Vaccino contro l'epatite B per adulti: quando fatto e quante volte?

L'agente eziologico dell'epatite infettiva di tipo B è resistente alle condizioni ambientali. Il virus rimane attivo per una settimana nelle particelle secche dei componenti del sangue, è presente in altri fluidi biologici umani. Non ha paura del congelamento, viene distrutto solo dalla disinfezione, ebollizione prolungata, riscaldamento sopra + 140 ° С. Viene trasmesso attraverso il sangue, sessualmente, dalle donne in gravidanza il virus viene trasmesso al feto.

Le vaccinazioni aiutano a proteggere dalle infezioni. Dopo un ciclo di vaccinazione, una persona sviluppa un'immunità stabile. Dove vengono somministrati i vaccini contro l'epatite B agli adulti, quando vengono somministrati e quante volte è necessario ottenere il vaccino, è bene sapere per tutti. È dimostrato che provoca lo sviluppo di insufficienza epatica, nel 20% dei casi - cirrosi, nel 10% - cancro. Organizzazione mondiale della sanità preoccupata per le malattie di massa.

Cosa imparerò? Il contenuto dell'articolo.

Quando è necessario essere vaccinati contro l'epatite B?

La vaccinazione viene effettuata a qualsiasi età, a partire dalla nascita. Secondo il calendario nazionale delle vaccinazioni, qualsiasi cittadino di età inferiore ai 55 anni ha diritto a ricevere il vaccino gratuitamente. Per legge, le professioni sono approvate quando sono vaccinate:

  • prima dell'occupazione in istituti sanitari, istruzione;
  • prima di viaggi di lavoro in paesi in cui il tasso di incidenza è elevato;
  • personale del sistema penale.

A scopo profilattico, il vaccino contro l'epatite B viene somministrato prima dell'intervento chirurgico, se necessario, in emodialisi. Si raccomanda di essere vaccinati per le persone a rischio di infezione, questi sono:

  • personale del salone di bellezza;
  • maestri del tatuaggio, del piercing;
  • familiari del portatore del virus;
  • persone promiscue;
  • persone in contatto con persone infette;
  • turisti prima di visitare India, Medio Oriente, Africa.

Tipi di vaccini contro l'epatite B.

Le vaccinazioni per adulti sono realizzate come monovaccino di produzione nazionale o estera. Per ordine del Ministero della Salute, i seguenti farmaci sono autorizzati per l'uso nel paese:

  • Biowak-B, India, Wockhardt Ltd;
  • vaccino contro l'epatite B ricombinante (rDNA), Russia, NPK Kombiotekh;
  • vaccino contro il lievito ricombinante dell'epatite B (liquido per feci ricombinante del vaccino contro l'epatite B), Russia, NPK Kombioteh - NPO Biomed;
  • Shanwak-B, India, Shantha Biotechnics Limited;
  • Eberbiovac HB, Cuba, Heber Biotec SA;
  • Engerix-B, Belgio, SmithKline Beecha;
  • "Euvax-B", Francia, Aventis Pasteur;
  • "HB-Vaxll", USA, Merck Sharp & Dohme;
  • Sci-B-Vac, Israele, SciVac Ltd. Israele.

Tutti i vaccini nella loro composizione contengono l'antigene HBsAg. Viene coltivato in condizioni di laboratorio, quindi ucciso, mantenuto in una forma inattiva. Il trasportatore di antigene nel mezzo di lievito è idrossido di alluminio. La sicurezza dei vaccini è confermata dalle Commissioni internazionali, molti anni di utilizzo. Il farmaco viene acquistato per fondi di bilancio, distribuito centralmente a tutte le cliniche. Se lo si desidera, il materiale da innesto viene acquistato in farmacia e deve essere trasportato in un contenitore termico. Viene conservato a una temperatura compresa tra +2 e + 8 ° С; quando riscaldato o congelato perde le sue proprietà.

Il farmaco viene prodotto sotto forma di sospensione. Il farmaco viene prodotto sotto forma di sospensione in fiale. La dose varia.

Quante volte viene vaccinata l'epatite B??

Vaccinato è considerato ogni adulto che ha effettuato tre iniezioni entro sei mesi. Sono stati sviluppati schemi di vaccinazione con intervalli di tempo tra le iniezioni. Lo schema standard prevede una triplice somministrazione di antigeni.

Innanzitutto viene somministrato il primo vaccino, il secondo in un mese, il terzo nel quinto mese dopo la prima vaccinazione. Se la vaccinazione viene effettuata in caso di emergenza, ad esempio, prima di viaggiare all'estero. Per sviluppare un'immunità stabile, sono necessarie 4 dosi. Programma di vaccinazione urgente:

  • l'intervallo tra le prime due è settimane;
  • il terzo - 14 giorni dopo il secondo;
  • il quarto - un anno dopo il primo.

Per i pazienti con patologia renale che richiedono emodialisi, vengono vaccinati secondo uno schema speciale in quattro fasi. Tre iniezioni vengono fatte a intervalli di un mese, un anno dopo l'inizio dell'immunizzazione, e ne mettono un'altra dose. Se gli intervalli tra le iniezioni non vengono rispettati, la probabilità di infezione viene ridotta, ma non esiste una sicurezza al 100%. Il corso di vaccinazione ricomincia. La vaccinazione viene eseguita da personale medico qualificato nella sala di vaccinazione della clinica. La tecnica di somministrazione del vaccino è stata approvata: è posizionata nel muscolo sviluppato della coscia o della gamba. L'introduzione ai glutei, sotto la scapola è esclusa, aumenta il rischio di sviluppare una reazione al farmaco.

Controindicazioni

tutti gli altri preparati biologici, il vaccino contro l'epatite B possono causare allergie, ci sono persone con intolleranza individuale ai componenti: lievito, idrossido di alluminio. Una reazione negativa appare dopo la prima iniezione. In questo caso, non vengono eseguite iniezioni ripetute..

Prima della vaccinazione, viene eseguito in modo affascinante un test per la presenza nel sangue:

  • antigeni, al fine di escludere possibili portatori di virus, i pazienti per anni potrebbero non sospettare un'infezione;
  • anticorpi che il corpo produce contro il virus quando la malattia procede in forma latente.

Prima della vaccinazione, è richiesto un esame fisico. Ai primi segni di raffreddore infettivo, con aumento della temperatura corporea, la vaccinazione viene posticipata di un mese. Intervallo di cinque mesi tra le dosi.

Numerose controindicazioni per la vaccinazione contro l'epatite B:

  • se il corpo è indebolito da una malattia recente, la vaccinazione non viene effettuata nel mese successivo, dopo il ripristino dell'immunità;
  • asma, malattie croniche dell'apparato respiratorio, polmoni;
  • malattie autoimmuni di natura congenita o acquisita;
  • patologia del sistema nervoso centrale.

I limiti di età fino a 55 anni sono di natura raccomandabile. Secondo la testimonianza del medico, se necessario, le vaccinazioni vengono somministrate a persone di qualsiasi età. A seconda dello stato di salute, le vaccinazioni vengono somministrate secondo un programma individuale. In età adulta, limitato alla doppia vaccinazione.

Dopo che ora viene ripetuto il vaccino??

