti.
  • Legamento rotondo - situato sotto la mezzaluna.
  • Coronaria - associata alle foglie del legamento a mezzaluna. Fissa la parte extraperitoneale della ghiandola alla parte posteriore dell'addome.
  • Triangolare: i bordi della coronaria, sembrano triangoli, fissano la ghiandola al setto addominale.

I legamenti di supporto (epatico-gastrico, 12-duodenale) collegano la superficie inferiore della ghiandola con il bordo concavo dello stomaco e la parte superiore dell'intestino tenue.

Perché dividere il fegato in segmenti

L'esame ecografico mostra chiaramente tutti i lobi del fegato. Grazie a questa divisione, è più facile per il medico descrivere la malattia, indicare l'estensione dell'area problematica, aiutare il chirurgo a pianificare l'operazione per rimuovere l'area interessata irreversibilmente.

Divisione settoriale segmentata Quino

Quando il chirurgo-anatomista K. M. Quino suggerì ai colleghi di considerare la struttura segmentale del fegato, in cui si sarebbe tenuto conto della ramificazione dei vasi sanguigni. La proposta è stata riconosciuta anatomicamente massimizzata. I rami della vena porta, dell'aorta e dei dotti biliari hanno la stessa direzione. Secondo questo metodo, il ferro è condizionatamente suddiviso in due grandi parti, cinque settori, 8 segmenti. Sono chiamati numeri romani da I a VIII..

Lobo sinistro

Il lobo sinistro del fegato è di tre settori, che sono divisi in parti:

  • laterale - ha 2 segmenti (II, III);
  • paramediale - 1 segmento. (IV diviso per aeb);
  • dorsale - 1 segmento. (IO).

Giusta condivisione

Il lobo destro del fegato comprende le parti laterali (VII, VI) e paramediale (VIII, V) con i loro segmenti.

Dividere i lobi in base alla posizione delle navi

Il metodo di Quino prevede la divisione del fegato in settori superiore, inferiore, anteriore, posteriore, tenendo conto del portale e delle vene epatiche. Vi sono otto parti del genere:

  • Caudate (I) - situato dietro la vena cava inferiore, differisce dagli altri segmenti per la possibilità di afflusso di sangue bilaterale.
  • Posterolaterale sinistro (II) e anterolaterale (III) - situato a sinistra del legamento e dell'arteria a mezzaluna. Per quanto riguarda gli esplosivi, il secondo segmento è in alto, il terzo è in basso.
  • La mediale sinistra superiore (IVa) e mediale inferiore (IVb) sono la parte quadrata. Situato tra l'aorta epatica centrale e sinistra.
  • Medio in basso davanti a destra. vallata (V) - si trova tra l'arteria centrale e quella destra, sotto il piano BB.
  • Inferiore posteriore destro (VI) - situato a destra dell'aorta del lato destro, sotto il PVV.
  • Superiore posteriore destro (VII) - sopra il piano BB, a destra dell'arteria epatica destra.
  • La parte centrale in alto a destra anteriore (VIII) - sopra il BB, tra l'aorta destra e media.

Normalmente, negli adulti, lo spessore del lobo destro è di 200 mm, quello sinistro di circa 170 mm.

Come dividere un organo in segmenti con immagini CT assiali

Segmento del fegato su immagini TC nella proiezione assiale:

  • LD (lobo sinistro) - settore 2 e 3. Viene tracciata una linea ausiliaria lungo la lunghezza del legamento a mezzaluna fino alla giunzione delle arterie sinistra e destra (PA) nella vena cava inferiore (IVC).
  • LD contro la destra - 4 a / b, 5 segmenti e 8. Viene tracciata una linea dalla depressione biliare lungo l'arteria media verso l'IVC.
  • La parte destra è la parte anteriore 5 e 8, la parte posteriore 6 e 7 segmenti. Una linea immaginaria viene tracciata lungo l'arteria destra del fegato fino alla vena cava inferiore fino al bordo laterale.

La tomografia computerizzata aiuta a valutare lo stato funzionale dell'organo, identificare le neoplasie, il sito della lesione, il processo infettivo, il sanguinamento e altre condizioni patologiche.

Rifornimento di sangue e innervazione delle strutture epatiche

Ogni lobo epatico riceve sangue dal BB e dalla ghiandola aortica. Entrambe le navi penetrano nel parenchima attraverso il solco trasversale (portale del fegato). Un'arteria sposta solo un terzo del sangue dall'aorta addominale. Ma è molto importante, in quanto fornisce più ossigeno della vena porta. Quest'ultimo trasporta il sangue non solo con sostanze nutritive, ma anche con tossine dagli organi del tratto gastrointestinale (intestino, milza, stomaco, pancreas).