Per mantenere l'immunità all'epatite B, la vaccinazione viene ripetuta ogni cinque anni per le persone a rischio se la concentrazione di anticorpi nel sangue è inferiore alla norma. I campioni di sangue per determinare la quantità di anticorpi vengono somministrati un mese dopo l'ultima vaccinazione. A una concentrazione inferiore a 100 mIU / ml, la dose viene aumentata.

Secondo le statistiche, si forma un'immunità stabile:

  • nei giovani (di età inferiore ai 20 anni) in 98 casi su cento;
  • 20-40 anni nel 96% dei casi;
  • 40–55 anni nel 65% dei vaccinati;
  • oltre 65 solo ogni secondo.

Quando le funzioni protettive sono indebolite, la produzione di anticorpi rallenta. Talvolta viene diagnosticata la tolleranza immunitaria, il corpo non percepisce gli antigeni come estranei. Queste persone non vengono rivaccinate.

Secondo i dati ufficiali, l'immunità all'epatite B persiste per almeno 8 anni. Nella maggior parte dei casi, si forma per la vita dopo il primo ciclo di vaccinazione. Ogni cinque anni

complicazioni

In casi isolati, si verificano reazioni avverse di natura allergica, che si verificano entro mezz'ora dopo l'introduzione del vaccino, vengono rimosse assumendo antistaminici. Con scarsa intolleranza, sono possibili dolori articolari e diarrea. La norma è:

  • compattazione nell'area di iniezione;
  • ipertermia (il primo giorno dopo un'iniezione, la temperatura corporea può aumentare fino a 38 gradi);
  • debolezza;
  • sudorazione
  • linfonodi ingrossati;
  • vertigini.

La dimensione del sigillo ammessa nel sito di vaccinazione è di 2 cm e il dolore in quest'area dura fino a una settimana. A volte c'è un leggero gonfiore. Con un'immunità indebolita, il dolore articolare persiste fino a un mese. Possibile esacerbazione di malattie croniche.

Cosa fare dopo la vaccinazione?

Si raccomanda il riposo vaccinato. Con stress, stress, clima caldo, il vaccino è tollerato peggio, più spesso c'è una sindrome del dolore. Diarrea, vomito si verifica.

A temperature elevate, puoi assumere aspirina o paracetamolo. Si consiglia una bevanda abbondante, una dieta equilibrata. Dosi moderate di alcol non influenzano la percezione del vaccino.

Le procedure per l'acqua sono consentite dopo 2-3 giorni dopo l'iniezione. Questo viene fatto per ridurre il rischio di irritazione nel sito di vaccinazione. Se entra l'acqua, è necessario rimuoverla il più presto possibile, basta pulire il sito di iniezione con un tovagliolo. Se si verificano effetti collaterali, è necessario cercare urgentemente un aiuto medico.

Vaccino contro l'epatite A per adulti: programma vaccinale, efficacia del vaccino, quanti anni ha, controindicazioni ed effetti collaterali

Vaccino contro l'epatite A per adulti: istruzioni, indicazioni, controindicazioni ed effetti collaterali

Per quanto tempo funziona il vaccino contro l'epatite B: ho bisogno di un colpo di richiamo??

Vaccino contro l'epatite B per adulti: programma di vaccinazione, indicazioni e controindicazioni

Vaccino contro l'epatite B: indicazioni, controindicazioni, programma di vaccinazione

Vaccino ricombinante per epatite B (rDNA)

Principio attivo:

Soddisfare

Gruppo farmacologico

Classificazione nosologica (ICD-10)

Composizione e forma di rilascio

Sospensione per somministrazione intramuscolare (per bambini e adolescenti di età inferiore a 19 anni)1 dose (0,5 ml)
antigene di superficie del virus dell'epatite B purificato10 mcg
idrossido di alluminio (Al +++)0,25-0,4 mg
tiomersale0,025 mg

in flaconi di vetro (tipo 1, USP) o fiale di vetro da 0,5 ml (1 dose per bambino) o 5 ml (dosi per 10 bambini) o 10 ml (dosi per 20 bambini); in una scatola di cartone da 10, 25 e 50 bottiglie o 50 fiale.

Sospensione per somministrazione intramuscolare (per adulti dai 19 anni)1 dose (1 ml)
antigene di superficie del virus dell'epatite B purificato20 mcg
idrossido di alluminio (Al +++)0,5-0,8 mg
tiomersale0,05 mg

in flaconcini di vetro (tipo 1, USP) o fiale di vetro da 1 ml (1 dose per adulti) o 5 ml (5 dosi per adulti) o 10 ml (10 dosi per adulti); in una scatola di cartone da 10, 25 e 50 bottiglie o 50 fiale.

Dosaggio e amministrazione

In / m, adulti, bambini più grandi e adolescenti - nel muscolo deltoide;

neonati e bambini piccoli - nella coscia anterolaterale.

In nessun caso il vaccino deve essere somministrato iv.

Ai pazienti con trombocitopenia ed emofilia deve essere somministrato un vaccino sc.

Prima dell'uso, la fiala o la fiala con il vaccino devono essere agitate bene più volte fino a ottenere una sospensione omogenea. La procedura di vaccinazione deve essere eseguita con il rigoroso rispetto delle regole di asepsi e antisettici. Il farmaco da una fiala multidose aperta deve essere usato entro un giorno.

Una singola dose di vaccino per bambini e adolescenti di età inferiore ai 19 anni è di 0,5 ml (10 μg di HBsAg);

per adulti dai 19 anni - 1 ml (20 mcg HBsAg);

per pazienti in emodialisi - 2 ml (40 mcg HBsAg).

Il vaccino può essere somministrato contemporaneamente (nello stesso giorno) con i vaccini del calendario vaccinale nazionale, ad eccezione del BCG, nonché con il vaccino contro la febbre gialla. In questo caso, i vaccini devono essere somministrati con siringhe diverse in luoghi diversi..

Per raggiungere il livello ottimale di protezione contro l'epatite B, sono richieste 3 iniezioni di i / m secondo i seguenti schemi:

Vaccinazione di bambini nel quadro del calendario nazionale delle vaccinazioni

I neonati vengono vaccinati tre volte secondo lo schema: 0–1–6 mesi. Il primo vaccino viene somministrato per il compleanno del bambino. Per i neonati le cui madri sono portatrici del virus dell'epatite B, si raccomanda un programma di vaccinazione di 0–1–2-12 mesi. Contemporaneamente alla prima vaccinazione, l'immunoglobulina epatite B può ricevere IM in un'altra coscia.

Bambini, adolescenti e adulti non precedentemente vaccinati contro l'epatite B vengono vaccinati secondo il programma: 0–1–6 mesi.

In casi urgenti, viene eseguita una vaccinazione accelerata secondo lo schema:

1a dose: nel giorno selezionato;

2a dose: 1 mese dopo la 1a dose;

3a dose: 2 mesi dopo la 1a dose;

4a dose: 12 mesi dopo la 1a dose.

Tale vaccinazione porta al rapido sviluppo della protezione contro l'epatite B, ma il titolo anticorpale può essere inferiore in alcuni pazienti vaccinati rispetto all'immunizzazione standard.

Vaccinazione per emodialisi

Per i pazienti sottoposti a emodialisi, di seguito è indicato un dosaggio aggiuntivo:

1a dose 40 mcg (2 ml): nel giorno selezionato;

2a dose 40 mcg (2 ml): 30 giorni dopo la 1a dose;

3a dose 40 mcg (2 ml): 60 giorni dopo la 1a dose;

4a dose 40 mcg (2 ml): 180 giorni dopo la 1a dose.

Vaccinazione per contatto accertato o sospetto con il virus dell'epatite B.

Se esposto a materiale infetto da virus dell'epatite B (come un ago contaminato), la prima dose di vaccino contro l'epatite B deve essere somministrata contemporaneamente all'immunoglobulina dell'epatite B (iniezioni in luoghi diversi). Ulteriori vaccinazioni sono raccomandate secondo il programma di immunizzazione accelerata..

Con l'immunizzazione primaria a 0, 1, 6 mesi, può essere necessaria una nuova vaccinazione 5 anni dopo il corso iniziale.

All'immunizzazione primaria a 0, 1, 2 mesi, si consiglia l'immunizzazione ripetuta 12 mesi dopo la prima dose. La prossima vaccinazione potrebbe essere necessaria dopo 8 anni.

Condizioni di conservazione per il vaccino contro il virus dell'epatite B ricombinante (rDNA)

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Periodo di validità del vaccino ricombinante per l'epatite B (rDNA)

Non utilizzare dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Istruzione medica

Vaccino ricombinante per epatite B (rDNA)
Istruzioni per l'uso medico - RU n. LS-001140

Ultima modifica: 27/04/2017

Forma di dosaggio

Sospensione per somministrazione intramuscolare.

Struttura

1 dose per bambini (0,5 ml) contiene

1 dose per adulti (1 ml) contiene

Antigene di superficie del virus dell'epatite B (HBsAg) purificato

Alluminio (Al +3) idrossido

0,25 mg in termini di alluminio

0,5 mg in termini di alluminio

Il vaccino non contiene substrati di origine umana o animale. Il vaccino soddisfa i requisiti dell'OMS per i vaccini ricombinanti per l'epatite B.

Descrizione della forma di dosaggio

Una sospensione omogenea di un bianco con una tinta grigia, senza inclusioni estranee visibili, quando si deposita, è divisa in 2 strati: quello superiore è un liquido trasparente incolore, quello inferiore è un precipitato bianco che si rompe facilmente quando agitato.

Caratteristica

Il vaccino è un antigene del virus dell'epatite B di superficie purificato (HBsAg) adsorbito su un gel di idrossido di alluminio.

L'antigene di superficie è ottenuto coltivando cellule di lievito geneticamente modificate Hansenula polymorpha K 3 / 8-1 ADW 001/4/7/96, in cui è integrato il gene dell'antigene di superficie.

Gruppo farmacologico

indicazioni

Prevenzione specifica dell'infezione da virus dell'epatite B nei bambini a partire da 1 anno di età e negli adulti.

Controindicazioni

  • periodo di gravidanza e allattamento;
  • ipersensibilità al vaccino contro l'epatite B e ai suoi componenti - lievito o tiomersale;
  • sintomi di ipersensibilità alla precedente somministrazione del vaccino contro l'epatite B;
  • forte reazione (temperatura superiore a 40 ° C, edema nel sito di iniezione, iperemia con diametro superiore a 8 cm) o complicanza post-vaccinazione alla precedente somministrazione del farmaco;
  • malattie infettive acute e non infettive, esacerbazione di malattie croniche. La vaccinazione viene effettuata 2-4 settimane dopo il recupero (remissione);

In lieve ARVI, malattie intestinali acute, le vaccinazioni vengono eseguite immediatamente dopo la normalizzazione della temperatura;

  • immunodeficienza grave e grave nei bambini con infezione da HIV.

L'infezione da HIV non è una controindicazione alla vaccinazione contro l'epatite B..

Bambini del primo anno di vita:

Quando si vaccina contro l'epatite Nei bambini del primo anno di vita, vengono utilizzati vaccini che non contengono conservanti.

Le persone temporaneamente esentate dalle vaccinazioni devono essere monitorate e vaccinate dopo la rimozione delle controindicazioni.

Dosaggio e amministrazione

Prima dell'uso, la fiala (fiala) con il vaccino deve essere agitata bene più volte fino a ottenere una sospensione omogenea.

Il vaccino viene somministrato per via intramuscolare:

  • bambini piccoli (1-2 anni) - nella superficie esterna superiore della parte centrale della coscia;
  • adulti, adolescenti e bambini più grandi (più di 2 anni) - nel muscolo deltoide.

I pazienti con disturbi emorragici devono essere somministrati per via sottocutanea..

È vietato somministrare il vaccino per via endovenosa!

Durante la somministrazione del vaccino, assicurarsi che l'ago non penetri nel letto vascolare.

Il farmaco da una bottiglia aperta con 10 dosi di vaccino deve essere conservato a una temperatura di 2-8 ºС e utilizzato per un giorno.

Una singola dose del vaccino è:

  • per bambini da 1 anno di età, adolescenti e persone di età inferiore a 19 anni - 0,5 ml (10 mcg HBsAg),
  • per persone di età superiore ai 19 anni - 1 ml (20 mcg HBsAg).

La vaccinazione contro l'epatite virale B, precedentemente non vaccinata e non a rischio, viene effettuata in conformità con il Calendario nazionale delle vaccinazioni preventive della Federazione Russa e il calendario delle vaccinazioni preventive secondo le indicazioni epidemiologiche (Ordine del Ministero della Salute della Russia del 21 marzo 2014 n. 125n) secondo lo schema 0-1 -6 (1a dose al momento dell'inizio della vaccinazione, 2a dose - 1 mese dopo l'introduzione della 1a dose, 3a dose - 6 mesi dopo l'introduzione della 1a dose).

Bambini a rischio (nati da madri HBsAg che hanno l'epatite B virale o che hanno avuto l'epatite B virale nel terzo semestre di gravidanza, che non hanno screening per i marcatori dell'epatite B che usano droghe o sostanze psicotrope, da famiglie che hanno La vaccinazione con HBsAg o paziente con epatite virale acuta B ed epatite virale cronica viene effettuata secondo lo schema 0-1-2-12 (1a dose al momento dell'inizio della vaccinazione, 2a dose 1 mese dopo la 1a dose, 3 la 2a dose dopo 2 mesi dopo l'introduzione della 1a dose, la 4a dose - dopo 12 mesi dopo l'introduzione della 1a dose).

Le persone di contatto con i focolai della malattia che non erano malate, non vaccinate e che non avevano informazioni sulle vaccinazioni preventive contro l'epatite virale B devono essere vaccinate secondo lo schema 0-1-6.

Anche le vaccinazioni contro l'epatite B secondo lo schema 0-1-6 sono soggette a:

  • bambini e adulti ricevono regolarmente sangue e i suoi preparati;
  • pazienti oncoematologici;
  • operatori sanitari a contatto con il sangue dei pazienti;
  • Persone impegnate nella produzione di preparati immunologici da sangue donato e placentare;
  • studenti di istituti medici e studenti di istituti di istruzione medica secondaria (principalmente laureati);
  • persone che iniettano droghe.

Ai pazienti sottoposti a trattamento di emodialisi, il vaccino viene somministrato quattro volte secondo lo schema: 0-1-2-6 o 0-1-2-3 in una dose di doppia età.

Le persone non vaccinate che sono venute a contatto con materiale infetto dal virus dell'epatite B vengono vaccinate secondo il programma 0-1-2. Contemporaneamente al primo vaccino, si raccomanda di somministrare per via intramuscolare (in un altro posto) un'immunoglobulina umana contro l'epatite B alla dose di 100 ME (bambini di età inferiore a 10 anni) o 6-8 UI / kg (altre età).

Ai pazienti non vaccinati che sono programmati per sottoporsi a interventi chirurgici si consiglia di vaccinare un giorno prima dell'intervento secondo lo schema 0-7-21 giorni.

Effetti collaterali

Classificazione dell'incidenza degli effetti collaterali dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS):

Rivaccinazione dell'epatite B (B): è necessario, programma, controindicazioni

La rivaccinazione dell'epatite B è un metodo comune ed efficace che aiuta a prevenire l'infezione da una malattia pericolosa..

Nella maggior parte dei casi, il vaccino viene somministrato durante l'infanzia. Tuttavia, i motivi della vaccinazione possono verificarsi anche in un adulto.

Secondo le statistiche, le persone in età giovane e matura sono più sensibili ai virus rispetto ai bambini. Ciò è dovuto al fatto che rifiutano le vaccinazioni.

Per non perdere tempo, vale la pena sapere in base a quale programma viene effettuata la vaccinazione, quali farmaci vengono utilizzati per questo, cosa può essere se si rifiuta la procedura.

Cos'è

Rivaccinazione: nuova somministrazione del farmaco, che consente al corpo umano di sviluppare un'immunità stabile alla malattia.

Viene eseguito per le persone che sono state precedentemente vaccinate. La particolarità è che i farmaci vengono introdotti sistematicamente nel corpo.

Vale la pena notare che non è necessario rivaccinare regolarmente. La vaccinazione viene effettuata per un adulto a volontà e anche a condizione che non vi siano restrizioni.

Tuttavia, va ricordato che la procedura è obbligatoria per la categoria di persone a rischio.

Perché ho bisogno?

Per ridurre al minimo i rischi di infezione da epatite, si raccomanda a tutti di eseguire la procedura.

La vaccinazione sistematica obbligatoria deve essere effettuata dagli operatori sanitari, poiché aumenta la probabilità di diffusione del virus a seguito del contatto con pazienti infetti, quando si utilizzano strumenti non sterili o durante una trasfusione di sangue.

Tutti i dipendenti delle organizzazioni mediche sono sottoposti a rivaccinazioni pianificate non solo per l'epatite, ma anche per altre malattie infettive..

La vaccinazione è obbligatoria anche per gli specialisti che, grazie alle loro attività professionali, interagiscono costantemente con la popolazione. Questi possono essere assistenti sociali o servizi pubblici..

Anche le persone dell'industria farmaceutica o alimentare sono a rischio..

Se c'è un deterioramento della situazione epidemiologica, è anche necessario vaccinare gli insegnanti e gli insegnanti dell'asilo.

I seguenti gruppi di persone sono adatti per la rivaccinazione obbligatoria:

  • spesso in contatto con persone infette;
  • pazienti durante misure preparatorie per intervento chirurgico;
  • sottoposti a emodialisi;
  • detenzione a lungo termine;
  • persone che agiscono regolarmente come donatori;
  • dipendenza da droghe;
  • personale militare.

Alla domanda se è necessaria la rivaccinazione, la maggior parte degli specialisti risponde in modo inequivocabile in modo positivo, poiché questa è l'unica misura efficace per proteggere il corpo dal virus e dalle conseguenze dell'infezione.

Programma di rivaccinazione generale

La rivaccinazione è necessaria per mantenere l'immunità al livello adeguato. Questo, a sua volta, aiuta a mantenere la quantità ottimale di anticorpi antivirali che possono prevenire l'infezione..

Al fine di prevenire la vaccinazione contro l'epatite B, si raccomanda di ripristinare i parametri da 20 anni.

Un adulto dovrebbe essere vaccinato secondo le scadenze stabilite, ovvero ogni 10-15 anni fino al compimento dei 55 anni. In presenza di indicazioni speciali, il vaccino è raccomandato anche per le persone anziane..

Se una persona ha un rischio maggiore, la rivaccinazione viene eseguita ogni 5-7 anni.

Dopo quanti anni devi ripetere la vaccinazione, dipenderà dal programma di vaccinazione utilizzato..

Nella maggior parte dei casi, gli specialisti preferiscono un programma standard, che include tre vaccinazioni sia in un paziente adulto che in un bambino. La vaccinazione viene eseguita secondo il piano 0-1-6. In altre parole, il secondo vaccino viene somministrato un mese dopo il primo e il terzo - dopo 6 mesi.

In alcuni casi, la rivaccinazione viene eseguita secondo lo schema accelerato, che prevede l'uso di 4 vaccini. I primi tre lo fanno con un intervallo di 30 giorni e il quarto - 12 mesi dopo la prima vaccinazione.

Se è necessaria la creazione immediata della protezione immunitaria, i medici preferiscono un regime di rivaccinazione di emergenza.

Le indicazioni per questa tecnica sono trasfusioni di sangue, chirurgia d'emergenza o emodialisi, che si spostano in una regione in cui sono registrati focolai di epatite.

Tre vaccinazioni vengono somministrate a intervalli di una e tre settimane dal momento della vaccinazione iniziale e la quarta viene somministrata un anno dopo la prima iniezione.

Quali vaccini vengono utilizzati

Esistono diverse varietà di droghe.

Prima generazione

Le soluzioni contengono microrganismi vivi di virus. Sono indeboliti artificialmente. Il vaccino può contenere un virus vitale che non è in grado di muoversi autonomamente.

Seconda generazione

La soluzione contiene esotossine innocue del virus.

Terza generazione

Questo è un tipo di vaccino ricombinante in cui sono presenti antigeni virali. Non sono pericolosi per il corpo umano. Dopo che sono entrati nel corpo, vengono prodotti anticorpi che riducono la suscettibilità all'epatite..

Attualmente, per la rivaccinazione sono stati utilizzati fondi di 3a categoria.

La procedura viene eseguita utilizzando farmaci come:

In un'ampolla, possono esserci 0,5-1 ml dell'antigene del virus. Il dosaggio minimo viene somministrato ai bambini, per un adulto viene prescritta un'iniezione da 1 ml.

Con che frequenza vengono effettuate le vaccinazioni per gli operatori sanitari

In questo caso, gli specialisti aderiscono a un programma appositamente progettato. Le vaccinazioni iniziano a essere somministrate senza fallo da 18 a 55 anni. Quando una persona arriva al lavoro, viene immediatamente vaccinata se la procedura non è stata eseguita in precedenza e anche in assenza di controindicazioni.

Il re-siero deve essere somministrato a intervalli regolari ogni sette anni. La frequenza dei vaccini booster può variare..

Controindicazioni alla vaccinazione

Ci sono alcune situazioni in cui l'impostazione di un vaccino contro l'epatite può solo danneggiare ulteriormente il corpo umano. Per questo motivo, il paziente deve sottoporsi a una visita medica prima della vaccinazione..

Le principali restrizioni per la rivaccinazione includono:

  • fascia d'età superiore ai 55 anni;
  • epatite acuta;
  • processi patologici di natura infiammatoria;
  • immunodeficienza;
  • una tendenza a sviluppare una reazione allergica;
  • intolleranza individuale ai componenti che compongono il farmaco;
  • tarda gravidanza.

La procedura dovrebbe essere rinviata se ci sono segni del decorso di qualsiasi processo infettivo. Una limitazione è febbre alta, deterioramento generale della salute, mal di testa, sintomi di intossicazione alimentare.

Possibili conseguenze

Sebbene il vaccino contro l'epatite B sia facilmente tollerato dall'uomo, può causare effetti collaterali. I più comuni includono iperemia nel sito di iniezione, formazione di un piccolo sigillo, spiacevole disagio.

Fino al 5% dei casi, la rivaccinazione può essere accompagnata da febbre, debolezza generale, sudorazione intensa, diarrea, mal di testa, prurito.

In un piccolo numero di pazienti, la vaccinazione ha causato complicazioni come eruzione cutanea, dolori muscolari e articolari, orticaria, formazione di eritema nodulare.

Quali conseguenze possono essere se non fare la rivaccinazione

La mancata somministrazione del vaccino aumenta la probabilità di infezione. Di conseguenza, il sistema immunitario si indebolisce, la cirrosi e il carcinoma possono iniziare a svilupparsi..

Il paziente dovrà seguire una certa dieta. A volte l'infezione è fatale.

Conclusione

La rivaccinazione dell'epatite B è una procedura che prevede l'introduzione di una soluzione sierica, che consente di ridurre la sensibilità del corpo alle infezioni e rafforzare le funzioni protettive.

Le vaccinazioni sono obbligatorie per le persone a rischio. La frequenza con cui è necessaria una procedura dipenderà dalle caratteristiche della persona e dalle prove disponibili.

Tutto quello che devi sapere sul vaccino contro l'epatite B.

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Contro la quale viene vaccinata l'epatite

Oggi è possibile vaccinare contro due tipi di epatite - A e B. Entrambe le forme sono virali. L'epatite A può essere tranquillamente definita una "malattia delle mani sporche", perché Viene trasmesso attraverso i contatti domestici. E l'epatite B viene trasmessa solo attraverso il sangue. Non pensare che solo elementi declassati della società o tossicodipendenti possano essere infettati. La dose infettiva di sangue è molto piccola, una goccia è sufficiente per l'infezione, che rimane sull'ago della siringa dopo l'iniezione. Il virus persiste anche in gocce di sangue essiccate sul tessuto per due settimane. L'epatite A è relativamente sicura, si presta bene alla terapia e non dà complicazioni. E l'epatite B è pericolosa proprio a causa delle sue complicanze: cirrosi e cancro al fegato..

La vaccinazione contro l'epatite B in Russia è dovuta all'ampia diffusione della malattia, che ha già acquisito il carattere di un'epidemia. La vaccinazione previene l'ulteriore diffusione dell'infezione, riduce il numero di infetti e previene complicazioni tardive e gravi sotto forma di cirrosi e cancro al fegato.

È richiesta la vaccinazione?

Ad oggi, qualsiasi vaccinazione non è obbligatoria, anche contro l'epatite B, secondo le disposizioni della Carta internazionale. La decisione di vaccinare o rifiutare viene presa solo dal paziente. Il personale medico delle istituzioni mediche può solo raccomandare la vaccinazione contro questa malattia.

Tuttavia, per alcuni gruppi di persone a rischio di infezione da epatite B, è necessaria la vaccinazione. Questi sono dipendenti di istituti sanitari, assistenti sociali, educatori, tate - tutte le persone che, di turno, interagiscono molto spesso con persone e vari fluidi corporei (sangue, urine, feci, saliva, sudore, sperma, lacrime, ecc.). La vaccinazione può essere annullata se nel sangue viene rilevata una quantità sufficiente di anticorpi contro la patologia. Nel 2002, il Ministero della Salute russo ha introdotto il vaccino contro l'epatite B nell'elenco degli obbligatori per i bambini.

È necessario il vaccino contro l'epatite B.?

Nel mondo moderno c'è un dibattito sulla necessità di vaccinazioni in linea di principio, anche contro l'epatite B. Ci sono sostenitori ardenti e non meno ardenti oppositori della vaccinazione. Nella maggior parte dei casi, gli oppositori non sono medici, biologi, genetisti molecolari o virologi, quindi hanno una conoscenza molto superficiale dell'argomento.

C'è una discussione nella comunità medica sulle vaccinazioni, ma si riferisce alla domanda se tutti i bambini dovrebbero essere affrontati con un unico calendario. In effetti, in alcuni casi, è meglio rimandare la vaccinazione e spenderla in un momento più favorevole. A sostegno delle loro conclusioni sulla necessità di un approccio flessibile al programma di vaccinazione, i medici spesso forniscono esempi del verificarsi di gravi complicanze che si sono sviluppate dopo la vaccinazione in un periodo di tempo sfavorevole. I non professionisti, ispirati a denunciare il proprio danno, estraggono questi casi dal contesto e forniscono informazioni come prova concreta del danno della vaccinazione. Tuttavia, nessuno dei medici e dei virologi dubita della necessità di vaccinazioni..

In questo contesto, capiremo perché vengono vaccinati contro l'epatite B. In primo luogo, la diffusione dell'epatite in Russia è diventata un'epidemia e, in secondo luogo, la malattia tende a diventare cronica e causare gravi complicazioni a lungo termine sotto forma di cirrosi e cancro al fegato. Tutto ciò porta alla disabilità e alla mortalità precoce. I bambini che vengono infettati dall'epatite diventano quasi sempre cronici. Le persone pensano che i loro figli non saranno in grado di infettarsi - dopo tutto, sono cresciuti in una famiglia completamente prospera, non usano droghe e non si intersecano con il sangue da nessuna parte. Questo è un errore pericoloso. I bambini entrano in contatto con il sangue, ad esempio, in una clinica. Ricordi se l'infermiera indossa nuovi guanti sterili per la raccolta del sangue? E in una scuola materna, un bambino può colpire, combattere, qualcuno morde un bambino - questo è il contatto con il sangue. Ci sono siringhe e molti altri oggetti che giacciono sulla strada, che il bambino raccoglie ed esamina, e spesso gli tira in bocca - solo per curiosità. Pertanto, la vaccinazione contro l'epatite B sembra essere abbastanza buona..

Quanto è valido?

Secondo studi scientifici, l'immunità contro l'epatite B persiste per 22 anni, soggetta a vaccinazione durante l'infanzia. A volte in questa categoria di persone gli anticorpi contro il virus dell'epatite B non si trovano nel sangue, ma ciò non indica che è necessaria una nuova vaccinazione. È solo che non è sempre possibile catturare l'esatto campione di sangue che contiene anticorpi.

Secondo le conclusioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, la durata media dell'immunità attiva contro l'epatite B dopo la vaccinazione dura 8 anni. In Russia non esistono metodi e criteri sviluppati per la vaccinazione, ma l'OMS raccomanda lo screening 5 anni dopo la vaccinazione. Se viene rilevata una quantità sufficiente di anticorpi contro l'epatite B nel sangue (più di 10 UI / ml), il ciclo di vaccinazione può essere posticipato di almeno un anno. In generale, l'OMS raccomanda un vaccino contro l'epatite B in 5–7 anni. Tuttavia, per molte persone, l'immunità contro l'epatite B può rimanere per tutta la vita anche dopo un singolo ciclo..

Composizione e produzione di vaccini

Oggi vengono utilizzati i vaccini ottenuti utilizzando tecnologie di ingegneria genetica. Per questo, un gene che codifica la produzione di una proteina specifica, HbsAg, viene eliminato dal genoma del virus dell'epatite B. Quindi, usando i metodi della biologia molecolare, il gene della proteina virale viene inserito nel genotipo delle cellule di lievito. Nel processo di sintesi delle proprie proteine, la cellula di lievito produce anche HBsAg, che è chiamato antigene australiano. Quando la coltura cellulare si moltiplica, avendo accumulato una quantità sufficientemente grande di HBsAg, la sua crescita viene interrotta, rimuovendo il mezzo nutritivo. Tecniche chimiche speciali isolano la proteina virale e la puliscono dalle impurità.

Dopo l'isolamento della proteina virale pura, è necessario applicarla su un trasportatore, che è l'idrossido di alluminio. L'idrossido di alluminio è insolubile in acqua, quindi dopo che il vaccino è stato introdotto nel corpo, rilascia le proteine ​​virali in porzioni, non tutte in una volta - il che consente di sviluppare l'immunità all'epatite B e non solo di distruggere un agente estraneo debole. Oltre all'antigene australiano e all'idrossido di alluminio, il vaccino contiene una quantità minima di conservante - mertiolato, che consente di mantenere l'attività del farmaco.

Oggi, tutti i vaccini contro l'epatite B vanno in questo modo e sono chiamati ricombinanti. Una caratteristica distintiva dei vaccini ricombinanti è la completa sicurezza e la capacità in tutti i casi di portare alla formazione di immunità di alta qualità all'epatite B.

I vaccini possono contenere 10 o 20 mcg di antigene australiano. Ciò è dovuto al fatto che i bambini hanno bisogno di una dose inferiore per formare l'immunità. Pertanto, fino a 19 anni, vengono vaccinati con un vaccino contenente 10 μg di antigene australiano e dai 20 anni di età - 20 μg. Per le persone che sono inclini ad allergie o ipersensibilità, ci sono vaccini con 2,5 o 5 microgrammi di antigene australiano per l'uso nei bambini e 10 microgrammi per l'uso negli adulti.

Quali vaccini vengono utilizzati oggi ed è possibile cambiarli??

Oggi in Russia per la vaccinazione contro l'epatite B, vengono utilizzati diversi vaccini prodotti da società farmaceutiche straniere e domestiche. Tutti hanno la stessa composizione e le stesse proprietà. Pertanto, è possibile vaccinare uno di essi.

Per sviluppare un'immunità a tutti gli effetti dall'epatite B, sono necessarie tre vaccinazioni. Spesso le persone pensano che se il primo vaccino è stato somministrato con un vaccino, tutti i successivi devono essere eseguiti allo stesso modo. Questo non è vero. Tutti i produttori producono il farmaco con le stesse caratteristiche, che consente di sostituirli tra loro senza alcun effetto negativo sulla formazione dell'immunità contro l'epatite B. Ciò significa che il primo vaccino può essere somministrato con un vaccino, il secondo con un altro e il terzo con un terzo. È importante mettere tutte e tre le vaccinazioni per formare un'immunità a tutti gli effetti.
I seguenti vaccini contro l'epatite B sono disponibili in Russia:

  • Lievito ricombinante con vaccino contro l'epatite B (produzione - Russia);
  • Regevak V (Russia);
  • Eberbiovac (Cuba);
  • Euwax B (Corea del Sud);
  • Angerix B (Belgio);
  • H-B-Vax II (USA);
  • Shanwak (India);
  • Biowak (India);
  • Serum Institute (India).

In Russia, il tipo di virus dell'epatite B ayw è più comune, contro il quale è stato creato il farmaco Regenvak B. Tutti i vaccini sono efficaci, ma questo è mirato specificamente contro il tipo più comune di virus nel paese.

Oltre ai vaccini di cui sopra, ci sono farmaci domestici combinati contro l'epatite B: Bubo - M e Bubo - Kok. Bubo-M contro epatite B, difterite e tetano e Bubo-Kok contro epatite B, difterite, tetano e tosse convulsa. Esiste anche un vaccino contro l'epatite A e B prodotto da Smith Kline..

Dove viene somministrato il vaccino??

Il vaccino contro l'epatite B viene iniettato nel muscolo. Non è possibile inserire la sostanza per via sottocutanea, poiché ciò ridurrà significativamente la sua efficacia e porta alla formazione di compattazione. Negli Stati Uniti, per errore o negligenza, un vaccino introdotto sotto la pelle non è considerato efficace: viene annullato e dopo qualche tempo l'iniezione viene ripetuta. Questo approccio è spiegato dal fatto che solo quando viene introdotta nel muscolo l'intera dose entra nel flusso sanguigno e provoca una risposta immunitaria della forza adeguata.

Di solito, i bambini piccoli fino a 3 anni, compresi i neonati, vengono vaccinati nella coscia. Ai pazienti più anziani viene somministrato un vaccino nella spalla. Questa scelta del luogo di somministrazione è dovuta al fatto che i muscoli della coscia e della spalla sono ben sviluppati e si adattano vicino alla pelle. Non dovresti essere vaccinato nei glutei, poiché lo strato di grasso sottocutaneo è ben sviluppato e il muscolo si trova in profondità ed è più difficile ottenerlo. Inoltre, un'iniezione nei glutei è associata a un rischio di danni ai vasi sanguigni e ai nervi..

Vaccino contro l'epatite B - istruzioni

Viene fatta un'iniezione nel muscolo della spalla o della coscia, ma non nel gluteo.

Oggi sono disponibili i seguenti schemi di vaccinazione contro l'epatite B:
1. Standard - 0 - 1 - 6 (la prima vaccinazione, la seconda - dopo un mese, la terza - dopo 6 mesi). Lo schema più efficace.
2. Veloce - 0 - 1 - 2 - 12 (la prima vaccinazione, la seconda - dopo un mese, la terza - dopo 2 mesi, la quarta - dopo un anno). L'immunità si sviluppa rapidamente, lo schema viene utilizzato per vaccinare le persone che hanno un alto rischio di infezione da epatite B..
3. Emergenza - 0 - 7 - 21 - 12 (la prima vaccinazione, la seconda dopo 7 giorni, la terza dopo 21 giorni, la quarta dopo 12 mesi). Tale vaccinazione viene utilizzata per sviluppare molto rapidamente l'immunità, ad esempio prima dell'intervento chirurgico.

Se una persona non viene vaccinata, il tempo della prima iniezione può essere scelto arbitrariamente, ma è necessario seguire lo schema selezionato. Se il secondo vaccino viene perso e sono trascorsi più di 5 mesi, lo schema viene riavviato. Se la terza iniezione viene persa, ricorrere allo schema 0 - 2: mettere una iniezione e due mesi dopo la seconda, dopo di che il corso è considerato completamente finito. Se una persona ha iniziato l'immunizzazione più volte e ha fatto due vaccinazioni, a seguito dell'accumulo di tre iniezioni, il corso è considerato completo - non è necessario aggiungere altro. Dopo una singola iniezione, l'immunità contro l'epatite si forma solo per un breve periodo di tempo ed è necessaria una serie di tre iniezioni per la formazione dell'immunità a lungo termine.

È necessario rispettare i tempi delle vaccinazioni. In casi estremi, l'intervallo tra le iniezioni può essere allungato, ma non ridotto, poiché ciò porterà alla formazione di immunità difettosa, specialmente nei bambini.

Secondo vaccino contro l'epatite B.

Spesso, per vari motivi, le persone non ricevono una seconda vaccinazione contro l'epatite B, ma dopo un po 'ritornano a questa domanda. Secondo gli standard adottati in Russia, se dopo la prima vaccinazione sono trascorsi più di 5 mesi per gli adulti e più di 3 mesi per i bambini di età inferiore ai 19 anni, è necessario ricominciare da capo l'intero schema - 0 - 1 - 6. Cioè, scegliere l'orario e somministrare il vaccino sarà considerato per primo.

Tuttavia, gli standard internazionali propongono semplicemente di continuare il ciclo di vaccinazione e di inserire il secondo: una persona sarà in grado di farlo senza riavviare l'intero schema. In questo caso, il terzo vaccino viene somministrato non prima di un mese dopo il secondo.

Vaccinazione durante la gravidanza e l'allattamento

È meglio che una donna pianifichi una gravidanza e prima di concepire un bambino, farà tutte le vaccinazioni, inclusa l'epatite B, e curerà tutte le malattie disponibili. Studi sperimentali non hanno rivelato un effetto negativo dei vaccini contro l'epatite B sul feto. Ma per ovvie ragioni, non sono stati condotti studi sull'uomo. Pertanto, i medici e i virologi raccomandano di non vaccinare durante la gravidanza, poiché ci sono rischi inspiegabili. Questa procedura è consentita solo in casi estremi - ad esempio, se è necessario trovarsi nella zona epidemica dell'epatite B, ecc. In linea di principio, il Ministero della Salute russo non ha incluso la gravidanza nell'elenco delle controindicazioni per la vaccinazione contro l'epatite B..

Il periodo dell'allattamento al seno è abbastanza adatto per la vaccinazione contro l'epatite B. Non fa alcun danno al bambino - al contrario, una parte degli anticorpi contro l'epatite con il latte materno entra nel corpo del bambino, creando immunità contro l'infezione e il bambino. Ricorda che un bambino con latte riceve tutti gli anticorpi disponibili nel corpo della madre..

Vaccinazione per neonati in ospedale

Il vaccino contro l'epatite B viene somministrato ai neonati entro 12 ore dalla nascita. In questo caso, ci sono due schemi: per i bambini che hanno un alto rischio di infezione e per i bambini con il solito rischio di infezione. Un alto rischio di infezione è determinato dalle seguenti circostanze:

  • la madre del bambino ha un virus nel sangue;
  • la madre del bambino soffre di epatite B o è stata infettata entro 24-36 settimane dalla gravidanza;
  • madre non testata per l'epatite B;
  • la madre o il padre del bambino usa droghe;
  • bambini i cui parenti hanno portatori e pazienti con epatite.

Questo gruppo di neonati viene vaccinato secondo il seguente programma:
  • 1 vaccinazione - 12 ore dopo la nascita;
  • 2 vaccinazioni - in 1 mese;
  • il terzo - in 2 mesi;
  • il quarto - in 1 anno.

Tutti gli altri bambini vengono vaccinati secondo un altro schema, che include solo tre vaccinazioni:
  • entro 12 ore dalla nascita;
  • tra 1 mese;
  • sei mesi.

Molte puerperas non vogliono essere vaccinate e considerano l'ittero neonatale una controindicazione. Questo è fondamentalmente sbagliato, poiché l'ittero neonato non è dovuto alla patologia epatica, ma all'aumentata scomposizione di una grande quantità di emoglobina. Con la scomposizione dell'emoglobina, si forma la bilirubina, che dà colore giallo alla pelle. Il vaccino contro l'epatite B non è un onere aggiuntivo per il fegato del neonato e non aumenta il periodo di ittero.

Le vaccinazioni sono controindicate nelle seguenti categorie di neonati:

  • la madre è altamente allergica al lievito di panetteria (questo si manifesta come allergia ai prodotti da forno, birra, kvas, ecc.);
  • peso eccessivamente piccolo del bambino (meno di 2 kg);
  • segni di immunodeficienza primaria.

Né le nascite difficili, né l'estrazione del vuoto fetale, né l'applicazione di una pinza ostetrica, né l'asfissia sono controindicazioni per la vaccinazione contro l'epatite B. Le giovani madri, che vogliono proteggere il bambino, in tali situazioni dicono che il bambino è già ferito e deve essere esposto carico extra! Dovrebbe essere fatta una distinzione tra una vaccinazione che attiva il sistema immunitario e il trauma causato dal parto. Questi sono due processi completamente diversi e la mancanza di vaccinazione non aiuterà il bambino a riprendersi più velocemente dopo una lesione alla nascita. Al contrario, l'attivazione dell'immunità può contribuire a un ripristino più rapido della normale struttura dei tessuti e delle strutture danneggiate durante il travaglio.

Testimonianze di giovani madri in merito ai vaccini contro l'epatite B Nei neonati, spesso si decide se vaccinare il loro bambino. Questo approccio è fondamentalmente sbagliato. Questa decisione dovrebbe essere presa in anticipo, considerando tutti i suoi pro e contro, poiché la donna nel reparto maternità è estremamente emotivamente labile, esposta a storie di tutti i tipi di orrori e sventure causate dalla vaccinazione. Inoltre, viene imposta l'eccitazione della nascita imminente, che non ci consente di valutare adeguatamente la situazione.

Le recensioni sulle vaccinazioni somministrate all'ospedale di maternità sono spesso negative in generale, il che è associato a un forte rifiuto del processo stesso. Molte madri, avendo visto pubblicità felici di bambini piccoli simili agli angeli dei dipinti di grandi artisti del Rinascimento, si aspettano che il loro neonato appaia esattamente così. Sfortunatamente, questo è un malinteso pericoloso, poiché il neonato medio ha una pelle brutta, spesso gialla, occhi edematosi gonfi, una testa e uno stomaco enormi combinati con piccole gambe. Un simile "girino" è tutt'altro che l'ideale del manifesto, quindi molte donne hanno immediatamente l'idea che il loro bambino sia malato, ha ricevuto numerose ferite alla nascita, deve essere curato e curato, e non essere tormentato dalle vaccinazioni di una creatura già indebolita! È proprio a causa di questa dissonanza tra l'immagine ideale disegnata nell'immaginazione e la realtà che c'è un netto rifiuto di tutte le azioni dei medici che possono causare dolore al bambino - comprese terribili iniezioni con un vaccino, che causerà anche una reazione sotto forma di attivazione dell'immunità.

Revisioni adeguate delle vaccinazioni che rispecchino la realtà nell'ospedale di maternità sono pochissime. Le emozioni non sono il miglior assistente nel prendere decisioni importanti. Principalmente le revisioni si concentrano sul rifiuto delle azioni del personale, sul desiderio di rifiutare la vaccinazione e sulla discussione reciproca di ipotetici danni. Spesso, le madri attribuiscono una sorta di patologia del bambino alle vaccinazioni, che le mette fortemente contro. Tuttavia, tali conclusioni sono errate, poiché una persona non è una creatura primitiva, ma la causa di molte malattie è una gravidanza difficile, una nascita non pianificata di un bambino, una cattiva alimentazione di una madre, lesioni alla nascita e altri fattori che non sono correlati a questa procedura. È impossibile trovare un fattore che spieghi tutte le possibili malattie del bambino.

Le donne incinte dovrebbero seguire i seguenti suggerimenti: scoprire quale vaccino viene utilizzato nel proprio ospedale, visualizzare le annotazioni per esso, parlare con i medici e determinare il meglio per te. Se non ti piace il vaccino, è meglio rifiutarlo all'ospedale di maternità. Quindi, dopo la dimissione, puoi vaccinare il bambino in qualsiasi luogo in cui sia disponibile il farmaco di cui hai bisogno. Quando il bambino viene assunto per la vaccinazione, andare con un'infermiera e assicurarsi che i guanti siano sterili, indossati immediatamente prima della procedura, aghi e siringhe siano usa e getta. Si prega di notare che l'infermiere non mescola due vaccini in una siringa, poiché questa violazione porta all'inefficienza di uno dei due: la procedura dovrà essere rifatta.

Perché è così importante vaccinare un neonato - video

Vaccinazioni contro l'epatite B per i bambini

Se il bambino non è stato vaccinato all'ospedale di maternità, l'immunizzazione dell'epatite B può essere avviata a qualsiasi età. Se il bambino è spesso di più - questo non è un motivo per rifiutare la vaccinazione, ma è necessario iniziare lo schema 2 settimane dopo il prossimo raffreddore. Anche se hai il naso che cola o la tosse, puoi essere vaccinato..

I bambini vengono vaccinati secondo due schemi:
1. Per i bambini ad alto rischio di infezione.
2. Per i bambini a basso rischio di infezione.

Se c'è un parente - il corriere dell'epatite B, il bambino ha un alto rischio di infezione. Lo schema funziona per loro - 0 - 1 - 2 - 12. Pertanto, il primo vaccino viene somministrato per primo, dopo un mese il secondo, dopo due - il terzo e dopo un anno - il quarto.

Per i bambini a basso rischio di infezione, usano lo schema - 0 - 1 - 6: la prima vaccinazione, la seconda dopo un mese, la terza dopo 6 mesi.

Se il bambino è stato vaccinato nell'ospedale di maternità, ma il secondo no, e sono trascorsi più di tre mesi, il ciclo di vaccinazione dovrà ricominciare. Ciò significa che l'iniezione sarà considerata la prima vaccinazione..

Vaccino contro l'epatite B negli adulti

Controindicazioni

Il vaccino contro l'epatite B è controindicato solo per le persone allergiche al lievito di panetteria. Questo di solito si esprime in una reazione allergica a tutti i prodotti da forno e pasticceria, kvas, birra, ecc. Se non c'è allergia, ma c'è stata una forte reazione all'iniezione precedente, la dose successiva non viene somministrata. Reazioni allergiche ad altri antigeni, la diatesi non sono controindicazioni, ma in questo caso l'allergologo deve scegliere il momento giusto per la procedura.

È necessario astenersi dalla vaccinazione durante un raffreddore acuto o altre malattie infettive, fino al completo recupero. Dopo la meningite, tutte le vaccinazioni vengono ritardate di sei mesi. In presenza di gravi malattie, viene scelto il momento della vaccinazione, poiché la patologia di altri organi e sistemi non è una controindicazione per la vaccinazione..

Il rilevamento del virus dell'epatite B nel sangue non è una controindicazione per la vaccinazione, che in questa situazione sarà semplicemente inutile. Attenzione e sotto stretto controllo, somministrare il vaccino a persone con malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, sclerosi multipla, ecc.).

Risposta al vaccino

Il vaccino contro l'epatite B è molto lieve, cioè è facilmente tollerabile. In generale, il vaccino provoca risposte nel sito di iniezione, che includono:

  • arrossamento;
  • piccolo nodulo;
  • sensazione spiacevole nel sito di iniezione durante movimenti rapidi e intensi.

Queste reazioni sono principalmente dovute alla presenza di idrossido di alluminio e si sviluppano in circa il 10-20% degli individui.
Un vaccino contro l'epatite B nell'1-5% delle persone provoca le seguenti reazioni:
  • aumento della temperatura;
  • malessere generale;
  • debole debolezza;
  • diarrea;
  • sudorazione
  • prurito o arrossamento della pelle;
  • mal di testa.

Tutte le reazioni alla vaccinazione possono formarsi entro 1–2 giorni dopo l'iniezione, dopodiché scompaiono dopo altri 1-2 giorni.

Sono descritti casi isolati di gravi reazioni alla vaccinazione, che sono considerate complicanze:

  • orticaria;
  • eruzione cutanea;
  • dolori muscolari o articolari;
  • eritema nodoso.

Oggi l'efficacia del vaccino è così alta che i produttori vanno a dosaggi più bassi e alla completa esclusione dei conservanti, che può anche minimizzare ulteriormente le reazioni avverse.

complicazioni

Le seguenti condizioni sono correlate alle complicanze della vaccinazione contro l'epatite:

  • shock anafilattico;
  • orticaria;
  • eruzione cutanea;
  • aggravamento delle allergie alla pasta lievitata.

La frequenza di queste complicanze varia tra 1 caso per 100.000 e 300.000 - cioè questi fenomeni sono molto rari.

Si è sentito spesso che un vaccino contro l'epatite B aumenta il rischio di sclerosi multipla. Uno studio condotto dall'OMS in 50 paesi non ha riscontrato tale dipendenza. Il vaccino contro l'epatite B non ha alcun effetto su alcun disturbo neurologico, senza migliorarli o diminuirli.

Sigillatura dopo la vaccinazione

La formazione di compattazione dopo la vaccinazione è dovuta all'ingresso del vaccino nello strato di grasso sottocutaneo e non nel muscolo. In questo caso, il farmaco viene depositato a lungo nella "riserva", essendo attaccato all'idrossido di alluminio. Tali scorte di vaccini si fanno sentire sotto forma di noduli che sono stretti al tatto e non passano per molto tempo. Ciò è dovuto al fatto che l'afflusso di sangue al tessuto adiposo è basso, quindi il farmaco viene lavato via dalle cellule per molto tempo e l'alluminio porta inoltre allo sviluppo di una reazione infiammatoria. Ecco perché il sigillo persiste fino a quando il farmaco non viene completamente assorbito nel sangue. Non aver paura della reazione infiammatoria all'alluminio, perché è causata da un agente estraneo nel corpo. Insieme al graduale assorbimento del farmaco, viene anche eliminato l'alluminio: l'infiammazione diminuisce e il sigillo si risolve.

In questo caso, pensa che il vaccino sia fatto in modo errato e, possibilmente, l'immunità non si è formata. Quindi è necessario fare un'iniezione del vaccino anziché errata.

Variazione della temperatura corporea

In genere, la temperatura aumenta 6-8 ore dopo l'iniezione, a causa dell'aumentata risposta immunitaria alle particelle virali. In genere, la normalizzazione della temperatura avviene in modo indipendente, per un massimo di tre giorni. Con un aumento superiore a 38,5 o dovrà consultare un medico. In altri casi, non abbassare la temperatura.

In linea di principio, la temperatura per la vaccinazione è rilevata solo da 1 persona su 15. Spesso, il suo aumento è dovuto a fattori esterni sfavorevoli: caldo o freddo estremi in strada, shock nervoso, ecc..

Fare il bagno dopo la vaccinazione

Acqua che entra nel sito di iniezione

Alcol dopo la vaccinazione

Recensioni

Quanto costa la vaccinazione??

Dove ottenere un vaccino contro l'epatite

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.